ASPETTANDO IL PASSAGGIO DI PROPRIETA’ RIVEDIAMO IL BLOB DI TELEDUCATO DELLA MITICA CONFERENZA DI VITTORIO ALBERTINI, IL MEDIATORE DI SANZ…

SI RINGRAZIA TELEDUCATO PER LA CONCESSIONE – RIPRODUZIONE RISERVATA

image(Evaristo Cipriani) – Il Parma in vendita. Acquirenti più o meno credibili, cordate, piste estere, annunci, retromarce, colpi di scena a ripetizione. In questi giorni e in queste ore i tifosi e la città tutta stanno rivivendo il clima del 2005, quando a contendersi la società gialloblu erano l’ex presidente del Real Madrid Lorenzo Sanz e l’imprenditore italo-svizzero Gaetano Valenza, prima che nel gennaio successivo uscisse allo scoperto il nome di Tommaso Ghirardi. Indimenticabile nell’agosto di quella caldissima (in tutti i sensi) estate di 9 anni fa la conferenza stampa del rappresentante dell’immobiliarista spagnolo, ossia lo sconosciuto mediatore Vittorio Albertini, da Solignano, che in una affollatissima sala stampa del Tardini illustrò i progetti sportivi e non della famiglia Sanz: un autentico one man show che aveva lasciato di stucco sia i presenti sia chi seguì da casa la stessa conferenza.
Michele Angella di Teleducato, su quelle intricate e appassionanti vicende, realizzò nell’ottobre di quell’anno, con la collaborazione dei tecnici Sebastian Corradi e Fabrizio Ferrante, una clip di una decina di minuti: un montaggio stile blob per cercare di sdrammatizzare una situazione che si stava facendo pesante, evidenziando le contraddizioni degli attori in scena. Profeticamente la clip si concludeva con la scritta "continua".
L’emittente di via Barilli, che ringraziamo, ci ha messo a disposizione, dal proprio archivio, quel video Evaristo Cipriani (riproduzione riservata. StadioTardini.it ringrazia Teleducato per la concessione)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

52 pensieri riguardo “ASPETTANDO IL PASSAGGIO DI PROPRIETA’ RIVEDIAMO IL BLOB DI TELEDUCATO DELLA MITICA CONFERENZA DI VITTORIO ALBERTINI, IL MEDIATORE DI SANZ…

  • 9 Dicembre 2014 in 18:49
    Permalink

    Ma…che fine ha fatto Albertini?

    • 9 Dicembre 2014 in 18:54
      Permalink

      L’ho incontrato due anni fa al bar della Coop di Collecchio, proprio quello dove Zamagna comunicò al povero Chiastra l’interruzione del suo contratto…

      Adesso Albertini pare faccia il mediatore per Kelimov 🙂

      • 9 Dicembre 2014 in 18:59
        Permalink

        che noi ridiamo e scherziamo ma intanto il fatto quotidiano ha appena riportato nuove indiscrezioni sul possibile interessamento di Kerimov ahahah… mi sembra assurdo che uno come lui ci possa comprare ma continuano a parlarne !

        • 9 Dicembre 2014 in 20:40
          Permalink

          Dai russi aspettati di tutto anche quintalate di kalasnikov nell’emporium

      • 9 Dicembre 2014 in 20:36
        Permalink

        Ha sbagliato personaggio…diglielo deve cercare Jeriniv non Kelinov 😉

      • 9 Dicembre 2014 in 20:38
        Permalink

        Ragionando per assurdo chi sa se Sanz o Valenza sarebbero falliti come il Ghiro!!!
        Pero’ che bei momenti 🙂

      • 10 Dicembre 2014 in 00:17
        Permalink

        E questo “signore” gira ancora a piede libero??? W l’Italia! A sto punto, dato che ho il fondato sentore che la storia della cessione sia tutta una bufala, prepariamoci al fallimento e a ripartire dalla serie D: lì almeno qualche valoroso imprenditore nostrano non avrà grosse difficoltà a investire qualche migliaio di euro, per poi puntare alla risalita fino alla LegaPro in qualche anno. Ormai è chiaro che se vuoi fare calcio di alto livello (serie A e serie B) servono investimenti molto ingenti, proprietà solide e capacità di programmazione sul medio e lungo termine: tutti elementi che qui a Parma abbiamo potuto apprezzare solo durante il primo corso della gestione Ghirardi, prima che arrivasse la disastrosa strategia della pesca a strascico e dei “colpi” di mercato per far abboccare i tifosi. Mi mette molta tristezza veder ripetersi la stessa storia di 8 anni fa, le stesse illusioni, così come la gestione a dir poco grottesca della società da parte della premiata ditta Ghirardi-Leonardi. I tifosi del Parma non meritavano un simile trattamento. Mi scuso per la lunghezza del mio intervento, ma aver rivisto queste immagini mi ha amareggiato molto.

  • 9 Dicembre 2014 in 18:56
    Permalink

    donca ragass comincio a toccarmi i maron glaces o aspetto il pulmann che viene a prendermi davanti casa al cremlino ?

  • 9 Dicembre 2014 in 19:16
    Permalink

    Gabriele, at porti na sfiga da la madona. Lessa lì ed gufer…

      • 9 Dicembre 2014 in 20:38
        Permalink

        Stavolta Sancho Panza ha venduto davvero

  • 9 Dicembre 2014 in 19:17
    Permalink

    Bho….speriamo bene….se ci compreranno davvero (e io lo spero) indipendentemente da quanti soldi avrà il compratore o avranno i compratori l’importante è che abbiano della testa e sappiano comunicare meglio dell’attuale proprietà (anche se ci vuole poco a dir la verità)

  • 9 Dicembre 2014 in 19:17
    Permalink

    Kerimov o no…vogliamo un Malesani bis…ci vuole uno non MOLLO per uscire da questa situazione di classifica!!!!!!

    • 9 Dicembre 2014 in 19:47
      Permalink

      cazo ! 🙂

    • 9 Dicembre 2014 in 20:41
      Permalink

      Malesani mai. Gli sparo io al casello dell’autostrada

  • 9 Dicembre 2014 in 19:28
    Permalink

    Dai non gufate anche voi che se vi va male stavolta si va in lega pro

    • 9 Dicembre 2014 in 19:48
      Permalink

      magari andema a zugher col fiorensola,as rida par crider mighe

  • 9 Dicembre 2014 in 20:30
    Permalink

    Albertini fai un opera buona sparati

  • 9 Dicembre 2014 in 20:43
    Permalink

    Perio’dai Sanz aveva messo gia’ 7 mln e per me rimane inspiegabile il seguito. Anche il buon Angelini ci aveva creduto(e questo gli valse la cacciata)

  • 9 Dicembre 2014 in 20:55
    Permalink

    Ah Majoo, ke stai a dì? Semo in una botte de feroo! Te stamo a portà i mijoniiiii. I voi?
    Ke se nun c’era l’Origarca, te ne potevi anna a scrive per Corrierino da-a Tiburtina e a venne e-bibbiete a Freggene.
    Non devi da rosicà. NUN-DEVI-DA-ROSICARE!!!!! Li mortacci tua! e di ki nun te lo dice….

  • 9 Dicembre 2014 in 21:03
    Permalink

    A me qualcosa non mi torna a parte la follia di acquistare una squadra con le difficoltà e debiti che abbiamo noi. Uomo chiedo:
    – Ghirardi non poteva starmene zitto fino a giochi fatti? Che interesse aveva di dire quella cosa prima della partita? Hanno fatto tutto in silenzio per giorni e se ne esce così senza aver ancora concluso???? Mah
    – com’è pissibile che i giornalisti sanno che giovedì è’ il giorno delle firme ma non sanno chi firmerà???? Questa cosa non è’ strana, di più…..Ghirardi ed il sosia di Vanoli non i pare abbiano detto giovedì si firma.
    Chi a ghe na rida quedra
    Io ho una mano nei maroni e con l’area tocco ferro ma lo sento….. purtroppo me lo sento che andrà tutto a puttane

  • 9 Dicembre 2014 in 21:31
    Permalink

    Majo scusa la domanda, ma sbaglio o Angella in puntata sembrava più sicuro di te sulla cessione del Parma? rispondendo a Boni gli è scappato un mezzo ” ti garantisco che domenica ci sarà la presentazione della nuova proprietà”. avete fonti diverse?

    • 9 Dicembre 2014 in 21:43
      Permalink

      Brancola nel buio come me… E poi è il gioco delle parti…

  • 9 Dicembre 2014 in 22:15
    Permalink

    Gabriele,
    Io, essendo volutamente ignorante in materia, in quanto gli argomenti non mi interessano tanto,non ho capito perché al Brescia non hanno tolto punti ma hanno solo deferito Corioni e società…mi dai ragguagli???
    Thanks

  • 9 Dicembre 2014 in 23:48
    Permalink

    Tv parma dice che la trattativa è in stand bay è Ghirardi li presenta alla squadra…..direttore ma questo sta fuori di testa?tutte le più grandi testate d’italia hanno parlato del passaggio di proprietà che figura fa?

  • 10 Dicembre 2014 in 07:37
    Permalink

    E figa el bagolones Albertini..Giusto x farsi 2 risate andate a rivedervi il video fatto dai boys ai tempi della farsa Sanz…
    http://youtu.be/9ZVI4kQnaXw

  • 10 Dicembre 2014 in 08:16
    Permalink

    Cosa avevo detto? “Cinture allacciate che il giro in giostra non è finito.”
    Ps: noto pure una certa diffidenza delle istituzioni nei nostri confronti (sia chiaro più che meritata).

  • 10 Dicembre 2014 in 08:24
    Permalink

    Ufficiale trattativa saltata, non ci sono le fidejussioni……..
    Adesso pero’ andiamo a carpenedolo a prendere questo pazzo furioso non sa quel che fa……

  • 10 Dicembre 2014 in 08:55
    Permalink

    “Parma, l’accordo c’è. I soldi ancora no”…così titola la Gdp. Oh ragas, il fantasma si Sanz comincia a farmi paura!!! Non è che quell’articolo qui comincia a portare sfiga?

  • 10 Dicembre 2014 in 09:08
    Permalink

    Comunque penso che la trattativa sia in stand by perchè come già detto più volte si dovrebbe chiudere domani,e di conseguenza è in stand by. O mi sbaglio Majo?

  • 10 Dicembre 2014 in 09:09
    Permalink

    Io Albertini l’ho visto una domenica al mercato a Traversetolo

  • 10 Dicembre 2014 in 09:40
    Permalink

    questo qui è completamente impazzito altro che 7 in pagella. ma la cosa che mi stupisce ad oggi non è più il personaggio in se che se questa si rivelasse l’ennesima balla e figura di m… manco più una Enicard per fare benzina gli darebbero, ma la famiglia e Schinelli che gli consentono di continuare a sputtanarsi in questo modo. ma evidentemente non sono meglio di lui.

  • 10 Dicembre 2014 in 09:44
    Permalink

    l’audio FA PENA!!!

  • 10 Dicembre 2014 in 09:46
    Permalink

    Buongiorno Majo, ci avviciniamo al giorno X, ci sono novità? è riuscito a fiutare qualcosa?

  • 10 Dicembre 2014 in 09:47
    Permalink

    non c’è il video della conferenza integrale? che delusione questo video! di questo qui, con tutto il rispetto per chi lo ha montato, non frega niente a nessuno! ci sono milioni di persone pronte a pagare oro pur di rivedere quella conferenza integrale!!!

  • 10 Dicembre 2014 in 09:53
    Permalink

    A vedere il montaggio di quelli di Teleducato mi son coricato per terra dal ridere…ma almeno ho riso un pó dopo questo periodo di tristezza infinita del nostro calcio locale!
    Mi sono anche andato a leggere l’articolo di quando il Ghiro diceva a Lei (Majo) che era un nemico del Parma perché gli aveva fatto causa per arricchirsi! (AHAHAHAH 🙂 ) da che pulpito vien la predica….!
    Buona giornata a tutti!

  • 10 Dicembre 2014 in 10:18
    Permalink

    Concordo con chi scrive che il peggio non è ghirardi che alla fine penso abbia dei seri problemi personali, ma la famiglia, i consulenti (???????? battuta) e i manager che girano intorno a questa pagliacciata. ma io dico…sei già sotto terra che sei lo zimbello dell’europa intera e ti fai prendere per i fondelli rendendoti ridicolo ancora una volta di più?

  • 10 Dicembre 2014 in 10:44
    Permalink

    che bello son ringiovanito di 8 anni in un piccio,auguri prodromici di buone feste a tutti,vado a mettere in moto il pullman per la trasferta col giana erminio ,avanti c’e’ posto
    con il mio nuovo centro di coordinamento della ac parmense clubs

    🙂

  • 10 Dicembre 2014 in 11:10
    Permalink

    CI SIAMO !

  • 10 Dicembre 2014 in 11:11
    Permalink

    fratelli russi Bazhaev

  • 10 Dicembre 2014 in 11:12
    Permalink

    as roma agosto 2013

  • 10 Dicembre 2014 in 11:19
    Permalink

    Aspettiamo domani con calma e gesso, perché io credo e spero che tutte queste voci di tira e molla siano fisiologiche! Il problema della società è ancora una volta LA COMUNICAZIONE, oltre a Majo che è nemico anche delle trattative di cessione 🙂

  • 10 Dicembre 2014 in 11:30
    Permalink

    Ghirardi a Forbes: “Oggi verranno annunciati i nuovi proprietari”…fonte TMW….il conto alla rovescia è cominciato

    • 10 Dicembre 2014 in 15:23
      Permalink

      cosa ci sarebbe di tanto strano?

  • 10 Dicembre 2014 in 11:46
    Permalink

    Salve majo parmalive ha dichiarato che ghirardi intervistato da focus ieri ha dichiararo che in 24 ora ci sarebbe stato il passaggio di propieta` ha conferme a riguardo,,,grazie attendiamo in ansia..lei nn pensa che acqiistando.ora la cordata deve mettere mano al portafoglio nel mercato di gennaio? Avrebbero potuto allungare. Tempi….

  • 10 Dicembre 2014 in 12:02
    Permalink

    Leh! Majo è sparito…dopo il Parma sta a vedere che Majo è andato anche lui! 🙂 🙂

  • 10 Dicembre 2014 in 12:08
    Permalink

    ragazzi fate lavorare il direttore che sta cercando conferme 🙂

  • 10 Dicembre 2014 in 12:20
    Permalink

    si si, quando tace c’è qualcosa che bolle in pentola…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI