GIORDANO ALLA GAZZETTA DI PARMA: “NESSUN OSTACOLO ALLA FIRMA DEL CONTRATTO. I LEGALI HANNO LAVORATO ALLA PERFEZIONE”. A MILANO INCONTRO TRA GHIRARDI E I NUOVI PROPRIETARI

image(gmajo) – Sulla Gazzetta di Parma da poco in edicola virtuale o notturna è possibile apprendere le ultime novità in merito alla cessione del Parma F.C. – o meglio: del pacchetto di maggioranza della Eventi Sportivi, la società controllante, sinora in mano a Tommaso Ghirardi – programmato per oggi pomeriggio, martedì 16 dicembre 2014, nello studio notarile Posio di Brescia. Merita menzione soprattutto la risposta telefonica al giornale cittadino dell’avvocato Fabio Giordano “il legale che rappresenta la cordata entrante”. Egli, infatti, ha dichiarato: “I legali delle due parti, in queste ore, hanno lavorato alla perfezione e, per quanto ci riguarda, non dovrebbe esserci nessun ostacolo alla firma del contratto”. Altro dettaglio interessante rivelato dalla GdP: “Pare che ieri sera Ghirardi e i nuovi proprietari si siano incontrati a Milano: un faccia a faccia propedeutico all’ultimo atto di oggi, quando, se si firmerà, decadrà il vecchio cda e ne verrà nominato uno nuovo, dal cui seno uscirà po il nome del presidente”. Il quotidiano riferisce che le priorità dei nuovi proprietari sono due: “saldare i debiti più impellenti e salvare la squadra in serie A, due cose che potrebbero anche essere collegate”. L’articolo si conclude con questa chiosa: “Fatte le debite proporzioni, come ha fatto Squinzi un anno fa a Sassuolo, conviene investire qualcosa per cercare di risalire la classifica”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

51 pensieri riguardo “GIORDANO ALLA GAZZETTA DI PARMA: “NESSUN OSTACOLO ALLA FIRMA DEL CONTRATTO. I LEGALI HANNO LAVORATO ALLA PERFEZIONE”. A MILANO INCONTRO TRA GHIRARDI E I NUOVI PROPRIETARI

  • 16 Dicembre 2014 in 01:33
    Permalink

    LUKOIL

    • 16 Dicembre 2014 in 01:35
      Permalink

      Si, so che ne hanno parlato a Tv Parma. Ma io resto sempre sulla mia linea del Calma & Gesso.

      kerimov e Abramovic sono già passati di moda?

  • 16 Dicembre 2014 in 01:46
    Permalink

    in questi momenti decisivi per noi tifosi più che calma e gesso è ansia e cesso 😀 direttore ma la pubblicate tra poco la puntata di calcio e calcio?

  • 16 Dicembre 2014 in 01:51
    Permalink

    mi tocca fare la veglia allora 😀

    • 16 Dicembre 2014 in 01:53
      Permalink

      Eh… E’ in fase di caricamento… Ci vuole il suo tempo 🙂

    • 16 Dicembre 2014 in 01:55
      Permalink

      Rettifico. Ho visto che è già pronto. Il nostro alex bocelli è stato rapidissimo stasera. Per cui sarà on line circa per le 2, con un’ora di anticipo sul previsto…

  • 16 Dicembre 2014 in 01:55
    Permalink

    va bene, però proponga ad Angella di invitare la Maggiulli.. ci vuole un volto femminile ogni tanto 😀

  • 16 Dicembre 2014 in 07:26
    Permalink

    La lukoil potrebbe avere un senso ! Se nn sbaglio qualche anno fa se ne parlo perke erano proprietari dello spartak di mosca dove allenava scala il quale cercò di fare da tramite

    • 16 Dicembre 2014 in 09:04
      Permalink

      Potrebbe anche avere un senso, ma stiamo parlando sempre di una ipotesi.
      La mia convinzione è sempre che sia meglio non illudersi troppo, poiché non sono così convinto che ci siano dietro magnati o industrie di tale levatura.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 16 Dicembre 2014 in 08:00
    Permalink

    Quando dice”fatte le debite proporzioni” fa chiaramente capire che investiranno molto meno quanto fatto da Squinzi..ergo i soldi sono pochi

    • 16 Dicembre 2014 in 08:59
      Permalink

      Stiamo parlando della valutazione di un giornalista che ragiona in base a quel che si sa,cioè niente, per cui la conclusione cui lei giunge quasi per sillogismo, si fonda sul nulla.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 16 Dicembre 2014 in 09:17
        Permalink

        Vedendo il virgolettato ed il corsivo credo siano le parole di Giordano

  • 16 Dicembre 2014 in 09:03
    Permalink

    LOKOIL?Ovvero?Ammetto la mia ignoranza…

    • 16 Dicembre 2014 in 09:14
      Permalink

      Il 48 esimo uomo più ricco del mondo..lukoil è la prima azienda petrolifera russa

  • 16 Dicembre 2014 in 09:32
    Permalink

    Ahh, grazie Pasquale…dai,ancora qualche ora e sapremo…non se ne può più.

  • 16 Dicembre 2014 in 09:35
    Permalink

    Particolare secondario ma Stadio sostiene che firmano a milano e non a brescia, mentre rimane il dubbio sulla mattinata o sul pomeriggio. Hai news? grazie

    • 16 Dicembre 2014 in 09:57
      Permalink

      Mi pare una cavolata. Il passaggio delle quote, infatti, deve avvenire in uno studio notarile. E se il Parma F.C. ha ufficializzato lo Studio Posio in Brescia deduco che il rito si celebrerà lì.

      Sull’orario tengo per buono quanto riferitomi ieri (sempre ammesso non fosse una polpetta avvelenata, cosa sempre possibile) vale a dire il pomeriggio, che era anche la ragione, poi, per cui non si era ufficializzata la conferenza.

      Leggendo con attenzione il virgolettato dell’avvocato Giordano riportato dalla GdP, direi che è tutto ok dal punto di vista tecnico (cioè i legali han fatto quel che dovevano): però non mi pare trasparisse chissà quale sicurezza sul fatto che la cosa si facesse, nel senso che ci sono pur sempre le teste di chi vende e di chi compra che debbono esser sulla stessa sintonia. Cosa che dovrebbe essere pacifica se si fa un comunicato ufficiale che parla di accordo raggiunto, ma, come noto, l’imprevisto è sempre in agguato…

      Forse Milano è saltato fuori perché lì si sarebbero riviste ieri le parti, sempre secondo notizie di stampa.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 16 Dicembre 2014 in 09:54
    Permalink

    Firmano a Calestano, a casa di Albertini, appena Vittorione ritorna dal Conad dove è andato a fare la spesa.

  • 16 Dicembre 2014 in 09:54
    Permalink

    Vorrei proporre un calcolo veloce da salumiere. Ipotizzando le passività del F.c. Parma 100 milioni di euro ed i debiti verso la controllante circa 40 milioni, i debiti reali risulterebbero 60 milioni. Se la valutazione del centro sportivo di Collecchio è pari a 35 milioni credo che il parco giocatori di proprietà possa ampiamente valere 25 milioni, per cui l’eventuale versamento a Ghirardi sarebbe il vero prezzo d’acquisto per una società che attualmente milita ancora in serie A. Se i conti non si discostassero troppo da quanto ipotizzato sopra, credo che non si stia parlando di uno sprovveduto ma di un investitore che possa garantire finanziariamente la copertura dei flussi ordinari di gestione mantenendo contemporaneamente gli assets societari senza deprezzarli. Non necessariamente dovrebbe essere un mecenate russo, basterebbe un private equity ed una attenta gestione economica.

    • 16 Dicembre 2014 in 09:59
      Permalink

      Il ragionamento potrebbe filare, ma sui dati numerici non ci giurerei…

  • 16 Dicembre 2014 in 10:02
    Permalink

    allora confermo oggi alle 15 a Brescia, e confermo proprietario della Lukoil, presidente pro tempore resta Ghirardi

    calma & gesso

      • 16 Dicembre 2014 in 10:13
        Permalink

        ahahahah lei maio cosa ne pensa della possibilità Coradata romana e LUKoil come sponsor?Onestamente…

        • 16 Dicembre 2014 in 10:20
          Permalink

          Lukoil mi pare probabile come Kerimov o Abramovic, dunque zero

          Cordata romana mi pare plausibile: ma secondo me ci sono un po’ di resistenze ancora tra le parti, alla faccia dell’accordo raggiunto sbandierato.

          Boh. Calma & Gesso

          • 16 Dicembre 2014 in 10:23
            Permalink

            alt…io ho parlato come Sponsor…non come proprietario!

          • 16 Dicembre 2014 in 10:25
            Permalink

            anche come sponsor.

            Abbiamo già folletto. E al limite Energy TI

            E poi come sponsor ti danno al massimo 2 ml per la A. (Proprio strapagando). Quindi a cosa servirebbe?

          • 16 Dicembre 2014 in 10:29
            Permalink

            Potrebbero fare da sponsor adesso ed entrare in società a fine anno in caso di salvezza…Non penso che uno sponsor abbia un limite massimo…

          • 16 Dicembre 2014 in 10:30
            Permalink

            E il povero Folletto, sponsor serio che da anni caccia pila vera dove lo mettiamo?

          • 16 Dicembre 2014 in 10:38
            Permalink

            se non ricordo male folletto dall’anno prossimo non c’è più…e poi si sa che quando al vertice c’è un cambio di proprietà gli accordi che uno ha con i vecchi vanno a farsi benedire!

          • 16 Dicembre 2014 in 10:43
            Permalink

            Non quelli di chi sgancia il dinero vero.

            E poi, secondo te, Lukoil o chiunque altro ha interessare a sponsorizzare una squadra di B?

            Lo stesso Folletto, in caso di retrocessione, ci direbbe ciao

          • 16 Dicembre 2014 in 11:28
            Permalink

            Non lo so Maio…qui non ha più senso niente…va tutto il contrario…oramai per me potrebbe anche essere putin in prima persona!

  • 16 Dicembre 2014 in 10:09
    Permalink

    mi eh ?

  • 16 Dicembre 2014 in 10:12
    Permalink

    Io confermo che Boni dovrebbe disertare gli studi di Calcio & Calcio…inascoltabile

    • 16 Dicembre 2014 in 10:20
      Permalink

      Putroppo è un male necessario. La gente guarda perché c’è lui, il re dell’audience…

    • 16 Dicembre 2014 in 10:28
      Permalink

      se ti serve la bonomelli basta che guardi bar sport

  • 16 Dicembre 2014 in 10:17
    Permalink

    sto andando in via della valle 3 a brescia ciao

  • 16 Dicembre 2014 in 10:18
    Permalink

    Ghirardi ha gia’ fatto troppi danni speriamo che venda tutte le sue quote non lo voglio vedere neanche come socio di minoranza

    SEMPRE FORZA PARMA

  • 16 Dicembre 2014 in 10:27
    Permalink

    Majo scusi ,ma Boni ci e’ o ci fa?

  • 16 Dicembre 2014 in 10:52
    Permalink

    Me veramente la gente guarda la trasmissione per vedere Boni?

  • 16 Dicembre 2014 in 10:57
    Permalink

    Majo, spero che oggi andrai a Brescia!!!!

    Pensi ci sarà un bel bordello fuori dalla studio legale o il grosso della stampa sarà a Collecchio???

    Regards,

  • 16 Dicembre 2014 in 10:58
    Permalink

    Io quando apre bocca zappo su Bar Sport

    • 16 Dicembre 2014 in 11:31
      Permalink

      buona notte 🙂

    • 16 Dicembre 2014 in 11:38
      Permalink

      Mah io questa pagina la vedo come segnale negativo, perché questa Lukoil fa sponsorizzazioni molto lontane dal calcio di serie A italiano…il fatto che sia inserita in piccole realtà mi fa credere che non verrà a spendere 100mln nella food valley…speriamo!!!

      Anche Barbuti la pensa com e Majo (e come me):”
      Ghirardi c’entra poco con questa situazione. Ha dato troppa carta bianca a qualcuno”!

      • 16 Dicembre 2014 in 12:49
        Permalink

        Sul discorso di Ghirardi non è che io abbia voluto fare il suo avvocato difensore, perché è evidente che ha notevoli responsabilità, magari anche quella citata da Barbuti di aver dato troppa carta bianca a qualcuno. Ma se nei giorni scorsi ero intervenuto era per ristabilire un po’ di giustizia (checché ne pensi maximo) perché io sono un idealista, e pur essendo stato trattato molto male, anche pubblicamente, da Ghirardi, non mi era affatto piaciuto quel tiro al piccione che è stato fatto, quando è stato buttato il prete nella merda.

        Insomma: se Ghirardi era l’armatore, l’ammiraglio era Leonardi.

        Per quanto concerne Lukoil io, al contrario di altri, non ho la smania di fare la gara a tirare ad indovinare. Per mia fortuna non ho editori, direttori e capi servizio cui rendere conto e quindi sono libero di interpretare il ruolo di giornalista come meglio credo.

        Cordialmente

        Gmajo

  • 16 Dicembre 2014 in 11:19
    Permalink

    quando dice che al massimo lo sponsor in A ti dà due milioni, majo si riferisce al Parma. E’ comunque una valutazione sua, perchè il sassuolo riceve 15 dalla mapei e non credo abbia più attrattiva del parma, cosi come parmalat ne versava molto più di due. Dipende sempre da quello che uno è disposto a sganciare. Se funzionasse sempre tutto in base alla logica, non avremmo neanche avuto tanzi

    • 16 Dicembre 2014 in 12:54
      Permalink

      Indubbiamente. Ma i casi Parmalat e Mapei sono casi limite trattandosi anche di proprietari e quindi il giro è un po’ diverso. Parlando di sponsorizzazioni “terze”, cioè di sponsor puri e non padroni, per essere main sponsor sulla casacca del Parma non si supera 1.5 ml. E già dicendo 2 avevo abbondato.

  • 16 Dicembre 2014 in 12:19
    Permalink

    Per “grosso della stampa” intendete il Piovanone della Pravda, ooppss della Gazzadiparma?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI