CALCIO & CALCIO / Il video integrale della 20^ puntata del talk show di Teleducato e la fotogallery amatoriale dal backstage

CALCIO & CALCIO / Il video integrale della 20^ puntata del talk show di Teleducato, web registrazione a cura di Alex Bocelli


Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

12 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO / Il video integrale della 20^ puntata del talk show di Teleducato e la fotogallery amatoriale dal backstage

  • 27 Gennaio 2015 in 10:56
    Permalink

    La butto li: Ghirardi sapeva benissimo come sarebbe andata a finire. Ha girato le quote al Taci, passandogli magari in nero qualche milionata come ringraziamento del piacere che gli ha chiesto. Così facendo il Ghiro ne esce senza conseguenze legali, mentre lascia al buon Taci il compito di accompagnare al fallimento la società. All’albanese ovviamente che il Parma fallisca non gliene può fregar di meno, in quanto pure lui ne esce bene, con i soldini del Ghiro come paracadute e senza rimetterci nulla dal punto di vista imprenditoriale, dal momento che lui non compare in nessun organigramma e avendo creato una holding a Cipro dal capitale di 1000 euro. E che gliene frega se hanno vanno accanto a tale holding? Morale: Ghirardi sta spaparanzato sul divano a mangiare pasta col sugo e a sghignazzare guardando Cassano a Tiki Taka, Taci una volta fallito il Parma uscirà tranquillamente di scena(anche se a dire il vero non è mai ufficialmente entrato), la società fallirà e nessuno si sarà fatto troppo male, tranne noi tifosi che ci stanno facendo patire le pene dell’inferno dallo scorso luglio. Che ne pensa Majo, un romanzo pure questo?

  • 27 Gennaio 2015 in 12:01
    Permalink

    Rispondo per il direttore.
    Se Ghirardi ha dato denari a Taci per assumersi le quote non lo so ma ne dubito.
    Che Taci possa comunque portarne a casa, lo ritengo estremamente possibile se non probabile.
    Se il Parma calcio dovesse fallire, le cause del fallimento sarebbero a carico di chi ha operato ( SE HA MALE OPERATO) e dunque , nell’eventualità indicata fra parentesi, di conseguenze legali ce ne sarebbero motle a prescindere dalla titolarità delle quote al momento del fallimento.
    Sull’iniziativa di Cassano, faccio due piccole considerazioni :
    1) l’iniziativa è legittima perchè il calciatore ha in mano un contratto che la società deve rispettare
    2) è però probabilmente vero anche che Cassano ha più volte sperato ( e parlato) anche quest’anno di andare alla Sampdoria e che solamente una volta saputo che non sarebbe andato , ha agito nei confronti della società.
    Ma alla fine credo che , nella sostanza, abbia ragione e che debba finire questa situazione assurda. In un modo o nell’altro.

  • 27 Gennaio 2015 in 12:41
    Permalink

    Pizzarotti:”Non abbiamo ancora preso una posizione sulla situazione della squadra, perché finché non conosciamo la stabilità della presidenza e quali sono i progetti per la città, perché ancora non c’è stato un incontro ufficiale in municipio, è difficile prendere una posizione. Io spero che il territorio sappia comunque rispondere a eventuali situazioni di crisi che sembrano delinearsi. So che i tifosi stanno pensando anche ad un azionariato diffuso e a stare anche vicino alla squadra. Successivamente è ovvio che, nel caso in cui ci fossero problemi finanziari, si comincerebbe da altre serie e questo sarebbe un peccato per tutta la città, ricordando che il Parma oltre per il valore sportivo è un asset importante anche proprio per la riconoscibilità nazionale e internazionale della città tutta”. PAROLE CHE SI COMMENTANO DA SOLE! SE LUI FA IL SINDACO, IO POSSO CANTARE ALLA SCALA!

  • 27 Gennaio 2015 in 12:56
    Permalink

    Ricordate Giordano nella conferenza di metà dicembre?
    Aveva detto che il vero presidente si saprà i primi di marzo al massimo metà marzo. Ora è tutto più chiaro: metà febbraio stipendi non pagati, giocatori mettono in mora la società con conseguente fallimento. Dopo un mesetto Taci compra il Parma per una cantata e si riparte dai dilettanti. Forse lega pro per meriti sportivi.

  • 27 Gennaio 2015 in 13:29
    Permalink

    Direttore come mai non parla oggi??

  • 27 Gennaio 2015 in 14:25
    Permalink

    CHE BEL NASINO DIRETTORE LA MAGIULLI SARA’ CONTENTA GLI E LO HANNO RIFATTO A NUOVO …….scherziamo per non piangere GAME OVER speriamo che ci pensi IL GIUDICE ROGATO a spedire a casa gli albanesi i romani e i carpenedolini e speriamo che analizzi bene le carte chissa’ che spulciando bne non trovi anche motivi per un azione giudiziaria lasciamo a lui la palla

  • 27 Gennaio 2015 in 14:45
    Permalink

    Majo può essere che non si senta l’audio o è un problema mio???

    • 27 Gennaio 2015 in 14:54
      Permalink

      Secondo me è un problema suo. Io ho sentito la sigla iniziale e ho visto che funzionava…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 27 Gennaio 2015 in 15:30
    Permalink

    Premesso che sono del Toro (nel senso che gli appartengo, non mi limito a tifarlo), dalla scorsa estate ho cominciato a seguire questo interessante sito sul Parma poichè mi aveva destato molte curiosità questo tipo di giornalismo anglosassone applicato ad un argomento sportivo che normalmente mal si sposa con l’obiettività. Ebbene, caro direttore, ammetto che è sempre piacevole leggere le sue disamine se è altrettanto vero che a distanza di mesi dall’affaire EL, torno ancora qui a interessarmi delle questioni legate al Parma. Alcuni miei commenti della scorsa estate vennero in parte educatamente replicati e in altri casi invece furono tacciati di “commenti del nemico”. Ora però non si può che confermare quanto da me (e da molti altri su questo sito) previsto circa la brutta fine che avrebbe poi fatto il duo Ghirardi/Leonardi. Ai tempi, per essere più precisi, io cercai di trasmettere il messaggio che era una strategia studiata a tavolino quella di mettere voi tifosi contro il Toro e contro noi torinisti. Ricorda, direttore? Io cercai, in modo molto pacifico, di farvi aprire gli occhi su quel comportamento assurdo legato ai mancati pagamenti, agli acquisti a strascico e soprattutto ai commenti senza il minimo buon senso della Gazzetta di Parma sulla questione della EL. Lei, direttore, è stato uno dei pochi a fare domande scomode al duo, ma confutò comunque le tesi che io e altri qui avevamo invece provato a dimostrare, adducendo motivazioni del tipo “questo lo dice lei”, “questo non è provato”… Mi spiace purtroppo che tutto quanto previsto da me allora si è puntualmente verificato. Ripeto quanto dissi a suo tempo, mi spiace davvero per i tifosi del Parma che sono stati buggerati da una masnada di affaristi che hanno nascosto la verità e che non hanno avuto il coraggio di parlare onestamente sui problemi societari. Un cordiale saluto.

I commenti sono chiusi.