mercoledì, Luglio 24, 2024
ColumnistNews

IL COLUMNIST / NON MI PIACE PER NULLA IL TIRO AL BERSAGLIO DI CERTI TIFOSI DEL PARMA NEI CONFRONTI DI ANTONIO CASSANO E PIETRO LEONARDI

(Luca Russo) – Non cercherò di essere elegante stavolta. Anzi forse questo sarà uno dei pezzi se vogliamo più  terra terra della mia esperienza da  pseudogiornalista. Ma arriviamo subito al dunque: a me il tiro a bersaglio di certi tifosi parmigiani nei riguardi sia di Antonio Cassano che di Pietro Leonardi, non è che stia piacendo tantissimo. Di più: non mi sta piacendo per niente. Capiamoci: i due personaggi in questione non hanno bisogno di avvocati difensori, men che meno di un avvocato difensore come il sottoscritto, che in quanto a critiche non ha mai risparmiato nessuno, e specialmente l’ex Plenipotenziario. Però un paio di cosucce a proposito degli improperi che una larga parte del tifo gli sta indirizzando, intendo dirle. Finché il Discolo di Bari Vecchia segnava o faceva segnare a raffica i compagni e ballava la samba sotto la curva, tutta la tifoseria Crociata pendeva dai suoi piedi e se ne dichiarava non dico innamorata, ma quasi, perdonandogli perfino cose peggiori di una simil messa in mora o di un sollecito di pagamento degli stipendi arretrati (quindi cercar di far valere un proprio diritto), tipo la sua malcelata voglia di tornare alla Sampdoria alla prima occasione utile (alla faccia del rispetto del piatto in cui si mangia). Poi, nel minuto in cui si è prodotto in un gesto che io tutt’ora fatico a decifrare (l’ha fatto per salvare sé stesso o, da buon sindacalista quale alle volte riesce ad essere, per prestare la sua faccia e il suo appeal mediatico ad un problema che accomuna tutti i dipendenti della società ducale?), ma che ha avuto il merito di accendere un bel po’ di riflettori su ciò che stava e sta succedendo a Parma e dintorni, più o meno tutti gli hanno voltato le spalle affibbiandogli la patente di traditore o quella di capitano che scappa quando la barca inizia ad affondare. Per carità, chiunque ha il diritto e in alcuni casi anche il dovere di cambiare idea, ci mancherebbe. Ma la questione, nel caso della crisi societaria del Parma, è tutt’altra: chi decide di svincolarsi da questo inferno perché son mesi che non percepisce lo stipendio, secondo me ha esattamente le stesse ragioni da vendere di chi invece resta nonostante tutto. Non è detto che i primi debbano necessariamente passare per egoisti e i secondi per gente di cuore (ragionando al contrario, si potrebbe dire che i secondi egoisticamente restano a Parma perché non hanno mercato altrove e che i primi andando via rinunciano a parecchi soldini). Insomma, gli uni non possono ritenersi migliori degli altri. Checché ne dica il moralizzatore Donadoni.
imageE ora passiamo all’altro personaggio che nelle ultime ore è finito nel mirino della piazza, Pietro Leonardi. Così come ha scritto il nostro Direttore nel suo editoriale dato alle stampe poc’anzi, trovo decisamente inelegante ed intempestivo il ‘Leonardi vattene’ intonato a più riprese dalla Curva Nord ieri sera. E il perché ve lo spiego chiamando in causa la miglior penna concepita dal nostro paese, Indro Montanelli. Il Maestro amava ricordare di "essere stato antifascista quando esserlo era assai scomodo e pericoloso, e non diversi anno dopo, e cioè quando esserlo non metteva a rischio la propria incolumità data la lenta ma graduale estinzione dei fascisti e dunque della materia prima che avrebbe potuto creare più di un problemino agli antifascisti". Vale per Pietro Leonardi un principio simile. Lo Zar andava contestato ai tempi della pesca a strascico o dell’andiamocela a riprendere, e cioè quando a mettere in dubbio la bontà del suo operato si passava per nemici suoi, di Ghirardi e del Parma tutto. Farlo adesso che i danni generati da alcune delle sue operazioni son diventati ormai irreversibili, non è solo comodo e semplice, ma anche da persone prive dei cosiddetti attributi. Perché gli uomini veri non sparano su un avversario già ferito, semmai cercano di lanciarvisi in soccorso. Non per ottenere un abbraccio di riconciliazione, ma per firmare una tregua. In attesa di tempi peggiori, naturalmente… Luca Russo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

L’OPINIONE DI MAJO DOPO PARMA-JUVENTUS 0-1: “I CARTELLI “LEONARDI VATTENE” CONTRAPPASSO DELLA SUA DIVISIONE DEL MONDO IN BUONI E CATTIVI, MA INELEGANTI E INTEMPESTIVI”

33 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / NON MI PIACE PER NULLA IL TIRO AL BERSAGLIO DI CERTI TIFOSI DEL PARMA NEI CONFRONTI DI ANTONIO CASSANO E PIETRO LEONARDI

  • Lorenzo MK

    “Perché gli uomini veri non sparano su un avversario già ferito, semmai cercano di lanciarvisi in soccorso. Non per ottenere un abbraccio di riconciliazione, ma per firmare una tregua.”

    Mah, mi sembra un pò una cazzata romantica questa…mi vien anche un pò da ridere…comunque Leonardi è già stato soccorso dal personale dell’ospedale, quindi non gli servono braccia a cui appoggiarsi. Cassano ha fatto quello che riteneva più giusto per sé e va bene così, ma che adesso non cominci a sparare in giro interviste paraculo. Che poi tutto sto mercato..lui stesso ha detto che non lo vuole nessuno, neanche sua madre a casa.. perché si sa di che pasta è fatto. Al Parma gli sono state perdonate tante cappelle, quindi almeno potrebbe ricordarselo e cercare di mantenere un profilo più basso, almeno ora che deve cercare un altro piatto da cui mangiare e su cui poi sputare…come sempre. Perché lui è un recidivo. E’ questa sua caratteristica che non lo eleverà mai a Grande.

    • Noi, cara LorenzoMK, siamo gente romantica, di cuore: che ci vuoi fare… Anche se non si tratta di correre in soccorso, ma di continuare ad essere onesti e con la schiena diritta come sempre.
      Cordialmente
      Gmajo

      • si parla di tutto e di più, ma nessuno dice chiaramente chi a rovinato il Parma calcio, è quel ****** Ghirardi che noi chiamavamo PRESIDENTE, io non trovo giusto che ***** Tommaso stia bel tranquillo nella sua Carpenedolo a mangiare e bere e tutti i tifosi a mangiare del nervoso, non deve finire cosi…….. porca troia….

        FORZA PARMA………….

  • Egregio Russo Luca Lei dice ke NON le piace x nulla

    il Comportamento di certi Tifosi !!!!!

    Certamente è stato più Bello il Comportamento dei Dirigenti

    Cioè Mentire e prendere x il CULO i Tifosi !!!!!!!

    LA FEDE NON FALLISCE !!!!! Questa NO !!!!!

    Onore e Fedeltà Crociata !!!!!

    • Luca Russo

      Che il comportamento dei dirigenti, sia della vecchia che della nuova proprietà, fosse da censurare, questo quotidiano on line l’ha scritto in tempi non sospetti e comunque nello stesso momento in cui la tifoseria osannava quei dirigenti, che al contrario oggi critica ferocemente, e considerava nemici chiunque osasse mettere in dubbio la bontà del loro operato. Ecco, in quanto a coerenza, una parte della tifoseria deve farne di strada.

  • Francesco Mannella

    Dal momento che sul sito appare la mia foto vi dico che Leonardi lo vorrei vedere via da Parma e alla svelta perchè se siamo in queste condizioni è colpa sua e di Ghirardi. Se è stato male, se sta male, non me ne frega niente…voglio solo che se ne vada. stop. per i problemi di salute ci sono gli ospedali non le curve.

    • Né io né Russo siamo intenzionati a concedere sconti a Leonardi: semplicemente non condividiamo la protesta di ieri: tutto lì…

      Poi se fino a un mese fa sembrava che l’unico colpevole fosse Ghirardi e Leonardi un Santo (e io dovetti spiegarvi il mio teorema dell’armatore e dell’ammiraglio) ora il Plenipotenziario è il Diavolo e il ruolo di santo è passato a Melli…

      Cordialmente

      Gmajo

  • Francesco Mannella

    Ah, visto che voi avete la foto e io no ve la rubo che me la metto come profilo facebook

    • Ok, ti concediamo il copyright in cambio dei tuoi diritti di immagine… 🙂

      • Francesco Mannella

        mmmm …. ok dai ….. però Luca potevi esprimerti anche ieri sera quando eravamo in curva…. eri davanti a me ma non ti ho sentito protestare molto…..

        • Luca Russo

          Mi sono espresso con A.M. quando, prima di fare una foto insieme, mi ha offerto il cartello con su la scritta incriminata, cartello che io ho respinto, lasciandolo tenere a lei. E poi, la Curva e la partita non sono né il posto né il momento indicati per argomentare in maniera articolata certe posizioni. E poi, ancora, non è che potessi esprimere il mio disappunto nei riguardi della protesta ad ogni elemento presente curva. Ad A.M. che mi era vicina, ho espresso la posizione, non potevo farlo con tutti.

  • Condivido al 100%.
    BOYS e CCPC l’estate scorsa si sono prestati spudoratamente alla farsa leonardiana dell'”andiamocela a riprendere”, e adesso, solo adesso, lo criticano?
    Troppo comodo.
    E lo stesso vale per il bambinone viziato (Ghiro).
    Quando Majo era l’unico a fare informazione, smascherando le panzane ghiroleonardiane, i tifosi lo insultavano e gli davano del menagramo, il tempo è galantuomo, adesso si vede chi aveva ragione!!!

  • LEONARDI: concordo il giudizio espresso dal columnist. Aggiungiamo che se ha sbagliato in passato ora espia in prima persona. Merito all’alba consulente dunque.

    CASSANO: anch’io lo osannai. Oggi si è dimostrato piccolo, piccolo.
    La bomba prima di Parma Cesena poi..inqualificabile. Anche perché se vi era una sola possibilità di salvarsi sul campo occorreva vincere quella partita.

  • Gianè, spàjot c’lè òra.
    Dèsdot d’in tal lèt.
    La vritè la fa màl, eh?

    • luca b. B come Bagolone

      Fatti Avanti Nador Frit

      Cagò Siftò Vegliò Moclò Caclò

      La Verità fa Male !!!!! MAI come altre cose !!!!!!

      Parla per te Frù & Frù !!!! Kiaro Brillante !!!!

  • se fosse stato per me li avrei mandati via a calci nel popo’ 6 mesi fa,altro che scrivere” vattene” modello asilo,continuiamo a comportarci da pecorine e metterci a 90 gradi che poi a parma arriva tutto il jet-set della malavita europea…..e non parlo solo del calcio

  • Io spero sempre nello striscione perenne su GHIRADI, che non dimentichiamocelo ha creato tutto questo, è scappato e poi ha pure avuto il coraggio di dire che lo dobbiamo ringraziare!

    • si…dobbiamo ringraziarlo, per tutti questi anni del dopo Tanzi…sveglia!! non vi entra niente in testa, non ci arrivate proprio…

  • Ma ancora con questa storia che se prima li osannavo devo osannarli anche se mi trombano la mamma?
    Se uno nel mentre, leonardi in 4 anni e cassano in un anno e mezzo, ha fatto delle minchiate, preso per il culo la gente e fatto i propri interessi a discapito di quei disperati dei tifosi, non si può dirgli nulla contro. perché si è “firmato un contratto di osannazione” nei loro confronti che non può essere annullato?
    Siamo fuori di testa su.
    In questa situazione di merda sicuramente il male minore sono i tifosi che paradossalmente al contrario stanno soffrendo e soffriranno i mali peggiori.

    • lasciamo perdere la massa o i pecoroni: proviamo a pensare a chi faceva a lingua in bocca…

      • iabo’ …..”iostoconlamaggiulli” 🙂

    • Luca Russo

      Qui non si tratta di aver sottoscritto o meno quelli che lei definisce contratti di osannazione. Il solo scopo del mio pezzo era quello di invitare i lettori a valutare le situazioni con equilibrio, tutto qua. Equilibrio che negli ultimi tempi è evidentemente mancato a gran parte del tifo parmigiano, che nel breve volgere di pochi mesi è passato dal GRAZIE PIETRO (a prescindere dalla qualità del suo operato, che non sempre è stato immune da errori) al LEONARDI VATTENE (come se fosse lui l’unico vero e grande colpevole di quanto ci è accaduto da maggio 2014 ad oggi)…

      Che Leonardi abbia delle responsabilità circa la situazione in cui adesso si ritrova il NOSTRO Parma, è innegabile; ma non scordiamoci dei suoi meriti…è chiedervi tanto?

  • Beh io lanciò questo hastag #ghirardidovehaimessoisoldi

  • IMPROBABILE

    Allora, la fede crociata non si discute, e quando di questo si parla uno è portato ad ascoltare il sacerdote di turno, convinto che stia celebrando la crociata e quindi degno di fede.

    Poi, direttore, me lo consenta, il tifoso è impaurito, deluso e demoralizzato, con qualcuno se la vuol prendere se le cose vanno male. Visto che allenatore e giocatori son povere vittime, dato che l’implube Presidente vale come il cavolo a merenda, mi sa che se la possano prendere solo con il Leo, che però pure lui adesso è vittima dello stress. Ma con tutte queste vittime dove sono i carnefici ?

    • Luca Russo

      I carnefici si sono mischiati alle vittime…

  • Simone B.

    Ma chissenefrega del Leo, povret lasciamolo riprendersi….ormai il passato quello che è stato è stato…cazzo continuiamo a rivangare le colpe di armatore e ammiraglio….pensiamo alle colpe del nuovo che ha comprato….
    Chiediamo a Mirante di sedurre Anika ed estorcere a lei qualche info….

    • gli porteremo le arance

  • Semprecrociato72

    Credo di aver sempre dimostrato un tono pacato ed educato scrivendo su queste pagine…e non cambierò stile ora. Personalmente direi che:
    – RAPPORTO LEONARDI / GHIRARDI / BOYS / TIFO ORGANIZZATO: se hanno fatto a lingua in bocca sono affari loro. Io non faccio parte di alcun gruppo, sono un tifoso qualsiasi, anche se da 25 anni seguo da abbonato il Parma in curva. Non sono nemmeno un Ultras…sono per un approccio più soft al tifo. Forse l’errore è, e sempre sarà, pensare che CURVA=BOYS, e questo vale in entrambe le direzioni; I Boys non parlano a nome di xmila persone…e non tutti i presenti in nord sono filo Boys;
    – Fatta questa premessa, io ieri ho alzato quel cartello, per un motivo: Leonardi mi ha raccontato un sacco di balle. Forse facevano parte del suo ruolo, ma forse ha davvero spinto il livello di quelle balle al di là massimo tollerabile; umanamente gli auguro ogni bene (che si rimetta presto), ma io non voglio più essere rappresentato, a livello di squadra della mia città, da un figuro del genere. Tra l’altro è un manager…e si valuta a risultati…che sono sotto gli occhi di tutti. Se poi, come sembra, lui si riteneva un dipendente…ed i risultati da lui prodotti (positivi) sono stati vanificati da Ghirardi…bene…poteva dimettersi e tanti saluti, amici come prima; invece la mia idea è che lui “godesse” fare il plenipotenziario…magari colmando anche certi vuoti del presidente. Ottimo, allora esci e te ne prendi le responsabilità…botte piena e moglie ubriaca non vanno d’accordo;
    – CASSANO: curriculum devastante dal punto di vista comportamentale. Io, anche per questo, ho sempre mantenuto un atteggiamento distaccato verso di lui, pur riconoscendone le doti tecniche. Non l’ho mai idolatrato (Hernan era ed è il mio eroe…a proposito…non pagano nemmeno lui) e non l’ho mai crocifisso. Semplicemente, ha fatto quello che riteneva giusto. Certo che pretendere da Cassano azioni logiche, buon senso, spirito di corpo, correttezza…è come pensare di andare ad un gran premio in Panda. Lui, semplicemente, vive nel suo mondo e fa quel cacchio che vuole e che gli dice la testa (…)
    – INFINE E COMUNQUE: noi tifosi in genere…siamo sempre un pò bipolari…vinciamo, entusiasmo…perdiamo, stato di morte apparente (per dirla alla Fantozzi)…sei con noi, eroe…non sei con noi, traditore. Ma forse è anche bello così…parlare di dignità…di essere uomini…riferendosi al tifo…è un pò esagerato. Giudichiamoci nella vita di tutti i giorni…con gli amici…la morosa…la moglie…la famiglia…il resto…beh…FORZA PARMA. Amen!

  • Io penso che sia giusto capire le colpe ed individuare le responsabilità della coppia Ghirardi&Leonardi però ora il presente dice (pare) che la società è di Taci e ciò che mi inquieta di più è il silenzio e la nebulosità della nuova proprietà. Perché non saldano i debiti? Quali sono le reali intenzioni? Perché questa agonia che sembra pianificata?

  • Io confesso, che dopo aver letto questo articolo sono rimasto più spiazzato di quando ho sentito le dichiarazioni di Doca (Doka per gli amici) o quando ho visto il nostro presunto presidente Taci aggirarsi in incognito per la città, manco fosse un ricercato (non è un ricercato giusto?). Con chi ce la dobbiamo prendere? Ditecelo voi che siete senza alcun dubbio più informati di noi. Perchè se dobbiamo ancora credere o rispettare Ghirardi che sbandierava ai quattro venti dei bilanci in regola e sempre all’attivo vendendo per giunta ad ogni finestra di mercato anche le mutande, o a Fantantonio affetto da un bipolarismo cronico che se solo ragionasse con i piedi sarebbe in odore di nobel, probabilmente dovremmo considerare come veritiere solo le parole dello slogan del caro Leonardi se solo avesse posposto al suo: “ANDIAMOCELA A RIPRENDERE” un “NDER CULO” (per chi come me e lui viene da quel di Monterotondo) o un “IN QUEL POSTO” (per i palati più fini).
    Cordiali saluti

I commenti sono chiusi.