RAIMONDI (SPORT MEDIASET): “TRA TRE MESI TACI PRESIDENTE DEL PARMA” (video)

image(gmajo) – E’ Claudio Raimondi che ha raccontato per i telespettatori del Tg di Sport Mediaset (vedi il video sotto, web registrazione a cura di Alex Bocelli) l’accaldata conferenza stampa di presentazione del passaggio di proprietà del Parma F.C. (o meglio, del pacchetto di maggioranza della controllante Eventi Sportivi) da Tommaso Ghirardi a una cordata che l’attuale presidente pro-tempore, l’avvocato Fabio Giordano, riferisce essere russo-cipriota. E’ opinione di StadioTardini.it che, al di là della debolissima smentita di ieri di Giordano, dietro di lui possa esserci, invece, il petroliere Rezart Taci (e nessun altro): ci conforta che l’inviato di punta di Sport Mediaset sia della nostra stessa opinione. Egli, infatti, non ha esitato ad affermare: “Tra tre mesi, nel ruolo di presidente, potrebbe irrompere il noto imprenditore albanese Rezart Taci, che per ora sembra voler agire dietro le quinte, dopo una lunga trattativa con Ghirardi, portata avanti personalmente, nei mesi scorsi”. Il servizio, andato in onda su Italia Uno, si chiude con le dichiarazioni, su Taci, dell’avvocato Giordano: “Mi auguro che l’ingegner Taci, dopodomani, mi chiami e mi dica: Fabio posso entrare nell’operazione? E se i russi-ciprioti avranno interessi anche di altra natura, magari da una cosa nasce cosa”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

35 pensieri riguardo “RAIMONDI (SPORT MEDIASET): “TRA TRE MESI TACI PRESIDENTE DEL PARMA” (video)

  • 20 Dicembre 2014 in 21:13
    Permalink

    Mi auguro che l’ingegner Taci, dopodomani, mi chiami e mi dica: Fabio posso entrare nell’operazione? E se i russi-ciprioti avranno interessi anche di altra natura, magari da una cosa nasce cosa;
    Scusate ma per me questo non vuol dire che c’è Taci dietro l’acquisto del Parma… anzi tutt’altro. Mi sembra che Madiaset voglia fare lo scoop con la fuffa.

    • 20 Dicembre 2014 in 21:34
      Permalink

      Se si tratta di dare del cazzaro a Raymond non mi tiro mai indietro, ma stavolta claudio non ha ecceduto con lo scoopismo, dal momento che di indizi che portano a taci ce ne sono a bizzeffe, inclusa la timidissima smentita di Giordano oltre al suo esilarante virgolettato di cui sopra…

      • 20 Dicembre 2014 in 22:00
        Permalink

        Ma infatti anche Sky ha detto che dietro la cordata ci sarebbero Taci e Kerimov. Raimondi ha scoperto l’acqua calda ? Che poi sia Taci a fare da Presidenti è possibile dal momento che in questo momento gli oligarchi russi non son visti di buon occhio in Europa, ma in questo caso Taci sarebbe più che altro un Presidente di facciata che, seppur azionario, sarebbe sempre sotto controllo di kerimov. Fantacalcio, ma per adesso i nomi principali che circolano sono questi . Per me è sufficente vedere il Parma salvato dal fallimento, poi i nomi possono essere anche quelli di Topolino o Nonna Papera che mi frega un bel niente. PS Una bella e sonora pernacchia a Schianchi e ai contestatori “a priori” (Daolio, Boni e Co.) me la deve permettere Direttore. Saluti

    • 21 Dicembre 2014 in 14:06
      Permalink

      i giornalisti dovrebbero scavare per capire il legame di taci con progetto TAP e azerbaijan.

  • 20 Dicembre 2014 in 21:41
    Permalink

    Su taci però è ancora più difficile capire perché ora no e tra tre mesi si. Ghirardi ha sputtanato il suo interesse dopo il mancato pagamento degli stipendi, non riesco proprio a comprendere la cosa.
    Altra riflessione: il 66% è la quota che si pensava? Non ho i dati per farci il conto finale, credevo che la fetta di Ghirardi fosse un po’ più grossa

  • 20 Dicembre 2014 in 22:28
    Permalink

    Perché? Se fosse confermato che il reale proprietario è Taci, sarebbe una notizia di cui andar fieri?
    Io, piuttosto, da tifoso non ne sarei particolarmente orgoglioso, anzi.
    E poi come mai solo in occasione di questa trattativa, Taci ha preferito non solo restare nell’ombra, anzi ha sollevato un muro di protezione? Perché col Parma si è, ad esempio, con Milan, Bologna e Genoa no? Majo me lo sa spiegare? Grazie

  • 20 Dicembre 2014 in 22:31
    Permalink

    sto giordano mi sembra sempre più un cazzaro. più riascolto la conferenza e più ho questa impressione

    • 21 Dicembre 2014 in 10:46
      Permalink

      A me sembra il contrario

  • 20 Dicembre 2014 in 22:31
    Permalink

    A Schianchi per essere così imbufalito dopo tutte le bufale che ha pontificato evidentemente hanno chiuso qualche portone sul naso. Peraltro benfatto.
    Propongo un Vaffa Day per lui e i suoi accoliti

    • 20 Dicembre 2014 in 22:56
      Permalink

      Mi associo ! grande Alfredo

  • 20 Dicembre 2014 in 22:38
    Permalink

    Essere presidente però non significa essere azionista. Io credo che Taci possa centrare ma non come azionista di forza che sarà invece russo. E credo inoltre che Taci entrerà nell’organigramma per un periodo limitato di tempo.
    Ci sono scadenze molto importanti e consistenti ora: uno come Taci non riuscirebbe da solo e con azionisti da due soldi a sostenere la gestione che deve garantire la continuità aziendale.

  • 20 Dicembre 2014 in 22:41
    Permalink

    Siamo in troppi “Enrico”a scrivere ora…io non sono Boni!;)

    • 20 Dicembre 2014 in 22:58
      Permalink

      Per tua fortuna !!!

    • 20 Dicembre 2014 in 23:05
      Permalink

      Boni è un pezzo unico e, per fortuna, inimitabile.

    • 20 Dicembre 2014 in 23:52
      Permalink

      ANche perché Boni – è risaputo – non sa scrivere. Ha l’addetto stampa personale che interviene per lui 🙂

  • 20 Dicembre 2014 in 22:50
    Permalink

    Giornalisti di Mediaset? Io ci stenderei su diversi veli pietosi. Non sono scarsi, sono solo dei mezzi zerbini. E sarebbe meglio tacere anche sulla telecronaca di Roma-Milan di questa sera…a fine partita il portiere della Roma ha rilasciato dichiarazioni ispirate al fair play circa un rigore netto non assegnato ai giallorossi, Piccinini ne ha esaltato la signorilità, ma scordandosi, forse volutamente, del fatto che proprio De Sanctis qualche tempo fa aveva accusato la Juventus di vincere grazie al ‘sistema’……alla faccia della signorilità. E poi…quel sistema è lo stesso sistema che due settimane fa ha permesso alla Roma di pareggiare col Sassuolo grazie ad un rigore inesistente e ad un gol in fuorigioco?

  • 20 Dicembre 2014 in 23:51
    Permalink

    Ma dietro alla panzana Kerimov c’è qualcosa di più di un articolo da calciomercato inventato di sana pianta da uno dei vari adolescenti direttori di solosupercalcioloscoopdelsecolo.gov?

    Io rimango della mia idea: la storia è molto brutta, i soldi non si sono ancora visti e l’unico che finora pare averci guadagnato è – ancora una volta – il buon Ghiro. Che se non erro avrebbe ceduto tutto per 8 milioni, lasciando debiti e cerino in mano agli azionisti del Parma FC (che non è la controllante Eventi Sportivi).

    Majo, ma gli altri soci che ne pensano di questa situazione?
    E le banche?
    Lo chiedo perché sono le uniche persone/entità che potrebbero contare qualcosa in questo momento, dove la squadra, il gioco, i punti e i tifosi stanno contando meno di zero.

    • 21 Dicembre 2014 in 00:22
      Permalink

      Se Ghirardi è’ stato pagato e se ha venduto la società con firma del notaio non significa che i soldi non si sono visti ma il contrario….. oppure Giordano doveva venire in conferenza stampa con una valigetta piena di bigliettini da 500 per far vedere che i soldi ci sono……..oppure i soldi non si sono ancora visti perché non abbiamo ancora acquistato nessuno? le ricordo che il mercato deve ancora iniziare. Ma mi chiedo ma ragionate un po’ con la vostra testa prima di sparare cazzate o solo perché questo è’ un albanese allora si merita offese e scredito da tutte le parti? C’è ne sono pochi di presidenti in Italia che non hanno ricevuto almeno una condanna per svariati reati….. se Taci fra tre mesi sarà il nuovo presidente sarà solo uguale agli altri , ne’ più oulito ne’ più sporco.

  • 21 Dicembre 2014 in 07:52
    Permalink

    Majo ma se uno si trova a piedi in mezzo al deserto, e noi lo siamo, se passa uno e ti da un passaggio perché dobbiamo essere dubbiosi??? A morire si fa sempre in tempo. P.s. Schianchi pagliaccio!!

    • 21 Dicembre 2014 in 09:28
      Permalink

      Sa cosa penso? Che nel deserto non c’eravamo solo noi, ma pure Ghirardi; e che gli sconosciuti il passaggio lo abbiano concesso proprio a Tom, se è vero come parrebbe che gli han corrisposto qualche milioncino e garantito la copertura dei debiti per prendersi il Parma, lasciando noi nel deserto, a desiderare una tanica di acqua e un po’ di fresco.

      • 21 Dicembre 2014 in 10:51
        Permalink

        Io starei attento sul fatto che si accollino tutti i debiti. Giordano dice in conferenza che saranno fatte le valutazioni e i controlli sul bilancio. Cosa scommetti che troveranno qlc inghippo tale da risucchiare parte dei soldi dovuti al Tom che peraltro si vede costretto ad accettare pur di liberarsi della patata bollente?

  • 21 Dicembre 2014 in 08:59
    Permalink

    pensa ti che ragionament

  • 21 Dicembre 2014 in 09:14
    Permalink

    Non so perché…ma ho la sensazione che ne vedremo ancora delle belle. I tre mesi di attesa…per me…sono legati a qualche clausola “arrivederci e grazie” (tipica di Taci), legata a valutazioni e possibili “sorprese” contabili. Il grande lavoro fatto fino ad oggi (a detta di Giordano) forse è stato più legato a creare ex novo la Dastraso, a muovere soldi, ecc. A mio parere i conti non li hanno guardati troppo…

  • 21 Dicembre 2014 in 10:11
    Permalink

    ma se il bilancio non venisse approvato cosa succede maio

  • 21 Dicembre 2014 in 10:53
    Permalink

    Parlando di Tom e’ penoso che non abbia salutato almeno con due righe di circostanza i tifosi

    • 21 Dicembre 2014 in 10:54
      Permalink

      Ma tanto basta aspettare dopo Natale che torna…

  • 21 Dicembre 2014 in 11:21
    Permalink

    Botti di fine anno…..yeahhhh…….si vive alla giornata….non puoi fare altrimenti …andrà cime andrà ad un certo punto….

    • 21 Dicembre 2014 in 11:44
      Permalink

      Per me siamo ancora nella fase di salita dell’ottovolante

  • 21 Dicembre 2014 in 12:19
    Permalink

    Vediamola bene per fare un buon natale…dopo prepariamoci come da tradizione ai festeggiamenti

  • 21 Dicembre 2014 in 16:11
    Permalink

    Io credo, dopo aver ascoltato le parole del Pres Giordano, che le ipotesi siano 2: o Taci comprerà il Parma tra qualche settimana da questa cordata russocipriota (“spero che Taci mi chiami per entrare nella cordata e se i russi avranno interessi di altra natura”, cioè vendono!), impiegando questo lasso di tempo per valutare la situazione economica o per motivi non chiari a noi; oppure, l’altra ipotesi, cioè che i nuovi proprietari non vogliono far sapere la loro identità perchè se la situazione economica da valutare nei prox gg è compromessa se ne vanno senza essere “sputtanati” in pubblico (perchè Kerimov continua a fare comunicati in cui nega legami con la cordata? Come mai tutta questa attenzione da parte sua, mentre gli altri nomi che circolano se ne fregano altamente di negare?). Infine ci sarebbe anche una terza di ipotesi, ma sarebbe voler fare dietrologia ed è troppo brutta da pensarla solamente e cioè si tratterebbe di una mossa di facciata: cedere la società e dare a degli sconosciuti le responsabilitá da qui in poi su ciò che accadrà (fallimento?)! Boh, chi vivrà vedrà!

    • 21 Dicembre 2014 in 16:22
      Permalink

      Con tutto il rispetto per l’avvocato Giordano, credo che le sue parole vadano prese con estremo beneficio d’inventario.
      Le smentite valgono o non valgono? Dipende da quello che più desidera il tifoso illuso…

      • 21 Dicembre 2014 in 19:59
        Permalink

        Quindi Majo anche la smentita di kerimov va presa con il beneficio del dubbio?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI