Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

28 pensieri riguardo “DONADONI: “TUTTE LE SQUADRE VORREBBERO UN ATTACCANTE CHE SEGNA MOLTO: NOI NE ABBIAMO BISOGNO E CONFIDO CHE LA NUOVA PROPRIETA’ LO TROVI” – Il video della conferenza upload by COMeSER

  • 17 Gennaio 2015 in 15:55
    Permalink

    bravo prima scarica sui giocatori,poi scarica sui nuovi proprietari che non le prendono ibra o messi

    lei non c’entra nulla col parma e la situazione attuale, bravo vada a formello

  • 17 Gennaio 2015 in 16:35
    Permalink

    Caro Majo, devo dirlo, sono sorpreso dal suo comportamento. Per mesi ha professato il suo ruolo di Grillo Parlante, ha pontificato sull’integrità del mestiere di giornalista, ha criticato colleghi, ha sempre difeso la possibilità di criticare tutto e tutti sulla base di quella che lei ha sempre definito la sua onestà intellettuale. Ecco, mi permetta ma mi sorprende molto non vedere sul suo blog uno straccio di accenno agli striscioni apparsi in città nella giornata di ieri, in cui si leggeva nitidamente la frase “Leonardi Vattene”. Tralasciando la critica sul tempismo (che senso hanno, in questo momento?), la totale assenza di qualsiasi riferimento a questo fatto lascia spazio a qualche cattivo pensiero, soprattutto sul come si stiano spostando gli equilibri nei rapporti tra il Plenipotenziario e la stampa. Vorrebbe per caso far credere di non averli visti? Di non saperne nulla? Ne hanno parlato a Palla in Tribuna, ad esempio, trasmissione che ha sempre ascoltato, recensito e criticato (legittimamente). Ne ha parlato Michele Angella nel suo tg, e di sicuro non sarà sfuggito a lei che spesso trascrive proprio i pezzi del telegiornale di TeleDucato tranne questa volta. Ne ha parlato addirittura la Gazzetta di Parma, inserendo la foto: non che gli abbia dato molto rilievo, ma è già qualcosa. Se pensiamo a quante polemiche e quanti tormentoni sono stati ospitati su questi spazi, sembra davvero difficile capire come sia possibile che una notizia ghiotta come quella degli striscioni contro Leonardi non trovi traccia.
    E poi il titolo di oggi sulla presentazione di Nocerino, con esaltazione del ruolo di Leonardi… Vero che ancora non c’è il suo commento ma la scelta del titolo è un po’ strana… Anche in passato giocatori avevano esaltato il ruolo di Leonardi ma questo fatto non aveva meritato il titolo… Lei negherà ed è legittimo che aspiri all’ufficio stampa ma, come lei ci ha insegnato più volte, l’anello al naso non tutti ce l’hanno, e soprattutto Gesù Cristo non è morto dal freddo ai piedi.

    • 17 Gennaio 2015 in 16:47
      Permalink

      Ne accenno nell’articolo che sto facendo su Nocerino. Ma il ruolo di Grillo Parlante non si sposa con la denigrazione gratuita e tardiva, attraverso striscioni anonimi, di un dirigente (prima dagli stessi autori idolatrato). Io la mia critica a Leonardi l’ho fatta in tempi non sospetti. Incluso con il sottolineare in continuazione che c’era un armatore e un ammiraglio e che le colpe non erano solo del Ghiro. La coscienza ce l’ho pulita. Senza dover ricorrere a lei o al suo domenicano.
      Per quanto concerne l’ufficio stampa ci sono colleghi che mi vogliono bene che mi vogliono far fare la fine di Prodi: intanto, però, primo di tutto non decide Leonardi, ma semmai Taci o sua sorella (e non mi pare di aver mai leccato il culo a Rezart); secondo io non mi candido, semmai mi cercheranno loro, se proprio interesso (e per certi versi ci sarebbe anche una giustizia); terzo: non ho bisogno di fare titoli da leccaculo per ottenere un posto. Men che meno a Leonardi, dopo che abbiamo battagliato sei anni Per chi mi ha preso? lei non avrà l’anello al naso, ma io non ho la faccia come il culo.
      Saluti
      Gmajo

      • 17 Gennaio 2015 in 16:56
        Permalink

        io credo in Gabriele Majo

      • 17 Gennaio 2015 in 18:32
        Permalink

        Majo ma perché si inalbera tanto? Un atteggiamento “morbido” per ragioni di convenienza personale, entro certi limiti è giustificato o comunque comprensibile… Poi prendo atto, di fronte alla sua risposta, delle sue spiegazioni ed è finita lì. Mica l’ho diffamata, o almeno non era mia intenzione, le ho solo chiesto di chiarire una sua posizione, a pro di tutti, anche suo. Le chiedo solo di lasciar stare il mio confessore e la fede: scherza coi fanti ma lascia stare i fanti.

        PS.: Se lei asserisce che chi ha fatto lo striscione prima idolatrava Leonardi… vuol dire che conosci l’identità degli autori. Di chi si tratta?

    • 17 Gennaio 2015 in 18:35
      Permalink

      Chi scrive e non si firma non è’ degno di attenzione; e’ un pusillanime e come tale va trattato, col giusto disprezzo

  • 17 Gennaio 2015 in 16:58
    Permalink

    Ma lasciamo stare Leonardi e giudichiamolo il 31 gennaio….portare Nocerino in questa situazione di classifica e società…gli dà ancora lo scettro di grande dirigente sportivo (magari non di AD).
    Pietro è tutt’altro che stupido e vedrete che se non sarà benvoluto sarà il primo a fare le valige….sta facendo di tutto per tappare gli scempi del suo amico armatore…
    Ha ragione MANLIO, prima tutti a trattare il LEO come un dio, e ora tutti lo denigrano come il peggiore dei delinquenti…perché 10 persone hanno messo uno striscione con una tempistica senza senso…iniziate a ragionare con la vostra testa e per il bene del Parma…stiamo sul pezzo e sosteniamo ci sarà tempo a fine stagione x i processi

  • 17 Gennaio 2015 in 17:10
    Permalink

    Parma è’ questa è speriamo che Taci non se ne accorga mai…..in sala stampa alla presentazione di Giordano alza la voce il capopopolo Schianchi e tutti a urlare ed inveire come dei muli senza capire nemmeno il perché si urlava….. ora 4 pirla mettono 4 striscioni contro Leonardi e via…. tutti contro Leonardi

  • 17 Gennaio 2015 in 17:14
    Permalink

    Egregio Majo, un po’ di cosette.

    1) Visto che Angella è una persona di indubbia moralità ed etica, perché non si fa problemi a chiamare in studio Assioma? Parliamo di un figuro che sono mesi che da, in modo molto poco velato, dell'”uomo di merda” a Donadoni. Ebbene, vogliamo far passare il messaggio che l’invettiva scurrile e maleducata sia un viatico per la televisione, seppur una piccola realtà locale? Bel messaggio che diamo ai nostri giovani. Inoltre perché Assioma non dice le stesse cose in televisione? Dai, cuor di leone, vai in televisione a dare dell'”uomo di merda” a Donadoni. Fallo.

    2) Gustavo un pochino ha colto nel segno. I miei talponi (ebbene sì anche io li ho) mi dicono che a Collecchio ci sia una mezza rivoluzione per quel che riguarda i rapporti con la stampa e che lei stia diventando un punto di riferimento proprio per Leonardi che ha apprezzato moltissimo la sua onestà nel trattare gli ultimi mesi travagliati del nostro Parma. Credo che una chiamata di Taci, su ambasciata di Leonardi, sia dietro l’angolo e io sarei la prima a stapparne una buona in suo onore. La sua pedanteria (in senso positivo) farebbe davvero comodo al bucherellato ufficio stampa del Parma calcio. Lancio qui la campagna: GABRIELE MAJO NUOVO ADDETTO STAMPA DEL NUOVO PARMA DI TACI.

    3) Nel caso Taci chiamasse dovrà abbandonare questo blog. Lo metterebbe in ghiaccio o ne darebbe le chiavi a qualcuno dei suoi delfini? Il migliore sarebbe Luca “Omelia” Savarese, ma credo lei preferisca Alessandro “Pingue” Dondi.

    4) In un pezzo lei ha citato telefilm come La squadra e Distretto di polizia. Ma davvero le piacciono? Pensavo che un uomo di cultura come lei apprezzasse cose un pelo più sofisticate, come le produzioni americane dell’emittente HBO. Sono stupita.

    5) Visto il suo ruolo di pungolatore, sarebbe il caso di dedicare alla sua amica Maggiulli un pezzo per parlare dell’incresciosa questione legata al presunto filmino a luci rosse. Le Iene l’hanno “sgamata” ben bene…sorvola Majo? Sorvola? Suvvia non sia pusillanime e ne parli, diffusamente e sempre nel lecito, checché se ne dica.

    Con tantissimo affetto e tantissima stima.

    Maria Pia

  • 17 Gennaio 2015 in 17:41
    Permalink

    che cosa e’ uno che non si dimette in queste condizioni,ma anzi scarica le colpe sui calciatori e magari adesso anche su chi non gli compra ronaldo.che cosa e’ un uomo che era a andato a cercarsi un altra sistemazione ma poi obtorto collo e’ rimasto a parma a prendere 800 mila euro , smettila testina di vitello che quando vado al tardini mi ha sentito bene il mister cosa penso di lui,persona spregevole della tua categoria,che da dietro un nick son buoni tutti dommelo te in faccia queste cose,che al contrario di Dondi ti do due pattone

    • 17 Gennaio 2015 in 18:25
      Permalink

      Assioma sei penoso…… sei solo capace di alzare le mani….. Per lo più contro una donna. Ma non ti vergogni?

      • 17 Gennaio 2015 in 19:10
        Permalink

        be te neanche quello per essere penosi bisogna avere il pene

    • 17 Gennaio 2015 in 18:46
      Permalink

      “Pattona”, altrimenti detta castagnaccio, dicesi di preparazione dolce a base di farina di castagne.
      In una ciotola versate la farina di castagne, olio, un pizzico di sale e bagnate con acqua fino ad ottenere una massa cremosa, quasi liquida, senza grumi. Versate in una teglia all’uopo rivestita con carta da forno ed infornate a 200°C per circa 40 minuti.
      Un richiamo alle tradizioni non guasta mai, bell’AMARCORD.

      • 17 Gennaio 2015 in 19:11
        Permalink

        si vede che non e’ di parma 🙂

  • 17 Gennaio 2015 in 18:08
    Permalink

    Non è la prima volta che lei minaccia altre persone con promesse di aggressioni fisiche. Io ho solo espresso una mia opinione, ovvero che non capisco il motivo per cui non utilizza la stessa volgare sicumera anche in studio. Francamente delle becere cose che urla in curva me ne disinteresso, anzi, meno male che vivo le partite in hospitality con uno dei top sponsor del Parma Calcio. Le faccio davvero tanti complimenti: oltre ad essere un maleducato che utilizza un basso sarcasmo per offendere le persone, lei è anche un bullo evidentemente abituato a ledere fisicamente gli altri con percosse degne di un bruto. Si ritenga fortunato: io sono una persona molto pacata, ma lei davvero meriterebbe di essere querelato per minacce, sarebbe d’uopo procedere in questo modo. Ma non lo farò. Majo, io le dico chiaramente che sono molto scossa e turbata dal pensiero che questo canuto signore possa selvaggiamente picchiarmi mentre mi reco a vedere la partita. Sono sinceramente spaventata e non mi sembra giusto esserlo solo per aver espresso democraticamente un mio pensiero.

    Maria Pia

    • 17 Gennaio 2015 in 18:24
      Permalink

      Mia cara signora, mi riprometto di risponderle appena possibile su altre domande che mi ha posto, ma per quando concerne la sua diatriba con Assioma (ovviamente mi dissocio da certi contenuti di violenza verbale del canuto lettore, peraltro da lei provocato) mi viene in mente una massima di Oreste Cinquini (chissà perché oggi l’ho in mente) che diceva: “chi va al mulino si infarina”…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 17 Gennaio 2015 in 18:42
        Permalink

        Brava signora un bel appellativo!!!!’il canuto ci sta proprio a pennello ahahahah

    • 17 Gennaio 2015 in 18:35
      Permalink

      … perfettamente d’accordo con Lei!
      Un affettuoso saluto.
      Shelley

    • 17 Gennaio 2015 in 18:38
      Permalink

      Signora lasci perdere Assioma; e’ in cura ma purtroppo non ha ancora fatto effetto

    • 17 Gennaio 2015 in 18:39
      Permalink

      È poi cara signora Assioma da Angella c’è’ andato ma li era più’ gentile…o forse aveva appena preso le pillole

      • 17 Gennaio 2015 in 19:12
        Permalink

        da te non mi farei prescrivere manco un aspirina

    • 17 Gennaio 2015 in 18:57
      Permalink

      smettila con sta pantomima ,se devi prendere per i fondelli le persone non nasconderti dietro questo tuo sarcasmo di bassa lega,con me non funziona.
      il coraggio di dire le cose in faccia e’ per gli uomini.
      Due pattone sarebbereo una brutale aggressione ?
      guarda che era meglio te le avesse date tuo padre quando era ora.
      se per te e’ esprimere democraticamente un tuo pensiero dare del bonobo o del maleducato o quant’altro fai pure,fatto salvo che poi vale sempre il terzo principio della dinamica ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria,ci sono i beceri in curva ? allora per contrappasso devo dire che li presferisco millanta volte rispetto a quelli che vengono qui ad offendere nascondendosi dietro un nick,ci vada lei in trasmissione a fare il cuor di leone

  • 17 Gennaio 2015 in 18:13
    Permalink

    Angella potrebbe invitare anche questa signora Maria Pia in trasmissione per par condicio… sempre che lei abbia il coraggio di andarci, coraggio che che al signor assioma sicuramente non manca….

  • 17 Gennaio 2015 in 18:42
    Permalink

    SVP calma & gesso. In ogni caso,meglio un giorno da assioma che cento da pecorantiis.

    • 17 Gennaio 2015 in 19:07
      Permalink

      … Vittoria, mi sono innamorato di te!!!! (SVP) fantastica …

    • 17 Gennaio 2015 in 19:29
      Permalink

      svp ,siv vu ple’ ? adesa anca cola canuto e pelato 😀 nello stesso tempo quasi come un quark

  • 17 Gennaio 2015 in 19:45
    Permalink

    si effettivamente il dono di materializzarsi in qualsiasi luogo nello stesso tempo gli va riconosciuto,spero che in un altro universo parallelo l’anno prossimo vedro’ il parma in serie a,e voi a chiavari a chiedervi il perche’ con liu’

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI