DA PIACENZA DEFLAGRA UNA BOMBA: PIETRO DOCA E PARMA CALCIO: «NESSUN ACCORDO DEFINITIVO»

DAL GIORNALISTA PROFESSIONISTA E FOTOGRAFO PIACENTINO ANDREA PASQUALI RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

imagePiacenza – Pietro Doca non è presidente del Parma Calcio. Il gioielliere piacentino che nelle scorse ore era stato accostato al club ducale ci tiene a rettificare, con una nota ufficiale, le notizie circolate in queste ore su numerosi organi di informazione.
L’imprenditore, dunque, a tutt’oggi non è il presidente del club ducale che, almeno al momento, resta nelle mani di Tommaso Ghirardi.
«Considerato quanto emerso – afferma Doca – preciso che ad oggi il Parma calcio non è stato ufficialmente ceduto mediante atto notarile di compravendita e la proprietà è ancora del dottor Ghirardi. La trattativa di acquisizione era in dirittura di arrivo, l’obbiettivo era giungere all’acquisizione del club emiliano laddove venissero verificate tutte le condizioni necessarie. Pertanto ad oggi
non è stato raggiunto alcun accordo definitivo».

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

99 pensieri riguardo “DA PIACENZA DEFLAGRA UNA BOMBA: PIETRO DOCA E PARMA CALCIO: «NESSUN ACCORDO DEFINITIVO»

  • 17 Dicembre 2014 in 20:15
    Permalink

    E’ lo stesso tanto c’e’ sempre lo svizzero di parma

    • 17 Dicembre 2014 in 20:29
      Permalink

      Non si puo cosa ci stanno prendendo per il culo ???mahhh

  • 17 Dicembre 2014 in 20:18
    Permalink

    Ok stiamo per fallire benissimo! Grazie Ghirardi per esserti affidato a questa gente, grazie Ghirardi per aver accumulato debiti giganteschi, grazie Leonardi per aver contribuito a tutto questo. Altre società storiche sono fallite e si sono risollevate (guardate il Napoli) speriamo che fra un pò di anni torneremo almeno in serie A. Dispiacere forte.

  • 17 Dicembre 2014 in 20:19
    Permalink

    Non ho parole ghirardi da denuncia

  • 17 Dicembre 2014 in 20:20
    Permalink

    Lo sapevo il solito taci

  • 17 Dicembre 2014 in 20:21
    Permalink

    tutto regolare

  • 17 Dicembre 2014 in 20:22
    Permalink

    Venerdì rimandano ancora la conferenza….povero Pietro….

  • 17 Dicembre 2014 in 20:22
    Permalink

    BE VA BE MO ALORA… ‘NDIV A TORVLA IN TAL CUL TUTI… sempre nel lecito checché se ne dica!

  • 17 Dicembre 2014 in 20:22
    Permalink

    E venerdì che ci presentano?

  • 17 Dicembre 2014 in 20:23
    Permalink

    io getto la spugna…basta aspettiamo venerdi per veder cosa dicono…po mi am sòn ròt i maròn dabòn
    cla vàga me la vàga

  • 17 Dicembre 2014 in 20:23
    Permalink

    Siamo veramente su scherzi a parte, non ci posso credere!

  • 17 Dicembre 2014 in 20:24
    Permalink

    Ma io mi domando…esce un comunicato ufficiale e penso che sia uscito dopo le firme del notaio…e adesso esce questa notizia da piacenza….ho controllato nei vari siti e non risulta questa notizia. Possibile che queste notizie o notizia viene buttata li in questo sito…ma noto sempre una grande volonta’ da parte di gran parte delle persone presenti in questo blog di scontentezza ad un eventuale nuova proprieta’ del parma…meglio sarebbe dire che noto un gran allevamento di gufi. Tutto qui mi sembra assurdo.

  • 17 Dicembre 2014 in 20:26
    Permalink

    Ma che storia è mai questa ?

    Allora, come dice Enrico Boni, la serie D è garantita.

  • 17 Dicembre 2014 in 20:26
    Permalink

    Non ci posso credere!! Ma bastaaaa!! .. Ma le dichiarazioni ufficiali sul sito del Parma?? Tutto falso?!? Qualcuno inizi un pressing mediatico contro Ghirardi e lo obblighi a darci delle spiegazioni !! Ma sta succedendo d’avversario o è un brutto sogno?!?!

  • 17 Dicembre 2014 in 20:26
    Permalink

    Ma cosa vuol dire?

  • 17 Dicembre 2014 in 20:26
    Permalink

    Oggi le comiche. Paolo Villaggio è un dilettante in confronto a questi figuri…

  • 17 Dicembre 2014 in 20:27
    Permalink

    D’avvero non d’avversario .

  • 17 Dicembre 2014 in 20:29
    Permalink

    Davvero

  • 17 Dicembre 2014 in 20:29
    Permalink

    Ma ieri…..oggi cambiato tutto !!?

  • 17 Dicembre 2014 in 20:29
    Permalink

    Ma poi…scusate…le dichiarazioni di Doca, quelle di ieri, chi le ha ‘dichiarate’? L’ufficio stampa del Parma? Chi è che sta bluffando? I compratori, i venditori oppure entrambi?

  • 17 Dicembre 2014 in 20:32
    Permalink

    ad onor del vero c’era ben più di un indizio ad attestare che ieri non era stato fatto nessun atto . Basta leggere l’incipit del comunicato del Parma … Facendo seguito al comunicato dell’11.12.2014, la società Parma Fc comunica il nuovo organigramma:

    Presidente: Dottor Pietro Doca

    Vice Presidente: Avvocato Fabio Giordano

    Direttore Generale: Pietro Leonardi…
    Diciano che può ancora essere venduta come : calma e gesso, stiamo arrivandoci in fondo ma non ce l’abbiamo ancora fatta.
    Ma la domanda più allarmante è : come mai il Parma ha tanta fretta nel fare certe comunicazioni? Cosa c’è nel pentolone?

  • 17 Dicembre 2014 in 20:32
    Permalink

    Altro gran colpo dell’area comunicazione del Parma

  • 17 Dicembre 2014 in 20:33
    Permalink

    Majo la prego mi dica allora come andra a finire. Oggi donadoni ha detto di dimostrare alla nuova societa cosa valiamo,questo doca ha gia predisposto la conferenza stampa non capisco perche adesso deve uscirsene con queste cose !?

  • 17 Dicembre 2014 in 20:34
    Permalink

    Meglio TACIERE

  • 17 Dicembre 2014 in 20:35
    Permalink

    Scusate ma siamo sicuri di questo articolo?Da dove è spuntato?

    • 17 Dicembre 2014 in 20:36
      Permalink

      Sì. confermo, la notizia è certa e verificata.

  • 17 Dicembre 2014 in 20:39
    Permalink

    Egregio Direttore,

    Questa nota è una congettura di Pasquali oppure è una nota di agenzia scritta dal medesimo ?

    Ci potrebbe dire LA FONTE ESATTA della notizia che Lei stesso “defisce” bomba ?

    Perchè, correttamente, proprio di questo si tratta !

      • 17 Dicembre 2014 in 20:46
        Permalink

        Ma scusi direttore ci sono le sue dichiarazioni ieri sera dove diceva lui stesso che aveva comprato!

          • 17 Dicembre 2014 in 20:50
            Permalink

            Ho capito ma ai giornalisti che lo hanno chiamato ha detto che avrebbe chiarito tutto venerdì….quello non era un comunicato…quindi lei vuole fare inte dere che il Parma abbia inventato quel comunicato stampa?siamo al limite della legalità

          • 17 Dicembre 2014 in 20:54
            Permalink

            Le illegalità sono altre. Se leggete bene non è mai stato menzionato il passaggio di proprietà. E neppure il notaio

  • 17 Dicembre 2014 in 20:39
    Permalink

    Direttore le chiedo da buon giornalista di verificare la realtà’ della notizia.
    Sennò’ qui tutti possiamo divulgare castronerie: che so’ Ghirardi ha venduto il Parma al califfato dell’Isis che ha sgozzato Doka e Taci per prendere il controllo del Parma.
    Ma su la’ controlliamo please.

    • 17 Dicembre 2014 in 20:41
      Permalink

      Già fatto. Verificato. Se no non pubblicavo. per chi mi avete preso?

  • 17 Dicembre 2014 in 20:40
    Permalink

    Ghirardi è’ da carcere duro al limite della lapidazione

  • 17 Dicembre 2014 in 20:40
    Permalink

    Ma perché se Doca rilascia dichiarazioni ai giornali non dice subito che non è ancora il presidente? Ieri dice che l’operazione è stata portata a termine con successo, poi dice che non può dire nulla per un patto di riservatezza, poi se ne esce con questo comunicato.. Mah io non capisco, sul sito del Parma hanno già modificato (anche se solo per quanto fino a ieri noto) l’organigramma, già deciso il giorno della conferenza e ora se ne esce così? Sto cercando una risposta razionale ma non la trovo, se lei Direttore ha qualche idea ci illumini..

  • 17 Dicembre 2014 in 20:41
    Permalink

    oh c’e il caso che sia il liquidatore

  • 17 Dicembre 2014 in 20:42
    Permalink

    Domani altra sconfitta sicura figlia di una prestazione ridicola, goffa e insicura: ma Donadoni e i giocatori a questo punto che colpe hanno?

  • 17 Dicembre 2014 in 20:43
    Permalink

    Due pattone bene assestate però se le merita tutte il nostro tommasone!!!!!!

    • 17 Dicembre 2014 in 20:44
      Permalink

      Sapete che questi discorsi non mi piacciono…

      • 18 Dicembre 2014 in 10:39
        Permalink

        Comprendo quello che dici e condivido ma “la pattona pramzana” non é violenza, é educazione! 😉

  • 17 Dicembre 2014 in 20:43
    Permalink

    Doca non aveva parlato anche con il sindaco??

  • 17 Dicembre 2014 in 20:44
    Permalink

    Direttore,

    non crede, a questo punto, che qualcuno dovrebbe essere legato come un “cotechino di Boschi ” ?

  • 17 Dicembre 2014 in 20:44
    Permalink

    Non ho più parole…..Ghirardi Leonardi Doca andatevela a far….

  • 17 Dicembre 2014 in 20:45
    Permalink

    Ma cosa sta capitando majo

  • 17 Dicembre 2014 in 20:45
    Permalink

    Senta Majo,dato che a Parma il tifo organizzato al massimo organizzerà una cena per berci sopra, si faccia portatore dei tifosi del Parma di altre parti d’Italia ed insieme ad i suoi colleghi anche di tv parma, metta alle corde mediaticamente il sindaco e lo costringa ad un faccia a faccia con Ghirardi ! Venga costretto a metterci la faccia davanti le telecamere ed i microfoni! Ora basta, questa è istigazione alla violenza!

  • 17 Dicembre 2014 in 20:45
    Permalink

    Ma i parenti stretti di Ghirardi cosa pensano di questo teatrino? Ammesso che un’opinione se la siano fatta…

  • 17 Dicembre 2014 in 20:45
    Permalink

    fammi capire bene direttore hai parlato tu direttamente con Doca?

    • 17 Dicembre 2014 in 20:46
      Permalink

      No, altri colleghi di cui ho fiducia che hanno parlato con lui

  • 17 Dicembre 2014 in 20:47
    Permalink

    Corte dei miracoli Parma Fc….
    Cmq non aveva dichiarato ufficialmente sul sito, e alla gazzetta ben altro!?!?
    Mmmmm strano….

  • 17 Dicembre 2014 in 20:47
    Permalink

    L articolo lo trovate sulla libertà quotidiano di piacenza è online letto prima

  • 17 Dicembre 2014 in 20:49
    Permalink

    Quindi venerdì cosa presentano? La batteria di pentole? E Le dichiarazioni di Pizzarotti che ha parlato telefonicamente col nuovo presidente?? a questo punto meglio la D e uno striscione perenne in curva nord “Ghirardi pezzo di ….” corredato da coro simile a quello per la Reggiana per i secoli a venire..

    • 17 Dicembre 2014 in 20:55
      Permalink

      Salta tutto.

      Se nel frattempo non si aggiusta tutto

  • 17 Dicembre 2014 in 20:49
    Permalink

    comunque servira’ da lezione anche a me,che la prossima volta che qualche bimbominkia mi rompe i coglioni che son negativo sfigato nador rompo i coglioni ,straparlo devo andare a vedere la reggiana te sai sempre tutto etc etc gli rispondero’ cortesemente se maio me lo concede per la prima e l’ultima volta FACCE DIMMERDA !

  • 17 Dicembre 2014 in 20:52
    Permalink

    Majo,
    Fabris non sbaglia mai…
    Doka è un democristiano come Assioma e Angella cosa vi aspettavate…

    • 17 Dicembre 2014 in 20:53
      Permalink

      Fabris non c’entra una benedetta mazza. Ha ricevuto, come tutti noi, una nota stampa dal collega di Piacenza

    • 17 Dicembre 2014 in 20:56
      Permalink

      ma vai a cagare te e osso deficente

  • 17 Dicembre 2014 in 20:54
    Permalink

    Questi qui, comunque, han superato, e di gran lunga, i protagonisti e le comparse, più o meno comiche, della precedente cessione. Pensavamo di aver toccato il fondo, e invece ora ci siamo messi a scavare. Intanto domani sera andrà in onda il Napoli Parma più insensato e scontato di tutti i tempi.

  • 17 Dicembre 2014 in 20:57
    Permalink

    Lo so però è stato il primo a batterla….

    • 17 Dicembre 2014 in 21:30
      Permalink

      Assolutamente no. Si vede che non sei un buon lettore di StadioTardini.it

  • 17 Dicembre 2014 in 20:58
    Permalink

    Secondo di Marzio la cessione è ufficiale

    • 17 Dicembre 2014 in 21:29
      Permalink

      Se lo dice lui che è il profeta…

      Se non c’è la firma dal notaio è fuffa. E quella, temo, manchi, con buona pace degli uffici stampa unofficial…

  • 17 Dicembre 2014 in 21:00
    Permalink

    Intervistato stamattina a Piacenza e la notizia esce la sera alle 20.10????? Ma i giornalisti cosa fanno durante il giorno? Questa cosa puzza molto

    • 17 Dicembre 2014 in 21:28
      Permalink

      Non puzza affatto. La notizia è questa ed è confermata

      La notizia su stadiotardini.it è uscita alle 20 dopo le opportune verifiche dalla ricezione del comunicato, con un coordinamento tra diverse redazioni. Stamani, anche se era uscita sul sito piacentino, evidentemente non era stata trovata. Poi è stato Doca a chiedere la consulenza al collega per inviare la nota alle redazioni,

  • 17 Dicembre 2014 in 21:01
    Permalink

    figura di emme del Parma FC
    figura di emme dell’ufficio stampa del Parma FC (con sommo godimento del direttore di questo blog…)
    figura di emme dello stesso Doca o Doka o seemplicemente Ocò
    figura di emme di Ghirardi & Co per non aver impedito, se era il caso, la diffusione di un comunicato stampa farlocco e fanfarone
    figura di emme del sindaco che al tg di Tv Parma di stasera gongolava di aver già avuto una telefonata con Doca con annessa promessa di immediato ed ufficiale incontro per, testuale, il “passaggio di consegne”
    ma cosa dobbiamo aspettare ancora per mettere alla porta tutti costoro????

    • 17 Dicembre 2014 in 21:26
      Permalink

      Si sbaglia per quanto riguarda il punto 2. L’ufficio stampa del club non c’entra una beneamata mazza (stasera ho la mazza in testa, e non quella da baseball) con i comunicati di cui fa da passamano. E, essendoci già passato, non posso che esprimere la mia solidarietà. I sentimenti di godimento nelle disgrazie non mi appartengono. Sono una persona diversa.

    • 18 Dicembre 2014 in 10:45
      Permalink

      AHAHAH “Doca o Doka o seemplicemente Ocò” BRAVO, GENIALE!

  • 17 Dicembre 2014 in 21:03
    Permalink

    Cosa vuoi che si aggiusti Gabriele….a meno che non sia un modo che ha trovato Dola per non essere tempestato di chiamate….

  • 17 Dicembre 2014 in 21:04
    Permalink

    basta speriamo di fallire. ste figure di merda ci stanno umiliando.e spero che insieme a noi affondi anche ghirardi

  • 17 Dicembre 2014 in 21:04
    Permalink

    Nel comunicato si legge che venerdì si presentano i nuovi azionisti. Ergo un passaggio notarile deve esserci stato. Delle due l’una: o è falso il comunicato di ieri e sarebbe davvero squallido e gravissimo, o è un depistaggio quello di oggi. Tertium non datur.

    • 17 Dicembre 2014 in 21:23
      Permalink

      Il passaggio di proprietà non era stato sancito. Né il notaio era stato menzionato

      • 17 Dicembre 2014 in 22:22
        Permalink

        Ma scusa ma se proprio te avevi dato la conferma direttamente del notaio Posio per l’appuntamento del pomeriggio? E poi nel virgolettato si parla proprio di acquisizione….

  • 17 Dicembre 2014 in 21:06
    Permalink

    E’ talmente una notizia di così poco conto che su sky tg24 manco la citano, come del resto ieri dopo il comunicato d’acquisto del Parma non rientrava nelle notizie dell’ultima ora, aveva fatto più notizia su sky la storia del mancato acquisto del Brescia di settimana scorsa. ho detto tutto

  • 17 Dicembre 2014 in 21:06
    Permalink

    Andiamocela a riprendere … intendo la squadra. Raccolta firme per mangiare spaghetti per 3 generazioni …

  • 17 Dicembre 2014 in 21:07
    Permalink

    e Leonardi?zitto e mosca eh?che schifo…che non so facciano vedere in città!

  • 17 Dicembre 2014 in 21:07
    Permalink

    Forse è venuto a meno il patto di riservatezza…ghirardi boffo”’

  • 17 Dicembre 2014 in 21:09
    Permalink

    A questo punto non dobbiamo più fidarci nemmeno del sindaco? Qui c’è qualcosa che strapuzza di m…..

  • 17 Dicembre 2014 in 21:13
    Permalink

    Forse e’ ora che tutti i parmigiani , tv , politici, tifo organizzato inizino a mobilitarsi in modo da portare all’attenzione nazionale quello che sta succedendo a Parma e che inizi uno sputtanamento verso il sig.Ghirardi in modo da farlo additare dalla gente quando lo incontra per strada!

  • 17 Dicembre 2014 in 21:23
    Permalink

    Di marzio non sa niente che non sia una.bufala

  • 17 Dicembre 2014 in 21:23
    Permalink

    So che ne avete già parlato… Ma scusate ma il virgolettato di ieri sul comunicato stampa??

    Questo il commento del nuovo Presidente Pietro Doca:

    “Sono felicissimo di poter finalmente annunciare ai tifosi del Parma che, dopo un intenso lavoro, l’operazione di acquisizione è stata portata a termine con successo. Io e i miei collaboratori vogliamo operare affinché questa gloriosa società possa avere un futuro solido. Ringrazio Tommaso Ghirardi per l’impegno e la dedizione che in questi anni ha profuso per il bene del Parma”.

    Le virgolette non stanno per la voce di Doka?? E l’organigramma già aggiornato nel sito?? Ma possibile che una società di serie A possa arrivare a scrivere cose fasulle del genere? Va bene che in 7 anni ci siano stati pesanti errori di comunicazione, soprattutto negli ultimi mesi, ma scrivere follie del genere mi pare esagerato anche per il Parma calcio… Anche l’altra volta Taci aveva smentito tutto… Poi ieri si è visto che c’è dentro fino al collo… Io voglio prenderla come una non notizia per qualche arcano mistero… I miei maroni non possono sopportare ancora queste cose… Visto che in molti hanno poco apprezzato la scelta di Doka (o Doca o come preferite) voglio pensare che l’ipotetico nuovo presidente abbia voluto buttare un pò di pepe al culo agli scettici…

    • 17 Dicembre 2014 in 22:18
      Permalink

      e alora caro Rucaru se fosse cosi’ LE PROPRIA UN SIOCHET E DI CAL VAGA A DER AL CUL A CA SOVA

  • 17 Dicembre 2014 in 21:25
    Permalink

    Majo cosa fa? epura i commenti?

    • 17 Dicembre 2014 in 21:31
      Permalink

      Se sono troppo sconci sì. Oppure ci vuole un attimo di pazienza affinché li moderi. Ma non mi pare di aver fatto il braghettone col suo

  • 17 Dicembre 2014 in 21:55
    Permalink

    Che tristezza…e che pagliacci…Ghirardi…Leonardi e sta manica di albanesi tragattini

  • 17 Dicembre 2014 in 22:05
    Permalink

    Purtroppo l’unica mossa di ghirardi (scritto in minuscolo, questo è il mio rispetto verso di lui) è stata quella di inventarsi per due mesi la cessione di società per tenere buona la piazza e prendere tempo verso i creditori.
    ghirardi sarà ricordato a Parma SOLO per colui che ha portato al fallimento la società.

  • 17 Dicembre 2014 in 22:31
    Permalink

    Majo scusi, ma qualcuno ha provato a sentire la versione della società?

  • 17 Dicembre 2014 in 23:51
    Permalink

    Quello che è paradossale è che anche il Sindaco ci ha parlato con questo signore e nell’intervista rilasciata a TV Parma Pizzarotti ha ribadito sostanzialmente le dichiarazioni di Doca virgolettate nel comunicato della società! A questo punto mi chiedo, ha parlato con un fake?

  • 18 Dicembre 2014 in 00:45
    Permalink

    Naturalmente anche quando unn signore dichiara certe cose e il giorno dopo le smentisce, è comunque colpa solo di Ghirardi o Leonardi. Non fa una piega

      • 18 Dicembre 2014 in 00:53
        Permalink

        Del duo si è dibattuto e si dibatte ampiamente. Doca ha fatto tutto bene? Mi risponda. Se il virgolettato di ieri a lui attrinbuito era un fake, niente da dire.

        • 18 Dicembre 2014 in 00:56
          Permalink

          Il comunicato è stato emesso dai legali del Parma e diffuso attraverso il sito ufficiale del Parma. Doca avrà anche confermato parlando con qualche giornalista la sostanza delle cose. Il problema, secondo me, è la società di Cipro di cui è rappresentante legale il Doca. Comunque sia a me non è mai piaciuto Taci in via diretta, immaginarsi in via indiretta. Ma è Tommaso Ghirardi, sotto la regia di Pietro Leonardi, che ha scelto, o si è+ trovata costretta, ad agire con determinati soggetti. Quindi non dico che la colpa è di uno, bensì di tutti i soggetti coinvolti. E aggiungo che è una vera schifezza. E che è uno scandalo che il Sindaco e certi maggiorenti parmigiani avallino situazioni così.

          Saluti

          Gmajo

          • 18 Dicembre 2014 in 01:07
            Permalink

            Concordo, ma con due note: 1 doca non ha confermato parlando con alcuni giornalisti, ma sul comunicato ufficiale del parma. Se poi scopriamo che è un virgolettato fake è un altro paio di maniche.
            2 il sindaco povrèt al massimo gli mandano qualcuno o fa/riceve una telefonata, non direi che ha avallato alcunchè.
            cosa volete che sappia il sindaco di ste robe….

          • 18 Dicembre 2014 in 01:20
            Permalink

            La sparo grossa alla Boni, ma se, come temo, ci saranno contrattempi, Pizzarotti dovrebbe dimettersi. Specie se, come dice lei, non sa niente di ste robe.

            Cordialmente

            Gmajo

  • 18 Dicembre 2014 in 11:31
    Permalink

    secondo me a napoli vinciamo….

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI