PIOVANI: “CDA DEL PARMA RINNOVATO E COMPOSTO DA PERSONALITA’ IMPORTANTI DELLA VITA SOCIALE ITALIANA”. MERCATO: STAFFETTA CASSANO-GILARDINO? RANIERI O ZOLA PER IL DOPO-DONADONI

image(gmajo) – Le notizie che immagino possano più arrapare il lettore – al contrario dello scrittore – sono le bagole di mercato collocate in taglio basso nella odierna pagina sportiva della Gazzetta di Parma (ma qualcosa di analogo c’è anche su quella dello Sport), laddove si ipotizza la partenza di Cassano (“in città si mormora che avrebbe dato la disdetta dell’appartamento”, e diventa difficile che cambi residenza, nella stessa città, ben tre volte) con una singolare staffetta con Gilardino. Per esigenze di spazio non ho messo, come la GdP Diamanti, potendocene far stare solo uno, e da nostalgico, romantico, ho optato per l’ex eroe dello spareggio di Bologna e di tutta l’annata 2004-05. Ci sono anche indiscrezioni “se la squadra non cambierà rotta” per l’eventuale sostituzione di Donadoni: “ecco che si parla di Zola e Crespo”. Insieme? O uno per volta? Personalmente propenderei per le “altre voci” che “parlano di un possibile (clamoroso) ritorno di Ranieri”. Poi c’è tutta una serie di altri nomi in altri reparti, ma mica possono svelarvi in anticipo tutto quanto scrive la GdP…

imageAccontentato subito il lettore col mercato (peraltro mi chiedo che tipo di fondamento possa avere questo gracidare se ancora manco si sa chi acquista il club), ora appago i miei gusti propinandogli un po’ di questioni societarie. Intanto, rimarco che Sandro Piovani, a proposito di Pietro Leonardi, riporta, e dunque conferma, quanto da me riferito nelle ore precedenti a proposito del colloquio tenuto con i giocatori: “prima dell’allenamento delle 11 ha spiegato l’operazione alla squadra, tranquillizzando i giocatori sul loro futuro ma anche le potenzialità del nuovo gruppo acquirente. Per questo diventano decisive le prossime due gare. Battere il Cagliari e portare punti da Napoli significherebbe dare forza e convinzione alla nuova proprietà. Che comunque potrebbe (io direi persino dovrebbe, nda) intervenire pesantemente sul mercato”. Se durante il mio intervento a Palla in Tribuna, eccezionalmente condotto ieri da Sandro Piovani noi due, veterani del microfono, non ci siamo trovati d’accordo su quello che poteva essere stato il ruolo del Plenipotenziario nell’operazione di vendita (regista occulto, secondo me; estraneo secondo lui), una certa identità di veduta l’abbiamo su quello che sarà il suo ruolo in futuro: prettamente tecnico, spogliato della componente amministrativa: “Per quanto riguarda Pietro Leonardi dovrebbe ricoprire il ruolo di direttore generale, proseguendo così il lavoro tecnico insieme al suo staff. Non bisogna dimenticare che Leonardi è legato al Parma da un contratto pluriennale ma i è sempre dichiarato pronto a farsi da parte, se la sua presenza fosse un problema. Evidentemente non è così, visto che la nuova proprietà sembra puntare su di lui e sul suo staff”. Io penso che quella che Leonardi definì, nell’ultima conferenza, la sua più grande impresa in 23 anni di calcio, qualora la centrasse, ovverosia la miracolosissima salvezza con un solo girone disponibile, e l’handicap delle penalizzazioni, potrebbe valergli la conferma: ma in caso di retrocessione, con buona pace del contratto in scadenza o nel 2019 (se spalmato, specie se in anticipo) o nel 2017 (come inizialmente previsto) che lo lega al club ducale.

Debbo dire, anche se l’ho tenuta in fondo in fondo alla presente “rassegna”, che la notizia che maggiormente mi ha colpito è quella relativa alla composizione del CdA: “Si parla di un consiglio d’amministrazione completamente rinnovato, composto da personalità importanti della vita sociale italiana. Evidentemente un modo per lanciare un segnale importante ai tifosi, alla città., ma anche a tutto l’ambiente calcistico italiano”. Ambiente che non si sente affatto sicuro sulla metamorfosi sociale del Parma, se si pensa al monito di Tavecchio (di cui Ghirardi era stato grande elettore) circa i possibili controlli della Covisoc sui nuovi capitali in entrata.

Давайте заберём её!

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

LEONARDI? ANDIAMOCELO A RIPRENDERE… MAJO A PALLA IN TRIBUNA: “E’ IL GRANDE REGISTA DELLA CESSIONE”. PIOVANI FRENA, MA IL PLENIPOTENZIARIO HA LA FIDUCIA DEI NUOVI E HA GIA’ PARLATO ALLA SQUADRA

 

 

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

52 pensieri riguardo “PIOVANI: “CDA DEL PARMA RINNOVATO E COMPOSTO DA PERSONALITA’ IMPORTANTI DELLA VITA SOCIALE ITALIANA”. MERCATO: STAFFETTA CASSANO-GILARDINO? RANIERI O ZOLA PER IL DOPO-DONADONI

  • 13 Dicembre 2014 in 02:45
    Permalink

    direttore, che si intende per “personalità importanti della vita sociale italiana”?

    • 13 Dicembre 2014 in 03:03
      Permalink

      E’ quello che vorrei sapere pure io… apposta che segnalavo la cosa, avendo attratto la mia curiosità

  • 13 Dicembre 2014 in 03:30
    Permalink

    magari arrivano i veri pippo baudo e renato zero 🙂

  • 13 Dicembre 2014 in 05:48
    Permalink

    Ma io mi chiedo?????? Ma che notizie sono
    ???? Non si sa chi compra il Parma e scrivono di mercato con nomi altisonanti!!! Per piacere !! Per non parlare del Cda…ma si divertono???? Persone importanti di vita sociale!! Ma se non si sanno le cose state zitti scrivete piuttosto di calcio giocato che é meglio!!!!!!

    • 13 Dicembre 2014 in 09:58
      Permalink

      Se Piovani dice cosi qlc di vero ci sara’. O tu e Assioma avete il Verbo in mano?

      • 13 Dicembre 2014 in 10:22
        Permalink

        guarda ti posso assicurare che e’ da sei mesi che ho in mano qualcosa d’altro ,maio non so 😀

        • 13 Dicembre 2014 in 13:40
          Permalink

          se e? roba giusta buon per te

      • 13 Dicembre 2014 in 10:25
        Permalink

        poi Alfredson ultimamente uscendo dal tardini ho solo degli “aggettivi” di verbi non ne uso 😀

      • 13 Dicembre 2014 in 10:42
        Permalink

        Scusa Alfredo , stimo moltp Piovani ma ultimamente secondp me le spara un po troppo grosse…basta prendere le gazzette di questa estate scriveva nomi di giocatori a caso…..

  • 13 Dicembre 2014 in 08:34
    Permalink

    second mi piovani le ora cal vaga a fer da magner,e’ tutto a parte che un giornalista sportivo

  • 13 Dicembre 2014 in 08:50
    Permalink

    Majo ma mi tolga una curiosità a questo punto se diamo via cassano, che è l’unico giocatore di calcio negli 11, chi farà gioco? E soprattutto è la società a volersene disfare o il giocatore? E soprattutto da chi sarà composto il CDA? Come si fa a sapere chi comporrà il CDA senza sapere il/i propietari(o)? Altro dettaglio: personalità italiane significa quindi che non sono russi……

  • 13 Dicembre 2014 in 09:26
    Permalink

    ma se non si conoscono i nuovi proprietari e di conseguenza la loro forza economica, come è possibile fare i nomi degli obiettivi? non si potrebbe neanche fare una stima di fascia di giocatori, bassa-media-alta,figuriamoci i nomi! Nomi detti poi da gente che non ha capito neanche chi ci sia davvero dietro..

  • 13 Dicembre 2014 in 09:52
    Permalink

    Si vocifera addirittura di Matteo Renzi nel prossimo cda. Gli altri dovrebbero essere Eugenio Scalfari, Carlo Rubbia, Oscar Farinetti e il magistrato anti corruzione Raffaele Cantone. Dubbio tra Montezemolo e il capo della Bce Draghi

  • 13 Dicembre 2014 in 09:59
    Permalink

    Voi,noi non li conosciamo altri evidentemente qlc spiffero l’hanno avuto

  • 13 Dicembre 2014 in 10:04
    Permalink

    Hanno rovinato pure la gazzetta di Parma……giornale piú antico d’Italia….

  • 13 Dicembre 2014 in 10:10
    Permalink

    È giusto che Cassano vada via…cosa ci azzecca in questa squadra di sciagurati…è uno scempio vederlo giocare con lucas de souza and company…Antonio andrà sempre ringraziato per averci fatto raggiungere l’Europa le auge con una squadra mediocre e averci deliziato con giocate che imbarazzano i compagni di squadra…
    Sicuramente è il giocatore più talentuoso dell’attuale serie A e non merita di giocare nello zimbello d’Europa…
    Speriamo,domani ci faccia l’ultimo regalo….e magari anche giovedì sera a Napoli…se tabe’

  • 13 Dicembre 2014 in 10:21
    Permalink

    Stiamo quasi per superare le vette toccate da Albertini e Sanz…”personalità importanti della vita sociale italiana”…sì, come no: Barilla presidente e Dallara amministratore delegato…

  • 13 Dicembre 2014 in 10:28
    Permalink

    ma ormai siamo ai vaneggiamenti,dopo i ringraziiamenti.

    avrei visto bene Pertini, ma ahime’

  • 13 Dicembre 2014 in 10:37
    Permalink

    Magari !!!!!! Barilla e Dallara sarebbero il top!!!!!.

  • 13 Dicembre 2014 in 10:42
    Permalink

    Aspettate fino a martedi e scopriremo l’arcano, ma non ci dormite la notte?
    Ma vedo che non si parla piu’ dei russi e’ cambiato forse qualcosa all’ ultimo minuto?
    Ce un sacco di confusione attorno alla cessione penso che per la nuova societa’ le priorita’ sono CHIAREZZA E PROGRAMMAZIONE oltre naturalmente AL CAPITALE.
    Se ci sono queste 3 componenti essenziali penso che saremmo a buon punto.
    Per quanto riguarda il mercato e chiaro che se dovesse andare via cassano dovrebbe essere sostituito degnamente se vogliono salvarsi bisognerebbe aquistare sia gilardino che diamanti con ranieri allenatore che ne pensi majo?

    • 13 Dicembre 2014 in 13:43
      Permalink

      bravo la maglia.
      Aspettiamo marted’ e vediamo
      Andare a martedì potrei mandarvi un elenco di russe importanti

  • 13 Dicembre 2014 in 11:20
    Permalink

    donadoni deve restare almeno fino a fine gennaio non è giusto mandarlo via adesso dopo che ha dovuto allenare quelle mezze seghe ora che gli infortunati stanno tornando e che con il mercato si può rinforzare la squadra merita una chance

  • 13 Dicembre 2014 in 11:25
    Permalink

    no dai fino a maggio io gli rinnoverei anche il contratto,si sa mai che abbiamo una possibilita’ su 100 di tornare in serie a il prossimo anno,almeno ce la tiriamo via

    • 13 Dicembre 2014 in 12:05
      Permalink

      Per quanto è tutt’altro che eccellente, sotto il profilo tecnico, la serie A, il Parma ha ancora diverse possibilità di salvarsi già quest’anno, senza dover attendere quello prossimo per tentare una complicata risalita in massima serie. Non dico tanto, ma con un paio di vittorie consecutive, la nostra stagione cambia da così a così.

      Detto questo, vorrei porvi un quesito: se a inizio stagione vi avessero detto che il Parma avrebbe collezionato la miseria di due vittorie in quattordici partite, vi sareste aspettati una classifica come quella attuale, e cioè che, ragionando con un minimo di lucidità, ci lascia ancora diverse possibilità di salvezza? Se continuiamo a non chiudere i conti col recente passato, leggi le prime 14 giornate di questo campionato, continuando a pensare che siano sufficienti per retrocedere, sarà realmente difficile costruire la permanenza in A.

      • 13 Dicembre 2014 in 14:36
        Permalink

        È incredibile averle perse quasi tutte ed essere così poco distanti dalla zona salvezza, che coinvolge altre 5/6 squadre

  • 13 Dicembre 2014 in 11:36
    Permalink

    La parte sul cda è allucinante.. Chi sono? I più seguiti su fb? Sono sempre dell i dea che le cose o si dicono o non si dicono.. Anche la presunta disdetta di cassano (riferita pure da Schianchi) non mi pare un fattore così significativo, sotto al ponte di mezzo non ci andrebbe comunque. Come sempre poi chi vuole andare vada pure

  • 13 Dicembre 2014 in 11:45
    Permalink

    assioma tu non fai testo detesti donadoni

    • 13 Dicembre 2014 in 12:14
      Permalink

      ferma il treno ,detesto e’ troppo ,diciamo ca nal soporti mighe

      e ricordati che siamo quelli dello scorso anno meno parolo…

      povret

    • 13 Dicembre 2014 in 12:17
      Permalink

      a parte che non è il solo, ma secondo te perché lo detesta?

  • 13 Dicembre 2014 in 11:54
    Permalink

    Grande Assio,
    Na volta fai qualche attenuante ad Osso…
    Domani quanti mancini schiererà?? Gobbi è fuori…uno di meno…
    Domani sfida fra pietrificati in panchina…chi si muoverà meno Osso o il Boemo???

    • 13 Dicembre 2014 in 12:18
      Permalink

      si gli do l’attenuante della semi infermita’ mentale

    • 13 Dicembre 2014 in 12:19
      Permalink

      domani assisteremo all’anticalcio a prescindere

  • 13 Dicembre 2014 in 12:25
    Permalink

    Ciao a Parma da Roma

    • 13 Dicembre 2014 in 13:30
      Permalink

      ao’ a bello fratello ,dicce chi ce mette le piotte nun abbozza’
      sei de roma ce lo devi da sape’ 🙂

  • 13 Dicembre 2014 in 13:07
    Permalink

    Amm delegato paolo bisio,dir.sportivo elio e le storie tese,soci: iva zanicchi,raffaella carra`,maria de fillippi,paolo bonolis.presidente onirario silva toffarin!! Ecco. Voi il cda

  • 13 Dicembre 2014 in 13:22
    Permalink

    finalmente oggi il signor “satutto” ha scritto un articolo sulla rosea… ammesso che sia vero quello che ha scritto secondo voi se andasse via Cassano e arrivasse Giovinco al suo posto il Parma ne guadagnerebbe o no?

    • 13 Dicembre 2014 in 13:52
      Permalink

      va be, pensiamo a thiam, mbakogu e compagnia cantante per l’anno prossimo vala’

    • 13 Dicembre 2014 in 14:07
      Permalink

      Sono 2 giocatori diversi…Cassano ti fa più la giocata…giovinco corre molto di più per la squadra…forse in questo momento il Parma avrebbe più bisogno della seconda…

  • 13 Dicembre 2014 in 13:24
    Permalink

    Io a te invece do l’attenuante della completa infermità mentale visto che dici che siamo gli stessi dello scorso anno meno parolo

    • 13 Dicembre 2014 in 13:44
      Permalink

      bravo ocone infatti sono le parole che ha detto Donadoni il 12 luglio AHAHAHAHAHAH 😀

  • 13 Dicembre 2014 in 13:49
    Permalink

    Se nn si vince con questo cagliari fuori anche sau e ibarbo e meglio che si sparano in fronte…io pronostico un 3 a 0 x noi!!

    • 13 Dicembre 2014 in 14:47
      Permalink

      Speta e spera

      • 13 Dicembre 2014 in 15:56
        Permalink

        questo qui non conosce cossu longo e farias,quasi come donadoni 🙂

        • 13 Dicembre 2014 in 16:15
          Permalink

          Antonio,
          Torna nella tua…questa squadra non vincerà mai 3-0…
          Se altre volte abbiamo perso di sfiga…puo’ darsi che domani si vinca (di culo e casualmente)ma quei 3 che ha nominato Assio vanno in moto rispetto ai nostri difensori…
          Il Cagliari è l’avversario più ostico di quelli affrontati post Juve magari fema risulte’…se ci gira ci sta ma non penso per meriti tecnici

  • 13 Dicembre 2014 in 14:01
    Permalink

    Non so voi, ma io, anke se felice x la nuova proprietà (ke io già gli volio bene anke se nn li ho visti in fotografia ma secondo me ci hanno gli occhi della tigre) sento tanta SAUDAGI di Ghirardi, ke se Majo-il Kairo-Abete-Garg-Angella nn ci facevano il derilitto prefetto del sistema lui nn diventava triste ed eravamo ancora insieme, felici e incontinenti. Ma io (sia chiaro: ma – io, non Majo!) spero ke, cm oggi su Terra Nostra, lui torna indietro da noi x stare sempre insieme, come Bartolomeo ke kon il caretto torna a prendere Eleovnora ke poi vanno via insieme a coltivare la sua uva.

  • 13 Dicembre 2014 in 15:13
    Permalink

    Majo dove 6 finito?????
    Prova a chiedere ad Osso in conferenza stampa se Mariga potrà essere pronto per Aprile/Maggio….ma che cazzo è stato tesserato a fare???

    • 13 Dicembre 2014 in 16:01
      Permalink

      Contro il razzismo….l’anno scorso Obi, quest’anno McDonald…

  • 13 Dicembre 2014 in 15:58
    Permalink

    eran 300 erano giovani e forti e sono morti.
    a forza di spigolare il leo …….

    • 13 Dicembre 2014 in 16:20
      Permalink

      Se parli così non mi sta bene…con la crisi che c’è ha dato lavoro pluriennale a 300 giocatori…il Leo e’ un benefattore…
      Maledetto il giorno che hanno abolito le compartecipazioni….
      Ahah

    • 13 Dicembre 2014 in 16:48
      Permalink

      Assio secondo me sei troppo pessimistico che io invece sono come il Trottolino Guerra ke prima di crepare diceva ke l’ottimismo è il sale delle viti, prima di darci il verderamarro. Ke se vinciamo i ricorsi x i punti e al Tribunale degli Omo (ke noi potremmo anke fare i culani cn il culo di Majo) e poi diventiamo buoni (ke se no nn ti portano neanke i regali per il Santo Natale Ortodosso della grande madre Russia) automaticamente potremmo vincere le partite e il retro-cedere (xkè questo è alla base del riprendercelo sensa lo spudaccio) MA non retrocedere.

      • 13 Dicembre 2014 in 17:26
        Permalink

        ah si del resto basta guardare classifica e tabellini del parma per essere ottimisti,poi figurati io spero ancora che la monica bellucci me la dia figurot ti……co a mnin chega ed cla squadrasa chi 🙂

  • 13 Dicembre 2014 in 16:59
    Permalink

    diciamo che magari ha pensato piu’ al suo di futuro

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI