IL PASSAGGIO DI PROPRIETA’ DEL PARMA AI RAGGI X STASERA A CALCIO & CALCIO PIU’: AL TELEFONO INTERVERRA’ IL DIRETTORE DI SPORTECONOMY MARCEL VULPIS. IN STUDIO MAJO, BONI E CASELLI

(Evaristo Cipriani) – Il passaggio di proprietà del Parma, lo sbarco in città – tra tanti misteri – del fantomatico gruppo russo-cipriota (?), saranno analizzati e dibattuti stasera nella 15esima puntata stagionale di Calcio & Calcio Più, il consueto appuntamento del giovedì di Teleducato, in onda in diretta alle ore 21. Una puntata particolarmente interessante poiché nelle prossime ore il quadro dovrebbe essere un po’ più chiaro, con l’attesa ufficializzazione dell’operazione e qualche indicazione in più (speriamo) sulla compagine che si appresta a rilevare la società di Tommaso Ghirardi.

Al telefono interverrà il direttore di sporteconomy.it Marcel Vulpis, scrittore, giornalista e docente in Management dello Sport all’Università Roma 3 Tor Vegata. Vulpis (ieri, sulla vicenda Parma, è apparso un suo articolo sul Corriere dello Sport dove ricordava l’embargo della U.E. verso la Russia) è considerato uno dei massimi esperti in Italia in fatto di economia dello sport e di business legato al calcio, e, in passato, autore di apprezzati approfondimenti sul Parma pubblicati da StadioTardini.it

"Ai tifosi chi realmente compra il Parma interessa poco ed è comprensibile – fa sapere il conduttore Michele Angellachi, però, fa informazione ha, a mio avviso, il dovere di andare oltre e di chiedersi chi davvero siano i nuovi proprietari del Parma, che cosa facciano, che progetti abbiano, quale sia il loro budget di intervento sulla squadra. Se il progetto è serio l’eventuale retrocessione in B non sarebbe poi così drammatica, però ci vogliono trasparenza e chiarezza. Penso che una situazione modello Bari, in cui, dopo nove mesi dal cambio di proprietà non si sa ancora chi ci sia dietro l’ex arbitro e attuale presidente dei Galletti Paparesta, non sia accettabile, anche se, per carità, quella cordata ha evitato la scomparsa dei biancorossi pugliesi dal professionismo".

In studio, naturalmente, anche il nostro direttore Gabriele Majo, insieme a Enrico Boni e a Matteo Caselli, esponente del Pd parmigiano, ex consigliere comunale, appassionato tifoso gialloblu, molto attento alle vicende della città e agli intrecci tra sport-economia-politica. Evaristo Cipriani

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

150 pensieri riguardo “IL PASSAGGIO DI PROPRIETA’ DEL PARMA AI RAGGI X STASERA A CALCIO & CALCIO PIU’: AL TELEFONO INTERVERRA’ IL DIRETTORE DI SPORTECONOMY MARCEL VULPIS. IN STUDIO MAJO, BONI E CASELLI

  • 11 Dicembre 2014 in 12:27
    Permalink

    Scusi direttore ma se non sappiamo nemmeno chi siano gli acquirenti come fa a giudicarli?

  • 11 Dicembre 2014 in 12:36
    Permalink

    Parlavo del signor Marcel Vulpis…non sappiamo nemmeno chi sono gli acquirenti (non sappiamo nemmeno se esistano veramente) e parliamo di cosa?cito il signor Vulpis.

    “Ai tifosi chi realmente compra il Parma interessa poco ed è comprensibile – fa sapere il conduttore Michele Angella – chi, però, fa informazione ha, a mio avviso, il dovere di andare oltre e di chiedersi chi davvero siano i nuovi proprietari del Parma, che cosa facciano, che progetti abbiano, quale sia il loro budget di intervento sulla squadra. Se il progetto è serio l’eventuale retrocessione in B non sarebbe poi così drammatica, però ci vogliono trasparenza e chiarezza.”

    Calma & Gesso sul futuro del Parma…lo dice lei o sbaglio?

  • 11 Dicembre 2014 in 12:38
    Permalink

    Parlano di un dei 5 gruppi di petrochimica piu` potenti in russia..sara` vero ??sperem..tt tace!!

  • 11 Dicembre 2014 in 12:38
    Permalink

    Maio dica al megadirettore galattico lup mannar gran farabut Angella che stasera invece del colbacco ci voglione le matrioske 😀 ,visto il sistema di cessione della societa’ che si sta prospettando,una serie di contenitori che a loro volta ne contengono dei piu’ piccoli che prima che arriviamo ad aprirli tutti fanno in tempo a cederla altre due volte sta societa’

  • 11 Dicembre 2014 in 12:54
    Permalink

    Stasera il quadro sara’ piu’ chiaro????……. come il pantano!!!!!!

  • 11 Dicembre 2014 in 12:55
    Permalink

    Angella è un genio!
    Non è che ai tifosi non freghi niente di chi acquisti la società, frega eccome invece.
    E’ chiaro che tutti vorremmo un compratore serio con progetti a lungo termine , ma purtroppo noi dobbiamo solo aspettare e prenderci quello che passa il convento nel bene o nel male.Non scegliamo mica noi il compratore Angella!

    • 11 Dicembre 2014 in 13:51
      Permalink

      Se ti compra il cartello di Medellín o la banda della Magliana 2.0 ( ogni riferimento è puramente casuale) e con questi arrivi ai preliminari di Champions tra due anni, al tifoso non gliene frega niente di chi sta in società, ha ragione Angella. Qualcuno si imbarazza per i titoli vinti grazie ai campioni acquistati con le truffe di Calisto? Mi risulta di no

  • 11 Dicembre 2014 in 12:57
    Permalink

    una domanda a vulpis ce la farei,secondo lei e’ normale che nel 2014 ci comprino la squadra di calcio cittadina a nostra insaputa ? tipo Scajola intendo 🙂

  • 11 Dicembre 2014 in 13:03
    Permalink

    cos’è accettabile?

    • 11 Dicembre 2014 in 13:06
      Permalink

      Aspettiamo a giudicare, come da più parti si invoca. Ma il prologo non mi pare dei migliori. E questo si somma a certe valutazioni razionali che noi cronisti abbiamo l’obbligo di fare, rispetto ai tifosi che già sognavano di essere il nuovo Chelsea.

      Quindi non è un giudizio, ma un invito a volar basso e stare in campana.

      Accettabile sarebbe una proprietà trasparente. Tutto il contrario dell’attuale contorno.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 11 Dicembre 2014 in 13:14
        Permalink

        Esattamente Majo, parole più che sante.
        Il problema è che l’attuale proprietà e dirigenza non è più credibile ne tanto meno dignitosa, per cui io trovo che mai come oggi il confine tra giusto o accettabile e sbagliato o inaccettabile sia quanto mai labile.
        Io sinceramente da che parte la rigiro non si dà dove prenderla,o cosa sperare tra Ghirardi e Russia.
        Quello di cui ho la netta sensazione è che troppi segnali lanciati da chi vive in questo mondo sono più moniti che consigli…perché?

      • 11 Dicembre 2014 in 14:05
        Permalink

        Perché la presidenza uscente è stata trasparente? Io ancora non ho capito dove sono finiti i soldi che oggi mancano per gli stipendi.

        • 11 Dicembre 2014 in 14:19
          Permalink

          i soldi che macano per gli stipendi sono finiti in …. stipendi. L’anno scorso il parma aveva il nono monte ingaggi della serie A. 41 M tondi tondi. E questi sono soldi che devi versre cash, non puoi usare plusvalenze di carta fatte rigirandoti giocatori dal gubbio e dal nova gorica.

          Ghirardi non ha rubato un cent dal parma, anzi. Ha fatto il botto per inseguire le sue chimere.

          La verità è spesso la spiegazione più semplice e sotto gli occhi di tutti.

          • 11 Dicembre 2014 in 16:47
            Permalink

            Sottoscrivo rigo per rigo. Precisando solo che il monte ingaggi dello scorso anno “ufficiale” va rimpinguato con bonus (tutti centrati) e diritti di immagine: per cui se c’era già un rapporto da warning Uefa tra costo del lavoro e ricavato al netto delle plusvalenze al termine della stagione 2012-2013, decisamente più virtuosa rispetto a quella che sarebbe seguita, immaginarsi che rapporto ci sarà dopo quella della grandeur centenaria.

            Cordialmente

            Gmajo

  • 11 Dicembre 2014 in 13:27
    Permalink

    Le firme slittano perche’ si e’ inserita una cordata TURKA

    AHH AHH

    telenovela infinita ci stiamo stancando di queste fregnacce

    • 11 Dicembre 2014 in 13:48
      Permalink

      Ma te dove le prendi le notizie?

  • 11 Dicembre 2014 in 13:50
    Permalink

    Scusi Majo ma che trasparenza invocate? Non mi pare ci siano già nuovi proprietari e che abbiano firmato. Su cosa dovrebbero essere trasparenti se devono tenere riservatezza sulla trattativa? A me sinceramente se i soldi sono puliti o arrivano dalla mafia russa o dalla guerra in Cecenia non me ne frega nulla. Non potete giudicare la trasparenza di una persona che non sapete nemmeno chi è e che non ha fatto nulla di poco trasparente fino ad ora, oppure conprare il parma è’ un reato? Con Tanzi abbiamo giocato con i soldi del Monopoli e nessuna diceva niente, ora tutti quelli che vengono qui devono avere dei fini poco onesti?
    Mi permetta di dire che fino ad oggi del gran casino l’hanno fatto solo i giornalisti inventandosi nomi di acquirenti e smentendoli il giorno dopo per poi riprenderlo dopo un paio di giorni. Forse voi giornalisti non capite che noi poveri mortali le notizie le sappiamo da voi e questo modo di fare informazione per me è’ penoso. Non ultimo ieri tv come una miriade di siti a dire che Taci non c’entra nulla….. Oggi hanno già smentito e detto il contrario cioè che dietro a tutto ciò c’e Taci. Come classe giornalistica mi siete veramente caduti sotto ai piedi…. giocate a chi la spara più grossa e non siete in grado di tenere una line che una. Non per leccarla dove non batte il sole ma lei è uno dei pochi che riporta notizie e non spara a vanvera e prima di dire una cosa ha bisogno di mille conferme. A mio avviso può tranquillamente fare le scarpe ai vari Piovani e company

    • 11 Dicembre 2014 in 14:26
      Permalink

      Proprio perche’ non e’ un reato comprare il Parma che non si capisce come mai il nuovo acquirente si nasconde. Fossimo in fase di trattativa preliminare ok magari con altri acquirenti interessati ci sta ma se ormai la propieta ha deciso di vendere a loro e ha gia presentato il nuovo VDE allora basta nascondersi. I soldi del monopoli come dice lei utilizzati dai Tanzi andavano bene perche’ non si sapevano che erano tali e se non ci fosse stata la volonta di salvare la Parmalat quella gestione ci avrebbe fatto fallire miseramente. Dalsuo ragionamento sembra che chi se ne frega se a noi va bene tutto e’ lecito anche usare soldi che derivino da attivita illecite. Concordo invece sui commenti dei giornalisti

      • 11 Dicembre 2014 in 16:44
        Permalink

        Il problema che Renato Zero non andava portato sul palcoscenico di Collecchio prima di Parma-Lazio…

  • 11 Dicembre 2014 in 13:58
    Permalink

    Prima si chiedeva al Ghiro a gran voce di vendere…adesso che vende non va più bene…siamo alle comiche…
    Comunque se voi non lo sapete Tom e’ in quel di carpenedolo con la febbre alta…
    Piuttosto che fare un anno come quest’anno dove mi devo ogni domenica vergognare della mia squadra preferisco ripartire con dignità dall’Eccellenza…

  • 11 Dicembre 2014 in 14:12
    Permalink

    Majo mi spiega perché la stampa locale non scrive niente? qualche indiscrezione… i giornalisti d’assalto sono finiti?

      • 11 Dicembre 2014 in 14:31
        Permalink

        no ma, non è il suo caso, il giornalista da casa copia e incolla lo possiamo fare tutti

        • 11 Dicembre 2014 in 14:31
          Permalink

          Beh, iersera l’ho fatto anch’io il copia incolla…

  • 11 Dicembre 2014 in 14:37
    Permalink

    Direttore un suo presentimento se oggi vi sarà la chiusura della trattativa? Lei sa io sono di Napoli che voci girano a parma oggi, c’è ancora ottimismo per la chiusura? A riguardo se firma ci sarà non ci dovrà essere ne troppo entusiasmo ne condannalri prima che si conoscono tanto peggio di così…..

    • 11 Dicembre 2014 in 14:58
      Permalink

      A Parma c’è tensione non tanto per come andrà la trattativa ma perchè non girano voci…è incredibile…

      • 11 Dicembre 2014 in 14:59
        Permalink

        Dissento: ne girano anche troppe. E il peccato originale è stato il presentare Zero-Vanoli-Giordano alla squadra

    • 11 Dicembre 2014 in 16:42
      Permalink

      Sul peggio di così non sono d’accordo: lo dimostra il fatto che pensavamo di esser al peggio dopo la quarta di campionato, e via andare sino adesso.

      Per il resto è esercizio inutile fare previsioni. C’è solo da attendere. In pratica: calma & gesso

  • 11 Dicembre 2014 in 15:00
    Permalink

    Ghirardi compra il Brescia dopo il fallimento della trattativa con i pakistani. Ritorna Berta dalla Spagna come d.s. ed è stato contattato Ranieri appena esonerato dalla nazionale greca.

    • 11 Dicembre 2014 in 15:02
      Permalink

      Per i tweet scherzosi basta Marrese… (meglio lui del cabaret di bassa tacca…).

  • 11 Dicembre 2014 in 15:03
    Permalink

    dimenticavo prenderebbero anche Pepito Rossi

  • 11 Dicembre 2014 in 15:05
    Permalink

    Possiamo dire una cosa? Angella la scorsa settimana ha detto una cosa inesatta: ovvero che più che russi erano romani, parlava addirittura di società nel mondo della sanità, di tante piccole imprese romane. Ora dobbiamo ancora sapere chi saranno questi acquirenti, ma ormai appare certo che l’indiscrezione di Angella è stata totalmente sbagliata.

    Per carità, ci si può sbagliare, è solo una costatazione.

    • 11 Dicembre 2014 in 16:00
      Permalink

      eh no per il principio di indeterminazione di heisenberg,in questa fase quantistica del parma calcio potrebbe essere chiunque, per cui potrebbe anche aver ragione

    • 11 Dicembre 2014 in 16:22
      Permalink

      Uomo di poca fede, devi credere all’ispettore Angella, il quale è una fiamma gialla mancata!

      Non mi pare, peraltro, che ci siano notizie certe che smontino la sua ipotesi che possa essere più una soluzione “romana” che russa o cipriota.

      Del resto, fino a prova contraria, anche la mia fantasiosa tesi per cui il Parma sarà della Sanitaria Borromeo resta in piedi sino a prova contraria.

      Cos’ha in mano la Sanitaria Borromeo rispetto a kerimov?

      Comunque non sono affatto d’accordo che l’indiscrezione di Angella sia totalmente sbagliata. Basta vedere il CV del VPE…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 11 Dicembre 2014 in 21:46
        Permalink

        Ho fatto analisi minuziose su Fabio Giordano, con anche dei suoi amici…
        E’ come se un commercialista curasse la vendita del Brescia e si ipotizzasse come acquirente del Brescia i suoi acquirenti. Beh insomma, mi sembra un po’ semplice così.

        Angella parlava di tante aziende piccole e qualcosa sulla sanità: qui servono soldi, e tanti, e mi risulta difficile che i clienti di Giordano tirino fuori 60 miln per i debiti 10 per Ghirardi e poi per fare il calciomercato e rifare lo stadio…. Insomma, mi sembra tutto improbabile.

        Più probabile è una regia di Massimo Moratti che ha trovato acquirente nel mondo petrolchimico

        Poi se fosse veramente romano cipriota non vedo perchè Leonardi e Ghirardi non hanno mai parlato di cordata romana, ma solo di cordata russo cipriota.

        Vedremo martedì

        • 12 Dicembre 2014 in 07:45
          Permalink

          Dici che sarà presentato il titolare della sanitaria Borromeo? Secondo me non ci sposteremo da Giordano…

          • 12 Dicembre 2014 in 10:52
            Permalink

            Non so cosa sia la sanitaria Borromeo, dico solo che ormai tante testate da ieri e pure oggi parlano di un gruppo petrolchimico tra i primi 5 in Russia. L’ipotesi della cordata romana di Angella è tutta sbagliata. Ci sta di sbagliare, per carità..
            Per me martedì ci saranno i nomi dei proprietari.

          • 12 Dicembre 2014 in 10:57
            Permalink

            Io penso di no. Che ti devo dire? Vedremo.
            Le varie testate mi pare contengano fumo e non arrosto

  • 11 Dicembre 2014 in 15:21
    Permalink

    Direttore tutto Taçe?

  • 11 Dicembre 2014 in 15:27
    Permalink

    cmq scherzi a parte si vede che a Brescia e dintorni sono rimasti davvero con le pezze al culo (o forse lo sono sempre stati e finchè le banche sganciavano andava tutto bene)

    • 11 Dicembre 2014 in 16:14
      Permalink

      Non è che si tratti di avere o meno le pezze sul deretano: uno può legittimamente decidere o meno se investire (cioè spendere) nel calcio o no. Quando vengono meno i presupposti è logico cambiare.

      Io, fossi stato in Ghiro, non avrei abusato del credito, però, notoriamente, non faccio l’imprenditore.

      Comunque vorrei dire a chi adesso ha gettato nella m il Tommasino, che fino a sei mesi fa lo esaltava come un mito, senza uno straccio di coscienza critica. Esattamente come adesso chi sta accogliendo – senza alcuna diffidenza – la scopa nuova, poi quando si resterà delusi ripensando a come scopava meglio la scopa vecchia vorrò vedere cosa scriveranno qui, sempre ammesso che Stadiotardini ci sia ancora

  • 11 Dicembre 2014 in 15:47
    Permalink

    n’alra cosa a vreve dir,piu’ che i raggi x al passaggio di proprieta’ io avrei fatto una bella tac alla testa del presidente

  • 11 Dicembre 2014 in 15:56
    Permalink

    Cambio per un attimo discorso.
    Guida dopo la bella prestazione di Parma-Lazio , la prossima giornata va a fare l’addizionale di Empoli-Cesena.
    Rocchi dopo Juve-Roma è stato fermo diverse giornate.
    Come dire che se sbagli contro il Parma fa lo stesso….

    Tavecchio mi raccomando preoccupati della cessione del Parma,che a sistemare le cose in FIGC ci pensa il tuo vice Lotito (presidente di immensa levatura morale che farà impallidire i futuri proprietari del Parma)

    • 11 Dicembre 2014 in 16:09
      Permalink

      Comunque sia Lotito, pur con tutti i difetti che ha, è stato l’unico presidente italiano ad interrompere rapporti non proprio leciti con la curva, con evidente sprezzo del pericolo…

      Per il resto non è che fare l’addizionale di Empoli Cesena sia come dirigere la finale mondiale, ma concordo che sarebbe stato più adeguato uno stop totale e non una retrocessione, peraltro fisiologica.

      Sul discorso dei capitali, però, sono d’accordo con Tavecchio e con Piovani che prima, su radio Parma, a propria volta ha confermato l’importanza della tracciabilità dei fondi. Signori miei, tutti vogliamo bene al Parma, ma ci sono cose che vanno anche al di sopra e non è bieco moralismo.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 11 Dicembre 2014 in 16:02
    Permalink

    Assio,
    Hai un badile in mano e ti capita di avere dinanzi Tom, il Leo e Osso…chi colpisci prima??
    Se ci salviamo anche stavolta a Reggio E. Viene la gastrite a tutti!!!!!!!

    • 11 Dicembre 2014 in 16:05
      Permalink

      Non istigare alla violenza, lavativo! basta il classico chi butteresti giù dalla torre…

      • 11 Dicembre 2014 in 16:14
        Permalink

        ag sariss poc da buter zo a sema sota tera 🙂

  • 11 Dicembre 2014 in 16:13
    Permalink

    Simo se avessi un badile in mano gli scaverei la fossa a tutti e tre

  • 11 Dicembre 2014 in 16:16
    Permalink

    direttore faccia qualcosa! questo silenzio ci uccide!!!!

    • 11 Dicembre 2014 in 16:16
      Permalink

      ci uccide l’anima!!! (cit.)

      • 11 Dicembre 2014 in 16:19
        Permalink

        come dice marcello romano l’anima de li morte’ 🙂

    • 11 Dicembre 2014 in 16:39
      Permalink

      Io non sono al momento in grado di firmare una fideiussione… Dovete accontentarvi dei commenti e qualche volta degli articoli…

  • 11 Dicembre 2014 in 16:17
    Permalink

    e po a rez magari lag gnira’ anca la gastrite,intant nuetor le sez mez ca tolema dal maalox

  • 11 Dicembre 2014 in 16:31
    Permalink

    Ma non dovevano firmare stamattina? Si vede che hanno finito l’inchiostro poveracci. Direttore ma perchè mette già in conto che saremo delusi dalla scopa nuova? Sa qualcosa che non ci sta dicendo?

    • 11 Dicembre 2014 in 16:46
      Permalink

      fra l’altro per mettere due ics 🙂

  • 11 Dicembre 2014 in 16:43
    Permalink

    Inizia a puzzare maledettamente tt cio`

  • 11 Dicembre 2014 in 16:45
    Permalink

    mamma che permaloso. a parte gli scherzi ha news?

  • 11 Dicembre 2014 in 16:46
    Permalink

    E’ saltato tutto, avete bisogno di majo per capirlo??
    ghirardi è meglio che a parma non si faccia piu vedere, e oggi ho fin dovuto sentire milano e iotti dire che sono stati anni gloriosi. Andate a cagare nella massa, leccaculo…..
    Questo bresciano ci ha mandato in B due volte e non ha pagato nessuno per 7 anni, e questi sarebbero anni gloriosi???

    • 11 Dicembre 2014 in 16:53
      Permalink

      Beh, sei stato cinque anni dalla parte sn della classifica, co vot?

      • 11 Dicembre 2014 in 17:06
        Permalink

        Partendo dal fatto che sono 4 gli anni passati nella parte sinistra della classifica, un 12°posto, una retrocessione, 1 anno di B e figure di merda con la pala quest’anno (seconda retrocessione quasi scontata) non credo che si debba essere tanto riconoscenti altrimenti ai Pozzo che in una piazza più piccola di Parma dovrebbero fare la statua dato che sono in A dal 95 e lottano ,centrandola, spesso per l’Europa! E che dire di Campedelli con un quartiere? Ed il Sassuolo che si permette di avere dei nazionali?

        • 11 Dicembre 2014 in 17:28
          Permalink

          1) pozzo è un caso unico ed irrepetibile per mille motivi ed il calcio è il suo business principale.
          2) il sassuolo è la squadra che investe di più in italia in questo momento. Poi vediamo quando squinzi non ha più bisogno di farsi pubblicità dove finiscono.
          3) vorrei vedere cosa direbbero i parmigiani se facessimo campionati stile chievo (e peraltro sarebbe la nostra giusta dimensione).

          • 11 Dicembre 2014 in 17:36
            Permalink

            Milosevic, ma sei un mio fake?

            O mi leggi nel pensiero?

            Quoto ancora al 100%. Anzi: a questo punto ti propongo di diventare autore di stadiotardini.it . Non è previsto compenso alcuno, ma nessuna spesa per lo spazio a disposizione…

            Cordialmente

            Gmajo

          • 11 Dicembre 2014 in 17:49
            Permalink

            Guarda che non credo che gli ultimi nostri campionati siano stati migliori di quelli del Chievo, considerando che non abbiamo vinto niente entrambe,non ci siamo qualificate alle coppe entrambe, siamo ,per ora retrocessi una volta ciascuno ed in più siamo prossimi al fallimento! Sono i soldi che fanno grandi le squadre, Tanzi docet, quindi è inutile dire che la nostra dimensione è la bassa classifica o la B! La dimensione ci viene data dai soldi investiti e dalla gestione! Il city non è mai stato nessuno, poi all’improvviso diventa uno squadrone..guarda un pò ,perchè ci sono i soldi! A roma i laziali odiano Lotito,eppure fa una gestione sana! Il motivo è semplice,meglio 10 anni di Cragnotti,fatti di vittorie ed ambizione che 30 con Lotito,fatti di partecipazione! Il presidente migliore del Parma è e rimane Tanzi, il resto sono nel dimenticatoio del calcio italiano!

          • 11 Dicembre 2014 in 17:54
            Permalink

            Mi sembri un po’ in contraddizione con te stesso. Da una parte invochi una gestione “sana” alla Chievo, dall’altra dici che il miglior presidente è stato Calisto.

            Allora, intendiamoci. Per un tifoso un presidente alla Calisto è l’ideale perché spende e spande. Ma il povero ghiro, cosa ha tentato di fare nel suo piccolo? Lo stesso, con la differenza che la potenza economica era decisamente inferiore.

            Io, da buon grillo parlante, preferisco una gestione nella continuità alla Lotito style che ai grandi botti per poi sparire. Poi è una questione di gusti…

    • 11 Dicembre 2014 in 17:59
      Permalink

      Calma e calamaio.
      Firmano,firmano….sereni tutti

  • 11 Dicembre 2014 in 16:46
    Permalink

    ha notizie e non le dice ai suoi fedeli lettori?aiaiai

    • 11 Dicembre 2014 in 16:51
      Permalink

      Non ho notizie, cari voi. So solo che notoriamente non credo alle fiabe. Per cui mi sa che sia più facile che ci rilevi la Sanitaria Borromeo che Kerimov…

      • 11 Dicembre 2014 in 17:04
        Permalink

        CHECCO DELLO SCAPICOLLO,mi ricordo campeggiava sul raccordo anulare di roma quando ero li a fa er militare alla cecchignola tacci loro

  • 11 Dicembre 2014 in 16:49
    Permalink

    Non è che Tommasone se li è mangiati i russi??

  • 11 Dicembre 2014 in 16:52
    Permalink

    oh second mi i starison ben paledi ,ma fort paro’

    che bargnocla a confronto al sariss anca normel

  • 11 Dicembre 2014 in 17:09
    Permalink

    A questo punto dopo questa giornata assurda direi che non credo più a nessuna buona riuscita della trattativa…l’esperienza ormai insegna…am sòn rot il bali

    • 11 Dicembre 2014 in 17:31
      Permalink

      Ma no, porta pazienza… Se oggi non si chiude la vicenda, poi vi rinfresco la memoria con tutta la telenovela Sanz… Su quella valenza certi colleghi e collegoni dovrebbero andare a nascondersi…

      A proposito, visto che ieri non avevo fatto in tempo a rispondere (e mi scuso, cerco di dare udienza un po’ a tutti, ma i commenti fioccano, e di questo ve ne ringrazio, ma non riesco a star dietro a tutto. Sicché mi scuso se ho trascurato qualcuno) dico a chi mi diceva che dovevo cambiare informatore (o spacciatore?) perché avevo scritto che il buon Tano “puzzava” troppo di Tanzi, e che per quello, forse, era stato “smarrito” (detto alla parmigiana) da Angiolini. Vi ricordo che in certi casi posso anche parlare per esperienza diretta e io in quei giorni lavoravo al Parma. Per cui se ho raccontato quel fatto è perché è una reminiscenza di allora. Poi se fosse vero o meno, o se era solo una paranoia questo non lo so. Però il sospetto che ci potesse essere in un qualche modo Calisto c’era. Del resto come dietro Sanz. E la storia dei quadri mi pare abbastanza significativa

      Cordialmente

      Gmajo

      • 11 Dicembre 2014 in 23:02
        Permalink

        No e poi no. Lascia stare i quadri perché’ li la vicenda e’ lunga.
        Ti garantisco che la conosco a menadito e metterla in correlazione con Sanz e’ una supercazzola mondiale

    • 11 Dicembre 2014 in 18:02
      Permalink

      Stare calmi.
      Firmano
      Tranquilli

  • 11 Dicembre 2014 in 17:12
    Permalink

    Quindi majo è stata tutta una fiaba??
    Allora il giornalismo italiano è alla frutta……
    Non era vero niente….
    Chiediamo i danni morali , alla famiglia ghirardi pasotti……..

    • 11 Dicembre 2014 in 17:19
      Permalink

      E’ una fiaba l’ipotesi Kerimov (poi se ci acquista davvero mi genufletterò sui ceci): temo sia una triste realtà il passaggio alla Sanitaria Borromeo (nome di fantasia, of course).

      Che il giornalismo italiano sia alla frutta, ahinoi, o al limoncino è abbastanza vero, specie considerando le perle dei migliori (o supposti tali), tuttavia su questa storia della cessione il problema è solo marginalmente quello dei giornalisti, a parte che si sta trattando con una superficialità oscena il tema della cessione, manco fosse una trattativa di mercato per un giocatore, col classico “mancano solo le firme”.

      Il problema è che prima di andare negli spogliatoi a presentare Renato Zero, il pippo baudo de noantri avrebbe fatto meglio ad aspettare la chiusura definitiva. Questo clima di ansia e aspettativa deriva da questo. Mi chiedo, però, se questo effetto fosse voluto o se non ci siano arrivati. Ché mi pare logico che finisca alla stampa in un nano secondo la notizia del passaggio di mano se la si dà ai giocatori…

      Quindi, oltre al resto, dovreste richiedere anche il danno esistenziale per questa spasmodica attesa 🙂
      Cordialmente

      Gmajo

      • 11 Dicembre 2014 in 17:28
        Permalink

        IO da Ghirardi mi aspetto di tutto e di più,perciò non mi meraviglierei se fossero tutte chiacchiere! Considerandolo d’altro canto neanche un genio o una volpe (ps. eufemismo pps: senza offesa) , non mi meraviglierei se fosse stato preso in giro da questo Giordano,che vuole farsi un pò di pubblicità! Personalmente,basta che il suo nome non sia più avvicinato al Parma,mi va bene tutto,tanto saremmo falliti lo stesso! Il calcio italiano già fa schifo di suo,non abbiamo bisogno di bambinoni viziati che giocano con il giocattolino comprato da mamma

        • 11 Dicembre 2014 in 17:37
          Permalink

          Bisogna vedere se a voler salire sul palcoscenico di Collecchio è stato Renato Zero o se ce lo ha spinto Pippo Baudo

          • 11 Dicembre 2014 in 17:52
            Permalink

            non escludo che sia stato spinto da Baudo…

          • 11 Dicembre 2014 in 17:57
            Permalink

            Però io non escludo che Renato Zero avesse una voglia matta di cantare… come la mettiamo?

            E in questo momento chi ha maggiori poteri decisionali?

  • 11 Dicembre 2014 in 17:14
    Permalink

    e meno male che c’e’ la dichiarazione di santacroce che ci fara’ aprire un dibattito accalorato,pare si sia accorto che siamo ultimi in classifica,ecco vedi che li si vede la mano del mister ,gli ha inculcato i suoi tempi di reazione

  • 11 Dicembre 2014 in 17:19
    Permalink

    Chissà che scusa troverebbero nel caso saltasse tutto… Che magra figura… non solo per Ghirardi, specialmente per la stampa nazionale e locale!!! Ma che senso avrebbe montare una storia del genere per poi farla esplodere in nulla??

    • 11 Dicembre 2014 in 17:23
      Permalink

      Ferma il tram. Io sono sempre piuttosto critico con la stampa, anche perché sono il primo che prova fastidio per i cialtroni che rovinano il mestiere, però, come argomentavo prima, la colpa non è di chi riporta la notizia facendo il proprio mestiere (lasciamo perdere chi ha ricamato alla cazzo), quanto di chi non la sa proteggere. Possibile che non ci si potesse arrivare prima a capire che se uno presenta il New Vanoli allo spogliatoio, nel giro di un nanosecondo la stampa lo viene a sapere.

      Poi mi fanno ridere con sta cavolo di storia del patto di riservatezza? ma quale riservatezza ?!?

      • 11 Dicembre 2014 in 17:42
        Permalink

        Ok perfetto. Resta il fatto che hanno montato una favola già da domenica mattina presentando l’avvocato e volutamente facendo trapelare la notizia. Domenica tutte le telecamere erano puntate sui due signori in tribuna al Tardini. Ma il vero scopo di tutto quale sarebbe? Cosa ci si guadagna con una mossa del genere? Distrarre i tifosi da una contestazione? E poi è possibile che i vari capoccia dei tg sportivi di sky possano prendere cantonate simili??? Ok che la serietà giornalistica (come abbiamo più volte detto) sta scemando negli ultimi anni… Ma in questo caso sarebbe scavare sul fondo… Io voglio pensare che stiano limando gli ultimi imprevisti di una trattativa “particolare”… Anche se è come se avessi già letto il titolo su TMW “clamoroso Parma: salta la trattativa con i russi”

        • 11 Dicembre 2014 in 17:50
          Permalink

          beh, il primo a dare l’annunzio della fumata nera (sarebbe strano dopo che aveva già dato la bianca, ma la bianca andava dato dopo che il trap aveva sancito che il gatto era nel sacco) non potrà essere, nel caso, che il proto-cardinale Di Marzio… Poi Tmw e tutti gli altri a discesa…

          Comunque che la notizia sia stata montata ad arte tendo a dubitarlo: secondo me non era stato calcolato l’effetto. O forse pecco io a prenderli per un po’ troppo sprovveduti…

          Il fine, comunque, non credo potesse essere quello di evitare una contestazione (mica siamo la Lazio), quanto caricare i nostri portacolori. Non a caso abbiamo visto trasformati Santacroce e Palladino…

          I capoccia di sky, ribadisco, non hanno preso alcuna cantonata. La notizia c’era e andava data. E lo hanno fatto bene. Mi riferisco a domenica: lasciamo perdere gli sviluppi basati solo su fonte ghiro…

          • 11 Dicembre 2014 in 18:01
            Permalink

            sky-accordo totale: il parma passa alla cordata russo-cipriota, domattina le firme

            Questo passava ieri sera su sky. Evidentemente qualcuno a sky era molto sicuro, giusto? Il problme aid fondo è che si sono moltiplicati i canali tv, in conseguenza ci sono ormai più giornalisti che formiche, è evidente che se sono cosi tanti e hanno tutto il giorno a disposizione, qualcosa devono pur scrivere.

          • 11 Dicembre 2014 in 18:03
            Permalink

            Non è così.

            Ieri Sky ha dato quella notizia poiché fonti vicine a Ghirardi (che a me sembrano che siano così vicine da esser lui in persona) lo hanno riferito ai giornalisti amici tipo Di Marzio e compagnia bella.

            Ma l’informatore, cioè la persona così vicina al Ghiro, non ha seguito il consiglio di Trap e del suo gatto.

            La moltiplicazione dei canali tv o la rete servono per amplificare le corbellerie (ma anche le cose serie).

  • 11 Dicembre 2014 in 17:20
    Permalink

    Volevo fare il riepilogo dell’era (purtroppo anche futura del Sig. Ghirardi)

    UNA RETROCESSIONE IN SERIE B
    SPUTTANAMENTO MANCATO PAGAMENTO TEP
    SPUTTANAMENTO ALLONTANAMENTO CUOCO COLLECCHIO
    SPUTTANAMENTO MANCATA LICENZA UEFA
    SPUTTANAMENTO MANCATO PAGAMENTO IRPEF
    SPUTTANAMENTO MANCATO PAGAMENTO STIPENDI
    SPUTTANAMENTO DELL’ANDIAMOCELA A RIPRENDERE
    SPUTTANAMENTO DI UNA FANTOMATICA CORDATA TACI
    SPUTTANAMENTO DI UNA FANTOMATICA CORDATA RUSSA/CIPRIOTA

    Ecco majo poi possiamo mettere 2/3 anni senza patemi e almeno altri 2 con salvataggio della categoria negli ultimi due mesi di campionato.

    Se questo per Lei è un (CO VOT) credo che forse è meglio partire da zero, ma da fidenza come dice assioma ………..
    Considerando poi che non c’e’ mai stato un vero progetto,,,,,,,
    Forse la pazienza dei tifosi del parma è UNICA……..

    Ghirardi vattene!! Anche portando i libri in tribunale, per me avrebbe fatto meglio chiunque………..

    • 11 Dicembre 2014 in 17:25
      Permalink

      Che ingrato…

      Ghirardi ti ha allestito super squadroni con Cassano Giovinco e compagnia cantante, con quel rompipalle del Grillo Parlante che gli frantumava gli zebedei dicendo: così non sei virtuoso…

    • 11 Dicembre 2014 in 18:04
      Permalink

      oltre alle già citate posizioni nella parte sx della classifica, ci sarebbero anche il record di vittorie consecutive in A, risultati utili consecutivi in A, vittorie consecutive in trasferta in A……spero che sul cuoco stia scherzando…se adesso i parametri di giudizio tecnico di una stagione son questi…

      • 11 Dicembre 2014 in 18:12
        Permalink

        in realtà bisognerebbe considerare anche altri parametri e non solo i risultati sportivi, come ho fatto io per promuovere con un 7 il ghiro, lasciando perdere le altre materie dove era nettamente insufficiente e gli ultimi sei mesi…

        Il mio 7 era volutamente provocatorio, per perculare tutti gli ex amici del ghiro che erano tali quando le cose andavano bene, salvo poi gettarlo nella cacca al momento del bisogno.

        • 11 Dicembre 2014 in 18:20
          Permalink

          certo. E’ solo che fare un “riepilogo dell’era ghirardi “in quel modo lo trovo alquanto scorretto

  • 11 Dicembre 2014 in 17:32
    Permalink

    guerda che di jadid a ne pase’ tarzent chi a perma eh ?

    per cui lasema perdor giovinco cla ciape’ un sac ed sold e via discorrendo

      • 11 Dicembre 2014 in 17:45
        Permalink

        le col li ca vreve dir,adesa con la cherta as podema pulir…..

  • 11 Dicembre 2014 in 17:38
    Permalink

    Sono pienamente d’accordo con Majo.

    L’errore è stato anticipare la notizia presentando Giordano alla squadra e anche alla città.

    Garrone non disse nulla a nessuno e un bel giorno convocò una conferenza stampa in cui disse che aveva venduto e presentò Ferrero.

    • 11 Dicembre 2014 in 17:43
      Permalink

      Non mi pare, però, che Giordano sia stato presentato alla città. Solo allo spogliatoio, nella mensa.

      Il Sindaco chissà Dio se lo ha conosciuto o con chi caspita ha parlato. Comunque il sindaco è il primo cittadino e rappresenta la città, ma nessuno alla città ha detto: “signore e signori ecco a voi… Renato Zeroooooooo”

      Comunque, appunto, lo stile da seguire era quello di Garrone. Poi su chi abbia scelto Garrone come successore si può discutere, del resto come stiamo discutendo sulle possibili ipotesi di chi ci sia dietro Vanoli2

  • 11 Dicembre 2014 in 17:41
    Permalink

    Che la trattativa è sfumata è un’indiscrezione o una supposizione dei lettori? Scusate ma mi sono ricollegato dopo alcune ore di forzata astinenza..

    • 11 Dicembre 2014 in 17:44
      Permalink

      Supposizione non basata sui fatti. Solo delusione di chi si aspettava news

  • 11 Dicembre 2014 in 17:46
    Permalink

    Direttore mi chiedo di cosa parlerete stasera visto che le notizie sono le stesse di domenica…ossia non si sa un kaiser su questa trattativa!
    Parlerete di aria fritta come hanno fatto gli altri giornalisti in questi giorni?Il saltimbanco cosa si inventerà stasera?

    • 11 Dicembre 2014 in 17:55
      Permalink

      Stasera vi spiegheremo la fantomatica Sanitaria Borromeo…

      • 11 Dicembre 2014 in 18:00
        Permalink

        ma non ho capito cos’è un nome di fantasia?che corrisponderebbe alla cordata?

  • 11 Dicembre 2014 in 17:46
    Permalink

    La carta che in Italia è l’unica cosa che conta no!?!
    Ps: Ragazzi chi arriva è più povero del ghiro,per farvi una idea al riguardo è il Mezzaroma di turno.

  • 11 Dicembre 2014 in 17:46
    Permalink

    effettivamente i post degli amici sorcini sono fermi a domenica

  • 11 Dicembre 2014 in 17:54
    Permalink

    Ancora un autentico caxxo e` saltata sicura!

  • 11 Dicembre 2014 in 18:00
    Permalink

    Più che supposizioni siano sfoghi di paura… Perchè credo sia ovvio che tutti quanti abbiamo voglia di gente nuova… Io sono dell’avviso che se garantiscono una decina di anni a medio buono livello in serie A possono avere i soldi sporchi o possono essere interessati solo a tornaconti economici personali ma non mi interessa…

    • 11 Dicembre 2014 in 18:06
      Permalink

      Io non ti posso concedere l’assoluzione, pur capendoti, figliuolo (un po’ come il tribunale federale col Parma…).

      Dì, comunque, 4 pater ave gloria. chissà che il buon Dio non conceda davvero una decina di anni a medio buon livello in A per il Parma, ipotesi alla quale, sinceramente, non credo proprio

  • 11 Dicembre 2014 in 18:04
    Permalink

    di ve maio, a forza di dirlo ,sara’ mica il nome della nuova proprieta’ ? 🙂 ,gia’ averlo sulle maglie come main sponsor sarebbe mica una presa per il didietro da poco 😀

  • 11 Dicembre 2014 in 18:05
    Permalink

    Mi scusi Majo ma dietro alla Sanitaria Borromeo chi c’è!?!? Perchè io inizio a pensare (forse in mala fede….ma non credo) che sia un capocchia di legno….

    • 11 Dicembre 2014 in 18:07
      Permalink

      Sanitaria Borromeo può voler dire tutto e niente. E’ un simpatico nome di fantasia… La risposta italiana a Kerimov…

  • 11 Dicembre 2014 in 18:18
    Permalink

    Qui manca la grana questi ci pigliano solo x il culo non l avete ancora capito? Si faccia chiarezza una volta x tutte e starera voglio un boni superincazzato

  • 11 Dicembre 2014 in 18:19
    Permalink

    Forza Direttore chiudiamo gli occhi e facciamo finta che chi ci comprerà firmerà stanotte perchè (come diceva il caro Milano a palla in tribuna) di solito queste ufficialità le danno nelle tarde serate o nella notte……….. Vabbè…. Facciamo finta che i nuovi proprietari siano appassionati di calcio e di Parma e ci facciano vivere le emozioni dei Tanzi…. Pensiamo positivo

  • 11 Dicembre 2014 in 18:20
    Permalink

    QUANDO è TROPPO è TROPPO, FUORI I NOMI

    • 11 Dicembre 2014 in 20:20
      Permalink

      Sta calolm

  • 11 Dicembre 2014 in 18:30
    Permalink

    Le do’ una new Majo, ho il nome di acquista il Parma fc: Pizzeria la Diligenza………. e al venerdi sera atutti gli abbonati pizza gratis.

    • 11 Dicembre 2014 in 18:32
      Permalink

      so che stanno facendo investimenti importanti…

  • 11 Dicembre 2014 in 18:44
    Permalink

    Direttore ma il suo scetticismo, oltre al “rumorosissimo silenzio” di queste ore, da cosa è dovuto? Sanitarie e sanitari a parte, cosa non la convince? Ovviamente tralasciando l’ennesimo errore di comunicazione della premiata Ghiro &C.

    • 11 Dicembre 2014 in 18:58
      Permalink

      L’insieme della operazione che mi procura miodesopsia

      • 11 Dicembre 2014 in 19:19
        Permalink

        Beh come darle torto, una trattativa seria o quanto tale non viene ad essere così eccessivamente pubblicizzata…persone serie richiedono come requisito di partenza serietà e professionalità.
        Altro punto sono i tramite di questa cordata gli avvocati Giordano che sinceramente nel panorama nazionale sia come studio che come fama sono di un anonimo agghiacciante.
        Altro punto chi può affidarsi a mediatori del genere o uno del loro pari livello (quindi insomma niente di speciale), oppure chi ha dei problemi a farlo in prima persona (e se questa l’ipetosi prepariamoci a vederne delle belle…).
        Ultimo punto il senso di prendere il club ora mi sfugge,quando con una retrocessione e fallimento lo prendevi a 0, ripeto 0; o comunque anche se si fosse salvato ci sarebbe stata la certezza della A…
        Io non mi aspetto nulla di meglio di un Gaucci,Zamparini (vers. Venezia),Preziosi (vers.Como), o qualcosa del genere….

  • 11 Dicembre 2014 in 19:05
    Permalink

    La cessione di un club non è una cosa che si fa in pochi giorni,quindi se c’è da pazientare pazienteremo.La cosa un po’ assurda è che abbiano fatto uscire la notizia già Domenica creando delle aspettative a questo punto ingiustificate visto che l’accordo (per quel poco che ne sappiamo) ancora non c’è e rischiando cosi di fare una figuraccia colossale (l’ennesima) .
    Poi i media si sono proprio divertiti a sparare nomi e possibilità fantascientifiche scrivendo tutto il contrario di tutto.

  • 11 Dicembre 2014 in 19:05
    Permalink

    non farmi andare su google Maio sii chiaro ,batti lei Filini

  • 11 Dicembre 2014 in 19:13
    Permalink

    Maio l’anno prossimo radiocronaca diretta di stadiotardini.it dal

    comunale di abano terme,metti le mani avanti ,sentiamme’ uaglione 🙂

  • 11 Dicembre 2014 in 19:13
    Permalink

    Sul sito del Parma si dice ufficialmente PARMA VENUTO.( naturalmente a chi non si sa)

  • 11 Dicembre 2014 in 19:13
    Permalink

    VENDUTO*

  • 11 Dicembre 2014 in 19:19
    Permalink

    GdP: parma venduto MARTEDI’ LA FIRMA?????

  • 11 Dicembre 2014 in 19:19
    Permalink

    Hanno venduto…martedì la presentazione!

  • 11 Dicembre 2014 in 19:20
    Permalink

    il parma e stato ufficialmente venduto ma a chi?

    si sapra’ martedi 16 dic

  • 11 Dicembre 2014 in 19:20
    Permalink

    Bè almeno ora è ufficiale… Non si sa a chi ma è ufficiale…

  • 11 Dicembre 2014 in 19:20
    Permalink

    Ci siamo è ufficiale!!

  • 11 Dicembre 2014 in 19:20
    Permalink

    Comunicato stampa su Parma FC …. Martedì 16 presentazione nuova proprietà

  • 11 Dicembre 2014 in 19:22
    Permalink

    figa che do bali a ghe da speter fino a martedi’

    • 11 Dicembre 2014 in 19:28
      Permalink

      Il 16 è il compleanno del Parma. Tanti auguri…
      Questo è il regalo…

      • 11 Dicembre 2014 in 20:24
        Permalink

        Andiamo alla grande Direttore…secondo il mio acume giorni radiosi

        • 12 Dicembre 2014 in 07:49
          Permalink

          Il vero ampelio -che poi era amelio – sarebbe decisamente più prudente. Di questi tempi è facile ci sia fresco, altro che giorni radiosi. Siamo in pieno inverno…

  • 11 Dicembre 2014 in 19:35
    Permalink

    Gentile Majo io ho sempre creduto che fare calcio ma in generale sport avesse per chi ci mette i soldi un valore non solo passionale ma soprattutto d’immagine irraggiungibile con altri mezzi pubblicitari, a che pro rimandare nomi e quant’altro a Martedì?
    Cioè se io comprassi una Ferrari la prima cosa che farei è farci un giro, magari passando per il centro….non metterla in garage…..

    • 11 Dicembre 2014 in 19:38
      Permalink

      Faranno un giro sul pullman scoperto il giorno del compleanno del parma, dopo esser passati al pensa pulito village di folletto 🙂

      • 11 Dicembre 2014 in 20:25
        Permalink

        Un poco astiosetto??
        Facciamo festa dai…un bel sorriso!!

  • 11 Dicembre 2014 in 23:07
    Permalink

    Se questi mettono soldi davvero però’ il direttore lo vogliamo col cilicio a fustigarsi su un tappeto di ceci rinsecchiti.
    È al suo Boni chiuso in una gogna dove chiunque potrà’ tirargli arance marce e similarità.
    🙂 🙂 🙂

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI