CALCIO & CALCIO / Il video integrale della 17^ puntata del talk show di Teleducato con il duello rusticano tra l’Avvocato Malvisi e il Saltimbanco Boni e la fotogallery amatoriale dal backstage

CALCIO & CALCIO / Il video integrale della 17^ puntata del talk show di Teleducato, web registrazione a cura di Alex Bocelli

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

44 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO / Il video integrale della 17^ puntata del talk show di Teleducato con il duello rusticano tra l’Avvocato Malvisi e il Saltimbanco Boni e la fotogallery amatoriale dal backstage

  • 23 Dicembre 2014 in 13:38
    Permalink

    La nostra salvezza potrebbe essere la coppa d’Africa che in un colpo solo ci libera di 2 zavorre come acquah e Belfodil…

    • 23 Dicembre 2014 in 13:50
      Permalink

      Su Belfodil potrei anche esser d’accordo, ma su Acquah no.

    • 23 Dicembre 2014 in 15:28
      Permalink

      ahahah ci voleva anche la coppa dei bar sai quanti ce ne tiravano via di questi qua ?

  • 23 Dicembre 2014 in 14:01
    Permalink

    Io non capisco questo accanimento di certi giornalisti verso la nuova proprietà solo dopo due giorni gia critiche verso l operato verso il mancato esonero del mister donadoni ecc !!! Majo lei cosa ne pensa…?

    • 23 Dicembre 2014 in 14:08
      Permalink

      Che il cv specifico dell’avvocato Fabio Giordano non è dei più tranquillizzanti e che tutta questa aria di mistero che permane non fa che ingigantire le preoccupazioni

      • 23 Dicembre 2014 in 14:13
        Permalink

        Pero insomma voci mi dicono che ghirardi abbia chiesto consulto anche a Baraldi su questa operazione….senza contare che uno scrennig bancario mi risulti sia obbligatorio prima di un acqusizione…sbaglio ? O dice che sono un credulone ?

        • 23 Dicembre 2014 in 14:22
          Permalink

          Non dico che sia un credulone. Ma non capisco cosa c’entrino Baraldi e lo screening bancario

      • 25 Dicembre 2014 in 20:28
        Permalink

        come dare torto al direttore majo…le preoccupazioni sono lecite

  • 23 Dicembre 2014 in 14:32
    Permalink

    Beh la banca fa un controllo dei fondi del compratore…come si sa l azienda di cipro è solo un fondo dove far passare i soldi…..

    • 23 Dicembre 2014 in 14:33
      Permalink

      Si, ma nn capisco cosa rientri nel ragionamento che stavamo facendo…

  • 23 Dicembre 2014 in 14:37
    Permalink

    Che bisogna fidarsi della propieta in quanto vi e stato un controllo prima della vendita

  • 23 Dicembre 2014 in 14:48
    Permalink

    Da quello che so ghirardi chiedeva consulenza e consigli per la vendita girava questa voce riportata da piu fonti…

    • 23 Dicembre 2014 in 14:55
      Permalink

      Certo voce, confermata dallo stesso interessato, che però si è ben guardato da mettere le mani in questa situazione. Ma cosa c’entra col ragionamento che stavamo facendo?

  • 23 Dicembre 2014 in 14:59
    Permalink

    Banche e baraldi per me erano due punti che mi fanno pensare e dire che mi fido della nuova societa…in quanto l accanimento mediatico non sta valutando che prima di vendere ghirardi si è consultato e avuto conferme da banche..spero di non essere uscito troppo dal tema

  • 23 Dicembre 2014 in 15:10
    Permalink

    Chiaramente era solo la mia opinione e con la parola accanimenro mediatico non voglio mancare di rispetto a nessuno questo ci tenevo a precisarlo

    • 23 Dicembre 2014 in 15:36
      Permalink

      Ecco, appunto: la definizione “accanimento mediatico” non mi pare appropriata: io capisco che a Parma, purtroppo, siamo abituati un po’ male, ma dovrebbe essere all’ordine del giorno, per la salvaguardia di tutti, un certo tipo di giornalismo investigativo, naturalmente senza trascendere nell’accanimento, cosa che, peraltro, non mi pare proprio si stia manifestando, al di là del fatto che l’atmosfera della conferenza stampa, l’altra sera, non fosse particolarmente idilliaca: però come prima ci si serviva della claque dei tifosi, magari anche per zittire il ronzio fastidioso delle zanzare o dei grilli parlanti, così ora si dovrebbero avere le spalle larghe per sopportare i mugugni e l’urlo buffoni di qualcuno incazzato per le vicissitudini da maggio in poi…

      Per quanto concerne Baraldi, non credo che il buon Luca goda molto a passare per garante di questa situazione, dalla quale lui è scappato a gambe levate…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 23 Dicembre 2014 in 15:28
    Permalink

    Mi spiace dirlo ma è stata una puntata ridicola.Boni ormai parla a vanvera,senza cognizione di causa e cercando SEMPRE di convincere gli altri della propria opinione.
    Il tifoso Pino,cioè vabbè lasciamo stare aggiunge solo folklorismo ad una trasmissione che ne ha già troppo.

    Io mi trovo molto in sintonia con quello che dice l’avvocato Malvisi,io sono FELICE che ci sia ancora Donadoni al timone, la storia insegna che l’esonero può dare anche una scossa iniziale ma non risolve niente,anzi spesso si richiama dopo poco l’allenatore esonerato.Donadon i ha fatto sicuramente degli sbagli, ma credo che sia l’unico che ci possa portare alla salvezza nonostante la situazione sia disperata.

    • 23 Dicembre 2014 in 15:41
      Permalink

      Ieri Angella aveva messo sul tavolo l’esonero di Donadoni non come questione puramente “tecnica” (e comunque dopo 13 sconfitte in 16 giornate credo sia legittimo poterci quanto meno ragionare), quanto come cartina al tornasole della nuova proprietà: nel senso che di solito quando arriva un nuovo padrone (fu così anche per lo stesso Ghirardi) questi tende a lasciare la propria impronta, anche magari sbagliando, scegliendo, comunque, nei ruoli chiave persone di propria fiducia.

      Qui, invece, la cosiddetta “nuova proprietà” ha mantenuto l’ammiraglio dell’armatore Ghirardi al timone, e non si sta ponendo il problema di sostituire l’allenatore e la massimo ha un budget di 4-5 milioni di euro tra stipendi e cartellini per cercare di salvare la baracca investendo il 10% della posta in palio finale (cioè la difficilissima salvezza, con premio i 40 ml dei diritti tv).

      Cordialmente

      Gmajo

      • 23 Dicembre 2014 in 18:39
        Permalink

        Arriva una società’ nuova, non conosce nessuno e secondo voi cosa fa? Caccia il DG e l’allenatore che conoscono vita morte e miracoli della squadra?
        Sarebbero dei pazzi ed è’ da incosciente appoggiare tale proposta.
        Per fortuna si dimostrano quantomeno prudenti ed equilibrati.
        Ritornando alla trasmissione: un consiglio: sedate Boni perché’ il folklore e’ anche apprezzabile ma esiste un preciso discrimine tra il folklore e la pazzia

  • 23 Dicembre 2014 in 15:48
    Permalink

    Che la nuova proprietà non si sta ponendo il problema di sostituire Donadoni chi l’ha detto?Possono averci pensato e poi confermato.
    Questa storia dei 4-5 mln da investire…da dove salta fuori questa cifra? sicneramente a me sembrano anche tanti (nel senso che ho dei dubbi che si possa investire quella cifra in un mercato coime quello di Gennaio in cui storicamente nnon girano soldi)

    • 23 Dicembre 2014 in 15:52
      Permalink

      Fonti certe, ma che come tali vanno protette. (patto di riservatezza 🙂 )

      • 23 Dicembre 2014 in 18:43
        Permalink

        Se impiegano 4-5 mln e’ un successone: mica devono comprare nessuno ma solo prestiti di giocatori importanti fuori dai piani tecnici delle società’ di appartenenza in modo da pagare solo gli ingaggi fino a giugno poi dipenderà’ dalla categoria del prossimo anno e a tutti questi potremmo dire grazie e chi si è’ visto si è’ visto.

  • 23 Dicembre 2014 in 16:30
    Permalink

    Secondo me chi ti ha dato questo scoop aveva la temperatura

  • 23 Dicembre 2014 in 17:03
    Permalink

    Da profano della materia, avrei qualche domanda da porre al direttore Majo e da girare all’avvocato Malvisi circa la trasmissione di ieri sera. Vorrei sapere come l’avvocato faccia a sapere o da dove gli risulti che :
    1) IL presidente ghirardi abbia sempre avallato tutte le operazioni proposte dal signor Leonardi
    2) che tutti i CDA succeditisi nel tempo mai abbiano esposto un atto contrario all’operato del signor Leonardi
    3) il signor Leonardi abbia fornito la rendicontazione sistematica a tutti i CDA.
    Chiedo questo, perchè mi pare che queste informazioni non siano di dominio pubblico e dunque per saperle, ci debba essere un’informazione specifica sul punto o un rapporto professionale col Parma calcio, nel qualcaso capisco ci sia il segreto professionale.
    Grazie per gli eventuali chiarmimenti , ribadendo la mia profonda ignoranza sul tema.

    • 23 Dicembre 2014 in 17:52
      Permalink

      Gent.le Sig. Roberto, intervengo con piacere su segnalazione del Direttore Majo.
      Lei pone quesiti che sono assolutamente legittimi.
      Tuttavia, siccome i temi da Lei posti impongono una più ampia riflessione e non possono essere chiariti in un breve spazio commenti, saranno oggetto, nei prossimi giorni e qualora il Direttore Majo lo acconsentisse, di un mio intervento ad hoc. Necessario, probabilmente, anche per chiarire alcuni tecnicismi relativi al mio intervento di ieri sera in trasmissione di cui, se ho ecceduto, me ne scuso con Lei e con i (pazienti) Lettori di stadiotardini.it.
      Con i saluti più cordiali.
      Paolo Malvisi

      • 23 Dicembre 2014 in 18:26
        Permalink

        Aggiudicato. Aspetto quindi la composizione completa dell’avvocato Malvisi, che ospiterò più che volentieri su StadioTardinii.it luogo dove, a differenza della Tv, ci si può meglio dedicare agli approfondimenti, non dovendo sottostare alla tirannia dei tempi televisivi e delle scalette.

        Cordialmente

        Gmajo

      • 23 Dicembre 2014 in 19:08
        Permalink

        Complimenti invece per ieri sera Avvocato Malvisi! E’ stato chiarissimo e condivido tutto cio’ che ha detto… Ah, se riuscite, mettete una goccia di sedativo, di nascosto, nel bicchiere di Boni! xD

    • 23 Dicembre 2014 in 18:47
      Permalink

      Amico caro,
      Ma il CDA che ci sta a fare? È i revisori dei conti che ci stanno a fare? E se Ghirardi non era d’accordo poteva tranquillamente mettere alla porta il Plenipotenziario e se non sapeva quello che faceva il suo uomo beh allora o è’ da Neurodeliri o come sai e come le sentenze hanno già’ dimostrato non puoi avallarti della facoltà’ di non sapere o pensi che sia come l’on.Scajola quello della casa a sua insaputa?
      Ma va la’ il Ghiro era il primo a sapere e ad approvare visto che non aveva una Lira

  • 23 Dicembre 2014 in 17:38
    Permalink

    Majo,
    visto la retrocessione matematica che senso avrebbe sperperare danari nel mercato di Gennaio???
    molto meglio vendere il più possibile giocatori con ingaggi pesanti (es. Mirante) e blindare ad esempio Mauri per fare una serie B da protagonisti…
    Considerando il paracadute e svendendo un pò a gennaio si attenuerebbe il bagno di sangue!!!!!!!!!
    Penso sia la soluzione più logica…..

    • 23 Dicembre 2014 in 17:45
      Permalink

      Il paracadute si squaglia solo con l’ingaggio di Cassano… E comunque non era stata la precedente retrocessione – a detta del Leo & C. – all’origine di tutti i mali?

      • 23 Dicembre 2014 in 19:17
        Permalink

        Beh allora non c’era il paracadute…cambia bene

  • 23 Dicembre 2014 in 17:46
    Permalink

    beh ma Cassano andrà via cosa fa in seri B????????

  • 23 Dicembre 2014 in 18:44
    Permalink

    Mi scusi sig. Majo ma Boni ieri sera che ……temperatura aveva?

  • 23 Dicembre 2014 in 19:08
    Permalink

    Allora a gennaio c’è da piazzare almeno Mirante, Paletta, Acquah, belfodil, Cassano, defrel, felipe, mendes anche svendendo…Lodi torna a Catania xche il riscatto era automatico solo in caso di salvezza…

    Majo tu che vedi qualche allenamento ma Mariga è presentabile per fare qualche spezzone o è sui livelli di Pozzi??

    Thanks

  • 23 Dicembre 2014 in 19:19
    Permalink

    Il bello della serie B è che si gioca per le feste…allo stadio il boxing day e il primo dell’anno che spettacolo….finalmente

    • 23 Dicembre 2014 in 19:25
      Permalink

      Non ne vedo l’ora. La serie D, invece, giuoca la domenica alle 15?

      • 23 Dicembre 2014 in 19:55
        Permalink

        Majo, il Leopardi del giornalismo.
        Un po’ di sano ottimismo mai?

        • 23 Dicembre 2014 in 19:56
          Permalink

          No, grazie.

          Solo sano realismo e schiena dritta

  • 23 Dicembre 2014 in 20:07
    Permalink

    Majo non parlarmi di Serie D….il ghiro ci butta una 15ina di milioni…vende i nostri pezzi migliori (Cerri, Mauri, defrel ecc) e una ventina abbondanti li raccattiamo…arriviamo a -30 che è il normale debito di qualunque squadra di serie A-B…
    Il problema è con chi rimpiazzare il Leo in serie B…non parlarmi di Imborgia che ti querelo…
    Che fine ha fatto il buone Cinquini??? Esiste ancora??? Ripartiamo con lui dalla cadetteria…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI