DONADONI: “CHI TIRA I REMI IN BARCA E’ UNA PERSONA CHE NON HA NIENTE A CHE VEDERE CON QUESTO GRUPPO E DEVE STARNE FUORI”

(gmajo) – Per Zeman Parma-Cagliari  “non è certo stata una partita epica”,  per Roberto Donadoni, c’è stato un vistoso passo indietro come prestazione, anche se con la giustificazione del solito infortunio, stavolta quello di Jorquera – che era appena rientrato dopo più di due mesi out per via dello strappo rimediato a Bergamo con l’Atalanta – il quale pare abbia rimediato una presunta frattura al piede. E da questo punto di vista piove sul bagnato. Meno male che non ci sono stati traumi per l’altro atteso ritorno, quello di Gabriel Paletta, un tackle del quale ha fatto pensare a non pochi dei suoi ammiratori che possa presto tornare quello che era, al di là di qualche passaggio o intervento non propriamente limpido, ma dopo quattro mesi fuori ci vuole un po’ per riadattarsi e prendere le misure, e sarebbe assurdo attendersi la perfezione immediatamente. Di buono c’è che il Parma è tornato a muovere la classifica, peraltro tornando di nuovo a quella quota 6 lasciata in settimana dopo la penalizzazione per la Licenza Uefa: terribilmente poco in assoluto, ma, incredibile dictu, il Parma, dopo l’odierna giornata, può ancora considerarsi in corsa, poiché le altre, bontà loro, continuano ad aspettarci, come ha fatto rilevare, verso la conclusione del question time, Vanni Zagnoli, trovando l’assenso del mister: “Sicuramente non andiamo a Napoli sconfitti, o per fare una passeggiata, ma con la convinzione, la voglia e la volontà di fare un risultato positivo, così come sono entrati in campo oggi, al di là del fatto che ci sia di fronte il Napoli, il Cagliari o l’Atalanta, per dire. E quindi, se così fosse, vorrebbe dire aver già tirato i remi in barca, e qui chi si permette di aver tirato i remi in barca è una persona, non dico un giocatore, che in questa società e con questo gruppo non ha niente a che vedere, e deve starne fuori. Quindi se avrò la sensazione di qualcuno che si comporta con questo tipo di atteggiamento, con il sottoscritto non ci sta”.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

E PIOVANI STRAPPA UN SORRISO A ZEMAN: “NO, NON MI RICORDO IL MIO ULTIMO 0-0. PERO’ CE NE SONO STATI…”. L’ABBRACCIO DI ZDENEK ALL’AMICO BELLE’

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

111 pensieri riguardo “DONADONI: “CHI TIRA I REMI IN BARCA E’ UNA PERSONA CHE NON HA NIENTE A CHE VEDERE CON QUESTO GRUPPO E DEVE STARNE FUORI”

  • 14 Dicembre 2014 in 19:36
    Permalink

    Chi tira i remi in barca più di lui???? Gotti, Andreini o Bortolazzi??? Ormai non conosce più vergogna nel commentare le partite???? Prima dell’Epifania vengo io a Collecchio a fargli 2/3 domande tattiche che non capisco

  • 14 Dicembre 2014 in 19:39
    Permalink

    penoso

  • 14 Dicembre 2014 in 20:03
    Permalink

    vai a bussare a formello uomo di….

  • 14 Dicembre 2014 in 20:07
    Permalink

    Vattene allenatore a testa bassa

  • 14 Dicembre 2014 in 20:31
    Permalink

    Beh penso che la carriera a grandi livelli se la sia giocata…farà la fine di Guidolin…permaloso e cocciuto…

  • 14 Dicembre 2014 in 20:36
    Permalink

    Secondo me ha dei problemi seri….

    • 14 Dicembre 2014 in 20:54
      Permalink

      e’ dal 12 luglio che lo vo ripetendo

  • 14 Dicembre 2014 in 20:44
    Permalink

    Majo, c’è chi dice che la storia dei russi sia una bufala…lei ha sentito niente allo stadio?

    • 14 Dicembre 2014 in 20:46
      Permalink

      Beh, per me non sarebbe una novità… Angella ve lo aveva già detto lunedì scorso che più che russi c’erano dei romani…

  • 14 Dicembre 2014 in 20:52
    Permalink

    Mi chiedo ma Donadoni viene da ” Marte”…La squadra non lotta a parte qualche elemento, ma fa errori elementari, movimenti senza palla chimere. Idea di gioco approssimitiva e dire poco. Probabilmente si permette certe fantasiose dichiarazioni perché la societa è inesistente e quella presunta ” Nuova” affida ancoara a Leonardi la barca che affonda.

  • 14 Dicembre 2014 in 21:04
    Permalink

    Verso le 18 ero sotto la curva nord insieme ad alcuni tifosi e un noto giocatore del Parma, punto di riferimento per la squadra e per i tifosi, persona onesta e legata da anni al Parma, mi ha detto che loro non sanno di preciso i nomi ma, secondo le loro indiscrezioni in loro possesso , sarebbero più imprenditori italiani e di russo cipriota in sostanza non ci sia praticamente nulla. Nel cda dovrebbero arrivare nomi di spicco della società italiana (legati anche ad ambienti bancari).
    O questo giocatore è stato un bravo attore (ma non penso) oppure ha detto la verità e quando gli ho detto di Kerimov e colossi del petrolio russo mi ha detto d no, che non ci sono assolutamente loro dietro all’acquisizione.
    Io dico solo una cosa: perchè dire a sky domenica scorsa della cordata russo cipriota quando è una cordata in sostanza tutta italiana? Questa è l’ennesima presa per i fondelli di questa società, l’ennesima illusione.
    Non ci resta che aspettare martedì ma spero che almeno un giornalista chieda a Leonardi perchè ha messo in giro della cordata russa domenica scorsa. I tifosi si illudono perchè è nell’indole del tifoso sognare. Infine: che interessi ha questa cordata di piccoli imprenditori italiani? Se uno prende il Parma o è un grande tifoso (poteva essere così se si trattasse di piccoli di tifosi locali del Parma come Dallara) oppure un grande magnate russo o del qatar che adora il calcio e vuole fare follie. Di questa situazione non ci si capisce nulla, o forse si capisce anche troppo sulla regia.

    • 14 Dicembre 2014 in 21:13
      Permalink

      Dovresti dirlo a paolo, alessandro, che qualche giorno fa dubitava delle qualità dell’ispettore Angella – un vero e proprio finanziere mancato – che già aveva riferito che si potesse trattare di una cordata molto più romana che russa…

      Sulla “regia” del Leo io mi sono speso parecchio, durante il we, poiché un mio vecchio cavallo di battaglia era che prima o poi gli sarebbe rimasto in mano il Parma senza Ghirardi. Però non sono sicuro al 1000% che sia proprio così, perché ci sono ancora troppe lati oscuri e contradditori che mi lasciano perplesso.

      Non ho mai creduto a kerimov o altre fantasiose soluzioni “alla grande” e ribadisco che mi genufletterò sui ceci qualora ci acquistasse lui (o uno similare. Ma per similare intendo uno come Kerimov, mica il benzinaio di Durazzo, piuttosto che la sanitaria Borromeo).

      La storia, poi, dei membri che comporranno il Cda mi sta prendendo parecchio: sono proprio curioso di vedere chi siano questi nomi di spicco – seclti uno per ambiente, proprio per mandare un segnale – della società italiana. Penso anch’io che ci possano essere di mezzo delle banche, specie MPS con cui il Parma ha lavorato negli anni passati, e quindi qualche esposizione potrebbe essere lì. Insomma, non mi stupirei che capitasse come con la Roma del post Sensi.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 14 Dicembre 2014 in 21:18
    Permalink

    Ragionamenti seri si potranno fare dopo martedì quando si capirà’ che vuol fare la nuova proprieta’.
    Donadoni ha le sue colpe ma di temi chi doveva far giocare oggi di così funambolico?
    All’attacco presentò solo Casper Palladino e il tuareg Belfodil
    Sulla destra grande scelta tra Rispoli e Ristowski.
    Ma di che stiamo parlando?
    Ci sono giocatori chiaramente inadeguati tanto e’ vero che tra i migliori figurano sempre il ragazzino Mauri e Costa, arrivato quasi per sbaglio.
    Per questo continuo a credere che a questo punto e fino a quando la nuova società’ non deciderà’ il da farsi sarebbe utile utilizzare qualche ragazzetto a partire dal l’attaccante Haraslin(un piccolo Babiany) e al centrocampista Broh

    • 14 Dicembre 2014 in 21:19
      Permalink

      Guarda che questa squadra è stata allestita dall’ammiraaglio Leonardi, il tuo mito. Mica l’ho allestita io o assioma o altri

      • 14 Dicembre 2014 in 21:37
        Permalink

        e le scelte tecniche chi le avvalla se non un allenatore con le palle,ma questo le palle le sa solo raccontare.

        Belfodil Lodi chi li ha voluti caro alfredo io ?
        e non mi dire che li ha dovuti accettare sto pezzo *** di un allenatore

      • 14 Dicembre 2014 in 21:44
        Permalink

        Direttore, non hanno cambiato la lampadina all’ingresso di collecchio…..e poi non hanno tagliato bene la siepe davanti al campo principale e non pulito bene la piscina….cavoli direttore….ha proprio ragione lei questo Leonardi non fa’ proprio nulla…pensa solo alla sua cordata romana.
        P.s. ma pensi a fare il giornalista serio…se proprio si puo’ chiamare giornalista.

        • 14 Dicembre 2014 in 22:08
          Permalink

          Intanto spenga la sigaretta elettronica, bell’uomo dei miei stivaletti,

          Io giornalista professionista lo sono e mi comporto da tale. Per questo non rispondo alle sue provocazioni. E parlo con argomenti concreti. Che la lampadina all’ingresso di Collecchio non sia stata cambiata non è un problema che mi interessi, mentre la piscina di Collecchio sarebbe stata meglio non farla (a meno che non sia quella che ora abbia fatto valutare 35 ml tutta la struttura i cari amici del credito sportivo). Lasciamo perdere la siepe: vogliamo, però, parlare dei campi di Collecchio del Tardini di cui si lamenta anche Donadoni?

          Ma pensiamo alle cose serie, anche se il suo Leo si occupa dall’alta finanza fino, appunto, alle lampadine: da giornalista serio quale sono le ricordo che è l’amministratore delegato del Parma in carica dal giugno 2009, periodo durante il quale ci aveva predicato che grazie alla sua gestione virtuosa dopo 2-3 esercizi (durante i quali, guarda un po’, si erano dimessi dal Cda l’avvocato Zaglio e il commercialista Martini, da sempre uomini di fiducia della famiglia Ghirardi Pasotti, che non mi paiono proprio dei fessacchiotti e che se erano usciti dalla galassia qualcosa voleva pur dire) si era sanato il deficit della B, mentre ora, dopo altri 2-3 anni è tornato di moda quell’handicap iniziale.

          Leonardi, poche balle, è l’ad del Parma, prima squadra penalizzata in serie A (o una delle poche) e l’Ad della prima squadra qualificata in Europa esclusa (a torto o ragione, per ora ci sono cinque o sei gradi di giudizio univoci contro il Parma) dalla EL. Questi sono fatti concreti riscontrabili. Le altre quisquilie le lascio a lei e a totò

          Gmajo – Giornalista Professionista – Tessera nr. 78027 (che sostituisce la logorata 58599).

          • 15 Dicembre 2014 in 09:44
            Permalink

            All’epoca ti possoa garantire che non si era sanato un bel niente del deficit della retricessione e che gia’ allora gli advisor che controllavano la finanza della societa’ evidenziando un buco superiore ai 20mln erano molto allarmati

          • 15 Dicembre 2014 in 10:04
            Permalink

            Era stato il leo ad annunciare tre anni fa che i danni della retrocessione erano sanati

      • 14 Dicembre 2014 in 22:09
        Permalink

        con cassani paletta e biabiany non eravamo certo ultimi! unico errore del leo è stato riprendere belfodil

        • 14 Dicembre 2014 in 22:42
          Permalink

          Che te devo dì. Che alla prima partita c’erano tutti e tre, a Cesena, e mi pare che lo spartito fosse molto similare a quello poi interpretato da altri interpreti pur di minor rango rispetto al loro

      • 15 Dicembre 2014 in 09:41
        Permalink

        Senza una lira e con l’obbligo di rientrare nemmeno chi ha resuscitato Lazzaro poteva fare di piu’ su questa terra. Se parki del regno dei cieli…beh quella e’ un’altra storia

  • 14 Dicembre 2014 in 21:30
    Permalink

    Scusi majo e quali sarebbero gli interessi per questi romani di acquistare il parma?? Fare un favore a Leonardi?? Ma per favore…. Leonardi è’ già a Genova che garanzie darebbe a questa cordata??? Ripartiamo da Fidenza, martedì sara ufficiale….

    • 14 Dicembre 2014 in 21:44
      Permalink

      Come ogni investitore che si rispetti avrà necessità di far girare l’economia, così come il Parma ha bisogno di liquidità. Domanda e offerta che si incontrano. Poi che il Parma possa essere un pessimo affare dipende dai punti di vista. Ad esempio la regia sostiene che, al di là dei debiti (pochi o tanti che siano ma altri potrebbero esser messi peggio: nessuno, però, in A era mai stato penalizzato e comunque degli altri, scusate, me ne impipo) ci possano essere ottimi motivi di business dal centro sportivo di collecchio, il cui valore, secondo quanto ci è stato riferito, sarebbe di 35 ml secondo una perizia del credito sportivo (che peraltro lo aveva finanziato per 6,5 ml, per lo meno il nuovo direzionale, ma mi pare una plusvalenza da record…) o allo stadio la cui cubatura potrebbe equivalere 200 ml.

      Comunque, come si suol dire, calma & gesso. Ma dimentichiamoci Keramov

  • 14 Dicembre 2014 in 21:31
    Permalink

    Non avete ancora capito i russi non possono essere i responsabili cioe cacciare i soldi direttamente per via dell embargo ue hanno bisogno di prestanomi che siano italiani o ciprioti sotto ce kerimov e abramovic ma loro non lo diranno mai vediamo il mercato il nuovo presidente sarà italiano ma i soldi non le mette lui i finanziatori sono petrolieri russi della gazprom
    sveglia

    • 14 Dicembre 2014 in 21:36
      Permalink

      No. sveglia te, augusto… Ma quale Kerimov, ma quale abramovic. Viene giù dal pero. Se ti va bene ti salva la sanitaria borromeo. Hai letto alessandro? Ha parlato con un giocatore che gli ha detto quel che ha scritto. prendiamo con beneficio d’inventario quanto gli ha detto il giocatore, ma non illudiamoci che venga giù dal cielo il cavaliere biancorosso!

  • 14 Dicembre 2014 in 21:32
    Permalink

    Sono amici di moratti

    • 14 Dicembre 2014 in 21:51
      Permalink

      Anche noi siamo amici, ciò non toglie che tu non mi darai mai 50.000 euro per salvare stadiotardini.it oppure non so quanto per salvare parmafanzine.it

  • 14 Dicembre 2014 in 21:38
    Permalink

    Vediamo chi ha ragione preparati a pagare la scommessa gabriele

  • 14 Dicembre 2014 in 21:39
    Permalink

    ci stanno tenendo attaccati al polmone artificiale per non far saltare il banco del campionato

  • 14 Dicembre 2014 in 21:39
    Permalink

    Dasfidania

  • 14 Dicembre 2014 in 21:41
    Permalink

    Majo non c’era nessun calciatore del parma alle 18 e sicuramte non si sarebbe mai messo a parlare con la gente in questa situazione….. Sveglia majo sveglia ….. Come dice lei le notizie vanno verificate…

    • 14 Dicembre 2014 in 21:46
      Permalink

      Conosco personalmente “alessandro”, col quale mi ero sentito già al telefono prima. I giocatori hanno lasciato l’ennio o li hanno chiusi dentro per portarli in Siberia.

      Saluti

      Gmajo

      • 14 Dicembre 2014 in 22:20
        Permalink

        Alle ore 18 ho incontrato con alcuni altri tifosi questo giocatore, simbolo di professionalità ed abnegazione per la squadra nonchè punto di riferimento per tifosi e compagni. Lo abbiamo aspettato per lungo tempo perchè prima stava parlando con suo famigliare (che conosciamo bene..), sicuri di ottenere rassicurazioni circa le note vicende del Parma. Alle ore 18, caro Francesco, ci sono ancora tante auto dei giocatori sotto la nord: ne sono passati molti, però abbiamo scelto di fermarci con lui perchè è la persona più indicata. Si vede, Francesco, che non frequenti lo stadio nel post partita! Lui mi ha detto quello che vi ho riportato sopra. Magari recitava una parte, oppure ci diceva proprio la verità. Se mi sono permesso di riportarvela è perchè voglio troppo bene al parma e voglio chiarezza martedì, quella che è mancata in questi anni da parte di Ghirardi e Leonardi. Aspettiamo martedì, con la speranza di vedere a Parma (eh si c’è anche il dubbio che venga fatta a Brescia) la conferenza stampa aperta a tutti i tifosi crociati

        • 14 Dicembre 2014 in 22:34
          Permalink

          La conferenza stampa si terrà a Parma: me lo ha detto, in camera caritatis Leonardi, che ha anche detto che sarebbe un non senso farla altrove.

          Vedremo, piuttosto, a che ora. Visto che il notaio è bresciano. E poi l’imprevisto è sempre in agguato

        • 15 Dicembre 2014 in 09:48
          Permalink

          Magari poveretto sapeva anche lui solo quello che gli hanno raccontato

          • 15 Dicembre 2014 in 10:02
            Permalink

            Sono stati cosi convincenti o l’hanno spiegata così bene…

    • 14 Dicembre 2014 in 21:48
      Permalink

      A parte che, in ogni caso, qui siamo nello spazio commenti, non è un articolo ufficiale. Articoli ufficiali li faccio quando ho ben chiaro le situazioni, o per cercare di avere più chiare le situazioni.

      Sveglia te e tutti coloro che pensano che Keramov venga qui.

      Poi se ci viene mi inginocchio sui ceci o cammino sui carboni ardenti: tanto li ho di amianto…

  • 14 Dicembre 2014 in 21:42
    Permalink

    Mi correggo Dasvidania

  • 14 Dicembre 2014 in 21:50
    Permalink

    Personalmente non credo che per una settimana tutti i giornali nazionali, le tv ed anche la gazzetta di Parma abbiano preso un abbaglio riguardo la cordata russa! O hanno inventato tutto o solo Angella ha capito la verità, dato che anche Majo in un mio precedente post ha detto che per lui la cordata è russa ma anche romana, quindi non solo romana! Inoltre posso dire con certezza,perchè mi è stato riportato da uno dei membri dello staff tecnico-dirigenziale, che fino a ieri lui non aveva idea di chi fossero e che aveva sentito parlare anche lui di russi,anche se non poteva confermarlo perchè non aveva notizie ufficiali! Questo almeno fino a ieri, oggi non so!

    • 14 Dicembre 2014 in 22:28
      Permalink

      Fino a martedì sono tutte ipotesi e tutte hanno, più o meno, la loro dignità: del resto fin che non c’è chiarezza è logico che fiocchino le indiscrezioni.

      Io non trovo alcun razionale motivo per cui uno del calibro di keramov venga ad invischiarsi nell’inguaiato Parma. Poi, come più volto promesso, se acquisterà lui o abramovic mi inginocchierò sui ceci.

      Angella parlava di cordata più russa che romana dopo aver passato ai raggi x l’unica figura finora nota, e cioè il nominato vice presidente esecutivo del club Fabio Giordano.

      Io mi sono sempre astenuto dal dire la mia perché non ho elementi di giudizio, ma mi pare più convincente il teorema di angella che le sparate auto-alimentatesi di tutti gli altri su keramov.

      Del resto questa vicenda è stata trattata dai colleghi come se fosse una quisquilia di calcio-mercato, tra fumate bianche e manca solo la firma, come se si trattasse di un giocatore.

      Peraltro con gli interessati tutti abbottonati o che ti dicono solo quel che fa comodo.

      Creda a me: nessuno ha in mano elementi chiari in questo momento.

      E poi, sic stantibus rebus, è pure ridicolo prevedere operazioni di mercato in entrata o in uscita.

      Aspettiamo martedì e vediamo se si tratta di bluff (l’ennesimo) o se sul piatto c’è qualcosa di concreto.

      Cordialmente

      gmajo

      • 15 Dicembre 2014 in 13:33
        Permalink

        La verita? e? che lei Direttore non crede all’acquisto della societa’ perche’ non ne trova nè comprende le motivazioni; viceversa io credo che la Famiglia Bassotti pur di disfarsi del problema la vendeewbbe anche a Belzebù in persona quindi sono certo che domani il passaggio di proprietà avverrà e solo domani si potrà cominciare a capire seriamente quali saranno le volontà e le disponibilitàdella nuova proprietà

  • 14 Dicembre 2014 in 21:54
    Permalink

    Majo lei può essere stato al telefono con chi vuole, ma le 18 in curva non c’era nessun giocatore del parma, non spariamo cazzate solo per essere bastian contrari. Non ci saranno i russi, saranno romani e dove starebbe il problema. Vuole proprio andare a Fidenza il prossimo anno? E poi a lei cosa fa pensare che quella dei russi sia una bufala??

    • 14 Dicembre 2014 in 22:21
      Permalink

      Io non ho detto che quella dei russi sia una bufala: ho solo detto che non ho mai creduto nella ipotesi keramov. Ho registrato una testimonianza di un tifoso – di mia conoscenza e fiducia – che se anche non era in Nord, ma al posteggio del Tardini, piuttosto che in via Farini ha avuto un dialogo con un giocatore che gli ha riferito quanto da lui riportato e cioè che non esiste alcuna cordata russo-cipriota, e che anzi ci sarebbe un solo flebile aggancio con l’est europeo. Ovviamente la cosa può essere vera o finta, ma se nello spogliatoio c’è questo tipo di convinzione, capite bene che l’entusiasmo non sia alle stelle.

      A Fidenza, il prossimo anno, ci si potrebbe andare anche con una cordata che ti porta al funerale al posto dell’attuale proprietario: al momento non ci sono elementi certi per poter affermare che il Parma sia salvo o che sia condannato. Quindi, calma & gesso.

      Porsi dei dubbi e non credere alle fiabe (ricordatevi sempre il mio modus operandi anche in occasione della Licenza Uefa quando credevate ai complotti) fa parte dei miei precisi doveri.

      Cosa cambia tra i russi e i romani? A me niente, perché in un caso o nell’altro le motivazioni logiche di questa tipologia di investimento non le vedo.

      Infine: nessuno spara cazzate per esser bastian contrari. Anche perché l’utente in questione mi aveva sbeffeggiato (e lo stesso aveva fatto per mio tramite con Angella) quando il conduttore di Calcio & Calcio aveva riferito la sua versione per cui ci sarebbero più romani che russi dietro questa storia.

      Infine un consiglio: mai illudersi, perché poi si resta delusi. Meglio esser disillusi: poi se si realizza un sogno si gode di più.

      Saluti

      Gmajo

  • 14 Dicembre 2014 in 21:56
    Permalink

    Allora se siete così sicuri fate il nome del giocatore

    • 14 Dicembre 2014 in 22:14
      Permalink

      Non si fa il nome del giocatore, per il semplice fatto che non va messo in difficoltà. Oltre al fatto che le fonti non si tradiscono. Io, personalmente, lo faccio solo con quelle limacciose che passano polpette avvelenate.

      • 14 Dicembre 2014 in 22:24
        Permalink

        Non ci vuole una volpe x capire chi è il giocatore!!!!!

  • 14 Dicembre 2014 in 22:00
    Permalink

    Vecchia guardia dat na sveglieda….purtroppo non siamo al cinema…

  • 14 Dicembre 2014 in 22:00
    Permalink

    E poi scusi majo qualcuno in società ha mai parlato di russi? Leonardi ha mai parlato di russi??

    • 14 Dicembre 2014 in 22:10
      Permalink

      Sì, la scorsa settimana alla squadra era stato parlato di cordata russo-cipriota (era stato Ghirardi, con a fianco l’Avv. Giordano) con conferma di Leonardi a Sky.

      E poi tutti i leonardiani stanno alimentando il mito keramov.

      Se sarà vero, godrò come un riccio, pur dovendomi inginocchiare sui ceci. Ma io cerco sempre di far funzionare il cervello e non trovo una ragione una per cui ci possa essere un interesse del genere.

      • 14 Dicembre 2014 in 22:14
        Permalink

        Andiamo per logica: se tutti i media nazionali parlano di russi,se lei dice che Ghirardi ha parlato di russi alla squadra,allora non crede che ci sia da credere a questo? Ripeto: uno dello staff tecnico dirigenziale non sapeva ancora ieri chi fossero ed anche lui aveva sentito parlare di russi!

        • 14 Dicembre 2014 in 22:41
          Permalink

          Conosco i miei colleghi, che si sono mossi, in questa vicenda, come se si occupassero di calcio mercato. Bene: se nello spogliatoio si è parlato – e successivamente si è ribadito – di cordata russo cipriota, tutti quanti hanno iniziato a ragionare, in mancanza di altri elementi, di chi si potesse trattare, considerata anche la mole del fardello. Qualcuno ha iniziato a buttar lì Keramov e, siccome le corbellerie sono virali, tutti quanti sono stati contagiati. Io, però, ho un antivirus funzionante, cioè il mio cervello che non trova razionale l’ipotesi. Dunque non la escluso, perché non lo posso sapere: ma secondo il mio acume non c’è alcun Keramov.

          Alessandro, che fino all’altro giorno prendeva in giro Angella per l’ipotesi “romana” del collega, dopo aver avuto un colloquio col giocatore da lui aspettato, mi ha chiamato per scusarsi per avere nei giorni scorsi messo in dubbio quella tesi.

          Comunque è inutile che stiamo qui a farci delle seghe mentali, aspettiamo la “guzzata” di martedì sperando che sia soddisfacente, e che ci lascino intonso il lato b.

          Cordialmente

          Gmajo

  • 14 Dicembre 2014 in 22:23
    Permalink

    Simone b dat na svegleda ti io quando ho una notizia metto le fonti altrimenti la mia parola vale come la tua x non mettere in difficoltà il giocatore ma che ne sa lui della nuova società
    Allora io ti riporto una voce di un ex dirigente del parma che mi ha confessato che il parma x quattro anni non tornera piu a certi livelli perché e stato pagato dai grandi club x togliersi dai coglioni

    • 14 Dicembre 2014 in 22:46
      Permalink

      Vecchia guardia,
      C’è il moderatore g. Majo che filtra i miei commenti quindi anche se metto il nome del giocatore lui lo taglia…comunque non finisci mai di spararle…ci vorrebbe Assioma per te a bacchettarti un po’ ahahah

      • 14 Dicembre 2014 in 22:48
        Permalink

        Alla fine io ti ho censurato, ma mi pare che l’identikit dello stesso alessandro (nomen omen) sia stato abbastanza chiaro. Quindi mi scuso: ma come in altri casi precedenti, quando si tratta di essere riservati si deve esser riservati, per rispetto delle persone.

        • 14 Dicembre 2014 in 23:09
          Permalink

          Majo, mi sa che ha appena detto chi è il calciatore in questione. 😉

  • 14 Dicembre 2014 in 22:25
    Permalink

    Majo prepara i ceci anche se martedì non lo saprai

    • 14 Dicembre 2014 in 22:30
      Permalink

      No caro: i ceci sono se keramov o abramovic comprano il Parma.

      Se lo compra la sanitaria borromeo è un altro discorso. Perché io metto in dubbio che ci sia dietro un magnate di quel calibro, non un benzinaio di Tirana

  • 14 Dicembre 2014 in 22:33
    Permalink

    Sono russi,la cosa è certa!

      • 14 Dicembre 2014 in 23:03
        Permalink

        Sono russi o ciprioti o romani, l’importante e’ che danno un aiuto al direttore per trovare i 50.000 euro per tenere in vita stadiotardini.it, per poi comprare un auto nuova al direttore. Poi magari se esce anche un bel contrattino da addetto stampa del parma cosi altro che in ginocchio sui ceci, lo vedremo in ginocchio sulle noci di cocco

        • 14 Dicembre 2014 in 23:15
          Permalink

          Guardi che i cv sono altri miei colleghi che glieli hanno mandati.

          La mia vecchia Tipo, come auto di proprietà, non la cambierei con nessun’altra mondo, fin che campa.

          E la godiola di fare l’addetto stampa del Parma me la sono già tolta qualche anno fa.

          Poi se per la mia professionalità dovessi interessare a qualcuno valuterei coscienziosamente la situazione.

          Infine: i 50.000 euro per tenere in vita stadiotardini.it era una battuta fatta a vecchia guardia: e non sono certo né i russi, né i ciprioti, e men che meno i romani a darmeli. Né io sono in vendita. Per quello possono fare, del resto come già fatto, campagna acquisti altrove.

          Saluti

          Gmajo

          • 15 Dicembre 2014 in 13:36
            Permalink

            vede che si inalbera? dai è una provocazione e poi realisticamente è certo che, indipendentemente da torti o ragioni pregresse di cui non entro in merito, mi sempra infattibile un rapporto di lavoro Majo/Leonardi per secula seculorum
            Senza Amen

        • 15 Dicembre 2014 in 09:54
          Permalink

          Fin che rimane il Leo niente contrattino. E adesso direttore non si inalberi

          • 15 Dicembre 2014 in 10:01
            Permalink

            Mi inalbero perché è il ventilare questi sospetti e secondi fini che mi rende ben diverso da voi.
            Mai ragionato per contrattini. Majo non si vende, e neppure si svende.
            Io sarò anche un morto di fame, ma sono ricco in dignità, anche se al bottegaio non interessa.
            Gmajo

  • 14 Dicembre 2014 in 22:42
    Permalink

    Hostis turbetur quia parmam virgo tuetur

  • 14 Dicembre 2014 in 22:44
    Permalink

    Scusa vecchia guardia ma i certi livelli quali sarebbero? È il motivo che debba togliersi dai coglioni???

    • 14 Dicembre 2014 in 22:51
      Permalink

      Vecchia Guardia ha fatto solo un esempio, inventandosi una situazione, per dire che se si dà credito ad alessandro, allora si può dare credito anche alla sua fantomatica tesi.
      La differenza – a parità di conoscenza, anche se augusto non lo vedo da 40 anni o giù di lì – è che alessandro mi ha riferito una notizia alla quale do credito: quello che ha scritto vecchia guardia era solo una provocazione

  • 14 Dicembre 2014 in 22:54
    Permalink

    Allora speriamo rimanga ghirardi, che se non ci comprava chi sa dove eravamo…..
    E poi una cordata romana viene a comprare il parma, mi spieghi lei majo perché sarebbe più logico….

    • 14 Dicembre 2014 in 22:57
      Permalink

      Perché vengono in soccorso di un loro concittadino, abile a trovare chi ha desiderio di investire che si coniuga con la necessità di introitare.

      Ma adesso non è che, come al solito, ci si debba mettere qui a fare dei muro contro muro per niente.

      L’ho già scritto prima: sono solo seghe mentali. Tanto fino a martedì non sapremo nulla. E dopo pure, mi sa…

      Lei vuol credere che c’è dietro keramov? Liberissimo: se poi non c’è sarà deluso.

      Io non credo affatto che sia keramov? Liberissimo: se poi ci sarà mi genufletterò sui ceci e poi godrò, perché non mi ero illuso.

  • 14 Dicembre 2014 in 22:57
    Permalink

    Non era una provocazione mi è stato detto da un mio amico che ha parlato con la persona ex dirigente del parma e gli e stato riferito che il parma andra in b e per 4 anni non tornera in serie a questo gli e stato riferito.
    Se sia vero o no questo non lo posso sapere

    • 14 Dicembre 2014 in 22:59
      Permalink

      Va beh: allora se anche te l’avessero riferito è una panzana colossale alla quale io non do il minimo credito. Esattamente come la scorsa estate non davo il minimo credito alle panzane sul complotto della Licenza Uefa.

  • 14 Dicembre 2014 in 23:01
    Permalink

    Speriamo che sia una panzana intanto aspettiamo fiduciosi martedi notte

  • 14 Dicembre 2014 in 23:07
    Permalink

    Majo dica le verita’ che di panzane ne’ sta’ tirando troppe

  • 14 Dicembre 2014 in 23:07
    Permalink

    Guardi majo le dico la verità, io credo che sia giusto retrocedere perché non abbiamo più niente, società squadra e allenatore. Siamo diventata una squadra triste e sinceranente (a malincuore) faccio fatica a seguire il parma. Ma non perché siamo ultimi, ma perché ci hanno fatto perdere la dignità calcisticamente parlando. Se si potesse venderei tutti i giocatori a gennaio e farei giocare dei giovani. Anche perché se anche prendi 7/8 giocatori buoni, poi a giugno devi darli via perché la b non la fanno, e noi ci andiamo sicuri. Guardi mi basterebbe partire dalla b con una società sana e che abbia solo un po’ di amore per questi colori…

    • 14 Dicembre 2014 in 23:10
      Permalink

      E’ una speranza che abbiamo tutti (o meglio, a me dispiace lasciare la A, e quindi ci sto sperando ancora, benché la parte razionale di me, mi dica di non illudermi). E apposta perché abbiamo la speranza di ripartire con un nuovo ciclo che auspichiamo il massimo della chiarezza

    • 14 Dicembre 2014 in 23:18
      Permalink

      Che belle parole Francesco, questo dovrebbe essere il pensiero di noi tutti tifosi….
      Concordo al 1000 x 1000

    • 14 Dicembre 2014 in 23:26
      Permalink

      Quali? Bianconero o gialloblu?

    • 15 Dicembre 2014 in 10:04
      Permalink

      Il tuo ragionamento ci sta ma e’ anche vero che economicamente salvare la categoria sarebbe importantissimo. Allora il mio pensiero e’ questo: se i nuovi proprietari(nin me be inpippa nulla della liri nazionalita’) hanno soldi su potrebbero acquistare in prestito un numero importante di giocatori di livello che non trivano mai spazii nelle loro squadre (tipo Njang, Campagbari, Sababria, Pepe, Gonzales, keita, ecc…) in modi da valorizzarli e non averli sul groppine dopo giugno indipendentemente dalla categoria che sara’.
      Se i soldi non ci fossero cale iltuo discorso: tantissimi giovani da lanciare e da valutare per l’anno prossimo.
      Il reddae rationem e’ vicino: domani i primi segnali e gennaio la campagba dei disperati

    • 15 Dicembre 2014 in 10:12
      Permalink

      magari

  • 14 Dicembre 2014 in 23:10
    Permalink

    Se russo/ciprioti (che poi non garantirebbe nulla) è una balla Leo e c. son stati più originali del solito, meglio de “il Parma avrà la licenza” “il Parma non svende” e “il Parma punta sulla continuità”.
    Mi piacerebbe sapere chi è il dirigente del super-mega complotto contro il Parma che da fastidio, deve essere un illuminato

    • 14 Dicembre 2014 in 23:21
      Permalink

      Non diamo credito alle farneticazioni di vecchia guardia. penso che ce ne siano già anche troppe in giro

  • 14 Dicembre 2014 in 23:11
    Permalink

    Russi, ciprioti, romani in soccorso a romani…majo majo ma quante ne dice ? E lei sarebbe il buon giornalista ?? Comunque romani, ciprioti o russi, la cosa importante e’ che magari gli danno un aiuto a trovare 50.000 euro per tenere in vita stadiotardini.it, un auto e magari anche un buon contratto di addetto stampa al parma…giusto ?

    • 14 Dicembre 2014 in 23:17
      Permalink

      Le ho già risposto prima. La dignità di Majo lei non sa neanche dove sta di casa.

    • 14 Dicembre 2014 in 23:25
      Permalink

      Visto che è passato alle solite offese personali, con calunnie e diffamazioni assortite, Le comunico che è stato bannato.

      Se lo desidera può contattarmi via uatsap. Tanto sa benissimo come farlo.

      Saluti a De Bustis e a Keramov

      • 15 Dicembre 2014 in 13:41
        Permalink

        dai non si incazzi troppo anche con chi va giùpeso.
        Sarà per principio ma i ban a me non piacciono; mi sembrano liti tra ragazzini.
        Lo lasci esprimere; tanto se dice cavolate se ne accorgono tutti
        Dai facciamolo (Ferrero)

  • 15 Dicembre 2014 in 00:00
    Permalink

    direttore ma indipendentemente dalla nazionalità dei compratori e dal loro potenziale economico, secondo lei il fatto che entreranno nel cda personaggi di una certa rilevanza può essere sintomo di operazione portata avanti con una controparte seria??? insomma..se qualcuno ci mette la faccia è perché sa che non va incontro a bruttte figuure

    • 15 Dicembre 2014 in 00:04
      Permalink

      a parte che sono curioso di vedere chi siano effettivamente questi fantomatici personaggi di rilevanza della vita scciale, che comporranno il prossimo Cda, è proprio il punto di partenza che mi lascia perplesso: perché c’è bisogno di soggetti del genere, per rassicurare i dubbiosi, in primis Tavecchio? Tutte le cose poco trasparenti non mi piacciono. Comunque non voglio esprimere giudizi su situazioni che saranno (forse) più chiare solo martedì

  • 15 Dicembre 2014 in 00:12
    Permalink

    Ma secondo me molti non hanno capito la gravità della situazione economica del club! Non ci si può permettere di essere troppo schizzinosi..poi beh se qualcuno riesce a convincere Papa Francesco o Gino Strada a comprare il Parma così siamo tutti belli tranquilli e puri nell’anima ben venga ma in caso contrario accontentiamoci di quello che arriva e vediamo che ci dicono martedì. È 1 mese che aspettiamo possiamo resistere un giorno senza dare troppo credito alle storie in stile “mio cugino mi ha detto che etc.etc.”.

    • 15 Dicembre 2014 in 00:17
      Permalink

      Un conto è mio cugino, un conto un giocatore rappresentativo.

      Secondo: va bene la salvezza del Parma, ma siamo persone civili che dobbiamo porci legittimi interrogativi. Almeno noi giornalisti e le istituzioni. Il va bene chiunque non lo posso dire.

      Sull’aspettare martedì tutti d’accordo.

      Comunque ognuno è liberissimo, sempre nel lecito, checché se ne dica, di esprimere il proprio parere, purché non si travalichi il limite della decenza.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 15 Dicembre 2014 in 00:53
    Permalink

    C’è anche da sottolineare, però, che la televisione (generalmente affidabile) che ha dato per prima la notizia della cordata russo-cipriota, pochi giorni fa ha specificato come dietro NON ci fosse nessun grande oligarca, ma imprenditori facoltosi che non vogliono fare il passo più lungo della gamba.,, Russo/ciprioti, quindi, non vuol dire per forza Kerimov o Abramovic che, di fatto, non sono mai stati concretamente menzionati se non da semplici fantasie.
    In ogni caso, sia che in mezzo ci siano anche russi-ciprioti o meno, dubito fortemente che ce lo vengano a dire a noi…

    • 15 Dicembre 2014 in 01:13
      Permalink

      Infatti quello che io dico è che non bisogna illudersi che ci possano essere dietro i Kerimov o gli Abramovic.

      Per il resto la percentuale di russi o di ciprioti o di romani importa poco.

      Strano, comunque, che le persone di garanzia siano italiane, delle più svariate espressioni. Poi vedremo chi sono e perché.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 15 Dicembre 2014 in 01:29
    Permalink

    Io vorrei capire perche russo sia sinonimo di soldi e italiani di miseria! Vorrei ricordare a tutti che la famiglia Ferrero secondo Forbes li mette tutti dietro i vari russi…Con questo non sto dicendo che Ferrero prende il Parma sia chiaro…

    • 15 Dicembre 2014 in 01:37
      Permalink

      Mo magari. Ferrero quello vero, però, mica il finto…

      • 15 Dicembre 2014 in 01:44
        Permalink

        Direttore è errato il mio concetto?

        • 15 Dicembre 2014 in 01:49
          Permalink

          No, no: è giusto.

          Ma non era mia volontà dire che i presunti romani siano meno abbienti rispetto ai russi. Anzi, direi tutt’altro.

          Sempre ammesso che la ricetta sia quella dell’ispettore Angella, con tanta romanità e una spruzzatina… di vodka…

      • 15 Dicembre 2014 in 10:06
        Permalink

        Allora meglio Crozza

  • 15 Dicembre 2014 in 01:31
    Permalink

    @ferro. chi sono i soci della cordata i tifosi hanno diritto di sapere, hanno diritto di sapere tutto circa la nuova compagine sociale. Poi, se io fossi un compratore russo metterei nel cda persone di riferimento ma non certo persone di spicco della società italiana. E’ questo che mi appunto pensare che la storia dei russi sia poco credibile.

  • 15 Dicembre 2014 in 07:34
    Permalink

    Se fosse un ‘altra messa in scena dal duo Leonardi &Ghirardi non ci stupiremmo, da questa estate molte sono state dette e fatte. A memoria l’ incredibile intervista tv su teleducato dell’ amministratore delegato con tu mayo presente, ma quante balle a raccontatato s noi tifosi in quells occasione. Comunque pian piano si scioglie pure lo zoccolo duro del tifo con queste prestazioni il tardinibad ogni partita è sempre più vuoto e nuvole sempre più nere ci circondano.

    • 15 Dicembre 2014 in 08:38
      Permalink

      Ma il fatto che io fossi presente che c’entra? Del resto ero presente a tutte le conferenze

  • 15 Dicembre 2014 in 08:56
    Permalink

    Mi sa’ che cassano abbia gia’ le valige in mano ti risulta Gabriele?

  • 15 Dicembre 2014 in 09:00
    Permalink

    Mi sa’ che cassano abbia gia’ le valige in mano ti risulta direttore?

    • 15 Dicembre 2014 in 09:49
      Permalink

      Sabato mi sembrava fosse sereno, contento e felice di star qui, domenica, in campo, invece molto abulico.
      Boh

  • 15 Dicembre 2014 in 09:07
    Permalink

    Nel senso mayo che il direttore la sa raccontare anche mi ricordo bene tu eri il più dubbioso sulle sue risposte e te ne do atto

    • 15 Dicembre 2014 in 09:45
      Permalink

      Anche perché gli chiedevo pero e lui mi rispondeva melo. Però era stato abile a presentarsi dimesso e non arrogante, in modo di captare la mia benevolenza…

  • 15 Dicembre 2014 in 16:16
    Permalink

    Hai letto cosa a scritto albertini a parma live? Quest uomo è un pazzo non si è sputtanato abbastanza

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI