FARNE’ (RAI TV): “CI VUOLE UN BEL CORAGGIO AD ACCOLLARSI TUTTI QUEI DEBITI. LA NUOVA PROPRIETA’ DOVRA’ INVESTIRE PARECCHIO SUL MERCATO”

image(gmajo) – Indubbiamente se Tommaso Ghirardi riuscisse a realizzare dalla vendita del Parma una paghetta che spazia tra i 5 e i 7-8 milioni di euro, così come si vocifera, non sarebbe mica male, specie se la nuova cordata russo-cipriota, rappresentata dal vice presidente esecutivo Fabio Giordano, avvocato romano (anche se pare che Leonardi non c’entri nulla in questa trattativa, che, a suo dire, lo avrebbe colto di sorpresa, avendolo appreso come i calciatori a fine passato con l’annunzio del presidente Tommaso Ghirardi) si accollerà, sempre come pare dalle prime indiscrezioni, pure tutti i debiti del Parma, giornalisticamente descritti come una immensa voragine. “Ci vuole un bel coraggio ad accollarsi tutti quei debiti”, ha detto al microfono di StadioTardini.it l’inviato della Rai Tv Antonio Farnè, tra l’altro figura istituzionale quale neo-presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Bologna nella lunga ed interessante video intervista che ci ha concesso. Tra l’altro, essendo appunto di stanza nel capoluogo regionale, abbiamo un po’ giocato sulla guerra fredda, che potrebbe essere riproposta sul campo di giuoco, tra due squadre rivali, essendo espressione della stessa regione, una controllata dai russi, il Parma (se tutto andrà a buon fine: tra i rumors si vocifera che il passaggio di mano, con relativa conferenza stampa, potrebbe essere sancito giovedì, anche se per ora non ci sono conferme ufficiali) e l’altra, il Bologna, dagli americani… I russi, i russi, gli americani, cantava Lucio Dalla, nella profetica “futura…”. Ma oltre i debiti, pochi o tanti che siano (ma cosa volete che sia per questi ricconi spendere un centinaio di milioni di euro per comprare una squadra blasonata, sia pure un po’ caduta in disgrazia, e rilanciarla ad alto livello…) i nuovi arrivati dovranno spendere – e non poco – appunto per il potenziamento tecnico della squadra, che appare non all’altezza della missione impossibile di salvarsi.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

93 pensieri riguardo “FARNE’ (RAI TV): “CI VUOLE UN BEL CORAGGIO AD ACCOLLARSI TUTTI QUEI DEBITI. LA NUOVA PROPRIETA’ DOVRA’ INVESTIRE PARECCHIO SUL MERCATO”

  • 7 Dicembre 2014 in 20:07
    Permalink

    farne’…ticante

  • 7 Dicembre 2014 in 20:09
    Permalink

    forse i debiti non sono così tanti come dicono e scrivono certi giornali… o forse (speremà) questi russi-ciprioti hanno talmente tanti soldi (ci credo poco) che possono permettersi di pagare decine di milioni di debiti

    • 7 Dicembre 2014 in 23:56
      Permalink

      I bilanci che abbiamo pubblicato sono ufficiali e basta leggersi per vedere certe cifre che immagino possano essere peggiorate nella stagione meno virtuosa, dal punto di vista economico, del centenario.

      Di solito ci sarebbe da diffidare di chi non bada a spese per prendersi in mano una società la cui posizione economico-finanziaria non è delle migliori

  • 7 Dicembre 2014 in 20:19
    Permalink

    Credo che sia la riflessione che abbiamo fatto un po’ tutti, vedremo, sperema be

  • 7 Dicembre 2014 in 21:08
    Permalink

    Qualcuno sta facendo fare il lavoro sporco a qualcun’altro

  • 7 Dicembre 2014 in 21:23
    Permalink

    Ragazzi fosse Kerimov, come inizia a girare sulle agenzie di stampa, che volete che gli importa pagare 50 milioni di debiti quando hai 1 patrimonio di 6,5 miliardi di euro? Adesso aspettiamo e vediamo se davvero è lui o no, ma anche se non fosse lui, chiunque sia cosa pensate che uno si compra una squadra di calcio a 1 prezzo così alto per non puntare a traguardi importanti? Siate un pò ottimisti per una volta!

    • 7 Dicembre 2014 in 21:35
      Permalink

      Io non mi stanco di ripetere: calma & gesso Anche se non dovrebbe esser più di moda, visto che non è stata scelta la cordata di cui ero a conoscenza io e che mi sembrava “istituzionalmente” più protetta.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 7 Dicembre 2014 in 21:59
        Permalink

        sbottonati Majo (non in senso letterale però 🙂 ). La tua cordata era quella degli ultimi giorni metà locale e metà straniera, oppure sono i quatarioti?
        Quando dici istituzionalmente parli di istituzioni locali o calcistiche?

        • 7 Dicembre 2014 in 23:25
          Permalink

          La mia cordata era quella qatariota che in parte coincideva (o era proprio) quella che sembrava metà straniera e metà locale (con i locali che avrebbero dovuto garantire le risorse per soddisfare le obbligatorietà di febbraio.

          Questa soluzione pare sia addirittura una new entry delle ultime 24 ore, particolare, se fosse confermato, un po’ inquietante. Anche se domani, nell’opinione, svelerò un piccolo particolare.

          Quando parlavo di istituzioni mi riferivo in ambito locale, non all’amico Lotito…

          Cordialmente

          Gmajo

  • 7 Dicembre 2014 in 21:23
    Permalink

    E l indonesiano thoir che ha ripianato i debiti per 150 mil di euro ci vuole coraggio questo giornalista e’ un fesso il parma e’ una delle squadre piu titolate in italia ed in europa ma di cosa si sta parlando?

    • 7 Dicembre 2014 in 21:34
      Permalink

      Intanto Farnè è il presidente dell’Ordine dei Giornalisti e non è un fesso. Secondo: chiedi a Moratti quanto Thorir ha ripianato davvero. Terzo: il Parma è una modesta squadra di provincia, che ha vinto tanto con Tanzi quindici o vent’anni fa. Cerchiamo di non perdere il senso della realtà. Perché il bologna ha anche vinto lo scudetto, e diversi anche il grande Torino…

      Ciao

      Gmajo

  • 7 Dicembre 2014 in 21:27
    Permalink

    Io dico che abbiamo avuto un gran culo e se sono vere le voci sui futuri proprietari tanto meglio ! FORZA PARMA

  • 7 Dicembre 2014 in 21:43
    Permalink

    Chi vivrà vedrà. D’altro canto nella situazione in cui siamo c’è poco da fare gli schizzinosi.

  • 7 Dicembre 2014 in 22:17
    Permalink

    Se fosse kerimov potremmo dormire qualche anno di sonni tranquilli! Se poi al fianco ce abramovich ancora meglio! E se come ho letto dietro a questo ci fosse la gazprom?
    Attendiamo qualche giorno e sapremo!
    Majo la tua cordata quale era?

    • 7 Dicembre 2014 in 23:20
      Permalink

      La mia cordata era quella qatariota, che mi lasciava decisamente più tranquillo per la fiducia che riponevo nell’intermediario e nel programma che sia pure a somme linee mi era stato anticipato. Di costoro non so nulla, per cui non mi sento in grado di dire qualcosa di più

    • 7 Dicembre 2014 in 23:19
      Permalink

      E’ un’emozione rivedere la mitika nafta moska di skianki dieci anni dopo…

      Per il resto, però, trattasi solo di indiscrezioni. Preferisco formulare giudizi quando il quadro mi sarà un po’ più chiaro, se mai sarà chiaro…

  • 7 Dicembre 2014 in 23:01
    Permalink

    Majo, avanti, ci faccia contenti e dica quel che sa (e che la GdP fra poco in edicola immagino pubblicherà). Fuori i nomi…

    • 7 Dicembre 2014 in 23:16
      Permalink

      Non so nulla. Non ho difficoltà ad ammettere che la mia pista fosse diversa (cioè quella famosa qatariota): di questa cordata russo-cipriota so proprio nulla. E dell’avvocato vice presidente che posso dire? Che gli piacciono i tatuaggi?

      Però c’è anche da dire che non credo che al tifoso medio interessi sapere chi compra, da dove provengano i suoi capitali: gliene frega solo che faccia vince il pavma. Il come è un dettaglio, del resto come negli anni precedenti, salvo stracciarsi le vesti nelle ultime due settimane…

      • 7 Dicembre 2014 in 23:25
        Permalink

        Majo “Però c’è anche da dire che non credo che al tifoso medio interessi sapere chi compra, da dove provengano i suoi capitali: gliene frega solo che faccia vince il pavma. Il come è un dettaglio, del resto come negli anni precedenti, salvo stracciarsi le vesti nelle ultime due settimane..”

        Queste parole sono da stampare e da rileggere almeno una volta al mese. Conosco gente che criticava Ghirardi sino e ieri e poi si lamentava di un ottavo posto perchè “della salvezza tranquilla non me ne faccio niente”. Ora cari tifosi del Parma guardiamo anche i conti, interessiamoci anche del come, andate a comprare un libro di contabiltà e bilancio.

        Detto questo sarebbe bello chiedere a Ghirardi sulla base di cosa ha preferito questa cordata alle altre. Solo la sua buona uscita? le ambizioni? Magari al sindaco si potrebbe chiedere qualcosa dato che con alcuni acquirenti si è parlato di stadio. Loro metterebbero mano al portafoglio per ristrutturarlo?

        In questi giorni se ne sono sentite di ogni: tra cui quella che i qatarioti volevano spendere 100 mln per il mercato e rifareil tardini. Chissà se era vera. Speriamo di avere vinto il superenalotto con questi qua.

        • 7 Dicembre 2014 in 23:36
          Permalink

          I qatarioti non mi erano parsi per nulla dei “ricchi scemi”, e non avevo affatto sentito parlare di un budget del genere sul mercato di gennaio: se no, forse, l’operazione si sarebbe conclusa prima.

          Io credo che il superenalotto lo abbia vinto più Ghirardi di noi: perché, Dio non voglia, se costoro fossero solo degli avventurieri, lui, il ghiro, intanto si sarebbe riportato a casa i soldini spesi e tolto il fardello dei debiti, mentre noi, tolte un tot di illusioni, poi ci ritroveremmo peggio di adesso.

          Il sindaco avrà parlato con costoro, o si riferiva, appunto, all’altra cordata di cui parlava anche Bellè? Comunque non escludo che ai nuovi arrivati (sempre ammesso arrivino) possa interessare la ristrutturazione globale dell’area stadio, che potrebbe essere un bel business.

          Sul fatto che ci debba essere una maggiore coscienza e consapevolezza nei tifosi ho profuso gran parte dei miei sforzi su questo sito anche in passato, anche se poi solo quando sembravano sul punto di sparire c’è stato chi si è svegliato. Non vorrei che adesso ci andasse bene tutto solo perché, appunto, eravamo sull’orlo del baratro.

          Cordialmente

          Gmajo

  • 7 Dicembre 2014 in 23:17
    Permalink

    Ho sentito uno del centro di coordinamento fuori dallo stadio dire che il nuovo patron è il proprietario della catena di outlet di cui fa parte il Fidenza Village. È vero o è una bufala?

    • 7 Dicembre 2014 in 23:37
      Permalink

      Anche a me uno della medesima organizzazione ha raccontato la stessa cosa, ma le verifiche che ho cercato di fare non mi portano in quella direzione

      • 7 Dicembre 2014 in 23:53
        Permalink

        no dai, speriamo di no. Ci siamo illusi un sacco con Kerimov, e poi viene fuori la storia del fidenza village che tra l’altro mi mette triestezza come tutti i centri commerciali, così come la gente che passa tutto il sabato pomeriggio in questi postacci.

        Speriamo che sia davvero Kerimov: spendere 5 mln o giù di lì + i debiti della società significa avercene, e tanta di pila.

        Ho visto il volto di Fabio Giordano, non mi ispira alcuna fiducia, non appare quasi neanche su google. Perchè se fosse Kerimov il proprietario si affida ad uno come lui? ma chi è?

        Sono comunque sicuro che domani sera barsport o calcio e calcio non potranno non saperne di più, c’è da riempire uno spazio televisivo e le indiscrezioni ci saranno, o ne sapremo un filino di più. Ci sono i giornalisti “amicssimi” di Ghirardi che una telefonatina gliela faranno.

        • 8 Dicembre 2014 in 00:12
          Permalink

          Mi segnalano che sia abbastanza divertente anche il profilo FB del VP.

          Speriamo che i salotti televisivi, domani, non illudano le tue aspettative… Ma non eri tu quello che riteneva inutili, obsoleti e superati i talk show televisivi locali?

          • 8 Dicembre 2014 in 01:40
            Permalink

            si, infatti lo ritengo ancora. Lo penso sul serio. Però ci sono rarissime occasioni come questa in cui la tv potrebbe (e uso il condizionale perchè già domani pomeriggio i siti web potrebbero bruciare scoop preparati da voi per la sera) arrivare prima del web e quindi avere un senso in questo caso. I cambi di proprietà non accadono però ogni domenica. Il tutto ruota sull’esclusività e sull’assuefazione dell’argomento. In questo caso sul cambio di proprietà penso potrete essere un po’ esclusivi e l’assuefazione non c’è secondo me. Ben diverso dai discorsi e argomenti di un qualsiasi lunedì sera non esclusivi e soprattutto rivolti ad un telespettatore in overdose di questo tipo di informazioni dato che ha navigato sul web tutto il giorno tra forum, gazzetta, stadiotardini ecc ecc.

            Domani vi seguo comunque

  • 8 Dicembre 2014 in 00:09
    Permalink

    Prima di pensare di essere andati nelle mani di avventurieri aspetterei un attimo…e comunque non credo che ghirardi improvvisamente sia diventato un genio in grado di far fesso un russo facendogli pagare una cifra simile senza avere un benché minimo progetto. aspettiamo a giudicare…

    • 8 Dicembre 2014 in 00:14
      Permalink

      Sì, certo,indubbiamente aspettiamo a giudicare, ma di razionalmente plausibile c’è ben poco. E onde evitare di stracciarsi le vesti dopo, cerchiamo, stavolta, di non dormire da piedi prima

  • 8 Dicembre 2014 in 00:54
    Permalink

    la gazzetta cartacea dice che la cifra si aggira sui 10 milioni ma del nome, nulla. il profilo di giordano su facebook è impossibile da trovare, ci saranno 1000 persone che si chiamano fabio giordano. è sicuro che chi glielo ha segnalato ha visto il giordano giusto? se sì, come faccio a trovarlo anch’io?

    • 8 Dicembre 2014 in 01:00
      Permalink

      Il collega che me lo ha segnalato me ne ha parlato a voce xche non ho facebook. Ma non è che ci si debba basare su un profilo fb per giudicare…
      10 ml mi pare eccessivo, oggi, allo stadio, la quotazione maggiore era 8 ml, la più gettonata 5. A 10 nn c’era arrivato nessuno

  • 8 Dicembre 2014 in 00:59
    Permalink

    Alcune volte penso che alcune persone vorrebbero veramente che il Parma fallisse o morisse….bha….ben vengano russi-ciprioti, come dicevo oggi l’importante per me è che chi viene usi i soldi con la testa non alla cazzo.

    • 8 Dicembre 2014 in 01:09
      Permalink

      E chi sarebbero, di grazia, quelle persone che vorrebbero che il parma fallisse o morisse, e perché?

  • 8 Dicembre 2014 in 01:05
    Permalink

    e chi è quel tipo che era con giordano oggi allo stadio? sulla repubblica è fotografato accanto a uno con i capelli lunghi neri che fa bella mostra di un orologio d’oro. la mia fonte del centro di coordinamento parlava di uno dei soci della cordata, è vero o mica tanto?

  • 8 Dicembre 2014 in 01:08
    Permalink

    Scusate ma secondo voi i russi per quale motivo dovrebbero affidarsi a un avvocato di Rimini che tira chiodi ovunque??questo è’ un millantatore…

    • 8 Dicembre 2014 in 01:11
      Permalink

      A me non risulta un peracottaio, anche se eviterei certe foto. E quali chiodi avrebbe tirati?

      • 8 Dicembre 2014 in 01:43
        Permalink

        Perdonami, ho guardato tutte le foto su fb di fabio giordano ma non c’è il vp del parma

  • 8 Dicembre 2014 in 01:38
    Permalink

    Ma quindi…faremi capire…diventeremo un satellite del Chelsea? 😉

    Chi di satellite ferisce, di satellite perisce…

    • 8 Dicembre 2014 in 02:37
      Permalink

      ma magari….dateci pure gli scarti del chelsea, grazie

  • 8 Dicembre 2014 in 09:40
    Permalink

    majo ma quel burino che si aggira a collecchio non aveva detto che la salvezza del parma come societa’ doveva passare per la salvezza sul campo ?
    mi sa che il cicciobombolo cannoniere con tre pezze nel sedere stavolta lo ha bypassato clamorosamente,un po come per ceppitelli 🙂

  • 8 Dicembre 2014 in 10:01
    Permalink

    E se ci fosse sotto taci che ne penste la trattativa e’ stata chiusa in fretta forse perche’ l ex ghirardi aveva disperato bisogno di liquidita?
    Che futuro potra’ garantire questa cordata poi investiranno denari anche in caso di retrocessione?
    Ci dovremmo porre parecchie domande l’importante che siano seri e riportino in alto il nome del parma

    • 8 Dicembre 2014 in 10:08
      Permalink

      Le domande, in effetti, sono parecchie. E il discorso che fai su taci, forse, non è campato per aria

  • 8 Dicembre 2014 in 10:03
    Permalink

    Majo come mai tutto questo silenzio? ancora non si riesce a risalire al nome del proprietario?

  • 8 Dicembre 2014 in 10:03
    Permalink

    Io mi riprenderei Ranieri o Prandelli al posto dello zombie.

  • 8 Dicembre 2014 in 10:13
    Permalink

    l’unica certezza e’ che a questi di fare la serie A o la serie B non gliene frega una mazza,quindi vanno bene per una piazza come parma dove non ce ne frga niente dell’europa lague….

    • 8 Dicembre 2014 in 10:15
      Permalink

      Ieri, infatti, quel cazzo di coro menagramo era molto gettonato da quei geni della nord…

      • 8 Dicembre 2014 in 10:19
        Permalink

        oh almeno e’ servito ad attrarre compratori,avran detto se a questi non gliene frega niente dell’europa league figuriamoci della serie A,gliene combinano di tutti i coiori a sti beoni e loro ci fanno anche i parma clubs magari ahahahah

        • 8 Dicembre 2014 in 13:10
          Permalink

          Compagni dasvidania, qui dal Politburrone Crocjato nella milza della parmigianità-cipro-russa (sempre nello stambuzzino a fianco della macelleria islamica dI quel Mullah Dondi), vi comunico ke mi sono autoeletto a maggioranza ZAR del primo Parma Club-bolscevico amici di Putin e di Cipro, ke facciamo gli aperitivi cn la vodka e nn + con i campari (cmq ROSSI) makkiati in segno di GLASNOST. Ke se Majo e Garg-Angella (ke vi ricordo parla l’inglese degli amerikani di Osamba) sn al soldo della ZIA e dal Mossad per parlare male della Grande Madre Russia, io gli dico ke è inutile ke abbattono gli apparecchi per dare la colpa a Putin ke noi la sappiamo la verità.
          Ke se fino a ieri abbiamo venerato (in russo: lekkatonski kulonski) Ghirardi adesso x coer-Enza venereremo (x il russo vedi sora) i sovietico-cipriotici e ke se voi la coer-Enza nn sapete neanche dove sta di casa, d’estate andrete in coer-Ceno mentre noi saremo sul coer-Don e sulla coer-Volga alla facciazza vostra e vi manderemo delle cartoline con scritto di andarvela a prendere in tal kuloskj (e nn vi dico cosa significa, che se non sapete il ciriaco nn è colpa mia).
          Ke io ho già kiesto di ribattezzare il Natale in Latrina in Natale Ortodosso in Latrina, ke io farò un presepe vivente cn me, cn il colbacco, ke tengo su un’icona cn su il nuovo vice presidente.
          Cmq Assio, se mentre parlate nella trasmissione di Kairo & Kairo ti scappa detto, ti faccio un esempio: Be io ci ho un amico ke parla sempre cn le rumene in auto e secondo me ci starebbe bene a capo di Parma Brandoski o cm Responsabile del comitern dei tifosi…
          Veda ti. Ke io ho sempre votato comunista e ho scritto il curriculum cn la biro rossa xkè io nn sono al soldo degli yankee torinisti ke fanno l’Asse il Kairo-Wasghinton.
          ALL’ASTA LA VICTORIA SIEMPRE!

      • 8 Dicembre 2014 in 19:41
        Permalink

        Per fortuna che sei un genio tu allora Majo…io te lo ripeto che prima o poi qualcuno ti troverà in un angolino a chiedere pietà. Stai molto attento

        • 8 Dicembre 2014 in 19:47
          Permalink

          Nicola Pezzani, eh? Bene mi ricorderò questo nome.

          Certo non verrò a piatire da lei al momento opportuno. E comunque io sono già in un angolino a chiedere pietà.

          Comunque il suo intervento la qualifica. Complimenti

          • 8 Dicembre 2014 in 20:02
            Permalink

            Onorato dei tuoi complimenti. se poi ti dichiari giornalista, non puoi certo fare certi commenti

          • 8 Dicembre 2014 in 20:07
            Permalink

            Chi ha fatto commenti inqualificabili è lei, non certo io. E mi perdoni io non porgo l’altra guancia perché non sono un buon cristiano.

            Secondo: io non mi dichiaro giornalista. Semplicemente lo sono dal 1988.

            Terzo: non le ho fatto alcun complimento. Anche perché dovrebbe vergognarsi di quel che scrive, che appunto la qualifica.

  • 8 Dicembre 2014 in 10:15
    Permalink

    da cui ne deduco che:1)l’anno prossimo torniamo in seria a col grillo in mano 2) avranno un anno di tempo in piu’ per ripulire i soldi

  • 8 Dicembre 2014 in 10:20
    Permalink

    majo si rilassi(in senso buono)… non esiste cordata meglio o peggio, l’alternativa è il fallimento quindi se c’è qualcuno disposto a pagare i debiti -e ghirardi – uno sprovveduto non sarà certamente.

    • 8 Dicembre 2014 in 11:30
      Permalink

      Che sia Kerimov ad acquistare il Parma ci crederò quando lo vedrò

  • 8 Dicembre 2014 in 11:39
    Permalink

    Ma in tutto questo la Energy T.I. Group si prende il 10% della vendita?

  • 8 Dicembre 2014 in 11:42
    Permalink

    Trovato su Facebook Fabio Giordano!!! Qualcuno gli ha già fatto i complimenti!

    • 8 Dicembre 2014 in 11:47
      Permalink

      Si, lo so, grazie, mi avevano segnalato… Magari, sai io non sono iscritto a FB, riesci a mandare link ed eventuali screen-shot ? gabrielemajo@email.it
      Grazie

  • 8 Dicembre 2014 in 11:51
    Permalink

    Certo!! Mando subito!

  • 8 Dicembre 2014 in 11:59
    Permalink

    È un piacere!!

    • 8 Dicembre 2014 in 12:06
      Permalink

      Io non lo trovo, qual’è? si può avere il link?

  • 8 Dicembre 2014 in 12:27
    Permalink

    Certo. Da iPhone ho difficoltà. Accendo il Mac e te lo invio

  • 8 Dicembre 2014 in 12:38
    Permalink

    Ma se non e’ lui Kerimov chi e’ che si e’ sobbarcato 60 mil di debiti e una buona uscita a ghirardi di 7 – 8 mil di euro questi dovrebbero avere dei soldi e anche tanti

    • 8 Dicembre 2014 in 12:40
      Permalink

      Calma & Gesso… Il mio slogan è sempre di moda… Per ora non c’è alcuna certezza di chi si tratti

  • 8 Dicembre 2014 in 13:03
    Permalink

    Cosa? Il profilo?

  • 8 Dicembre 2014 in 13:25
    Permalink

    io lo visualizzo

  • 8 Dicembre 2014 in 13:32
    Permalink

    ma stiamo scherzando????!!!!!…vivo all’estero,ho seguito poco la vicenda…ma davvero adesso uno che si fà le foto,per citarne una, nudo nella vasca da bagno,con i suoi amici che lo sfottono,può diventare il vicepresidente di una squadra di calcio professionistica di serie A???…della nostra squadra??sarebbe bello avere conferma che la persona del profilo linkato da erica non è lui…ma invece,purtroppo…
    nella sua pagina facebook ha pubblicato un selfie al tardini,i commenti dei suoi amici lasciano intendere che tipo di personaggio è questo…uno addirittura gli dice…”à fà…questa è proprio dà romanzo criminale….dajjje”…una cosa del genere.
    meglio i dilettanti che essere rappresentati da gente simile…questo è quello che penso io.sarebbe bello che i tifosi del parma,una volta tanto,compresi gli organi di informazione,locali e non,smettessero di incensare questi personaggi,magari in cambio di qualche velina da pubblicare,o di qualche accredito in più,o dell’acquisto “sensazionale”(si fa per dire…)durante il mercato.
    è evidente che questi,e noi a parma dovremmo ricordarcene bene,”usano” lo sport,per pulire il loro denaro e generare profitti personali;tanzi,ghirardi,cambi(nella pallavolo e in eventi sportivi spsonsorizzati in giro per la città e non)…tutti uguali.incensati al loro arrivo e venerati durante la loro “reggenza”,e poi miseramenete falliti(tanzi e cambi rubando pure soldi alla gente comune)
    e questo russo che tu majo speri che arrivi,tanto da non volerne quasi scaramanticamente pronunciare il nome….vai a vedere chi è….io ho guardato su internet,mi auguro tu non lo abbia fatto……bella roba…..

    P.s…il profilo è attivo,lo ho appena guardato dal link postato da erica

    • 8 Dicembre 2014 in 14:23
      Permalink

      Alessà, te possa da provà a responnete io, ke spero de potemme occupà de parlà co i tifosi, quanno er nuovo presidente me vorrà da assume.
      Alessàààààà te devi da calmà!!!!! Semo in un botte DE FERO!!!! DE FEROOOOOO! Con Fabiè tornamo granni, ce devi da credere. Li mortè.
      E fateme lavorà…. E fateme lavorà…

    • 8 Dicembre 2014 in 14:30
      Permalink

      La ragione per cui non pronuncio il nome non è affatto scaramantica, giacché io, come noto, avrei preferito un altro destino. Ma visto che il buon Ghiro, da un mese a questa parte stava lavorando per il Parma, che non poteva certo abbandonare, prendiamo il frutto del suo lavoro…

      Poi un’occhiatina in giro l’ho data, ma non è, come scritto anche da altri, che in giro in serie A ci sia gente molto più edificante: che sarà mai una foto in bagno su proprio profilo facebook?

      • 8 Dicembre 2014 in 14:40
        Permalink

        infatti basta guardare l’ultimo presidente arrivato ( leggi Ferrero) se essere “strambi” porta la tua squadra ad ottenere quei risultati e addirittura gli “scarti” del Parma in nazionale….

    • 8 Dicembre 2014 in 21:20
      Permalink

      Sicuri che non sia il figlio illegittimo di er viperetta? Il bello e che gli amici lo prendono un po per il culo perchè non fa nulla nella vita (a parte vita mondana)
      Vuoi vedere che il papi gli mette a disposizione una squadra di calcio per tenerlo impegnato?
      un ghirardi 2 ……..
      vedremo anche lui imitato da crozza?

  • 8 Dicembre 2014 in 13:35
    Permalink

    a sema mis be,chilu’ a nel sa gnanca in do stala perma

    • 8 Dicembre 2014 in 13:51
      Permalink

      alessandro, temo che tu abbia ragione,ma quando dico solo a parma !,adesso hai capito perche’

  • 8 Dicembre 2014 in 13:40
    Permalink

    Non è detto che sia Kerimov ..certo è che se fosse lui, non è propriamente un santo.

    • 8 Dicembre 2014 in 14:05
      Permalink

      se è per quello di presidenti santi in serie A non ne vedo tanti… quasi tutti hanno lo “scheletrino” nell’armadio e qualcuno anche fuori…

  • 8 Dicembre 2014 in 13:46
    Permalink

    Ma quindi Fabio giordano dei due è il giovane? Tutti i giornali hanno fotografato il vecchio

  • 8 Dicembre 2014 in 14:14
    Permalink

    Fatece largo ke passamo noi….
    sti giovanotti de sta Romma bella

    a Fabiè, lì mortè, me devi da ussume, ce lo sai??? Dajè ke je famo li bozzi, ke ce sta er Majo che sta a rompè er cazzo e io te faccio er marketting come te pare, anzi pure mejo. Ke a parmiggianità è cosa mia, ce lo devi da sapè. Quanno veni a Parma me devi da ghiamà, ke te presento er Mullah, che annamo a magnà ner cooore da a parmigianità, ke te faccio da conosce tutti j nemici der Parma.

    E il barcarolo va… controcoreeente….

    • 8 Dicembre 2014 in 15:22
      Permalink

      ahahahah 😀 ,li meio mortacci tua marce’ ahahah

  • 8 Dicembre 2014 in 16:39
    Permalink

    Al di lá del fatto che ricordo bene i Sanz in tribuna per Parma-Juve 8 anni fa dunque fino all’ufficialità calma&gesso sono tassative per me, il suddetto slogan prudenziale credo sia da conservare anche in futuro dalla nuova proprietà, mi auguro, in primis. Come tifoso, anche, e non per pessimismo. É vero che fallimento e serie D fanno paura, sportivamente parlando, ma anche investimenti faraonici rapidamente dismessi (vedi Anzhi e Monaco per esempio) non sono prospettive idilliache. Detto questo, spero in un passaggio di proprietà rapidamente ufficiale e in un programma serio e duraturo (che si realizzi o meno il miracolo salvezza) e soprattutto intelligente e a misura della nostra realtá.

    Marco

    • 8 Dicembre 2014 in 17:06
      Permalink

      io invece spero in un programma serio e duraturo a misura delle possibilità del patron! se ha poco, allora la società deve autofinanziarsi, se è sfondato di soldi e vuole buttarli, ben venga! Se il Parma lo prendesse Bill Gates, una parte della tifoseria gli chiederebbe di non prendere Messi e di puntare ad una sudata salvezza! La provincialità è nella mentalità,no nei numeri!

  • 8 Dicembre 2014 in 18:57
    Permalink

    Temo Taci

  • 8 Dicembre 2014 in 20:39
    Permalink

    Tutti i tifosi del Parma temono l’arrivo dei tanto decantati nuovi proprietari !

    Nostalgia di Ghirardi ?

    • 8 Dicembre 2014 in 20:58
      Permalink

      Non mi sembra di aver visto particolari preoccupazioni

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI