BELLE’: “LA FORZA DEL PARMA E’ QUESTA, ANCHE SE E’ DA RIVEDERE IL GOL ANNULLATO, CHE HA PESATO. LA CORDATA RUSSO-CIPRIOTA? SPERIAMO CHE DELLE DUE IN CORSA SIA STATA SCELTA LA MIGLIORE”

image

(gmajo) – Protagonista della nostra video intervista dopo Parma-Lazio 1-2, l’ex capo redattore della Gazzetta di Parma Gian Franco Bellè, appositamente selezionato per commentare le due notizie di giornata: l’annunciato passaggio di proprietà (con annuncio dato personalmente dall’uscente Tommaso Ghirardi a mezzogiorno anche alla squadra) del Parma F.C., e confermato, anche se ci è parso un po’ obtorto collo dall’AD Pietro Leonardi a Sky, prima dell’inizio della gara, quando ha riferito che anche lui, come il resto del gruppo lo ha appreso oggi e che non sapeva nulla, anche perché si sta occupando della parte sportiva) che però non è valso il ritorno alla vittoria, e nemmeno ha evitato la sconfitta, nonostante l’iniziale vantaggio: “La forza di questa squadra è questo, e non basta la buona volontà…”. Bellè, lo conosciamo, non è un mangia-arbitri, per cui, pur riconoscendo la prestazione in chiaro scuro del signor Guida (che ha precedenti specifici pesanti con il Parma). ed ammettendo che il gol di Gobbi probabilmente non andava annullato (le immagini già a caldo dimostrerebbero l’errore dell’assistente e dunque del fischietto), ha ritenuto che abbiano più pesato gli errori dei giocatori del Parma, su due segnature entrambe evitabili.

Molto interessante il dettaglio che ha svelato a StadioTardini.it: “Spero che delle due cordate che erano in competizione sia stata scelta la migliore”, anche se non ci ha svelato quale sarebbe quella battuta dai russo-ciprioti che si sarebbero (aspettiamo le firme, va là…) aggiudicati il club. Ma, il “nonno”, come amabilmente lo chiamiamo noi suoi indegni allievi, ha sottolineato come la notizia del passaggio di mano era nell’aria dopo le recenti dichiarazioni del Sindaco.

E’ presto per trarre già un bilancio sull’era Ghirardi, anche se per il nostro ospite “sei mesi non possono rovinare comunque sette anni con importanti risultati conseguiti”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

64 pensieri riguardo “BELLE’: “LA FORZA DEL PARMA E’ QUESTA, ANCHE SE E’ DA RIVEDERE IL GOL ANNULLATO, CHE HA PESATO. LA CORDATA RUSSO-CIPRIOTA? SPERIAMO CHE DELLE DUE IN CORSA SIA STATA SCELTA LA MIGLIORE”

  • 7 Dicembre 2014 in 17:51
    Permalink

    Indegni cosa? Indegno sarà lui. sul carro quando si vince e “io l’avevo detto” quando si perde. Atteggiamento da chi crede di sapere tutto e figlio “d’arte”…

  • 7 Dicembre 2014 in 17:56
    Permalink

    Importanti risultati conseguiti? Quali? Per me verrà ricordato come il presidente che fece retrocedere due volte il parma in serie b, lasciandolo colmo di debiti e poco più…

  • 7 Dicembre 2014 in 18:09
    Permalink

    Importanti risultati conseguiti…vediamoli….una retrocessione in B con conseguente risalita immediata in A, un sesto posto con ingresso in Europa League mandato a puttane dallo stesso Ghirardi. Questi sarebbero gli importanti risultati conseguiti? Comunque sei mesi di gestione sbagliata possono mandare a monte sette anni di importanti risultati se questi sei mesi portano al quasi fallimento della società!

  • 7 Dicembre 2014 in 18:10
    Permalink

    Maio,calmoski e gessoski 🙂

  • 7 Dicembre 2014 in 18:11
    Permalink

    Belle’ le mei cal vaga in pensio’

      • 7 Dicembre 2014 in 18:27
        Permalink

        alora di cal vaga a zugher a tombola

        • 7 Dicembre 2014 in 19:01
          Permalink

          si mo in tu’n gulash (in SiberJa)
          SALUTO COL PUGNO SARATO SU.

      • 7 Dicembre 2014 in 18:29
        Permalink

        alora le mei cal sera su la bocca…. così evita di dire cazzate

        • 7 Dicembre 2014 in 20:06
          Permalink

          speriamo che vengan su dei giovani coi controcazzi a parlare del parma

  • 7 Dicembre 2014 in 18:16
    Permalink

    Majo bruciato sul calma e gesso.:)
    In effetti il cambio di proprieta’ er un atto dovuto.
    Seguiranno immagino altri scossoni

  • 7 Dicembre 2014 in 18:52
    Permalink

    Adesso majo come la vede. Luce o inferno??

    • 7 Dicembre 2014 in 18:57
      Permalink

      E’ un ragionamento lungo… Magari domani nell’Opionione scriverò qualcosa… Certo da cedere c’era da cedere, ma è da matti subentrare in questa situazione. Comunque fin che non ci vedo chiaro vedo di astenermi da ogni giudizio…

      • 7 Dicembre 2014 in 19:29
        Permalink

        Aspetteremo domani, tovarish o forse e’ meglio syntrofos?

  • 7 Dicembre 2014 in 19:30
    Permalink

    Meglio un matto oggi che la serie D domani

    • 7 Dicembre 2014 in 20:05
      Permalink

      letto approvato sottoscritto

  • 7 Dicembre 2014 in 19:32
    Permalink

    Finché non vedo, non credo pure io

    • 7 Dicembre 2014 in 20:17
      Permalink

      Non creto (direbbe Crozza/Fazzi)…che sia una bufala. Qui non sono voci ma persone che si sono presentate ai giocatori dicendo da oggi comandiamo noi.
      Vi e’ forse sfuggito l’aggettivo del nuovo vicepresidente? Ve lo ripeto: Esecutivo; cioe’ decide e comanda lui.
      Al mio buon Leo( che era oggi tra il nero e il verde) resta solo da incollare le figurine.
      E a mio avviso nel giro di un mesetto cambiera’ tutto l’organigramma(come succede sempre in questi casi).
      Si dice: ma tutti questi debiti? Bisognera’ conoscere tutti i risvolti dell’affaire. E chi Sto arrivando! Mai se li conosceremo proprio tutti tutti.
      Al tovarish Majo dico: in alto i cuori! Comincia una nuova vita. Sara’ verosimilmente in serie B ma sara’ vita

      • 7 Dicembre 2014 in 23:49
        Permalink

        Io non sono così entusiasta perché razionalmente non mi pare possibile che ci possa essere qualcuno intenzionato a strapagare oggi il Parma.

  • 7 Dicembre 2014 in 20:08
    Permalink

    Majo, tu sai se l’altra cordata era quella qatariota?

  • 7 Dicembre 2014 in 20:13
    Permalink

    Non so perche’ ma io temo che si tratti dell’ennesimo bluff. Poi domani o dopodomani ci diranno che questi signori si sono tirati indietro e che quindi Ghirardi non puo’ pagare, e’ stato spiazzato.Vedra’ Majo finira’ cosi. Quando mai persone normali possono sborsare cosi’ tanti soldi. Pagare addirittura x avere una societa’ sommersa di debiti…….scusate ma x uno come me non e’ cosa credibile……. sinceramente lei MMajo

    Cosa ne pensa?

    • 7 Dicembre 2014 in 23:08
      Permalink

      Scusa ma chi ti dice che siano normali. Noi ragioniamo da poveretti coi piedi per terra. In altri posti del mondo i fuori di testa iper danarosi proliferano. Rassegnamoci la nostra ital ietta sta sprofondando

    • 7 Dicembre 2014 in 23:53
      Permalink

      Razionalmente non mi pare possibile, anche se le motivazioni possono essere molteplici e in questa moltitudine ce n’è può essere anche qualcuna inquietante. Il progetto qatariota, almeno, verteva sul fatto che era la serie A ad interessare, e pur avendo molteplici risorse (concrete e non solo finanziarie) da profondere, il loro piano non prevedeva di spendere o di spandere. Ora, invece, con una squadra virtualmente in B, non solo c’è uno che ci acquista, ma addirittura che darebbe una paghetta al Ghiro tra i cinque e gli otto milioni di euro. Lui ha fatto bingo, perché quei soldi, immagino, li darà subito. Poi, quel che sarà, sarà, ma non sarà più affar suo, uscito nelle migliori condizioni possibili.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 7 Dicembre 2014 in 20:20
    Permalink

    Majo non va bene neanche adesso?? Era meglio sparire???

    • 7 Dicembre 2014 in 21:41
      Permalink

      Chi ha detto che non va bene? Certo, personalmente, avrei preferito una soluzione più istituzionale, diciamo così, perché qui potremmo sognare qualche campionato, e poi vivere giorni peggiori degli ultimi trascorsi…

      • 7 Dicembre 2014 in 23:47
        Permalink

        Majo, riguardo la cordata di cui era a conoscenza, pensa che avrebbe dato più certezze nel medio-lungo periodo?

        Io credo che i qatarioti avrebbero comunque investito buone cifre e in futuro non è detto che non ci saremmo ritrovati con i cocci in mano…del resto lo vediamo in Europa come operano i qatarioti 😉

        Poi comunque dobbiamo cominciare a familiarizzare che le presidenze di 20-30 anni sono poco probabili al giorno d’oggi, quindi è sempre un giro di giostra….speriamo che questo sarà buono.

        P.S. Occhio con i russi che la fanno sparire in siberia 😉

        P.S. 2 ma l’avvocato in questione era il signore di mezza età con sciarpa al collo (mi sembra) o quello più giocane accanto a lui con occhiali da sole e aria vagamente coatta?

    • 7 Dicembre 2014 in 23:47
      Permalink

      Non era meglio sparire, per carità. Ma una proprietà certa ti fa sentire un po’ più sicuro…

  • 7 Dicembre 2014 in 21:11
    Permalink

    Certo che non si è mai contenti..

  • 7 Dicembre 2014 in 21:18
    Permalink

    ADESSO PIAZZA PULITA LO ZOMBIE IN PACHINA VIA PORTIERE NUOVO 2 DIFENSORI NUOVI 2 ALI NUOVE 2 ATTACCANTI NUOVI

    GILARDINO O PAZZINI

    POI SE NE PARLA A MAGGIO

    GRAZIE CICCIO E LEONARDI DA OGGI SI VOLTA PAGINA

  • 7 Dicembre 2014 in 21:23
    Permalink

    Speriamo sia tutto vero. Non è che non siamo mai contenti….mai sai come è….io ricordo sanz che prima di parma Juve andò nello spogliatoio a promettere un premio per la vittoria….oggi però possiamo sperare e forse anche qualcosa di più

  • 7 Dicembre 2014 in 22:57
    Permalink

    Siete ridicoli…. Cerchiamo di essere europei. Cosa vuol dire parma istituzionale ??? Adesso voglio vedere dove saranno i beccamorti??? Oppure i leccaculo…

    • 7 Dicembre 2014 in 23:17
      Permalink

      Non si tratta di essere né beccamorti né leccaculo. Ma da persona civile, prima ancora che da giornalista mi piace pormi delle domande. Non mi basta, come al tifoso medio, vincere e basta…

  • 8 Dicembre 2014 in 00:16
    Permalink

    facciamoci pure delle domande, ma per carità non cominciano già a dubitare di chi ancora non si conosce… veramente assurdo prendete che non possa essere un proprietario senza un progetto ragas. non si sa nemmeno ci sia. Un po di serietà please

    • 8 Dicembre 2014 in 00:25
      Permalink

      Appunto perché siamo seri e non dei cialtroni ci poniamo domande legittime, basate su ragionamenti razionali. Esattamente come negli anni precedenti, ragion per cui non ci siamo meravigliati poi come alice nel paese delle meraviglie. E se ci fosse stata maggiore coscienza collettiva prima in tanti avrebbero evitato di stracciarsi le vesti dopo

  • 8 Dicembre 2014 in 00:34
    Permalink

    va bene, ma non è che se nessuno si è accorto prima di questa pista allora c ‘ è qualcosa di irrazionale sotto.magari pet una volta sono stati bravi ghirardi e company a tenere nascosta la trattativa?non vediamo del marcio sempre e comunque

    • 8 Dicembre 2014 in 00:47
      Permalink

      Il problema non è il fatto che qualcuno non si fosse accorto prima della pista, che anzi questa riservatezza è un bene (anche se annunciare alla squadra il passaggio di mano, prima della partita non è il massimo della riservatezza), il fatto è che non è esattamente razionale che uno paghi tra i cinque e gli otto milioni di euro una squadra in pratica già in b sobbarcandosi l’intero indebitamento.

      • 8 Dicembre 2014 in 01:53
        Permalink

        É il prezzo del centro sportivo di collecchio; tolto ad Eventi Sportivi ed intestato ad altra società indipendente; come Le dissi, questo sarebbe stato il paracadute di Ghirardi…con buona pace del bagno di sangue. Come vede non mi sbagliavo.
        Cordialmente.

        • 8 Dicembre 2014 in 02:08
          Permalink

          Lo verificheremo a cessione avvenuta. Del centro sportivo, in queste ore, non mi pare qualcuno ne abbia parlato.
          Il bagno di sangue sarebbe stato in caso di fallimento, non di vendita plurimilionaria come pare questa

      • 8 Dicembre 2014 in 09:12
        Permalink

        Scusi Majo, ma la cordata del Qatar quanto avrebbe speso ad occhio e croce? Non credo avrebbe aspettato il fallimento, quindi i debiti se li sarebbe comunque dovuti accollare.

        Quindi alla fine avrebbe speso, euro più euro meno li stessi soldi.

        • 8 Dicembre 2014 in 09:22
          Permalink

          Forse. Ma era loro intendimento intervenire solo con la certezza della serie a, quindi a fine stagione, con un aiuto, adesso, da parte della imprenditoria locale con un finanziamento ponte. Comprare a scatola chiusa, strapagando, non mi pare cosi razionale.
          Ai qatariori, comunque, non interessava aspettare il fallimento: loro volevano la serie a

  • 8 Dicembre 2014 in 00:53
    Permalink

    E quindi secondo lei majo il motivo dell’acquisto quale sarebbe??

  • 8 Dicembre 2014 in 00:55
    Permalink

    e quindi?cosa vorrebbe far intendere?sia chiaro…

    • 8 Dicembre 2014 in 01:07
      Permalink

      Io non voglio far intendere nulla. Dico solo che, ahimè, non ho più l’età per credere a babbo natale e Santa lucia

  • 8 Dicembre 2014 in 00:58
    Permalink

    ma avrèva dir, ma pensate veramente che uno come Kerimov si affidi a Fabio Giordano da Rimini??? Dietro i nomi c’è tutto. Io sono molto, molto preoccupato.

  • 8 Dicembre 2014 in 01:10
    Permalink

    Secondo me è’ un bluff…..

  • 8 Dicembre 2014 in 01:16
    Permalink

    Prima ad ogni sconfitta avevamo le supercazzole di ghirardi adesso abbiamo una nuova proprietà ogni domenica… Majo ma i russi vengono a parma e si accollano 60 milioni di debiti??? È’ arrivata Santa lucia…

  • 8 Dicembre 2014 in 07:04
    Permalink

    A queste condizioni, l’unico a guadagnarci è Ghirardi, che se ne uscirebbe con otto milioncini in tasca invece che col misero milione offertogli da Taci. Il punto è che lascia il Parma in mani che io, a naso, considero poco affidabili. Per carità, avere dei pregiudizi è sempre sbagliato, ma una cordata russo-cipriota non è che mi ispiri dosi massicce di fiducia eh.

    • 8 Dicembre 2014 in 09:16
      Permalink

      Concordo.

      Sarebbe stato meglio un imprenditore italiano, anche con meno possibilità, magari proveniente dalla piccola provincia operosa. Così si manteneva quella dimensione “alla buona” che tanto piace a Parma…

      • 8 Dicembre 2014 in 09:28
        Permalink

        Il problema è proprio che questa dimensione alla buona, che lei dice che a parma piace tanto, in realtà piace sino li, perché c’è una ambizione sfrenata, spesso causa di problemini. E, effetti allucinogeni a parte, la nostra dimensione quella sarebbe.

        • 8 Dicembre 2014 in 09:53
          Permalink

          In effetti la mia risposta era sarcastica 😉 a parole tutti fanno gli umili, poi però sono tutti con il bigolo in mano.

          Comunque Majo, il calcio è sport e divertimento. Se arriva uno con i soldi e ci fa godere per un po’ di anni, ben venga. O vogliamo passare la vita a fare sempre i provinciali, salvo poi rosicare quando ci va male?

          Chiaro che poi ci verrà presentato il conto, ma mi pare che anche con un presidente adatto alla nostra dimensione ci sia stato presentato. 😉

          A proposito dei qatarioti…ma per arrivare in fondo, pagando le scadenze arretrate, quelle future e facendo il mercato, quanti soldi avrebbero dovuto spendere gli imprenditori locali?

  • 8 Dicembre 2014 in 09:44
    Permalink

    Partendo dal presupposto che bisogna aspettare le firme e che la vedo molto “strana” come operazione, voglio anche guardare l ‘ altro lato della medaglia: ammesso che abbiano soldi e volontà di spendere, ma perchè questa è l’unica piazza dove i tifosi preferiscono accontentarsi di un piccolo imprenditore di provincia e fare la lega pro piuttosto che aspirare sempre al meglio? il Parma di Ghirardi io lo dimentico dimentico (anzi il calcio italiano lo dimentica)domani mattina, mentre tutti si ricordano del Parma di Tanzi! Le grandi squadre le fanno i soldi, se ci sono quelli allora anche un paesello come Sassuolo si può giocare la serie A a buoni livelli, figuriamoci se i soldi non possono far tornare grande il Parma, che ha più coppe dei tifosi del sassuolo! Posso farvi altri esempi,anche all’estero, come il Villareal, che per vostra informazione è un paese di 50 mila persone e che si gioca la Liga a buon livelli e si è fatto anche la semifinale di Champions… certamente non è il bacino di utenza a farlo ricco,ma i soldi del patron! Quindi, qualora fossimo capitati in buone mani,e questo è da vedere, basta ragionare da provinciali che sognano il derby con la Reggiana e godetevi il momento! se fra qualche anno si stancano,allora pazienza, ma preferisco qualche anno da leone in Italia ed in Europa,che 15 da pecora tra Ferrara e Reggio Emilia!

    • 8 Dicembre 2014 in 09:57
      Permalink

      Sono d’accordo. Aspettiamo a dare patenti di inaffidabilita’ alla gente. Ghirardi sembrava tanto affidabile e ci ha lasciato ultimi in classifica e sommersi dai debiti. I tifosi di chelsea psg man city roma sono rimasti così delusi dalle proprietà straniere? Meglio un magnate russo che un piccolo imprenditore italiano che entra nel calcio solo per visibilità personale! Detto questo, aspettiamo le firme…

  • 8 Dicembre 2014 in 10:09
    Permalink

    Eh caro Majo, ma con sei milioni di euro non si andava lontani…meglio che niente ma era poca roba per centrare una salvezza fondamentale.

      • 8 Dicembre 2014 in 10:25
        Permalink

        Si, ma ci si pagavano le scadenze arretrate…e poi? Quelle di febbraio come le avremmo pagate? Vendendo tutto il vendibile magari…e il mercato?

        Non so, Majo, staremo a vedere. Di sicuro avranno i loro interessi, come li avevano quelli del Qatar. Sperem…

  • 8 Dicembre 2014 in 11:30
    Permalink

    adesso è saltata fuori la notizia che potrebbe trattarsi del proprietario dell’Anzhi Kerimov…se fosse proprio lui avrei un filo di preoccupazione per il modo in cui la squadra è finita dopo i mega investimenti dei primi anni, però d’altra parte anch’io voglio essere fiduciosa verso la nuova proprietà, queste persone se hanno deciso di spendere tanto per una squadra ultima in classifica di certo hanno intenzione di fare il possibile per farci restare in serie A e già questo sarebbe un ottimo inizio. le proprietà straniere ormai fanno parte del nostro calcio, la Premier League è incredibile proprio grazie a questi continui investimenti russi/arabi, magari anche a noi del Parma andrà bene e fra qualche anno lotteremo stabilmente per l’Europa League, sognare di più al momento è difficile perchè ora come ora noi tifosi ci accontenteremmo anche semplicemente di campionati non catastrofici come questo…comunque secondo me il cambio di proprietà ormai era l’unico modo per dare uno scossone all’ambiente, dare nuove energie e stimoli. questo è già un inizio se poi appena arrivate queste persone decideranno subito anche di cambiare all’allenatore e magari rinforzarci con qualche svincolato (in attesa del mercato di gennaio) ancora meglio:)

    • 8 Dicembre 2014 in 11:37
      Permalink

      Che sia Kerimov, come scrivevo prima, ci crederò dopo averlo visto… Per ora sono tutte illazioni. Tutte derivanti da un’unica fonte poi imitata

  • 8 Dicembre 2014 in 11:46
    Permalink

    Guardate che 8 milioni incassati da Ghirardi non valgono nemmeno a comprare Cerri e Mauri! Quindi gli 8 milioni sono una buonuscita per Ghirardi. I debiti invece valgono esattamente il centro di Collecchio, il parco giocatori e qualche debituccio che persino l’Inter aveva e che era persino il doppio,almeno, del Parma. Detto questo chi ha comprato il parma ha fatto un affare se fosse un abrahmovic o Tohir, visto che avrebbe una squadra ancora in serie A che con qualche acquisto salvi sicuramente. E non avrebbe i debiti dell’Inter per i quali si dovranno aspettare 5 10 anni prima di fare un progetto serio. La sola difficoltà è il bacino di utenza. Ma se a giugno compriamo Ibrahimovic Cavani e la Madonna vi faccio vedere come i pezzenti di sky e di tutta Italia verranno a leccarci il culo pur di scrivere un articolo. Quindi voi pensate quel che volete, continuate a giudicare male Ghirardi e a sospettare del neo presidente. Io mi auguro che sia più bastardo di Gheddafi, perché in Italia non si rispetta uno che ci ha messo il proprio patrimonio di famiglia, si rispetta uno come Ferrero. E ho detto tutto!

  • 8 Dicembre 2014 in 14:19
    Permalink

    Ok, però chi vuole giocare sporco, dopo non venga qui a lamentarsi del sistema, del Palazzo, degli amici degli amici, delle strisciate e via dicendo. Chi vuole giocare sporco, si prende il bello e il brutto del gioco sporco, ma senza aprire bocca.

  • 8 Dicembre 2014 in 16:20
    Permalink

    spero solo che ci abbia lasciato in buone mani!!! cmq Grazie lo stesso Presidente di averci salvato dal fallimento e averci fatto vivere stagioni tranquille…. a parte la retrocessione e questa qui….

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI