SUL SITO DI DI MARZIO IL VIDEO DEL PRIMO ALLENAMENTO DI LILA AL PARMA E’ SENZA LILA… INTANTO IL CENTROCAMPISTA, SU FACEBOOK, HA RINGRAZIATO LA FAMIGLIA TACI

image(gmajo) – Giuro che non è per accanimento nei confronti di Gianluca Di Marzio, al quale già ieri sera avevo dedicato un post un po’ al vetriolo per via del fatto che sul suo blog aveva dato la notizia della nomina del nuovo Cda del Parma quando, invece, – Leonardi a parte – ad esser stati svelati erano i componenti il collegio Sindacale: però, avendo trovato davvero esilarante la segnalazione, da parte di un nostro fedelissimo imagelettore, che mi riferiva che nel video inserito da Di Marzio sul suo sito dedicato al primo allenamento di Lila al Parma, Lila, in realtà, non si vedeva, non ho resistito alla tentazione di “percularlo” un po’… In effetti il neoacquisto crociato, che secondo quanto si nota sul sito ParmaFanzine che presenta un’ampia fotogallery, in occasione della partitella era schierato con i giocatori con la pettorina e senza cuffia in testa (se no gli si rovinava l’acconciatura trend…), non appare, per lo meno imagein modo evidente, nella breve clip di 11 secondi (clicca qui per vederla), dedicata alla sua prima sgambata con la squadra, inserita da Di Marzio sul suo blog: infatti, con il fratino, in evidenza si vedono Cassani e Lodi, ma dell’albanese non c’è proprio traccia, a meno che non sia, quello che nel secondo fermo-immagine, appare defilato sulla sinistra, ma dubito, sempre sia in effetti lui, che possa esser riconosciuto perfino dai suoi connazionali… Intanto Andi Lila, sul proprio profilo Facebook, ringraziando la famiglia Taci per l’opportunità di venire al Parma, ha ulteriormente contribuito, fornendo l’ennesimo indizio, al lungo processo di ufficializzazione del neo-presidente, che si spera posa terminare in occasione dell’imminente insediamento del nuovo Cda del quale si auspica assuma direttamente le redini. L’arrosto, finalmente, dopo tanto fumo… (Ha collaborato Francesco Reggiani)

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

L’ABBAGLIO DI DI MARZIO: HA SCAMBIATO IL COLLEGIO SINDACALE PER IL CDA…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

28 pensieri riguardo “SUL SITO DI DI MARZIO IL VIDEO DEL PRIMO ALLENAMENTO DI LILA AL PARMA E’ SENZA LILA… INTANTO IL CENTROCAMPISTA, SU FACEBOOK, HA RINGRAZIATO LA FAMIGLIA TACI

  • 31 Dicembre 2014 in 08:32
    Permalink

    Ma è partita la campagna di denigrazione contro Di Marzio…!?

    • 31 Dicembre 2014 in 09:29
      Permalink

      Denigrazione? Chi svolge una attività pubblica si espone al giudizio del pubblico. Inevitabilmente il giudizio non può esser positivo in caso di corbellerie.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 31 Dicembre 2014 in 19:38
        Permalink

        A prescindere che nell’articolo non è specificato da nessuna parte che sarebbe apparso Lila nel filmato, ma semplicemente il video dell’allenamento al quale lo stesso giocatore ha preso parte. Quindi, al massimo, la corbelleria non è di Di Marzio… E’ un bravissimo giornalista che ci prende sempre, punto. Chi siano le sue fonti (che tra l’altro non vengono mai menzionate e quindi non fanno questo per “smania di esporsi”) non fa testo. Ogni giornalista ha le sue e riporta le notizie che gli arrivano, come anche lei del resto… Poi non mi sembra che vengano “riprese” TUTTE le cazzate scritte da TUTTI i giornalisti e pseudo-tali sul Parma, eppure ne leggo in continuazione in giro per il web.
        Infine riprendere e sottolineare gli errori soprattutto dei colleghi è una cosa molto triste e denigrante (lei poi lo chiami come lo vuole). Del resto è così che la politica Italiana va avanti…
        Buon anno.

        • 31 Dicembre 2014 in 20:36
          Permalink

          Ricambio gli auguri di buon anno.

          E appunto essendo l’ultimo anno eviterei di star qui ad amplificare le polemiche.

          Preciso solo che se nell’articolo del giorno precedente mi ero un po’ lasciato andare in modo poco signorile (cosa che peraltro avevo già riconosciuto) era perché non mi piacciono le cialtronate, e tale è confondere il consiglio sindacale per l’atteso cda; quello di ieri, invece, era per sorridere. Così come fa ridere (senza il prefisso sos) la sua considerazione per cui non era specificato nell’articolo che sarebbe apparso Lila. Allora: dal momento che non mi pare che Di Marzio pubblichi 11” di filmato di ogni singolo allenamento, giacché la notizia era l’allenamento di Lila, Lila avrebbe dovuto vedersi.

          Poi sul fatto che Di Marzio possa essere un bravissimo giornalista io non sto qui a sindacare, anche se non credo che la bravura o meno di un giornalista dipenda dall’avere più o meno prima di altri notizie di mercato. A me, ad esempio, non interessa affatto mettermi a fare gare con alcuno per arrivare prima a dire chi prende il Parma o meno al mercato dei disperati. Preferisco dedicarmi ad altre materie, e soprattutto all’approfondimento.

          Né credo che il giudizio su un giornalista sia sul prenderci o meno: mica facciamo gli indovini.

          Le motivazioni per cui ho parlato di smania di esporsi è perché ci possono essere vanitosi presidenti di club non di prima fascia che magari guadagnano più spesso i riflettori se regalano primizie a qualche giornalista.

          E sul mercimonio che è il mercato per i rapporti non proprio limpidi tra mercatologi e operatori di mercato è meglio se non mi pronuncio, anche se non sarebbe male prevedere l’insider trading anche per l’economia applicata al calcio…

          Per quanto riguarda le cazzate scritte da altri giornalisti, quando sono meritevoli di essere riprese – al fine di correggerle, nell’interesse del lettore, e non certo per mettere alla gogna – non mi tiro certo indietro: negli ultimi giorni, ad esempio ho dovuto farlo con Piovani (quando aveva confuso il rosso di bilancio con l’indebitamento), pur essendo in ottimi rapporti con Sandrone, del quale spesso ho documentato presentazioni ed eventi; o con Schianchi, che aveva diffuso la balla colossale secondo cui la nuova proprietà aveva pagato gli stipendi dei dipendenti del Parma FC del mese di novembre, cosa che aveva fatto Ghirardi (e il fatto che il Ghiro gli stesse sulle balle non è certo una attenuante).
          Non si tratta di denigrare nessuno: chi fa un mestiere come il nostro si espone al giudizio del pubblico e anche dei colleghi. Non capisco perché io possa dare un 4 a Belfodil e non a un collega, quando se lo merita.
          Buon anno
          Gmajo

  • 31 Dicembre 2014 in 09:53
    Permalink

    ALLORA AD OGNI ANTICIPAZIONE CORRETTA DI DI MARZIO LO SEGNALI! COME PER ESEMPIO è STATO IL PRIMO A SEGNALARE L’ACQUISTO DI LILA DA DIVERSI GIORNI!

    • 31 Dicembre 2014 in 11:02
      Permalink

      Vuole firmare lei in tribunale la testata al mio posto?

  • 31 Dicembre 2014 in 10:19
    Permalink

    Di Marzio quello che le spara tutte cosi ogni tanto ci prende?

    • 31 Dicembre 2014 in 11:04
      Permalink

      Ci prende perché ha fonti dirette che per smania di esporsi gli danno dritte. Sinceramente è un sistema che non mi piace, specie quando in ballo ci sono ufficialità che dovrebbero transitare sui mezzi ufficiali.
      Ma sono io che sono troppo all’antica…

  • 31 Dicembre 2014 in 10:57
    Permalink

    Va beh dai direttore. è sempre un collega…Un po di solidarietà!

    • 31 Dicembre 2014 in 11:00
      Permalink

      Appunto perché è un collega. Certe opere danneggiano l’immagine della categoria…

  • 31 Dicembre 2014 in 11:45
    Permalink

    Io trovo di Marzio un ottimo giornalista, oltre che un bravo telecronista.Sul calciomercato lo considero il migliore in Italia, ha queste fonti dirette ed è sempre attaccato al cellulare .
    E’ stato il primo a dare la notizia di Guardiola al Bayern in tutto il mondo, roba non da poco secondo me.

    • 31 Dicembre 2014 in 21:04
      Permalink

      Come ho scritto anche rispondendo ad altri non credo che il saperci fare sul mercato sia un metro idoneo per misurare la bravura di un giornalista. Con questo ribadisco ancora una volta che i miei giudizi non sono mai definitivi o alla carriera: io mi sono limitato a riportare un paio di castronerie, la prima per correggerla poiché piuttosto grave, la seconda, quella di ieri, per sorridere un po’.

      Buon Anno

      Gmajo

  • 31 Dicembre 2014 in 14:35
    Permalink

    Lei Majo sta guardando l’amichevole vs la Correggese?

  • 31 Dicembre 2014 in 14:38
    Permalink

    Direttore Buon anno…Volevo fare una riflessione a voce alta con lei.
    Solo a ,e sembra che tutta questa situazione sia creata ad ok per far credere che dietro il parma ci sia taci dopo essere stati accusati da vari organi di stampa del fatto che non si sapesse chi c’era dietro al Parma?!?!

    Mi spiego meglio…Se io faccio un patto di riservatezza dove non voglio assolutamente che il mio nome salti fuori;
    1) Nomino come presidente provvisorio una persona della mia stessa nazionalità che l’unica cosa per cui è famoso è stato essere il liquidatore della mia unica società in italia?!?!?Avrebbe potuto mettere chiunque invece ha messo proprio lui…mah strana come cosa…

    2) Il primo giocatore che acquisto è un giocatore della mia stessa nazionalità che alla prima giornata di allenamenti mi ringrazia in prima persona?!?!? questo lila non è cristiano ronaldo e se proprio avessero voluto non farsi sgamare ne avrebbero trovati altri 100 di giocatori con quelle caratteristiche…molto strana anche questa

    3)Giordano alla presentazione ha voluto specificare che la dastraso era al 60% cipro e 40% russa…a che pro?!?! se non c’era il russo non poteva dire semplicemente che era una società cipriota?!?!? Tanto noi non avremmo mai saputo lo stesso chi c’era veramente dietro data la giurisdizione Cipriota(potevano essere marocchini-senegalesi-turchi che a noi cambiava poco) ma ha voluto specificare che un 40% era russo…mah molto strana come cosa…

    4) ma di questa non ne sono sicuro…Giordano ha parlato di estrazione petrolifera…Taci se non sbaglio non fa estrazione ma raffinazione…

    5)beh questa è la più palese…ma a lei, visto i comportamenti che ha avuto taci nel passato con le varie squadre:Bologna, Milan ,Genoa, le sembra che questo sia un comportamento alla Taci???
    Se ci fosse veramente lui non crede che al posto di giordano, quella sera, ci sarebbe stato lui in prima persona?!?!?

    Detto questo Auguro un buon 2015 sereno a tutti i crociati…che ce lo meritiamo!

    • 31 Dicembre 2014 in 20:59
      Permalink

      Grazie per la riflessione, che presenta diversi spunti condivisibili o perlomeno accettabili giacché mettono in risalto determinate strane contraddizioni alle quali risulta difficile una plausibile risposta. Boh,

      Comunque non vorrei che tutta questa pubblicità su Taci servisse, come da lei evidenziato in apertura, a placare l’opinione pubblica e le istituzioni piuttosto stizzite per la fitta coltre di nebbia che ha avvolto l’operazione, o magari per cercare di dare una credibilità alla operazione stessa, magari al fine di ottenere crediti da istituti bancari o meglio consentire al direttore generale di operare sul mercato, perché un conto è pensare che il Parma sia presieduto da Taci (pur con tutti i limiti che questi può avere per via dei suoi precedenti tentativi di acquisizione di squadre italiane) un conto da un liquidatore/ristrutturatore come Giordano.

      Cordiali saluti e buon anno

      Gmajo

  • 31 Dicembre 2014 in 15:44
    Permalink

    Giordano secondo me non sa la differenza tra estrazione e raffinazione

  • 31 Dicembre 2014 in 15:45
    Permalink

    E di Pedullà cosa pensa? Come Di Marzio?

    • 31 Dicembre 2014 in 20:49
      Permalink

      Io non ho dato un giudizio definitivo su Di Marzio, né intendo farlo, perché non mi interessa. E lo stesso dicasi per Pedullà. Indubbiamente non simpatizzo per chi fa il mercato. E soprattutto per chi lo fa in un certo modo, dal momento che non mi piacciono certe complicità. Ognuno dovrebbe stare al posto suo. Ma questo è un ragionamento generale.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 31 Dicembre 2014 in 15:57
    Permalink

    l analisi di Michele in effetti non fa una piega….chissà…

  • 31 Dicembre 2014 in 17:26
    Permalink

    Puo’ aver ragione Michele come il direttore Majo! In questo momento “storico” del parma tutto è possibile…. Anche secondo me non c è solo Taci e se hanno parlato di russi ci sarà anche il russo… Con tutta la tensione che c è stata verso i nuovi proprietari e tutto cio’ che ne è conseguito ci mancava pure che raccontassero altre cannelle! Chi vivrà vedrà 😉

    • 31 Dicembre 2014 in 20:48
      Permalink

      Io già non credo ancora neppure a Taci (e per questo ho perso dei punti con Vittoria…), figurarsi se credo ai russi…

      Non a caso mi inginocchierò sui ceci se uno tra Kerimov, Abramovic e Lukoil acquisteranno il Parma…

      Magari sarà stato un effetto della temperatura, ma per me Giordano, quando ha dato la composizione societaria (60% cipriota, 40% russa), quando ha detto che non se la sentiva di dire che Taci c’entrava, quando ha dato il fatturato della Holding (2 ml, peccato che sia stata fondata il 7 novembre: e, con una certa benevolenza l’abbiamo girata spiegando che intendeva la società di controllo), quando ha detto che uno dei soci era stato indovinato dai giornalisti non era stato per nulla convincente. O per lo meno non aveva per nulla convinto me.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 1 Gennaio 2015 in 17:11
        Permalink

        Lei direttore ha sicuramente piu’ indizi di noi per portarla a pensare in modo differente…mentre io mi baso per l appunto con quel poco che ho visto e letto! Che poi alla fine ci sia Taci, russi, rumeni, romani ecc. ecc. poco importa, l importante è che quel qualcuno abbia intenzioni serie, perchè si tratta del nostro amato Parma! E questo significa avere in mano anche i nostri sentimenti 🙂 xD

        • 1 Gennaio 2015 in 22:30
          Permalink

          L’importante, appunto, sono le intenzioni serie.

          Cordialmente

          Gmajo

  • 31 Dicembre 2014 in 17:50
    Permalink

    Ricordiamoci che a fine novembre aveva preso piede l’ipotesi di una triangolazione, cioè che il Parma venisse venduto 2 volte in pochi mesi per eludere l’embargo e facilitare la ” pulizia dei capitali”. Poi nessuno ha ancora risposto alla domanda principale: PERCHÉ COMPRARE UNA SOCIETÀ DI PROVINCIA AFFOGATA DAI DEBITI?!?!?!?!

    • 1 Gennaio 2015 in 07:11
      Permalink

      Abramovic si dice che abbia acquistato il Chelsea perche’ si era “innamorato” dello stadio, a nessuno e’ importato nonostante fosse una cavolata perche’ il magnate russo ha cacciato parecchia pila,bhe perche’ hanno acquistato il parma una citta’ di provincia( ma non paragonabile alle altre realta’ provinciali)? Me ne frego se cacciano la pila!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI