PARMA-LAZIO 1-2 / IL CAMBIO DI PROPRIETA’ NON BASTA: GLI OSPITI ESPUGNANO IL TARDINI, ANCHE SE CON LA COMPLICITA’ DELL’ARBITRO E DEI SOLITI REGALI DEI CROCIATI

DSC00015

PARMA-LAZIO 1-2

Marcatori: 44’ Palladino, 47’ S. Mauri, 13’ st Anderson

LE FORMAZIONI UFFICIALI

PARMA (3-5-2): Iacobucci; Santacroce (18’ st Mendes), Lucarelli, Costa; Rispoli, Mauri, Lodi, Galloppa (24’ st Acquah), Gobbi; Cassano, Palladino
A disp.: Cordaz, Coric, Sarr, Ristovski, De Ceglie, Souza, Jorquera, Mariga, Belfodil, Pozzi
All. Donadoni

LAZIO (4-3-3): Marchetti; Basta, De Vrij, Radu, Braafheid ( 37’ Cana); Biglia, Parolo, Lulic; Felipe Anderson (19’ st Keita), Mauri, Djordjevic
A disp.: Berisha, Strakosha, Novaretti, Konko, Gonzalez, Cataldi, Ledesma, Onazi  Klose
All: Pioli

Arbitro: Sig. Marco Guida di Torre Annunziata
Assistenti: Sigg: Di Fiore e Vivenzi
IV Ufficiale: Sig Costanzo
Arbitri addizionali: Sigg. Damato e Saia

Ammoniti: Lodi, Biglia, Santacroce, Gobbi, Anderson, Parolo, Acquah, Radu

Spettatori: paganti 1.198 (incasso 30.487,00), Totale Spettatori: 10.884 (di cui 9.580 abbonati). Incasso totale: 170.539,72 (di cui 140.052,72 rateo abbonamenti)

Recupero 2’ + 3’

IL FILM DELLA PARTITA

PRIMO TEMPO

3’ Iacobucci alza su traversa pericolosa punizione di Biglia dal limite

3’ Lodi ammonito per fallo di mano

9’ Ammonito Biglia per fallo su Josè Mauri

10’ Gol annullato a Gobbi su assist di Cassano erroneamente ritenuto in fuorigioco dall’arbitro Guida

18’ Iacobucci uscita errata: sulla linea salvataggio di Santacroce su Braafheld

26’ Traversa di Costa su assist di un Gobbi in gran spolvero

32’ Ammonito Santacroce per fallo su Anderson

40’ Colpo di testa di Stefano Mauri, palla a lato

45’ VANTAGGIO PARMA: PALLADINO, TORSIONE DI TESTA SUL PRIMO PALO (1-0)

45’ Due minuti di recupero

47’ Destro di basta, Iacobucci si salva in angolo

47’ MAURI PAREGGIA PER LA LAZIO 1-1 A TEMPO SCADUTO DA OLTRE TRENTA SECONDI. PROTESTE VIBRANTI DEI TIFOSI DEL PARMA CHE CONTESTANO SONORAMENTE L’ARBITRO GUIDA. GIA FURIOSI PER IL GOL ANNULLATO A GOBBI PER FUORIGIOCO INESISTENTE SU CASSANO

SECONDO TEMPO

2’ st Ammonito il diffidato Gobbi per fallo su S.Mauri. Era diffidato: domenica non ci sarà col Cagliari. Il pubblico del Tardini all’arbitro Guida: “buffone!”

4’ st: Iacobucci si salva in angolo su conclusione di Lulic

6’ st: Applausi per Santacroce che con mestiere guadagna un calcio di punizione

7’ st: Conclusione di Galloppa respinta dalla barriera

10’ st: Sfondamento in area di Gobbi che serve Josè Mauri, occasionissima, ma la palla termina sul fondo

12’ st Ammonito Anderson per fallo su Lucarelli

13’ st Disimpegno errato di Gobbi che, pressato regala palla a Djordjevic, servizio per Anderson che, a centro area, da due passi trafigge Iacobucci per il vantaggio degli ospiti (1-2)

18’ st Sostituzione Parma / Fuori Santacroce (infortunato) dentro Mendes

19’ st Sostituzione Lazio / Fuori Anderson, dentro Keita

23’ st Parolo tocca duro Cassano a circa due metri dall’area di rigore in posizione centrale. L’ex crociato viene ammonito. Sulla mattonella va Lodi che centra la barriera

24’ st Sostituzione Parma / Fuori Galloppa, dentro Acquah

28’ st Iacobucci intercetta su Keita

30’ st Sostituzione Lazio / Fuori Djordjevi dentro Klose

31’ st Sostituzione Parma / Fuori Mauri dentro Belfodi fischiato dal pubblico del Tardini

35’ st Cassano serve Lodi, che “tintogna” troppo e si fa anticipare

40’ st Cross dalla sinistra di Klose, Iacobucci respinge in un qualche modo

42’ st Ammonito Acquah (intervento da tergo su Klose)

42’ st Ammonito Radu

45’ st Tre minuti di recupero

48’ st GUIDA FISCHIA IL FINALE: LA LAZIO (IMMERITATAMENTE) ESPUGNA IL TARDINI

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

21 pensieri riguardo “PARMA-LAZIO 1-2 / IL CAMBIO DI PROPRIETA’ NON BASTA: GLI OSPITI ESPUGNANO IL TARDINI, ANCHE SE CON LA COMPLICITA’ DELL’ARBITRO E DEI SOLITI REGALI DEI CROCIATI

  • 7 Dicembre 2014 in 17:10
    Permalink

    Giocatori che fanno PENA a prescindere dai russo-ciprioti!
    Donadoni ha stufato…basta!

    • 7 Dicembre 2014 in 17:34
      Permalink

      FORSE CON LA NUOVA PROPIETA’ IL SIGNOR “MANI IN TASCA” (ANCHE OGGI CI HA STUPITO CON I CAMBI) SE NE VA FUORI DALLE BALLE….

      • 7 Dicembre 2014 in 17:53
        Permalink

        finche’ a parma ci saranno dei tifosi come simone continueremo a vedere ste robe qui :-),
        che ci serva da lezione a tutti che non capiti piu’ in qulasiasi categoria saremo ,perche’ e’ li che noi ci saremo

        FORZA PARMA

  • 7 Dicembre 2014 in 17:25
    Permalink

    Con questa proprietà facciamo il botto!!!

  • 7 Dicembre 2014 in 17:28
    Permalink

    Io do il benvenuto ai russo-ciprioti Ke a me gli unici articoli ke piacciono su stadiotardini sono quelli del Russo di Lucca e ke Putin è molto bravo che hanno fatto bene a dare delle frustate alle Spussi Riot, ke fanno tanto le troie e poi manco si fanno guzzare, allora vatla a tor in tal gulag (ke io già sgagno un pò di russo). Per la divisione di Cipro dico solo ke la darei tutta a ki ha comperato il Parma e ki si è visto si è visto.
    Da buon Parmiota, e me ne vanto, ke teniamo alta la banderuola crocjata, e andiamo dove ci porta il vento della Nord rinnego tutto quello ke ho detto fino a poke ore fa sul nostro ex presidente (ke nn mi ricordo neanke + il nome).
    Secondo me adesso bisognerebbe cambiare anche i dipendenti specie al marchettin o ai rapporti cn i tifosi. Ke io ad esempio sarei disponibile, e nn lo dico x me ma x voi ke ci ho tanta voglia di fare della parmigianità-russo-cipriota e ki più ce ne ha ce ne metta, ke così la cordata dei catarattosi di Al Majo e il Mullah Dondi se la va a prendere in tal cuulos (pronunciato alla greca cm si dice a Cipro ma fumando cm dei turchi-ciprioti). Dove si portano i curri-culà?
    W IL NUOVO TOVARISH PRESIDENTE!
    MAJO IN SIBERIA!

  • 7 Dicembre 2014 in 17:29
    Permalink

    Benvenuto alla nuova proprietà. Tutto il mio disprezzo a chi ha fatto in modo che la mia squadra fosse già retrocessa a dicembre. Ghirardi si è tolto dai coglioni. Ora fuori dalle balle anche Leonardi. Temo che per la nuova proprietà sia troppo tardiper invertire la rotta. Che ne pensi Gabriele?

  • 7 Dicembre 2014 in 17:38
    Permalink

    Peccat per la sconfitta,la prima ora di gioco ho visto un beL Parma che avrebbe meritato di più.Iacobucci è stato ancora una volta fatale,dove sono finit quelli che volevano la testa di Mirante proprio per l’ex-Latina??Anche sul primo gol ha respinto male favorendo il gol di Mauri…penoso

    Il cambio di società è stato veramente inaspettato, si sa altro a riguardo?Da chi è composta questa cordata russo-cipriota?le cifre?

  • 7 Dicembre 2014 in 17:49
    Permalink

    speriamo davvero che questa nuova proprietà sia in grado di dare nuova energia all’ambiente!!! soprattutto se il Parma riuscisse almeno a vincere 1/2 partite prima di Natale poi a gennaio questa gente potrebbe investire molto e magari permetterci di raggiungere la salvezza…ora come ora sembra una possibilità molto piccola ma meglio che niente, se fosse rimasto Ghirardi saremmo proprio stati spacciati. adesso però la squadra deve mettersi in testa di dare il 200% in campo dalla prossima partita, oggi siamo stati meglio del solito ma cmq nn è bastato, come al solito un po’ di sfortuna e errori individuali ci hanno condannato, però in generale alcuni problemi sono sempre presenti (tipo una marea di passaggi prima di tirare, movimenti prevedibili) se non miglioriamo sotto questo punto di vista non andiamo molto avanti…e x concludere secondo me ancora una volta i cambi non hanno dato quel “cambio di marcia” che ci serviva una volta in svantaggio, santacroce era infortunato e andava tolto, ma acquah x galloppa e soprattutto Belfodil per mauri sono stati deludenti. soprattutto la domanda è, perchè Pozzi non gioca mai??? ormai dovrebbe essere recuperato, è un attaccante centrale eppure donadoni continua a preferirgli l’altro….x questo sarebbe essenziale il cambio dell’allenatore, finalmente potremmo licenziare donadoni senza preoccuparci dei soldi xD

  • 7 Dicembre 2014 in 17:57
    Permalink

    Io sono molto deluso, al di la di errori e limiti grosso passo indietro come carattere.
    Sul resto preferisco aspettare che ci sia tutto, soldi compresi, c è un grosso bisogno di aria nuova

  • 7 Dicembre 2014 in 17:58
    Permalink

    Marcello al “Marchettin”!
    PS: ti hanno per caso censurato un commento recentemente?
    Alberto

  • 7 Dicembre 2014 in 18:06
    Permalink

    Spero si sappia presto chi sia il nuovo presidente e quanto sia facoltosa la nuova proprietà, credo che una cordata russa non compri 1 squadra italiana di calcio per fare anonimi campionati da metà classifica o da salvezza tranquilla, quindi, lasciando stare questa stagione per la quale sarebbe già moltissimo salvarci, forse torneremo una big…

  • 7 Dicembre 2014 in 18:31
    Permalink

    non si può vedere in serie a (la minuscola è voluta) giocatori come belfodil. é una vergogna, non sà correre, è impacciato, non ha voglia sembra che stia li perchè lo mettono per forza e soprattutto cosa stranissima non sà stoppare il palllone. MA A COSA SERVE CERTA GENTE DI 1,90 CM CHE NON HA LA MINIMA IDEA COSA SIA UN PALLONE. Sembra di stare all’ arena e vedere i gladiatori che se le danno!!!!

  • 7 Dicembre 2014 in 19:12
    Permalink

    intanto pare che l’anno prossimo riusciremo a fare la serie B

    grazie di tutto ghiro resterai negli annali di questa societa’

  • 7 Dicembre 2014 in 21:17
    Permalink

    Se c’è ancora qualcuno (tipo Assioma) che parla di salvezza possibile va fatto internare…
    Siamo matematicamente retrocessi…risolviamo tutti i contratti di questi pseudo atleti e facciamo giocare i nostri giovani…
    Anche Osso ha fatto il suo tempo…non può pedissequamente riproporre gobbi, metter su ancora Acquah (te lo ha detto anche gallerani in settimana…capisa…al pol mega sugher a balon) e il belfo….
    Assio ripartiamo con onore dalla cadetteria….

    • 7 Dicembre 2014 in 21:37
      Permalink

      Dissento totalmente. E poi avere come Maître à penser non penso sia il massimo…

  • 7 Dicembre 2014 in 22:01
    Permalink

    Majo se pensi che sia ancora possibile salvare la categoria mi fai pensare????
    Ormai qua si retrocede anche con Ibrahimovic….
    Basta raccontare cannelle….
    Comunque gli arbitri di Moggi erano un po’ più capaci di indirizzare le partite…Guida è un infame…e andrebbe radiato non sono errori spiegabili ma di pura malafede….

    • 7 Dicembre 2014 in 23:22
      Permalink

      Non sono d’accordo. Pur essendo prevenuto su Guida, non mi va di tirare a mano la malafede.

      Per il discorso salvezza, se sono arrivati i russi-ciprioti immagino investiranno sul mercato di gennaio per salvare la categoria: quindi nulla è ancora compromesso

  • 7 Dicembre 2014 in 23:31
    Permalink

    No la malafede sta volta ci sta eccome…piuttosto poteva dare 8/9 minuti di recupero come contro il Genoa qualche anno fa…ma far tirare un corner a tempo scaduto e addirittura non fischiare al primo tiro ma bensì al terzo è malafede….
    Qualunque acquisto facciamo siamo retrocessi MATEMATICAMENTE E INCONFUTABILMENTE…PRENDIAMONE ATTO…SIAMO TUTTI ADULTI….BASTA GIOCARE COI SENTIMENTI DEI TIFOSI….

    • 7 Dicembre 2014 in 23:41
      Permalink

      Non si tratta di giocare coi sentimenti dei tifosi. Il Sassuolo sembrava già seppellito e si è salvato. E non mi pare che la concorrenza in giro sia molto più attrezzata. Se i ricconi presentati oggi dal Ghiro alla squadra non vorranno sputtanare del tutto i propri quattrini immagino agiranno come Squinzi un anno fa, nel tentativo di salvare la categoria.

      Sulla malafede di Guida, ribadisco, non mi trovo d’accordo, nonostante i precedenti siano inquietanti quasi come la condotta odierna. Il problema, però, è che nel recupero extra large non andava preso gol. E lo abbiamo preso un po’ da “nadari” (del resto come quello del raddoppio).

      Cordialmente

      Gmajo

  • 8 Dicembre 2014 in 00:04
    Permalink

    Per intervenire bene sul mercato dovresti cambiarne 9 di quelli in campo oggi…
    Ho visto più errori individuali quest’anno che in tutti i campionati del Parma in serie A…
    Domenica finalmente Gobbi sarà squalificato ma ormai è troppo tardi e poi rientrerà Felipe…quando andrà bene ci saranno sempre 7/8 mancini in campo.
    Io inizierei a programmare una serie B fatta bene con giocatori giovani e affamati…
    Be almeno un altra cosa positiva la società old l’aveva fatta (oltre a liberarsi di AMAURI) ossia la cessione del Parolo!!!
    Faccio invece pubblicamente i complimenti a Santacroce che anche se limitato fisicamente è stato il migliore in campo…

  • 8 Dicembre 2014 in 01:47
    Permalink

    ghirardi comunque fino ad un anno fa al parma nn aveva fatto male,anzi ,c’è da capire cos’ha fatto andare le cose a rotoli,in tutti i casi ora c’è da agire sul mercato xchè la salvezzza sembra un miracolo ma sto con il direttore quando dice che la concorrenza nn è cosi’ attrezzata,certo ci sarà da vedere a gennaio chi arriva e chi resta,se poi fantantonio dovesse tornare da noi cugini blucerchiati….nn saprei cosa pensare x la sponda crociata.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI