FORBES “FORZA LA MANO” A GHIRARDI (“OGGI L’ANNUNCIO DEI COMPRATORI”), VULPIS SUL CORRIERE SPORT STADIO RIBADISCE: “SULLA CESSIONE INCOMBE IL RISCHIO EMBARGO”

image(gmajo) – Forbes sarà anche uno dei più autorevoli media al mondo, ma nel caso specifico che ci sta a cuore – la supposta (oh yes: supposta) cessione del Parma ai russo-ciprioti – non mi pare una fonte così potabile o attendibile, per cui cari naviganti di StadioTardini.it vi invito al solito “calma & gesso” così di moda in queste ore. Se badate bene all’interno dell’articolo, di cui qualcuno ha fatto la traduzione casareccia con gli strumenti di google, il virgolettato di Tommaso sono solo alcune parole, che magari lui avrà bofonchiato per togliersi di torno l’interlocutore, ma di fatto non sposta di una virgola i termini della questione, giacché la conferma che si trattasse di una cordata russo cipriota l’avevamo già da domenica, e che non potesse fare i nomi dei misteriosi compratori era altrettanto noto, dunque quel portate pazienza ancora 24 ore non era una intervista, né una promessa che i nomi saranno svelati, perché, a mio modo di vedere, se anche la trattativa si concluderà (e ho molti dubbi al riguardo), sono piuttosto certo che i nomi dei mandanti dell’avvocato Vanoli-Zero-Giordano resteranno occulti.

vulpis corr sport stadioNel frattempo, proseguendo la lettura un po’ tardiva dei giornali, vi segnalo sul Corriere Sport Stadio l’ottimo approfondimento di Marcel Vulpis che, come ieri Bellinazzo del Sole a Palla in Tribuna, avverte: “Sulla cessione incombe il rischio embargo”: “Per il momento, quindi, non c’è soluzione: soggetti privati, come nel caso del Parma, possono avere interscambi commerciali ma una volta formalizzata la cessione del club, la FIGC (come ente pubblico) potrebbe intervenire rimettendo in gioco l’effettivo passaggio delle quote azionarie per le restrizioni imposte dall’Ue alla Russia (l’Italia in qualità di stato membro non può infatti derogare alle direttive comunitarie). Per superare l’embargo l’unica via può essere quella di far acquistare il club ad una società terza, non direttamente riconducibile, ai soggetti coinvolti nell’operazione (gli imprenditori russi)”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

160 pensieri riguardo “FORBES “FORZA LA MANO” A GHIRARDI (“OGGI L’ANNUNCIO DEI COMPRATORI”), VULPIS SUL CORRIERE SPORT STADIO RIBADISCE: “SULLA CESSIONE INCOMBE IL RISCHIO EMBARGO”

  • 10 Dicembre 2014 in 12:37
    Permalink

    bene Majo, quindi secondo lei qual è il ruolo dell’avv. Giordano?

    • 10 Dicembre 2014 in 12:46
      Permalink

      L’avv. Giordano rappresenta i misteriosi compratori, mi sembra evidente

      • 10 Dicembre 2014 in 12:57
        Permalink

        pensavo alla società terza

        • 10 Dicembre 2014 in 13:00
          Permalink

          Scusa, ho perso il filo: in che senso? quale società terza?

          • 10 Dicembre 2014 in 13:01
            Permalink

            lei ha scritto “Per superare l’embargo l’unica via può essere quella di far acquistare il club ad una società terza, non direttamente riconducibile, ai soggetti coinvolti nell’operazione (gli imprenditori russi)”.

  • 10 Dicembre 2014 in 12:39
    Permalink

    Coumnque Majo mi perdoni, ma mi da l’impressione di provare una certa goduria nel sostenere che la trattativa non andrà a buon fine….magari è solo una mia impressione, ma se lei sostiene il contrario glielo faccio semplicemente notare come mia semplice impressione

    • 10 Dicembre 2014 in 12:45
      Permalink

      Chi lo pensa è prevenuto per cui non potrò mai convincerlo del contrario.

      Per quale motivo dovrei godere, di grazia?

      Cerchiamo di non scrivere stronzate offensive della mia professionalità e personalità.

      Semplicemente laddove vedo delle forzature giornalistiche lo rimarco.

      E comunque: sono il primo che auspica la cessione del Parma, ma non mi sta bene un compratore qualsiasi. Perché se tra due anni siamo di nuovo qui con lo stesso problema, ma amplificato, non penso sia un bene neppure per i tifosi che non riflettono (tipo te). O preferite due anni in Champions e poi i dilettanti?

      Quindi mo’ piantala lì, e anche con la storia della sfiga, perché hai stufato

  • 10 Dicembre 2014 in 12:39
    Permalink

    Domanda: Non sará per questo che i russi-ciprioti-romani comprano la Eventi Sportivi e non direttamente il Parma? In questo modo non si eviterebbe l’embargo?

    • 10 Dicembre 2014 in 12:41
      Permalink

      Non diciamo cavolate, Simone… (senza offesa, eh…)

      A parte che la mia è una sensazione e non una certezza, però Eventi Sportivi o Parma F.C. ai fini dell’embargo della U.E. è la stessa identica cosa.

      • 10 Dicembre 2014 in 12:42
        Permalink

        direttore l’embargo lo sappiamo benissimo che se hanno i soldi un modo per by-passarlo lo trovano sempre..il più è se hanno i soldi!

        • 10 Dicembre 2014 in 12:49
          Permalink

          Abbiamo (o meglio hanno) gli occhi addosso di tutti. Non è una cosa da sottovalutare. E se permetti, a me i sotterfugi non piacciono. Se li fanno gli altri urlate allo scandalo, se li facciamo noi va tutto bene? A me queste robe da furbetti non piacciono affatto

          • 10 Dicembre 2014 in 14:36
            Permalink

            gli USA fanno l’embargo a Cuba da una vita e i Canadesi girano la loro merce in Spagna per rimandar la a Cuba.
            Allora i russi verosimilmente sono interessati al Parma per far uscire via Cipro i loro soldi e girarli nel mercato occidentale. Del l’embargo di Renzi e della UE se ne fanno tutti una pippa (vedi come la VW gira le sue auto ai tovarish Moscoviti). In tutti i casi e’ sufficiente trovare una società’ burletta a Cipro e rigirare in Italia tutta la pecunia di questo mondo.
            Il motivo per cui i russi rileverebbero il Parma sta proprio tutto qua: nell’embargo

      • 10 Dicembre 2014 in 12:51
        Permalink

        Infatti la mia era una domanda da ignorante. Leggendo l’articolo mi era parso di capire il contrario di quello che dici tu (che comunque ammetti di non avere certezze), ossia, a mio modesto parere di chi non ci capisce una cippa, se un russo vuole comprare una societá di calcio italiana non ci sono cazzi (oggi), se un russo-cipriota ci prova, probabilmente son cazzi lo stesso; se un russo-cipriota-romano compra una societá che controlla una societá di calcio… beh, magari la cosa cambia. Detto questo la mia domanda era in realtá una velata richiesta per attivare i gentili consulenti che spesso scrivono su questo blog per fare un po’ di chiarezza in questo mare di incertezze in cui sembra stiamo veleggiando un po’ tutti.

        • 10 Dicembre 2014 in 12:57
          Permalink

          il problema, simone, non è un embargo sulle sole società di calcio: il problema è su qualsiasi transazione dalla Russia verso l’U.E., dunque l’Italia

          • 10 Dicembre 2014 in 13:14
            Permalink

            Scusa se insisto ma quando non capisco una cosa divento matto, da qui la richiesta di spiegazioni.

            Nell’ultimo virgolettato dell’articolo si parla dell’embargo e della differenza tra ente pubblico (FIGC) e ente privato (Parma FC) da qui la mia domanda riferita ad una societá terza (Eventi Sportivi).

            Detto questo concordo con te che i sotterfugi non sono il massimo della vita ma allo stesso tempo credo che qualsiasi alternativa alla situazione attuale sia migliore. Analizzando, come piace fare a te, nella peggiore delle ipotesi cosa succederebbe? Cambieremmo l’attuale presidente con un altro personaggio poco chiaro che ci porterebbe al fallimento, ossia, non cambierebbe nulla. Ma questa é la peggiore delle ipotesi, prima di questa ce ne sono di ben migliori…

          • 10 Dicembre 2014 in 13:24
            Permalink

            Majo, gliel’ho già scritto ieri…e allora Gazprom cje sponsorizza Champions, Shalke e Stella Rossa?

            Il problema non è questo, semmai bisogna vedere se ci sono davvero. 😉

  • 10 Dicembre 2014 in 12:41
    Permalink

    direttore ma se non ci fidiamo neanche più di forbes di chi dobbiamo fidarci?comunque russi non vuol dire per forza Kerimov.La russia è piena di petrolieri con interessi a Cipro…

    • 10 Dicembre 2014 in 12:54
      Permalink

      Il problema non è solo Forbes. Il problema è anche chi lo riporta senza uno straccio di ragionamento. Cosa che, nel bene o nel male, io tento sempre di fare. E che mi fa piacere rimarcare come ad esempio abbia fatto lo stesso Nicolò Fabris, su Parma Fanzine (che non mi fa affatto pentire di averlo indicato come uno dei giovani emergenti che tentano la difficile via dell’approfondimento) nell’articolo al link
      http://www.parmafanzine.it/ghirardi-e-lannuncio-forbes-proviamo-fare-chiarezza/

  • 10 Dicembre 2014 in 12:41
    Permalink

    se ghirardi parla di russi, un elemento di novità c’è. Di fatto, leonardi non lo ha mai detto, lo hanno detto i giornali che si trattava di russi. Leonardi no.

    Purtroppo non so il russo, ma in fondo all’articolo vedo altre virgolette, oltre a quelle da lei citate di poche parole.

    Li si conferma che siano russi? E’ un virgolettato ghirardiano?

  • 10 Dicembre 2014 in 12:44
    Permalink

    Ok, ma non crede che un problema del genere sia stato a conoscenza di entrambe le parti se si vuole portare a termine un operazione del genere?O questa problematica la conoscono solo i giornalisti??

    • 10 Dicembre 2014 in 12:48
      Permalink

      La problematica è posta da giornalisti autorevoli e io la riporto nel pieno esercizio di cronaca (e non è che riportando io sposi la tesi, sulla quale non mi sono neanche espresso); per quanto concerne le parti… Beh, soprassediamo che è meglio… Basta vedere le modalità dell’annuncio a cose non ancora fatte!

  • 10 Dicembre 2014 in 12:54
    Permalink

    Ho letto solo adesso la sua prima risposta…devo ammettere che sono parecchio deluso dalla sua reazione, definendo stronzate delle semplici impressioni. Queste rimarcate con la massima educazione, a questo punto posso dire non in stile Majo a quanto pare. Sul fatto della sfiga mi perdoni, ma nella vita bisogna anche avere un pò di ironia nel trattare certi argomenti, perchè non sono certo di vitale importanza, scrivendo poi che ho stufato mi torvo allibito, dal momento che è stata la prima volta che ho fatto una battuta del genere, e la sfido a dimostrare il contrario. Comunque sia, se questa è la libertà di pensiero che si può avere in questo forum allora non si preoccupi, tolgo il disturbo senza problemi…

    • 10 Dicembre 2014 in 12:56
      Permalink

      Io non le chiudo la porta in faccia, ma la patente del menagramo o di quello che gode per la mancata vendita se la tiene per lei. E se lei si permette di darmela poi non si stupisca per la risposta. Sono un pessimo cristiano: non porgo l’altra guancia.

      Poi specifico di aver definito stronzata la forzatura di Forbes

  • 10 Dicembre 2014 in 12:58
    Permalink

    Di certo l’embargo è stato preso in considerazione dal principio, questo è il motivo di “cipriota” penso.
    Potrà non bastare forse, ma di certo da entrambe le parti è stato considerato.

    • 10 Dicembre 2014 in 12:59
      Permalink

      Secondo me ha ragione angella quando pensa che i capitali, in realtà, siano romani…

      • 10 Dicembre 2014 in 17:19
        Permalink

        Secondo me invece è’ un riciclo tramite banche cipriote verso Roma di capitali russi altrimenti bloccati con l’embargo

        • 10 Dicembre 2014 in 17:23
          Permalink

          Frank damme retta: la Sanitaria Borromeo ha capitali da investire… Il settore tira parecchio e cosa c’è di meglio che farsi un po’ di reclame con una squadra blasonata…

          Con la sanitaria Borromeo c’è il perfetto incontro tra domanda e offerta…

          Ricordate: Sanitaria Borromeo

  • 10 Dicembre 2014 in 13:02
    Permalink

    Majo facciamo un po di riflessioni ammesso e non concesso che siano realmente russi-ciprioti, (dubito) io leggo come i ciprioti solo la maschera per bypassare l’embargo,e poi utilizzare qualche testa di legno, o socie di aziende dove loro investono come ufficiale figura di riferimento qua.

  • 10 Dicembre 2014 in 13:11
    Permalink

    Finalmente il nome del magnate russo! Dal sito del Parma, appena pubblicato: “Si comunica che la società è stata ceduta in data odierna al Sig. Vitali Kutuzov.”

    • 10 Dicembre 2014 in 13:33
      Permalink

      Lesà li ed fèr l’esen càl fen le chèr! 🙂

  • 10 Dicembre 2014 in 13:20
    Permalink

    magari ce li hanno depositati allo ior,alla fine ci vuol sempre la madona ed fontanle’ par cla squedra chi

  • 10 Dicembre 2014 in 13:27
    Permalink

    Si però, sarà anche tutta una bufala, ma a che pro Forbes si interesserebbe al Parma?

    Dailà, non ci caga nessuno in Italia, figuriamoci lì. Qualcosa deve pur esserci, Kerimov o chiunque esso sia.

    • 10 Dicembre 2014 in 13:47
      Permalink

      Io non ho mai detto che si tratti di una bufala.
      Facciamo ordine: per me kerimov non è il mister x, malgrado fonti autorevoli lo indichino per tale.
      È più facile sia allora la sanitaria Borromeo…
      Quella di forbes mi pare una forzatura di frasi di ghirardi, magari riciclate, o rapide risposte date per educazione ma non una intervista.
      Poi, però, siccome non ho il dono della infallibilità magari mi sbaglio, però cerco sempre di tener acceso il cervello

      • 10 Dicembre 2014 in 14:16
        Permalink

        Majo e il servizio di poco fa di Balestrazzi sulla tv parma?che ne pensi?

        • 10 Dicembre 2014 in 14:21
          Permalink

          Calma & Gesso.

          Anche se il vecchio Majo, già lunedì, vi ha riferito che tra gli assistiti dello studio Giordano c’era Taci, singolare combinazione.

          Ma aspettiamo con calma

          Mi entusiasmo poco quanto detto su Radio Parma che potrebbe essere un passaggio di mano a tre…

  • 10 Dicembre 2014 in 14:15
    Permalink

    a brescia stanno firmando da un notaio!!!

  • 10 Dicembre 2014 in 14:19
    Permalink

    taci nuovo proprietario……

    siamo a posto…..

  • 10 Dicembre 2014 in 14:25
    Permalink

    Non c’è ancora nessun annuncio…come dice Majo…CALMA & GESSO

    • 10 Dicembre 2014 in 14:28
      Permalink

      Bravo.

      Poi se non si sa neppure se lo studio notarile sia a Milano o Brescia…

  • 10 Dicembre 2014 in 14:30
    Permalink

    La società’ e’ stata comperata da Taci ,la storia dll’embargo e’ veramente ridicola.

    • 10 Dicembre 2014 in 14:35
      Permalink

      Tu sei nello studio notarile? Ma dove a Brescia o a Milano?

      • 10 Dicembre 2014 in 14:58
        Permalink

        Brescia

        • 10 Dicembre 2014 in 15:00
          Permalink

          Allora metti d’accordo con Di Marzio e con Sky che dicono a Milano

  • 10 Dicembre 2014 in 14:31
    Permalink

    ma taci è albanese ghirardi ha parlato di cordata russo cipriota

    • 10 Dicembre 2014 in 14:35
      Permalink

      Si starebbe profilando una “triangolazione”. Posso dirlo? La cosa è sempre più inquietante

      • 10 Dicembre 2014 in 14:42
        Permalink

        magari cosi’ imparano a farla quelle 4 scamorze dei giocatori 🙂

      • 10 Dicembre 2014 in 16:32
        Permalink

        Scusa Majo ma la triangolazione é impossibile, Giordano ha appena dichiarato su Radio Capital “il triangolo no, non l’avevo considerato”

  • 10 Dicembre 2014 in 14:31
    Permalink

    ormai con tutto sto gesso non mi muovo più!!!

  • 10 Dicembre 2014 in 14:35
    Permalink

    Per me è tutto un bluff, il proprietario sarà un altro….

    • 10 Dicembre 2014 in 14:36
      Permalink

      Che sta storia puzzasse di Taci il mio naso sensibile lo aveva avvertito. Ma aspettiamo…

  • 10 Dicembre 2014 in 14:41
    Permalink

    per l’acquisto del parma il suo naso parlava anche di Giuli e compagnia bella..quindi non è sempre sensibilissimo..

    • 10 Dicembre 2014 in 14:47
      Permalink

      Tutto va sempre contestualizzato. ma se non ci fossero stati intoppi con Energy (quella era la soluzione illo tempore più logica) adesso non ci sarebbe stato bisogno di vendere non si sa a chi.

      E proprio la vicenda energy dovrebbe farci riflettere.

      • 10 Dicembre 2014 in 17:23
        Permalink

        Energy ovvero quattro scalzacani senza Mutanda dai….

        • 10 Dicembre 2014 in 17:27
          Permalink

          Alfredo, porta rispetto per chi aveva promesso una mega sponsorizzazione da 25 milioni di euro! Come ti permetti ?!?!?

          Ricordati che ha sempre il 10% del Parma F.C.

          E ricordati, soprattutto, chi è stato il grande regista della operazione…

  • 10 Dicembre 2014 in 14:49
    Permalink

    articolo del buon di marzio:

    Passaggio di testimone sempre più vicino, in casa Parma si lavora per ufficializzare il passaggio di proprietà. Come anticipato, infatti, una cordata russo/cipriota operante nel settore petrolifero ha acquisito la società gialloblù, restano da ultimare solo gli ultimi dettagli. E proprio in questi minuti a Milano è in corso un incontro tra Ghirardi e l’avvocato Fabio Giordano, rappresentate della cordata di investitori stranieri: si lavora per concludere l’operazione, che procede sempre più spedita. Il Parma è pronto al cambio di mano

  • 10 Dicembre 2014 in 14:49
    Permalink

    Ma non era stata esclusa la pista Taci perchè aveva smentito la trattativa via mail a Teleducato? Questo per far notare che le smentite in questi casi non valgono nulla……mah

    • 10 Dicembre 2014 in 14:54
      Permalink

      Certo le smentite non valgono nulla. Ma anche che ci sia dietro Taci è ancora tutto da provare. Vi siete già dimenticati di Kerimov?

      Date retta a me: il compratore del Parma è la Sanitaria Borromeo

  • 10 Dicembre 2014 in 14:49
    Permalink

    …adesso ci permettiamo pure di storcere il labbro..ultimi..penalizzati..stipendi non pagati…contributi non versati..tasse non pagate…e ci permettiamo pure di fare i difficili!I russi no, taci no, le triangolazioni no.ci meritiamo davvero Ghirardi, leonardi e schinelli..

    • 10 Dicembre 2014 in 14:53
      Permalink

      caro mio, ci sono certe cose più importanti che il calcio. E non mi far aggiungere altro.

      • 10 Dicembre 2014 in 14:56
        Permalink

        In qualunque luogo si trovino, spero che chiudono in fretta e spero che il neo presidente (Russo, Albanese o Italiano) voglia fare davvero qualcosa di buono a livello sportivo.

      • 10 Dicembre 2014 in 14:57
        Permalink

        Direttore secondo lei in questo momento non sta succedendo proprio un bel niente oppure sono veramente dal notaio?

        • 10 Dicembre 2014 in 15:01
          Permalink

          Solo Dio e loro lo sanno.

          Io non mi pronuncio.

          Da come la sapevo io, di incontri non ce n’erano da fare, dovevano solo arrivare i quattrini. Però se lo dicono Di Marzio e tutti gli altri sarà vero. Ma almeno ci dicessero con precisione dove sono…

  • 10 Dicembre 2014 in 14:52
    Permalink

    Majo ma la Energy non ha un euro, pensa davvero che abbia pagato la parte della società acquisita??? Meno male che non è stata venduta a loro, e anzi speriamo vengano liquidati, qui servono soldi non cazzari……

    • 10 Dicembre 2014 in 14:59
      Permalink

      Energy T.I. Group ha onorato gran parte del 10% del parma F.C. Se non tutti e cinque milioncini, gran parte. Qualcosa che strusa, semmai, potrebbe esserci nel contratto di sponsorizzazione, quello dei favoleggiati 25 milioni in 10 anni.

      Comunque mica avevo portato io Energy T.I. Group al Parma, eh. E che questi potessero essere ragionevolmente i compratori derivava dal dispendio iniziale di risorse.

      Appunto quella storia dovrebbe frenare gli entusiasmi di chi ci vede già in Champions…

  • 10 Dicembre 2014 in 14:54
    Permalink

    Taçi è il prestanome, i soldi arrivano tramite lui da qualcuno ben al di sopra… Sempre perché l’embargo avrebbe dovuto far saltare tutto secondo i tanti economisti citati.

    • 10 Dicembre 2014 in 14:56
      Permalink

      Mah… Non credo che c’entro l’embargo. E anche la storia della triangolazione mi pare logica fino lì. Taci aveva il precontratto scritto ed era il compratore iniziale. I misteriosi russi ciprioti sono saltati fuori dopo. Secondo me c’è chi tenta di sommare prodotti tra loro incommensurabili. Per avere le idee chiare meglio pazientare

  • 10 Dicembre 2014 in 14:56
    Permalink

    Aldilà delle news sull’imminente passaggio di proprietà, ciò che si è oggi evidenziato a palla in tribuna è stata la profonda ironia del giornalista (??) Schianchi ……. Voltagabbana al massimo livello!!!!!

    • 10 Dicembre 2014 in 15:02
      Permalink

      Preferirei non esprimermi al riguardo, a parte che sulle questioni di economia, come al solito ha palesato una ignoranza abissale. Il bilancio doveva essere approvato, secondo lui, il 30 giugno, ma sarebbe stata chiesta una proroga. Ebbene: il bilancio viene chiuso il 30 giugno, ma l’approvazione è successiva e c’è tempo (salvo proroghe) fino al 31.12.2014. E chiuderlo e approvarlo sono due cose diverse…

  • 10 Dicembre 2014 in 15:00
    Permalink

    A quanto mi risulta, taçi ha sempre avuto questa funzione da due mesi a questa parte. Magari lei ha altre fonti. Potrebbe essere tutto e il contrario di tutto…

    • 10 Dicembre 2014 in 15:06
      Permalink

      appunto. Potrebbe essere tutto e il contrario di tutto.

      Ma se già era inquietante Taci da solo, immaginarsi la triangolazione…

  • 10 Dicembre 2014 in 15:02
    Permalink

    Quindi Majo la sua opinione in merito qual’è, che idea si è fatto?..non riesco a capire…

    • 10 Dicembre 2014 in 15:05
      Permalink

      Io avrò una opinione in merito quando avrò chiarezza. Comunque sono molto scettico di fronte a questi intrighi internazionali. E sono preoccupato: non solo per la squadra di calcio, ma anche per la città che rappresenta. E una delle poche cose con le quali mi trovo in sintonia con Schianchi (o lo ha detto balestrazzi? adesso non vorrei fare confusione= è che sindaco e assessori farebbero bene a starne al di fuori e vigilare.

  • 10 Dicembre 2014 in 15:03
    Permalink

    Gabriele Majo è chiaramente ostile al Parmacalcio e gode quando si può sparlare del Parma. I motivi di questa repulsione verso i crociati non sono noti anche se dopo 5 anni di responsabile della comunicazione del Parma, venne cacciato in malo modo da Gherardi che gli vieto’ qualunque intervista e l’ingresso nei locali di proprietà del Parma. Quindi è bene non ascoltare qualsiasi cosa dica. Personalmente non guardo nemmeno Calcio e Calcio per non sentire quello che dice.

    • 10 Dicembre 2014 in 15:07
      Permalink

      No comment

      Poi se la denuncio per diffamazione e calunnia a mezzo stampa non si offenda.

      • 10 Dicembre 2014 in 15:10
        Permalink

        A parte che è palesemente in contraddizione, perché non guarderà calcio & calcio, ma viene qui a scrivere.

        E poi l’unico che ha difeso o parlato bene di ghirardi, scaricato dai suoi tanti ammiratori, ultimamente è stato appunto quello da lui battezzato come nemico. E che se ne andò via per dignità e non certo perchè mi venne dato un calcio nel culo.

        Anche oggi ho ricevuto chiamate indignate per il mio sette come voto per i risultati sportivi di Ghirardi.

        gente prevenuta come lei è il vero problema per parma e per il parma. E mi fermo qui.

        • 10 Dicembre 2014 in 15:18
          Permalink

          Ma si Majo lesà fèr(mi scusi se le do del tu)! Gente che si nasconde dietro un nickname farlocco o che non ha un cavolo da fare tutto il giorno se non insultare le persone ne è pieno il mondo! Non vale la pena nemmeno perdere energie per rispondere a “persone” così!
          Saluti

          Daniele

          • 10 Dicembre 2014 in 15:23
            Permalink

            Indubbiamente.

            E poi, se fossi nemico di Ghirardi, non dovrei godere perché va fuori dai coglioni?

  • 10 Dicembre 2014 in 15:10
    Permalink

    ecco pure il buon Pedullà

    Pedullà: “Taçi coinvolto nella cordata che sta rilevando il Parma”

    10.12.2014 15:02 di Redazione ParmaLive articolo letto 28 volte

    © foto di Federico De Luca

    Alfredo Pedullà non è d’accordo con Sky circa la nazionalità della cordata che sta per rilevare il club. Sarebbe Rezart Taçi il grande protagonista dell’imminente passaggio di proprietà, con l’incontro in corso a Brescia e non a Milano: “Due giorni fa vi avevamo anticipato che, a dispetto delle dichiarazioni sulla nazionalità della cordata (russo-cipriota) che sta rilevando il Parma, nell’operazione poteva sempre rientrare Rezart Taçi. Nelle scorse settimane il petroliere albanese aveva raggiunto un’intesa di massima con il presidente uscente Ghirardi, sacramentato in un preliminare, ma poi non aveva gradito la fuga di notizie. In questo momento è in corso a Brescia una riunione tra Ghirardi e i rappresentanti della nuova cordata e arrivano conferme rispetto a quanto vi avevamo raccontato in esclusiva: Taçi è già stato coinvolto nell’affare, figura all’interno della cordata con un ruolo da verificare ma che potrebbe essere molto importante. Non resta che attendere i prossimi sviluppi, in attesa degli annunci”.

    • 10 Dicembre 2014 in 15:10
      Permalink

      Ma sì, si stanno tutti copia incollando. Solo che secondo Pedullà sono a Brescia e non a Milano…

      • 10 Dicembre 2014 in 15:30
        Permalink

        Majo erano a Brescia e ha comperato TACI! Mi dispiace se non le piace.

        • 10 Dicembre 2014 in 15:35
          Permalink

          A me non piace niente e piace tutto. Purché ci sia chiarezza e pulizia.

          Le triangolazioni non mi piacciono e che il Parma sia il primo club, dopo frequenti tentativi non andati a buon fine, che se lo aggiudica l’ineffabile Taci mi lascia perplesso.

          Ma tu Vittoria, eri presente lì, con i tuoi occhi?

    • 10 Dicembre 2014 in 15:12
      Permalink

      A parte che se il buon Vanoli-Zero-Giordano è il VPE, quale potrebbe essere il ruolo da verificare di Taci all’interno della cordata?

  • 10 Dicembre 2014 in 15:12
    Permalink

    CALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSOCALMA E GESSO

  • 10 Dicembre 2014 in 15:18
    Permalink

    taci farebbe l’amm delegato..e il compratore misterioso il presidente!
    stile galliani&berlusca!!

  • 10 Dicembre 2014 in 15:19
    Permalink

    Cito impunemente il buon Ungaretti:

    Si sta come d’Autunno
    sugli alberi le foglie…

    (senza accento su sta…Ungaretti non avrebbe sbagliato…io si…

    • 10 Dicembre 2014 in 15:31
      Permalink

      se ciao l’ho scritto due mesi fa….adesso va bene : rio bo tre casettine dai tetti aguzzi….:-)

      • 10 Dicembre 2014 in 15:33
        Permalink

        anche perche’ “TACI sulle soglie del bosco non odo parole che dici umane ….e’ vecchia

        sperema be

  • 10 Dicembre 2014 in 15:30
    Permalink

    allora anche Montecarlo ha una brutta immagine, avendo proprietrario russo parecchio discusso e lo stesso Arsenal. Non parliamo poi del Qpr in mano a egiziani..cerchiamoci un proprietario di Sissa che ci tolga fuori dalla melma allora

  • 10 Dicembre 2014 in 15:31
    Permalink

    Per Pedulla’ in questo momento sono a Brescia in riunione con Taci… Per Di Marzio sono a Milano russi e ciprioti… Dato che in 2 settimane ho sentito da Moratti a Zanetti fino ad arrivare al Quatar e ora in Russia, passando per i boss dei rifiuti romani, direi che è meglio star tranquilli e aspettare… L’unico discorso da fare è su quanto possa essere a lungo termine questo nuovo progetto.
    Su questo credo che Ghirardi un po di affetto al Parma e a Parma lo lasci (soprattutto lo abbia ricevuto), quindi presumo che non ceda a cordate barcollanti o a gentaglia che non possa garantire come minimo un decennio di buoni risultati. Detto questo immagino che in società non ci sia gente sprovveduta e che argomenti su embargo e cose varie, sia stato affrontato e risolto. La cosa fondamentale sarà mantenere la categoria!

    • 10 Dicembre 2014 in 16:48
      Permalink

      “Detto questo immagino che in società non ci sia gente sprovveduta e che argomenti su embargo e cose varie, sia stato affrontato e risolto.”
      Io spero invece per ghirardi di farsi fare la consulenza da un buon commercialista, da un buon notaio e da un buon avvocato …… dopo la licenza uefa io ci penserei due volte per la consulenza …..

  • 10 Dicembre 2014 in 15:34
    Permalink

    Salve direttore, sono a Shanghai ed anche sul canale di news sportive cinesi si parla della cessione del Parma…senza pubblicitá che si stanno facendo!
    Qui la danno x fatta con Kerimov..anche se io faccio parte di quelli che dubitano su questa possibilitá. Se passa ancora il servizio vi mando la registrazione con sottotitoli in inglese.
    Aspetto buone notizie da voi!

    • 10 Dicembre 2014 in 15:36
      Permalink

      Grazie Pajo.

      Comunque sono indietro in Cina: Kerimov ora non è più di moda. Adsso tutti si sono tuffati su Taci…

  • 10 Dicembre 2014 in 15:38
    Permalink

    era da un po che non si passava per un buco del culo cosi’ stretto,sembra una cazzata ma in questi minuti si sta decidendo se andremo a giocare a fidenza oppure a chiavari

  • 10 Dicembre 2014 in 15:51
    Permalink

    Assioma intendi chiavari = Entella???

    magari

    • 10 Dicembre 2014 in 16:03
      Permalink

      hai detto poco ?

  • 10 Dicembre 2014 in 15:55
    Permalink

    Mi spiace x voi c sara u. Colpo di scena…zanetti e baraldi x il nuovo parma…

    • 10 Dicembre 2014 in 16:01
      Permalink

      Dai Tony, ci sono anche troppe corbellerie in giro. Non prendiamo per il culo la gente…

      A proposito: il compratore è la SANITARIA BORROMEO

      • 10 Dicembre 2014 in 16:05
        Permalink

        che sia la BULOVA ? l’orologio dell’era spaziale offre le formazioni in campo…

        oppure la stock84 ,la tua squadra ha vinto ? brinda con stock84…bei ricordi

        • 10 Dicembre 2014 in 17:32
          Permalink

          Casso a sem vec Assioma.
          Mi ricordo alle 19 un solo tempo di una partita della A rigorosamente bn

  • 10 Dicembre 2014 in 15:58
    Permalink

    che silenzio assordante… è la calma prima della tempesta?

    • 10 Dicembre 2014 in 16:05
      Permalink

      No prima del gesso!

  • 10 Dicembre 2014 in 16:03
    Permalink

    Era ironico majo…mi auguro solo che.chi arriva abbia intenzioni serie x il parma!! Sperem

    • 10 Dicembre 2014 in 16:08
      Permalink

      Beh fosse arrivato Baraldi col suo Zanetti sarebbe stato così…

  • 10 Dicembre 2014 in 16:06
    Permalink

    Secondo me Ghirardi venderà alla sanitaria Scita di via marchesi….

  • 10 Dicembre 2014 in 16:09
    Permalink

    o alla ferramenta vanoli

    • 10 Dicembre 2014 in 16:19
      Permalink

      Ferramenta vanoli e sanitaria borromeo sono dello stesso padrone…

  • 10 Dicembre 2014 in 16:10
    Permalink

    O sono a Brescia o sono a Milano.. e Pedullà è lo stesso che ha scritto 15 giorni fa che Taci si è dileguato dopo aver visto il bilancio.. non so quanto valga la pena stai dietro a coloro che ci stanno ricamando sopra..
    Russi, tedeschi ciprioti o francesi il dubbio sulla serietà di un progetto a lungo termine l’avremmo comunque. Il business è diventato troppo grande, il patron industriale e tifoso è in via d’estinzione

  • 10 Dicembre 2014 in 16:14
    Permalink

    Chiunque compri cambia poco tanto domenica ci sarà ancora Osso e la banda dei MANCINI…chi farà la cappella?? Penso sia il turno di Costa

  • 10 Dicembre 2014 in 16:16
    Permalink

    però bella come situazione, siamo nel mezzo dell’ incontro delle parti con il notaio e ogni giornalista dice la sua. sono a Brescia no a Parma, stiamo per essere venduti ai russi no a taci anzi alla farmaceutica Borromeo. ci sono così tante “notizie” che se mi vedesse il mio datore di lavoro mi licenzierebbe ahahah

  • 10 Dicembre 2014 in 16:20
    Permalink

    A me sembra che la cessione segua un percorso poco lineare: manca quella trasparenza che dovrebbe presiedere qualsiasi transazione tra persone serie e seriamente intenzionate a ben operare in un settore, come il calcio, bisognoso di aria pulita.

    Spero di sbagliarmi, ma ogni giorno che passa getta un cono d’ombra sempre più spesso e nebuloso sulla nuova proprietà.

  • 10 Dicembre 2014 in 16:22
    Permalink

    Io spero solo che ci stiamo facendo tutti delle gran seghe mentali e che alla fine sarà tutto molto più chiaro…la mia è solo una speranza,anche perchè riuscire a stare a dietro a tutte le voci è stressante per non dire inutile…

  • 10 Dicembre 2014 in 16:27
    Permalink

    “Silenzio……parla Taci !” by Pasta Agnesi.

    Enzo Dallai

  • 10 Dicembre 2014 in 16:29
    Permalink

    Ma pagheranno i debiti al BLA-BLA?

  • 10 Dicembre 2014 in 16:33
    Permalink

    Chi se ne frega giocherà la primavera, l’importante è star con te…..

  • 10 Dicembre 2014 in 16:38
    Permalink

    la situazione dovrebbe essere questa : giordano vice presidente ,taci sponsor o altro ruolo rilevante ,cipro sede della cordata per eludere l’embargo alla russia , soldi proveniente da un soggetto russo x legato al settore petrolifero….

    Tutta la notte TACI E MIGNOTTE……

  • 10 Dicembre 2014 in 16:57
    Permalink

    Il principe del Foro di Tor Pignattara (alias avvocato Fabio Giordano) è atteso a Parma alle 21. Atterrerà in elicottero direttamente in piazza Garibaldi insieme a Taci e a Kerimov. Ad accoglierli il sindaco, il vescovo, il presidente degli industriali, il direttore della Gazzetta di Parma.L’orchestra del teatro Regio eseguirà la marcia trionfale dell’Aida. Il gruppo sfilerà poi per le vie della città a bordo di una carrozza dorata trainata da cavalli lipizzani lanciando banconete alla folla festante. A mezzanotte da un lussuoso aereo da tusismo verrà paracadutato in Ghiaia il primo acquisto del mercato di gennaio: Radamel Falcao, in rotta con il Man Utd.
    Grazie! Senza di voi non si sarebbe dove saremmo finiti!

  • 10 Dicembre 2014 in 17:26
    Permalink

    Bello e alquanto triste vedere come le voci del primo pomeriggio si siano improvvisamente tramutate in silenzio quasi assordante!!!!

    CALMA E GESSO!!!

  • 10 Dicembre 2014 in 18:04
    Permalink

    Questa situazione inizia a irritarmi…ci vuole tutto questo tempo per concretizzare il tutto? Eppure se domenica è stata data la notizia vuol dire che il difficile era già fatto…inizio a sospettaee qualcosa di brutto!!!

  • 10 Dicembre 2014 in 18:23
    Permalink

    io avrei preferito bere un “caffè” con Baraldi.

  • 10 Dicembre 2014 in 18:26
    Permalink

    Majo come valuterebbe lei la seguente prospettiva: Ghirardi vende a Taçi,(in società presenti i Giordano come garanti del vero propietario) e dopo a Gennaio secondo passaggio di mano al vero interessato?
    Io credo che questo sia lo scenario più plausibile ed il motivo del.ritardo in quanto qst documenti non sarebbero esattamente facili da redarre…e ho sentito voci parlare di due figure Nani e Lo Monaco….anche se con il Leo a contratto dubito lo mollino così

    • 10 Dicembre 2014 in 18:29
      Permalink

      La triangolazione non mi piace.

      Vorrei scenari trasparenti.

      Non credo né a Nani, né a Lo Monaco: i giornalisti stanno brancolando nel buio, e nello stile calciomercato piazzano le ipotesi che potrebbero avere un senso, senza uno straccio di prova.

      Ma secondo voi: non si sa chi cavolo compri e si sa il management?

      • 10 Dicembre 2014 in 18:56
        Permalink

        Allora io le faccio una controdomanda: tu compri una squadra, ti fai presentare e non hai uno straccio di accordo verbale con nessuno dell’italico mondo pallonaro?!?!
        Il punto è che chi compra ora il Parma o è sa spedire a Colorno, oppure è uno che per motivi extracalcistici (magari lo sblocca Italia c’entra, le possibilità di fare business sarebbero alte…) Parma città con UPI sarebbe un punto strategico italiano importante (Barilla,Dall’Ara,Pizzarotti,Rosi,Ferrari,Chiesi,Fagioli,Mutti,Amadei,Zucchi…etc).

  • 10 Dicembre 2014 in 18:31
    Permalink

    Che dietro tutta la questione ci sia un triciclo senza la T?
    Altro che gesso, qui ci vuole il carton-gesso…
    perché siamo ai cartoni animati. Sembra Wil Coyote (Ghiro) e Beep Beep (il fantomatico acquirente).

  • 10 Dicembre 2014 in 18:40
    Permalink

    Prima che qualcuno lo posti, battendomi (come al solito) sul tempo, copio incollo da quei copiaincollatori di Parma Live questo lancio di poco fa di Di Marzio, secondo cui l’incontro starebbe proseguendo serenamente (amen).

    Di Marzio: “Ancora in corso l’incontro: la trattativa prosegue in maniera serena”

    10.12.2014 18:27 di Vito Aulenti Twitter: @vitoaul articolo letto 97 volte

    Attraverso il proprio sito ufficiale, il noto giornalista Gianluca Di Marzio ha fornito aggiornamenti riguardo l’incontro odierno tra Tommaso Ghirardi e Fabio Giordano, che, a quanto pare, sarebbe ancora in corso di svolgimento: “Il Parma al lavoro. Ancora in corso a Milano l’incontro tra Ghirardi e l’avvocato Fabio Giordano, rappresentante della cordata russo-cipriota con cui il Parma sta formalizzando in queste ore il passaggio di proprietà. Si va avanti a oltranza, senza nessun problema, sebbene siano circolate voci tendenziose: la trattativa prosegue in maniera trasparente e serena. Da limare restano gli ultimi dettagli, ma c’è voglia di concludere”.

      • 10 Dicembre 2014 in 19:13
        Permalink

        Quella conclusione è di una ignoranza abissale. Di chi l’ha pronunciata e di chi l’ha riprodotta. Cazzo: l’emabrgo della UE è contro la Russia per la vicenda dell’Ucraina!!! Ma che cavolo hanno capito!!! E bravo Aulenti di Parma Live che volutamente non l’aveva ricopiato, resosi conto dell’errore.

        • 10 Dicembre 2014 in 19:23
          Permalink

          infatti ti da la misura del cervello e della professionalità di molta gente che fa mercato..

    • 10 Dicembre 2014 in 19:11
      Permalink

      “C’è voglia di concludere” è bellissima. Mi ricorda un po’ “Manco la fortuna non il valore”.
      In questo caso l’epitaffio di ghirardi sarà: “mancarono i denari non la voglia di concludere”

  • 10 Dicembre 2014 in 18:53
    Permalink

    Direttore mi sorprende che non legga la fonte diretta, perchè in questo caso è diversa, su Parmalive hanno lasciato via un pezzo direi molto interessante e controcorrente: “Il Parma al lavoro. Ancora in corso a Milano l’incontro tra Ghirardi e l’avvocato Fabio Giordano, rappresentante della cordata russo-cipriota con cui il Parma sta formalizzando in queste ore il passaggio di proprietà. Si va avanti a oltranza, senza nessun problema, sebbene siano circolate voci tendenziose: la trattativa prosegue in maniera trasparente e serena. Da limare restano gli ultimi dettagli, ma c’è voglia di concludere. Non esiste un problema-embargo riguardo all’Ucraina, dato che la cordata – come ripetuto – con l’Ucraina non ha nulla a che fare. La società gialloblu continua a lavorare, si cerca l’accordo con i russi.”

    • 10 Dicembre 2014 in 19:16
      Permalink

      Gianluca, come osservavo in altri commenti, la frase inizialmente omessa da Parma Live, contiene una cazzata mostruosa: è stato capovolto il concetto. Le sanzioni della U.E. non sono contro l’Ucraina, ma contro la Russia!

  • 10 Dicembre 2014 in 19:01
    Permalink

    Questa è una delle più grandi buffonate che abbia mai visto.
    La gente quando è disperata crede a tutto quello che gli dicono.
    I tifosi del parma sono come i familiari che mandano i propri cari da Di Bella o Stamina per la disperazione.

    Rassegnarsi non c’è una sola possbilità che questa trattativa vada a buon fine perchè:
    1) non esistono motivi economico/sportivi per un investitore per comprare una squadra già in serie B con 50/60 M di debiti
    2) le trattative non si fanno per interposte persone, specie con l’avv. Giordano come rappresentante
    3) Girardi e Leonardi hanno zero credibilità
    4) le notizie su internet e gazzette varie non contengono un solo elemento concreto, solo supposizioni (o più propriamente farneticazioni) dell’estensore.
    5) quando una cosa sembra troppo bella per essere vera e/o con molti punti oscuri di solito è una gran presa x il culo

    • 10 Dicembre 2014 in 19:21
      Permalink

      Mielose ci, dove vivi su Marte?
      Nel mondo del calcio se parli di brave persone, di gente perbene sei un super inchina.
      Questo e’ un mondo di lupi, di zombie e il migliora ha la rogna.
      Se qlc compra in siffatta situazione vuol dire che avrà’ effetti collaterali a lui molto favorevoli ma non sempre limpidi da spiattellare ai quattro venti

      • 10 Dicembre 2014 in 19:36
        Permalink

        ah ecco meno male che ci sei tu che mi riporti sulla terra.
        Qundi speriamo che siano dei riciclatori /sbiancatori di denaro. Chissà che grnde progetto sportivo avranno, non riesco a pensare a nulla di meglio.

        Poi mi dici anche quante volte questi personaggi hanno effettivamente comprato un club in Italia.
        Se vuoi fare un numero del genere non vieni in italia a comprare il parma con l’avv. giordano, il re del bagno Franco.

        • 10 Dicembre 2014 in 21:27
          Permalink

          Benvenuto sul pianeta.
          Ti dirò’ la verità’: non me ne impipa una sega se riciclano rubli, dollari, kalasnikov, molotov, donne e ammennicoli vari. Se almeno per qlc anno mi fanno godere di un i buon calcio, visto l’andazzo italiano ed europeo, sgodazzo

    • 10 Dicembre 2014 in 19:25
      Permalink

      1- quali sono stati i razionali motivi che hanno portato il miliardario canadese saputo, anche qui affinacato da uno strano avvocato, a prendere una squadra già in serie B (questa già per davvero) prima che cadesse in fallimento a causa dei debiti (una ventina)? Siamo sicuri delle cifre del debito, e soprattutto che ci si debba necessariamene porre rimendio in contanti da un giorno all’altro?

      2- non è affatto vero, molte volte ci sono le interposte persone

      3- questo è vero, ma credo ci sia un limite a tutto. Anche per loro.

      4- come sempre e per chiunque, se non si è direttamente presenti sulla scena. Finchè non si sono verificate, sono sempre supposizioni, mi pare ovvio. Questo non vuol dire che poi non si verifichino, a volte

      5- a volte si a volte no.

  • 10 Dicembre 2014 in 19:08
    Permalink

    Sempre il buon Di marzio aggiunge:

    Non esiste un problema-embargo riguardo all’Ucraina, dato che la cordata – come ripetuto – con l’Ucraina non ha nulla a che fare. La società gialloblu continua a lavorare, si cerca l’accordo con i russi.

    Quindi a questo punto sono russi residenti a Cipro???

    • 10 Dicembre 2014 in 19:12
      Permalink

      Che volete che vi dica…

      A me sta forma di comunicazione con i messaggini ai giornalisti amici pare poco serio, un po’ come presentare il sosia di un ex giocatore gialloblù allo spogliatoio presentandolo come vice presidente esecutivo prima ancora che il gatto fosse nel sacco di Trapattoni…

      E poi l’embargo – beata ignoranza – è contro la Russia per la vicenda della Ucraina. Ma in che mani siamo? Dio Bono

      • 10 Dicembre 2014 in 19:14
        Permalink

        eh ma anche lei che precisino: russia, ucraina, moldavia, lettonia non fa differenza. Sono tutti comunisti

        • 10 Dicembre 2014 in 19:23
          Permalink

          Si è stanotte costruiscono un muro attorno al Tardini e domenica sei vai allo stadio ci sono i copia che sparano.
          Siamo nel 2014; pianeta Terra amico mio

          • 10 Dicembre 2014 in 19:39
            Permalink

            Alfrè, mi sembra che lquando distribuivano la maruga eri al bar

  • 10 Dicembre 2014 in 19:19
    Permalink

    Da Milano:
    Stamo a trattà, stamo a trattà. C’avete da aspettà, CI-AVETE-DA-ASPETTAREEEEEEE. Li morte.

    • 10 Dicembre 2014 in 19:24
      Permalink

      il russo è una lingua molto ostruzionistica 🙂

      • 10 Dicembre 2014 in 20:04
        Permalink

        Come sta a dì, sembre, cher frocione de Majo (er complottaro de voiatri), ve devo da dì: carma ar cesso.
        A Gabriè, te possino acciaccatè, me sto a imparà er russo, li morte’. Che so già dì: Tovarish Majo, tu gabitalista occidentale persona sgradiiiita, volere arrikkire te kon rubli sovietici per smaltire tua auto e gombrare Trabant!

  • 10 Dicembre 2014 in 19:31
    Permalink

    Però proviamo a tirare fuori 2 argomenti “positivi” usando la testa e allontanando per un attimo perplessità e negatività o anche poca fiducia verso coloro che fino a poco tempo fa guidavano la nostra squadra.
    E’ un dato di fatto che a momento Ghirardi è in riunione con qualcuno per trattare la cessione del club. Quindi questo tizio vuole acquistare il Parma, con centro sportivo, marchio e debiti come corredo. E’ possibile che si faccia uno scambio alla pari debito\centro sportivo? E senza dare la famosa buonuscita a Tommasone??
    E’ possibile pensare che questa squadra possa salvarsi all’ultima giornata, specialmente dopo una mirata campagna acquisti riparatoria??? Sul motivo che spinge gli investitori ad acquistare il Parma gli argomenti spaziano… O vogliono fare un gasdotto in piazza Garibaldi che passa per via Farini oppure vogliono entrare nel mondo del calcio e noi siamo l’unica squadra al momento facilmente acquistabile, perchè quelle più blasonate non sono in vendita e una trattativa per comprarle sarebbe molto più lunga… Io sono un ignorante in materia ma immagino ci siano mille altre cose in ballo… Guardo alla Roma di qualche anno fa… Se non ricordo male i Sensi non lasciarono una società sana… Eppure gli americani hanno buttato dentro parecchi capitali e mi sembra abbiano in mano un serio progetto per lo stadio… Certo non so cosa possa spingere uno con tantissimi soldi a “buttarli” in una squadra di calcio, ovviamente noi comuni mortali non possiamo nemmeno immaginare cosa giri intorno… Pensiamo che questi vogliono comprare il Parma per loro interessi di sponsor e chissà cos’altro che ne pensate voi?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI