CALCIO & CALCIO PIU’ / LE OTTO DOMANDE DI MICHELE ANGELLA. BONI: “AUSPICO UNA CIVILE PROTESTA DEI TIFOSI AL TARDINI PRIMA DELLA CONFERENZA STAMPA”

DSC00118(Evaristo Cipriani) – PARTITA? NO GRAZIE – La comunicazione del risultato e qualche sbrigativo commento: la partita del San Paolo tra Napoli e Parma è stata liquidata in pochi minuti ieri sera dallo studio di Calcio & Calcio Più, in onda ieri sera su Teleducato alle 22.45 (clicca qui per vedere la web registrazione a cura di Alex Bocelli) anziché nel consueto orario delle 21, per imagelasciare spazio allo “spettacolo” andato in scena sotto il Vesuvio. Al centro dell’attenzione il conduttore Michele Angella ha posto inevitabilmente la vicenda societaria: con lui c’erano il nostro direttore Gabriele Majo, la nostra firma Alessandro Dondi ed un sempre più incontenibile Enrico Boni, presentatosi con una scopa a rappresentare l’esigenza di pulizia necessaria in casa crociata.

DSC00119BONI SPRONA I TIFOSI (SEMPRE NEL LECITO, CHECCHE’ SE NE DICA) – Boni ha auspicato una contestazione dei tifosi stasera al Tardini in occasione dell’annunciata conferenza stampa che dovrebbe rendere noti i dettagli dell’operazione per la cessione della società. Operazione sulla quale pesano parecchi dubbi così come sulla effettiva conferma dell’appuntamento in programma alle ore 18: “I tifosi devono far sentire la propria voce e la propria indignazione, sempre in modo civile e pacifico, ma devono fare qualcosa sia domani sera (stasera nda), sia nei prossimi giorni foto2attraverso un corteo per le vie della città e disertando lo stadio per la prossima partita in casa”. Boni ha colto l’occasione anche per rivolgere una nuova critica al Centro Coordinamento Clubs: “Ho ascoltato e letto dichiarazione positive di fronte all’arrivo della nuova proprietà e del nuovo presidente, ma si rendono conto questi tifosi di dove stiamo andando? Si rendono conto che è necessaria una mobilitazione della città intera?”

DSC00124MAJO E IL “RIBELLE” DOCA – Secondo Gabriele Majo (che ieri sera ha espresso il parere che la conferenza stampa difficilmente verrà confermata) il clamoroso dietro front di Pietro Petrit Doca è da interpretarsi come una scelta personale: “Penso che Doca abbia capito di essersi trovato coinvolto in una situazione che non aveva compreso, più grande di lui e che non sarebbe in grado di gestire e quindi si sarebbe fatto da parte, in maniera autonoma rispetto a chi lo aveva designato. Ritengo – ha proseguito Majoche la cordata dell’avvocato Giordano sia ancora in piedi e sia effettivamente interessata all’operazione”.

imageIL SINDACO CHE FA? – Il nostro direttore non è stato tenero nei confronti del sindaco Federico Pizzarotti: “Le sue dichiarazioni sull’arrivo della nuova proprietà le ho trovate puerili e superficiali, da apprezzare invece l’intervento in consiglio comunale di Nicola Dall’Olio che ha rivolto un monito all’amministrazione e alla città tutta sulla natura degli acquirenti e non ne faccio una questione di colore politico, non mi interessa”. Majo ha anche espresso rammarico per il fatto che qualcuno dai banchi del consiglio comunale avrebbe potuto fare di più: “Penso a chi è uomo di sport e con lo sport ci lavora, ma fino ad ora non si è interessato ai problemi del Parma”. Che il nostro direttore si riferisse a Roberto Ghiretti? Durissimo contro l’amministrazione comunale anche Enrico Boni: “Il Comune deve avere dei soldi dal Parma? Se si il sindaco si attivi subito per chiedere i pagamenti arretrati perché se io fossi avessi un figlio in un asilo di Parma sarei incazzato nero nel pagare le rette e le tasse sapendo che una grande azienda non paga”.

michele angellaLE 8 DOMANDE DI ANGELLA – Il conduttore Michele Angella aveva aperto il dibattito societario dando lettura di una serie di domande sulla clamorosa e intricata vicenda gialloblu. Eccole:

1) Ma gli investitori della cordata russo-cipriota – sempre ammesso che sia vero o che esista – se ne sono accorti ora che Doca non aveva lo spessore professionale e l’esperienza per rivestire il ruolo di presidente di una società di calcio di serie A? (Tesi quella del Doca impaurito dal peso del nuovo ruolo e dunque in via di sostituzione da parte dei reali proprietari, avanzata dal giornalista Sky Gianluca Di Marzio)

2) Può essere credibile una cordata – sempre ammesso che esista – che si fa rappresentare da Pietro Doca, bravissima persona per carità, ma evidentemente non adatta al ruolo?

3) Perché Tommaso Ghirardi non ha attuato le dovute verifiche sugli acquirenti?

4) Perché tutta questa urgenza di vendere?

5) Perché tutta questa superficialità, questa faciloneria, questo colpevole presappochismo presidente Ghirardi?

6) Che ruolo ha avuto in questa vicenda l’Ad Pietro Leonardi, stranamente scomparso dai radar della critica e della rabbia dei tifosi, come se nel Parma finora avesse fatto il magazziniere? Quali sono i suoi rapporti con l’avvocato Fabio Giordano?

7) Perché il sindaco Pizzarotti si è esposto a favore della nuova cordata e con chi ha parlato? Cosa gli è stato detto?

8) Ha preso in considerazione la soluzione, il presidente Ghirardi, di portare i libri in Tribunale per chiedere il fallimento della società e avviare così quella procedere definita giornalisticamente “fallimento pilotato”, tale da consentire in breve tempo di indire un’asta per rilevare la società e trasferire il titolo sportivo senza il rischio di ripartire dalla serie D? Evaristo Cipriani

CLICCA QUI PER VEDERE LA WEB REGISTRAZIONE, A CURA DI ALEX BOCELLI, DELLA 16^ PUNTATA DI CALCIO & CALCIO PIU’

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

30 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’ / LE OTTO DOMANDE DI MICHELE ANGELLA. BONI: “AUSPICO UNA CIVILE PROTESTA DEI TIFOSI AL TARDINI PRIMA DELLA CONFERENZA STAMPA”

  • 19 Dicembre 2014 in 15:31
    Permalink

    Majo ha sentito l’intervista di Ghirardi a “Palla in Tribuna”?La trovo molto interessante…e leggo anche tra le righe che l’ipotesi che gli acquirenti ritrattino non sia così remota…la tira in ballo molto spesso.

    • 19 Dicembre 2014 in 15:36
      Permalink

      Appunto. E’ l’aspetto che mi ha colpito di più. Anche perché lui ha parlato di rassicurazioni ricevute ieri alle 23. Però la trattativa è tuttora in corso a Brescia dal notaio, dove lui si recherà per il passaggio delle quote se saranno superate le varie problematiche ancora in essere. altro motivo per cui è difficile che la conferenza si rischia a fare per le 18 a Parma, visto che sono le 15 36

  • 19 Dicembre 2014 in 15:44
    Permalink

    Tutti abbiamo visto Calcio e Calcio ieri sera.

    Enrico Boni, cosa’ farà per organizzare i tifosi ?

    Mi sembra si sia proposto come organizzatore di una sana e civile protesta per porre la questione Parma calcio agli occhi della Città e delle sue Istituzioni .

    Scuotere il tessuto civile di Parma: sarà un’arma vincente ?

      • 19 Dicembre 2014 in 16:06
        Permalink

        Sveglia, a Boni non gliene frega niente del parma, gliene frega solo della sua persona, di mettersi in mostra da pagliaccio in tv in modo che si parli di lui.

  • 19 Dicembre 2014 in 15:46
    Permalink

    Si infatti…prima dice di avere ricevuto rassicurazioni da parte degli acquirenti (o presunti tali) e poi durante l’intervista richiama molto spesso l’ipotesi di una possibile ritrattazione…mah, l’ennesima contraddizione di questa vicenda….comunque per annullare la conferenza cosa aspettano eventualmente?L’ultimo minuto?Sarebbe plausibile?

    • 19 Dicembre 2014 in 15:50
      Permalink

      Da info piuttosto certe so che la trattativa è sempre in corso a Brescia, ma è una corsa contro il tempo.

      Sarebbe bello che tutti (conferenzieri e tifosi) capissero quello che io vo dicendo da tempo: la cosa fondamentale è il sistemare le cose (sempre ammesso che sia ancora possibile, e sempre ammesso che sia una buona cosa, in quanto io nutro sempre le mie perplessità) non la conferenza che dovrebbe solo essere una vetrina a cose fatte. per me è un boomerang indipendentemente dai contenuti che si esporranno.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 19 Dicembre 2014 in 15:49
    Permalink

    basta, non ce la facciamo più!! quindi non è neanche certa la conferenza delle 18? siamo al delirio!!

    • 19 Dicembre 2014 in 15:51
      Permalink

      Come dico anche ad altri, la conferenza delle 18 – che ci sia o che non ci sia – non è la cosa fondamentale. La cosa fondamentale è la chiusura dell’affare. Cosa non ancora avvenuta, come ben si evince dalle stesse parole del Ghiro a Radio Parma

  • 19 Dicembre 2014 in 15:50
    Permalink

    Seppur abbia sbagliato tanttanto ghirardi mi sembra una persona seria. ..sa che ha sbagliato e tanto (se né accorto anche lui) però mi sembra che voglia il bene del parma o sbaglio??

    • 19 Dicembre 2014 in 15:56
      Permalink

      Non penso potesse collegarsi con l’amico Milano per dirgli, caro Beppe, vi ho presi tutti per il culo. O sbaglio? Dunque, al di là della emotività – una lacrimuccia è caduta anche a me che sono un tenerone – bisogna esser razionali.

  • 19 Dicembre 2014 in 15:50
    Permalink

    Ghirardi “commuovente” , mi spiace che se ne vada…….
    In fondo ASSIOMA è un buono, lui ci ha messo anima e corpo, ed è dispiaciuto per tutti i suoi tifosi….

  • 19 Dicembre 2014 in 15:55
    Permalink

    conferenza o meno secondo lei ci sono buone probabilità di chiudere entro oggi? mi fido del suo intuito e delle sue notizie

    • 19 Dicembre 2014 in 16:02
      Permalink

      I lavori sono in corso. C’era ottimismo, ma secondo me è difficile

  • 19 Dicembre 2014 in 15:57
    Permalink

    MA CHISSENEFREGA DELLA CONFERENZA!!!!!!!!!!!!

    E POI CHI LA TIENE???

    LA GABRIELLA – DITARANTO – OSSO CHI???????

    MA COME A GIUGNO, POST DIMISSIONI, CON LA SQUADRA IN BUONA SALUTE SPORTIVA NON C’ERA UN COMPRATORE CHE UNO….
    OGGI CON LA SQUADRA MATEMATICAMENTE RETROCESSA TUTTI VOGLIONO COMPRARE IL PARMA….

  • 19 Dicembre 2014 in 15:58
    Permalink

    io evinco solo che costui avrebbe bisogno di un coadiuvatore scolastico,in 20 minuti e’ riuscito a fare il riassunto delle supercazzole degli ultimi 7 anni senza che l’illustre giornalista in studio gli contestasse le inesattezze punto su punto,anzi rimarcando il fatto che quelle erano le domande dei tifosi,bravo ottimo giornalismo

  • 19 Dicembre 2014 in 15:59
    Permalink

    Beh direttore, però una coferenza dove almeno una volta la controparte si esponga ed esca allo scoperto spiegando la loro posizione non sarebbe male….ora abbiamo sentito Ghirardi, sentire anche l’altra campana aiuterebbe non dico a capire tutto, ma almeno un pò più di adesso…

    • 19 Dicembre 2014 in 16:01
      Permalink

      Ma non siete ancora stufi del fumo? O c’è l’arrosto o niente, dai… E l’arrosto al momento non mi risulta ci sia

  • 19 Dicembre 2014 in 16:06
    Permalink

    uno che me la mena ancora con la licenza uefa daila’,ma io dico un normodotato qualsiasi gli avrebbe ribattuto che abbiamo beccato un punto di penalizzazione per irregolarita’ fiscali per quello o la mammina non glielo ha detto ?
    un normodotato gli avrebbe contestato che siccome siam messi cosi’ bene finanziariamente i dipendenti son stati pagati per un terzo e ci beccheremo altri due punti di penalizzazione e non mi dilungo perche’ voglio stendere un velo peloso sulla presunta cessione gestita in maniera grottesca,cosa dire poi del fatto che se e ripeto se non dovesse andare in porto ? (ma che cazzo dici allora che per te e’ il parma e’ stato venduto)la trattativa lavoreranno gorno e notte (?) per mettere a posto la situazione (?) NO GRAZIE LA NOTTE TE E LEONARDI ANDATE A DORMIRE !

  • 19 Dicembre 2014 in 16:06
    Permalink

    Concordo con Majo.
    La conferenza stampa di oggi ha un senso se viene dimostrata oltre ogni ragionevole dubbio che la cessione del club è avvenuta con tanto di passaggio di quote dal notaio.

    Viceversa che senso venirci a raccontare di un qualche cosa che ancora non si è concretizzato?

  • 19 Dicembre 2014 in 16:09
    Permalink

    MAGARI una conferenza che lei definisce VETRINA potrebbe essere indetta indipendentemente dai giochi fatti. per RISPETTO alla città di parma sarebbe opportuno che leonardi e giordano si presentassero UGUALMENTE in conferenza. BASTA non se ne può più di SOTTERFUGI, è una società di calcio che problema c’è a fare le cose alla luce del sole? CHIAREZZA

    • 19 Dicembre 2014 in 16:15
      Permalink

      Vogliamo CHIAREZZA! lo volete capire che stia o soffre do per le sorti della nostra squadra? allora che si presentino in conferenza e rispondano alle domande CIVILI dei tifosi INCAZZATI

      • 19 Dicembre 2014 in 16:19
        Permalink

        I tifosi non possono accedere alla conferenza.

        E per rispondere non con del fumo serve l’arrosto

  • 19 Dicembre 2014 in 16:13
    Permalink

    direttore ci aggiorni. speriamo sia lei a comunicarci l’arrosto 🙂

  • 19 Dicembre 2014 in 16:22
    Permalink

    Quindi direttore cosa ci va a fare???
    Che sia fumo lo sappiamo già. come sappiamo già che dietro ci sia taci, perche il presidente ha detto che sono 60 giorni che sta facendo questa trattativa. Quindi meglio fallire che avere taci, speriamo non arrivi l’arrosto……… E comunque a pensare a chi andremo in mano, mi manca già TOM

    • 19 Dicembre 2014 in 16:25
      Permalink

      La conclusione che sia Taci perché sono 60 giorni che tratta mi pare oltremodo superficiale (oltre che un plagio): che ‘sta roba puzzi di Taci lo si evince da elementi più concreti emersi già prima

  • 19 Dicembre 2014 in 16:30
    Permalink

    Se fosse veramente Taci però non mi spiego la frase di Ghirardi in cui dice che la controparte sia”un gruppo importante e solido del panorama europeo”. Taci non mi sembra sia molto solido almeno stando alle informazioni raccolte in questi giorni…o mi sbaglio?

  • 19 Dicembre 2014 in 17:00
    Permalink

    E allora chi sarebbe?
    Moratti?

I commenti sono chiusi.