PIOVANI TELEFONA A GIORDANO E A GHIRARDI, MA ENTRAMBI NON RILASCIANO DICHIARAZONI. L’ATTUALE PRESIDENTE POTREBBE RESTARE COME SOCIO DI MINORANZA E LEONARDI FARE IL MERCATO

image(gmajo) – Nonostante ieri fosse un giorno festivo, Sandro Piovani, attraverso i suoi ottimi uffici, è riuscito a contattare telefonicamente l’avvocato Fabio Giordano, imminente VPE del Pama F.C., non appena sarà eseguito il cambio di proprietà, che, salvo imprevisti, sarà ufficializzato nella giornata di giovedì, anche se oggi, secondo il popolare giornalista, potrebbe essere già il giorno dell’ultimo atto, in quanto sarebbe previsto un incontro definito “decisivo” tra i legali delle parti; nonostante Piovanone sia riuscito ad intercettare il sosia di Vanoli (così lo hanno simpaticamente ribattezzato alcuni calciatori crociati, per la somiglianza con l’ex terzino gialloblù), questi si è trincerato dietro il silenzio. O meglio, come Ghirardi, parimenti ufficialmente silente, potrebbe essersi lasciato sfuggire qualche indizio, tipo imagequello riportato nell’incipit della composizione piovaniana secondo cui la “trattativa si risolverà in tempi brevissimi”. L’ultimo nodo da sciogliere riguarderebbe “la cessione totale o parziale delle quote di Ghirardi al nuovo acquirente. L’attuale patron crociato. amareggiato per l’epilogo della sua avventura a Parma, preferirebbe lasciare definitivamente il Parma. I nuovi acquirenti, forse in attesa di conoscere a quale campionato sarà iscritto il club nella prossima stagione, vorrebbero che Ghirardi mantenesse una piccola percentuale della società (10%). Oggi si decide”.

Come abbiamo avuto modo di riferire durante Calcio & Calcio, per tastare le intenzioni della nuova proprietà. potrà essere interessante vedere quale sarà il board, poiché sarebbe lecito attendersi, checché se ne dica, un cambiamento dei quadri dirigenziali, cosa, però, che secondo Sandro Piovani non avverrà nell’immediato: “La sensazione – annota il redattore della GdP – è che, a pochi giorni dall’apertura del mercato di gennaio, non ci saranno certo cambiamenti tra i massimi dirigenti, Dunque Pietro Leonardi, col suo braccio destro Antonello Preiti, proseguiranno ad occuparsi di mercato e di questioni tecniche. Altrettanto probabile, invece, che Leonardi perda le sue funzioni amministrative, acquisite quando fu nominato amministratore del club”. Insomma, un Plenipotenziario deplenipotenziarizzato…

Altro capitolo è quello dell’allenatore. Secondo Piovani “per quanto riguarda Roberto Donadoni, la sua conferma sarebbe di fatto automatica. Almeno sino alla fine di gennaio, quando si potrà stilare un mini-bilancio dopo il mercato di riparazione”.

L’ingresso dei nuovi padroni, dunque, sembra avverrà in sordina e non col tatto da elefante: “In generale la nuova proprietà – asserisce Piovani – dovrebbe entrare in società senza stravolgere l’organigramma del club”. In effetti anche quando fu Ghirardi a subentrare, a gennaio 2007, non apportò modifiche alla pianta organica, salvo aggiungere subito il suo braccio destro al Carpenedolo Andrea Berta nella direzione tecnica, affiancando Gabriele Zamagna, che comunque sarebbe rimasto fino al 2009, all’arrivo di Pietro Leonardi, ed esonerare Stefano Pioli indovinando Claudio Ranieri come successore.

Sul nome del possibile misterioso compratore, nonostante le smentite arrivate dall’Anzhi, club che gli appartiene, la Gazzetta di Parma punta parecchio (dedicandogli un riquadro) sul magnate russo  Sulejman Kerimov, che figura tra i principali azionisti di Gazprom: la rivista Forbes, nel 2012. aveva valutato il suo patrimonio in 6,5 miliardi di dollari americani, posizionandolo al 146° posto della classifica degli uomini più ricchi del mondo. Tuttavia la Gazzetta, liquidando la cosa in poche righe,  certifica che “tra i nomi che circolano è ritornato anche quello del petroliere albanese Rezart Taci”. Secondo indiscrezioni raccolte da StadioTardini.it, Taci figurerebbe tra i clienti dello studio legale Giordano.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

42 pensieri riguardo “PIOVANI TELEFONA A GIORDANO E A GHIRARDI, MA ENTRAMBI NON RILASCIANO DICHIARAZONI. L’ATTUALE PRESIDENTE POTREBBE RESTARE COME SOCIO DI MINORANZA E LEONARDI FARE IL MERCATO

  • 9 Dicembre 2014 in 02:45
    Permalink

    E’ evidente che si brancola nel buio, non ci sono notizie certe,quindi non possiamo fare altro che attendere che succeda qualcosa di più concreto

  • 9 Dicembre 2014 in 08:25
    Permalink

    Leonardi con i soldi secondo me è uno che può fare un gran buon mercato….è che fino all’ultima sessione ha dovuto lavorare col niente….

    • 9 Dicembre 2014 in 09:36
      Permalink

      Coi soldi in tasca forse anche tu saresti in grado di fare un buon mercato. La bravura e l’abilità si vedono nelle difficoltà…

      • 9 Dicembre 2014 in 10:51
        Permalink

        Ancora gente che ha fiducia in Leonardi…. è incredibile. Sia Leonardi che Ghirardi devono sparire, non sono più credibili nè agli occhi dei giocatori nè agli occhi dei tifosi.

        Io penso poi anche che i dirigenti del Parma se non hanno clienti, fornitori, consulenti … potrebbero evitare di andare a mangiare tra di loro nei ristoranti di parma. La mensa di collecchio va più che bene

  • 9 Dicembre 2014 in 08:27
    Permalink

    Ma Piovani beve?? Che articolo sarebbe questo, sono tutte notizie che si sapevano già sabato allo stadio, Avvocato Giordano e un compratore Russo…..(forse a meno che non sia Sanz) L’unica cosa che posso sottoscrivere è che ghirardi se ne torni al suo paesello, di danni in 7 anni ne ha fatti abbastanza……

    • 9 Dicembre 2014 in 09:30
      Permalink

      Secondo me non hai letto bene l’articolo di Piovani e neppure la mia recensione. Capisco che tu, come altri, possa avere la curiosità, che resta inevasa, di sapere il nome del fantomatico petroliere che generosamente avrebbe deciso di sputtanare un tot dei suoi milioncini per salvare il parma, tuttavia il popolare giornalista non ha affatto fatto un pezzo solo per riferire, come asserisci tu, notizie che si sapevano già sabato, ad esempio il dettaglio inedito che riporta è che Ghirardi possa restare come socio di minoranza.
      Sugli scenari futuri mi pare, un po’ come tutti noi, fatto congetture che sanno di aria fritta, dal momento che almeno ufficialmente l’avvocato di cui è stato così bravo a reperire il numero e il suo amico Ghiro non gli hanno svelato nulla. E ci mancherebbe altro…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 9 Dicembre 2014 in 09:34
    Permalink

    la conferma automatica di donadoni fino alla fine di gennaio sarebbe un’assurdità colossale, posso capire se gli viene data (un’ulteriore) ultima possibilità la prossima domenica ma dopo dovrebbe essere mandato via in ogni caso…anche se vinciamo (e purtroppo non è scontato che sia così) perchè ormai lui ha già fatto il suo tempo a Parma

  • 9 Dicembre 2014 in 09:40
    Permalink

    Che volponi che siete voi giornalisti di Parma! Da due giorni è arrivata l'”ufficiosità” del passaggio di proprietà e ancora non siete in grado di capire, neanche in maniera superficiale, cosa e/o chi ci sia dietro tutto questo…

  • 9 Dicembre 2014 in 09:54
    Permalink

    Gabriele ma uno stesso imprenditore può avere due squadre in Europa? Cioè Kerimov è già presidente dell’Anzhi. Potrebbe rivestire cariche anche in seno al Parma?

      • 9 Dicembre 2014 in 10:16
        Permalink

        Lo scrive la Gazza. Mica io. Proprio per questo te lo chiedevo.

          • 9 Dicembre 2014 in 10:28
            Permalink

            Infatti la mia domanda era finalizzata a chiarire questo. Se uno non può essere proprietario di due società in Europa, è chiaro che debba smentire l’eventuale suo accostamento al Parma. Di smentite campate per aria ne abbiamo sentite di tutti i colori. Detto questo, convengo con te che Kerimov non sarà il nuovo proprietario “occulto” del Parma. Ma visto che la Gazzetta dedica un trafiletto a questo miliardario nonostante la sua smentita, volevo sapere cosa ne pensavi. Tutto qui.

          • 9 Dicembre 2014 in 11:52
            Permalink

            Per quanto mi consta se la proprietà riguarda una società estera non esiste alcun divieto: in ogni caso l’effettivo proprietario potrebbe non figurare come “legale rappresentante pro tempore”, avendo sì la proprietà, ma senza comparire direttamente.

  • 9 Dicembre 2014 in 10:25
    Permalink

    Anche Taci aveva smentito tramite mail proprio a Teleducato. Eppure si parla ancora di Taci….o mi sbaglio?Con questo non voglio dire che Kerimov sia Mister X ma sappiamo tutti molto bene che le smentite in questi ambienti valgono come il due di coppe quando la briscola è denari.

  • 9 Dicembre 2014 in 10:33
    Permalink

    Non ha smentito Kerimov in prima persona(se non sbaglio c’era scritto cosi:” sul sito ufficiale dell’Anzhi, il direttore generale del club russo Sergey Korablev ha smentito seccamente la possibilità che l’uomo d’affari russo Suleiman Kerimov possa far parte della cordata in trattativa per l’acquisto del Parma FC. Nella nota si specifica che l’unico club calcistico possieduto da Kerimov è appunto l’Anzh”)…anche se non credo che sia lui il russo!

    • 9 Dicembre 2014 in 10:38
      Permalink

      Direttore il nome di vladislav doronin le dice niente?

      • 9 Dicembre 2014 in 11:18
        Permalink

        Quello si però non è stato lui in prima persona a smentire…

          • 9 Dicembre 2014 in 11:30
            Permalink

            per me se smentisce Sergey Korablev (che non so neanche chi sia) o kerimov in prima persona fa differenza eccome…ma comunque sono convinto come lei che non sia kerimov per mille altri motivi!

          • 9 Dicembre 2014 in 11:31
            Permalink

            Appunto. Comunque a Parma se smentisce o Leonardi o Ghirardi è la stessa cosa…

  • 9 Dicembre 2014 in 10:38
    Permalink

    Spero che vada tutto per il verso giusto. Penso che non si possa annunciare una cessione quando ci sono ancora dei dettagli da definire piu o meno importanti. Se cosi fosse con questo annuncio Ghirardi si potrebbe trovare in difficolta perche come potrebbe tirarsi indietro a questo punto? E quindi i dettagli da definire sono tutti a vantaggio del nuovo acquirente. Un ulteriore errore di gestione. Sempre che questa uscita di notizie non sia pilotata proprio come quando hanno fatto uscire tutto il rezto anche se l’accordo e’ quello che si vocifera tanto di cappello al Ghiro. Comunque aspettiamo i dettagli.

    • 9 Dicembre 2014 in 10:53
      Permalink

      Esatto: è proprio qui il discorso. Fino a “closing” avvenuto la presentazione alla squadra non avrebbe dovuto avvenire (con annessa conseguente e logica fuga di notizie). E, in particolare, se non alla presenza della tutela di una congrua caparra confirmatoria (che sul mio c/c, come è logico che sia, non è stata versata e chissà in quella del Parma…).

      Come spesso ripeto in questi giorni: Calma & Gesso. Vedremo se dopo il fumo c’è anche l’arrosto…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 9 Dicembre 2014 in 10:50
    Permalink

    Gentile Signor Maio,
    una premessa, tanto per chiarire subito il mio pensiero: stavolta mi ha deluso.
    Le spiego:
    in un momento epocale e storico per il Parma (ogni passaggio di proprietà segna, in qualche modo, la storia di una società calcistica) mi sarei aspettato che un giornalista “che ci mette il naso”, come ama autodefinirsi, non indossasse subito capellino e sciarpa da tifoso, ma si ponesse qualche (lecita) domanda in più, pur con quel (troppo) poco che ancora si sa di questa operazione.
    Invece no: neanche il tempo di capire se effettivamente siamo su Scherzi a Parte o meno e subito tutti, lei compreso, a chiedersi quale sarà il destino dei Leonardi, piuttosto che di Donadoni oppure chi e come gestirà il mercato.
    Ma come: proprio lei che, da settimane predica “calma e gesso”, difronte ad una operazione che, per ora, “sa un po’ di strinato”, non si pone alcuna domanda?
    Ad esempio:
    ma può esistere davvero un magnate russo (o cipriota…) così sprovveduto da comprare una società di calcio piccolina, piena di debiti, ultima in classifica e ancor più ultima quando avrà scontato l’incombente penalizzazione? Anche perchè, se davvero esistesse qualcuno così ingenuo, certamente verrebbe da chiedersi come ha creato le sue ricchezze, dal momento che, di solito, la sprovvedutezza non fa parte del patrimonio genetico dei grandi magnati!
    Quindi, ammesso e non concesso che questo misterioso cavaliere bianco (o rosso) esista davvero e che, quindi, la misteriosa cordata russo-cipriota non sia solo uno macchinoso “paravento”, perchè mai questo signore avrebbe dovuto venire in Italia per acquistare il Parma?
    Non mi venga a dire che anche lei crede alla super cagata pazzesca di un’eventuale speculazione edilizia dell’area Tardini!
    E questo avvocato Fabio Giordano, già battezzato Vice Presidente Esecutivo (da chi? quando? il CdA ha già rattificato e avvallato la nomina ) chi è? Dove ha lo studio? Qual’è il suo curriculum professionale? Possibile che, all’apparenza così giovane e, francamente poco noto anche al sempre ben informato Google, possa vantare clienti di questo (presunto) calibro che, solitamente, pur senza nulla togliere ai meriti dell’avvocato in questione, si appoggiano a Studi legali arcifamosi e con solide, anzi solidissime, esperienze in trattative di questo tipo?
    Possibile che Tom, nonostante la situazione disastrosa in cui versa il Parma, sia riuscito a farsi dare, come ampia stampa riporta, una cifra compresa tra i 5 ed i 10 milioni di euro anzichè vendere, come avviene in questi casi, a cifre simboliche?
    Poi, sicuramente, molto presto, magari oggi stesso, sarò smentito dai fatti e, francamente, da parmigiano, me lo auguro perchè vorrebbe dire che il Parma è finito in buone mani.
    Ma, davvero, mi aspettavo che almeno la stampa locale e, prima fra tutti, questo blog che, da tempo seguo e stimo, facesse un po’ meglio il proprio mestiere.
    Cordialità

  • 9 Dicembre 2014 in 11:08
    Permalink

    Gente di poca fede……..Trovate solo una persona che non abbia ricevuto da ghirardi quanto gli spettava, trovate solo un giocatore di serie A nell’attuale rosa del parma……. Non capisco perchè sulle sue supercazzole ci siano sempre questi dubbi…..

  • 9 Dicembre 2014 in 11:21
    Permalink

    Sono d’accordo, tralasciando tutto il resto dovevano perlomeno attendere le firme. Con l’annuncio non possono certo continuare a pretendere riservatezza.
    Dubito che ci sia dietro chissà chi, l’intermediario non è certo il massimo della vita e, obiettivamente, chi ha grandissime risorse dubito che possa interessarsi a investire su parma e su un derelitto parma fc.
    Per ora l’unica certezza è che se la cosa va in porto Ghirardi ne esce da vincitore (ammesso siano vere le cifre trapelate)

    • 9 Dicembre 2014 in 11:30
      Permalink

      L’annuncio è stato fatto alla squadra, con la conseguenza che ci fosse la deriva alla stampa. Poi Leonardi ha confermato. E pure Ghirardi che ha sottolineato di aver ceduto come fosse una squadra al sesto posto, con centro sportivo da 30 milioni.

      Indubbiamente sarebbe stato auspicabile che l’annunciazione seguisse il fatto compiuto, non che lo precedesse.

      Ogni ulteriore considerazione andrà fatta, appunto, a conclusione dell’opera.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 9 Dicembre 2014 in 11:38
        Permalink

        Direttore ma siamo sicuri che le firme e i vari bonifici non ci siano già? Come facciamo a saperlo se l’unica cosa che sappiamo è che il VCE sarà Paolo Vanoli!?!?!Potrebbe essere tutto come niente o sbaglio?

        • 9 Dicembre 2014 in 11:44
          Permalink

          Diciamo che abbiamo sempre talpe e talponi affidabili, ma, come dice lei, potrebbe essere tutto come niente.

          Rimane il fatto che il Trap ha sempre ragione: Dont’say cat… Mentre qui, in attesa di un closing, c’è già stato un annunzio ufficiale alla squadra, con conseguente fuoriuscita della news sulla stampa, ulteriormente confermata dagli interessati.

          Cordialmente

          Gmajo

          • 9 Dicembre 2014 in 11:50
            Permalink

            intanto è arrivato 1 punto di penalizzazione per irpef 2013 e 2 mesi di inibizione per il dinamico duo.

  • 9 Dicembre 2014 in 11:37
    Permalink

    a questo punto il nome di quello del fidenza village (che non so come si chiama) torna in voga?

  • 9 Dicembre 2014 in 11:37
    Permalink

    Caro majo se un imprenditore vuole investire nel calcio avra’ i suoi interessi perche’ si parla di sputtanare i soldi uno le investe come gli pare chi ti fice che non ci siano altre interessi a livello di infrastrutture riqualificazione dello stadio ecc.
    Mi auguro solo che sia una societa’ seria e che non si finisca come il bari altrimenti malediremmo ghirardi per l eternita’.
    Chi vivra’ vedra’

    • 9 Dicembre 2014 in 11:46
      Permalink

      Chi vivrà, vedrà, ma non mi pare che il Bari sia poi finito così male. Cavoli, hanno salvato la categoria, nonostante il fallimento.

  • 9 Dicembre 2014 in 11:58
    Permalink

    come gli ha postato un amico su fb “a fa questa e’ da romanzo criminale” mi fa pensare che siamo messi malissimo.
    volevo ricordare che la societa’ che e’ in vendita coi suoi rami d’azienda e’ la eventi sportivi

  • 9 Dicembre 2014 in 12:32
    Permalink

    Cosa vuol dire Assio? sembrerebbe un particolare nn da poco…. io non ho ancora capito se il centro sportivo di collecchio fa parte di eventi sportivi o meno.

  • 9 Dicembre 2014 in 12:35
    Permalink

    ho letto la pagina sul mercato della gazzettaa di parma e ho trovato nomi adatti alla dimensione del parma. mi è sorto un dubbio però. se questi che ci comprano sono ricchi è mai possibile che se ne escano con duncan e botta? con tutto il rispetto per i due…

    • 9 Dicembre 2014 in 12:59
      Permalink

      ma secondo te la gazzetta sa i calciatori a cui siamo interessati se non sa nemmeno chi è il nuovo acquirente?

  • 9 Dicembre 2014 in 14:27
    Permalink

    michele secondo me piovani ne sa qualcosa in più di noi ma non sempre si può dire tutto tutto

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI