RADIO PARMA: “GHIRARDI, ACCOMPAGNATO DAL NOTAIO POSIO, DOMANI IN CONFERENZA STAMPA”. L’ADDETTO STAMPA DI DOCA: “SE HA UN ATTO DI COMPRAVENDITA FIRMATO LO MOSTRI…”

(gmajo) – Durante Palla in tribuna, in diretta su radio Parma, citando la redazione, il conduttore Marco Balestrazzi ha riferito che domani sera alle 18 Tommaso Ghirardi presenzierà alla annunciata conferenza stampa e con lui ci sarà anche il notaio Posio, chiosando: “mi immagino già la scena, sventolando l’atto, anche se non so se lo si può fare…”. Collegato con lui l’addetto stampa di Pietro Doca, Andrea Pasquali: “Se ha un atto di compravendita firmato lo mostri: buon per lui, per noi, per tutti… Ma Doca mi assicura di non aver firmato alcun atto di compravendita”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

65 pensieri riguardo “RADIO PARMA: “GHIRARDI, ACCOMPAGNATO DAL NOTAIO POSIO, DOMANI IN CONFERENZA STAMPA”. L’ADDETTO STAMPA DI DOCA: “SE HA UN ATTO DI COMPRAVENDITA FIRMATO LO MOSTRI…”

  • 18 Dicembre 2014 in 14:47
    Permalink

    In conferenza a confermare l’avvenuta cessione o a comunicare che è saltato tutto???

  • 18 Dicembre 2014 in 14:49
    Permalink

    Andiamo bene…chi ben comincia…

  • 18 Dicembre 2014 in 14:50
    Permalink

    che pagliacciata…la società piu ridicola della storia..e stasera se ne prenderanno altri 6-7 dai napoletani!

  • 18 Dicembre 2014 in 14:51
    Permalink

    fate poprio schifo state distruggendo il parma vergogna

  • 18 Dicembre 2014 in 14:54
    Permalink

    Mah….e se domani si scoprisse che l’atto firmato è stato veramente l’atto di compravendita? Comunque c’è in giro un’intervista a Giordano di Parma Today dove dice che dietro c’è un acquirente se non ho letto male con sede a Cipro ed è solido….

    • 18 Dicembre 2014 in 14:58
      Permalink

      Come dicevo prima non conosco oste che dica di avere del vino balordo

      • 18 Dicembre 2014 in 15:01
        Permalink

        Ho capito ma siccome non è stata messa in risalto da nessuno ed è stata fatta oggi pensavo potesse interessare….chi c’è dietro a Doka ormai a me interessa poco perchè se questo è l’inizio…..

        • 18 Dicembre 2014 in 19:56
          Permalink

          ma non siamo ridicoli! Taci non è nuovo a queste trattative saltate sul filo di lana e stavolta va a finire allo stesso modo. SEMPLICEMENTE NON CI SONO I SOLDI! ne a Cipro, ne a Tirana e ne, soprattutto, a Parma (o a Brescia…), questa è la dura e cruda realtà. Punto.

  • 18 Dicembre 2014 in 14:57
    Permalink

    Mi stanno facendo passare la voglia di star dietro a questa squadra…e a chi dice che siano meglio soldi sporchi (o inesistenti) che una sana ripartenza dal basso, puntando su gestioni virtuose ed oculate (non come quella del duo Ghirardi-Leonardi), dico che questo teatrino è esattamente ciò che vi meritate. Stasera niente partita, il nostro destino, a meno di miracoli al momento non preventivabili, è già scritto.

    • 18 Dicembre 2014 in 15:37
      Permalink

      Russo ho provato tante volte anche io a spiegare che sarebbe veramente meglio per tutti,certo che se poi ti prendono anche per il culo per cio’ che pensi allora mi scappa detto che ben gli sta,salvo poi non vederli piu’ quando andremo a fidenza,allora sta bene anche a me

  • 18 Dicembre 2014 in 14:57
    Permalink

    Ma a questo punto che razza di conferenza stampa sarà??Per dire cosa???Allucinante….ditemi che sto sognando….

  • 18 Dicembre 2014 in 14:59
    Permalink

    almeno giordano sarà presente in conferenza?

  • 18 Dicembre 2014 in 15:01
    Permalink

    Direttore potrebbe per favore sentire il parere della tifoseria organizzata, nella persona del suo presidente? O sono impegnati con i piedi sotto la tavola….

  • 18 Dicembre 2014 in 15:02
    Permalink

    Ma ghirardi che fine ci sta facendo fare? Che piccolo uomo ragazzi….

    • 18 Dicembre 2014 in 21:50
      Permalink

      Beh insomma piccolo mica tanto

  • 18 Dicembre 2014 in 15:03
    Permalink

    Domani Ghirardi verrà’ con la scorta? No perché due o tre albanesi da mandargli li ho sotto mano

  • 18 Dicembre 2014 in 15:04
    Permalink

    Ma la mamma di Ghiradi non gli può dare una mano? la sua famiglia dovrebbe sostenerlo se non è in grado da solo di fare queste operazioni, ma si può annunciare la cessione di un’attività così prestigiosa senza aver visto i soldi o firmato la transazione? si può credere ad una cordata o persona che ti mette a capo uno che la mattina serve al banco di una gioielleria tutta sgangherata? poi spero che l’uomo più ricco d’eurasia o Putin in persona si sia preso il Parma e Do(k)ca sia il meglio che si possa avere come presidente, però comincio a credere che ci sarebbe bisogno di silenzio fino alla firma almeno all’esterno.

  • 18 Dicembre 2014 in 15:06
    Permalink

    Se veramente ha venduto ufficialmente invece in che mani siamo capitati?Uno che compra e il giorno dopo smentisce di aver comprato….aiuto…comunque vada a questo punto sarà notte fonda

  • 18 Dicembre 2014 in 15:17
    Permalink

    per dire che i soldi promessi al compra oro e dentiere usate per fare il legale rappresentante testa di legno probabilmente non sono arrivati e quindi lo stesso si rifiuta di farlo. Ma vi rendete conto che la ragione è questa?Gli avranno promesso dei soldi x per fare il presidente/legale rappresentante con tutti i rischi connessi stante la situazione prefallimentare, non glieli avranno ancora dati e lui si è impuntato tirando fuori sta sceneggiata.

  • 18 Dicembre 2014 in 15:17
    Permalink

    Dica la verità Majo: quanto sta godendo?

    • 18 Dicembre 2014 in 16:41
      Permalink

      Questi sono sentimenti che lascio alle persone piccole e grette. Io ho un’altra pasta. E poi di cosa dovrei godere? Se salta il Parma io non è che ci tragga vantaggi, eh?

  • 18 Dicembre 2014 in 15:30
    Permalink

    Mai vista una cosa simile in tutta la mia vita!!!! Incredibile!!! Ghirardi si è rivelato, purtroppo, un BIDONE!!!!

  • 18 Dicembre 2014 in 15:34
    Permalink

    oppala Maio tatenti cal selta fora ancora al scontre’ 🙂

  • 18 Dicembre 2014 in 15:35
    Permalink

    Quindi la conferenza stampa non sarà per la nuova proprietà che si presenta ma per Ghirardi che vuole dimostrare di aver venduto??? In pratica è uno scaricabarile…che vergogna…spero in Giordano perché Doca o Doka o come cavolo si chiama non lo voglio presidente neanche se le cose dovessero finire bene. Che poi bene a sto punto non so neanche che significhi…

  • 18 Dicembre 2014 in 15:39
    Permalink

    ho la vaga impressione che ci saran piu’ agenti in borghese che giornalisti e tifosi domani sera

  • 18 Dicembre 2014 in 15:49
    Permalink

    Domani ce presentamo come ste’state, con o striscione: ‘Na firma nun vale le emozioni ke ce state a regalà! Grazie Regà! Boy’se.

    Che se ce fosse da contestà, nun c’javemo paura, e a Majo je urlamo e peggio cose, li mortacci sua. Che ner dubbio de chi sarà er nuovo padrone, con a coer-Enza che c’javemo fin dai dempi de n’arba de ne idea, tenemo er piede in du scarpe. Ao, ke stamo a fa’ a nuova missione, che c’javemo da sventolà a banderuola da-a-parmigianidà.
    Ke mi madre me fa: a Marcè ma nun devi mai da annà a lavorà che stai sempre su internette, ar barre e con jamigii tua a parlà d’er PParma e de-e-mignotte?
    Aaaa maà, a-maaaaaaaaaaà, preparime da magnà e nun me scassà er cazzo che ciò da fà a Nuova Missione.
    A Nuova Missione? Li cojoni….

    Ke quell’ingrada de mi madre, mentre io sto qua a cercà de risolve de-e-questioni indernazionali tra piagentini-arbanesi-romani-bresciani-arbanesi-russi-ciprioti, me vorebbe da mannà in fabriga. Ghe io ci andrebbe aho, che gi avrebbe a voja de lavorà, ma poi….. ghi va-a-farebbe a parmigianità????

  • 18 Dicembre 2014 in 15:54
    Permalink

    Ghirardi non combini mai una buona!!!…..u vera fallito!!!….avete rovinato il Parma!! Incapaci!!!

    • 18 Dicembre 2014 in 20:02
      Permalink

      ma scusate, possibile che nessuno ragioni un attimo? state parlando come se Giordano e Doca fossero due parti contrapposte, mentre stanno esattamente dalla stessa parte!!! Quindi questa VERGOGNOSA SCENEGGIATA con Doca (uomo di fiducia dei fantomatici clienti di Giordano) smentisce che i clienti di Giordano abbiano acquistato il Parma e Giordano che fa? Smentisce a sua volta Doca!!
      Ma vi rendete conto kakkio,, o no???? QUESTI CI STANNO PIGLIANDO TUTTI QUANTI PER I FONDELLI!!!!

  • 18 Dicembre 2014 in 15:55
    Permalink

    Egregio Direttore Majo,

    Non pensa che questa vicenda possa sfociare in un vero e proprio contenzioso con tanto di lite ( giuridica) che potrebbe portare dritti dritti al fallimento societario ?

    Contenzioso che potrebbe aprirsi con un rimpallo reciproco di responsabilità e di patti disattesi.

  • 18 Dicembre 2014 in 16:01
    Permalink

    Mai visto nulla di simile…nn so piu cosa pensare…napoli 7 parma 0

  • 18 Dicembre 2014 in 16:02
    Permalink

    Sanz e Albertini in confronto a Ghirardi, Doca, Giordano e compagni cantante erano dei SIGNORI.

    MI stupisco come Leonardi che comunque penso che vorrà continuare a lavorare nel mondo del calcio possa accettare far parte di una commedia di questo tipo….anche la famiglia Pasotti/Ghirardi che è a capo di una importante azienda si sta rendendo ridicola.

    Vorrei sapere cosa ne pensa Marco Ferrari, persona seria e molto stimata, in tutto questo che posizione prende?

  • 18 Dicembre 2014 in 16:02
    Permalink

    Scusi majo ma doca non ha dichiarato che l’operazione di acquisizione del parma calcio era stata portata a termine con successo???

  • 18 Dicembre 2014 in 16:06
    Permalink

    Io ragazzi se fossi in Italia andrei IN MASSA alla conferenza stampa,aperta/chiusa che sia e dimostrerei civilmente lo sdegno che ho per come hanno gestito questi 7mesi, e oltretutto vorrei che mi guardassero in faccia. Ovviamente sarebbe bello che ad organizzare fossero i Boys che oltre a protestare contro la.tessera del tifoso e dedicare cori e curve per Bagnaresi è importante che si facciano sentire a chi di dovere.

  • 18 Dicembre 2014 in 16:09
    Permalink

    Quest anno il cinepanettone è made in Parma.
    Ma qua c’è una totale mancanza di serietà da entrambe le parti. Questa gente va richiamata all’ordine, c’è in ballo non solo una società ma un’intera comunità e migliaia di tifosi che meritano rispetto.
    Ghirardi aveva detto che non avrebbe venduto al primo che passava…meno male!

  • 18 Dicembre 2014 in 16:10
    Permalink

    Ma possibile che una persona come Ghirardi che già l’ha combinata grossa con le balle sui debiti e quant’altro, ricaschi in certe cose?? Tre quarti di Parma lo vorrebbe alla forca e lui che fa?? Continua a sputtanarsi in questo modo? Passi la licenza uefa, dov noi comuni mortali non possiamo metterci il naso… Ma qui si parla di atti notarili firmati… Quindi o ci sono o non ci sono! Non credo che Tommasone sia così stupido da tirarsi un macigno del genere sui maroni… Continuo a credere che sto Doca si stia cercando un pò di pubblicità… Tanto per quel che vale… E’ pur sempre un prestanome… Prestanome più prestanome meno… Bisogna verificare se questa smentita sia stata ordinata dai piani alti…. Forza direttore ci dica qualcosa lei…

  • 18 Dicembre 2014 in 16:13
    Permalink

    Che buffoni! Stanno giocando alle spalle del Parma e della città. E il Sindaco che dice che ha parlato con gli acquirenti?

  • 18 Dicembre 2014 in 16:21
    Permalink

    Majo per domani è possibile avere un live streaming? Perché io sono indeciso se andare al cinema a vedere Aldo Giovanni e Giacomo o vedere la conferenza stampa di Tommaso Pietro e Posio…in ogni caso ho voglia di ridere con scene paradossali e situazioni equivocabili tipiche della commedia italiana.

    • 18 Dicembre 2014 in 16:30
      Permalink

      In streaming no. La web registrazione, a Dio piacendo, sì…

      • 18 Dicembre 2014 in 16:36
        Permalink

        Il titolo sarà “il ricco il povero e il maggiordomo” come il film di natale, giusto?! 🙂

        • 18 Dicembre 2014 in 21:54
          Permalink

          Scusa arrivo a capire il povero e il maggiordomo, ma il ricco mi sfugge

  • 18 Dicembre 2014 in 16:31
    Permalink

    Seguo il Parma da oltre 50 anni senza perdermi una partita. Ho visto il derelitto Parma AS perdere al Tardini con il Dan Secondo; ho vissuto i periodi in cui andare in serie B era un successone; il periodo di Ceresini; i fasti dell’era Tanzi; le gramaglie post crack Parmalat ma un omino cosi piccolo piccolo come Tommasino beh non pensavo proprio di incontrarlo.
    Diceva Sciascia: ci sono gli uomini, i mezzi uomini, gli ominicchi e i quaquaraqua.
    Ha scordato una categoria: ci sono anche i ghiropardi

  • 18 Dicembre 2014 in 16:33
    Permalink

    Scusate ma anziché buttarla sul ridere e farci prendere x il culo per l ennesima volta…….fare del casino no?? Secondo me è giunta l’ora. ……

  • 18 Dicembre 2014 in 16:34
    Permalink

    Ma quindi è saltato tutto? Ghirardi ci dirà che ha quasi venduto ed è stato quasi bravo?

  • 18 Dicembre 2014 in 16:37
    Permalink

    Salve Majo, sportmediaset ha fatto un servizio in cui rilasciava una dichiarazione Ghirardi ed in quel servizio veniva mostrato anche l’organigramma ,riportato dal sito ufficiale del Parma! Era aggiornato,ossia Doca (presidente), Giordano (VP) e mi ha incuriosito anche Susanna Ghirardi (consigliere)! Questo fa pensare che gli accordi prevedevano una quota di minoranza di Ghirardi? Poco fa sono andato sul sito del Parma per verificare, ma non ho trovato la sezione riguardante l’organigramma! O l’hanno tolta o forse sono io a non averla trovata!

    • 18 Dicembre 2014 in 17:05
      Permalink

      L’ho notato anche io.
      L’organigramma dovrebbe essere visualizzabile nella sezione “Club” del sito ma, al momento, sembra che sia stato rimosso…

  • 18 Dicembre 2014 in 16:39
    Permalink

    Mayo essendo napoletano e ti fossi ss imo
    Del parma dal 1990…dove sono stato anche
    Calciatore nel parma giovanissimo..ai tempi del
    Grande Scala..volevo solo augurando mi che
    Stasera nn facciamo na figura di merda..
    E per il capitolo società è diventata una vera
    E propria sceneggiata napoletana..saluti e
    Forza parma..oggi..domani e sempre

  • 18 Dicembre 2014 in 16:47
    Permalink

    Ma di cosa stiamo parlando, non sarebbe meglio chiamare il sindaco e chiedere spiegazioni. Vogliamo veramente dare le chiavi di questa squadra a questa gente??

    • 18 Dicembre 2014 in 17:14
      Permalink

      I Sindaco è a Kagawa a vendere ì’aereoporto ai giapponesi. Magari fa un pacchetto unico, Aeroporto, Parma FC e Teatro Regio.

  • 18 Dicembre 2014 in 16:54
    Permalink

    Spero che almeno uno dei giornalisti presenti domani faccia notare al sig. Ghirardi che sta tenendo un comportamento indegno verso il Parma calcio, verso tutti i parmigiani e la citta di Parma, e che, per usare una parola a lui cara, si DEVE VERGOGNARE per averci fatto compatire e deridere da tutta italia ed averci trattato in questo modo che definire “irrispettoso” è poco. Almeno uno deve farglielo presente visto che secondo me non ci arriva da solo a capirlo..

  • 18 Dicembre 2014 in 17:00
    Permalink

    CHE TUTTA QUESTA LUNGA VICENDA FACCIA SCHIFO è LAPALISSIAMO E SIAMO TUTTI CONCORDI….SE BIG TOM NON HA VENDUTO CHISSENEFREGA….VENDERA’ IN FUTURO!!!!!!!!!!!!!!
    PIUTTOSTO CHE VEBDERE AD UN OCA DI TURNO E MEGLIO NON VENDERE…O SBAGLIO????
    A ME FA MOLTO PIù MALE ASSISTERE STASERA AD UN BIS DELLO JUVENTUS STADIUM….

    FORZA PARMA FAI IL MIRACOLO

  • 18 Dicembre 2014 in 17:06
    Permalink

    Majo novita`!?????????????????????????

  • 18 Dicembre 2014 in 17:08
    Permalink

    Vorrei tranquillizzare tutti domani alla conferenza stampa ci sarà senz’altro Manfredini e vedrete che domande imbarazzanti che farà tipo:

    1) a me che sia Ghirardi o un altro non me ne frega niente l’importante è che i bar dello stadio rimangano a noi

    2) ovviamente per me e per tutti i miei l’ingresso e le trasferte a macca.

    poi una volta ottenute garanzie in tal senso dirà che l’importante è la maglia e che lui ci sarà sempre (ovviamente a macca) garantendo che anche i Boys (a macca pure loro) che sono amici del Parma ma soprattutto suoi che garantisce lui che perchè vanno d’accordo e fanno le feste insieme a base di birra e lambrusco.

    Ma a questi qua chi gli ha dato la maglia di tifosi?

    ONORATELA!!!!

    • 19 Dicembre 2014 in 09:19
      Permalink

      Quotato100%

  • 18 Dicembre 2014 in 17:20
    Permalink

    gia’ il sindaco,ma con chi cazzo hai parlato pizza !

    organizza un vaffanculo day !

    • 18 Dicembre 2014 in 17:34
      Permalink

      il sindaco deve dare spiegazioni come minimo!
      stasera si fa 0-0. il napoli sta con la testa alla coppa.
      1 punticino lo si fa.

  • 18 Dicembre 2014 in 17:23
    Permalink

    E comunque tra i colpevoli in prima fila c’è il signor Pietro Leonardi che nel Parms non faceva e non fa l’usciere

  • 18 Dicembre 2014 in 17:27
    Permalink

    Manfredini dirà anche che l’importante è fare una beccata al petitot”

  • 18 Dicembre 2014 in 17:54
    Permalink

    Io sono convintissimo che ghiro parso cercherà’ di far di tutto per evitare il fallimento….
    Motivazioni?
    Pensate popolo pensate

  • 18 Dicembre 2014 in 18:02
    Permalink

    Centro di Coordinamento Petitot e soprattutto Boys ma dove siete?…vi rendete conto di quello che sta succedendo?…preferite dimostrare a tutti quanto siete “dipendeneti” della società?
    Allora
    è a voi che gridiamo:
    FUORI LE PALLE
    TIRATE FUORI LE PALLE
    FUORI LE PALLEEEE
    TIRATE FUORI LE PALLEEEEEE

  • 18 Dicembre 2014 in 18:03
    Permalink

    Meglio il fallimento,per dare la possibilità a un nuovo padrone di ripartire senza debiti….domani solita conferenza stampa di Ghirardi,dove da colpe ad altri, come sempre a fatto!!!…………..VERGOGNATI se hai un briciolo di dignità!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • 18 Dicembre 2014 in 18:28
    Permalink

    Ve lo dico io come finisce:
    Domani a Ghirardi e Leonardi dopo la sconfitta per 4-0 di stasera verrà la cagaglia, conferenza annullata!!!!

    VOGLIO LA SERIE D, non meritiamo nemmeno di fare il derby con la Reggiana.

  • 18 Dicembre 2014 in 20:29
    Permalink

    Scusi Majo,vado fuori tema. Si sa qualcosa del bilancio del Parma calcio al 30/6/2014?
    Ormai stanno scadendo i termini per l’approvazione e non vorrei che tutte queste menate siano per nascondere delle magagne impressionanti

    • 18 Dicembre 2014 in 20:45
      Permalink

      Il bilancio salvo imprevisti sarà approvato il 27 o 28 dicembre,
      Cordialmente
      Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI