DOPO L’INCONTRO CALCIATORI-AIC SOLO CASSANO RESCINDE CON IL PARMA: GLI ALTRI ORIENTATI AD ASPETTARE LA SCADENZA DEL 16 FEBBRAIO. LUCARELLI: “PER ORA NON ABBIAMO DECISO NULLA”

(gmajo) – Antonio Cassano ha rescisso consensualmente con il Parma il proprio contratto, in scadenza a giugno 2016: la Gazzetta dello Sport lo ha annunciato pochi istanti sul proprio portale gazzetta.it, ma la notizia, anticipata da Michele Criscitiello, direttore di TMW, aveva già fatto il giro delle redazioni  (l’ufficialità sul sito fcparma.com è arrivata attorno alle 21) ed era arrivata anche a Palazzo San Vitale dove era in corso la premiazione di Atleta dell’Anno e Atleta del Mese dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport, dove il primo ad esser premiato è stato il capitano crociato Alessandro Lucarelli fresco reduce della riunione tra i giocatori del Parma F.C. e una delegazione del sindacato AIC, Associazione Italiana Calciatori, il quale aveva appena finito di riferire all’uditorio, sollecitato dalla presentatrice Manuela Boselli, volto di Tv Parma, che l’incontro era stato interlocutorio e che ancora nulla si era deciso. FantAntonio (stasera ospite a TikiTaka di Pierluigi Pardo, il quale non ritiene ancora al momento ufficiale la notizia), però, ha deciso di fare di testa sua e di non seguire la linea collettiva dei compagni che paiono esser orientati ad aspettare la dead line del 16 febbraio, data ultima per ricevere le famose cinque mensilità in arretrato. La sensazione è che Cassano, che rinuncerebbe ad un anno e mezzo di contratto, possa aver già un’altra squadra dove continuare a giocare.

LA TRASCRIZIONE DELLE RISPOSTE DI ALESSANDRO LUCARELLI A MANUELA BOSELLI DURANTE LA PREMIAZIONE DI ATLETA DEL MESE E ATLETA DELL’ANNO UNVS

INCONTRO AIC-CALCIATORI PARMA – “Innanzitutto buonasera e grazie davvero di questo premio: sì, c’è stato questo incontro voluto dalla nostra associazione per capire come stanno andando le cose… Niente, non è stata presa nessuna decisione. C’è stato uno scambio di vedute: intanto volevamo capire com’è la situazione ed eventualmente come essere tutelati. Quindi, ripeto, non è stata presa nessuna decisione, solo un dibattito per capire cosa fare puta caso se purtroppo ce ne fosse bisogno”.

IL MALORE DI LEONARDI – “L’ho sentito telefonicamente perché anche noi non lo sapevamo, comunque non ha avuto niente di grave. Per telefono, sicuramente, non aveva una voce smagliante, però aveva fatto tutti gli accertamenti, per vedere le cause di quello che aveva avuto. Ma da come l’ho sentito non è niente di grave”.

LA NUOVA PROPRIETA’ E IL PRESIDENTE KODRA – “Loro sono appena entrati e si sono accorti che di problematiche la società ce ne ha. Ci hanno detto che faranno di tutto per risolvere questi problemi nel minor tempo possibile: noi non possiamo fare altro che dargli fiducia e sperare che le cose si sistemino”.

PRFONDO ROSSO IN CLASSIFICA – “La mia seconda giovinezza è ormai passata, perché questo premio risale a un anno fa: a parte gli scherzi: la classifica è lì ed è normale che la vedano tutti. Il momento è molto difficile e non riusciamo a venirne fuori, a risalire la china, anche se da parte nostra c’è il massimo impegno per fare sì che le cose cambino. Purtroppo, però, non ci stiamo riuscendo. Ieri c’è stata un’altra batosta difficile da digerire, però abbiamo l’’obbligo morale di provarci fino alla fine: guai ad arrendersi adesso che mancano ancora cinque mesi. Sappiamo che è molto difficile, però sicuramente tutti ci proveremo”.

CONFRONTO COI BOYS – “Niente, c’è stato un confronto, tra l’altro ci tengo a specificare, civilissimo, con i nostri tifosi, perché d’altra parte è normale che non siano contenti anche loro di questa situazione, perché quando la propria squadra perde non possono essere contenti. Quindi abbiamo ascoltato quelle che erano le loro ragioni e non potevamo fare altrimenti, garantendo a loro, fino alla fine, il massimo impegno, e così faremo”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

92 pensieri riguardo “DOPO L’INCONTRO CALCIATORI-AIC SOLO CASSANO RESCINDE CON IL PARMA: GLI ALTRI ORIENTATI AD ASPETTARE LA SCADENZA DEL 16 FEBBRAIO. LUCARELLI: “PER ORA NON ABBIAMO DECISO NULLA”

  • 26 Gennaio 2015 in 20:33
    Permalink

    Grazie Ghirardi! !questo è tutto il bene che hai voluto al parma calcio.hai dato in mano la società straindebitata a gente che non si sa chi siano. Una vergogna ,ci hai privato di un sogno;quello di continuare a veder il nostro parma in a.tanto che cazzo te ne frega,te ne sei tornato al paesello bello tranquillo senza dare una cazzo di spiegazione
    giusta.indegnooo!!!!

  • 26 Gennaio 2015 in 20:36
    Permalink

    direttore, mi scusi, ma dopo tutte queste cose, dopo la rescissione e la messa in mora dal 15 febbraio, la società tace? Il giocatore simbolo rescinde il contratto e ancora non parlano? Abbiamo capito che falliremo, ma almeno vorremmo finalmente capire cosa sta succedendo!

  • 26 Gennaio 2015 in 20:40
    Permalink

    Niente di nuovo e straordinario

    Tanti saluti Antonio !!!! Complimenti

    Bravo Frambo !!!!

    Adesso sappiamo ke è anke Permaloso !!!!!

    VIA DA PARMA !!!!!! NON VI VOGLIAMO !!!!!!!!!!

  • 26 Gennaio 2015 in 20:41
    Permalink

    Ho paura che sia solo l’inizio…qua secondo me c’è molta più merda di quanto uno potrebbe anche solo sospettare…

  • 26 Gennaio 2015 in 20:43
    Permalink

    Notizia di difficile lettura…però forse una spiegazione può esserci: in questo modo la nuova proprietà si libera del giocatore con lo stipendio più pesante…insomma, si inizia a risparmiare in vista della prossima serie B???

  • 26 Gennaio 2015 in 20:52
    Permalink

    E nessuno mi toglierà dalla testa la convinzione che avrebbe aspettato anche lui se non ci fosse stato quello sciagurato, inopportuno e arrogante comunicato stampa.
    Chi sarà mai il genio che l’ha scritto, o meglio, fatto poi passare?

    • 26 Gennaio 2015 in 21:04
      Permalink

      Possibile. O possibile che abbia già l’ingaggio pronto.

    • 26 Gennaio 2015 in 21:21
      Permalink

      Bravo credici.

  • 26 Gennaio 2015 in 21:06
    Permalink

    Grazie Ghirardi, Grazie Leonardi x i motivi di cui tutti sappiamo.
    Grazie Taci, Grazie Kodra x continuare ad inveire con cagate del tipo Balotelli vicinissimo, o del tipo amichevoli col Real Madrid..
    Andatevela a far …….. … …. tutti quanti!

  • 26 Gennaio 2015 in 21:08
    Permalink

    Mi piacerebbe sapere chi ha firmato per il Parma l’atto di risoluzione consensuale…
    Comunque il fatto che solo Cassano abbia risolto può avere solo due spiegazioni possibili:
    La prima (più improbabile) è che tutti gli altri giocatori tranne Cassano siano stati pagati.
    Oppure (molto più probabilmente) Cassano è l’unico ad avere già offerte per accasarsi (a differenza degli altri fenomeni della rosa del Parma che penso non li vuole nessuno neppure se li regali)

  • 26 Gennaio 2015 in 21:11
    Permalink

    Dopo qst notizia, anke x solidarietà cn il Direttore, ho avuto un malore ank’io.
    C’è la voce (ke ho messo in giro io) ke anke Squarcia abbia rescisso. Se fosse vero faccio sapere ke io sarei a disposizione. Ke io se c’è da fare delle new mission sn pronto e potrei anke cambiare la padella a Leonardi.

  • 26 Gennaio 2015 in 21:11
    Permalink

    Onore a lui!uomo di talento unico!

  • 26 Gennaio 2015 in 21:17
    Permalink

    Bello tutto e’…? Allora dico la mia, lui (cassano) ha saputo che l’allenatore non lo fa’ giocare domenica e lui il giorno prima manda una lettera di messa in mora, noi tutti coglioni a fare cartelli in favore di cassano, poi finisce la partita e lui (cosa mai accaduto in due anni) va’ sotto la curva….strano ? E dice…”io gioco per voi”….ma caro Cassano ma vai a quel paese…sei piu’ falso delle mille lire. Dovevi prendere soldi ed e’ giusto, ma fare il finto e’ il massimo, poi basta ricordarsi che lo scorso anno si e’ prostituito per andare alla Samp e poi quando ha visto che non lo prendevano allora ha detto che per lui il Parma e’ come il Barcellona….Cassano….ma VAFFANCULO a casa e spero che non ti danno nemmeno 100 euro.

  • 26 Gennaio 2015 in 21:20
    Permalink

    Bravo Joe, Un giocatore che dopo mille ca**ate fatte in giro, ha trascorso un anno e mezzo a Parma con umiltà, serietà e talento, cosa che certo non gli manca!!!
    Ora tutti a trattarlo da mercenario, mi raccomando… Ma d’altronde chi di noi/voi andrebbe a lavorare solo per l’onore e la gloria senza essere pagati da mesi??? Io no di certo…

    In bocca al lupo Fantantonio, spero che la prossima squadra possa darti quanto meriti.

  • 26 Gennaio 2015 in 21:25
    Permalink

    Giusto spero anch’io non venga pagato. Cassano si è mosso solo perché voleva andare via e i suoi consulenti gli han detto come.
    Semplice.

  • 26 Gennaio 2015 in 21:40
    Permalink

    Caro Dittatore, mi sa dire se sono già in vendita i biglietti dell’amichevole contro il Real Madrid ed eventualmente le dritte per acquistarli? Grazie

  • 26 Gennaio 2015 in 21:52
    Permalink

    Domani si dimette Donadoni, Crespo nuovo allenatore.

  • 26 Gennaio 2015 in 21:55
    Permalink

    Majo piu nera di cosi

  • 26 Gennaio 2015 in 21:56
    Permalink

    E la volta buona che fanno giocare harsalin?!!!

  • 26 Gennaio 2015 in 21:57
    Permalink

    Direttore, excusez-moi

  • 26 Gennaio 2015 in 22:11
    Permalink

    Diciamo che più che essersi liberati di un peso si sono liberati di un grosso ingaggio!!ora forse l attaccante sarà più facile prenderlo! A me dispiace perché quest’anno aveva finalmente dato l idea di essere maturato!

  • 26 Gennaio 2015 in 22:39
    Permalink

    Direttore quindi sulla falsa riga di quello che sta succedendo, mi viene pure da pensare che il mancato arrivo di Zaccardo e le voci su alcune mensilità non pagate della sua precedente permanenza in ducato non fossero poi cosi stupide come erano definite. La mia sensazione è che già da anni ci fossero gravi problemi di liquidità imputabili, forse, alle dubbie condizioni economiche della Leonessa e dall’impossibilità di Ghirardi di poter accontentare i suoi capricci facendo fondo solo sui suoi introiti.. Ripeto è una sensazione, non ho nessuna prova, chiedo a lei.
    La mia sensazione è anche quella di esser stato preso per i fondelli da minimo 3-4 anni.

  • 26 Gennaio 2015 in 22:53
    Permalink

    A Napoli è consentito far entrare petardi nello stadio, i media nazionali parlano di tifo passionale.

    A Parma il ‘Frambo’ discute a volto scoperto e civilmente con Cassano, Tardelli alla DS opera improbabili paragoni con personaggi da cronaca se non nera almeno grigia.

    Sapete, forse è quasi un bene che si riparta dalla D…sono proprio stanco di essere in mezzo a questa feccia (a tutti i livelli).

  • 26 Gennaio 2015 in 23:07
    Permalink

    Ma se uno rescinde cosa succede??lo pagno lo stesso l ingaggio???

  • 26 Gennaio 2015 in 23:19
    Permalink

    Direttore cosa succederà? San secondo o agonia verso la b??

    • 26 Gennaio 2015 in 23:31
      Permalink

      al momento sembra più vicino san secondo, ma non si sa mai che la nuova proprietà dia seguito a quanto predisposto

  • 26 Gennaio 2015 in 23:19
    Permalink

    E se invece fosse questa la mossa che aspettava la società? (La risoluzione del contratto con Cassano) chissà che ora parta realmente il progetto della nuova società? Sono un visionario?

  • 26 Gennaio 2015 in 23:32
    Permalink

    fra poco cassano a tiki taka spiegherà la sua verità. sono molto curioso di sentire cose dice, da persona istintiva sicuramente farà emergere nuove chicche sulla nuova proprietà…

  • 26 Gennaio 2015 in 23:33
    Permalink

    Majo, potrebbe cortesemente riferire alla signora o signorina Rancati che sono un suo fervente ammiratore e che la giudico una donna di grande fascino?

    • 26 Gennaio 2015 in 23:35
      Permalink

      la medesima è una nostra affezionata lettrice quindi la legge direttamente, ma è felicemente coniugata con prole..,

  • 26 Gennaio 2015 in 23:33
    Permalink

    Direttore mani spieghi solo il motivo d tutta questa messa in scena…. Chi ne giova???

  • 26 Gennaio 2015 in 23:54
    Permalink

    no, non intendevo certo corteggiarla, in quanto sono sposato e da cattolico convinto mai potrei… volevo solo esprimere una galanteria…

  • 27 Gennaio 2015 in 00:04
    Permalink

    Mi associo agli apprezzamenti nei riguardi della Rancati. Detto questo, novità da Tiki Taka?

  • 27 Gennaio 2015 in 00:14
    Permalink

    Le anteprima di stampa riportano basta, non pagano, rinuncio a 4 mil, se non trovo squadra mi ritiro

  • 27 Gennaio 2015 in 00:14
    Permalink

    ancora niente..sarà l evento della serata. in collegamento da parma e crespo in studio..

  • 27 Gennaio 2015 in 00:23
    Permalink

    direttore che lei sappia cassano all interno dello spogliatoio creava problemi?perché mi è sembrato di capire da un paio di dichiarazioni che non è che lo spogliatoio lo godesse molto ultimamente.

  • 27 Gennaio 2015 in 01:12
    Permalink

    grande Antonio…tanto di cappello!la persona più seria del parma. chi l avrebbe mai detto…

  • 27 Gennaio 2015 in 01:13
    Permalink

    Dichiarazioni di Cassano:
    – vado via perché è da 7 mesi che ci prendono x il c..o
    – volevo liberarmi da questa agonia
    – mi dispiace x i compagni e x la gente di Parma che ci ha sempre sostenuto
    – non ho altre offerte ed in questo momento nemmeno ci penso, se non ci saranno offerte interessanti mi ritiro
    – sono rimasto molto deluso dalla vecchia dirigenza

  • 27 Gennaio 2015 in 01:36
    Permalink

    Si a Tiky Taka Cassano ha ringraziato la dirigenza per lo splendido rapporto, ha allontanato i sospetti che la società sia insolvente o truffaldina, lascia solo perchè odia l’umidità e la nebbia. Inoltre la società per ringraziarlo gli ha dato una buona uscita e gli ha promesso di assumerlo come dirigente a fine carriera. Per sostituire Cassano arriverà Puskas che ora gioca in Bolivia ed è pronto per il campionato italiano.

  • 27 Gennaio 2015 in 01:46
    Permalink

    Majo, lei si è un po’ affezionato a me?

  • 27 Gennaio 2015 in 01:54
    Permalink

    Direttore ho letto che la squadra a Collecchio non si sarebbe strappata i capelli per la perdita di Cassano, ANZI… Ci sono riscontri?

  • 27 Gennaio 2015 in 01:58
    Permalink

    Gentilissimo Gabriele Majo, volevo porle una questione. Conosco una persona vicina al Parma che mi ha proposto uno scenario per la società. Secondo lui Taci ha in pugno Leonardi a cui è stato chiesto di reperire fondi (altro che mercato…). Leonardi, insomma, sarebbe il “garante” dei debiti che lui stesso ha concorso a contrarre in quanto AD della scorsa gestione. Se la cosa non dovesse andare in porto (e non sta andando in porto…), Taci potrebbe scientemente far fallire la società per poi rillevarla (o farla rilevare?) all’asta. Cosa ne pensa Egregio Majo? La ringrazio e le stringo la mano.

    Adam

    • 27 Gennaio 2015 in 08:18
      Permalink

      È il famoso piano B detto da Majo già la settimana scorsa

  • 27 Gennaio 2015 in 02:18
    Permalink

    Salve a tutti,sono qui a leggere questi commenti e onestamente sono molto dispiaciuto per la situazione che sta attraverando il parma calcio,sono di palermo ma tifoso di calcio in primis,ricordando le gesta di questa squadra negli anni passati,dalla lotta al vertice passando per la coppa uefa strappata alla juventus,parma leggendario che ora si trova in questa situazione,non ci si crede.Detto questo spezzo una lancia in favore di cassano,che a tiki taka ha spiegato bene,il suo e’un gesto di resa verso una societa’ce se n’e’fregata altamente,dove gente che guadagna meno non prende lo stipendio da oltre 7 mesi,non oso immaginare chi,magazzinieri o gente che ha stipendi “normali”come spiegato da cassano stesso,e in studio c’era anche hernan crespo,valdanito mitico,che ha confermato non a voce ma a gesti cio’che stava dicendo cassano.
    lui non ha sopportato tutta questa presa in giro nei confronti di tutta la squadra dal primo all’ultimo elemento,e mi permetto di dire che e’forse grazie a lui che in tutta italia adesso si sa bene la situazione del parma,ribadisco il mio dispiacere da tifoso di calcio ITALIANO ,io mi sento di dirvi che sono molto vicino a voi e spero con tutto il cuore che si possa risolvere senza andare in categorie che il parma non merita.
    detto questo non prendetevela con fantantonio,lui e’un’istintivo e se non faceva questo passo non si sarebbe capito nulla in italia,mi sembra che sia importante…saluti a tutti e forza parma!!

  • 27 Gennaio 2015 in 02:31
    Permalink

    Cassano “salvate la parma”

  • 27 Gennaio 2015 in 02:56
    Permalink

    Direttore sono senza parole

    Io ero ottimista ma lei “che ci mette VERAMENTE il naso ” ci aveva avvisato I SUOI LETTORI da almeno un mese che poteva essere LA grande farsa ..e io PIRLA(eravamo in tanti) a parlare della punta ,delle ali, del centrale di difesa , del falso nove !!
    CHE INGIUSTIZIA CHE VERGOGNA
    “SALVATE LA PARMA”CIT Antonio cassano

    • 27 Gennaio 2015 in 09:51
      Permalink

      I giornalisti di Parma parlano di possibile farsa da quando spergiuravano di non sapere nemmeno chi fosse l’acquirente, non da un mese.
      Ho la sensazione che sappiano da novembre tutto il precesso che sta avvenendo ed avverrà.
      Se no vuol dire che in novembre avevano una palla di vetro.

  • 27 Gennaio 2015 in 07:23
    Permalink

    Se é vero che Cassano ha rinunciato a 4 mln con la rescissione ha fatto un bel regalo alla società, la quale sarà stata ben felice di respingere.
    Io ringrazio Cassano per aver fatto in modo che a livello nazionale si parlasse del disastro che ghirardi, Leonardi e i nuovi hanno combinato

  • 27 Gennaio 2015 in 08:09
    Permalink

    Direttore facciamo qualcosa o sarà baratro,facciamo scoppiare la bomba…

    • 27 Gennaio 2015 in 09:14
      Permalink

      Dirrettore ma non si potrebbe provare ad intervistare (anche in versione anonima) un’impiegata amministrativa che conosca a mena dito i reali conti e debiti del Parma Calcio??…perché a detta di Cassano molto “stipendi comuni” non vengono retribuiti da oltre una anno!!!!!…cioè quando tutti parlavano del Parma dei record con le su 17 partite senza sconfitta c’era chi, all’interno della società se ne stava in silenzio e non portava a casa il loro normale stipendio da impiegato che al giorno d’oggi non basta per tirare avanti….dunque la situazione era già molto grave ben prima del raggiungimento dell’Europa (il quale mancato accesso sia Ghirardi e Leonardi ci hanno sempre raccontato che fosse stato il reale motivo del problema)…io mi chiedo come facevano questi 2 ad andare in conferenza sapendo che non davano lo stipendio a gente comune!!…bah, ogni giorno ne salta fuori sempre una nuova

      • 27 Gennaio 2015 in 09:55
        Permalink

        Se un giornalista di Parma fa una cosa del genere si brucia tutte le fonti da qui alla fine della sua carriera.

      • 27 Gennaio 2015 in 10:24
        Permalink

        non prenderei per oro colato quello che ha detto cassano, nell’intervista ha detto molte cose non vere

      • 27 Gennaio 2015 in 10:58
        Permalink

        A posteriori io rivisiterei anche la separazione con Imborgia, il quale dopo l’addio ci tenne a sottolineare che “non c’era alcun motivo economico alla base del divorzio” e sul calare dell’anno passato si disse “sorpreso dalla crisi societaria in cui versava il Parma”…dubito che non sapesse della crisi e a ‘sto punto mi vien da pensare pure che se ne sia andato per ragioni diverse da quelle ufficiali…

  • 27 Gennaio 2015 in 08:19
    Permalink

    Penso che la nuova proprietà non si stia strappando i capelli per la rescissione contrattuale di Cassano, anzi credo che si auspichi altre rescissioni per alleggerire il monte ingaggi dei prossimi anni. E’ inevitabile che con l’avvicinarsi della serie B la nuova proprietà voglia cancellare quei debiti che i diritti televisivi della serie cadetta non permetterebbero. Il Parma ha diversi giocatori già titolari quest’anno in serie B, per cui, credo che sia obbligato a sperare nella rescissione di quasi tutta la rosa di quest’anno, fatta eccezzione per alcuni elementi. Tengo a ricordare che i diversi calciatori dati in prestito dal Parma F.c. non possono rescindere il contratto in quanto le obbligatorietà sono a carico delle squadre in cui militano (a meno del fallimento della società crociata)

  • 27 Gennaio 2015 in 08:26
    Permalink

    Dr. Majo, ma a fine Gennaio 2015, non dovevav essere discussa una istanza di fallimento a carico del Parma ?

    Sbaglio ?

    Gradirei una sua delucidazione.

  • 27 Gennaio 2015 in 09:10
    Permalink

    Egr. Majo, tra le procedure concorsuali esiste anche la richiesta di concordato preventivo. Tale procedura viene richiesta al Tribunale competente e prevede il pagamento di una percentuale dei debiti chirografari per un minimo del 30% mentre per i privilegiati il pagamento deve essere totale. Ipotizzando un debito chirografario totale di 100mln il risparmio potrebbe aggirarsi sui 70mln. Nel caso della concessione di un concordato preventivo il titolo sportivo rimane in possesso di una società calcistica? Ci sarebbero i tempi tecnici per ottenerlo prima dell’iscrizione al prossimo campionato? Grazie

  • 27 Gennaio 2015 in 10:37
    Permalink

    A chi mi chiede perché quella di cassano é una buona notizia per il futuro del Parma rispondo che cassano era molto legato, in termini sportivi ma soprattutto economici, alla vecchia gestione (Leonardi e ghirardi ) che contratto è stato fatto a cassano?
    La nuova società sta decidendo chi tenere ed a quelli pagherà il dovuto , n’è frattempo arriverà la punta ed altri giocatori di livello

    • 27 Gennaio 2015 in 10:51
      Permalink

      Certo, senza dubbio ma farlo rescindere e darlo via a 0? La punta si, ma di quale formaggio?
      A parte l’ironia macabra,visto che si balla sulla tomba del morto, trovi che tutti questi comportamenti siano di cattivo gusto,i dipendenti non si trattano così, fermo restando che puoi legittimamente venderlo, poi perché fare un mercato così povero? Perchè aspettare il Bomber per 2mesi quando se hai soldi chiudi? Io penso che la stiano contando per prendere tempo, tempo che non riesco capire del tutto finalizzato a cosa dato che volendo il fallimento (ipotesi razionalmente con maggior profitto) essendo il buon Doka responsabile e Leonardi dentro loro non verrebbero toccati dallo schifo. Se non c’e taci dietro allora la domanda vera è perché uno con soldi e potere economico da 2miloardi di euro di fatturato deve farsi rappresentare da un personaggio così particolare con precedenti sportivi poco lusinghieri?

    • 27 Gennaio 2015 in 10:54
      Permalink

      Poniamo che sia vero ciò che sta raccontandoci, ok? In un caso del genere la punta e i giocatori di livello, considerato che la serie A è ormai bella che andata, resterebbero anche in serie B? Faranno parte della rosa a cui sarà affidata la missione di riportare il calcio parmigiano ai massimi livelli?

      Non è per smorzare gli ultimi entusiasmi rimasti accesi, però io l’anno prossimo mi vedo più a San Secondo che a San Siro o a Cittadella…

    • 27 Gennaio 2015 in 11:36
      Permalink

      Mettiamo il caso che la tua previsione sia vera e che la nuova proprietà stia decidenti chi tenere e chi tagliare…ma ormai i fatti dicono che non pagando nessuno anche la vecchia guardia (Lucarelli, Cassani, Paletta, Gobbi) oltre il 16.02 non aspetta, e se non pagano entro quella data chi scende in campo poi?….e soprattutto, dopo questo caos creato negli ultimi 3-4 giorni qual è quella punta sana di mente a venir a giocare a Parma per perdere tutte le partite da qua a maggio? nel mercato italiano non viene più nessuno a Parma e del mercato esterno non so.
      Piuttosto che fare mercato bisogna far giocare Mauri Haraslin Cerri (riportandolo a casa) e ragazzi vari da qua fino a maggio (scremando almeno 10 giocatori della prima squadra)…il problema è che se ne stanno andando soprattutto loro (vedi Coric e Jeraldinho).
      Penso che la previsione migliore sia fare una manovra tipo Bari dell’anno scorso.

  • 27 Gennaio 2015 in 10:40
    Permalink

    Per debiti chirografari si intendono mutui e prestiti?

    • 27 Gennaio 2015 in 11:06
      Permalink

      No, tutti quei crediti non assistiti da garanzia reale o personale, ad esempio, nella norma, quelli dei fornitori

    • 27 Gennaio 2015 in 11:29
      Permalink

      I debiti chirografari sono quelli non garantiti da firme personali. Di solito sono i fornitori generici e le banche per affidamenti bancari e/o prestiti concessi senza le garanzie personali di una persona fisica. I dipendenti, i collaboratori e gli Enti previdenziali rientrano nei creditori privilegiati.

  • 27 Gennaio 2015 in 10:49
    Permalink

    @Mat ma le tue fonti quali sono? O sono semplici deduzioni?

    • 27 Gennaio 2015 in 11:24
      Permalink

      Non diamo credito alle illazioni non documentate.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 27 Gennaio 2015 in 10:53
    Permalink

    Majo e possibile cercare di contattare il buon gioielliere e i Giordano con interviste?

  • 27 Gennaio 2015 in 11:00
    Permalink

    I creditori chirografari sono quelli che non vantano garanzie reali (pegno e ipoteca) o personali e che, pertanto, vengono soddisfatti solo dopo i creditori prelatizi.

  • 27 Gennaio 2015 in 11:48
    Permalink

    Direttore e’ vero non diamo credito alle notizie o illazioni non documentate, pero’ possibile che nessuno scrive che circa una settimana fa’ Cassano e’ andato in sede a chiedere di essere ceduto al Genoa ? O nessuno dice che domenica alla fine della partita Cassano ha fatto una forte discussioni comprese alzate di mano contro Lucarelli e almeno tre quarti dei giocatori ? O nessuno dice che se tra’ 4 giorni firma un contratto ha fatto questo giochino solo per andare via e scaricare la colpa ad altri, giusto che deve prendere gli stipendi e questo nessuno lo nega ma da qui a passare per Santo o benefattore per chi prende meno di stipendio mi vien da ridere. Un po” come mi vien da ridere vedere Melli sotto la curva che accusa la dirigenza, perche’ forse lui non e’ un dirigente ? E accusa altri ma senza dire che ha un contratto da settantamila euro (il team maneger piu’ pagato), o della compagna che appena un mese prima di Taci si e’ fatta rinnovare il contratto di due anni, ora anche loro parlano parlano parlano, ma prima di Santificare le persone andiamo a vedere cosa nascondono dentro i propri armadi e non dire subito che loro sono bravi ed onesti e altri ladri e bugiardi. Grazie
    Matteo b

    • 27 Gennaio 2015 in 12:04
      Permalink

      Se non lo scrive nessuno che Cassano e Lucarelli sono venuti alle mani è forse perché, a differenza dei leoni da tastiera sul web, i professionisti dell’informazione hanno da rispettare un codice deontologico.

      Che Cassano si sia presentato in sede a chiedere di esser ceduto al Genoa a me non corrisponde affatto. Anche perché Cassano poteva benissimo fare la scorsa settimana quello che ha fatto ieri, cioè la risoluzione consensuale del contratto, senza che nessuno si sarebbe stracciato le vesti.

      Per quanto riguarda i compensi di Melli e il prolungamento di contratto della sua compagna: primo non so se è vero, secondo anche lo fosse non penso che sia così interessante. piuttosto, poteva evitare di dire i giornalisti sanno. Primo, perché non mi piacciono le generalizzazioni; secondo se i giornalisti sanno vuol dire che lui sa chi ha parlato coi giornalisti, magari lui stesso, ma vale quello che ho sempre detto per i fornitori: o una ha gli attributi di fare una denuncia circostanziata del proprio credito, mettendoci la faccia o le pezze giustificative, oppure può evitare di sperare che facciano casino i giornalisti, mettendoci loro la faccia, cosa che qualche mio collega ha fatto rimediando delle figure barbine (vedi le mitiche retromarce di Schianchi): io, viceversa, ho cercato di fare le cose con cognizione pubblicando, mai ripreso da nessun altro, la tabella con la evoluzione dei debiti vs fornitori negli ultimi 4 esercizi, con incremento del 130%, da dati di bilancio, senza fare il babalano a riportare il chiacchiericcio, ma appunto dati concreti, come un professionista dell’informazione dovrebbe fare. Quarto: la compagna di Melli è la responsabile dell’ufficio legale del Parma FC: quindi le cose che Melli ha detto l’altra sera sotto la curva le conosce da anni, ma evidentemente stavano bene anche a lui/loro fino adesso. Forse è un po’ troppo comodo. E ora lo abbiamo fatto santo… E in questo concordo con lei.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 27 Gennaio 2015 in 11:55
    Permalink

    Partiamo dal presupposto che io non sono un giornalista per cui in questa specifica situazione le mie non sono illazioni. Dal momento che le procedure societarie che sono in corso, non sono state volutamente rese pubbliche, tenderei più a pensare che le illazioni provengano invece proprio dai giornalisti dal momento che nessuno della società gli sta passando informazioni (solitamente sono invece abituati ad averne ). Inutile chiedere come un mantra la provenienza delle fonti , c’è solo da aspettare. Io voglio ribadire che in principio per i giornalisti non c’era nessuna nuova prprieta mentre la nuova proprietà c’è . Per i giornalisti a Parma, in sede di mercato non sarebbe arrivato nessuno , ed invece sono arrivati tre giocatori di livello (ed è apparso lampante sin dalla prima partita) – questi giocatori sono venuti correndo il rischio di non essere pagati? Mi pare ovvio che non sia così . La dipartita di cassano è un passo positivo per l’armonia dello spogliatoio (secondo me nelle prossime partite ne avrete dimostrazione ) ma soprattutto è uno “scatto” positivo per le procedure societarie in corso . Abbiate fiducia

    • 27 Gennaio 2015 in 14:41
      Permalink

      Caro “Mat”, ABBIATE FIDUCIA e’ un tantino sbagliata come espressione. Se non altro per qualcosa come 9.000 abbonati, che, come me, hanno rinnovato l’abbonamento “alla cieca”…dopo l’esclusione dall’Europa League per inadempimenti del Parma F.C.
      E il sottoscritto, quell’abbonamento lo rinnova da ben più di 20 anni! Ora, che tutti qui si voglia il bene della nostra squadra è palese…quindi tutti SPERIAMO che le cose vadano come lei dice. Io amo la squadra della mia città…Ma la fiducia…quella…si è un tantino persa. E chi ha fatto un macello del genere, e/o chi gli è subentrato, dovrà riguadagnarsela. Con questo, sono pure convinto che in realtà una società calcistica non senta il dovere di dare più di tante spiegazioni, agendo, invece, come meglio crede fregandosene della massa. Vorrà dire che, allo stesso modo, ci riterremo liberi di andare la domenica (o meglio…il sabato…o chissà quale altro giorno) per fatti nostri…il Parma può sicuramente giocare le sue partite in un campetto a Collecchio…senza nemmeno uno spettatore pagante…sempre che nel frattempo il centro sportivo non venga pignorato da qualche creditore…
      PS: io tifo PARMA e non Parma F.C.

  • 27 Gennaio 2015 in 12:19
    Permalink

    Gent. Sig Majo, è la prima volta che scrivo nel blog. Volevo solo ringraziarla per il suo impegno nel raccontarci le vicende del Parma. In questi mesi così strani sono pochissimi quelli che possono camminare con la schiena dritta. Si capisce chi fa bene il suo mestiere e ci mette passione. E io leggo sempre volentieri il suo blog. Buon lavoro!

    • 27 Gennaio 2015 in 12:25
      Permalink

      Grazie mille. Mi fa piacere sapere che c’è anche chi apprezza soprattutto lo spirito e l’onestà.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 27 Gennaio 2015 in 12:57
    Permalink

    Caro Mat…si spieghi meglio quando conclude dicendo ABBIATE FIDUCIA. Ma fiducia in cosa…nessuno della ipotetica nuova società si fa vivo…i giocatori se ne vanno…la classifica piange e abbiamo 7 punti in 20 giornate!!! FIDUCIA UN CAZZO!!! Qua ci vuole CHIAREZZA…c’è un progetto si, bene esponetelo….non c’è un cazzo, ci sono difficoltà?DITELO!!! Basta incertezze! Parma non merita questo!! E lo dice uno che fa l’abbonamento da un paio d’anni e viene da Venezia ogni due domeniche solo per PASSIONE, parola che certe persone proprio non conoscono!!!

    • 27 Gennaio 2015 in 13:21
      Permalink

      Onore a te che vieni da Venezia!
      Detto questo io la speranza che dietro “le nuvole” ci sia il sole ce l’ho, solo che mi trova senza risposta il perché comprare una squadra di calcio senza volerlo far sapere!

  • 27 Gennaio 2015 in 13:56
    Permalink

    A Collecchio filtra ottimismo!

      • 27 Gennaio 2015 in 15:06
        Permalink

        Ma infatti è tuttopredispoto sul serio. Taçi è un furbacchione, Majo, e vuol portarsi a casa la baracca senza spendere un bel niente. Geniale

        • 27 Gennaio 2015 in 15:11
          Permalink

          Geniale, ma è un gioco astuto che fa sulla nostra pelle, oltre che su quella di qualcun altro, che però se l’era andata a cercare…

          Cordialmente

          Gmajo

      • 27 Gennaio 2015 in 15:12
        Permalink

        Infatti anche l’ottimismo è predisposto!

  • 27 Gennaio 2015 in 14:08
    Permalink

    ESCLUSIVA PARMALIVE – Giuli (EnergyT.I.): “Risolta la sponsorizzazione, vogliamo uscire dal Parma e ne ho parlato con Taçi”
    scappano tutti…

    • 27 Gennaio 2015 in 15:13
      Permalink

      Be va Be questo è il meno…a momenti falliscono anche loto…

  • 27 Gennaio 2015 in 14:40
    Permalink

    oltre a meli NON FACCIAMO SANTO ANCHE CASSANO A PARTE LE PRIME 2 PARTITE NON CORRE EDS E SVOGLIATO A ROTTO LE PALLE A TUTTI NELLO SPOGLIATOIO CI HA USATI L ANNO SCORSO PERCHE’ VOLEVA ANDARE AL MONDIALE (DOVE LUI E LA MOGLIE HANNO ROTTO L ARMONIA AL GRUPPO E PEFIN IL RESPNSABILE DELL ALBERGO GLI HA DATO DEL MATTO COME TACCONI POCHI GIORNI FA E DUE INSDIZI FANNO UNA PROVA ) IL ROMPICAZZO SAMPDORIANO VADA ALLA SAMP MANCO LO VOGLIONO A GENOVA IN REALTA’ MANCO I TIFOSI A PARTE I 5 AMICI DELLA MOGLIE NON LO VOGLIONO !!!!! 1) L ANNO SCORSO PER IL MONDIALE NON PER LA MAGLIA DEL PARMA SI E’ ALLENATO QUEST ANNO ZERO …..2) NON HA MAI SALUTAO IL PUBBLICO MAI UNA CENA SOCIALE E CHI VA SOTTO LA CURVA DOPO LA PARTITA DEL CESENA CASSANO !!!! MA VA …..E’ TUTTO COSTRUITO A TAVOLINO DA AVVOCATI E MANAGER DELL IMMAGINE E PROCURATORE CHE HA GIA’ CHIUSO CON LA JUVE TANTI SALUTI ………PARMA BYE BYE

  • 27 Gennaio 2015 in 14:46
    Permalink

    AH POI QUEL C….NE VA DA PARDO SUO TESTIMONE DI NOZZE ( MAGARI PRENDE PURE SOLDI PER L ESCLUSIVA E IN OGNI CASO SE NON TROVA VA A FARE L OPINIONISTA IN MEDIASET VISTO L AMICIZIA CON PARDO ) ) A DIRE CHE CI PERDE SOLDI 4 MILIONI QUASI BALLE QUELLI CHE DEVE AVERE ANCHE SE IL PARMA FALLISCE LI HA(SONO GARANTITI E COMUNQUE SONO I PRIMI A PRENDERLI COME DIPENDENTE SOLO IL CENTRO SPORTIVO VALE GLI STIPENDI DEI GIOCATORI ) E LUI HA GIA’ IN MANO UN CONTRATTO STATENE CERTI NON SI SVEGLIA AL MATTINO E VUOLE RESCINDERE (PERALTRO PROPIO PRIMA DEL CESENA PARTITA DECISIVA )GLI HANNO CONSIGLIATO COME FARE PER AVERLO A COSTO ZERO E MAGARI DARE UNO STIPENDIO MAGGIORE A LUI ……E LUI IN TV SI DISPIACE ANCHE PER QUELLI CHE SONO IN CASSA INTEGRAZIONE O MA CHE BRAVO IL RAGAZZO MA VA …CASSANO MA VA ……

  • 27 Gennaio 2015 in 15:48
    Permalink

    Io sono rimasto allibito delle nuove dichiarazioni del sindaco: non c’è stato ancora un incontro ufficiale in municipio, ascolteremo i loro programmi etc.. ma fa quel ocò

    ps 11-6 inizia a diventar complesso 🙂

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI