TUTTE LE “RISTRUTTURAZIONI AZIENDALI” DELL’AVVOCATO FABIO GIORDANO

(gmajo) – C’è, magari, chi lo definisce “accanimento mediatico”, io, invece, lo ritengo non solo un diritto, ma un preciso dovere di ogni giornalista: quello di informare. Merce che dalle nostre parti non sempre viene apprezzata, vieppiù se questo giornalismo investigativo finisce per togliere illusioni e speranze ai tifosi della locale squadra di pallone. Un’altra mia massima è quella che per non restare delusi è meglio non illudersi, e se qualcuno si era fatto qualche illusione o speranza di salvataggio del Parma da parte di qualche nobile benefattore o mecenate, immagino resterà deluso nel leggere il CV dell’attuale presidente del Parma F.C. Fabio Giordano il quale, nel suo passato, ha rivestito per innumerevoli volte la carica di amministratore unico o semplice consigliere di società che dopo un po’ sono state messe in liquidazione o sono finite cancellate. Lui stesso si era definito un “ristrutturatore” d’azienda, ma se l’esito della ristrutturazione è la liquidazione, va da sé che come riqualificazione non sia proprio il massimo…

Già il profilo del ristrutturatore – come personalmente gli ho fatto presente una volta che finalmente mi era arrivato il microfono durante la conferenza stampa – va poco d’accordo con quello del presidente di una squadra che se vuole mantenere la categoria non può permettersi di lesinare sul mercato, se poi notiamo che la specialità della casa è quello di accompagnare al funerale l’azienda, beh, c’è poco da stare allegri. Se poi si pensa che il mandato lui stesso ha affermato di averlo ricevuto oltre che dai supposti compratori (e supposti continuano a rimanere fin quando saranno schermati, sempre ammesso che dietro lo schermo ci sia dell’arrosto e non fumo pure lì…) anche da Tommaso Ghirardi, immagino che chiunque di noi possa trarre debiti conclusioni.

Quanto sopra riportato non è certo frutto della mia bacata fantasia, sia ben chiaro, ma quanto emerge dalle nove pagine di esame nella banca dati business information “Cerved” alla voce Fabio Giordano, basic persona, che contengono altre informazioni piuttosto interessanti sui trascorsi, diciamo così “aziendali” dell’avvocato romano. A cominciare, ad esempio, dal fallimento nell’aprile del 2014 della “Giordano Fabio s.a.s.”, registrata presso la Camera di commercio di Grosseto, che gestiva dal 2001 uno stabilimento balneare con bar a Punta Ala. Egli ne è stato il socio accomandatario dal 2001.image Il Tribunale di Roma ha dichiarato fallita detta società il 4 aprile 2014, curatore l’avvocato Domenico Luca Scordino di Roma. Eppure, durante la conferenza stampa, l’ineffabile uomo di legge – anche se lui stesso si era auto-definito come una sorta di mediatore, di sensale tra chi compra e chi vende, purché si piacciano – aveva sia pure assai debolmente (magari era solo un effetto della “temperatura”) smentito il giornalista del Corriere della Sera Mario Gerevini, il primo a riferire di questa macchia (e a ribadirla a chiare lettere prima nella chiacchierata di ieri con noi di StadioTardini.it e poi intervenendo in diretta a Bar sport), in un articolo pubblicato proprio venerdì scorso, giorno della presentazione (presentazione si fa per dire…) della nuova compagine e che imagesarebbe diventato una sorta di pietra miliare per tutti gli eretici che non si accontentano degli atti di fede, ma come San Tommaso ci mettono il naso. Giordano, nel riferire di non esser mai fallito aveva comunque cercato di spiegare che non è da questo piccolo particolare che si giudica un imprenditore, giacché, specie di questi tempi, non tutte le imprese possono andare bene, e ogni tanto ce n’è qualcuna che va male. Quella, quindi, che poteva sembrare una benevola considerazione sui falliti in generale, evidentemente aveva imageun qualcosa di auto-biografico. Il precedente citato, poi, a parere dei colleghi di ParmaQuotidiano.info, autori di un approfondimento davvero interessante, che al completo si può leggere cliccando qui (tra l’altro è abbastanza singolare che debbano essere i media marginali e non quelli tradizionali, che hanno anche più mezzi e risorse, a riferire certe cose, ma questi ultimi, evidentemente, preferiscono contribuire all’istupidimento delle masse con il TotoTaci o il TotoKerimov o il TotoLukoil e via dicendo) sarebbe ostativo per ricoprire la carica di presidente del Parma F.C.: “Le leggi del calcio vietano a chiunque sia legalmente fallito di assumere ruoli amministrativi di società sportive… Il regolamento Noif – Norme organizzative interne federali della Fgic, all’articolo 22 bis, detta una serie di “Disposizioni per la onorabilità”, col divieto esplicito ad “assumere la carica di dirigente di società o di associazione” a “coloro che si trovano nelle condizioni di cui all’art. 2382 c.c. (interdetti, inabilitati, falliti e condannati a pena che comporta l’interdizione dai pubblici uffici, anche temporanea, o l’incapacità ad esercitare uffici direttivi) nonché coloro che siano stati o vengano condannati con sentenza passata in giudicato a pene detentive superiori ad un anno”. Nell’elenco ci sono anche i “falliti”. Senza nulla voler eccepire sul piano personale, Fabio Giordano è tecnicamente “fallito”, essendo stato accomandatario di una società dichiarata fallita da un Tribunale italiano”.

image

Nel dossier (chiamiamolo così, anche se è tutto lecito e pubblico e ognuno può fare un self service per verificare accedendo a Cerved.com e verificando personalmente i dati ufficiali disponibili, spuntando cariche aziendali, partecipazioni cioè scheda socio ed Eventi negativi) che abbiamo esaminato ci sono, poi, anche altre situazioni sempre poco confortanti per coloro che hanno a cuore le sorti del Parma per via di quanto annotato nella sezione “Pregiudizievoli di Conservatoria” vale a dire un “verbale di pignoramento immobili” a favore di Unicredit Banca e ben due ipoteche legali a favore di Equitalia. Cosa potrebbe significare? Beh, il pignoramento immobiliare immagino possa esser l’effetto di un un credito non pagato. Probabilmente Giordano potrebbe avere richiesto l’aperura di linee di credito per un finanziamento attraverso Unicredit, che a propria volta potrebbe avergli chiesto successivamente un rientro di quanto erogato, e non essendo rientrato si sarebbe avviato l’iter del procedimento monitorio – cioè decreto ingiuntivo, atto di  precetto e poi esecuzione – esecuzione che sarebbe consistita nel suddetto pignoramento immobiliare a favore di Unicredit Spa. Le altre due ipoteche a favore di Equitalia potrebbero esser state elevate per posizioni debitorie dello stesso Giordano nei confronti di Equitalia, tra l’altro la prima è di importo iscritto di euro 1.738.313,02 euro contro un importo capitale di 869.156,51 euro; la seconda, invece, ha un importo iscritto di euro 201.971 euro contro un importo capitale di 100.985,74 euro. Gabriele Majo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

QUATTRO CHIACCHIERE CON GEREVINI (CORSERA): “KERIMOV? MI PARE UNA INCONGRUENZA CON QUANTO DICHIARATO DA GIORDANO: TUTTO IL SUO GRUPPO FATTURA BEN DI PIU’ DI DUE MILIARDI…”

MASCOLO (REPUBBLICA) E IL DRAMMA CRAVATTARO DI GHIRARDI: “SCAPPATO SENZA METTERCI LA FACCIA”. LA CHIOSA DI MAJO: “QUANTO E’ CIVILE UNA CITTA’ CHE SA, MA APPOGGIA E FA FINTA DI NIENTE?”

DALL’OLIO: “PREOCCUPA LA MANCANZA DI CHIAREZZA E TRASPARENZA SULLA CESSIONE DEL PARMA CALCIO”

L’OPINIONE DI MAJO DOPO LA CONFERENZA SUL PASSAGGIO DI PROPRIETA’: “PIU’ FUMO CHE ARROSTO: MI E’ RIMASTO L’APPETITO. LA PROPRIETA’ SCHERMATA RENDE LECITA OGNI ILLAZIONE”

PASSAGGIO DI PROPRIETA’ PARMA F.C. / TUTTI I VIDEO DELLA CONFERENZA DEL NEO PRESIDENTE TECNICO GIORDANO E DEL DG LEONARDI

CARTA CANTA… MA E’ DASTRASO O DASTROSA?

DALL’OLIO A STADIOTARDINI.IT: “NON CI BASTA LA CONFERENZA DI DOMANI DI GHIRARDI, VOGLIAMO CHIAREZZA E GARANZIE PER LA CITTA’. SAREBBE MEGLIO UN RESET E RIPARTIRE DA ZERO”

CESSIONE PARMA / CONSIGLIO COMUNALE: LA RISPOSTA DI MARANI A DALL’OLIO: “SONO D’ACCORDO AL 99,9% . MI AUGURO UN LIETO FINE SE NON SPORTIVO, ALMENO DAL PUNTO DI VISTA MORALE”

CESSIONE DEL PARMA / CONSIGLIO COMUNALE, DALL’OLIO: “COME COMUNE DOBBIAMO DIRE NO A SOLUZIONI DUBBIE E OPACHE. MA IL SINDACO CON CHI HA PARLATO?” (video)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

88 pensieri riguardo “TUTTE LE “RISTRUTTURAZIONI AZIENDALI” DELL’AVVOCATO FABIO GIORDANO

  • 23 Dicembre 2014 in 19:34
    Permalink

    Supposti compratori………QUESTA SARA’ UNA SUPPOSTA DA FAR APRIRE GLI OCCHI !!!!!!!!!!

  • 23 Dicembre 2014 in 19:51
    Permalink

    la cosa preoccupante è che a suo dire (giordano) è stato scelto come presidente o vice che dir si voglia anche da Ghirardi.
    Io mi chiedo da quando uno che vende una società sceglie chi mettere al proprio posto…

  • 23 Dicembre 2014 in 20:04
    Permalink

    Fumus persecutionis lo chiamava Andreotti.
    A me, e a tanti come me,del passato non importa una cippa.
    Quello che voglio vedere e’ l’oggi e l’immediato futuro.
    Nell’ambito di uno studio legale finanziario sai quante di queste situazioni troviamo?
    Daila’ fa il Presidente Preziosi bloccato dalla GF con la valigetta da 100 mln per Maldonado del Venezia. Ma di che stiamo parlando?
    E che Giordano ristrutturi la societa’ direi: era ora che ci fosse uno pronto a farlo!!!
    Se la societa’ fallira’: Amen, evidentemente non c’erano i presupposti tecnico ed economici per salvarla.
    Dovete pero’ inculcarvi nelle zucche che questo e’ l’unico e ultimo spiraglio rimasto.
    E allora basta Fumus Persecutionis.. Tanto no porta a una beneamata mazza di nulla

    • 23 Dicembre 2014 in 20:10
      Permalink

      Fumus persecutionis? Ma lesa lì. E’ la pubblicazione di una normalissima ricerca giornalistica, l’abc di quello che dovrebbe esser questo mestiere e che è assurdo che salti fuori su un sito fatto in casa da un disoccupato.

      E degli altri – da Preziosi in giù – me ne frega un fico secco. Io seguo il Parma. E poi basta con il guardare sempre gli esempi peggiori e dire tanto così fan tutti.

      E’ così che siamo decaduti.

      Ed è indice del basso livello che è stato raggiunto sul nostro territorio il meravigliarsi e il gridare allo scandalo per una cosa banale come quella che ho fatto io poco fa!

      Saluti
      Gmajo

      • 23 Dicembre 2014 in 21:50
        Permalink

        Signor Majo, ma ha la febbre alta??? Per la prima volta che la sento parlare di se stesso con umiltà! Sarà l’atmosfera natalizia, comunque bravo!
        E soprattutto, complimenti per il pezzo e non ai curi di chi la critica: se qualcuno preferisce questo epilogo indecoroso ad un finale, magari più drammatico, ma più onorevole, significa che non ha a davvero a cuore le sorti del Parma

        • 24 Dicembre 2014 in 16:22
          Permalink

          Amico caro, l’alternativa che ritieni piu’ onorevole e’ lo zero assoluto. Io la eviterei volentieri anche imbarcandomi con i pirati della Tortuga

  • 23 Dicembre 2014 in 20:21
    Permalink

    come diceva provolino,boccaccia mia statti zitta.
    son considerazioni che mi balenano nella testa da un paio di mesi,caro Alfredo se questo e’ “fumus” persecutionis o la passi agli amici 🙂 o cambi pusher 😀

    • 23 Dicembre 2014 in 20:40
      Permalink

      Per me l’unica salvezza e’ data da questi (se mai arriverà’),
      Gli altri discorsi tipo serie D, Parma ai parmigiani, rigore e diritto sono minchiate. Cambiate farmacista ragazzi

  • 23 Dicembre 2014 in 20:25
    Permalink

    Mah allora perche fare tutto questo 48 ? Inludere tifosi come me come lei e tanti altri se la speranza é solo quella del fallimento è questo che nob mi torna !!!

    • 23 Dicembre 2014 in 20:31
      Permalink

      Al limite per non sporcarsi le mani. Ma non voglio fare insinuazioni, se no mi dicono che faccio fumus persecutionis…

      Comunque quelli sono solo fatti. Le conclusioni possono essere tratte da chiunque e sono tutte legittime…

  • 23 Dicembre 2014 in 20:35
    Permalink

    Majo ci dica la verità per una buona volta, te sei convinto che tutti questo che sta avvenendo è fatto per portare il Parma al fallimento. chieda ai suoi talponi all’interno del Parma cosa sta accadendo, perchè ora i tifosi vogliono i nomi non solo di chi è dietro alla vendita del Parma ma anche di chi sono le fonti che portano te e molti altri tuoi colleghi a pensare che andrà tutto a rotoli!!!

    • 23 Dicembre 2014 in 20:39
      Permalink

      Le fonti non vanno mai citate (tranne quando ti tradiscono con le polpette avvelenate, che allora in quel caso, anche se la cosa è moralmente disdiscevole, però è umano “sputtanarle”), per il resto io non dico che ho la convinzione che si vada diritti al fallimento, però ho il dovere – oltre che il diritto – di riferire le cose che vengo a sapere.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 23 Dicembre 2014 in 20:59
        Permalink

        come i proprietari del Parma!!! tutti hanno in questo periodo dicono non possiamo rivelare nulla perchè abbiamo un patto di riservatezza,chi morale e chi firmato, ma arrivati a questo punto se vogliamo chiarezza e la dobbiamo avere sia lato società sia dal lato giornalistico. noi tifosi non possiamo far altro che sentire/leggere ciò che ci viene dato in pasto, per questo non trovo giusto che ci venga detto che siamo degli illusi o dei boccaloni. noi al contrario di voi giornalisti non abbiamo persone interne che ci danno la così detta imbeccata.
        non so se sono riuscito a spiegare il mio pensiero.

        • 23 Dicembre 2014 in 21:06
          Permalink

          Qui non si tratta di imbeccate, in questo specifico caso, infatti, è solo una piccola radiografia del presidente, prassi che dovrebbe essere abituale per ogni giornalista e che non dovrebbe destare tutta questa meraviglia.
          Cordialmente
          Gmajo

          • 23 Dicembre 2014 in 21:12
            Permalink

            io non mi riferivo in questo particolare caso, credo sia giusto che vengano fuori i così detti scheletri nell’ armadio, io parlavo del fatto che troppo spesso si leggono commenti di persone che additano altre di essere dei creduloni o boccaloni o di meritarsi che il primo bresciano che passa se li inculi in modo troppo facile. Molti di essi sono gente che si è allineata alla sua teoria, ma io non credo che in questo momento di “caos” di teoria ce ne sia solo una.

  • 23 Dicembre 2014 in 20:37
    Permalink

    Speriamo in un regalo !!! Cosa le posso dire…da tifoso leggo nomi e su un altro la parola fallimento…diciamo che provoca in molti tifosi solo una grande confusione…il sindaco dice che parla con i nuovi proprietari altri che son dei sola boh mi fidero della sua penna !!!

      • 23 Dicembre 2014 in 20:57
        Permalink

        Pero spero che questa volti si sbagli e che ci sia del buono dietro questa acqusizione cosi fumosa.

        • 23 Dicembre 2014 in 21:07
          Permalink

          Io non ho espresso giudizi. Ho fatto solo il cronista…

  • 23 Dicembre 2014 in 20:39
    Permalink

    Caos84,
    Ma ancora non lo hai conosciuto il tuo ex presidente????
    Da un lato ci meritiamo di ripartire dai dilettanti…sicuramente diventeremmo dei tifosi migliori e non ci faremo più inchiappettare del primo bresciano e bergamasco di turno

    • 23 Dicembre 2014 in 21:04
      Permalink

      Caro Simone B, io non sono nè un sognatore nè un boccalone per quanto riguarda la mia passione sportiva e la vita in generale. io abito a Milano e durante il periodo di Maggio della lotta per l’ EL i mie amici/colleghi mi chiedevano sempre: <> io ho sempre risposto loro che non ci saremmo andati visti i problemi con i pagamenti dell’ IRPEF.
      Il mio messaggio era solo per far capire che noi al contrario dei giornalisti non abbiamo informatori che di diano le dritte o le news, quindi non bisogna esagerare additandoci come tali solo perchè non siamo a conoscenza diretta di quanto sta accadendo.

  • 23 Dicembre 2014 in 20:49
    Permalink

    Direttore, lei fa un lavoro ingrato …. ci sono talmente tante cose che non vanno in questa vendita e nella gestione precedente che nessun tifoso del Parma dovrebbe stare tranquillo.
    Nessuno butta via i suoi soldi, neanche kerimov, se comprano qualcosa è per guadagnarci o economicamente o a livello di immagine o per riciclare.
    Anche un russo, visto che oramai c’è questa convinzione in molti tifosi, se deve buttare i soldi lo fa per suo piacere personale.
    Se vivete nell’illusione che buttino i soldi per far godere i tifosi sbagliate. Più ne hanno e più ne vogliono di soldi, mica li buttano.
    magari con 50 milioni si comprano uno yachts ma mica ci fanno salire i tifosi sopra!
    E se spendono un paio di milionate di euro per il compleanno con Shakira e per ascoltare la canzone in privato mica allo stadio.
    Il Parma oramai è in serie B, dovrebbe fare 30 punti per salvarsi, forse …… o vengono inseriti ronaldo e messi, più altri due giocatori o c’è il nulla. oppure se si riesce diventa un po assurdo, se dopo sono campioni prima non potevano essere brocchi, e se erano brocchi eran brocchi con un secondo fine.
    Lavoro ingrato il suo, fossi in lei almeno quando la insultano userei il ban, cercare di aprire gli occhi a chi non vuol vedere, per essere insultati per di più in una sua creatura/proprietà è sconfortante.
    Le auguro un buon Natale, sperando che non sia mussulmano come dice il buon Marcello

    • 23 Dicembre 2014 in 21:12
      Permalink

      Grazie, per quanto concerne i ban cerco di dispensarne il meno possibile. E come ospito commenti con attacchi ad altri a maggior ragione ospito quelli contro di me, che posso anche comodamente confutare, anche se riconosco sia abbastanza assurdo che io paghi e ci metta tempo per prender su…

  • 23 Dicembre 2014 in 21:01
    Permalink

    taci che se siamo sfigati torna in sella per la coppa cobram

    • 23 Dicembre 2014 in 21:12
      Permalink

      in quel caso gli auguro che salti via la sella….

  • 23 Dicembre 2014 in 21:15
    Permalink

    Assio,
    Il brutto è che per l’epifania dovremo assistere all’ennesima formazione senza senso di Osso…chissà se a maggio la squadra avrà un minimo di gioco?????

    A ti volevo dire che il bilancio verrà approvato il 30 di marzo in perfetto stile Ghirardi…

  • 23 Dicembre 2014 in 21:46
    Permalink

    Prima di sputare sentenze non è meglio aspettare i primi di gennaio?

      • 25 Dicembre 2014 in 22:08
        Permalink

        io spero vivamente che le cose si mettano bene per noi tifosi del Parma, perché se tutto questo caos si rivelasse una farsa e in parole povere un inculata per noi tifosi io sarei del parere di fare in modo di tirare tanta di quella MERDA a Ghirardi da non farlo più uscire di casa dalla vergogna,a me personalmente frega una mazza dei vari Giordano Taci e compagnia per mè chi ci ha portato nella CACCA è Ghirardi………

  • 23 Dicembre 2014 in 22:18
    Permalink

    Siete tutti disfattisti aspettate almeno l approvazione del bilancio nessuno parla che zeman a cagliari è stato esonerato e noi abbiamo ancora testa bassa in panchina

    • 23 Dicembre 2014 in 22:20
      Permalink

      Paghi tu il nuovo tecnico? O taci? O kerimov? O doca? O giordano?

    • 24 Dicembre 2014 in 13:01
      Permalink

      no dai va tutto bene siamo a meta’ classifica pagano tutti e abbiamo undici leoni dodici col mister,ti saluta batman

  • 23 Dicembre 2014 in 22:20
    Permalink

    Sputano sentenze quelli che si augurano il fallimento del parma io non la penso così aspettiamo un attimo tanto peggio del ciccione non si può fare

      • 24 Dicembre 2014 in 16:30
        Permalink

        Sissignore; tutte sue le colpe principali. Forse la cosa non piace ma e’ sciocco pensare il contrario. Che faceva? Controllava le operazioni? I conti? O andava solo al ristorante e a farsi abbracciare dall’iscariota Manfredini?

  • 23 Dicembre 2014 in 22:24
    Permalink

    Se questi dicono di avere i soldi le caccieranno aspettiamo il mercato pazienza ragazzi se non sara cosi amen si troveranno altre strade l importante è evitare il fallimento

    • 23 Dicembre 2014 in 22:26
      Permalink

      Beh comunque siamo nelle mani di specialisti…

      • 23 Dicembre 2014 in 22:46
        Permalink

        ma basta !!! e quando saremo andati in eccellenza co’ fema ?? Andiamo alle gare di briscola ? Ma cercate di
        vedere un po’ di luce nel futuro. Ma che senso ha acquistare una società di calcio per assisterla al fallimento. Boh !! E’ tutto assurdo. Comunque dovrebbe avere preso un bel mucchio di quattrini
        Giordano per fare la figura del pirla o se no, non me lo spiego.

        • 23 Dicembre 2014 in 23:54
          Permalink

          non sarebbe la prima volta che c’è gente che compra una società e ne assiste il fallimento in 4-6 mesi. Se ci guardiamo attorno ce ne sono stati più d’uno. Ecco perché da tifoso tengo le mani dietro al culo, scusate il francesismo, visto che qui non ci si capisce nulla

        • 24 Dicembre 2014 in 13:03
          Permalink

          vai tranquillo che anche in serie d io ci saro’,se vuoi ti tengo il posto

          • 24 Dicembre 2014 in 16:34
            Permalink

            Io lascio il posto a Majo e a Dall’Olio. Il sito non ci sara’ piu’ e majo pottra’ fare il portavoce di Dall’Olio l’emblema della purezza. Se no venitemi a trovare all’Ikea

  • 23 Dicembre 2014 in 22:27
    Permalink

    fonte parmalive:

    Intervenuto nel corso di “Parma Europa”, trasmissione in onda su Teleducato, il sindaco parmigiano Federico Pizzarotti è tornato sull’acquisizione della società ducale da parte di una imprecisata cordata russo-cipriota: “La settimana scorsa, quando sono iniziate a uscire le notizie circa la cessione del club, parlando con l’ad Leonardi, mi è stato passato Doca. Mi ha chiesto un incontro, io mi sono detto disponibile. Dopo questa telefonata, sono cominciate ad arrivare smentite a mezzo stampa dello stesso Doca. Successivamente, non ho avuto altre notizie, quindi non ve le posso dare. Sono però stato rassicurato dalla presidenza uscente rispetto i cambiamenti in corso. Quello che mi sento di dire è che spero che i nuovi acquirenti escano allo scoperto e siano seri. Ho richiesto un incontro per parlare di questi temi con l‘attuale dirigenza. Dall’Olio? Ci ricordiamo tutti cos’era avvenuto all’epoca Ubaldi: allora alcuni si sono dileguati (Sanz, Valenza, ndr)… Lasciatemi lanciare una provocazione: considerando che a Parma abbiamo imprenditori di lungo corso, quanto sarebbe bello se ci fosse anche una cordata parmigiana? Io promotore di una cordata parmigiana? Il sindaco non deve fare tutto… Delegare gli altri? Tante volte però serve qualcuno che voglia metterci la faccia, e spesso in alcuni contesti di Parma non si vuole mettere la faccia. Mettere la faccia espone a critiche. Io auspico che ci sia la voglia di prendersi responsabilità”.

    • 23 Dicembre 2014 in 22:33
      Permalink

      Fonte parmalive, certo, ma pizzarotti è intervenuto a teleducato su questo tema dopo che il direttore ferraguti aveva orchestrato la cosa col sottoscritto. Onfatti non a caso sono qui neglo studi di via barilli…

      • 23 Dicembre 2014 in 22:40
        Permalink

        io non ho possibilità di vedere Teleducato non essendo nella vostra regione, ho letto ora la notizia e l’ho riportata. non volevo toglierti il merito. sorry

        • 24 Dicembre 2014 in 00:03
          Permalink

          Tranquillo, nessun problema. Anzi: grazie a te per la segnalazione. Comunque se ti interessa seguire in streaming Teleducato il sito è http://www.teleducato.it

          Comunque, oltre ad aver ripreso per gentile concessione di Vito Aulenti la sintesi con le frasi salienti pronunziate da Pizzarotti, è disponibile su http://www.stadiotardini.it il video con l’intero intervento, grazie alla web registrazione a cura di Alex Bocelli.

          Cordialmente

          Gmajo

  • 23 Dicembre 2014 in 22:27
    Permalink

    Perche la colpa non è di ghirardi?
    ha fatto il passo piu lungo della gamba ha comprato la società a 0 debiti ora vediamo alla chiusura del bilancio quanto 60 mil di debiti altro che andiamocela a riprendere

    • 23 Dicembre 2014 in 22:31
      Permalink

      Andiamocela a riprendere è uno slogan di leonardi, il quale è stato l’ammiraglio dell’armatore Ghirardi. Il timone ce l’aveva in mano il plenipotenziario che non a caso avevo ribattezzato così. Quindo la colpa non è solo di Ghirardi.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 23 Dicembre 2014 in 23:09
        Permalink

        Perseverare diabolicum: cosa doveva dire Leonardi invece di andiamocela a riprendere?
        Doveva dire Ghirardi vat la tor in tal cul cat ghe gnanca ‘n bor?
        Su la ma ormai l’hanno capito tutti dall’avv. Malvisi al figlio della schifosa che il problema e’stato Ghirardi.
        E se la colpa di Leonardi e’ stata di metterci la faccia e di traghettare il traghettabile allora 10 -100 -1000 Leonardi

        • 23 Dicembre 2014 in 23:30
          Permalink

          Non sono d’accordo.

          E comunque se anche il problema fosse stato Ghirardi, possibile che il Leo se ne sia accorto dopo cinque anni?

          Poi se anche Malvisi, come te, si lascia incantare è un problema tuo, suo e di tutti quelli che si lasciano incantare.

          E comunque tra “andiamocela a riprendere” e “vat la tor in tel cul Ghirardi” ci sono ampie vie di mezzo più oneste e trasparenti nei confronti dei tifosi.

          Per non tacere delle opere: anziché tentare un improbabile surrogato della stagione centenaria, viste le cose, avrebbe dovuto ricostruire il futuro partendo dai giovani ed avvertendo delle turbolenze, anziché deridere me dicendo che era fantacalcio.

          Saluti

          Gmajo

          • 24 Dicembre 2014 in 08:42
            Permalink

            Majo,
            Sono d’accordo con te su molti punti ma questo è inaccetabile…tutti sanno che la colpa è di Ghirardi al 90%….devi essere più equo nel giudicare il plenipotenziario anche se non lo godi…ti ripeto che poteva abbandonare la barca in più occasioni anche a giugno e oggi invece è sempre rimasto….invece il tuo ex capo è un po’ che non lo vedo in quel di Parma

          • 24 Dicembre 2014 in 09:03
            Permalink

            Io non giudico per simpatie o antipatie, ma in via equitativa e in modo razionale, equilibrato ed equidistante.
            Se ragionassi per antipatie certo non avrei difeso Ghirardi, peraltro causa principale del mio addio al parma di sei anni fa, mentre leonardi, non ha questo tipo di colpa e mi è pure più simpatico del ghiro. Ma i fatti concreti dicono che da sei anni è lui il timoniere dell’armatore Ghirardi, quindi è il responsabile operativo della situazione. Senza dimenticare mai che a mio avviso stava progettando da tempo di restare al parma senza Ghirardi.
            Saluti
            Gmajo

        • 24 Dicembre 2014 in 13:05
          Permalink

          quindi 1000×300 cosa fa ? tesseriamo trecentomila sbaratori l’anno prossimo ?

  • 23 Dicembre 2014 in 22:30
    Permalink

    Specialisti in fallimenti vuoi dire?
    anche io non mi fido ma possiamo aspettare ancora qualche giorno prima di metterli in croce?

  • 23 Dicembre 2014 in 22:32
    Permalink

    Io esprimo solo un mio pensiero, penso che tutto questo lo trovo assurdo, questo continuare a fare ricerche e sparlare anche con fatti veri e concreti ma sempre sparlare si tratta. Io ho semplicemente visto un passaggio di quote e non penso che prima era meglio, penso che nella vita anche chi sta’ morendo e in stato terminale ha un briciolo di speranza nel salvarsi e allora mi domando….questo briciolo di speranza perche’ non dobbiamo averla anche noi tifosi ? Se il parma rimaneva a ghirardi era un fallimento sicuro, adesso ? Chi lo sa’ aspetto e poi giudico, in fin dei conti vado indietro e vedo: La Roma comprata prima da un certo De Benedetto, si presentava come il ricco di turno e poi dopo averlo utilizzato per transare i debiti e’ arrivo il vero ricco Pallotta, vedo il Bari, stessa storia mettendo l’ex arbitro ma ancora non si capisce il proprietario e non mi sembra che sta’ fallendo. Poi come diceva lei Majo di non vedere sempre il peggio, giusto ma forse Le risulta il meglio in serie A ? Inizio da lontano con Berlusconi se facciamo una ricerca dall’acquisto di Lentini a tutte le cause avute in corso e condanne da evasore e falso in bilancio in confronto giordano e’ un ragazzino dell’asilo. Vediamo Preziosi con il genoa dopo il fallimento del como e la valigetta con i soldi dentro per comprarsi una partita ?. Poi passiamo dai fratelli della valle condannati a calciopoli ? Arriviamo da Lotito, condannato ed arrestato nel 1996 per tangenti e poi illecito sportivo e titolare anche della salernitana (cosa che in italia non si puo’ essere titolare di 2 societa’ professioniste), vedo il napoli con de laurentiis con un processo e condanna per estorsione e societa’ nel cinema chiuse in liquidazione ? O Cairo che con la cairo editore 4 anni fa’ ha fatto un concordato per pagare al 30% i debiti che aveva ? E poi non vado ancora indietro a parlare di Tanzi, Cragnotti, Cecchi Gori, Dino Viola, e per ultimo Moggi, e Carraro, allora dopo tutto mi devo mettere paura di giordano ? Se rileggo il mio messaggio penso che giordano e’ la persona piu’ pulita, in fin dei conti poi ho visto che ha debiti con chi ? Equitalia e Unicredit, e allora mi auguro proprio visto i creditori che continui a non dargli i soldi perche stiamo parlando di 2 istituti (equitalia e unicredit) creati come una associazione di strozzini.
    Saluti
    Matteo

  • 23 Dicembre 2014 in 22:51
    Permalink

    grande MATTEO !!! Sempre FORZA PARMA !!!!

  • 23 Dicembre 2014 in 23:05
    Permalink

    Condivido al 100 per cento il post di matteo

  • 23 Dicembre 2014 in 23:09
    Permalink

    Purtroppo la continuità con la vecchia società e nella persona di Leonardi e di Donadoni, che minimo dovevano essere cacciati con Ghirardi. Le nuvole sono nere per chi ama i colori del Parma.

  • 23 Dicembre 2014 in 23:14
    Permalink

    Majo basta. Falliremo e chi se ne frega…. Penso che nella vita ci siano cose più serie di Giordano ghirardi Leonardi e il parma. Se sarà un bluff avremo perso solo qualche mese e ripartiremo da Fidenza. Spero che ci sia anche lei alla prima trasferta insieme ad assioma… O andrete a vedere il Sassuolo?

    • 24 Dicembre 2014 in 13:06
      Permalink

      guarda nane’ che quando andavo a lodi col fanfulla eri ancora fra gli angioletti,non vorrei che stavolta tocchi a me data l’eta’ 😉

  • 24 Dicembre 2014 in 00:09
    Permalink

    Leonardi e’ rimasto perché è il regista della vendita . Lui ha trovato Taci tramite Galliani e lo studio legale Giordano .

    • 24 Dicembre 2014 in 00:11
      Permalink

      E’ il regista “occuulto”, nel senso che ha favorito, secondo me, l’incontro tra domanda e offerta…

      • 24 Dicembre 2014 in 00:22
        Permalink

        Non proprio occulto ha trovato lui i compratori,ed è stato diciamo il mediatore tra loro e Ghirardi.in oltre direttore non perderei tempo con Giordano che non conta nulla. Le suggerisco di perseguire la pista Becchetti.

        • 24 Dicembre 2014 in 00:29
          Permalink

          Mah: in fin dei conti la tv ce l’ha anche Taci…

          Ma al di là di Giordano (che comunque è stato nominato presidente, e come abbiamo visto è la seconda scelta infelice in pochi giorni) adesso c’è da vedere se entro inizio anno cacceranno la pila: in particolare un certo clima di serenità potrebbe venir fuori, prima ancora che con il mercato, con il pagamento degli stipendi, cercando di avere una puntualità migliore rispetto al passato, e senza l’affanno dell’ultimo momento. Ecco: questo potrebbe esser un buon metro di misura…

          Cordialmente
          Gmajo

        • 24 Dicembre 2014 in 00:45
          Permalink

          Becchetti opera in Albania da anni con la BEG ,e li bisogna essere in accordi con Taci, e sono in oltre soci nel calcio con il Leyton. La famosa pista Albanese Romana. Io sentirei Montali uomo Becchetti.

  • 24 Dicembre 2014 in 00:26
    Permalink

    Mi suonano ancora in testa le parole di qualche anno fa di ghirardi : Teniamoci stretti Pietro Leonardi, Teniamoci stretti Pietro Leonardi!. Mo va a cagher

  • 24 Dicembre 2014 in 00:43
    Permalink

    In primis grazie dell approfondimento.
    Io non capisco la storia dei disfattisti e dello sparlare, si ragiona su fatti e indiscrezioni, il patto di riservatezza non lo abbiamo mica firmato noi.
    Al nostro presidente pro tempore non presterei neanche la bicicletta ma speriamo tutti che sappia ristrutturare bene e che abbia alle spalle una proprietà come si deve.
    Ghirardi ha fatto danni incalcolabili, altro che ringraziamenti da beoti, e la presenza di leonardi speriamo sia finalizzata alle questioni tecniche altrimenti c è da preoccuparsi anche per quello.
    Sulle dichiarazioni del sindaco passo

  • 24 Dicembre 2014 in 10:34
    Permalink

    direttore non pensa invece che questo tipo di giornalismo, che sì vuole fare chiarezza, possa SPAVENTARE i nuovi acquirenti e alla fine chi paga sono sempre i TIFOSI?
    ci lasci SOGNARE, è natale.

    • 24 Dicembre 2014 in 10:37
      Permalink

      ergo: non diamoci la ZAPPA sui piedi da soli. se svelassimo gli altarini di tutte le società, il calcio non esisterebbe più e nemmeno i GIORNALISTI.

    • 24 Dicembre 2014 in 11:05
      Permalink

      Se si spaventano per un articolo penso sia meglio perderli che trovarli.
      Io non faccio il venditore di sogni ma il giornalista, se vi volete illudere vi consiglio di non leggere stadiotardini.it
      Comunque buon natale
      Gmajo

  • 24 Dicembre 2014 in 11:05
    Permalink

    MA SE TORNASSERO BONDI E ANGIOLINI NON SAREBBE MEGLIO?
    ALMENO SI AVREBBE LA CERTEZZA CHE TROVINO DEI COMPRATORI SERI

    • 24 Dicembre 2014 in 11:08
      Permalink

      Io sono onorato di aver lavorato con loro e sai quanto li stimi, tuttavia sono stati loro a vendere a ghirardi dopo aver trattato con valenza e sanz…

      • 24 Dicembre 2014 in 11:15
        Permalink

        direttore se Ghirardi ha fatto quello che ha fatto non possiamo dare la colpa a loro dai….

          • 24 Dicembre 2014 in 11:30
            Permalink

            Le alternative, allora, erano migliori dell’uscente Ghirardi?

          • 24 Dicembre 2014 in 12:04
            Permalink

            indubbiamente ma allora quando ci fu il passaggio di proprietà io non ricordo nessuno e dico nessuno (giornalisti compresi) che avesse il minimo dubbio su quella operazione… come si dice: a volte l’apparenza inganna

    • 24 Dicembre 2014 in 16:36
      Permalink

      Si la rivende a Ghirardu

  • 24 Dicembre 2014 in 11:38
    Permalink

    Ghirardi non ha la potenzialità economica per fare la serie A il problema è principalmente quello…gli altri patron fanno aumenti di capitale ogni anni (preziosi, zamparoni, lotito, della valle, Cairo ecc) se si fa una classifica basata sulle potenzialità economiche dei presidenti penso che Tommasone sia negli ultimi posti…la sua dimensione economica è la lega pro.
    Comunque Ferrero ha preso la Samp a zero accollandosi un 15 milioni di debiti…io non riuscirò mai a capire xché Taci dovrebbe accollarsene 70/80 più altri 20 dovuti alla retrocessione….vabbè essere scemi..però….

  • 24 Dicembre 2014 in 11:42
    Permalink

    Comunque meglio di valenza e sanz

  • 24 Dicembre 2014 in 12:41
    Permalink

    @Simone B: bhè, ricordiamoci sempre, però, che in caso di retrocessione ci sarebbe il paracadute che, forse forse, la potrebbe trasformare in un mezzo affare

    @vecchia guardia: meglio di valenza (RIP) e Sanz? Lo vedremo…..

    • 24 Dicembre 2014 in 17:06
      Permalink

      Il paracadute, come dicevo prima, è una falsa panacea: perché come direbbe Lapalisse o Catalano 15 milioni sono molto meno di 40. Quindi un affare del caxxo…

      • 24 Dicembre 2014 in 19:30
        Permalink

        bhe, ma tutto viene riparametrizzato, ad iniziare dai costi per gli stipendi, quindi il tornaconto, almeno il primo anno, c’è

        • 24 Dicembre 2014 in 21:38
          Permalink

          Se riparametri ti trovi una rosa peggio di questa… Dai retta: perdere una fetta enorme di incassi è un bagno di sangue.
          Auguri
          Gmajo

  • 24 Dicembre 2014 in 13:13
    Permalink

    che ci liquidino alla svelta,buone feste a tutti

  • 24 Dicembre 2014 in 13:30
    Permalink

    Anche io penso che il paracadute sia un ancora di salvezza niente male che ti permette a meno di cazzate clamorose di vincere il campionato cadetto….il direttore la pensa diversamente…si ricrederà

    • 24 Dicembre 2014 in 17:04
      Permalink

      A casa mia 40 milioni certi sono meglio di 15. Poi che ci siano tutti questi innamorati dei 15…

      Sempre ammesso 15 siano…

      Cordialmente

      gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI