UFFICIALE / PIETRO DOCA E’ IL NUOVO PRESIDENTE DEL PARMA FC. LEONARDI DIRETTORE GENERALE. VENERDI’ 19 ALLE 18 LA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA PROPRIETA’ AL TARDINI

(da fcparma.com) – Parma 16 dicembre 2014 – Facendo seguito al comunicato dell’11.12.2014, la società Parma Fc comunica il nuovo organigramma:

Presidente: Dottor Pietro Doca

Vice Presidente: Avvocato Fabio Giordano

Direttore Generale: Pietro Leonardi

I dettagli dell’operazione e la nuova struttura societaria saranno presentati dai nuovi azionisti di riferimento nella conferenza stampa che si terrà il giorno 19 dicembre 2014 alle ore 18 presso la sala stampa dello stadio "Ennio Tardini" di Parma.

Questo il commento del nuovo Presidente Pietro Doca:

“Sono felicissimo di poter finalmente annunciare ai tifosi del Parma che, dopo un intenso lavoro, l’operazione di acquisizione è stata portata a termine con successo. Io e i miei collaboratori vogliamo operare affinché questa gloriosa società possa avere un futuro solido. Ringrazio Tommaso Ghirardi per l’impegno e la dedizione che in questi anni ha profuso per il bene del Parma”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

93 pensieri riguardo “UFFICIALE / PIETRO DOCA E’ IL NUOVO PRESIDENTE DEL PARMA FC. LEONARDI DIRETTORE GENERALE. VENERDI’ 19 ALLE 18 LA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA PROPRIETA’ AL TARDINI

  • 16 Dicembre 2014 in 18:24
    Permalink

    Ma chi è? Avrà un bisnonno Russo mi sa.

  • 16 Dicembre 2014 in 18:26
    Permalink

    …..chi siete…. da dove venite ….. dove andate ….. 5 Ml di euro …!!!

  • 16 Dicembre 2014 in 18:26
    Permalink

    Pietro Doca…forse è il nome in codice di Kerimov visto che neanche google lo conosce!!

  • 16 Dicembre 2014 in 18:28
    Permalink

    non ricordo un passaggio di proprietà più misterioso di questo

  • 16 Dicembre 2014 in 18:28
    Permalink

    E chi el doca?

  • 16 Dicembre 2014 in 18:28
    Permalink

    chi è pietro doca???? non lo trovo nemmeno su google….

  • 16 Dicembre 2014 in 18:28
    Permalink

    Dottor Pietro Doca… so Google 0 notizie

  • 16 Dicembre 2014 in 18:29
    Permalink

    Adesso se non dicono chi sono i proprietari comincio a pensare male anche io.
    Chi è Doca?

  • 16 Dicembre 2014 in 18:31
    Permalink

    Doca vattene

    • 16 Dicembre 2014 in 18:53
      Permalink

      ahahhahahhaahha… neanche il tempo di arrivare…mi hai ucciso..ahahha

  • 16 Dicembre 2014 in 18:33
    Permalink

    Devo ammettere che Leonardi riesce sempre ad andare oltre le mie previsioni. é uno spettacolo.
    Qui non siamo oltre senso del ridicolo, siamo oltre i confini dello scibile, come il feto di 2001 di Kubrick

    Finiremo in serie D ma almeno di risate grasse ne faremo parecchie.

    • 16 Dicembre 2014 in 19:10
      Permalink

      riesci ad aspettare fino a venerdi,oppure perseveri a pestare delle merde che sono giorni che dici che oggi non sarebbe successo proprio nulla?

      • 16 Dicembre 2014 in 22:21
        Permalink

        di grazia, cosa sarebbe successo oggi? Se ti senti più tranquillo perchè hanno scritto che un tizio sconosciuto è presidente del parma, contento tu.
        Sono tre settimane che allungano il brodo e dilazionano. Non si è mai visto qualcuno acquisire un club “di nascosto”, neanche russi, arabi od omini verdi di marte.

        Aspettiamo venerdì ma ti posso già dettare il comunicato: “Abbiamo dietro importanti azionisti di cipro che faranno grande il parma ma non possiamo svelarne il nome”.

        I nodi verranno comunque al pettine quando dovranno versare i soldi dei prossimi stipendi.

        L’ottimismo è il profumo della vita

        • 16 Dicembre 2014 in 22:41
          Permalink

          Ripeto: hai detto più volte che non sarebbe successo nulla, e non è andata cosi. Come poi andrà a finire è un’altra storia. Non sono tranquillo affatto, se vuoi saperlo. Ma se mi dici cosi già mi tranquillizzo, perchè non ci hai mai preso.

          sui nodi al pettine concordo, la cartina di tornasole sono come al solito i soldi: mercato di gennaio e scadenza di febbraio …e li vedremo in concreto

  • 16 Dicembre 2014 in 18:34
    Permalink

    sento puzza di prestanome da qui a Venezia

    • 16 Dicembre 2014 in 19:10
      Permalink

      ma va???

  • 16 Dicembre 2014 in 18:34
    Permalink

    DOCA O DNADOR ?

  • 16 Dicembre 2014 in 18:34
    Permalink

    a sem’a post…..

  • 16 Dicembre 2014 in 18:35
    Permalink

    Leggera puzza di prestanome…ma a questo punto di chi?

  • 16 Dicembre 2014 in 18:36
    Permalink

    Comunque già da questo comunicato, scarno, si può apprezzare come il “migliore amico” 😀 di Majo tal Pietro Leonardi sia tornato alle origini : Direttore Generale. Per intenderci ha salvato il suo posto anche se con una retrocessione….
    Mentre su dj Fargetta (all’anagrafe Giordano Fabio) si sa qualcosa in più su clienti amicizie etc?
    Altro aspetto hanno preso altri due giorni…e soprattutto “..FUTURO SOLIDO ” cosa significa? Vuole dire tutto e niente…. Majo lei come lo interpreta?
    Certo chi si aspettava i rubli, o i petroldollari o peteoleuro,è rimasto “deluso”….pero secondo me il buon Doca è solo una figura, dietro sicuramente non si sa chi è il numero 1, e per me a fine campionato ci saranno ulteriori assestamenti in società….

  • 16 Dicembre 2014 in 18:36
    Permalink

    Su Google: “Forse cercavi PIETRO D’OCA”. Che Google voglia dirci che in realtà è UN NADOR?

    • 16 Dicembre 2014 in 18:40
      Permalink

      Lo scrivi proprio tu, polaster?

      Comunque è Doca senza apostrofo tra D e o

      • 16 Dicembre 2014 in 18:46
        Permalink

        E meno male visto che Pietro D’Oca su google risulta come venditore ambulante di Palermo….

      • 16 Dicembre 2014 in 18:47
        Permalink

        Ho paura che mi venga usurpato il posto di Re del pollaio.

        Sì sì ma, cercando “Pietro Doca”, Google suggerisce immediatamente la correzione.

        • 16 Dicembre 2014 in 18:52
          Permalink

          Mi è stato confermato che è senza apostrofo

          • 16 Dicembre 2014 in 18:56
            Permalink

            La mia era una battuta per dire che Docasenzapostrofo non lo conosce nemmeno Google. 😀

  • 16 Dicembre 2014 in 18:37
    Permalink

    Pietro Doca.. un nome una garanzia!!! grande Peter

  • 16 Dicembre 2014 in 18:37
    Permalink

    vende gioielli

  • 16 Dicembre 2014 in 18:38
    Permalink

    Ci sarà sotto qualcosa

    • 16 Dicembre 2014 in 18:43
      Permalink

      Sotto c’è sicuramente qualcosa. Qualcosa che prenderemo dove non batte il sole noi tifosi

  • 16 Dicembre 2014 in 18:40
    Permalink

    Abbiamo aspettato fino ad ora un comunicato stampa per sapere il nostro futuro.finalmente esce e ne sappiamo come prima,visto che doca neanche google da notizie.conferenza stampa fissata per il 19?hanno finito di prenderci per il culo?perché non ci dicono veramente chi è il compratore?basta!!!!!

  • 16 Dicembre 2014 in 18:43
    Permalink

    Dietro di loro c’è la cordata Russo-Cipriota, che vuol dire che hanno comprato il Parma Luca Russo e il Signor Cipriota.

  • 16 Dicembre 2014 in 18:44
    Permalink

    direttore lasci perdere i commenti. lavori per noi 😀

  • 16 Dicembre 2014 in 18:47
    Permalink

    allucinante e grottesco. Deve essere il famoso personaggio importante della società civile italiana. Non si ha una sola notizia nemmeno anagrafica.
    Per gli azionisti bisogna aspettare il 19 sera. per il cda non si sa quando.
    Sembra tanto che qualcuno abbia dovuto fare molto in fretta…

  • 16 Dicembre 2014 in 18:48
    Permalink

    Io non vi capisco.. è già tanto che abbiano concluso, sembrava la riedizione dell’appuntamento con sanz..
    Si era capito che oggi avremmo avuto pochi dettagli per l’impossibilità di fare subito la conferenza. I dettagli sono due: il presidente (che nessuno conosce), e Leonardi nominato/ confermato DG. Francamente non so quale mi preoccupa di più. Speriamo che tutti i dubbi siano fugati con la conferenza, che seguendo il comunicato dovrebbe chiarire tutte le questioni più spinose

  • 16 Dicembre 2014 in 18:48
    Permalink

    signor Majo, dato che il nuovo presidente sembra avere radici sicule, lei, da buon isolano doc, non ne sa nulla?

    • 16 Dicembre 2014 in 18:51
      Permalink

      Ah, non è un gioielliere di Piacenza? Mi sembrava di aver letto così…

      • 16 Dicembre 2014 in 18:59
        Permalink

        non so chi ci sia dietro, potrebbero essere dai russi alla sorella di Ghirardi ma due cose sono ovvie: 1) considerando che quando ho scritto il nome su google mi è uscita la risposta: “chi c.zo è,non lo conosco, mi informo e ti faccio sapere”, è ovvio che sia il prestanome di qualcuno 2) la comunicazione del Parma è più ridicola di me vestito da donna al carnevale 2004!

  • 16 Dicembre 2014 in 18:48
    Permalink

    Ma chi è sto Doca?

  • 16 Dicembre 2014 in 18:49
    Permalink

    Che il Presidente sia italiano è normale, è questione di convenienza… Per una serie di ragioni, in ultimo la più sciocca ma ovvia, la conoscenza della lingua italiana.

    La VERA proprietà (Presidenza\proprietà non sono la stessa cosa) la scopriremo quindi Venerdì. O prima se trapelano indiscrezioni.

  • 16 Dicembre 2014 in 18:52
    Permalink

    Direttore mi scusi, ma sento parlare di Russi/Ciprioti, ma dietro tutto questo parlare e avvolte anche sparlare, non potrebbe esserci Taci e quindi l’Albania ?? Una curiosita’ perche’ non sento piu’ parlare di questa persona ed essendo una persona che cerca di leggere sempre tra le righe e quindi non leggere mai il titolo ma l’articolo scritto, mi viene questo dubbio che dietro a tutto questo “depistare” ci sia proprio il Taci Albanese….Lei cosa ne pensa e soprattutto cose ne pensa se effettivamente sia lui a prendere il Parma ? Con lui possiamo sperare ad una eventuale solidita’ societaria e magari anche ad altro…senza volare troppo ovviamente ? Aspetto una sua risposta e soprattutto un suo parere su cio’ che ho appena esternato. Nel ringraziarla colgo l’occasione per salutarla e per farle i miei complimenti.

  • 16 Dicembre 2014 in 18:53
    Permalink

    e twin peaks continua……

  • 16 Dicembre 2014 in 18:54
    Permalink

    Che vergogna

  • 16 Dicembre 2014 in 18:54
    Permalink

    venerdi’ scopriremo chi ha veramente ucciso laura palmer

  • 16 Dicembre 2014 in 18:54
    Permalink

    Quante menate che vi fate……io sto brindando. Finalmente siamo salvi e voi a pensare male. E’ chiaro che sarò un prestanome…..ma prestanome non è significato di disonesto o fallimento. Chi è quell’idiota che ti compra e fà fallire la società. Abbiate un po’ di fede. E’ chiaro che non è doca a metterci i soldi ma qualcuno li ha messi e se quel qualcuno non è uscito allo scoperto è perche e’ un pezzo grosso. Finalmente possiamo dire con CERTEZZA che giocheremo la serie B l’anno prossimo. Sono l’uomo piu felice della terra.
    Ora voglio sentire il caro Boni, che ovviamente gioca una parte in trasmissione…… nemmeno lui credeva a quello che diceva ieri.

  • 16 Dicembre 2014 in 18:54
    Permalink

    Mai comunicato ufficiale fu così ambiguo: leggendo attentamente non si capisce se effettivamente è stato stipulato un contratto di cessione oppure no, troppo vago e semplice dichiarare “facendo seguito al comunicato precedente”.

    • 16 Dicembre 2014 in 18:57
      Permalink

      “I dettagli dell’operazione e la nuova struttura societaria saranno presentati dai nuovi azionisti di riferimento” secondo Lei cosa significa?
      Secondo me se ci sono nuovi azionisti hanno venduto……

      • 16 Dicembre 2014 in 19:06
        Permalink

        Chiaramente è come dice Lei, ed è quello che mi auguro e ci auguriamo, però ritengo che, visto il clima che si respira in città di incertezza, sarebbe stato opportuno diramare un comunicato stampa un pochettino più chiaro, senza andare ad interpretazione. Nel fare comunque i complimenti alle parti per aver tenuto fede al patto di riservatezza sottoscritto al fine del buon esito della trattativa, oggi speravo di avere maggiori notizie in seno alla società, perchè in fondo in fondo la squadra è della città.

    • 16 Dicembre 2014 in 18:58
      Permalink

      Bhe…semplicemente han fatto seguito al precedente dove dicevano di aver raggiunto l’accordo per la cessione….su questo perlomeno di ambiguità non ce ne sono….è tutto il resto che è più fumoso della nebbia

  • 16 Dicembre 2014 in 18:58
    Permalink

    Come avevo scritto anche nei giorni scorsi e i fatti mi hanno dato ragione doca e il presidente prestanome ma i soldi arrivano dalla russia anche alla conferenza stampa non ve lo diranno mai

  • 16 Dicembre 2014 in 19:00
    Permalink

    Doca è un gioielliere di Piacenza scelto dai russi

    • 16 Dicembre 2014 in 19:02
      Permalink

      Questo è quanto ha scritto Parma Live.

      Io sto cercando opportune verifiche

  • 16 Dicembre 2014 in 19:00
    Permalink

    Al Ghiro al g’la caveda a feros gnir la pela DOCA

  • 16 Dicembre 2014 in 19:02
    Permalink

    doca e’ un nome albanese ?

  • 16 Dicembre 2014 in 19:03
    Permalink

    dopo un bresciano un piacentino,dai dai che il prossimo sara’ di fidenza

  • 16 Dicembre 2014 in 19:04
    Permalink

    Beh c’era in tv chi prestava una vocale o una consonante, eventualmente avremo al parma calcio chi presta un intero nome…
    Andrea, per dirla con Bennato “quanta fretta ma dove corri, dove vai…”

  • 16 Dicembre 2014 in 19:05
    Permalink

    Ti do per certo che Doca è un gioielliere di Piacenza. Che sia scelto dai russi non lo so

  • 16 Dicembre 2014 in 19:06
    Permalink

    DOCAzzo andiamo con ‘sta nuova proprietà? Giochi di parole a parte, la cessione del Parma assomiglia sempre di più a Beautiful: ogni giorno che passa, ne sappiamo meno o non di più del giorno prima. Solo che Beautiful è pieno di belle fighe.

  • 16 Dicembre 2014 in 19:15
    Permalink

    Dietro costui spero ci sia un russo o se no siamo nella merda

  • 16 Dicembre 2014 in 19:17
    Permalink

    che gioie vedervi cosi messi male……finiti i soldi del monopoli con fallisto tanzi ora cicciobello se mangiato anche le bandierine…per voi figli di platinette la vedo dura… il derbi si avvicina….forza regia

    • 16 Dicembre 2014 in 19:19
      Permalink

      Mo co dit? Testa quedra… Adesso sono arrivati i rubli…

      • 16 Dicembre 2014 in 19:23
        Permalink

        Travolta anche la Borsa di Mosca, che perde il 19%, il crollo peggiore dal 1995.
        sarà l’effetto dell’acquisto del parma fc?

    • 16 Dicembre 2014 in 19:22
      Permalink

      Lo sanno tutti che a Reggio…….

      • 16 Dicembre 2014 in 20:01
        Permalink

        grazie foglia !

      • 16 Dicembre 2014 in 20:04
        Permalink

        hanno le mamme a noleggio…..

    • 16 Dicembre 2014 in 20:00
      Permalink

      grazie foglia !

    • 16 Dicembre 2014 in 20:23
      Permalink

      mo tes testa quedra che at ghe un president fali et va ben sugher in serie C, pirlot l’era un furbon

  • 16 Dicembre 2014 in 19:21
    Permalink

    Speriamo che Doca non sia l’Albertini della situazione….

  • 16 Dicembre 2014 in 19:24
    Permalink

    DOCA JUNIORS…
    IL LEO C’È ANCORA = FINO ALLA FINE CON OSSO

  • 16 Dicembre 2014 in 19:29
    Permalink

    signor testa quadra in 3 righe ha fatto un errore enorme di grammatica e sbagliato anche a scrivere derby. Abbia la compiacenza di imparare a scrivere in italiano prima di intervenire.
    Detto questo, ho un milione di dubbi.
    Trattativa troppo frettolosa condotta o quanto meno seguita dal signor Leonardi.
    Un presidente non presentato, a cui si attribuisce una dichiarazione e che è sconosciuto ai più e che ha una ditta individuale ( forse) a Piacenza. Se è tanto ricco poteva comprarsi Piacenza e Pro Piacenza che costavano meno senz’altro.
    Un comunicato in cui non si menziona affatto l’avvenuto passaggio di quote ma si riprende il comunicato precedente con cui non c’era stato alcun passaggio di quote.
    Onestamente sono disgustato . Ma sarà un problema mio senz’altro

  • 16 Dicembre 2014 in 19:59
    Permalink

    si, doca e’ un gioielliere di piacenza
    e’ titolare della doca gioielli
    sicuramente lui e’ un prestanome della nuova proprieta’
    spero che la nuova proprieta’ sia seria, poi alla fine non conta tanto chi e’ il presidente ma chi ce’ dietro alla proprieta’
    spero sia seria e affidabile
    evidentemene ce’ stato qualcuno che ha voluto investire nel parma calcio

  • 16 Dicembre 2014 in 20:02
    Permalink

    Non è Pietro doca…è petrit doka…è albanese

  • 16 Dicembre 2014 in 20:04
    Permalink

    saral mighe albanes ?

  • 16 Dicembre 2014 in 20:06
    Permalink

    Secondo me Doca è una garanzia. Parte tra i risolini ma da quello che so è sedutgo su capitali veri. aspettiamo venerdì. Grande Doca!!

  • 16 Dicembre 2014 in 20:18
    Permalink

    Dal sito della Gazzetta dello Sport:

    DOCA, CIPRO E I RUSSI… — Gioielliere di Piacenza, titolare della Doca Gioielli, Pietro Doca è stato scelto dalla nuova proprietà quale nuovo presidente del Parma Fc. Da fonti vicine al club filtra l’indiscrezione che Doca sia il rappresentante legale della società di Cipro che ha acquistato il Parma. Da qui la conferma della presenza di una cordata alle sue spalle, cordata che è legata a Cipro ma che non è detto sia formata strettamente da ciprioti. Dietro infatti c’è un gruppo russo-cipriota impegnato nell’acquisto della realtà emiliana. Dopo l’avvocato Fabio Giordano, vicepresidente entrante, ecco emergere quindi una nuova figura di spicco all’interno del nascente organigramma. Il tutto in attesa di scoprire, venerdì, i volti e i nomi dei nuovi proprietari.

    • 16 Dicembre 2014 in 20:19
      Permalink

      Quindi, sostanzialmente, abbiamo avuto la medesima indiscrezione…

  • 16 Dicembre 2014 in 20:30
    Permalink

    In tutta questa apparente nebulosità se guardate bene le nebbie si stanno rischiarando.
    Gratta il Pepito e troverai il Peppone, diceva il grande Giovannino Guareschi.
    Quello che mi pare lampante è che le new entry non siano che i prestanome di stranieri che per il momento e, a mio avvisoi, chissà per quanto tempo ancora non si manifesteranno. Forse mai. Con vostro scorno forse, ma così è se vi piace.
    Gli intendimenti reali di questi nuovi finanziatori si capiranno rapidamente: il mercato di gennaio è molto vicino e se ci sono rubli, euro, dinari, dollari, yen o quant’altro avre un uomo come Leonardi sul mercato è una sicurezza.
    Intererssante sarebbe anche capire che fine hanno fatto i soci di minoranza sia della controllante che della controllata

  • 16 Dicembre 2014 in 20:37
    Permalink

    MI SA CHE I VOLTI DEI VERI PROPIETARI NON LI VEDREMO MAI ….NEPPURE FRA QUALCHE MESE NELLE AULE DEL TRIBUNALE FALLIMENTARE ……

  • 16 Dicembre 2014 in 22:00
    Permalink

    I russi ciprioti non saranno presenti alla conferenza stampa indetta per venerdi ciò mi da da pensare

  • 16 Dicembre 2014 in 22:28
    Permalink

    Pietro Doca titolare della Doca Gioielli di piacenza…

  • 16 Dicembre 2014 in 22:36
    Permalink

    …news..Secondo le ultime informazioni, il nuovo presidente del Parma ha legami diretti con l’imprenditore albanese Rezart Taçi. Doca, nato a Tirana nel marzo del 1971, ma cittadino italiano, è stato infatti amministratore unico della Taci Oil Italia, società con sede a Miradolo Terme (Pv) ma ora non più attiva, tanto che Doca ne sta gestendo la liquidazione.

  • 16 Dicembre 2014 in 23:56
    Permalink

    Col rublo che sta crollando, l’unica cosa di cui non abbiamo bisogno son proprio i russi 😀

  • 17 Dicembre 2014 in 08:50
    Permalink

    Evviva, avevo visto giusto nel mio post precedente.

    Adesso siamo in mano agli albanesi !

    Aspettiamo i progetti ed i programmi.

    Speriamo solo solo che non ci iscrivano al campionato Balcanico.

  • 17 Dicembre 2014 in 17:45
    Permalink

    Petrit Doka albanese

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI