ANGELLA SVELA: “CHIESTA AL REAL MADRID LA DISPONIBILITA’ PER UNA AMICHEVOLE. IL TEATRINO DI TACI, PERO’, DEVE FINIRE: DICA CHIARAMENTE COME STANNO LE COSE”. ALLE 21 CALCIO & CALCIO


(di Michele Angella, dal TG di Teleducato – web registrazione a cura di Alex Bocelli) –Qualche colpa forse l’abbiamo anche noi giornalisti. Si perché quando il neo presidente del Parma FC riferisce in una intervista ufficiale che Balotelli è stato ad un passo dall’accettare la proposta crociata, quando dall’entourage del Parma ti raccontano di avere contattato i vari Borini, Osvaldo o Giovinco, bisognerebbe mettersi a ridere o fare una pernacchia, anziché dare un minimo di credito a queste affermazioni. Si perché a questo punto, diciamolo chiaramente, il teatrino deve finire. Se i soldi ci sono, allora, che vengano messi a disposizione, ormai non più per il mercato (inutile), ma per pagare gli stipendi e i fornitori. Anziché far sapere di avere telefonato a Florentino Perez per proporgli di portare il Real Madrid al Tardini il prossimo luglio (si, nelle ultime ore ci è toccato essere informati pure di questo…), l’ingegner Rezart Taci dovrebbe dire realmente come stanno le cose.

Chi rappresenta la Dastraso Holding? Quali sono i progetti della nuova proprietà?

I misteri devono terminare!

E ancora: diteci perché nel nuovo organigramma societario figura continua a figurare come  Ad Pietro Leonardi,  il perno della passata gestione che abbiamo visto dove ci ha portato? I tifosi delle partite a scacchi stile stile Ingmar Bergman, quelle giocate con la morte, non ne possono più. Il Taci che va nei distinti del Tardini e cena amabilmente con il sindaco e i potenti della città, la sorella che visita il centro sportivo di Collecchio, il suo uomo di fiducia che viene nominato presidente: va tutto bene, è tutta coreografia, ma adesso ci vogliono i fatti concreti. Il Parma sta precipitando penosamente in serie B: si dica chiaramente se c’è un progetto per la prossima stagione e in cosa consiste. La cadetteria, con una società seria, sana e un progetto chiaro e solido – lo abbiamo rimarcato più volte – non sarebbe un dramma. Ma c’è una società seria e solida? A quanto risulta alla nostra redazione sarebbe in corso il tentativo da parte dell’Ad Leonardi di reperire fondi attraverso contatti alternativi a Taci, con l’ingresso nella cordata di nuovi imprenditori.  Una corsa contro il tempo che indica in rosso la data del 16 febbraio quella nella quale devono assolutamente essere regolarizzati stipendi e adempimenti fiscali, pena altri punti di penalizzazione in classifica. Purtroppo, però, più che la classifica del Parma, qui c’è più che mai in gioco la sopravvivenza stessa del club, piaccia o non piaccia a chi ci ha sempre accusato e continua ad accusarci di disfattismo, quando invece abbiamo sempre tentato di fornire una informazione vigile, corretta e soprattutto senza complicità alcuna. Dibattito stasera sulla nostra Teleducato, come ogni lunedì, con  Calcio & Calcio, in diretta alle ore 21. Michele Angella (dal TG di Teleducato delle ore 14 del 26.01.2015 – web registrazione a cura di Alex Bocelli)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

53 pensieri riguardo “ANGELLA SVELA: “CHIESTA AL REAL MADRID LA DISPONIBILITA’ PER UNA AMICHEVOLE. IL TEATRINO DI TACI, PERO’, DEVE FINIRE: DICA CHIARAMENTE COME STANNO LE COSE”. ALLE 21 CALCIO & CALCIO

  • 26 Gennaio 2015 in 16:02
    Permalink

    Dai che bello!! In estate il Real Madrid e in settembre il Baracca Lugo!!!

  • 26 Gennaio 2015 in 16:03
    Permalink

    Se veramente spende i soldi per organizzare una amichevole e non paga i suoi dipendenti siamo in mano a un c……e come pochi

  • 26 Gennaio 2015 in 16:06
    Permalink

    io direi regaliamogli indifferenza ..disertare il tardini ( tanto ormai il problema della b è risolto) così capiranno che aria tira….è l unica contestazione possibile e civile qua a parma, visto che noi siamo gente e posto

  • 26 Gennaio 2015 in 16:09
    Permalink

    Taçi ha teso un bel trappolone a Leonardi, diciamo le cose come stanno, Majo, senza tante perifrasi. Leonardi doveva vendere per evitare guai, si è accordato con Taçi il quale però non ha rispettato i patti, costringendo Leonardo a fare il giro d’Italia per trovare nuovi finanziatori. La cosa però è estremamente difficile e intanto la squadra precipita e ora non è più disposta ad aspettare. Taçi ha tirato la corda al massimo e Leonardi è finito in ospedale. L’astuto albanese aspetta che i giocatori facciano fallire la società e poi se la compra a prezzi stracciati e senza debiti, gustificando la mossa con il fatto che “erano stati nascosto nuovi debiti”. Quando rileverà il Parma (nei dilettanti?) lo porterà con poco sforzo economico in serie B, forse in serie A, e lo rivenderà senza debiti. Un genio.

    • 26 Gennaio 2015 in 16:12
      Permalink

      Un romanzo, che giustamente possono scrivere gli scrittori di fantasia, non i cronisti…

      • 26 Gennaio 2015 in 16:18
        Permalink

        Un romanzo che però non è affatto lontano da quanto lei lascia intendere e che è tutt’altro che impossibile. Nel mondo degli affari certe cose succedono. Poi non pretendo che lei si esponga dicendo che la pensa così, però si può dedurre dai suoi scritti che grosso modo non la vede tanto diversamente.

        • 26 Gennaio 2015 in 16:25
          Permalink

          infatti: il cronista alle volte invidia il romanziere. senza dimenticare che spesso la realtà è spesso più fantasiosa della fantasia.
          cmq vedo che sta iniziando a comprendere la majeutica alla majo…
          cordialmente
          gmajo

          • 26 Gennaio 2015 in 16:27
            Permalink

            Majo novello Socrate.

    • 26 Gennaio 2015 in 18:23
      Permalink

      la fa fallire ma non è mica detto che poi se la compra…..

    • 26 Gennaio 2015 in 18:30
      Permalink

      Se fosse reale questo scenario, allora Cassano sarebbe complice (involontario o volontario) dell’albanese…

  • 26 Gennaio 2015 in 16:10
    Permalink

    Ma questa non è la tesi di ENRICO BONI ?

  • 26 Gennaio 2015 in 16:20
    Permalink

    Majo ma davvero i giocatori del Parma vanno alla AIC per chiedere lo svincolo?
    Se si il Parma come è con chi gioca? Primavera? Ultimo punto in casa di asta fallimentare per definizione non è che se l’aggiudica chi offre di più? E per dirne una non è detto sia Taçi….

    • 26 Gennaio 2015 in 16:34
      Permalink

      Siamo sicuri che il progetto della proprietà non sia proprio quello di liberarsi di quanti più calciatori possibile ereditati dalla pesca a strascico dello scorso anno? E’ vero che si perderanno anche giocatori di valore ma inevitabilmente si alleggerirebbe il monte ingaggi futuri. Inoltre i giocatori in prestito presso altre società credo che non si svincolerebbero. Credo quindi che la scadenza del 15 Febbraio non verrà rispettata ed arriveranno altri punti di penalizzazione.

  • 26 Gennaio 2015 in 16:26
    Permalink

    La rescissione del contratto è un’ipotesi, ma non è detto che scelgano tale soluzione…in ogni caso, io a questo punto spero che scelgano l’ipotesi più drastica possibile, perchè è l’unico modo per porre fine a questa enorme pagliacciata e per salvare quel minimo di onore che è rimasto alla città e alla città e ai tifosi del Parma…

  • 26 Gennaio 2015 in 16:26
    Permalink

    Anche la Gazzetta di PR parla delle stesse cose riportate da Federico, riferendo rescissioni di contratto di calciatori di prima fascia, inluso lo stesso Donadoni.

  • 26 Gennaio 2015 in 16:42
    Permalink

    CHIUDERE TUTTO MAJO.
    E’ finita

  • 26 Gennaio 2015 in 16:45
    Permalink

    Beh, anche Della Valle amava la viola ma lasciò fallire la Fiorentina di Cecchi Gori per poi riprendersela ad un prezzo simbolico.
    Tanto aveva garanzia da chi gestiva il baraccone(/Moggi e Galliani) che sarebbe risalito in un amen in serie A.
    Infatti, così fu la C2 per meriti sportivi anziché l’Eccellenza, il salto diretto in B evitando la C1 sempre per meriti sportivi, una promozione a suon di arbitraggi scandalosi (non ultimo lo spareggio col Perugia) e poi l’anno dopo, il famoso 2005, una salvezza determinata a tavolino grazie agli arbitri amici di Moggi, e che stava costando la salvezza al Parma di Carmignani e Baraldi.
    Certe cose non le dimentico.
    Il guaio è che Taci non sembra avere soldi , e poi non è amico di Moggi…

  • 26 Gennaio 2015 in 17:08
    Permalink

    veramente BASTA fuori la verità nient’altro che la verità’!!

    però anche voi giornalisti cercatela la verità, non è che vi telefona lui!!!

  • 26 Gennaio 2015 in 17:13
    Permalink

    Ok, a seguito di quanto sta emergendo mi vedo costretto a ripetere la frase di Melli di ieri sera: “Io non capisco perchè i giornalisti, che sanno tutta la verità, continuano a fare da cappello alla società”. Ripetuta da Melli ben due volte. Con questo non dico che te, Majo, sai la verità per forza ma dico solo che evidentemente qualche giornalista sa tutto e tace.

    • 26 Gennaio 2015 in 20:14
      Permalink

      sta tweettando con doka

  • 26 Gennaio 2015 in 17:32
    Permalink

    L’amichevole con il Real prima della B, come ai tempi di Zeman. Il ciclo ricomincia.

  • 26 Gennaio 2015 in 17:46
    Permalink

    I giocatori hanno tutto il diritto a muoversi legalmente…ma allo stesso tempo mi viene da chiedermi se è giusto che mollino un campionato a metà girone d’andata. Capisco le loro motivazioni e farei la stessa cosa, ma allo stesso tempo non trovo giusto che tirino i remi in barca in questo modo. Sono pur sempre dei professionisti e come tali dovrebbero portare a termine questa disgraziata stagione, per rispetto verso i tifosi, i nostri colori e loro stessi. Così facendo chi ci rimette siamo esclusivamente noi ed è un’ingiustizia clamorosa…

  • 26 Gennaio 2015 in 17:49
    Permalink

    E domani in via del tutto eccezionale Donadoni in conferenza stampa prima dell’allenamento pomeridiani…chissà quante altre belle notizie ci aspettano….evvai!!!

  • 26 Gennaio 2015 in 17:50
    Permalink

    meglio vendere allo svizzero

  • 26 Gennaio 2015 in 18:08
    Permalink

    Direttore, perché , data la difficoltà economica, non si cerca di vendere quei giocatori che hanno mercato??(paletta, Mauri, cerri, mirante ??)e perchè non si è pensato di vendere gli stessi giocatori in estate, vista la mancanza di volontà del ciccione a cacciar fuori i quattrini?? non riesco a darmi una risposta

  • 26 Gennaio 2015 in 18:20
    Permalink

    Io voglio spezzare una lancia a favore dei colleghi che ogni giorno devono navigare a vista fra balle di dimensioni ciclopiche, le aspettative dei tifosi e la verità di una situazione terrificante e vergognosa. Far informazione in mezzo a tutto questo è difficile, perché i confini della querela si assottigliano drammaticamente, anche se – dall’altra parte – bisogna iniziare a soppesare con serietà e coraggio chi si è insediato ai vertici societari.
    NESSUNO.
    Di questi signor nessuno non bisogna aver paura, tirando fuori come fanno alcuni i fatti, non le illazioni o le voci. Da questo blog è uscita per la prima volta la voce che i fornitori avessero bussato con ufficiali giudiziari alle porte del Parma Calcio. E da qui credo passeranno tante altre – purtroppo brutte – notizie sul Parma.
    Aspettiamo la rifondazione, aspettiamo di poter tornare a gioire per un gol del Parma, in serie B o in serie D non fa alcuna differenza.

  • 26 Gennaio 2015 in 18:31
    Permalink

    Sentito cosa ha detto l’avvocato Di Campli?

  • 26 Gennaio 2015 in 18:35
    Permalink

    e’ un po che non leggo commenti dei fenomeni paranormali,

    dove siete ? vi siete dati alla macchia ?

  • 26 Gennaio 2015 in 18:47
    Permalink

    Angella ma anziche’ scrivere gli articolini allora e’ vero che i misteri devono finire e allora comincia te a dirci da chi vai a farti i capelli e poi chi ti offre la possibilta’ di avere un microfono in mano e una telecamera avanti e soprattutto ma chi ti paga ?? Angella la sola cosa giusta che hai detto nel tuo articolo riguarda le prime due righe…dove affermi che un po’ di colpa e’ anche dei giornalisti…ma se tutti i giornalisti sono come te allora non e’ un po’ di colpa ma una grande colpa.
    Saluti
    MatteoB

  • 26 Gennaio 2015 in 18:49
    Permalink

    Faccio i.complimenti.al.mio.omonimo.Stefano! Anche secondo me vogliono liberarsi di.un.bel
    Po di contratti, soprattutto in vista dell’anno.prossimo. vi.invito a riflettere: cosa fanno gli speculatori quando acquistano un’azienda indebitata, che però ha commesse? Licenziano molti.lavoratori….

  • 26 Gennaio 2015 in 18:53
    Permalink

    Intanto si tratterebbe di capire se (ad oggi) è realmente intervenuta una compravendita di quote societarie tra chi e chi…
    Accertare questa cosa non dovrebbe essere impossibile visto che (se è stata fatta) deve essere stata oggetto di rogito notarile e quindi verificabile nei pubblici registri.
    Dando per scontato quanto sopra, comunque, risulterà sempre molto difficoltoso capire chi eventualmente si “nasconde” dietro alla presunta Holding riconducibile presuntivamente a Taci, perché di solito (e nelle migliori delle ipotesi) si rinviene il solito giochetto delle “scatole cinesi” (con società che hanno quote di altre società che hanno quote di altre società….)
    Ma poi qualcuno mi deve spiegare per quale ragione un gruppo russo-albanese-cipriota (e chi più ne ha più ne metta) voglia acquisire una società di calcio italiana (che io amo ma che non è certamente un top club) piena come un uovo di debiti e nella condizione sportiva peggiore di tutta la sua storia!!!
    Detto questo, mi piacerebbe che i giornalisti facessero il loro mestiere e (non appena si è rimesso dai problemi di salute che lo hanno colpito e per i quali auguro pronta guarigione) facessero a Pietro Leonardi (che fino a prova contraria mi risulta ancora A.D. del Parma) le domande che tutto il mondo calcistico vorrebbe fare: “A quanto ammonta il debito complessivo del Parma?”

  • 26 Gennaio 2015 in 19:07
    Permalink

    Quindi fallimento nel giro di pochi giorni. Chissà se Taçi parteciperà all’eventuale asta…

  • 26 Gennaio 2015 in 19:20
    Permalink

    Angella e Melli for president! Altro che Krodino

  • 26 Gennaio 2015 in 20:02
    Permalink

    La verità ora non si può dire, ma se fossi in voi mi chiederei come mai solo cassano vuole rescindere. Per quanto riguarda i giornalisti è ovvio che quando non si vogliono far sapere le cose, loro, rimangono senza notizie.

  • 26 Gennaio 2015 in 20:06
    Permalink

    Stasera cassano è ospite a tiki taka!

  • 26 Gennaio 2015 in 20:07
    Permalink

    Antonio Cassano non è più un giocatore del Parma. Ha rescisso il contratto che lo legava al Parma. Pare si tratti di risoluzione consensuale…

    Signori, la barca sta affondando, anzi è affondata…mercoledì sera abbiamo una grande occasione: presentiamoci compatti allo stadio e dimostriamo a questi signori dell’indifferenza che il Parma è stato, è e resterà per sempre SOLO NOSTRO.

  • 26 Gennaio 2015 in 20:12
    Permalink

    Intanto Cassano saluta Parma, contratto risolto

  • 26 Gennaio 2015 in 20:25
    Permalink

    per la gazzetta dello sport cassano ha ufficialmente rescisso il contratto.è l inizio della fine

  • 26 Gennaio 2015 in 20:25
    Permalink

    Cassano ha rescisso….

  • 26 Gennaio 2015 in 20:26
    Permalink

    Ciao cassano…

  • 26 Gennaio 2015 in 20:26
    Permalink

    Qui si sta giocando a Monopoli, in barba a dipendenti , creditori, tifosi, istituzioni, giornalisti, opinione pubblica. Altro che teatrino; presidenti tecnici, poi muti, patron che si nascondono ma poi fanno promesse. Che incubo, ma a questi gli hanno spiegato di chi è il busto al Tardini (Ceresini). Qui ci vuole un bel vaffa alla Grillo e Stadio deserto, non si meritano niente.

  • 26 Gennaio 2015 in 20:27
    Permalink

    Mercoledì sera tutti in tribuna , stiamo vicini ai nostri dirigenti !!

  • 26 Gennaio 2015 in 20:29
    Permalink

    La rescissione di cassano è una notizia positiva, ma voi continuate a non capire anche perché i giornalisti non vi stanno aiutando. A Mayo ho dato qualche input ma nonni sembra abbia colto, vi richiedo…perché solo Cassano ha rescisso ?

    • 26 Gennaio 2015 in 20:41
      Permalink

      Spiegacelo Mat…

  • 26 Gennaio 2015 in 20:35
    Permalink

    qua ci vogliono due pattone,checche’ se ne dica.

    mi sovvengono le parole del Bresciano che ai piu’ ottimisti ovviamente non dicevano nulla,” garantisco l’esercizio fino al 31 12 2014 dopo saran problemi degli imprenditori di parma o del sindaco…e si che era stato chiaro ,almeno per me dai dai che ci arrivate fra sei mesi alla donadono insomma

    MAIO TA MIGA BANEROM CAT DAG 🙂

  • 26 Gennaio 2015 in 20:45
    Permalink

    Illuminaci!!

  • 26 Gennaio 2015 in 20:57
    Permalink

    perché solo Cassano ha rescisso ?

    • 26 Gennaio 2015 in 21:46
      Permalink

      parca lè an creten.

  • 26 Gennaio 2015 in 21:54
    Permalink

    Società di merda parla cazzo!!tutti muti

  • 26 Gennaio 2015 in 23:29
    Permalink

    L’ho già scritto e lo ripeto: le istituzioni cittadine ( il sindaco in testo) INTERVENGANO SUBITO E CHIEDANO AI RAPPRESENTANTI DELLA SOCIETA’ DI PRESENTARSI E SPIEGARE. Non solo i tifosi ma la città tutta ha diritto a una risposta. IL SINDACO INTERVENGA ! SUBITO !!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI