UFFICIALE: NOTA STAMPA DEL PARMA FC CHE INFORMA CHE E’ STATO CEDUTO IL PACCHETTO DI MAGGIORANZA DI EVENTI SPORTIVI. MARTEDI LA PRESENTAZIONE

(da fcparma.com) – 11 dicembre 2014 – La società Parma F.C. comunica che nella giornata odierna è stato raggiunto l’accordo per la cessione del pacchetto di maggioranza della controllante Eventi Sportivi S.p.A., le cui azioni verranno girate davanti al Notaio Giovanni Posio di Brescia martedì 16 dicembre 2014 in favore degli acquirenti.

Contestualmente verrà convocata una conferenza stampa nella quale verranno presentati i nuovi azionisti e i dettagli dell’operazione

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

80 pensieri riguardo “UFFICIALE: NOTA STAMPA DEL PARMA FC CHE INFORMA CHE E’ STATO CEDUTO IL PACCHETTO DI MAGGIORANZA DI EVENTI SPORTIVI. MARTEDI LA PRESENTAZIONE

  • 11 Dicembre 2014 in 19:24
    Permalink

    Direttore fuori i nomi…adesso che è ufficiale può parlare…

      • 11 Dicembre 2014 in 19:27
        Permalink

        Ho capito…se li vuole tenere per stasera…

          • 11 Dicembre 2014 in 19:33
            Permalink

            E ci metta il naso…cribio!

          • 11 Dicembre 2014 in 19:35
            Permalink

            Il mio olfatto è sensibile… Certi odori gli fan male

  • 11 Dicembre 2014 in 19:24
    Permalink

    adesso parlate, parlate…..chi sono lo vedremo, ma chi insinuava fosse tutta una bufala adesso taccia

    • 11 Dicembre 2014 in 19:26
      Permalink

      infatti sara’ la mozzarella di bufala campana dop che intende rilanciarsi 🙂

    • 11 Dicembre 2014 in 19:27
      Permalink

      Io non ho mai insinuato fosse una bufala. Poi vedremo chi c’è dietro… Nel comunicato – stilato dai legali dei venditori – non mi pare sia specificato, al di là dell’interessantissimo dettaglio dell’avvocato bresciano, chi sia mister x…

      • 11 Dicembre 2014 in 19:28
        Permalink

        non ce l’ho con lei. ma con quelli che dicevano dall’alto dei cieli che fosse tutta una farsa l’operazione.

  • 11 Dicembre 2014 in 19:26
    Permalink

    si ma chi sono i nuovi soci forse Abramovic?

    si sapra’ martedi’ speriamo

    SEMPRE FORZA PARMA

  • 11 Dicembre 2014 in 19:26
    Permalink

    Tanto valeva aspettare martedì e spiegare a modo..

  • 11 Dicembre 2014 in 19:27
    Permalink

    speriamo siano piu seri di ghirardi altrimenti e’ notte fonda

  • 11 Dicembre 2014 in 19:27
    Permalink

    Direttore cosa significa cessione della Eventi Sportivi …. Non c’è anche la società parma Fc?

    • 11 Dicembre 2014 in 19:34
      Permalink

      E’ stato ceduto il pacchetto di maggioranza: ergo Ghirardi o qualcuno dei soci di minoranza (Ferrari, Volpi, Rossi rimarranno nel pacchetto azionario).

      Eventi Sportivi è la società controllante della controllata Parma F.C. Spa di cui detiene il 90% mentre il restante 10% e di Energy T.I. Spa

  • 11 Dicembre 2014 in 19:29
    Permalink

    Intanto tirano avanti un’altra settimana. Fino a martedi non ci sarà trippa per gatti. La soluzione del mistero è rimandata. Rimaniamo in ansia per assistere al finale di stagione.

  • 11 Dicembre 2014 in 19:29
    Permalink

    Dietro c’e’ Massimo Moratti. Ieri ero a Milano ed ho visto Ghirardi che entrava in un palazzo e subito dopo Moratti

  • 11 Dicembre 2014 in 19:29
    Permalink

    Soddisfatti ragazzuoli?
    Ha venduto come vi dicevo
    Ora il gesso vi servira’ martedi per scrivere alla lavagna i nomi degli acquirenti ( forse non proprio tutti)

  • 11 Dicembre 2014 in 19:33
    Permalink

    MAJO I NOMI………………….

    • 11 Dicembre 2014 in 19:36
      Permalink

      Non sono frate indovino…

      Ma non vi sono bastati quelli di questi giorni? Kerimov, taci, sanitaria borromeo?

      • 11 Dicembre 2014 in 19:39
        Permalink

        Vitali Kutuzov!

  • 11 Dicembre 2014 in 19:38
    Permalink

    Allora – questo vuol dire che hanno firmato, o firmano martedì?

  • 11 Dicembre 2014 in 19:41
    Permalink

    Magni del Borgo San Donnino lo so per certo!!!!!!!

  • 11 Dicembre 2014 in 19:56
    Permalink

    ohh finalmente!!! era proprio la notizia che aspettavamo, ora non è importante sapere chi è il compratore, l’importante è che ci abbiano davvero comprato. cmq tutto questo silenzio fa pensare che si tratti davvero di una persona ricca e sarebbe davvero un’ottima cosa, russo, cipriota, albanese, di qualsiasi nazionalità sia…basta che sia interessato al calcio e si impegni per il Parma, non eravamo nelle condizioni di poter scegliere noi gli acquirenti, chiunque sarà dovremo essere felici perchè, solo una settimana fa, si temeva il fallimento mentre adesso, se proprio va male, andremo “solo” in serie b e già questo è tanto:)

    • 11 Dicembre 2014 in 22:50
      Permalink

      Brava Sere; pensa positivo e non come tutti quei pisquani che vedono ombre e annusano olezzi ovunque.
      Signori per il momento non falliremo e questa e’ già’ una buona novella natalizia

  • 11 Dicembre 2014 in 19:58
    Permalink

    Se si trattasse realmente di Moratti, da tifoso sarei veramente soddisfatto. Ciò che mi lascia perplesso è questo comunicato. Ma voglio andare oltre e capire perché è stato scritto in questo modo, e cioè nascondendo l’identità dei compratori, quasi come se si avesse la necessità di proteggerli. E una delle poche conclusioni che ne ho tratto, è questa: se i nomi degli acquirenti ancora non sono stati svelati, probabilmente è perché quegli acquirenti potrebbero essere già impegnati altrove e prima di uscire allo scoperto, intendono sistemare per bene ciò che per l’appunto hanno altrove. Se fosse Moratti, questi, avendo una quota di minoranza dell’Inter, sarebbe costretto quasi a svenderla nel minuto in cui si venisse a sapere che ha rilevato il Parma. Quel comunicato potrebbe essere un modo per permettere ai nuovi padroni di prendere tempo e averne ancora un po’ per farsi trovare con le mani slegate. Diversamente, non saprei trovare altra ragione che lo giustifichi.

  • 11 Dicembre 2014 in 19:59
    Permalink

    Intanto abbiamo già rimandato a martedì. Un thriller della peggiore specie.

  • 11 Dicembre 2014 in 20:11
    Permalink

    Non è che non vogliono svelare i nomi fino alla presentazione, è che Ghirardi non lo sa nemmeno lui a chi ha venduto! In questi giorni si informerà!

  • 11 Dicembre 2014 in 20:15
    Permalink

    Comunque, prendo atto con moderata soddisfazione che l’operazione di cessione del Parma ha ricevuto la benedizione di Energy T.I.; il fatto che questa abbia mantenuto il 10% delle quote della società, dal mio punto di vista vuole significare due cose:

    1) quelli di Energy non hanno intenzione di sputtanare la sponsorizzazione da 25 milioni in 10 anni;

    2) quelli di Energy ritengono affidabili e dunque anche solidi i nuovi soci;

    La prima delle due conclusioni è quella più ovvia e banale; la seconda dovrebbe fornirci qualche rassicurazione in relazione alle intenzioni dei nuovi padroni. Diversamente, credo che Energy, pur stante l’investimento da 25 milioni in 10 anni di cui sopra, si sarebbe liberata del suo 10%, cedendolo agli ultimi arrivati.

    • 11 Dicembre 2014 in 20:21
      Permalink

      Ferma il tram. Sul discorso energy ne riparleremo. Io ho solo ricostruito il pacchetto come potrebbe essere dal momento che e’ stata venduta eventi e loro sono soci in parma fc. Ma evitiamo ogni ragionamento in merito che e’ fuori luogo. E sul discorso moratti non scherziamo

      • 11 Dicembre 2014 in 20:30
        Permalink

        Beh, allora spiegami perché uno che compra una villa, dovrebbe comprare tutto e lasciare il garage ai vecchi padroni. Sul discorso Moratti ragionavo per ipotesi, esempi e condizionali. Se fosse realmente lui, cosa francamente difficile, io ne sarei felicissimo.

        • 11 Dicembre 2014 in 20:36
          Permalink

          Ribadisco per chiarezza: mister x ha comprato il pacchetto di maggioranza di eventi sportivi che al 90% controlla il Parma fc il cui 10% appartiene a energy. Quindi è stata venduta la controllante non la controllata

    • 11 Dicembre 2014 in 23:14
      Permalink

      e perché mai chi ha comprato la quota di maggioranza della controllante si dovrebbe sobbarcare anche l’acquisto di una piccola ed insignificante quota della controllata? Questo, anzi, getta ulteriori ombre sulla reale motivazione che sta dietro l’operazione Energy

      • 12 Dicembre 2014 in 09:13
        Permalink

        Per non avere ‘rotture’ tra le scatole. Se quelli di Energy hanno qualcosa da nascondere o un paio di scheletri nell’armadio, dubito che non ne abbiano anche i nuovi arrivati, e specialmente se si tratta dei russi-ciprioti di cui si è sentito parlare…

  • 11 Dicembre 2014 in 20:18
    Permalink

    Io ho visto Ghirardi entrare dal notaio insieme a Kerimov e Kutuzov. Credete anche a me e mi dedicate 20 commenti come a quello che ha scritto che ha visto Moratti?

    • 11 Dicembre 2014 in 20:30
      Permalink

      Era Gresko,no Kutuzov

    • 11 Dicembre 2014 in 20:31
      Permalink

      non ti credo perche’ era gurenko

  • 11 Dicembre 2014 in 20:29
    Permalink

    Secondo me direttore si dovrà genuflettere… Gli spifferi della dirigenza parma calcio parla di tanti soldi in arrivo….

    • 12 Dicembre 2014 in 00:20
      Permalink

      Vista la credibilità della dirigenza, ho paura che gli spifferi citati si riferiscano ai soldi dell’ultima partita a Monopoli.

  • 11 Dicembre 2014 in 20:31
    Permalink

    Moratti che compra il Parma… Ma che seghe mentali vi fate?

  • 11 Dicembre 2014 in 20:40
    Permalink

    È’ il regalo di ghirardi a parma… Visto che il 16 dicembre è’ il compleanno n.101 della nostra grande società…. E secondo me sarà un gran regalo!!!

    • 11 Dicembre 2014 in 23:11
      Permalink

      Speriamo migliore di quello del centenario..
      Io a Moratti non ci ho mai creduto e tutt ora ne dubito fortemente.
      Ho cercato anche io di capire che senso possa avere la permanenza di alcuni, non vorrei che la spiegazione fosse la più banale e terra-terra.. Perché vendere oggi a prezzo irrisorio? Tanto vale rischiare di poterlo fare per un corrispettivo maggiore in tempi migliori

      • 12 Dicembre 2014 in 09:06
        Permalink

        Vendere oggi a prezzo irrisorio? Ghirardi, se fosse vero ciò che è venuto fuori negli ultimi giorni, se ne uscirà non solo ripulito dai debiti maturati nelle ultime gestioni ma anche con una bella paghetta…e il Parma è ben inchiodato all’ultima piazza con la prospettiva della B molto più concreta di quella della permanenza in A. Chi lo fa l’affare?

    • 12 Dicembre 2014 in 07:58
      Permalink

      Pacco, contropacco e paccotto… Mitica Vincenza

  • 11 Dicembre 2014 in 20:48
    Permalink

    Invece di disquisire chi è il compratore , come si farà’ con l’embargo , se firmeranno a Brescia o a Milano, penso che si debba festeggiare tutti la scampata lega Pro. Voto gestione Ghirardi 4. Due retrocessioni in 7 anni. Squadra presa in A e lasciata in B.sperando sempre nel miracolo lui la lascia ora in B.

    • 11 Dicembre 2014 in 23:32
      Permalink

      Lui il Parma lo vende in serie a, non è mica colpa sua se gli altri non riescono a raggiungere la salvezza 🙂

    • 12 Dicembre 2014 in 08:04
      Permalink

      Se festeggi la scampata lega pro o serie d, non puoi dare solo 4 alla gestione Ghirardi che ti ha fatto stare cinque anni dalla parte sn della classifica e che ora ti assicura un futuro radioso, stando alla previsione di ampelio, anche se secondo me c’è un po’ più fresco e ventilato…

      • 12 Dicembre 2014 in 12:41
        Permalink

        Direttore è come se in un matrimonio il marito dato che ha fatto passare alla moglie alcuni bei momenti( parte sx della classifica) dopo averti massacrata di botte, non avendoti ammazzata ( cessione della societa’) debba essere considerato un buon marito. Pensandoci bene voto a Ghirardi 3.

  • 11 Dicembre 2014 in 20:52
    Permalink

    Se scopriremo – come credo – che sarà la Stikazzosky Limited con proprietari sconosciuti ad aver acquistato la Eventi Sportivi, vi verrà il dubbio che forse questa enorme operazione (enorme perché pare che i debiti del Parma, ad oggi, non siano contabilizzati in decine di milioni) non sia proprio una specchiata pianificazione a fini sportivi?
    Del Parma oggi non frega un C a nessuno, se non ai tifosi e ad alcuni giornalisti. Fra cui Majo, che andrebbe un po’ più ascoltato.
    Stiamo attenti perché il tunnel mi pare ancora lungo…

    • 12 Dicembre 2014 in 07:56
      Permalink

      Sperando di non star troppo freschi…
      Grazie per l’ascolto

  • 11 Dicembre 2014 in 21:26
    Permalink

    Ragazzi aprite gli occhi, per piacere perché un miliardario (o chi per esso) dovrebbe comprare il club? Ipotesi 1) ne è tifoso (neanche Barilla è tifoso del Parma….) 2) Gli serve per farsi pubblicità (non è questo il caso…Parma a meno di petroldollari o simili è vincolato alle regole di dominio italiane…) 3) altro (business diversi).
    Premesso che al miliardario non credo, e qualora fosse vero a che prezzo paghi il successo sportivo? In Italia non vi schifano abbastanza la juve ed i rossoneri o gli ex amici di Moggi ora moralisti come i Della Valle?!? Ecco allora anzi davvero un Cairo o un signore come Ghirardi,che per quanto a livello sportivo abbia comprato una squadra e un club più grandi di lui,sulla sua onestà e pulizia anche solo relativa all’ambiente del.calcio di serie A è un agnello.
    Per quanto riguarda gli italiani, non parmigiani (e mi piacerebbe che la nuova proprietà tagliasse i ponti con quei finti tifosi dell’UPI), non ci sarà nessun nome capace di scaldare il cuore, perché chi prende una società gravata da debiti,sull’orlo del fallimento sportivo?

    • 11 Dicembre 2014 in 22:54
      Permalink

      l’ anzhi aveva questo grande richiamo mediatico prima o dopo che fu acquistata?

  • 11 Dicembre 2014 in 21:45
    Permalink

    Perche nn lo avete comprato voi il parma,,,sempre a giusicare nn vi sta bene mai nulla…

    • 12 Dicembre 2014 in 09:25
      Permalink

      mi spiace antonio io l’asilo l’ho gia’ finito da un pezzo e son sempre stato promosso

  • 11 Dicembre 2014 in 21:51
    Permalink

    Certamenti petrolieri individuati da Giuli: andrà a crearsi una buona sinergia che ci porterà in Champions League.

      • 11 Dicembre 2014 in 22:11
        Permalink

        Che boni cresce…

    • 12 Dicembre 2014 in 01:09
      Permalink

      boni è un completo imbec….e

  • 11 Dicembre 2014 in 22:18
    Permalink

    Sicuramente questo mistero sul nome sta creando un’attenzione mediatica in Italia e non solo sulla cessione che e’ tutta pubblicita’ gratuita. Se fosse orchestrata dalla nuova proprieta’? Se cosi fosse gia’ cominciano col piede giusto almeno sotto l’aspetto del marketing. Dovrannp sicuramente anche intervenire nella comunicazione perche quella attuale e’ imbarazzante.

    • 11 Dicembre 2014 in 23:01
      Permalink

      Quella attuale faccio perfino fatica a definirla comunicazione. Piuttosto, la chiamerei non comunicazione…insomma, più che intervenire sulla comunicazione, bisognerebbe crearne una…

    • 12 Dicembre 2014 in 07:40
      Permalink

      Temo non si tratti di strategia di marketing. Anche se l’esperto è Marcello…

  • 11 Dicembre 2014 in 22:50
    Permalink

    Io continuo a non capire il senso di comprare una squadra retrocessa, c’è qualcosa che non torna…
    Se sono dei magnati (cosa che non penso, se il nome sarebbe uscito) perché non hanno comprato Atalanta/Verona/Palermo/Torino tutte società sportivamente messe meglio di noi e altre città rispetto alla piccola Parma…
    Se poi domenica non si fanno i 3 punti martedì ci sarà veramente da piangere…

    • 11 Dicembre 2014 in 23:46
      Permalink

      Forse perche’ Atalanta/Verona/Palermo/Torino non sono in vendita e comunque a livello europeo di quelle citate il Parma e’ la piu’ conosciuta. Magari poi gli interessi non sono legati strettamente alla citta’ Parma ma piu in generale al mercato Italiano che se riuscisse ad aggiudicarsi l’organizzazione delle Olimpiadi farebbe gola a molti e in molti settori ma ho sei gia qui o ciccia.

    • 12 Dicembre 2014 in 00:04
      Permalink

      e comoprarne una già in serie B come il bologna, che senso ha. Perchè dovrebbe essere uscito il nome in caso di magnati?
      Non han comprato quelle forse perchè quelle società non sono attualmente in vendita?
      Parma sarebbe tanto più piccola rispetto a bergamo e verona? Palermo infestata dalla mafia è meglio di parma? Capisco criticare i malati di grandeur ma anche questo continuo perdentismo con cui molti si martellano le palle è davvero patetico e fastidioso.

  • 11 Dicembre 2014 in 23:27
    Permalink

    Comunque trovo veramente paradossale che sia ufficiale la cessione ma non sI sappia a chi. non conosco il caso Bari, ma una roba del genere è la prima volta che la vedo…e soprattutto non ne capisco il motivo di tutto sto segreto se ormai è ufficiale…boh

    • 12 Dicembre 2014 in 00:05
      Permalink

      è cosi difficile aspettare martedi?

  • 11 Dicembre 2014 in 23:46
    Permalink

    Da wikipedia:
    Bergamo (/’bɛrgamo) Bèrghem in dialetto bergamasco) è un
    comune italiano di 118 692 abitanti, .

    Parma ne ha 188000 (sempre fonte Wikipedia)

    I soliti disfattisti devono dire che la piccola Parma è più piccola della grande Bergamo… Va bene, bravo.

    Comunque se vogliamo paragonare la storia del Parma e quella dell’Atalanta facciamolo. All’estero il Parma lo conoscono tutti, l’atalanta chi la conosce? E poi non mi risulta che quelle squadre li siano in vendita.

    Quindi commento fuori luogo, da disfattista. Quando salirai sul prossimo carro del vincitore (sperando che ci sia) te lo rinfaccerò

    • 12 Dicembre 2014 in 09:05
      Permalink

      Innanzitutto Bergamo ha un hinterland e va conteggiato, ma la geografia non è materia di tutti. Cmq Intendevo società economicamente sane più della nostra….
      tutti speriamo vada tutto bene, che disfattisti, io sono disfattista per il campo, cioè anche se arrivasse Ibrahimovic ormai siamo retrocessi…e questo la sappiamo tutti ed è insindacabile

  • 12 Dicembre 2014 in 00:26
    Permalink

    adesso ci vuole un nuovo responsabile della comunicazione…

    • 12 Dicembre 2014 in 00:41
      Permalink

      Il responsabile della comunicazione, lo dico per esperienza diretta, in certe situazioni non può che essere un passacarte di chi di comunicazione non ne sa.

  • 12 Dicembre 2014 in 08:29
    Permalink

    Majo ma se lei non vede la luce in questa operazione, che sulla carta al momento almeno ci evita il fallimento, ci spieghi con le sue parole (semplici) quali sono i motivi di questa preoccupazione. E’ facile fare battute senza dare un significato, anche io posso dire che siamo stati acquistati da un milionario e vinceremo il campionato. Ci faccia capire quali sono le sue informazioni sulle quali dovremmo addrizzare le orecchie, cos’i’ almeno ci prepariamo a martedi. Pensa che non venga nessuno a firmare??? Pensa che ci porteranno al fallimento questi nuovi proprietari??? E cosa cambierebbe dalla situazione attuale. E’ inutile che continui a sperare che il parma venga acquistato da barilla zanetti o compagnia cantante, dobbiamo essere contenti se qualcuno ci salva il culo con quali scopi non deve interessarci. E poi basta con il fatto che siamo stati cinque anni dalla parte sinistra della classifica, tenendo conto che realta’ come la nostra (udinese) lo fanno tutti gli anni, considerando che il calcio italiano è penoso, che ad oggi con due vittorie in piu’ e dico due saresti quasi salvo, ma di cosa stiamo parlando. Ghirardi è stato e rimarrà un pessimo presidente, non tanto per i risultati sportivi ma soprattutto per quello che si è dimostato. Uomo falso, permaloso e che vuole sempre essere al centro del mondo…..

  • 12 Dicembre 2014 in 08:56
    Permalink

    Se non ricordo male anche Bondi quando vendette a Ghirardi non disse prima della conferenza stampa a chi aveva venduto.
    Forse si era saputo prima ma da voci ufficiose e non ufficiali.
    Se martedì non diranno chi sono i veri compratori concorderò con voi che la cosa non è bella, ma fino ad allora non ci vedo nulla di cosi strano in questa riservatezza.
    L’errore è stato presentare Giordano prima che tutto fosse concluso creando cosi tutta questa aspettativa, però forse lo hanno fatto per dare una scossa alla squadra e onestamente arbitro a parte con Lazio qualche cosa di meglio si è visto.

    Per me la cessione non è ufficiale, ma se mai è ufficiale che hanno trovato l’accordo.

  • 12 Dicembre 2014 in 10:05
    Permalink

    Scusate tutti ma voglio dissociarmi dalle critiche sul comunicato del Parma. Hanno informato che è’ stato raggiunto un accordo per la vendita e che martedì ci sarà’ la girata delle azioni al nuovo proprietario che sarà’ in quel momento presentato. Ciò significa che ieri hanno firmato il contratto con provabile relativo versamento di acconto, ed è stata data alla tifoseria corretta informazione.di detto passaggio,onde evitare ulteriori illazioni sulla vendita. Martedi ci sarà la girata delle azioni passaggio finale determinante per poter considerare la società legalmente venduta e pertanto in quel momento e solo in quel momento presentare il nuovo compratore, onde evitare di scatenare i Boni di turno con discorsi tipo, hanno girato le azioni dal notaio?No! Allora non credo a nulla. Mi sembra tutto corretto e normale. Ma tant’è ,di normale nel calcio non c’è nulla!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI