DONADONI: “SIAMO STATI PUNITI DA UNA VALUTAZIONE ERRATA, E QUESTO NON VA BENE. LA RABBIA NON MI FA ALZARE LE BRACCIA MA VENIRE ANCORA PIU’ VOGLIA DI LOTTARE”

(gmajo) – C’era una volta un Roberto Donadoni che non si lamentava mai degli arbitri, ma dopo la bruciante eliminazione dei crociati, che stavano centrando l’impresa di costringere la Juve almeno ai supplementari dei Quarti di Finale di Coppa Italia, decisa dal gol in fuorigioco (sia pure non semplicissimo da individuare) di Morata, che si somma al rigore non concesso con il Cesena domenica scorsa, pur con tutto il garbo che sempre lo contraddistingue, in sala stampa ha manifestato il proprio disappunto, elogiando, poi, i propri giocatori, autori di una prestazione gagliarda, senza Cassano: “perdiamo in qualità, ma guadagniamo in dinamismo”). A proposito dai microfoni di Mediaset, un messaggio che sembra inviato a FantAntonio, cheperò, va specificato, non era menzionato nella domanda e neppure nella risposta : “C’è molta più dignità a rimanere qui che a dire ciao e arrivederci”. Ecco invece le sue parole in sala stampa decisamente più esplicite sull’arbitraggio:

“Abbiamo perso al 90’, oltretutto per un gol in fuorigioco e questo è da sottolineare perché non va bene, oltretutto per una squadra e una società che stanno facendo grandi sacrifici, grande fatica e grandi sforzi e poi alla fine vieni punito per una cosa che è stata valutata male, come era stata valutata male domenica scorsa con il Cesena, perché abbiamo avuto l’occasione di andare sul 2-1 se ci avessero concesso un calcio di rigore che non ci è stato fischiato. Quando ti succedono queste cose veramente ti viene tanta rabbia dentro, ma è una rabbia che non mi fa alzare le braccia e arrendermi ma venire ancora più volta di lottare. E credo che questa sera i ragazzi siano stati veramente bravissimi e sono dispiaciuto veramente per loro che non meritavano di uscire da questa competizione al 90’. Tutto sommato la Juve non ci ha mai creato grossi problemi o preoccupazioni così evidenti: forse in un paio di circostanze dovevamo essere noi più incisivi, più determinati nel cercare di fare gol, però ce la siamo giocata alla pari con grande spirito di sacrificio e con grande determinazione da parte di tutti. Questo mi fa essere orgoglioso di una squadra così, oggi. Ed è chiaro che questo deve essere il leit motiv da qui alla fine”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

43 pensieri riguardo “DONADONI: “SIAMO STATI PUNITI DA UNA VALUTAZIONE ERRATA, E QUESTO NON VA BENE. LA RABBIA NON MI FA ALZARE LE BRACCIA MA VENIRE ANCORA PIU’ VOGLIA DI LOTTARE”

  • 28 Gennaio 2015 in 23:57
    Permalink

    Questa sera tutti hanno lottato squadra e tifosi. Brucia perdere così, ma spero sia lo spirito che accompagnerà tutti fino all’ultima di campionato.

  • 29 Gennaio 2015 in 00:00
    Permalink

    come allenatore non mi piace, ma come uomo niente da dire . Tanto di cappello per le dichiarazioni post partita.

  • 29 Gennaio 2015 in 00:03
    Permalink

    Su sky sostengono che domani Lodi metterà in mora il parma. Se così fosse quali sarebbero gli scenari direttore?

    • 29 Gennaio 2015 in 00:29
      Permalink

      Che se non lo pagano dopo 20 giorni si svincola.
      Non avevo dubbi e mi aspetto anche acquah, de ceglie è andato

    • 29 Gennaio 2015 in 00:41
      Permalink

      Ma speriamo che se ne vada anche lui

  • 29 Gennaio 2015 in 01:19
    Permalink

    donadoni avrà anche sbagliato quest’anno (ricordiamo anche che l’anno passato è stato uno dei migliori), ma come uomo va stimato

  • 29 Gennaio 2015 in 01:35
    Permalink

    Donadoni Grande uomo e grande allenatore

  • 29 Gennaio 2015 in 02:35
    Permalink

    Cassano sul twitter della moglie contro donadoni. ..

  • 29 Gennaio 2015 in 06:26
    Permalink

    Finalmente ho visto il Parma che vorrei.
    Corsa, sudore, stecche e gran cuore.
    Bravi ragazzi….!!!!!

  • 29 Gennaio 2015 in 07:15
    Permalink

    Complimenti a tutti da Osso a tutti gli effettivi che hanno lottato per la maglia e per la città…non pensavo si potesse essere contenti per una sconfitta, invece si…
    Sono molto contento per Palladino ingiustamente beccato ogni domenica….

  • 29 Gennaio 2015 in 07:17
    Permalink

    Lodi vuol mettere in mora la società? Ma magari,così ci liberiamo di lui!!! Dovremmo essere noi a mettere in mora Lodi per quello schifo che ha fatto vedere in 20 partite!!!

  • 29 Gennaio 2015 in 07:43
    Permalink

    Lodi uomo piccolo come Cassano. Parte del male di oggi del Parma. Donadoni uomo vero!!

    • 29 Gennaio 2015 in 09:16
      Permalink

      A proposito di Cassano…sua moglie ha perso l’ennesima occasione per starsene zitta su twitter, visto che lei è famosa solo da li…ma quanto è ignorante quella ragazzina viziata???…ditegli che se Cassano avesse corso quanto Palladino ieri sera forse le 17 sconfitte sarebbero state di meno…mercenari!!!

  • 29 Gennaio 2015 in 08:16
    Permalink

    Donadoni ha ragione…la vera dignità la si dimostra rimanendo…però Varela è Pozzi li avrei provati a mettere su almeno a 10-15 min dalla fine, Palladino e Galloppa non ne avevano più….ora spero se ne vada Lodi e torni Marchino Marchionni, e poi fiducia a McDonald!!

  • 29 Gennaio 2015 in 08:38
    Permalink

    Peccato veramente!
    ieri è stata finalmente una prova con la P maiuscola…a inizio campionato dopo la partita contro il torino avevo detto che il Parma giocava più o meno come lo scorso anno solo che al contrario la palla non andava dentro! dopo la partita di ieri sera posso dire che al Parma manca una Punta seria, se Pozzi non hi giocato neanche ieri sera vuol dire che non è pronto per la categoria…ma sono cose che già sapete

  • 29 Gennaio 2015 in 08:49
    Permalink

    Però che strano..Roma, Juve e Napoli aventi grazie ad errori arbitrali evidenti ai danni delle piccole. W l’Italia

    • 29 Gennaio 2015 in 09:23
      Permalink

      L’avevo scritto ancor prima che il Napoli superasse, grazie all’arbitro, l’Udinese. E mi son preso su del dietrologo…è evidente che alla Lega piace una Coppa Italia con sole ‘grandi’. Tra ottavi e quarti ne abbiamo avuta più di una dimostrazione.

  • 29 Gennaio 2015 in 08:51
    Permalink

    La messa in mora non ha nulla a che fare con ipotesi di fallimento?Ultimamente sto facendo un pò di confusione. Non ho ancora ben capito cosa determinerebbe il fallimento eventuale della società. Il mancato pagamento degli emolumenti del 16 febbraio determinerebbe solo ulteriori punti di penalità, e quindi l’ipotesi di fallimento cosa o chi la determinerebbe?

    • 29 Gennaio 2015 in 09:21
      Permalink

      Il mancato pagamento determinerebbe altri punti di penalità e la messa in mora di tutta la rosa, che dopo 21 comporterebbe la possibilità di svincolarsi.
      L’eventuale fallimento potrebbe derivare da chi fa un’istanza di fallimento, (es. i creditori che avanzano dei soldi) come le 2 che ieri il Parma si è visto ritirare.

      • 29 Gennaio 2015 in 09:41
        Permalink

        In teoria la richiesta di fallimento potrebbe essere automatica se non venissero saldati gli stipendi dopo la messa in mora…e a richiederla sarebbe la PROCURA FEDERALE…

  • 29 Gennaio 2015 in 09:18
    Permalink

    Caro Mayo è inutile che continui ad accusarmi di fare illazioni. Credo di averti fatto capire in più di una occasione che non ho bisogno di citare le fonti …
    Quando tu facevi lo spiritiosone sulla vendita della società e sul mercato del Parma ti ho invitato a scegliere bene gli informatori perché la famosa cordata romana e la famosa sanitaria Borromeo erano bufale anche poco corrette nei confronto della situazione che si era creata. Hai fatto dell’umorismo molto mal riposto anche su rodriguez e Varela , ed io ti ho inviato per la seconda volta a cambiare registro perché non ti stavi nemmeno rendendo conto del livello di questi giocatori. Ti ho detto che il caso cassano avrebbe portarto giovamento allo spogliatoio e così è stato. Il prossimo che verrà liberato sara lodi , in arrivo lisandro lopez e marchionni. Gol ardono e balotelli sono stato realmente ad un passo da venire a Parma è ovvio e legittimo però che possano aver avuto dei dubbi sulla situazione e che abbiamo deciso di declinare le proposte, ma non c’è nulla di inventato. È stati detto che la nuova prprieta si sarebbe presentata tra gennaio e marzo e così sarà .

    • 29 Gennaio 2015 in 09:40
      Permalink

      Mat LA SANITARIA BORROMEO ERA PURA IRONIA..
      Perchè te la prendi cosi tanto?
      Ormai da tre giorni vorremmo sapere chi sono le tue fonti..non vuoi dirci quello?dicci almeno chi sei realmente no?

    • 29 Gennaio 2015 in 09:51
      Permalink

      Allora chiedo per cortesia per rispetto di tutti, che Mat si identifichi…che male dovrebbe esserci? Ormai di queste cospirazioni/segreti m son rotto o meglio ci siamo stancati e credo di parlare a nome di tutti! Non voglio essere moralista ma ci vuole rispetto al mondo per le persone! Poi l’unico e vero Mat a Parma è il mio omonimo!
      Saluti
      Buona giornata a tutti!

    • 29 Gennaio 2015 in 11:37
      Permalink

      Caro mat perchè non dici anche che taci non è il vero proprietario del Parma?

  • 29 Gennaio 2015 in 09:27
    Permalink

    Mat scusami ma credo che il direttore e tanti tifosi io compreso, non abbiamo più voglia e tempo da perdere per questa società fantasma. Spariremo ma con dignità non serve altro……..

  • 29 Gennaio 2015 in 10:46
    Permalink

    Chiedo che venga rispettata la mia privacy, ho solo ritenuto corretto richiedere rispetto da parte di Mayo dal momento che mi ha accusato a più riprese di scrivere illazioni.
    Per tutti quelli che hanno nel cuore il Parma, pur comprendendo lo sconforto, chiedo di stare vicini alla squadra. Proprio la squadra ieri sera ha data un segnale forte che spero venga colto da tutti i tifosi.

  • 29 Gennaio 2015 in 11:15
    Permalink

    Non per fare il criticone, ma io ho visto il solito Parma: Grande con le grandi e Piccolissimo con le piccole…è da anni così quindi credo che domenica a Milano qualcosina si possa fare!

  • 29 Gennaio 2015 in 11:21
    Permalink

    mat lavori nel Parma? Questo lo puoi dire, non innesca la tua privacy

  • 29 Gennaio 2015 in 11:43
    Permalink

    Per rispondere a Michele: a me pare di aver scritto in diverse occasioni che la proprietà si presenterà rispettando le tempistiche comunicate (tra gennaio e marzo) . Taci si è già esposto pubblicamente e concretamente in almeno un paio di occasioni, per cui non credo ci sia da aggiungere altro.
    Per quanto riguarda il discorso delle fonti , non sono un giornalista per cui se ai giornalisti è permesso di scrivere senza citare le fonti non vedo perché dovrei farlo io.

    • 29 Gennaio 2015 in 12:07
      Permalink

      Quando si sarebbe esposto Taci?nei distinti?alla cena con l’upi?mettendo un burattino come presidente?chi ti dice che stia lavorando per lui e non per conto di un altro?

  • 29 Gennaio 2015 in 11:45
    Permalink

    dove sono quelli che volevano si dimettesse?? ORA avete capito la caratura morale di questo grande UOMO?

  • 29 Gennaio 2015 in 12:09
    Permalink

    Scusa Mat…vuoi restare nell’anonimato? Va bene. Però puoi dirci chi ha comprato il parma! Taci è uno e l’altro socio è russo o Kazako? Non vogliamo il nome…

  • 29 Gennaio 2015 in 12:15
    Permalink

    Intanto vorrei dire che ieri il Parma mi è piaciuto davvero tantissimo. Con un attaccante VERO avremmo anche potuto perlomeno arrivare ai rigori…bravi. NON MI SEMBRA SIANO QUESTI GIOCATORI CHE VOGLIANO ANDARSENE. E ottimo anche Donadoni, soprattutto nel post partita…finalmente un po’ di “cosiddetti”. Perché, mister, sei anche tu che devi infondere alla squadra quell’ardore che può spesso andare al di là delle difficoltà…poi: Cassano uomo minuscolo. Prendersela con l’unico allenatore che ti ha dato fiducia incondizionata….mah. Godo sia andato via, mi spiace per i suoi ammiratori, ma ho proprio la sensazione che facesse solo del male dentro alla squadra almeno nell’ultimo periodo. Togliamo le mele marce…e il prossimo è Lodi. VIA. Volevo poi rispondere a Mat…voglio fidarmi, e se dici arrivano Lisandro e Marchionni io ti dico che sarebbero le due pedine che ci mancano. Non so se tu sia affidabile o meno, ma spero che se sei all’interno della società o qualcosa di simile, la tua tranquillità voglia dire che ciò che è predisposto arrivi nel giro di poco tempo…saluti a tutti i VERI TIFOSI DEL PARMA, CHE NON MOLLANO MAI.

  • 29 Gennaio 2015 in 12:33
    Permalink

    Cazzo ce ne facciamo di marchionni e lisandro lopez…io acquisterei pavoletti e bergessio e andreolli..ma mi sa che nn arriva nessuno…majo sto bonifico arriva da marte o sono altre palle!

  • 29 Gennaio 2015 in 12:48
    Permalink

    Mat quindi c’è solo Taci o un altro socio?

  • 29 Gennaio 2015 in 12:51
    Permalink

    Mat oppure G. Manfredi se ci sei batti un colpo!! Cordata Russo Cipriota cioè Albanese – Kazaka?

  • 29 Gennaio 2015 in 12:52
    Permalink

    Majo visto che c’è Mat che ti vuole fare le scarpe??Ahahahah

    • 29 Gennaio 2015 in 13:01
      Permalink

      Faccia pure. Io consiglio sempre di non abbeverarsi alle fonti limacciose, ma ognuno è libero di abbeverarsi dove preferisce. Costui, poi, ha il coraggio di offendersi perché si sente denigrato da me poiché io invito la communityu a diffidare delle sue affermazioni (o per lo meno a non illudersi) poiché non si sia chi è. Ognuno è liberissimo di esprimere valutazioni e giudizi e qualcuno pure di fare previsioni, per carità: ma le notizie o informazioni o sono certe e provate o comunque con qualcuno che ci mette la propria faccia e reputazione per garantire, oppure è fuffa. E fuffa per me sono le affermazioni di mat. A meno che non ci dica il suo nome e cognome mettendoci la faccia. Ma se non ce la mette poi non si offenda se qualcuno lo prende per un cazzaro…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 29 Gennaio 2015 in 12:52
    Permalink

    Mat oppure G. Manfredi se ci sei batti un colpo. Cordata Russo Cipriota oppure Albanese – Kazaka?

  • 29 Gennaio 2015 in 13:10
    Permalink

    EGREGIO MAT. Lei è persona informatissima.

    Potrebbe darci ulteriori delucidazioni sui progetti futuri della Società nella disgraziata ipotesi di una retrocessione ?

    La ringrazio per l’attenzione.

  • 29 Gennaio 2015 in 13:56
    Permalink

    se fosse Taci a nascondersi con il nickname Mat!? In effetti la grammatica italiana non sembra essere il suo forte 🙂
    Io ormai mi aspetto di vedere il petroliere anche a fare il barista al Bar Gianni!

  • 29 Gennaio 2015 in 14:56
    Permalink

    Grande Donadoni, te si ke hai della dignità, ke + perdi e + rimani, e + perdere di così credo ke nn si possa nenke a farlo apposta. Anke se a volte mi viene quasi il dubbio.
    Voci di corridoio, ma forse anke di salotto e stambuzzino, dicono ke Donadoni in un gesto di DIGNITA’ ESTREMA, rinucerà allo stipendio e agli arretrati, xkè se “C’è molta più dignità a rimanere qui che a dire ciao e arrivederci” io dico ke C’E’ MOLTA PIù DIGNITA’ A NN PRENDERE UN CAZZO KE A KIEDERE LO STIPENDIO QUANDO PERDI SEMPRE. E io sn convinto ke Donandoni, ke io lo stimo, rinuncerà allo stipendio, xkè lui ci ha tanta di quella dignità ke potrebbe anke venderla al marcato di Traversedolo. Ke secondo me a rinunciare proprio allo stipendio anke lo spogliatoio sarebbe + tranquillo. Ke così nn dovete aspettare i soldi, x già sapete ke nn li prenderete mai. KE QUA CI DEVE RIMANERE SOLO KI LO VUOLE VERAMENTE, E SENZA STIPENDIO. E se prima lo dicevo cn le buone adesso mi impunto e dico ke è una questione di principio. Ke altrimenti siete come Majo, dei venali, se nn addirittura dei vignali. Quindi: KI VUOLE LO STIPENDIO VADA VIA DA PARMA!!!! Ke io sn convinto ke se mandiamo via tt quelli ke vogliono gli stipendi dopo nello spogliatoio ci sarà molto tranquillo.
    E x sottolineare ben-bene questa iniziativa secondo me anke Piovani dovrebbe rinunciare al suo stipendio, ke tt la nostra gente dovrebbe rinunciare allo stipendio, e così saremo poveri ma felici. Cm nelle familie di una volta ke erano poveri ma felici. Cm nelle favelas della Columbia ke nn hanno da mangiare ma io ho visto dei filmati su Yutub ke hanno tanta bamba e sn felici. E questi sn valori.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI