CALCIO & CALCIO PIU’ / Il video e la fotogallery amatoriale della quindicesima puntata del talk show di Teleducato

Il video della quindicesima puntata di Calcio & Calcio Più – web registrazione a cura di Alex Bocelli

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

42 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’ / Il video e la fotogallery amatoriale della quindicesima puntata del talk show di Teleducato

  • 12 Dicembre 2014 in 11:33
    Permalink

    La Finanza che fa visita all’Udinese, Tavecchio che vuole vigilare sull’operazione che condurrà alla cessione del Parma. Ma dico io: i riflettori bisogna accenderli solo sulle società meno potenti e ammanigliate? Perché nemmeno un minimo di sorveglianza anche su ciò che fanno le grandi (grandi solo in Italia, ché in Europa collezionano solo raffiche di figure di merda) come Juventus, Roma, Napoli, Inter, Milan, Lazio e Fiorentina? È tutto pulito ciò che fanno ‘ste squadre del cazzo?!?!? E che diamine! Io che odio i populisti, di questo passo sarò costretto a diventarlo! Al diavolo le dinamiche di questo paese di merda!

    • 12 Dicembre 2014 in 13:17
      Permalink

      ammettilo dai sei tu il “russo” che ha comprato il parma 🙂

  • 12 Dicembre 2014 in 12:04
    Permalink

    si pero’ tavecchio mica l’ho votato io,mi sta bene che ghirardi voglia uscire dal calcio perche’ schifato,non mi sta bene che poi sia fra chi ha contribuito ad eleggere sto qui,della serie con una mano ti do con l’altra ti tiro via,posso pensare che sia quantomeno incoerente ? ammesso e non concesso che in questo paese di merda come lo definisci tu sia ancora permesso di pensare

  • 12 Dicembre 2014 in 12:09
    Permalink

    Russo guardiamo in casa nostra, sempre a parlare di Napoli, Samp, Psg o Real Saturno, dai su.
    Abbiamo una società alla canna del gas, ceduta a non si sa chi, che forse dovrebbe essere russo con soldi piazzati a cipro, con taci intermediario e con quello studio romano lì che fa da lobbista e stiamo a guardare gli altri. A me interessa che sia pulita casa mia!

    • 12 Dicembre 2014 in 16:22
      Permalink

      Se casa mia deve essere pulita, devono esserlo anche le altre, altrimenti il condominio cade in degrado. Però…visto che gli altri giocano sporco, a ‘sto punto ben vengano imprenditori che siano in grado di far giocare sporco anche noi…mal comune, mezzo gaudio. Italian style!

      • 12 Dicembre 2014 in 16:39
        Permalink

        questa volta devo darti ragione perché anche secondo me nel calcio di oggi sia in Italia che fuori di società pulite al 100% non ne esistono… è un po’ come il discorso sui torti arbitrali (che sento sempre ad una trasmissione sportiva su tv parma) quando li subisci è perché anche l’arbitro può sbagliare se li hai a favore (ma quando mai) allora devi ammettere di avere avuto un favore arbitrale e se non lo fai non sei un vero sportivo… io se vinco al 90 (specie con una squadra blasonata) con un gol in netto fuorigioco godo come un riccio 🙂

  • 12 Dicembre 2014 in 12:29
    Permalink

    Ieri siete stati copiaincollati sia tu che Boni

  • 12 Dicembre 2014 in 13:50
    Permalink

    Anche il Manfro al saris ora c’la andis in pension ensema a Bellè

    • 12 Dicembre 2014 in 14:24
      Permalink

      ma no dai almeno ha i baffi da cosacco,magari lo mandiamo nella steppa sconfinata a 40 sotto zero

  • 12 Dicembre 2014 in 13:54
    Permalink

    Beh in serie A è ammesso Zamparini che ha più cartelle di Equitalia che allenatori…lo ha ammesso lui stesso a Radio 24

  • 12 Dicembre 2014 in 13:57
    Permalink

    Dott Majo, come saprà oggi alcuni giornali parlano di una suddivisione delle posizioni debitorie del club fra la società (chiamiamola così) acquirente e la famiglia Ghirardi.
    A me pare tutto sommato una buona notizia in quanto, al di là dello sviluppo tecnico, immagino alquanto complesso, di un affare di questa fattispecie, mi farebbe intravedere una maggiore concretezza e serietà di tutta la vicenda rispetto a quanto manifestato fino a questo momento.
    Mi farebbe però piacere avere un suo parere sia rispetto alla fondatezza di questi spifferi che rispetto al significato e all’ interpretazione dei medesimi, qualora essi corrispondessero a realtà.
    Grazie, saluti

  • 12 Dicembre 2014 in 14:25
    Permalink

    Ottima notizia: il Leo pare sara’ il gran manovratore del mercato di gennaio.
    Come previsto
    Sono soddisfatto tanticchia

    • 12 Dicembre 2014 in 14:28
      Permalink

      E’ molto bravo il Leo ad attrarre su di sé i riflettori. Davvero molto bravo…

      • 12 Dicembre 2014 in 14:50
        Permalink

        Lo sai Number One o similaria

      • 12 Dicembre 2014 in 14:52
        Permalink

        Russi,romani,albanesi,ciprioti lui ci sguazza amici miei

  • 12 Dicembre 2014 in 14:48
    Permalink

    anche la digos quando ti interroga ti mette sotto ai riflettori

  • 12 Dicembre 2014 in 14:54
    Permalink

    la gdf usa la fiamma gialla

  • 12 Dicembre 2014 in 15:37
    Permalink

    Aaah dottò, aaah Majo, aaah “piccolo scrivano fiorendinoooo”, li mortacci tua, te devi da fidà, te devi da fidàte!!! Ahoo. Ke non ve dovete da preoccupà se ce compreno i gatarrosi o i cipro-sovietici, o i liduani. Ke er presidente può pure da esse un kosacco arbanese ke non c’è deve da importà. NUN CE DEVE DA IMPORTAREEEE!!! Ke se uno ce porta un modoscafo de sòrdi, nun je pòdemo da dì de tornà in Arbania. Ke nun puoi da discriminà uno berchè è nado origarga, ke anke j-origarghi so lavori che j-italiani nun vogliono più da fà. Aho. Ke l’imbortante è a PARMIGIANIDA’, ke potemo da fa’ a cipro-soviedica parmigianità, ke è a morte sua! Ke c’avemo da avè dei veri parmiggiani in sogiedà, nei ruoli ghjave, er markettinghe e a rapportarte con jatri tifosi, lì morte’, ke mo ce sta da-a-gente ke non de PParma. Aho ke io nn so razista, ma me dice: a Beppe. Aho, Beppe nun è de PParma. Sta in un atro paese, aaaho, è no stranieroooo. Ke aho, io nun ci ho niente contro i sdranieri, li mortacci loro, ke je vojo pure bene. Je darebbe pure da magnà. Ma non me poi fa a parmigianidà. Me voi anna a venne er coccobbello? Ce pòi annà. Me voi annà a venne e-bibbite in Gurva Norde? Ce pòi annà. Ma non me pòi fa a parmigianidà. Gome se ki sta a li Parioli m’annasse a fà a trasteverità a Traste-ve…. m’anvedi d’annatene, aaaaho. Come ce direbbe er Tavecchio: stavate a magnà e banane in Afriga co i negroidi ai dempi da-a-sghiavidù, e mo venite qua a fa-a-parmigianidà? Ma nun ce fate rìde…. MA NUN CE FATE DA RIDEREEEE. Ke aahooo se voi fa da-a-parmigianidà Er Marceè devi da kiamà, ER MARCELLO-o-O DEVI DA GHIAMARE!!! Ghe a parmigianidà è cosa mia. Ce lo sai. Aaah Majo, provetene ad andàttene in giro pe’ Roma nei logali a chiede: “A Spartaco… c’avrei da fà da-a-parmigianità….”. Sai ke te risponnono? Ce lo sai? Nun ce lo sai??? Te lo sto a dicere iio: “Er Marcè devi da kiamà”. E se du, ghe sei n’frescone, je risponnerai come se nun sapessi ki-ssò: “Marcè?” A sto’ bunto te guarderebbero bure male urlannote: “Ah Marcèloo-ooo dottò!!!!” E io te digo: EKKILO!!! Ekki-me. Ke il Cento-uno-ario c’javèmo da onorà (e fateme lavorà – e fateme lavorà).

    • 12 Dicembre 2014 in 16:35
      Permalink

      Vabbè..capolavoro assoluto! Daje Marcè

  • 12 Dicembre 2014 in 15:42
    Permalink

    Affascinante questo enigma…ma, anche se da semplice ed umile tifoso, mi permetto alcune riflessioni:
    1) E’ stato ceduto il pacchetto di maggioranza della controllante Eventi Sportivi S.p.A., che “solo” per il 70% è in mano a Ghirardi. Per capirci, ciò significa che può essere stata alienata una quota che va dal 51% al 70% della Società di cui sopra, con l’ovvia conseguenza che Ghirardi potrebbe rimanere a farne parte;
    2) Il Sig. Fabio Giordano, più volte citato, ricoprirebbe il ruolo di vice presidente esecutivo, con l’ovvia conseguenza che rimarrebbe vacante la poltrona del presidente.
    3) Non si fanno i nomi degli acquirenti, ok. Ma noi tifosi, onestamente, sapevamo di Rossi, Volpi e Ferrari? Io onestamente no…o meglio, non era un dato così evidente. Il popolo “vedeva” Ghirardi, con Leonardi a dirigere la baracca.

    Qui secondo me può succedere ed essere successo di tutto. E trovo divertente provare a scoprire l’arcano. Il presidente chi lo fa?

  • 12 Dicembre 2014 in 15:47
    Permalink

    che quota di azioni hanno i sig. Rossi, Volpi e Ferrari?

  • 12 Dicembre 2014 in 16:03
    Permalink

    io ho le idee un po’ confuse… tanto per fare chiarezza nella società eventi sportivi Rossi, Volpi e Ferrari hanno circa il 15% e il restante 85% è della famiglia Ghirardi… nel parma fc Ghirardi ha il 90% e energy il 10% ho capito bene oppure scritto delle fesserie?

  • 12 Dicembre 2014 in 16:10
    Permalink

    Posso chiedere Direttore a lei, perché Michele Angella continua a sostenere che Parma fc, nuova società: che sarà tutto romano (ancor di più) magari con una verniciata est europea? si diverte a twittare con la solita faccia da sberle? Il suo problema che non dovrebbe fare il giornalista ma bensì il venditore di fazzoletti con Boni…..presso i semafori!!
    Grazie

    • 12 Dicembre 2014 in 16:12
      Permalink

      Lo chieda ad Angella, se si riferisce a lui. Ma Angella twitta?

    • 12 Dicembre 2014 in 17:02
      Permalink

      non e’ mica reato sostenere qualcosa,e lei cosa sostiene ?

      per quanto riguarda twitter vale il discorso della tv ,basta cambiar canale

  • 12 Dicembre 2014 in 16:21
    Permalink

    Ama twittare il venditore ambulante di Angella. Chiedo a lei perché è l’unico capace di fare giornalismo in quella trasmissione. Una semplice curiosità….ma sono così disastrosi questi Romani? per me è rancoroso
    Marcello

    • 12 Dicembre 2014 in 16:31
      Permalink

      La ringrazio per i complimenti nei miei confronti, tuttavia mi dissocio dai suoi “apprezzamenti” nei confronti di Michele Angella che vanno al di là della lecita critica. Già prima ero intervenuto tagliando un epiteto, ma potrebbe anche sentirsi diffamato per il suo gratuito e reiterato “venditore ambulante”.

      Rancoroso, poi, per cosa? Non capisco con chi dovrebbe avere rancore.

      Saluti

      Gmajo

      • 12 Dicembre 2014 in 16:51
        Permalink

        Volevo porle la stessa domanda: lei ritiene che dietro ci siano davvero i russi, come confermato dalle più grandi testate giornalistiche,(è l’unica cosa che danno per certo), oppure opta per la cordata romana con una piccola presenza russa ?

        • 12 Dicembre 2014 in 17:02
          Permalink

          Saranno anche russi, ma anche romani. Il VPE è laziale, no?

          • 12 Dicembre 2014 in 17:07
            Permalink

            dicevo questo perchè Angella è sicuro che sia praticamente romana con forse un pò di russo, smentendo tutte le convinzioni dei giornali nazionali che parlano di russi! E dato che lavorate insieme,pensavo sapesse il perchè delle sue convinzioni

          • 12 Dicembre 2014 in 17:24
            Permalink

            Non lavoriamo insieme. Io non prendo alcun compenso da Teleducato, dove partecipo amichevolmente.

            Comunque non so quale sia la percentuale delle componenti russo-cipriote-romane, aspettiamo martedì

  • 12 Dicembre 2014 in 17:10
    Permalink

    La trasmissione ieri sera mi è parsa un tantinello ipercritica verso acquirenti di cui al momento non si sa nulla. E secondo me questo non va bene. Lo stesso ripetuti suo modo di definire l’avv.Giordano sosia di tizio e caio mi pare un approccio poco professionale e troppo denigratorio. Che ne sa di Giordano?
    Per quanto riguarda la vendita della maggioranza di ES io la leggo da italiano semplice come la cessione in toto della quota in possesso di Ghirardi.
    Problema azionisti di minoranza: chi vi dice che non siano stati contattati? e che abbiano espresso un loro parere sul mantenimento o meno della loro quota? idem dicasi per Energy TI per la quota controllata da loro nel Parma FC.
    Io al momento sarei molto più neutrale nei confronti degli acquirenti in attesa della conferenza di martedì. Lì da buoni giornalisti avrete l’occasione ed il tempo di chiedere ogni cosa, di valutare l’organigramma, il piano aziendale; dopodichè si potranno trarre le prime indicazioni.
    Criticare a prescindere mi pare scorretto

    • 12 Dicembre 2014 in 17:23
      Permalink

      Il mio modo di definire l’avvocato Giordano non è affatto denigratorio né tanto meno poco professionale, anche perché se somiglia a Vanoli o a Renato Zero non credo sia una offesa: e quando si fa Tv si fa anche un po’ di spettacolo, non solo informazione, per cui, come nel mio stile, alterno momenti di alta serietà ad altri con un po’ di humour, anche per alleggerire la portata.

      Forse che non chiamo il suo mito Plenipotenziario, o Ghiro o Tom il presidente, o saltimbanco Boni? Non prendiamo le mosche col culo, per piacere!

      • 12 Dicembre 2014 in 17:38
        Permalink

        I personaggi indicati e noti si conoscono e pace ci sta tutto ma su persone sconosciute ci andrei cauto.
        In generale il discorso verteva perà sull’incipit della trasmissione che mi è sembrato troppo (e in questo momento inutilmente) critico nei confronti di acquirenti sconosciuti che però, per tutti i loro “buoni” motivi hanno acquistato smenando verosimilmente dei soldini una società al collasso

        • 12 Dicembre 2014 in 17:48
          Permalink

          La persona sconosciuta è stata già indicata come vice presidente esecutivo del Parma. Quindi non è uno sconosciuto.

          Capisco che la gente abbia la pelle sottile, ma se uno si offende se uno dice che somiglia a Vanoli (come detto dai giocatori) o Zero (come immediatamente battezzato da me) mi pare che si esageri, suvvia.

          E allora il Leo cosa dovrebbe dire che gli fanno persino la parodia… Dai su, non esageriamo.

          Per il resto io non sono d’accordo con la tua impressione sulla accoglienza ai nuovi: abbiamo posto solo legittime domande, che forse sarebbero meglio si ponessero anche altri.

          • 12 Dicembre 2014 in 18:16
            Permalink

            Ieri sera il più equilibrato mi è parso Angella (solo furibondo per i continui disguidi telefonici) mentre decisamente fuori di melograno mi è parso Boni (ma forse è un gioco delle parti).
            Io direi calma e gesso; ascoltiamoli questi nuovi proprietari, impariamo a conoscerli e poi si discuterà

          • 12 Dicembre 2014 in 18:34
            Permalink

            Io non credo affatto di esser stato squilibrato

        • 12 Dicembre 2014 in 18:17
          Permalink

          Peraltro sono daccordo con Raffaello; ma nessuno si è chiesto chi sia professionalmente l’avv.Giorano?

      • 12 Dicembre 2014 in 17:48
        Permalink

        aldilà delle somiglianze però si potrebbe cercare di capire chi è l’avvocato Giordano voglio dire qualche giornalista romano che sappia qualcosa sul suo conto… poi direttore so che non è colpa tua ma la telefonata di ieri in trasmissione all’esperto di cui non ricordo il nome ma che pena… lo streaming che va a singhiozzo…
        ma come fa una tv ad essere così scarsa a livello tecnico?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI