L’OPINIONE DI MAJO DOPO LA NOMINA DI ERMIR KODRA A PRESIDENTE DEL PARMA F.C.: “UN OTTIMO SUCCEDANEO, MA AVREI PREFERITO UN IMPEGNO DIRETTO DELL’ORIGINALE. O DI ANIKA…”

image(gmajo) – Ieri sera il sito ufficiale fcparma.com ha ufficializzato il nome del nuovo presidente e amministratore delegato del Parma F.C.: si tratta, come è ormai ben noto, del 29enne Ermir Kodra, il quale, nonostante la giovane età, vanta un CV di tutto rispetto (ha conseguito nel 2008 il dottorato in “Business Administration” dalla Facoltà di Economia dell’Università di Tirana (come il Trota, il figlio di Bossi, nda), successivamente – sempre come elenca fcparma.com – si è specializzato in Financial Analysis & Forecasting, Management issues, Oil Supply, Shipping & Trading, Managing Operational Risk, da Marzo a Settembre 2008 ha lavorato presso la BKT Bank di Tirana e dal dicembre dello stesso anno, fino a quando ha assunto le cariche di Presidente e Amministratore Delegato di Parma Fc ed Eventi Sportivi Spa, è stato Direttore Marketing della ARMO Refinery, UPN Fier Branch), insomma un profilo decisamente più entusiasmante rispetto a quello dei suoi immediati predecessori il gioielliere suo connazionale Pietro Doca e l’avvocato d’affari romano Fabio Giordano. Tre presidenti in poco più di un mese è da record: speriamo che la terza scelta si riveli azzeccata, dopo il clamoroso “niet” di Pietr e il ritiro più o meno volontario del legale della Capitale, il cui profilo di abituale liquidatore, con tanto di recente fallimento sulle spalle, non aveva certo entusiasmato le folle e accresciuto i timori che l’amata squadra di calcio cittadina stesse per fare una brutta fine. Peraltro mercoledì prossimo, 28 gennaio 2015, si giocherà una importante partita in questo senso, giacché è calendarizzata, dinnanzi il Tribunale Fallimentare di Parma, una udienza dopo che era stata presentata una istanza pare da parte di un procuratore del settore giovanile, che, secondo notizie filtrate dal Parma F.C., comunque sarebbe già stato ristorato: secondo il giornalista Giorgio Gandolfi, intervenuto a Palla in Tribuna su Radio Parma lunedì scorso, tuttavia, si sarebbero aggiunti anche altri creditori (altre fonti riferiscono che dopo la Breccia di Porta Pia si siano insinuati almeno altri tre, ma a noi di stadiotardini.it ne risultano però solo due e per entrambe ci sarebbe la “desistenza”: è chiaro che se per caso alla “desistenza” non fosse seguito il concreto pagamento, prima della udienza potrebbe esser presentata una ulteriore istanza), per cui il match potrebbe mettersi in salita: staremo a vedere. Combinazione la stessa sera ci sarà il prestigioso incontro di Coppa Italia con la Juventus, occasione per cancellare l’onta di quel 7-0 a seguito del quale iniziarono a manifestarsi tutte quante le magagne culminate con il passaggio di proprietà del pacchetto di maggioranza della Eventi Sportivi dalle mani della famiglia Pasotti-Ghirardi alla Dastraso Holdings. A proposito di Eventi Sportivi: sempre fcparma.com ufficializza che Kodra, vero e proprio nuovo plenipotenziario, ne è presidente e A.D. succedendo così a “papino” Pasquale Giordano, il quale aveva retto la presidenza dalla società controllante dal 27 dicembre 2014 ad oggi. Il 20 gennaio scorso, giorno delle due nuove assemblee dei soci di Eventi Sportivi e Parma F.C. che hanno rinnovato ulteriormente i Cda , il giornale on line Parma Quotidiano aveva pubblicato il Cda di Eventi Sportivi che era stato nominato il 27 dicembre, ma che appunto è già cambiato dopo i lavori del 20 gennaio (soprattutto è da rimarcare l’uscita di scena dei Giordano): in quella occasione i colleghi chiosarono che Leonardi, al contrario di quanto dichiarato, non faceva parte del consiglio. In realtà Leonardi non aveva fatto dichiarazioni: il suo nome era uscito in un comunicato ufficiale del Parma F.C., che riferiva che faceva parte del Cda del Parma FC spa nominato il 27 dicembre. Va precisato che Pietro Leonardi non ha mai seduto nel consiglio della Controllante neppure in epoca Ghirardi, così come non è stato cooptato ora con la nuova gestione: piuttosto, va sottolineato come sia stato confermato nel ruolo di amministratore delegato della controllata con perfetta continuità rispetto a prima. Leonardi, dunque, non è solo il Direttore Generale, ma ancora firma – pare su esplicita richiesta di Taci, cui ovviamente non era igienico rispondere di no – come amministratore delegato (vedremo poi nei verbali con quali deleghe e poteri), proprio come Kodra (del resto anche Tommaso Ghirardi era sia presidente che AD). La società, con la nota stampa di ieri, ha ufficializzato solo le nomine di Kodra e Leonardi, ma non ha unto con il sacro crisma dell’ufficialità gli altri nomi ufficiosamente diffusi prima di tutti da Guglielmo Trupo di Parma Today versione Facebook, e successivamente dalla Gazzetta di Parma, e cioè gli albanesi Edwart Lloga e Auriel Stavre e il trentino Jacopo Di Bernardo Manci. Se dei primi due è difficile reperire informazioni, quest’ultimo, salvo clamorosi casi di omonimia, ci risulterebbe essere il figlio del prof. Giuliano Di Bernardo Manci, esponente di primo piano della massoneria italiana (Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia dal 1990 al 1993). classe 1939, che nel 1993 fondò la “Gran Loggia Regolare d’Italia”, sul modello della Massoneria inglese e molto attiva nell’est Europa. Dal 1996 al 1998, creò la “Gran Loggia di Ucraina” e la “Gran Loggia di Moldavia”. Attualmente risulta essere il presidente del Dignity Order, una associazione di stampo massonico-esoterico con sede a Vienna e suddivisa in tre Priorati, quello d’Italia, quello di Ucraina e quello di Albania. Il figlio Jacopo, 44 anni, ricopre invece la carica di numero 2 dell’associazione, ossia di vice chairman. Dal punto di vista professionale attualmente risulta essere consulente del gruppo internazionale Ergo, azienda che opera nel mercato dei servizi finanziari. Jacopo Di Bernardo Manci viene descritto – in una inchiesta pubblicata nel 2007 dal giornalista e scrittore Ruggiero Capone sul suo blog – come personaggio ben introdotto nei ministeri romani. Perché questi nomi non sono stati ufficializzati nel comunicato stampa di ieri? Probabilmente perché ulteriori assemblee porteranno alla nomina di altri consiglieri, giacché, ad esempio, mancano quelli espressione della minoranza, per nulla rappresentati nell’informale listone soffiato a qualche organo di stampa dopo i lavori del 20 gennaio. Ad esempio c’è il nodo, non piccolo da sciogliere di Energy T.I. Group, che detiene il 10% della società per via della acquisizione dell’aprile costo, dal valore di circa 5 milioni di euro, anche se ne sarebbero stati pagati leggermente meno, che rischiano di essere drasticamente ridotti se non annullati in caso di delibera di abbattimento del capitale per ristorare la perdita di esercizio approvata il 27 dicembre scorso). Altri soci di minoranza sono presenti anche in Eventi Sportivi; nel Cda nominato il 27, diffuso da Parma Quotidiano l’altro giorno, erano rappresentati, vedremo se è ancora così dopo che saranno ufficializzati quelli nominati dopo l’assemblea del 20 che ha comportato l’uscita di scena dei Giordano. I famosi nomi noti del tessuto sociale italiano, comunque, non mi pare facciano parte delle liste per il momento note. A proposito della presidenza, personalmente avrei preferito che l’assumesse da subito – come da indiscrezioni che erano state fatte trapelare circa le intenzioni del petroliere – lo stesso Rezart Taci, o meglio ancora la sorella Anika, poiché un presidente donna in serie A penso risulterebbe gradito: ma ancora una volta anziché l’originale dovremo accontentarci del succedaneo (che è già meglio del surrogato). Anche Kodra sarà un presidente a tempo? Stando alle notizie di stampa sì, giacché lui, come data di scadenza, avrebbe impresso Giugno 2015, cioè la fine di questa stagione. La speranza, tuttavia, che uno dei due Taci possa personalmente assumere le redini prima non è del tutto scemata. C’è chi dice che cambia poco se non è effettivamente presidente Taci: vista la poca chiarezza che continua a contornare l’operazione, visti i precedenti poco felici con Doka e Giordano, io mi sarei sentito leggermente più tranquillo con una sua personale assunzione di responsabilità, che peraltro sembrava già scontata e per certi versi preannunciata. Va bene che sono arrivati, sperando che non sia troppo tardi, calciatori di spessore internazionale come Rodriguez e Varela che sarà giusto valutare sul campo quanto potranno essere utili alla mission impossible di salvarsi (mi rimane la profonda delusione esternata il Blue Monday per i sei punti cacciati alle ortiche dopo il miracolo Fiorentina, cui era doveroso dare un seguito, sebbene quella vittoria fosse stata firmata soprattutto da Eupalla, appunto con una immediata iniezione di qualità alla rosa). Radio Mercato continua ad accostare al Parma i pezzi più pregiati sugli scaffali, dando al club ducale una forte credibilità, se tratta gli stessi nomi delle grandi. A StadioTardini.it risulta che i contratti di Cipolla & Varenne siano stati garantiti personalmente dal petroliere albanese, e questo è un ottimo segnale per il futuro, ma forti interrogativi ci rimangono aperti per la mancata corresponsione, per lo meno fino a questo punto degli stipendi arretrati a dirigenti, tecnici, calciatori, altro buon proposito che ci era stato ventilato come mossa per dare credibilità alla nuova proprietà e ridare entusiasmo. Tutto è predisposto da tempo, c’è anche chi sostiene che i denari siano arrivati sui conti (come ribadisce la nostra lettrice Vittoria, che mi è sempre parsa una molto informata sui fatti); peccato, però che non sarebbero usciti verso costoro sempre in attesa (e infatti sul campo domenica si è vista una certa depressione, peraltro non giustificabile). Tra l’altro sarebbe anche bello se Vittoria spiegasse alla nostra community perché i tesserati debbano aspettare ancora per ricevere le proprie spettanze… Il sindaco di Parma Federico Pizzarotti, arrivato alla fine della Cena di benvenuto a Taci & C. organizzata dall’Upi (non sappiamo se si tratti già di una benedizione o di un semplice incontro preliminare: in tal caso sarebbe stato meglio evitare che fossero presenti i giornalisti a documentare l’happening, perché di fatto la imagebenedizione così risulta già sancita) ieri a Palla in Tribuna ha ricordato – come titola il report sulla Gazzetta di Parma di stamani – che anche il Comune di Parma risulta tra i creditori del Parma F.C. Ecco: proprio considerando anche questo dettaglio (sono soldi pubblici, non andrebbe mai dimenticato), io continuo a ritenere che il primo cittadino stia agendo con una certa superficialità e scarsa prudenza: perché è vero che parlando su Radio Parma ha cercato di sminuire la portata di quella serata, però non era quello né il luogo, né la sede per affrontare argomenti che potrebbero esser spinosi e di cui c’è da render conto all’opinione pubblica (e forse non solo). E poi mi chiedo: ma deve esser sempre il consesso degli Industriali a stabilire cosa buona è giusta? Ricordo che anche ad Energy T.I., di cui avremmo in seguito conosciuto le gravi problematiche, venne accolta con il tappetino rosso… Indubbiamente, però, è di tutto diritto dei vertici degli industriali conoscere i nuovi vertici di una società affiliata. Queste, comunque, le parole di Federico Pizzarotti annotate dalla GdP di stamani: “Non c’è niente da nascondere e quindi posso parlare tranquillamente di quanto è successo. Sono arrivato sul finale della serata (prima era ospite di Parma Europa su Teleducato, ma durante l’approfondimento del martedì condotto in diretta dal direttore Pietro Adrasto Ferraguti non aveva rivelato l’impegno, e pur interpellato sul Parma, aveva solo risposto che non c’è bisogno di fare iniziative pubbliche, che è sempre stato vigile sulla questione e che continua a mantenere i contatti ma che al momento non aveva ancora garanzie da offrire, nda) e non ho quindi il menù di cui ha scritto Piovani sulla Gazzetta… (Spiritosone… In realtà, Sandrone, che non era stato fatto accomodare al desco, e tenuto a debita distanza, se l’era cavata con un poco descrittivo “menù tutto alla parmigiana”, quindi non sappiamo se siano stati serviti anolini o tortelli d’erbetta, picaja o punta, o solo culatello, crudo e salame…, nda) Ho avuto modo di parlare molto con la nuova proprietà per non più di una ventina di minuti,, anche se in questi giorni ho cercato di tenermi informato. Ritengo doveroso da parte del Comune seguire in modo defilato ma attento vicende che riguardano realtà così importanti. Parlando sia con Leonardi che con Taci sembra che ci sia la volontà di far crescere la squadra e di fare qualcosa di importante, ma per me contano i fatti. Non ho mai spostato la politica degli annunci, Preferisco le cose concrete. So che stanno ricontattando molti creditori per risolvere la questione debiti. (Se lo dice lui… Io, viceversa, ho la sensazione che saranno pagate, se tutto andrà bene, le obbligatorietà federali – cioè gli stipendi dei calciatori – sì da evitare ulteriori penalizzazioni, e già l’esborso sarà notevole. Quella, per lo meno, è la priorità: che si stia lavorando sul fronte fornitori nutro forti dubbi, ma sarei ben lieto di esser smentito, nda). E tra i creditori ci metto anche il Comune di Parma. (E a questo proposito sarebbe interessante sapere il quantum, trattandosi di soldi pubblici, Curioso che nessuno lo abbia ancora domandato in Consiglio Comunale. Tra l’altro anche in questo caso sarebbe interessante conoscere, qualora fossero state concesse dilazioni, chi le ha decise, dal momento che il Sindaco ufficializza che il Comune di Parma è creditore. Il credito riguarda il canone annuale per la concessione del Tardini, che peraltro ci pare già abbastanza a condizioni favorevoli, o le più costose imposte sulla pubblicità?, nda). Prossimamente ci rincontreremo per parlare con più calma di diverse questioni ed avrò l’occasione di capire quali sono i progetti di  Taci e Kodra. Intanto spero vada in porto un efficace piano di rientro. Per il resto, cioè per i rinforzi alla squadra, lascio fare agli addetti ai lavori. Ma la priorità assoluta è rimettere in sesto la società e farla ripartire”. Da questo punto di vista magari tutto è predisposto, ma al momento non mi pare di riscontrare concreti passi imageavanti. E quello che ci si aspetta è quanto ben evidenziato nell’articolo di apertura della pagina sportiva del quotidiano locale a firma di Paolo Grossi: “Le cose che vorremmo sentir dire da Taci sono due: che sono state saldate le pendenze con fornitori, dipendenti e tesserati e che è stato ingaggiato un attaccante che faccia gol. Sono queste le due condizioni senza le quali non si potrà neanche parlare di salvezza, E speriamo di sentirle dire molto presto, da lui o dal nuovo presidente Ermir Kodra (a proposito: il minimo era calendarizzare una conferenza stampa di presentazione, ma tant’è, nda)… Da parecchi giorni rimbalza da Collecchio la voce di una prima tranche di 5 milioni che, bontà sua, Taci avrebbe destinato a regolare le prime pendenze con giocatori e staff tecnico. Ieri pomeriggio nessuno aveva ancora percepito un euro, anche se tutti restano convinti che la somma sia approdata sul conto corrente giusto. Nel frattempo non si può non ricordare che le ‘forti tensioni di liquidità’ del club, come le aveva definite la vecchia proprietà (in realtà erano stati i revisori dei conti nelle relazioni dei bilanci degli ultimi 4-5 esercizi, nda), ci sono ancora tutte, e quindi sarebbe bene che alla tribolata prima tranche ne facesse seguito una seconda più spedita. Il 16 febbraio non è così lontano: meglio allenarsi ad aprire il portafogli se si vuole davvero inseguire il sogno-salvezza”. Quoto in pieno. Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

195 pensieri riguardo “L’OPINIONE DI MAJO DOPO LA NOMINA DI ERMIR KODRA A PRESIDENTE DEL PARMA F.C.: “UN OTTIMO SUCCEDANEO, MA AVREI PREFERITO UN IMPEGNO DIRETTO DELL’ORIGINALE. O DI ANIKA…”

  • 22 Gennaio 2015 in 13:54
    Permalink

    Io non lavoro in banca ma tutti sappiamo che un bonifico tra un conto italiano e un altro prende almeno due giorni lavorativi (quasi il doppio con l’estero). Se i soldi sono arrivati ieri 21 gennaio sul conto corrente “giusto” è probabile che siano bonificati tra domani e dopodomani sui vari conti creditori… non mi sembra fantascienza da chi predica calma & gesso 😉 e quindi questa precisazione andrebbe fatta per non dar alito ai soliti predicatori del fallimento. A proposito, dove son,o finiti quelli che dicevano che Giordano era stato messo li, visti i suo precedenti, per far fallire il Parma ? Una boiata senza senso della quale non ne capisco nemmeno la logica. Il fatto poi che sia Kodra e non direttamente Taci o la sorella o il bisnonno mi pare siano pure questioni di lana caprina, ai tempi di Tanzi chi erano i presidenti ?

    • 22 Gennaio 2015 in 13:58
      Permalink

      Mak, secondo Vittoria i soldi sono sul cc giusto già da giorni. Cerchiamo di non banalizzare con spicciole cose di tutti i giorni le alchimie di alta finanza, suvvia…

      Sul fatto del fallimento stai calmino e aspetta almeno il 29 gennaio, dai retta a un vecchio…

      Calma e gesso

      • 22 Gennaio 2015 in 14:30
        Permalink

        Uhmmmm, non riesco a capire cosa c’entri l’alta finanza… direi piuttosto alto buonsenso. In novembre viene creata una holding internazionale ad hoc per “entrare” in Italia acquistando un squadra di calcio ultima in classifica e piena zeppa di debiti. Robetta da poco quindi… Il 22 gennaio si vorrebbe (nell’ordine) :
        1) Gli stipendi pagati per tutti (anche quelli che possono essere pagati più tardi) già da almeno un mese
        2) I debiti con i fornitori pagati con tanto di verifica contabile in quattro e quatr’otto, ops forza, ecco fatto madames et monsieurs, venghino venghino ce n’è per tutti !
        3) leonardi cacciato e se possibile umiliato
        4) Giordano in galera per il passato poco consono alle persone civili che bazzicano nel mondo del calcio
        5) il pagamento di tutte le tasse, tassine e varie spesucce statali pagati in anticipo
        6) Almeno Cristiano Ronaldo e Messi subito e possibilmente già contro il Cesena.
        7) Taci presidente e solo lui altrimenti ci arrabbiamo, seduto in tribuna da subito con tanto di sciarpa al collo e proclami alla “ferrero”.

        In Italia, solo per ottenere l’autorizzazione per aprire un negozio o un attività qualsiasi ci vogliono MESI mentre chi viene qui dall’estero a salvarci il culo dalla serie B (se non peggio) dovrebbe arrivare con la carretta piena di Euro iniziando a spargerli per le vie del centro storico e, evidentemente, con già alle spalle tutta una struttura perfettamente creata, supportatta da un armata di professionisti pronti ad invadere Collecchio per far star tranquilli i tifosi affetti da complottite galoppante. A me viene suggerito “calma & gesso” ed apprezzo il consiglio, io pero’ vorrei anche suggerire che più un progetto è ambizioso, meglio è che i tempi siano un tantino più lunghi, perché chi investe nel Parma di oggi ha in mente probabilmente un progettino a medio lungo periodo… e questa credetemi è una gran bella cosa… calma e gesso.

        • 22 Gennaio 2015 in 14:32
          Permalink

          Le sue iperboli non meritano nemmeno di esser commentate.

          O capite quello che uno scrive, o evitate di postare commenti utili solo a fomentare l’imbecillità di altri.

          E i progetti, di solito, andrebbero almeno spiegati. E se qualcuno li anticipa, poi, rispettati.

          Saluti

          Gmajo

          • 22 Gennaio 2015 in 14:53
            Permalink

            Quindi uno deve capire quello che lei scrive prima di scrivere quello che lei non vuol capire ?

            Non mi sembrava di aver fomentato l’imbecillità altrui ma casomai di averla evidenziata. Cordialità

        • 22 Gennaio 2015 in 21:26
          Permalink

          Non sono stato piu’ d’accordo con un commento fatto questi giorni e mai ho letto un commento cosi’ obiettivo, realista e comprensivo di tuo Mak. Non che dubito nelle intenzioni del Direttore nonostante non condivido i suoi parallelismi (inesatti peraltro) di lauree o certi generalismi ma soprattutto la sua diffidenza cronica anche se spesso giustificata da vicende passate che ormai deve accollarsi (non l’unica) la nuova proprieta’. Bisogna dare un po’ piu’ di fiducia anche perche’ si vede che nessuno sta mettendo la faccia per fallire questa societa’ che al contrario sarebbe fallita se non fosse rilevata da chiunque. In piu’ sembra che stiano cercando di fare qualcosa anche se pur minima perche’ di sicuro vogliono e sperano nella salvezza. Quello che succede invece e’ la totale rinuncia sia dei giocatori e tifosi. Con una situazione del genere c’e’ solo da perdere e mai da vincere. Tutti vorremmo che le cose fossero migliori anche prima e con Ghirardi ma si deve fare fronte alla realta’ e la realta’ era ed e’ molto problematica da tutti i punti di vista. Un consiglio Majo: I suoi dubbi, il vedere il torbito sempre non chiarira’ mai nulla ma tirera’ ancora piu’ del torbido. Se questo le sembra un servizio che puo’ servire ai tifosi io ho dei grossissimi dubbi. Parere personale e non me ne volere. La saluto cordialmente.

          • 22 Gennaio 2015 in 22:00
            Permalink

            Grazie !

  • 22 Gennaio 2015 in 13:55
    Permalink

    Majo, onestamente non capisco né condivido le tue perplessità sulla nuova proprietà. Bisogna concederle tempo, gli arrivi di Varela e Rodriguez ne testimoniano la solidità da un punto di vista economico. Debiti con fornitori e dipendenti? Beh, scusa, per quelli ci si dovrebbe rivolgere al Ghiro, che li ha maturati, in tal senso quali colpe avrebbe Taci? È ora di fare quadrato attorno alla società e di spegnere polemiche insensate e critiche fuori luogo.

    Forza Taci, Parma è con te e contro tutti i tuoi nuovi nemici!

    • 22 Gennaio 2015 in 14:38
      Permalink

      ma ancora parli Luca Russo??? Il buon Taci avendo acquistato le azioni della Eventi Sportivi ha ereditato anche tutti i debiti..che andrebbero subito saldati per garantire tranquillità alla città di parma…
      NON MI SEMBRA UN CONCETTO DIFFICILE…O PROBABILMENTE HAI DAVVERO IL CEMENTO ARMATO IN TESTA!!!!

      • 22 Gennaio 2015 in 16:44
        Permalink

        Taci è appena arrivato. Non possiamo mettergli fretta, se è il bene del Parma ciò a cui miriamo. Se non ci fosse stato l’imprenditore albanese a salvarci, chi ci avrebbe pensato? Nessuno. Dovremmo fargli una statua al signor Taci, in piazza Garibaldi…e farla diventare piazza Taci, appunto. Serve pazienza. Anzi calma e gesso, sempre nel lecito, checché se ne dica…

      • 22 Gennaio 2015 in 16:58
        Permalink

        Luca Russo era salito, ironicamente, sul Tirana Express…

        I debiti ai fornitori, comunque, non verranno certo saldati subito, né nessuno lo pretende: ma un piano di rientro chiaro sì. E, personalmente, sono un po’ più titubante di Pizzarotti rispetto a conceder credito e fiducia. Prima voglio farmi una idea precisa.

        Cordialmente

        Gmajo

  • 22 Gennaio 2015 in 14:01
    Permalink

    Troppa Confusione

    Troppa Gente ke parla

    Troppa Gente ke NON parla

    Troppe Balle e prese x il Culo

    BASTA è ora di Finiamola !!!!!!!!

    ONORATELA PARMA

    RISPETTO X I TIFOSI

    FORZA CROCIATI

  • 22 Gennaio 2015 in 14:02
    Permalink

    Direttore solo due cose:

    1) Soldi ancora zero
    2) Bisogna pagere fornitori e giocatori e prendere una prima punta, diversamente pensiamo a come risalire…. senza investimenti…

    • 22 Gennaio 2015 in 14:07
      Permalink

      E’ quello che ha scritto Paolo Grossi della Gdp che io ho ripreso e quotato in conclusione di Opinione…

      Per altro per la salvezza del Parma non serve che vengano pagati i fornitori. Magari i giocatori sì. Poi che i fornitori vadano pagati è un altro discorso…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 22 Gennaio 2015 in 14:07
    Permalink

    questa roba della massoneria poteva risparmiarsela dato che non vedo come possa influire o interessare le dinamiche future del PARMA

    • 22 Gennaio 2015 in 14:09
      Permalink

      Le dà fastidio? Non capisco: uno si sbatte a fare ricerche e voi lo ripagate così?

      E’ dovere di ogni giornalista fare le radiografie di chiunque si affacci in un posto…

      Saluti

      Gmajo

      • 22 Gennaio 2015 in 14:24
        Permalink

        professionalmente è consulente finanziario, altro non ci interessa. interessa a lei o forse vuole dare sfoggio di perspicacia, cosa di cui le attribuisco i meriti. dia retta al suo collega Luca Russo.

        • 22 Gennaio 2015 in 14:35
          Permalink

          Intanto non confonda il presidente con uno dei membri del cda. In secondo luogo anche il Trota ha quel diploma: adesso non è che questo voglia significare qualcosa, però cerchiamo di non idolatrare qualcuno prima dei miracoli. Almeno: io sono un eretico, e la penso così. Se a lei basta la fede buon per lei

          • 22 Gennaio 2015 in 17:55
            Permalink

            Volevo ricordare che il Trota non ha mai diretto nessunA azienda petrolifera. Non credo che un imprenditore privato assuma come dirigente che abbia Comprato una laurea.
            Cordiali saluti.

          • 22 Gennaio 2015 in 21:50
            Permalink

            discorso della minchia lucchini aveva il diploma ed e’ stato presidente degli industriali d ‘ itaia migliore degli ultimi 30 anni chi se ne frega della laurea e se la laurea e’ a Tirana o a bologna …..basta che sia valido la persona e’ sufficiente la media anzi spesso ne sanno di piu’ chi ha fatto l universita’i

          • 22 Gennaio 2015 in 22:07
            Permalink

            discorso della minchia il suo: ho forse espresso giudizi sulla preparazione sulla istruzione del neo presidente

    • 22 Gennaio 2015 in 14:48
      Permalink

      Invece la questione della massoneria è centrale. Da cattolico convinto, non posso che essere amareggiato per il fatto che il mio Parma abbia nel suo cda nientemeno che uno scoperto Framassone. Ricordo il monito di Leone XIII nell Humanum Genus del 1884: “Insinuandosi sotto specie di amicizia nel cuore dei Principi, i Frammassoni mirarono ad avere in essi complici ed aiuti potenti per opprimere il Cristianesimo; e a fine di mettere nei loro fianchi sproni più acuti, si diedero a calunniare ostinatamente la Chiesa come nemica del potere e delle prerogative reali. Divenuti con tali arti baldanzosi e sicuri, acquistarono influenza grande nel governo degli Stati, risoluti per altro di crollare le fondamenta dei troni, e di perseguitare, calunniare, discacciare chi tra’ sovrani si mostrasse restio a governare a modo loro.

      Con arti simili adulando il popolo, lo trassero in inganno. Gridando a piena bocca libertà e prosperità pubblica; facendo credere alle moltitudini che dell’iniqua servitù e miseria, in cui gemevano, tutta della Chiesa e dei sovrani era la colpa, sobillarono il popolo, e lui smanioso di novità aizzarono ai danni dell’uno e dell’altro potere. Vero è bensì che dei vantaggi sperati maggiore è l’aspettazione che la realtà: anzi oppressa più che mai la povera plebe vedesi nelle miserie sue mancare gran parte di quei conforti, che nella società cristianamente costituita avrebbe potuto facilmente e copiosamente trovare”.

      • 22 Gennaio 2015 in 16:03
        Permalink

        Io sono ateo, se Jacopo è venuto con Taci a opprimere il Cristianesimo non mi interessa, l’importante è che facciano una buona gestione della società in modo da far bruciare i reggiani, comunque intorno a Taci c’è una sfiducia totale ed un pessimismo che lo si accusa di tutto però io mi sento di dire che non è una minaccia per la curia.

        • 22 Gennaio 2015 in 18:39
          Permalink

          Caro sitoweb.xyz, una società dominata dai framassoni è una società non solo dominata da una organizzazione occulta che funge da lobby a danno di tutti coloro che non vi appartengono, ma è anche una società che predica l’equivalenza di tutti i credo e di tutti i valori, in quanto quelli che esprime (fraternità, libertà e così via) vogliono dire tutto e niente se non si specifica come debbono essere messi in pratica. In pratica, una società dove i Framassoni detengono il potere è una società senza valori oggettivi condivisi – e che perciò esalta l’unico valore misurabile: il denaro e il potere. Non è un caso che in questi anni, con l’avanzata della massoneria nei grandi centri di potere finanziario, la massa si è impoverita a favore di pochi speculatori. La Chiesa, che si è svenduta al modernismo buonista da Paolo VI in poi, fino al falso Papa Bergoglio, ormai è irrilevante e tra poco non sarà neppure più in grado di alleviare le sofferenze dei più poveri attraverso le sue opere assistenziali.
          Majo mi perdonerà per questa digressione che poco ha a che fare con il Parma, ma dò la mia testimonianza di umile servo della vigna del Signore. Nonostante le difficoltà ricorderò sempre che Christus vincit, Christus regnat, Christus ímperat!

          • 22 Gennaio 2015 in 19:03
            Permalink

            Si va bene, grazie per la dotta dissertazione, tuttavia mi preme precisare che io, citando il cv del padre di un membro del Cda, non ho inteso si arrivasse alla conclusione che la società possa esser dominata dai “framassoni”. Più che altro aveva attirato la mia attenzione il fatto che attualmente il papà risulta essere il presidente del Dignity Order, una associazione di stampo massonico-esoterico con sede a Vienna e suddivisa in tre Priorati, quello d’Italia, quello di Ucraina e quello di Albania. Appunto il collegamento con l’Albania. Dopo di che è logico che le colpe (sempre ammesso siano tali) dei padri non devono ricadere sui figli come ci insegna la Bibbia, tuttavia, il fatto che il figlio risulti ricoprire (sempre ammesso non si tratti di uno spiacevole caso di omonimia, come correttamente avevo scritto nell’articolo) risulti rivestire la carica di numero 2 dell’associazione, ossia di vice chairman, mette in stretta correlazione l’attività dell’uno e dell’altro, al di là della consanguineità.
            Cordialmente
            Gmajo

          • 22 Gennaio 2015 in 19:41
            Permalink

            Ma no Majo, la mia era una digressione e non fatta per esibire cultura ma per convertire i cuori. Dopo di ché, è chiaro che con il Parma tutto questo c’entra pochissimo. Spero tuttavia che abbia apprezzato non tanto la citazione in latino quanto l’argomentazione fedele al Magistero di sempre.

      • 22 Gennaio 2015 in 22:05
        Permalink

        Io ricordo il grido di Garibaldi:”O Roma o morte”.
        Visti i risultati era meglio la morte.
        Ma che se ne frega del papà del 1884 su la’……

  • 22 Gennaio 2015 in 14:08
    Permalink

    Devo dire che comincio a vedere un po’ di luce. ci sono dei giocatori nuovi, c’è un Presidente, ci sono delle trattative vere per gli attaccanti. e non ultimo Taci esiste, si manifesta anche se in modo un po’ bizzarro. Però Taci non è presente su alcun documento ufficiale. chi firma i trasferimenti sui CC del parma?

  • 22 Gennaio 2015 in 14:09
    Permalink

    Majo lei crede ancora al fallimento?? mi scusi ma quale perverso piano criminale avrebbe il signor Taci secondo lei?Mi aiuti a capire…

    • 22 Gennaio 2015 in 14:11
      Permalink

      Non c’entrano quelli che lei (non io, lei…) chiama “piani criminali” di Taci, quanto la realtà oggettiva dei fatti: il giorno 28.01.2015 si celebrà l’udienza fallimentare…

        • 22 Gennaio 2015 in 14:28
          Permalink

          La sentenza di cosa?

          Ho sparato sentenze, forse?

          Cerchi di distinguersi rispetto a chi è solito frequentare virtualmente che di quello che dico o scrivo capisce solo quello che fa comodo distorcendolo.

          Saluti

          Gmajo

          • 22 Gennaio 2015 in 14:33
            Permalink

            L’udienza fallimentare è il corso naturale delle cose, non ci vedo nulla di losco (losco lo dico io…) né PENSO sia il caso di creare inutili allarmismi (allarmismi sempre io)

          • 22 Gennaio 2015 in 14:38
            Permalink

            Nessuno crea allarmismi, ma zio cajenna, qualsiasi cosa uno scriva OGGETTIVA deve esser preso per allarmismo.

            Allora: ci sono alcune istanze di fallimento, ed è un dato assodato, sarà anche il corso naturale delle cose, ma l’udienza c’è con tutti i rischi che essa comporta. Quindi non va trascurato.

            Poi che taci lo sappia benissimo che c’è l’istanza lo so perfettamente anch’ìo. Appunto che dico aspettiamo ‘sta partita e poi vediamo, tenendo aperte tutte le soluzioni, inclusa quella che qualcuno definisce in modo improprio, ma efficace, fallimento pilotato.

            Saluti

            Gmajo

          • 22 Gennaio 2015 in 16:05
            Permalink

            domandina ridurre la mia ignoranza e NON per creare polemica riguardo questo argomento. Mi piacerebbe un approfondimento, magari suggerito da un legale. Quando si compra una societá con dei debiti come in questo caso e ci si avvicina ad una udienza come questa, quali sono i rischi per la nuova proprietá? e per la vecchia? ossia, chi compra si impantana alla grande o chi vende comunque si tiene delle responsabilitá?

          • 22 Gennaio 2015 in 19:27
            Permalink

            Nella mia ignoranza, ma con buon senso, direi che ognuno risponde delle proprie azioni. Comunque chi subentra assume debiti e crediti, per cui economicamente ne risponde, nel senso che a ristorare il creditore è appunto la gestione corrente. Eventuali responsabilità in caso di mancato ristoro risalgono anche prima…

            Comunque mi correggerà l’avvocato Malvisi o l’avvocato Mercatologo se ho scritto una corbelleria…

            Cordialmente

            Gmajo

  • 22 Gennaio 2015 in 14:37
    Permalink

    Quando si parla di massoneria a me viene in mente solo una parola…SOLDI!

    • 22 Gennaio 2015 in 14:40
      Permalink

      Quindi, magari, è una buona notizia…

      Comunque quel richiamo non era così fondamentale se non per rimarcare la conseguente cooperazione con l’Albania che fa un po’ capire la scelta, anche se i soliti noti pensano che se uno accenna a un dato di fatto lo faccia per denigrare. Mai che capiscono che tanti dettagli in più allargano gli orizzonti. Ma se quel qualcosa in più che a fatica cerchiamo di offrire dà così fastidio, che stanno qui a leggere a fare. Se ne stiano a far dialoghi costruttivi sui loro forum…

      Saluti

      Gmajo

      • 22 Gennaio 2015 in 15:03
        Permalink

        Questa cosa di Jacopo e la massoneria serve a dare un quadro ben preciso del genere di organizzazione e valori che stanno dietro a Taci, strano che venga criticata la scelta di esporlo ed anche che nessuno se ne sia accorto o gli abbia dato valore.

      • 22 Gennaio 2015 in 15:12
        Permalink

        A me se mi dicessero che dietro al parma ci fosse la massoneria la prenderei come una notizia positiva…poi c’è un discorso morale sulla provenienza dei soldi…ma da che mondo e mondo la massoneria è sempre stata molto molto molto ricca…Majo vorrei metterla in difficolta….posso?!?!

      • 22 Gennaio 2015 in 15:14
        Permalink

        le chiedo scusa non pensavo se la prendesse così, di solito è più aperto alle “critiche”. credo che si dovrebbe parlare più di calcio e meno di quello che c’è dietro sennò si diventa tristi e insensibili alle piccole cose. buona serata.

      • 22 Gennaio 2015 in 21:56
        Permalink

        poi bisogna vedere se queste indagini fatte su internet alla cazzo hanno valore magari e’ uno con lo steso cognome che non c entra nulla e’ tutto da verificare !!!! e in ogni caso che ci importa anzi speriamo che siano massoni cosi faranno grande il parma anche quello del real madrid e’ massone

  • 22 Gennaio 2015 in 14:44
    Permalink

    Si può trovare da qualche parte l’intervista fatta a Kodra da un emittente albanese di cui sta parlando Gallerani a palla in tribuna? Chiaramente tradotta in italiano….

  • 22 Gennaio 2015 in 15:10
    Permalink

    Direttore prima di tutto non capisco come ci si possa lamentare se lei cerca notizie riguardo le persone che nessuno conosce che entrano in società, bah.. io le faccio i complimenti perchè comunque sono notizie interessanti, come molti degli approfondimenti che scrive sul sito. Poi volevo farle un paio di domande, lei ha scritto che la conferenza stampa di presentazione di Kodra non è stata calendarizzata, ma secondo lei ci sarà o non la faranno proprio? Poi volevo chiederle se ha notizie della conferenza stampa di presentazione di Rodriguez e Varela o se magari stanno aspettando ulteriori acquisti (tra l’altro vorrei far notare con tristezza come il povero Lila in tutti questi giorni non ha mai avuto una conferenza stampa di presentazione, non è presente nella rosa del Parma sul sito (a differenza degli altri acquisti) e non viene nemmeno mai citata la sua assenza nei comunicati sugli allenamenti (a differenza degli altri infortunati), non bastava l’infortunio, sembra non sia mai esistito..). Detto questo mi spiace doverle far notare che nell’articolo ci ha regalato un gol nella sconfitta contro la juventus..
    Un saluto

    • 22 Gennaio 2015 in 18:05
      Permalink

      Rodriguez e Varela domani alle 14, mi rispondo da solo 😀
      Secondo lei vuol dire che non ci sono più acquisti fino a settimana prossima?

    • 22 Gennaio 2015 in 21:59
      Permalink

      si ma le cose e indagini debbono essere certe ma se poi majo stesso ha dubbi che possa essere un ononimia allora cade tutto oltre che qualcosa d altro

  • 22 Gennaio 2015 in 15:32
    Permalink

    Direttore buon pomeriggio, vero cio’ che scrive in riferimento ” Mai che capiscono che tanti dettagli in più allargano gli orizzonti” pero’ deve anche “ammettere” che lei da diversi mesi i dettagli li trova sempre negativi, e questo avvolte provoca un disturbo diretto alla persona. Personalmente a me poco importa se un componente del cda e’ un massone e poco importa se il presidente ha la stessa laurea del Trota, poi se vuole alludere che il Trota ha “comprato” la laurea come riportato dai giornali e quindi anche il nostro Presidente ha fatto lo stesso percorso del Trota, questo e’ un suo pensiero pero’ e’ come dire che Lei ha il tesserino da giornalista come anche Gianni Brera aveva lo stesso tesserino. Io penso solo che il calma e gesso e’ diventato uno spot oramai fuori luogo e che tutti (lei compreso) dovremmo cominciare a pensare con ottimismo, arriva il 29/1 per sistemare le varie istanze di fallimento ?? senza calma e gesso, verranno e devono essere sistemate, altrimenti pazienza e ripartiremo da zero, ma esistono o esistevano altre soluzioni fuori da Taci ? Secondo me no, poi se Lei aveva altre informazioni fuori dalle varie chiacchiere da bar, allora poteva anche esporle a gran voce e facendo i nomi di chi potevano essere queste persone e non avvolgere un mistero di una persona che poteva entrare al posto di Taci ma che casualmente prima di arrivare al cancello d’ingresso del centro sportivo a collecchio e’ rimasto ancora a girare intorno alla rotatoria prima dell’ingresso. Saluti
    Matteo b.

    • 22 Gennaio 2015 in 20:31
      Permalink

      Senta MatteoB,

      io non voglio alludere a un bel niente, perché quando voglio alludere a qualcosa lo dico chiaro e tondo prendendomi il coraggio delle mie affermazioni delle quali vado orgoglioso: quindi le conclusioni che lei ha tratto sono conclusioni sue, e la diffido a mettermele in bocca.

      Se ho citato che l’ateneo è lo stesso dal quale è uscito il Trota (cosa che corrisponde ai fatti) ho riportato una innocua curiosità: manco per il cervello mi frullava (e poi date del malizioso a me, ma quanto lo siete voi!) di alludere che possa “aver comprato la laurea” come lei asserisce!

      Mi scusi, eh: ma già mi girano le scatole quando ci sono degli individui che riportano distorto il mio pensiero, al solo fine di elevare il livello di odio nei miei confronti (e c’è un serial), su altre quisquilie, ma mi fa incazzare ancor di più chi, come lei, viene qui a insinuare che io volevo dire che il presidente ha comprato una laurea ! Sono insinuazioni, queste, che proprio non tollero!

      Per quanto concerne laltro ipotetico compratore di cui parlavo mesi fa, siccome, appunto io sono un giornalista professionista che lavora nel pieno rispetto della deontologia e del buon senso, oltre che della correttezza, se do una certa informazione è perché ne sono personalmente al corrente: le chiacchiere da bar le lascio fare a lei o ad altri utenti. Ma nel rispetto degli accordi presi con le persone che rappresentavano quella cordata i nomi non li posso fare, anche se sono convinto che prima o poi potrò svelare questo mistero. Poi lei può pensare che io sia un babalano, ma io di solito combatto i cialtroni e mostro le loro cialtronate, non mi presto a farle in prima persona. Poi se io le sto sulle scatole e pensa che spari cazzate lei è liberissimo di crederlo. Io, in coscienza, so che do tutto e di più per svolgere questa vera e propria funzione sociale.
      Saluti
      Gmajo

  • 22 Gennaio 2015 in 15:36
    Permalink

    “Learn the power of compromise, so you can fall and then rise…” (cit.)

  • 22 Gennaio 2015 in 15:52
    Permalink

    7-0, non 7-1….

    • 22 Gennaio 2015 in 18:06
      Permalink

      The Return gongala pure a fare il brillante !!!!!

      Trà una settimana gongoli e brilli molto meno !!!!!

      Stavolta l’ arbitro vi fa fru… fru… Kiaro Gobbetto !!!!!!!!!!!!!!

      PARMALCOOL SUPPOTERS

      BARCOLLO MA NON MOLLO !!!! VAMOS CROCIATI !!!!

      NOI E VOI UNITI PER UN GRANDE PARMA !!!!!

    • 22 Gennaio 2015 in 19:51
      Permalink

      Grazie… E poi mi dicono che scrivo male del Parma 🙂

      Comunque ora ho corretto…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 22 Gennaio 2015 in 15:52
    Permalink

    D’accordissimo sulle considerazioni sul sindaco e in piena sintonia con te (e con Grossi) sul discorso in ottica salvezza (io ci aggiungo anche un difensore almeno).
    Vorrei invece chiederti la cortesia si spiegarmi in modo terra terra cosa intendi quando scrivi soldi “depositati” ma non “accreditati” (non sono riuscito a riprendere il commento quindi magari non lo riporto esattamente). Per le istanze di fallimento sono ottimista perchè il creditore avveduto desiste quando ha già i soldi in mano.
    A me l’approfondimento sul cda è piaciuto e da ultimo ti chiedo se l’assenza dei soci di minoranza è da intendersi quale preludio a una loro uscita di scena.
    Indubbiamente qualche fattore positivo in più c’è ma francamente io sento ancora il pavimento che scricchiola, al di là della classifica.

    • 22 Gennaio 2015 in 19:39
      Permalink

      Se il creditore è avveduto firma la desistenza quando ha i soldi in mano, ma se il creditore, prestando fede per l’ennesima volta, avesse firmato la desistenza sulla fiducia e sul “tutto è predisposto”, e poi, magari, non avesse incassato il dovuto alle condizioni stabilite, immagino potrebbe “incazzarsi” ancor di più. E il 28 gennaio è assai prossimo. Metti caso che questo creditore sia di quelli in attesa, assieme a giocatori, tecnici e dirigenti che si sblocchino i 5 ml che sembrano bloccati da qualche parte… Attenzione: l’aggiornamento è a ieri, perché oggi ho evitato di disturbare chi deve ricever gli emolumenti, che già quello è fastidioso, senza il mio ulteriore assillo di sapere. Comunque, ove fosse andata a buon fine la cosa, immagino ci sarebbe stato interesse a farmelo sapere….
      Sul discorso dei soci di minoranza mi risulta di una cena, organizzata temporibus illis dall’avvocato Giordano durante il suo mandato presidenziale, prima delle dimissioni in blocco del Cda (quello mai comunicato e composto da eminenti personalità del mondo bancario e della finanza) italiano per far posto agli uomini di Taci (nominati nell’assemblea del 20). Penso che la situazione più critica riguardi Energy T.I. Group: mi risulta, infatti, che l’AD Roberto Giuli avesse in canna una intervista per spiegare la sua posizione a un collega, anche se non ho ancora trovato nulla di pubblicato. E’ chiaro che aver messo 5 ml (almeno sulla carta) in aprile e vedersi bruciati nove mesi dopo non deve esser il massimo, e in destino potrebbe esser quello ove venisse deliberato, come pare, di abbattere il capitale sociale per coprire la forte perdita. Mi risultano siano inferiori, invece, le difficoltà a tener buoni gli altri (che non a caso figuravano nel Cda di eventi sportivi eletto dall’assemblea del 27 dicembre).
      Cordialmente
      Gmajo

  • 22 Gennaio 2015 in 15:54
    Permalink

    Traduzione di Luca Russo
    “Impara il potere di compromesso , in modo da poter scendere e poi salire …”
    🙂

  • 22 Gennaio 2015 in 16:07
    Permalink

    Majo
    oramai si sta arrampicando sugli specchi
    L’articolo che ha fatto non sta in piedi….
    diffamatorio per il nuovo presidente e con riferimenti che non c’entrano nulla.
    oramai è ora che anche Lei svolti verso una visione diversa…
    capisco il pessimismo cosmico ma così è veramente troppo

    • 22 Gennaio 2015 in 17:27
      Permalink

      Guardi signor Abelli,

      pur non condividendo la sua impressione la rispetto. Ma non ho da arrampicarmi su alcuno specchio: semplicemente io dico la mia. Giusta o sbagliata che sia. Che il mio articolo non stia in piedi non penso abbia sufficienti elementi di giudizio per sostenerlo.

      Respingo con forza e con sdegno la sua calunnia (occhio…) che il mio articolo sia diffamatorio per il neo presidente, mentre i riferimenti citati all’interno dell’articolo non lo riguardano, essendo, semmai, correlati all’unico membro del Cda italiano (escluso Leonardi): e questo dimostra con quale attenzione lei abbia letto il mio elaborato che a suo dire non sta in piedi.

      Infine: io sono realista, il pessimismo cosmico non mi appartiene. Per le elegie e il tutto bene madama la marchesa è libero di cliccare altrove, ma nel rispetto della mia persona, del mio modo di essere, e della professione che adoro non cambio linea.

      Saluti

      Gmajo

  • 22 Gennaio 2015 in 16:18
    Permalink

    Speriamo di riuscire a fare una serie D onorevole; il girone emiliano di serie D e’ uno dei più duri, con una cordata di parmigiani che dimostrino di tenere a questa città; e non degli pseudo paperoni che nn esistono e Leonardi…

  • 22 Gennaio 2015 in 16:20
    Permalink

    Gilardino era tanto vicino al parma che ha scelto la fiorentina,, qui si dorme in piedi…………. proviamoci per drogba …..

    • 22 Gennaio 2015 in 16:31
      Permalink

      la fonte quale sarebbe? chiedo perchè son due settimane che la gente viene qui e lo da per fatto a cagliari, sassuolo e ora pure fiorentina

    • 22 Gennaio 2015 in 18:38
      Permalink

      Ragass fossi tu Gila; ti vuole il Parma derelitto e la Fiore dove vai? Non e’ una questione di dormire in piedi; e’ una questione di appeal: oggi il nostro vale quello di Rococampocanneto

      • 22 Gennaio 2015 in 19:05
        Permalink

        Ma come fa un leonardiano come lei, dottor Frank, a sostenere una cosa del genere ora che il Parma ha alle spalle una proprietà più forte e affidabile di quella di Ghirardi?

        • 22 Gennaio 2015 in 22:14
          Permalink

          Perché’ l’appello al momento e’ questo. Giustamente qui si può’ offrire un buon stipendio per sei mesi e magari promettere qlc se si rimane in A. Se arriva la Viola e ti fa due anni di contratto che fai a 32 anni? Dai….
          Sono però’ sicuro che se ci salviamo(impresona intendiamoci) l’anno prossimo ci sarà’ da sgodazzare

  • 22 Gennaio 2015 in 16:22
    Permalink

    Ah una domanda direttore, potrebbe succedere che come a Bologna arriva il Saputo della situazione e versa i 30 milioni si prende il Parma visto che la pseudo nuova proprietà non ha messo nulla???

    • 22 Gennaio 2015 in 17:18
      Permalink

      Mi sembra una domanda un po’ confusa. Saputo sta al Bologna come Taci al Parma…

      Quindi qui i 30 ml, se vorrà, li metterà Taci…

      Cordialmente

      Gmajo

    • 23 Gennaio 2015 in 12:02
      Permalink

      ah perchè saputo ha messo 30 milioni??? ahahahha ma dove??

      • 23 Gennaio 2015 in 12:42
        Permalink

        Io penso che a noi debba interessare se i 30 ml li metterà Taci (o la Dastrosa) nel Parma

        Saluti

        Gmajo

        • 23 Gennaio 2015 in 16:16
          Permalink

          va bene ma non diffondiamo falsità riguardo gli altri, perchè poi la gente fa i paragoni. A Bologna son stati in ballo con una fideiussione da 6 milioni per un mese perchè arrivava a banche che non volevano accettarla per motivi tecnici.

  • 22 Gennaio 2015 in 16:28
    Permalink

    Il Bologna calcio è di Rezart Taçi
    Il petroliere ha acquistato l’80% delle quote. Il nuovo patron: «Non voglio una squadra da ultimi posti»

    L’auto di Rezart Taçi in via Zanardi

    NOTIZIE CORRELATE
    Menarini dà l’ok alla cessione

    Berisha, il calcio e il petrolio

    In serata è arrivata anche la firma: il Bologna va a Rezart Taçi. L’accordo è quello annunciato nei giorni scorsi: il petroliere entra nella società all’80 per cento (mentre il 20 rimane in mano ai Menarini) e dice: «Farò felici i bolognesi»

    IL COSTO – L’operazione costerà a Taçi circa 22 milioni di euro. Il contratto preliminare è stato firmato nella sede Cogei di via Zanardi. Allora avrà inizio la due diligence, e il nuovo proprietario del club rossoblù si recherà a Casteldebole per esaminare i libri contabili e rendersi conto della situazione finanziaria, che comunque non dovrebbe presentare alcun tipo di sorpresa. Per adesso Taçi rinuncerebbe a essere presidente del Bologna, quanto meno fino alla celebrazione dei cento anni del club.

    IL MERCATO – L’arrivo di Taci riapre il discorso mercato. La liquidità portata in dote dal petroliere potrebbe far crescere le ambizioni dei rossoblù e portare il ds Salvatori a rivedere alcuni dei nomi in lizza per rafforzare la squadra. Papadopulo vuole altri sei giocatori. L’arrivo più atteso sarebbe quello di un attaccante di pregio, ma si aspetta anche un forte difensore centrale per rinforzare il reparto. «L’accordo sarà effettivo il prossimo 3 agosto – ha spiegato Taci -. Prima di tutto è un piacere personale essere presente sul mercato del calcio italiano. Il nostro obiettivo è quello di rafforzare la squadra per poter rimanere in serie A, di sicuro non voglio una squadra da ultimi posti in classificà».

    GLI ULTRA’ – Tra i tifosi sul web è esplosa la Taci-Mania. È questo infatti lo slogan sul forum dei sostenitori rossoblù. «Taci riportaci tra le grandi», «Con Taci 20.000 abbonamenti» e «Grazie Taci, benvenuto presidente», sono alcuni dei messaggi che nelle ultime ore sono stati inviati dai tifosi. Ma c’è spazio anche per canzonatori ringraziamenti a Renzo e Francesca Menarini per essersi fatti da parte. Ultimamente padre e figlia erano sempre più invisi a gran parte della tifoseria, in particolare dopo l’ammissione dei contatti con Luciano Moggi.

    • 23 Gennaio 2015 in 12:04
      Permalink

      a bologna si era fermato ai preliminari, qui siamo più avanti. Inoltre se ha bucato allora non vuol dire che lo faccia anche ora. Vedi tacopina che a bologna ce l’ha fatta al secondo tentativo dopo quello del 2008

  • 22 Gennaio 2015 in 16:29
    Permalink

    Faremo la stessa fine??

    • 22 Gennaio 2015 in 16:39
      Permalink

      Si finiscila, hai perso qualche puntata da quando Taci ha acquistato il Parma.

    • 22 Gennaio 2015 in 17:08
      Permalink

      Lo scopriremo solo vivendo, ma, come scrivevo anche sotto l’altro tuo commento, penso ce ne sia a sufficienza del presente, senza romperci la testa col passato…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 22 Gennaio 2015 in 16:36
    Permalink

    Salve Dr Majo. Continuo a scrivere dottore ma nel caso non fossi laureato non è per prendere per il c.. Comunque ti stimo molto come giornalista e per la tua libertà di stampa. Ma a volte mi dai un po’ la sensazione di cercare un po’ il marcio nelle cose… La mia non vuole essere una mancanza di rispetto sopratutto verso una persona che stimo molto. Ma concordo su fatto di cercare di essere tutti positivi.
    Luca s

    • 22 Gennaio 2015 in 17:07
      Permalink

      Non sono dottore, né mai mi sono qualificato per tale, non sto lì a specificarlo ogni volta anche perché nell’immaginario collettivo tutti i giornalisti sono dotto’,,,

      Io non è che cerco il marcio nelle cose, in generale, né in particolare penso di aver trovato del marcio. E poi anche il concetto di marcio è molto relativo, poiché ognuno ha una propria moralità.

      Sul fatto di esser positivo penso di esserlo sempre, anche troppo. Però non è che io debba fare le cose a sentimento, o in modo superficiale. Del resto se avessi fatto il tifoso la scorsa estate avrei dovuto schierarmi con il 99% della gente che gridava di un complotto ai danni del Parma, quando penso che ormai ci si possa esser resi abbastanza conto che non era proprio così…

      Saluti e grazie per la stima

      Gmajo

  • 22 Gennaio 2015 in 16:40
    Permalink

    Io ho un brutto presentimento “Allora avrà inizio la due diligence, e il nuovo proprietario del club rossoblù si recherà a Casteldebole per esaminare i libri contabili e rendersi conto della situazione finanziaria, che comunque non dovrebbe presentare alcun tipo di sorpresa. Per adesso Taçi rinuncerebbe a essere presidente del Bologna, quanto meno fino alla celebrazione dei cento anni del club. ”

    PAURA!!!!!!!!!!!

    • 22 Gennaio 2015 in 17:03
      Permalink

      Vabbè, dai, hai scoperto l’acqua calda… Ne avevamo parlato diffusamente dopo la telefonata di Bortolotti a Calcio & Calcio di un paio di settimane fa.

      Cmq lasciamo perdere il passato e badiamo al presente. Che già è sufficiente…

      Cordialmente

      Gmajo

    • 23 Gennaio 2015 in 12:05
      Permalink

      sei ritardato marco?

  • 22 Gennaio 2015 in 16:43
    Permalink

    a quanto pare direttore pensano un po tutti la stessa cose. Se le posso dare un consiglio non si incazzi come al solito, ma da persona intelligente quale è, la prenda come critica costruttiva.

    • 22 Gennaio 2015 in 17:02
      Permalink

      Io non mi incazzo come al solito. Semplicemente:
      1. Non è vero che tutti la pensano così
      2. Fosse anche vero che tutti la pensano così chiedo rispetto per le mie idee e per il mio lavoro. E che si giudichi quello, in base alla oggettività e non alle antipatie personali come molti che vengono qui a provocare in arrivo da un posto ben preciso

      Saluti

      Gmajo

  • 22 Gennaio 2015 in 16:54
    Permalink

    Mi concedo ancora un fuori pista: cerco una persona gentile che possa procurarmi un biglietto di Curva Nord per la partita di Coppa Italia contro la Juventus, diversamente dovrò provare ad acquistarlo su internet, ma con la sola possibilità di prendere tagliandi di tribuna o distinti (se non ricordo male)…

    • 22 Gennaio 2015 in 17:21
      Permalink

      Ho ricevuto e copio incollo:

      Carissimo/a,

      in occasione di Juve-Parma, Superscommesse, in esclusiva per i clienti Netbet, regala 2 biglietti per il match del 28 gennaio tra Parma e Juventus, gara che si disputerà alle ore 20:45 allo stadio Tardini di Parma, valevole per i quarti di finale di Coppa Italia.

      Per ricevere i biglietti devi seguire i passaggi indicati in questo articolo.

      http://www.superscommesse.it/bookmaker/netbet/biglietti_parma-juventus__netbet_ne_regala_2_per_la_coppa_italia-7855.html

      Solo dopo aver effettuato correttamente tutti i passaggi necessari, sarà possibile individuare i 2 account che riceveranno i biglietti di Parma-Juventus! Gli utenti selezionati potranno ritirare il biglietto direttamente al botteghino dello stadio dove troveranno un plico con il loro nome e cognome.

      La promozione scade 3 giorni prima dell’inizio della gara, quindi avrai tempo fino a domenica 25/01/2015 alle ore 20:45.

      Un abbraccio,
      Ufficio Stampa Superscommesse

      ____________________________________________________

      • 22 Gennaio 2015 in 19:39
        Permalink

        Preferisco finanziarlo il Parma, piuttosto che andare a vederlo aggratis 😉

        Poi non ho nemmeno un conto con la società menzionata nel tuo commento…quindi rinnovo l’invito precedente: c’è una persona gentile in grado di procurarmi un tagliando di Curva Nord per la gara di Coppa Italia contro la Juventus?

    • 23 Gennaio 2015 in 12:06
      Permalink

      basta che te lo prendi in tabaccheria per esempio via venezia

  • 22 Gennaio 2015 in 17:00
    Permalink

    beh oddio marco, non mi sembra che a Bologna avesse fosse partito con il mercato e abbia parlato con le istituzioni locali. sinceramente mi sembra che qui siamo in fase un po più avanzata

    • 22 Gennaio 2015 in 17:14
      Permalink

      Con le istituzioni mi par proprio si fosse speso anche là e in più aveva concesso interviste e intervenuto in diretta tv

      • 22 Gennaio 2015 in 18:42
        Permalink

        Qui ha preso la societa’ la’ no. E Menarini voleva qlc mln mentre Ghirardi gliela ha regalati in snocioni

        • 22 Gennaio 2015 in 19:15
          Permalink

          Questo, per lo meno, è quanto suggerisce la logica a fronte della girata unilaterale, e senza che ci siano notizie differenti al riguardo

  • 22 Gennaio 2015 in 17:16
    Permalink

    Purtroppo ad ora l’unica differenze è il giro delle azioni dal notaio, ma se come dice iil direttore sono costate zero credo che il risultato sia pari a quello di bologna. Magari mi sbaglio ma per me la cosa è troppo assurda per essere vera………….

    • 22 Gennaio 2015 in 17:20
      Permalink

      Io dico solo calma & gesso. Non dico di fasciarci la testa, ma neppure di illuderci che tutto è rose e fiori solo perché abbiamo ingaggiato Cipolla e Varenne o solo perché l’ultimo prestanome di Taci si è presentato al Sindaco e all’Upi…

      Cordialmente

      gmajo

  • 22 Gennaio 2015 in 17:19
    Permalink

    Alfredo Pedullà manda Alberto Gilardino (32), ed è una svolta a sorpresa dopo le ultime indiscrezioni di ieri ed oggi circa una sua vicinanza: “Ha chiesto tempo a Parma e Cagliari, ha avuto una proposta dal Sassuolo legata al futuro di Zaza. Ma nelle ultime ore c’è stata un’irruzione forte della Fiorentina, per quello che sarebbe un ritorno “alla Toni”. Il modo migliore per cercare di sfondare il muro dei 200 gol. Gilardino ha detto sì con entusiasmo”.

    fonte: parmalive / tuttomercatoweb

  • 22 Gennaio 2015 in 17:20
    Permalink

    Alberto Gilardino pensa e ripensa alle soluzioni per il futuro. Ha chiesto tempo a Parma e Cagliari, ha avuto una proposta dal Sassuolo legata al futuro di Zaza (la Juve pensa sempre di anticipare l’arrivo a Torino). Ma nelle ultime ore c’è stata un’irruzione forte della Fiorentina, per quello che sarebbe un ritorno “alla Toni”. Il modo migliore per cercare di sfondare il muro dei 200 gol. Gilardino ha detto sì con entusiasmo, liberarsi dal Guangzhou non sarebbe un problema, seguiremo i prossimi sviluppi di una pista molto calda.

    fonte: http://www.alfredopedulla.com

    • 22 Gennaio 2015 in 17:53
      Permalink

      Grazie, nel frattempo l’avevo reperita anche io. Non mi pare comunque ci sia l’ufficialità.
      Gila da un lato lo riprenderei, dall’altro ho dubbi su quanto possa effettivamente dare, al di là della volontà, dopo la Cina.
      Qualcuno bisogna comunque prenderlo e non solo davanti, ma ormai per domenica è tardi, abbiamo aggiunto i 2 noti che tra l’altro le varie testate, per ora, indicano tra le riserve.

  • 22 Gennaio 2015 in 17:24
    Permalink

    Io pero’ non capisco, gilardino che ci serve come il pane sembra vicino, ieri addirittura al parma, e adesso prima la fiorentina e poi il cagliari sembra abbiano già strappato il suo SI. Ma la parola cosa conta ormai…..

    • 22 Gennaio 2015 in 17:56
      Permalink

      SONO TUTTE VOCI CHE FANNO RIMBALZARE I GIORNALISTI ANCORA NON L’AVETE CAPITO?
      PROBABILMENTE PER ORA LA PIU VERITIERA COME NOTIZIA è QUELLA DI GILARDINO VICINO AL PARMA SE QUALCUNO CONFERMA LA CENA DI IERI SERA CON LA DIRIGENZA

  • 22 Gennaio 2015 in 17:25
    Permalink

    ma si copiano le notizie a vicenda???? che tristezza………..

    direttore siamo con le i, la sua calma ed il suo gesso!!!

    • 22 Gennaio 2015 in 17:38
      Permalink

      No, in realtà sono stato io a toppare la fonte nel primo commento…e infatti pensavo che il Direttore cancellasse il primo dei due commenti…

  • 22 Gennaio 2015 in 17:30
    Permalink

    Facciamo un po’ di chiarezza sulla udienza prefallimentare diel giorno 28 gennaio.
    L’udienza è promossa da un creditore che ha un credito non soddisfatto nei confronti del Parma calcio. Non sto a citare i parametri perchè credo non interessino a nessuno.
    Qualcuno sostiene che ci siano altri creditori che hanno avanzato analoga istanza per il giorno in questione.
    La giurisprudenza è ormai concorde nel ritenere che la desistenza del creditore procedente sia condizione sufficiente per determinare l’estinzione della domanda tesa alla declaratoria di fallimento.
    Di norma, il creditore desiste una volta ottenuto il pagamento. Più creditori ci sono, più pagamenti si devono fare.
    Tuttavia, si deve tenere in considerazione che il Tribunale di Parma ( che l’ha fatto anche in questo caso) una volta ricevuta l’istanza del creditore e fissata l’udienza, trasmette le informative alla Procura. e ad Equitalia.
    Se ci fossero indagini penali sul conto dell’ex presidente e dell’amministratore delegato oppure ipotesi penalmente rilevanti in merito alla conduzione della società, la Procura potrebbe insistere per la declaratoria di fallimento. Analogamente se Equitalia avesse un debito rilevantissmo ( ma devo dire che non ho mai visto Equitalia insistere per una declaratoria di fallimento).
    La Procura, invece , si. A Parma esiste un precedente molto noto , degli anni scorsi, con riferimento ad una società molto conosciuta.

    • 22 Gennaio 2015 in 19:54
      Permalink

      Finalmente qualcuno che da informazioni chiare ,puntuali e corrette
      Grazie.V.

      • 22 Gennaio 2015 in 19:57
        Permalink

        Però, cara Vittoria, ribadisco quanto scritto ieri e nella Opinione: il fatto che i soldi siano arrivati sul conto (a parte che a me risultavano bloccati, ma tant’è…), ma che di lì non escano per ristorare chi li attende è inquietante, come la sua frase di ieri: “se aspetta che le dicano che sono arrivati i soldi chi deve prendere gli stipendi può aspettare”. Mi scuso se il virgolettato non è preciso, ma quello era il concetto. Insomma: già 5 ml sono pochi, ma se con questi non si pagano giocatori, tecnici, dirigenti…

        Può spiegare=?

        Cordialmente

        Gmajo

        • 22 Gennaio 2015 in 21:36
          Permalink

          Caro Direttore, io ho scritto che devono aspettare ancora un po’, non che possono aspettare,anche perché credo saranno i primi ad assere pagati,insieme ai creditori che hanno fatto le istanze.Saranno credo certamente pagati prima delle scadenze obbligatorie che nel caso non fossero rispettate produrrebbero ulteriori penalizzazioni. In ogni caso non facendo parte della dirigenza non posso darle certezze e concordo con Lei che al momento ci sono più domande che risposte, ma d’altra parte concorderà che non è facile in un mese sistemare e risolvere tutti i disastri ereditati dalla vecchia proprietà , anche se non c’è più tanto tempo .Cordialmente. V.

  • 22 Gennaio 2015 in 17:33
    Permalink

    Premesso ke io ho già il cappuccio in testa, e ke se c’è da fare della Masseria sn il primo (purkè si resti in A e si prenda qualcuno uguale identico a me, se nn proprio io, a fare della parmigjanità in socjetà). ke io a Lucio Gelly l’ho sempre venerato ed è meglio la P2 ke la C2 e i reggiani potrebbero confermarvelo.
    Detto questo, sono contento ke Majo si sia confermato nostro Nemico n. 1, ke io sn abitudinario e nn mi sarebbe andato di aggredire delle persone diverse all’autogril, ke ormai ci conosiamo ed è anke bello ritrovarsi anke x due minacce e un caffè in compania, cm accadeva nei nostri borghi nel cuore della parmigjanità di una volta (IL MOMENTO PARMIGJANITA’ VI E’ STATO OFFERTO DAL MARCELLO DELLA PARMIGJANITA’).
    Ke a me viene il dubbio ke dietro il comunicato dei Boys dove dicono ke il LEO deve andare via sia stato scritto dal Majo. I caratteri del computer sn praticamente gli stessi…. è un caso????? Io li farei vedere ad un perito callifugo, ke secondo me ne scopriamo delle belle.
    Ke secondo me visto ke adesso c’è Taci e Kroda se vogliamo scrivere “Ghirardi vattene” va anke bene (ke magari il PRES è stanco di Carpenedolo e vuole cambiare aria) ma dirlo al LEO ke è ancora qui secondo me è da nemici, forse nn proprio del braccio armato, ma quasi.
    Sul fatto ke TACI e KRODA debbano pagare i debitori, fornitori, ecc. io SN CONTRARIO. I dipendenti nn giocatori potrebbero restituire i soldi (anke x dimostrare di nn essere venali cm Majo), e gli altri possono spettare ke nn gli corre mica dietro nessuno. la priorità è salvarsi, dai là. O se no fai cm cn i neri quando compri la bamba ke se nn ci arrivi gli lasci un attimo il cell e poi lo passi a prendere quando ci hai i soldi. Quindi nn so Kroda gli potrebbe lasiare il cell e siamo a posto così. Se invece nn volete fare cm cn i neri x via ke siete razzisti allora ditelo ke io butto giù ke sn contrario.
    Argomento fallimento pilotato. Io dico: pilotiamolo bene. O al limite dirottiamolo a Reggio (ke io NN VOGLIO IL DERBI l’ANNO QUENO in nessun caso), ke siamo pieni di terronisti musulemani e almeno facciano qualcosa di buono. Ke il Mullah Dondi al pol miga magner e basta. Qua tutti ke terroristano e lu sempor col cuscus in boca.

    • 22 Gennaio 2015 in 18:15
      Permalink

      X rinforzare il discorso ci allego qst vidio:
      https://www.youtube.com/watch?v=V9iykIr7c6k
      (x capirlo va visto almeno-almeno 2-3 volte).

      Oggi a mia madre rispondo solo: Turb of Regna.
      CREDERCI!

  • 22 Gennaio 2015 in 17:42
    Permalink

    Credo che chi cura questo blog abbia a cuore la salute del Parma quanto e più di noi, visto il tempo che ci dedica. Per cui mi riesce difficile pensare che lo faccia con l’intenzione di instillare sempre dubbi e sospetti. Da tifoso quale sono, mi fa bene leggere questi articoli perchè mi aiutano a tenere i piedi per terra.

  • 22 Gennaio 2015 in 17:55
    Permalink

    Mi sembra un po’ strano che vada a Firenze quando hanno già 2 prime punte come Babacar e Gomez e fra 1 mesetto tornerà pure G.Rossi in attacco.Poi se è vero che ieri era a cena a Parma,si vede che era molto interessato a venire, a meno che non abbia avuto garanzie necessarie a livello economico

  • 22 Gennaio 2015 in 18:21
    Permalink

    Gilardino adesso è con Leonardi.

    • 22 Gennaio 2015 in 18:31
      Permalink

      e chi lo dice?

    • 22 Gennaio 2015 in 18:33
      Permalink

      E tu come fai a saperlo?

    • 22 Gennaio 2015 in 18:51
      Permalink

      … e pedullà deve smettere di bere…. 🙂

    • 22 Gennaio 2015 in 18:59
      Permalink

      E lei come lo sa, Mat?

  • 22 Gennaio 2015 in 18:36
    Permalink

    Taci-Bologna…Taci-Parma…analogie ce ne sono…ma è pur vero che lo stipendio dei “nuovi” lo garantisce lui…che per Lila si è speso lui…poi, sicuramente non sappiamo molte cose, lo ammetto.
    Mi chiedo però…a che pro il sig. Taci dovrebbe dare vita per ben due volte consecutive ad una fuga sull’altare, con il sacerdote sorridente, gli invitati seduti ai loro posti, il futuro coniuge ad attenderlo, il fotografo pronto e l’organo che sta già scandendo le prime note della marcia nuziale? Quale sarebbe la strategia…il tornaconto…il colpo gobbo? Magari mette dei prestanome a titolo di “2 di briscola”…metti che falliamo…metti che il Parma sia un pozzo senza fondo di debiti…ci va di mezzo, almeno formalmente, qualcun altro. E nemmeno credo che il nodo della vicenda sia la permanenza in A. Insomma…rilevi una squadra ultima in classifica…trida come l’Albania…ops! Scherzi a parte…non mi sembra che il “rischio sportivo” fosse tanto occulto…

    • 22 Gennaio 2015 in 19:12
      Permalink

      Veramente di fughe dall’altare ne aveva fatte anche altre, motivo per cui, fin da principio, ho sempre un po’ diffidato di questa soluzione, sperando che saltasse fuori qualcosa di diverso.

      La logica dietro l’acquisto mi sfugge, a fronte della situazione economica piuttosto pesante, però evidentemente si sarà pur fatto due conticini. Poi, se come penso io, al Ghiro non ha dato una lira, accollandosi debiti e crediti, appunto dei debiti dovrà pur rispondere. La mia sensazione è che all’attuale gestione interessi far fronte a quelli sportivi, cioè quelli che io chiamo obbligatorietà, sì da poter chiudere il campionato. Però, penso sia necessario che le istituzioni (non dico ai tifosi che interessa solo che la propria squadra viva, ci sia e sia forte) vigilino sul mantenimento delle buone intenzioni: qui, invece, mi pare che sia stata accordata ai nuovi la stessa cieca fiducia accordata ai vecchi. Poi ai fornitori (che non credo proprio siano l’attuale prima preoccupazioni dei nuovi) qualora dovessero perdere il proprio credito, vanno dire grazie a Pizzarotti o all’Upi? Io non ho notizia di crediti che possano esser rinegoziati, dal momento che per ora non mi risultano pagati neppure i pedatori…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 22 Gennaio 2015 in 19:37
        Permalink

        Nessuna cieca fiducia…le mie erano solo riflessioni a voce alta…ops a dita sulla tastiera. Credo che nessuno di noi, ad oggi, abbia risposte esaustive e definitive. Ovviamente giudicheremo tutti i fatti, al di là del fumo, profumato o meno che sia. Tra l’altro i fornitori sono come sempre i più danneggiati.
        Grazie della sempre squisita ospitalità

        • 22 Gennaio 2015 in 19:41
          Permalink

          Grazie a te per il fattivo ed educato contributo alla discussione.

          Cordialmente

          Gmajo

      • 22 Gennaio 2015 in 19:52
        Permalink

        Noi abbiamo perso tante partite, loro possono anke perdere stipendi e crediti, qualke volta. UN PO’ X UNO. Ke poi nn lo farebbero x delle cose futili ma x il bene di tt noi. Cos’è un credito o uno stipendio se cn quei soldi li risparmiati ci compriamo della gente x la salvezza? Nn tt le persone sn avide cm lei, Majo, ke lei è molto Avida.
        https://www.youtube.com/watch?v=59jljdnejwE

      • 22 Gennaio 2015 in 22:16
        Permalink

        majo continua a citare il comune ma lei dove vive ? hanno dovuto fare una legge perché lo stato e i comuni pagassero i loro fornitori !!!!! e renzi ha perso la scommessa con vespa perché in realta’ non sono stati pagati !!!! lo sa o no che ilcomunei come lo stato italiano non paga regolarmente i fornitori ovvero nei termini da contratto e allora se il parma calcio paga in ritardo lei si preoccupa tanto ? si preoccupi degli artigiani , aziende e professionisti che debbono prendere i soldi dai comuni e’ piu’ importate che il sindaco pensi a quello che preoccuparsi se il parma ha qualche credito da pagare al comune ( causa Ghirardi poi )

  • 22 Gennaio 2015 in 18:45
    Permalink

    Grazie direttore sempre gentile nel rispondere. C’è ne fossero come te
    Ciao
    Luca s

  • 22 Gennaio 2015 in 18:48
    Permalink

    L unica pista che mi convince per ora è quella di cui si parla meno in questi giorni!!
    Chi la indovina?

      • 22 Gennaio 2015 in 19:21
        Permalink

        no Edison Cavani, accordo per due barili di broda 🙂

        • 22 Gennaio 2015 in 19:40
          Permalink

          No no Osvaldo spero proprio di no

  • 22 Gennaio 2015 in 18:58
    Permalink

    figa Girardi quanti pacchi che ha lasciato, alla faccia del bagno di sangue…

  • 22 Gennaio 2015 in 19:03
    Permalink

    Domani alla presentazione dei nuovi ci sarà ancora Melli?

    • 22 Gennaio 2015 in 19:17
      Permalink

      Se il Plenipotenziario (lo è tutt’ora…) sarà a marcare la punta andrà bene lo stesso…

    • 22 Gennaio 2015 in 19:28
      Permalink

      Sapevo che quest’estate *** faceva 8 mesi senza stipendio, a meno che qualcuno abbia provveduto nel mentre fossi in lui cambierei anche lavoro.

      • 22 Gennaio 2015 in 19:47
        Permalink

        Evitiamo nomi, nel rispetto della privacy. Grazie

        • 22 Gennaio 2015 in 22:27
          Permalink

          guardi che anche con le ****, lo sanno anche i pesci rossi che **** non percepisce stipendi da 8 mesi, anche perchè è lui (e suo papà) il primo a dirlo al mondo
          e non escludo che la maggiore “visibilità” sia una sorta di acconto….

  • 22 Gennaio 2015 in 19:29
    Permalink

    Ma quale Osvaldo che non si riesce nemmeno a pagare ghezzal

    • 22 Gennaio 2015 in 19:46
      Permalink

      Sono due situazioni diverse: del resto a pagare Rodriguez e Varela pare garantisca Taci in persona…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 22 Gennaio 2015 in 19:34
    Permalink

    Ma Domenica chi gioca???? Secondo me Cassano falso nueve con varela e rodriguez ai lati e centrocampo con nocerino galloppa e mauri e dietro cassani paletta costa e de ceglie mirante in porta giusto??? Ce la faremo??? Dai ragazzi forza!

  • 22 Gennaio 2015 in 19:35
    Permalink

    Dalle dichiarazione di kodra nuovo pres del parma dice alla tv albanese che non c’è dietro taci io non ci capisco più un cazzo

    • 22 Gennaio 2015 in 19:42
      Permalink

      Io non l’ho sentito, ma se fosse così mi inquieterei ulteriormente…

    • 22 Gennaio 2015 in 19:48
      Permalink

      Non ha detto quello. Ha detto che ripresenta la Dastraso Holding, gruppo russo-cipriota. Niente di nuovo! Smettiamola con l’allarmismo dai

      • 22 Gennaio 2015 in 20:01
        Permalink

        Sky ha riferito che ha smentito che ci fosse Taci nella Dasastro!!

    • 22 Gennaio 2015 in 19:55
      Permalink

      Direttamente da Tuttomercatoweb:

      Lunga intervista a Supersport per il neo presidente del Parma, il ventinovenne Ermir Kodra. Intervistato dal canale satellitare, si è soffermato anche su temi di mercato. “Abbiamo preso alcuni giocatori di valore, cerchiamo altri top player. Siamo stati vicini, molto vicini a Mario Balotelli, ma non siamo riusciti a chiudere la trattativa. Però il ds Leonardi sta lavorando per portare la punta che serve”. Sul momento del Parma, dice “la situazione finanziaria del club è abbastanza difficile ma la nostra strategia riguarda sia il compartimento economico che quello sportivo e raggiungeremo il risultato. E’ difficile ma non impossibile e vogliamo rinforzarci con una punta di grande valore”.

      Il sito a cui avrebbe rilasciato l’intervista è in lingua inglese, sono alla ricerca della versione originale per verificare l’effettiva rispondenza della traduzione, non appena la rintraccio farò sapere. Da quanto si legge, sempre che le dichiarazioni siano state riportate fedelmente, è evidente come il nuovo management sia concentrato sull’aspetto sportivo, la dichiarata ricerca di un top player è indicativa del fatto che il mantenimento della categoria sia considerato elemento imprescindibile, con buona pace dei tanti paracadutisti che spesso atterrano qui sulla pista di Stadiotardini. Resta a mio avviso altresì evidente che questa ricerca dei rinforzi sia partita un tantino in ritardo, una nuova proprietàè impensabile che non si presenti al via del mercato con qualche affare praticamente già fatto…ma tant’è, cosa fatta capo ha…

      • 22 Gennaio 2015 in 19:59
        Permalink

        Mi correggo, l’intervista è disponibile in lingua albanese:

        http://supersport.al/artikull.php?id=30601

        stavo tentando una traduzione su internet, ma il risultato ad ora è pessimo

        Thuhet që ka gjithmonë një herë të parë por kjo herë e parë është një nga ato që meritojnë të shkruhen në listën e gjërave të rëndësishme. Është Ermir Kodra, presidenti i ri i Parmës. Lajmi që brenda pak minutash bëri xhiron e mediave kryesore të Italisë shënon një precedent të rëndësishëm. Ermir Kodra bëhet në këtë mënyrë i pari president shqiptar i një klubi të Serisë A e madje është njëkohësisht edhe presidenti më i ri në historinë e saj. Por kush është 29-vjecari që i ka surprizuar të gjithë, e bën vetë ai në një intervistë ekzkluzive për Supersport.

        “Jam Ermir Kodra, vij nga bota e biznesit. Kam mbaruar “Fakultetin e Ekonomisë” në “Universitetin e Tiranës” dhe kam shtatë vjet që punoj në fushën e hidrokarbureve. Konsorciuimi Dastraso ka blerë mazhorancën e aksioneve të Parmës. Unë përfaqësoj Dastraso Holding, që është një kompani hidrokarbure dhe hapi i parë që ne kemi bërë në fushën e sportit është këtu në Itali, por që kompania jonë do të operojë dhe në fushën e hidrokarbureve, ku është pika e saj kryesore në shtetin italian”.

        Me një histori më shumë se 100-vjeçare, Parma është një ndër klubet e rëndësishëm të futbollit italian me tifozë të shumtë në Gadishullin e Apenineve dhe mbarë botën dhe që tani marrin një mesazh shprese për rimëkëmbjen financiare nga presidenti i ri shqiptar.

        “Gjendja financiare e klubit të Parmës nuk them që është optimale, madje është e rënduar por ne kemi strategjinë dhe besimin se klubi i Parmës me investimet që do të bëjmë do të rregullohet si në planin financiar, gjithashtu dhe në atë sportiv”.

        Deri dje mund të tingëllonte e çuditshme, por me presidentin e parë shqiptar në Serinë A tani edhe lajmet e rëndësishme të merkatos në Itali jepen në shqip.

        “Siç e keni parë deri tani ne jemi duke bërë afrime shumë cilësore. Jemi në kërkim të një sulmuesi, të një top-player. Me dëshpërim ju konfirmoj që nuk kemi arritur të mbyllim marrëveshjen me Balotellin por që gjithsesi jemi ende në kërkim të një lojtari të madh”.

        Në sezonin aktual Parma lufton për mbijetesën në Serinë A dhe Ermir Kodra garanton se presidenca e re do të bëjë të pamundurën që klubi të qëndrojë mes më të mirëve të futbollit italian.

        “Ne po bëjmë maksimumin dhe japim garancinë se po punojmë për zgjidhjen e problemeve financiare dhe mbi të gjitha për atë që është pjesa më e rëndësishme, qëndrimin në Serie A”.

        29-vjeçari që përfaqëson interesat e fondit ruso qipriot Dastraso Holding siguron se përforcimet shqiptare te Parma janë mbyllur me atë vetë dhe Andi Lilën, por ku i dihet në futboll kurrë mos thuaj kurrë, pastaj dhe kaq mjafton që për klubin emiljan të bëhet shumë tifo edhe në Shqipër

        • 22 Gennaio 2015 in 20:06
          Permalink

          Una prima ricognizione mi porta a sottolineare un passaggio dell’intervista tralasciato da TMW, ovvero quello “Unë përfaqësoj Dastraso Holding” = io rappresento la Dastraso Holding

        • 22 Gennaio 2015 in 20:13
          Permalink

          In effetti Taci non è citato. Gallerani NADARO

          • 22 Gennaio 2015 in 23:07
            Permalink

            Io sto ancora aspettando che diventi furbo

  • 22 Gennaio 2015 in 19:37
    Permalink

    Secondo me Gilardino ha qualche dubbio sul contratto.non vorrei che il Sassuolo Cagliari o Fiorentina gli offrono magari due o tre Anni e noi purtroppo solo 6 mesi

  • 22 Gennaio 2015 in 19:51
    Permalink

    Se non riescono a prendere gilardino vuol dire o che non hanno i soldi o che sono delle pippe la punta doveva essere la priorita di questa campagna aquisti anzi ne servirebbero 2 e di buon livello temo che vada ai viola a fare la riserva di babacar

  • 22 Gennaio 2015 in 19:51
    Permalink

    In una intervista odierna a una tv albanese, il presidente Kodra ha (incredibilmente) dichiarato che lui rappresenta un gruppo russo-cipriota e che Taçi non ne fa parte. Bugie oppure Taçi, come si era ipotizzato già a novembre, presterebbe il volto a una operazione condotta per conto terzi?

  • 22 Gennaio 2015 in 19:57
    Permalink

    Era un sospetto che avevo da vari giorni, mi sembra tutta una montatura per far pensare che sia Taci e non farci porre ulteriori domande.

  • 22 Gennaio 2015 in 19:59
    Permalink

    Ragazzi ma che ne fa parte siamo certi, ha incontrato il sindaco,la sorella è stata a collechio fa il mercato io credo che su questo non ci sono dubbi poi se ci porta al fallimento questo è un’altro discorso

      • 22 Gennaio 2015 in 22:12
        Permalink

        Dettagli ? Non c’entrano niente ? Direttore si spieghi meglio per favore.

  • 22 Gennaio 2015 in 19:59
    Permalink

    A me il gioco delle rappresentanze (“rappresento questo”, “rappresento quello”) sta cominciando a stancare e mi lascia pensare che nemmeno il 29enne iperlaureato e straqualificato resisterà tantissimo alla (nostra) barra di comando. E la sensazione è che questi più cercano di fare chiarezza, più finiscono con l’infittire la già non modesta nebbia che li avvolge.

    • 22 Gennaio 2015 in 21:26
      Permalink

      magari è più qualificato di te, che fai tanta ironia

      • 22 Gennaio 2015 in 22:18
        Permalink

        Ironia? Che sia iperlaureato, mi pare un dato di fatto; che sia straqualificato, pure; e che abbia più di titoli di studio del sottoscritto, lo confermo. Ma di ironia io non ne ho fatta. Se ne hai colta un po’, è perché sei prevenuto…

  • 22 Gennaio 2015 in 19:59
    Permalink

    Non ha detto che Taci non ne fa parte, appunto ha ribadito che rappresenta la Dastraso, niente di nuovo insomma.
    Piuttosto preoccupante, ma anche questo non è una novità, il riferimento alla disastrosa situazione finanziaria.

    http://supersport.al/artikull.php?id=30601

    • 22 Gennaio 2015 in 21:27
      Permalink

      non ha detto disastrosa, ha detto difficile. Continuiamo a sviare mi raccomando

  • 22 Gennaio 2015 in 20:02
    Permalink

    Sempre che questa smania di fare chiarezza non abbia il secondo fine di non volere farne affatto…il mondo del calcio è pieno di polpette avvelenate.

    • 22 Gennaio 2015 in 21:27
      Permalink

      e di rosiconi

  • 22 Gennaio 2015 in 20:04
    Permalink

    Io cmq cm fattivo ed educato contributo alla discussione (cm dice quel cullallah di Majo) propongo questo motivetto musicale.

    Testi del Marcello della Parmigjanità
    Musike del Mullah Dondi
    Vocalist Il Russo di Lucca

    Tacci e denare
    https://www.youtube.com/watch?v=58Wk_tV-6-A

  • 22 Gennaio 2015 in 20:08
    Permalink

    Da qualche giorno ho cominciato a pensare che se davvero la Dastraso avesse voluto fare chiarezza, l’avrebbe fatta nei tempi descritti da Giordano (febbraio?marzo?).
    La comparsa di Taci, Lila e la sua gaffe su twitter, Doca, Kodra, mi fa sospettare (perchè sono un complottista) che Taci si stia prestando ad un gioco di altri, magari perchè ha preso delle quote di minoranza.
    In effetti nessuno della nuova società ha mai fatto il nome di Taci ed anche lui, anche nei dialoghi riferiti dai tifosi che l’hanno incontrato, si è sempre tenuto molto sul vago.
    Purtroppo i miei ceci non darebbero alla platea alcuna soddisfazione, ma sarei pronto a ricorrervi se davvero il nuovo proprietario del Parma fosse Taci. Gli azionisti di maggioranza sono ancora nascosti e adesso nessuno li sta più cercando.

  • 22 Gennaio 2015 in 20:36
    Permalink

    Ecco, non per fare sempre quello controcorrente, ma a me pare un po’ paradossale riconoscere che “la situazione finanziaria del Parma non è ottimale e che in qualche modo va risanata” e poi ammettere che “non siamo riusciti a chiudere l’accordo con Balotelli”. Ok, magari sarebbe venuto in prestito qui da noi, ma qualche banconota avremmo dovuto sganciarla. Conti in disordine e ingaggio, sia pure in prestito, di Balotelli, per me non possono coesistere. A meno che i nuovi arrivati non ci mettano tanta pila (pila proveniente dalle loro tasche). Però…se hanno tanta pila, tanto vale dare un colpo al cerchio (saldare mensilità di dipendenti e debiti coi fornitori) e uno alla botte (fare mercato)…

    In sintesi: non ci sto capendo un C.

  • 22 Gennaio 2015 in 20:48
    Permalink

    Secondo me state facendo un casino incredibile. Kodra non ha assolutamente detto che Taci non c’entra nulla e che rappresenti la Dastraso Holding e’ una cosa scontata visto che lui è’ presidente di una squadra di proprietà della Dastraso Holding. Ma che pippe mentali vi state facendo? E Taci può benissimo essere il 60% della proprietà come il 40%. Non mi pare che Kodra abbia detto niente di strano quando dice che la situazione finanziaria e’ quella che è’….. dice però anche che hanno una strategia per mettere a posto le cose. Ed il fatto che vogliano e prendano dei giocatori di prima scelta mi fa pensare bene perché gli ingaggi glie li devono pagare. Gilardino comunque pare svanito…… ora si parla di Borini. Sky dice che domattina c’è la firma con un contratto dal 2,5 milioni

    • 22 Gennaio 2015 in 22:16
      Permalink

      Grazie per la tua risposta Andrea, hai perfettamente riassunto quanto stavo pensando dopo aver letto certi commenti.

    • 22 Gennaio 2015 in 23:19
      Permalink

      Bravo Andrea, per me l unica notizia è la conferma che si tenta di arrivare a certi giocatori, stavolta non lo dice pedulla o di Marzio ma il nuovo presidente del Parma fc.
      Poi come fa a non esserci Taci che sarebbe colui che ha garantito, se non scelto, i primi acquisti?
      Anche l aspetto della situazione difficile non mi pare purtroppo una novità, lo sarà quando pagheranno 1 euro dei debiti “ereditati”.
      Io ribadisco la mia sensazione, taci è convinto di raggiungere la salvezza, se non ci riesce, la retrocessione rischierebbe di essere il male minore, anche se il nuovo presidente, parlando di progetto, pare aver voluto evidenziare il contrario.
      Ciò che secondo me è vergognoso è che la prima dichiarazione del presidente del Parma ce la dobbiamo far tradurre dall albanese su google

      • 23 Gennaio 2015 in 01:12
        Permalink

        Caro Gabriele, noi non siamo mediatici come la Roma che batte l’Empoli con un rigore inesistente o come il Napoli che supera l’Udinese solo ai calci di rigore, dopo aver beneficiato, nei tempi regolamentari, di due tiri dal dischetto assai generosi e di una espulsione che poteva anche non starci. Il fatto che il Parma abbia una nuova proprietà, un nuovo presidente e che, insomma, stia cercando di rifarsi il look, non è mediatico come i due episodi sopra citati. E’ l’Italia che funziona così: vince chi ce l’ha più grande…il bacino di utenza.

        • 23 Gennaio 2015 in 01:15
          Permalink

          Io a queste cose non voglio credere. Sarò ingenuo, ma mi preferisco così. Se fosse come dici tu sarebbe da stupidi buttare via tempo e denari per questa pasione

          • 23 Gennaio 2015 in 01:21
            Permalink

            Ok. Allora lasciamo perdere la mia fissa per cui in Italia hanno la meglio coloro che ce l’hanno più grande (il bacino di utenza); ma che le big impegnate negli ottavi di finale di Coppa Italia abbiano beneficiato tutte (tranne la Juventus, forse…e ci sarebbe anche mancato, vista la scarsa resistenza offerta dal Verona) di aiutoni, non aiutini, arbitrali, mi pare un dato di fatto, un qualcosa di oggettivo. Detto questo, resto convinto che a qualcuno la Coppa piaccia esattamente come ce la ritroveremo nei quarti di finale, fatta eccezione per il Parma che ha tutta l’aria di essersi imbucato ad una festa alla quale nessuno lo aveva invitato.

  • 22 Gennaio 2015 in 23:43
    Permalink

    The Return, lungi da me l’intenzione di continuare a sviare, del resto l’albanese non rientra tra le diverse lingue che parlo e di conseguenza mi devo affidare ai traduttori simultanei.
    Al di la della differenza tra disastrosa e difficile, termine quest’ultimo che potrebbe anche essere stato usato come un eufemismo, quello che mi ha colpito è che ne abbia parlato così apertamente nella prima intervista ufficiale da neopresidente.

    • 23 Gennaio 2015 in 00:07
      Permalink

      e che avrebbe dovuto dire? ha detto la verità. E’ una cosa cosi assurda che una volta tanto qualcuno dica la verità? I problemi ci sono e lo ha ammesso. Se avesse detto “tutto bene” immagino le polemiche, dato che sappiamo benissimo tutti come stanno le cose. La differenza tra disastroso e difficile non è che sia proprio piccola eh…Comunque se legge in giro trova l’intervista già tradotta in italiano su diversi siti

  • 23 Gennaio 2015 in 00:57
    Permalink

    di marzio sostiene che i 5 milioni siano già stati versati. ci ci capisce più niente?

    • 23 Gennaio 2015 in 01:02
      Permalink

      Un conto se sono stati versati nel conto corrente societario, un conto è se da lì sono usciti per ristorare i giocatori, cosa che a ieri non mi risultava avvenuta.

      Comunque la specialità di Di Marzio è il mercato…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 23 Gennaio 2015 in 01:44
        Permalink

        Tu adesso Majo puoi spiegare una volta per tutti davanti ai tuoi amici di questo sito amatoriale perché per una volta non puoi dare fiducia a questa proprietà? Nella vita non si può avere tutto e subito, è già tanto che qualcuno ci abbia comprato e si sia preso la briga di comprar qualcuno. Il mercato finisce il 2 febbraio, i colpi alla Leonardi arrivano sempre in dirittura d’arrivo. Chi non crede alla salvezza o al Parma che stia a casa dallo stadio ed eviti di fare l’ultras o il tifoso da tastiera. Vorrei sapere quanta gente che commenta quel sito qua tutte le domeniche sia in trasferta o al Tardini. Parmigiano che guardi sky in trasferta quando ci vai? Prima fatevi il culo per questa magli poi magari potrete commentare. Parma è proprio una città di merda. 16000 tessere del tifoso poi vai in 300 a Verona. Tutti che cantano Torino merda poi ti presenti a Torino in 100. Continuate pure a chiacchierare, ma quelli che si sbattono è che ci mettono la faccia sono sempre gli stessi, i Boys. Improvvisamente sono diventati tutti avvocati e contabili. Ma invece che fare i professionisti su questo mezzo sito, venite in curva a cantare per il Parma, di tutto il resto si faranno i conti dopo. Voglio vedere se retrocediamo quanta gente farà amcora l’abbonamento o verra allo stadio. Poi magari saliranno sul carro dei vincitori in caso di salvezza o di promozione. Svegliatevi gente che è ora.
        PS Majo, cambia mestiere che fare il “giornalista” non fa per te. Sai solo sparare merda sul Parma e su chi non la pensa come te, poi magari scappi quando la gente ti dice le cosucce in faccia.

          • 23 Gennaio 2015 in 01:53
            Permalink

            Nasconditi Majo, te e quel sito qua pieno di cazzate

          • 23 Gennaio 2015 in 01:56
            Permalink

            Un commento te l’ho passato, sebbene meritasse di finire nel cestino.

            Metto anche questo secondo che tanto ti qualifica per quello che sei.

            Da questo momento in poi sei bannato.

            PS: Io non mi sono mai nascosto, né mi nasconderò mai, egregio Nicola Pezzani che sai solo vomitare odio e calunnie. E con gente come te non perdo tempo a dialogare che è inutile.

        • 23 Gennaio 2015 in 08:20
          Permalink

          Nicola quante trasferte fai ?

          Quante ne ai fatte senza
          le Tessere?

          La trasferta più lunga ?

          Quante senza la SCORTA ?

          Poi prima di Offendere le Persone

          Bisogna conoscerle almeno !!!!

          La Calma è la virtù dei FORTI !!!

        • 23 Gennaio 2015 in 08:38
          Permalink

          Nicola, nascondi tu, e i tuoi compari del tifo organizzato, così come dovrebbero nascondersi tanti giornalisti di Parma, ma non certo Majo. Nascondetevi voi, che per anni avete adulato e difeso, ciecamente e irragionevolmente, spesso con atti intimidatori e repressivi, i signorotti che stavano facendo il male della nostra squadra. E tutto per cosa? Qualche cena, qualche favore personale, qualche assunzione e una tessera tutta vostra? Fate gli ultras ma siete solo dei servi, con l’atteggiamento da mafiosetti. Avete difeso chi, per anni, ha preso per il naso la nostra città, raccontandoci una marea di bugie, facendoci diventare una barzelletta calcistica, spingendoci fin quasi sull’orlo del fallimento. E adesso vi comportate allo stesso modo, incapaci di ascoltare qualsiasi analisi libera e non servile nei confronti del nuovo signorotto di turno, che seppur ancora indefinito, ha già chi è pronto a fargli da sbirro. (Non parliamo di pretoriani! che qui l’Antica Roma patrizia non c’entra proprio nulla, qui parliamo della plebe più infima, rozza e ignorante, insuperbita dal risentimento su cui ha edificato tutta la sua morale). Avete aggredito uno dei pochi giornalisti che non ha piegato la testa. Ma in questo siete stati coerenti: i servi, così come gli sbirri, odiano chi è libero. Se vuoi fare l’ultras fallo, ma vallo a fare con i reggiani e gli juventini, non con chi scrive la verità; altrimenti sei solo un balordo da quattro soldi.
          Alterigia nei vostri scritti, nei vostri pensieri, nelle vostre azioni. Quando la realtà è così diversa e misera. Non valete un cazzo, renditene conto.

          • 23 Gennaio 2015 in 09:05
            Permalink

            grazie mille per queste parole.
            cordialmente
            gmajo

          • 23 Gennaio 2015 in 11:19
            Permalink

            studio tecnico sarà il secondo profilo di majo. Te ti fai a spese tue mille km di trasferta? Te canti allo stadio? Te ci sei sempre al tardini?
            Cretè

          • 23 Gennaio 2015 in 12:58
            Permalink

            Studio tecnico non è il mio secondo profilo. E per quanto concerne i canti e le presenze ognuno farà pure quel che vuole nella vita? Ciò non toglie che uno possa scrivere possibilmente evitando di offendere gli altri come fai tu o come fa lo splendido Nicola. Il quale ha anche il coraggio di dire che io sono arrogante con chi non la pensa come me. Quello, semmai, lo è lui e la gente come lui o che lui rappresenta, che appunto vogliono il pensiero unico. Io sono una persona garbata, moderata e a modo: quando attacco qualcuno è per difesa, dopo che sono stato attaccato io e in quel caso, per meglio farmi capire, mi adatto al linguaggio che più percepiscono. E poi fanno gli offesi. A me piace confrontarmi con chi la pensa diversamente da me poiché penso che il dialogo arricchisca. Ma bisogna anche saper dialogare. Cosa che il signor Nicola e i suoi amici non sanno assolutamente fare come dimostra il commento di stanotte.
            E questa cultura del sospetto che non mi appartiene la lascio a lei e ai suoi simili. Io non ho bisogno di nascondermi dietro nick name o nome de plume; quel che devo dire lo dico sempre e in faccia e non sono mai scappato dinnanzi a nessuno, neppure alle buffe imitazioni di ultras.
            Saluti
            Gmajo

    • 23 Gennaio 2015 in 02:04
      Permalink

      Questa è la trascrizione, da Parma Live, di quanto asserito da Di Marzio in proposito:

      Gianluca Di Marzio, ha parlato della situazione del Parma durante lo speciale Calciomercato serale di Sky, rassicurando i tifosi circa la bontà del progetto di Taçi: “Una parte dei soldi necessari sono stati versati per stipendi e mercato, altrimenti difficilmente sarebbero arrivati giocatori come Rodriguez, Nocerino e Varela, non senza garanzie. La volontà di Taçi è fare un Parma importante, anche se non è facile convincere i giocatori a scegliere l’ultima in classifica”.

      Secondo me Di Marzio, per come leggo sopra, non ha attestato che i soldi siano stati versati (del resto non abbiamo avuto riscontri in merito da chi sta attendendo da cinque mesi di ricevere lo stipendio), ma ha fatto una deduzione: cioè secondo lui non sarebbero arrivati Rodriguez, Nocerino e Varela senza garanzie. In realtà, per Cipolla e Varenne le garanzie sono state messe personalmente da Taci, Nocerino avrebbe seguito, come ha detto in conf.stampa, Leonardi anche in Uzbekistan, ma che siano stati presi questi tre non significa affatto, come erroneamente sostiene il Re del Mercato, che i soldi degli arretrati siano stati pagati.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 23 Gennaio 2015 in 10:23
    Permalink

    Ma il gioielliere di piacenza doka che fine a fatto?

    HAHAHA

  • 23 Gennaio 2015 in 10:32
    Permalink

    Una domanda direttore, ma l’intervista alla Tv Albanese e’ stata fatta a Collecchio? perché un conto e’,visto che si è deciso di non rilasciare dichiarazioni concedere una intervista alla Tv del tuo paese che magari ti assilla sotto casa,giusto per liberartene un conto e ‘ farli venire in Italia per una esclusiva .Se così è .lo trovo sgradevole e irriguardoso non solo verso la stampa locale , ma nei confronti della tifoseria unica entità che ha diritto e interesse a conoscere le sorti della propria squadra senza dover affidarsi ad improbabili traduttori automatici.Buccia di banana…..

    • 23 Gennaio 2015 in 10:34
      Permalink

      Giusta considerazione. Capisco il disagio per la lingua (motivo per cui è stato gentilmente declinato l’invito a presenziare all’inferno di Calcio & Calcio) ma un interprete penso che possano anche permetterselo… Insomma: meglio sarebbe stata una conferenza collettiva.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 23 Gennaio 2015 in 12:10
    Permalink

    majo una domanda..ma perchè nessuno chiede a kodra e taci come intendono muoversi in caso di b? spero la loro idea sia “ok proviamo a stare in A con questi acquisti..male che vada prossimo anno non scappiamo ma si fa una buona squadra per risalire”….spero che qualche giornalista faccia finalmente questa domanda!!

    • 23 Gennaio 2015 in 12:25
      Permalink

      Perché nessuno chiede a Kodra o a Taci il piano per la B? Forse qualcuno ha intervistato o fatto conferenze con Taci e/o Kodra?

  • 23 Gennaio 2015 in 12:27
    Permalink

    si, la tv albanese o sky! anche all’avv giordano il giorno della presentazione si poteva chiedere..ma nessuno l’ha fatto!era piu interessante sapere come si scrive dastraso…dastrosa…

    • 23 Gennaio 2015 in 12:37
      Permalink

      A parte che l’avv Giordano aveva promesso la A, e a parte che, teoricamente la nuova proprietà si sta impegnando al mercato per il mantenimento in A della squadra, nonostante il ritardo e il fatto che non risultino saldate le vecchie pendenze, era importante sapere come si chiamava la nuova proprietà per fare le opportune ricerche.
      Saluti
      Gmajo

  • 23 Gennaio 2015 in 12:53
    Permalink

    Ciao Mayo
    a proposito di opportune ricerche…
    Ho aperto google, ho inserito il nome e cognome (per esteso) di Manci ed il terzo risultato della prima pagina è un link in ci sono scritte le stesse cose che ho letto nel tuo articolo.

  • 23 Gennaio 2015 in 12:56
    Permalink

    ultima di di marzio: lisandro lopez!!! seee magara!!

  • 23 Gennaio 2015 in 16:30
    Permalink

    Vedo che la canea dei denigratori, dei calunniatori e dei professionisti del dileggio e della bestemmia si sta accanendo contro questo bel giornale ed il suo direttore.

    A tutti questi personaggi dico : bravi continuate così che sicuramente fate ciò che di peggio si possa fare contro il Parma !

    Al nostro Dr. Majo dico , invece, di tirare dritto e di continuare con la solita professionalità a dire ciò che pensa INDIPENDENTEMENTE dalle reazioni inconsulte , talora, canagliesche di certi professionisti della menzogna.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI