RUSSA SERENITA’ A COLLECCHIO / LA SANTA LUCIA DI PAOLO CONTI A CAPITAN LUCARELLI, CON LA GRAPPA NATALIZIA “SOLO PER GLI AMICI”. E PER IL BAROMETRO CASSANO IO SONO “MANLIO”…

image(gmajo) – Durante la conferenza stampa di Roberto Donadoni ho provato a sfruculiarlo un po’ – come in seguito vi racconterà Alessandro Dondi, e come potete ascoltare seguendo il video già disponibile (clicca qui) e caricato grazie ai potenti mezzi di COMeSER, sponsor tecnico di StadioTardini.it – sul tema passaggio di proprietà, in virtù delle rassicurazioni ricevute ieri negli spogliatoi da Pietro Leonardi, portavoce, dunque, dei buoni propositi della nuova proprietà che ha rinnovato al Plenipotenziario piena (o quasi) fiducia (del resto sempre di più mi sto convincendo, salvo sorprese, che dietro la macchina da presa della telenovela ci sia sempre stato lui), il mister, però, come noto è uno riservato, e come potete immaginare non si è LUCARELLI PAOLO CONTIsbottonato più di tanto, anzi, direi che ha manifestato un certo fastidio perché le cose di casa Parma, di riffa o di raffa, finiscono sempre sui giornali, senza che ci sia uno straccio di riservatezza, anche se le info che ci giungono sono parziali, di qui la ridda di ipotesi che si possono costruire. Un inaspettato barometro, per indicare che tempo fa a Collecchio, ce lo ha offerto oggi il supertifoso Paolo Conti, il quale, desiderando che venisse foto-documentata la consegna – oggi è Santa Lucia… – da parte sua a Capitan Lucarelli di un esemplare della pregiatissima grappa Paolo Conti e Gabriele Majo Corale Verdi“Solo per gli amici”, che ogni anno, in occasione delle feste natalizie, dona agli amici (immeritatamente figuro anch’io, che da 4 o 5 anni sono nella sua ambita lista, che da quest’anno vede aggiungersi, new entry, “quel delinquente di Dondi”, al quale mi ha pregato di consegnarla): in attesa che il capitano arrivasse correndo – sciupando così, ahinoi, alla sua veneranda età un po’ di energie – ma sia pure un po’ in ritardo, nella hall del direzionale (che secondo una recente stima del Credito Sportivo pare abbia fatto raggiungere la quotazione record di 35 milioni all’intero complesso, dai 15 che ne poteva valere prima, risultando così determinante per il prossimo passaggio di proprietà, segnale della lungimiranza di Pietro Leonardi, che secondo quanto ci aveva riferito la scorsa settimana Andrea Valentini era stato colui che più aveva spinto per questa “patrimonializzazione”) si è consumata una inaspettata piece teatrale, con ruolo di primo attore Antonio Cassano, e sua improbabile spalla il sottoscritto, prima che arrivasse – proprio mentre stavamo parlando di lui (parlando, non sparlando, of course) il Plenipotenziario in persona. Per FantAntonio io sono “Manlio”, e sono onorato di esserlo, anche se, prima di lui, così mi aveva ribattezzato l’ottimo Riccardo Schiroli, quando facevo il collaboratore occulto per Onda Emilia (nel frattempo avevo cambiato bandiera, ma una mano ai vecchi amici la davo sempre e si sa come i vecchi amici sono sempre importanti, specie nel momento del bisogno, come ci insegnano le vicende di questi giorni). Insomma: se Cassano era così di buon umore verrebbe da pensare che i nuvoloni sopra Collecchio sono spariti, grazie alla perturbazione (strano a dirsi) in arrivo dalla Russia. Lui e Leonardi, sotto i miei occhi, si sono abbracciati più volte con affettuosità: e hanno anche scherzato sulle voci di mercato di stamani: “Ogni giorno mi fanno cambiare squadra”, ha chiosato il Discolo di Bari Vecchia. Voci che, ragionevolmente mi paiono un po’ campate per aria se ancora non si conoscono i programmi di chi sta per entrare. Ma vedendo tutta questa serenità verrebbe da capire che le rassicurazioni di Leonardi di ieri sono andate a buon fine, se no Cassano non avrebbe avuto voglia di fare cabaret (e non di bassa lega) col sottoscritto. A, per la cronaca: quel millantatore di Boni, manco sapeva chi è, e ci ha messo un po’ a capirlo, nonostante le spiegazioni degli astanti, salvo aggiungere poi, che se parla bene di lui vuol dire che imagecapisce di calcio… Intanto trovano ulteriori conferme, sia pure solo indirette e non ufficiali, le indiscrezioni di stamani di Sandro Piovani sulla Gazzetta di Parma circa la composizione del nuovo consiglio d’amministrazione, nel quale sarebbero cooptati importanti nomi della finanza e della politica, a garanzia della serietà del progetto, poiché – questo è quanto pensano i protagonisti – se c’è chi non esita a coniugare il proprio nome a quello del Parma, ultimamente molto chiacchierato e dato sull’orlo del fallimento, vorrebbe dire che la situazione non è poi così catastrofica. Insomma: una sorta di risposta ai tanti dubbi emersi che avevano persino spinto il presidente federale Tavecchio (che era stato eletto anche col voto del Parma, rimasto fedele al programma da lui esposto, nonostante le riserve di tanti altri che cambiarono idea dopo la sua frase infelice su Opti Poba) ad annunziare controlli della Covisoc su capitali che starebbero per entrare in Italia, ma già con la benedizione della autorità di controllo sull’anti-riciclaggio. Ovviamente chi sia il benefattore d’oltrecortina (in onore del quale pare che il CCPC modifichi il proprio acronimo il CCCP…) non è dato sapersi, visto che vige il massimo riserbo e un patto di riservatezza (va bè, chiamiamola riservatezza) impermeabili, così, come non si sa chi possano essere questi garanti che siederanno nel Cda (selezionati, pare, per diverse categorie di appartenenza, sì da accontentare tutti, con un ventaglio molto variegato, ma ben rappresentato): io penso ad espressioni bancarie, poiché, a naso, in tutta questa storia non può starne al di fuori il Monte Paschi, banca di riferimento che avrebbe interesse a far sì che il Parma abbia una sua continuità. Insomma, grazie a Paolo Conti ho potuto vedere personalmente, con gli occhi della tigre, il sole sopra Collecchio (lasciate perdere il tempo atmosferico uggioso, che è fuorviante…): se Cassano è felice e contento e appunto solare (e per nulla sul piede di partenza, direi) è stato perché il super tifoso crociato DOC Paolo Conti – abbonato al Parma Calcio da quasi 50 anni con innumerevoli trasferte nazionali ed LUCARELLI CONTIinternazionali sul groppone – ha voluto fare omaggio a Lucarelli di una bottiglia di  grappa pregiata appositamente selezionata e fatta distillare nelle distillerie “Berta” di Mombaruzzo, sulle colline astigiane. Distillerie Berta, che, ovviamente, nulla hanno a che fare con l’ex diesse dei primi anni dell’era Ghirardi, ora apprezzato dirigente dell’Atletico Madrid. L’edizione 2014 del distillato vede sulla storica maglia del centenario con una A in bella evidenza. Quella non dobbiamo (per ora) andarcela a riprendere, ma, appunto, solo mantenerla. Mission che potrebbe non essere del tutto impossibile qualora domani, contro il Cagliari, arrivasse finalmente la tanto agognata vittoria. Punti e soldoni: una ricetta per essere felici e contenti. Almeno fino alle 15 di domani, sul Mulino Bianco splende il sole. Speriamo anche alle 17. E speriamo anche martedì. Il barometro di Cassano tende al bello: speriamo…

 

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

16 pensieri riguardo “RUSSA SERENITA’ A COLLECCHIO / LA SANTA LUCIA DI PAOLO CONTI A CAPITAN LUCARELLI, CON LA GRAPPA NATALIZIA “SOLO PER GLI AMICI”. E PER IL BAROMETRO CASSANO IO SONO “MANLIO”…

  • 13 Dicembre 2014 in 18:07
    Permalink

    Bella il cccp..
    Lucarelli speriamo se la gusti dopo la partita 🙂
    In questi ultimi giorni ho letto attentamente gli articoli perché quando scrivi hai già analizzato (per quanto i fatti lo consentano), ma non mi è chiaro questo: al di la di un presidente che con ogni probabilità non sarà un azionista(solo Giuli potrebbe ragionevolmente farlo), credi che a breve sapremo il vero acquirente?

    • 13 Dicembre 2014 in 20:43
      Permalink

      Basterà una visura camerale per vedere chi ha messo i soldi

  • 13 Dicembre 2014 in 18:08
    Permalink

    E’ sempre bello conoscere quello che succede in quel di Collecchio! Grazie Direttore per questa testimonianza e per averci reso partecipeidi questa serenità apparentemente ritrovata e che speriamo di vedere in campo anche domani. Articolo positivo per quanto ne vogliano dire i superficialotti che la credono nemico del Parma, quando lei è solo una persona razionale che non prende nulla per ciò che sembra ma tenta sempre di vederci più lungo, questo le fa onore visto il giornalismo attuale. E citando Donadoni ho letto tra i tifosi chi già “sentenzia” Cassano definendolo mercenario per i due articoli che sono usciti senza ancora averne le prove e “trovo che questo sia di una bassezza allucinante”, anche perchè per come si sta comportando quest’anno Fantantonio bisognerebbe solo fargli i complimenti e rendergli onore anche se dovesse lasciare, lo conosciamo tutti e quest’anno si sta davvero comportando da signore.

  • 13 Dicembre 2014 in 18:30
    Permalink

    Oggi c’ erano 3 camioncini della rai davanti alla coop. Sapete qualcosa?

  • 13 Dicembre 2014 in 18:33
    Permalink

    Majo la sento carico!speriamo che sia l inizio della rinascita. tutti felici e contenti x una volta

    • 13 Dicembre 2014 in 21:32
      Permalink

      Ferma il tram: io vi sto a trasmettere la felicità altrui da cronista. Per il resto calma & gesso. Dopo martedì spero di avere maggiori elementi di giudizio per dire la mia. Finora noto nell’ambiente una qual certa aria di vittoria, di pericolo scampato: io non voglio gustare la festa a nessuno, per carità, ma al momento non trovo grandi motivi di felicità, dal momento che non conosco i benefattori e quanto siano benefattori.

      Ho fiutato che dietro alla cessione possa esserci il Leo, anche se ammetto di non esserne convinto al 100%, però anche se fosse non penso che possa essere un segnale di garanzia, dal momento che non va dimenticato che è lui che ha amministrato il Parma di Ghirardi dal 2009 (al di là che sostenga di aver trovato una situazione debitoria peggiore di questa e di averla ridotta anche se tra aumenti e finanziamenti non sarebbero stati versati dalla proprietà più di 6,5 ml, cosa che però non sono in grado compiutamente di verificare) ad oggi, nella buona e nella cattiva sorte. Per cui tutti i ragionamenti fatti nei giorni scorsi non è che me li rimangio, perché il colpevole della situazione che stiamo vivendo non può essere solo l’armatore Tommaso Ghirardi, ma anche Pietro Leonardi che era l’ammiraglio. Ammiraglio che sembra destinato a rimanere in carica anche se è cambiato l’armatore (anche se forse potrebbe essere retrocesso da ammiraglio a capitano- dg – o tenente di vascello – ds -) e questo mi fa riflettere come ne possa sapere decisamente di più sull’operazione cessione rispetto a quanto superficialmente poteva apparire durante il collegamento Sky di domenica scorsa. Senza dimenticare una mia vecchia paranoia per cui, prima o poi, il buon Leo sarebbe riuscito a prendere il Parma senza Ghirardi.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 13 Dicembre 2014 in 23:41
        Permalink

        Ok grazie, proprio quello cercavo di capire. Secondo me il leonardi ” demansionato ” in teoria cozza con il leonardi che reperisce e/o tratta con l acquirente. Per me è tutto molto misterioso, mi concentro sulla partita, tutto l ambiente sta un po’ perdendo di vista il campo ma domani è importante

        • 13 Dicembre 2014 in 23:58
          Permalink

          Proprio per l’importanza della partita di domani ho cercato di alleggerire un attimo la tensione, anche se tutti i dubbi che mi tormentano sono riposti nel cassetto solo in attesa del match, auspicando possa avere un esito positivo, ma non certo dimenticati, sperando, poi, che martedì possano essere fugati.

          A proposito del ruolo di Pietro Leonardi nell’operazione cessione io ho azzardato che egli possa essere stato la mente, l’ideatore, favorendo quello che magari a Tommaso Ghirardi e ai suoi uomini di conti poteva sembrare un incontro occasionale, ma a mio modo di vedere studiato e preparato dal Plenipotenziario che ha cercato di far incontrare domanda e offerta, anche se ufficialmente è rientrato in gioco solo alla fine.

          Cordialmente

          Gm

          • 14 Dicembre 2014 in 08:46
            Permalink

            Majo,
            Come ti avevo anticipato in passato hai fatto centro…è il Leo il fulcro della trattativa…non poteva essere altrimenti!!!

          • 14 Dicembre 2014 in 09:56
            Permalink

            Calma e gesso.
            Dalla cucina è uscito solo il fumo, ma non l’arrosto

  • 13 Dicembre 2014 in 18:42
    Permalink

    DAI DIRETòR CHE DMàN FRACASèMA TùT….DAI DAI DAI…POI SE VINCIAMO ROTTAMIAMO LA TIPO VENTENNALE E LA SOSTITUIAMO CON UN MODELLA DIGIT E NON ANALOGICO CHE PUR SEMPRE VENTENNALE Dà PARVENZA DI NUOVO 🙂

  • 13 Dicembre 2014 in 19:08
    Permalink

    Seconno me era mejo a vodka da a Grappa, o ar massimo (nun er Circo) na Sambuga. Ke poi ar Majo e ar Dondi, li mortacci loro, nun ce podèmo da regalà a grappa dei j’amici ma ar massimo quella dei nemigi, ke se no ce stamo a confonne.
    Ve vojo fa notà che da quanno so arivati i soviedici er Cordinamento nun sola sà da ghiamà CCCP, ma che er Manfredini s’è fatto da cresce li baffi kome er gombagno Staline. Ke a Dondi je vojo dà di: a dottò, a “piccolo cosacco da a Cegenia”, nun poi da fa er macellaro islamico e poi anna a be-ve a grappa der Conte Paolo, per digerì tutta quello ke stai a magnà, ke te magnerebbe pure er colesterolo, li mortacci tua. Ke qua c’javemo da fa a parmigianidà migaa er cuscusse

    • 13 Dicembre 2014 in 23:48
      Permalink

      Se ti assumono potresti sostituire natale in vetrina con natale al bla bla

  • 13 Dicembre 2014 in 19:51
    Permalink

    speriamo non sia la grappa bocchino

  • 13 Dicembre 2014 in 21:12
    Permalink

    Ringrazio pubblicamente Paolo Conti del gentile omaggio, che ricambierò nei prossimi giorni.
    Perchè dimostra di avere compreso che, pur divisi sulle posizioni e da alcune polemiche, il nostro amore per il Parma ci accomuna.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI