L’OPINIONE DI MAJO DOPO PARMA-FIORENTINA 1-0: “IL RITORNO ALLA VITTORIA NEL GIORNO DELLA STRAVAGANTE E ROMANTICA EPIFANIA DI REZART TACI CHE PERO’, ORA, DEVE CACCIARE IL DENARO”

(gmajo) – E così l’osservante Rezart Taci ha scelto di manifestarsi al Tardini proprio nel giorno dell’Epifania (ἐπιφάνεια) il 6 gennaio, spiazzando un po’ tutti, io per per primo che proprio a mezzogiorno, accertatomi che non fosse stato a fare una capatina a Collecchio approfittando del soggiorno italiano, avevo tassativamente escluso che nel pomeriggio sarebbe stato all’Ennio, anche forte del ragionamento che prima di apparire pubblicamente avrebbe preferito sistemare le cosucce, leggi corrispondere le famose cinque mensilità arretrate a giocatori-dirigenti-tecnici che è il modo più immediato e concreto – direi ancor più del mercato – per dimostrare la serietà del suo progetto a chi, tipo me, è sempre piuttosto frigido e diffidente. E’ chiaro che il mio approccio è un po’ diverso rispetto a quello del tifoso che ci mette un nano-secondo a passare dalla depressione (timore del derby col San Secondo) alla euforia (tra tre anni giocare la Champions) e che trova di che esaltarsi per la stravagante, romantica a aggiungerei pure un po’ imagebohemian prima volta del petroliere al Tardini, il quale, indubbiamente, ha portato bene, visto che dopo due mesi il Parma è tornato al successo, aggiungendo tre importantissimi punti alla sua classifica, alimentando le speranze di vittoria. Probabilmente i giocatori non sapevano che sugli spalti (spalti propriamente detti, non nel senso di quelle comode poltroncine magari pure riscaldate dove ha preferito appoggiare le natiche l’avvocato Fabio Giordano, anche ieri accompagnato dal papino) c’era il nuovo padrone, mimetizzatosi tra alcuni suoi connazionali, uno dei quali avrebbe acquistato il biglietto poi girato a lui attraverso il meccanismo della delega (penso che in biglietteria si sarebbero allertati qualora avessero letto il nome Rezart Taci prima di emettere il ticket…), però il messaggio che gli hanno inconsapevolmente mandato è stato chiaro: con questa vittoria non ci sono scuse per non intervenire sul mercato. La classifica, pur sempre drammatica – anche al lume della famosa penalizzazione pendente – lascia più di una speranza per la “mission impossible”, dunque, adesso, non ci si può sottrarre al potenziamento tecnico della rosa. E’ chiaro che per andare a far spesa al mercato serve che la carta di credito di Leonardi sia “carica”, se non ci si vuole accontentare di prodotti da discount, poco idonei al cammino da “andiamocela a riprendere” indispensabile per andarci a riprendere la serie A, quasi gettata alle ortiche con una prima parte di imagestagione da incubo. C’è qualche maligno che insinua che il buon Rezart non si sarebbe fatto immortalare in caso di sconfitta, andandosene alla chetichella così come alla chetichella era arrivato: io non ne sono così convinto. I tifosi che ieri lo hanno immortalato penso che comunque gli avrebbero chiesto di posare o almeno domandato se era effettivamente lui, anche in caso di diverso risultato, così come – pur incredibile che sia questa fiaba – non penso che la carrambata fosse imagestata orchestrata a tavolino, anche se quando c’è di mezzo quel diavolo di Leonardi tutto è possibile (coloro che pensano che la GdP lo sapesse in anticipo, per via del pezzo di ieri che preannunciava l’Epifania di Taci, penso siano in fallo, giacché, se fossero stati sicuri, non si sarebbero serviti oggi delle semplici foto di un tifoso, che non ha avuto il pensiero di poterci lucrare su regalando la preziosa immagine a destra e a manca, ma avrebbero spedito i propri professionisti; io, inoltre, avrei anche evitato di cantar vittoria con il noi l’avevamo detto: sarebbe assai grave non aver organizzato un adeguato servizio a fronte di una imbeccata sicura. E mi fa un po’ riflettere vedere sparati in locandina virgolettati attribuiti a Taci, ascoltati, però, solo dai tifosi e non direttamente dai propri giornalisti, stesso discorso, però, per la conversazione che la penna aurea-rosa ha trascritto per interposta persona sulla GdS). Ieri, però, quando il Plenipotenziario mi ha spiegato al telefono che imageera una sorpresa anche per lui mi è parso che in effetti fosse a propria volta stupito per la curiosa situazione. Al telefono mi ha risposto subito dopo aver fatto da chauffeur, o meglio da tassinaro, al petroliere e alla affascinante signora bionda che lo accompagnava. Le verifiche che ho fatto oggi – e sulla bontà dei miei talponi ci sono anni di dritte azzeccate e non di polpette avvelenate – mi portano ad escludere che in un leonardi-majoqualche modo ci fosse la consapevolezza in società della presenza di ieri di Taci in TCE: poi il perché abbia preferito un settore popolare semmai ce lo racconterà in prima persona, quando, ovviamente, lo riterrà opportuno. Tutto questo, però, è colore: prima serve la sostanza, vale a dire che ci mostri di colore sono i suoi verdoni. Quello dei soldi non deve diventare un tormentone, scriveva ieri sera, nello spazio commenti, il nostro lettore Lillo, io, però, resto dell’idea che sia una discriminante assai importante. Finora, infatti, il tanto vituperato Ghirardi (vituperato dallo stesso Lillo) è quello che ha provveduto a tirar fuori gli ultimi soldi spesi, i primi della nuova proprietà debbono ancora esser visti. Dicevo della priorità: le cinque mensilità arretrate dei giocatori, da saldarsi possibilmente – così come da manifesto delle buone intenzioni – con un mese di anticipo rispetto alla “obbligatorietà” del 15 febbraio; e il mercato, poiché c’è la consapevolezza, anche nella dirigenza, che senza gli opportuni correttivi resterà comunque difficile dare continuità al risultato positivo di ieri. E per salvarsi si tratta di inanellare una continuità che duri nel tempo e, d’accordo che Eupalla è tornata a sorriderci, ma non sempre ci potrà andare bene come è andata bene ieri con la Viola. Prima di proseguire con il ragionamento sportivo, desidero, però, chiudere quello relativo alle questioni societarie: tra le priorità andrebbero inseriti anche i fornitori, anche se ho molti dubbi che nella provvista eternamente in arrivo, e fino a stamani non ancora arrivata, ci possa esser spazio anche per loro, al di là di chi ha presentato la famosa istanza di fallimento oggetto della udienza del prossimo 28 gennaio: si tratterebbe di una cosuccia da 30.000 euro (riguardanti il settore giovanile) che mi dicono già esser stata saldata anche se la ratifica avverrà solo dinnanzi il Giudice fallimentare, con tutte le prassi correlate. Ieri, dicevo, Eupalla è tornata a sorridere al Parma: l’argomento l’ho accennato anche nella video intervista di ieri a Pietro Razzini e con molta onestà lo stesso Donadoni lo ha ammesso in conferenza stampa. Lo scorso campionato, quando tiravo a mano la fortuna, c’era chi si offendeva e lo prendeva come lesa imagemaestà della bravura dei nostri portacolori: non penso di bestemmiare, però, nel dire che fino a fine 2014 una gara come quella di ieri l’avremmo persa o perlomeno non vinta. Gli episodi, infatti, sono girati tutti a favore del Parma, senza nulla togliere alle capacità manifestate da qualcuno, Mirante, prima di tutti, che ha ipnotizzato Gomez (forse Gomez da qualche tempo si è ipnotizzato da solo) dal dischetto, e neutralizzato altre occasioni. Insomma, la buona notizia è che il vento pare esser cambiato, giacché la prestazione di per sé non è che abbia entusiasmato. Certifica Paolo Grossi sulla GdP: “Ma in questa stagione il Parma aveva giocato così poco: 341 palle, con 15 minuti di superiorità numerica. A Torino contro la Juve, per intenderci, erano state 420 ed era finita 7-0”. E poi ancora: “Sinceramente non si sono intravisti grandi segnali di miglioramento del Parma”. In effetti la sensazione che si potesse capitolare – al di là della giornata nera degli avversari – è rimasta anche con la superiorità numerica, così schiacciati nella propria metà campo, pericolosamente a ridosso dell’area. In altre circostanze, quando Eupalla faceva l’offesa, in tali frangenti un qualche episodio ci avrebbe punito, invece, con grande scorno di Pizarro, ai nostri è bastato concludere una sola volta verso la rete altrui (con l’ottimo Costa) per portarsi a casa i tre punti. Ma come dice la saggezza popolare – e Donadoni ci è parso d’accordo – la fortuna aiuta gli audaci, e anche il severo Grossi (amante del bel calcio e quindi insoddisfatto dello spettacolo) non ha potuto che rimarcare: “le note più confortanti sono state la voglia di non mollare sia pure in evidente inferiorità e i risvegli di Mirante e Lodi”. Il titolista della Gazza ha urlato: “Finalmente una vittoria strappata coi denti”. In effetti il Parma di ieri è parso assai operaio, direi a immagine e somiglianza di Andi Lila. Grossi, obietta: “All’intervallo il gol di vantaggio non si può certo definire meritato. ha giocato solo la Fiorentina, il Parma ha pensato a difendersi e non lo ha neppure fatto bene”. E, poi, dopo il fischio finale, incontentabile: “Ora la classifica è un po’ meno brutta di prima, ma per salvarsi ci vuole altro. Va bene questo spirito, bisogna aggiungerci un tono fisico che ora non c’è e soprattutto una cifra tecnica che al momento non sembra adeguata alla categoria”. Io, sul discorso della cifra tecnica, non sono così d’accordo con la prima firma calcistica del foglio locale: per me il Parma era sufficientemente attrezzato per la modesta serie A italiana anche prima di eventuali ritocchi del mercato, che diventano indispensabili adesso visto il rendimento ben sotto le aspettative che c’è stato. Semmai è il discorso della mentalità, della vis agonistica, del lottare col coltello tra i denti (tutte cose che con la cifra tecnica c’entrano fino lì) che finora era mancato. Al di là dei fini dicitori, serve gente concreta e umile e, come ribadito dallo stesso Donadoni, non con la pancia piena, ma che capisca bene dove arriva e cosa lo aspetta. Penso che di questi tempi non sia il “calcio propositivo” la medicina giusta e ben venga catenaccio e contropiede, senza vergognarsi di scaraventare palla in tribuna anziché giocarla di fino (come qualcuno ha provato anche ieri). Per riuscirci, però, serve maggiore sicurezza di quella finora dimostrata e anche se con Eupalla si è a credito non contare solo suoi favori. Del Parma operaio sono tutt’altro che scandalizzato: mi piacerebbe continuasse ad esserlo, però con meno patemi d’animo.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

103 pensieri riguardo “L’OPINIONE DI MAJO DOPO PARMA-FIORENTINA 1-0: “IL RITORNO ALLA VITTORIA NEL GIORNO DELLA STRAVAGANTE E ROMANTICA EPIFANIA DI REZART TACI CHE PERO’, ORA, DEVE CACCIARE IL DENARO”

  • 7 Gennaio 2015 in 13:16
    Permalink

    una sventola cosi’ erano anni che non si vedeva nei distinti.
    per il resto siamo come diceva l’ungaretti ,checche’ se ne dica.
    il Leo intanto e’ stato declassato ad autista capo 😀
    gli tocchera’ prendere la patente D per guidare il torpedone reggiano …..a proposito Costa uno di noi,mi scuso con suo padre per tutte le volte che ci saremo offesi al Mirabello 🙂

  • 7 Gennaio 2015 in 13:32
    Permalink

    È incredibile e triste il livello della serie A, dopo 4 mesi da film horror il Parma non sarebbe ultimo…cioè il Cesena ha fatto peggio…

    • 7 Gennaio 2015 in 13:46
      Permalink

      Apposta che ci si può (e deve) provare: andiamocela a riprendere! (la serie A…)

      • 7 Gennaio 2015 in 14:34
        Permalink

        GRANDE GABRIELE!!! CREDIAMOCI….FINO ALLA FINE….RIMANENDO UMILI E LOTTANDO PARTITA DOPO PARTITA!!!

      • 7 Gennaio 2015 in 18:21
        Permalink

        il Cesena, inoltre, ha vinto 1 sola partita…..contro il Parma

      • 7 Gennaio 2015 in 20:02
        Permalink

        Sono più che d’accordo!!! Adesso abbiamo un obbiettivo e chi l’ha comprata potrà risfoderare la maglietta blu “andiamocela a riprendere”

  • 7 Gennaio 2015 in 14:15
    Permalink

    Complimenti Majo per la citazione in greco. Lei conosce anche l’albanese o il russo (almeno i rudimenti)?

      • 7 Gennaio 2015 in 18:06
        Permalink

        Su questo abbiamo pochi dubbi

      • 8 Gennaio 2015 in 07:56
        Permalink

        No caro majo non l assumeranno lei e’corso dietro alla ruota sbagliata energy t group quanta pubblicita’, citazioni, speranze, strategie esplicate a noi…………..quello che guadagnano lo mettono nel parma azionariato popolare………si alle caymanpero’per la caymese

        • 8 Gennaio 2015 in 08:55
          Permalink

          La mia era solo una battuta, ma non credo proprio che possa essere determinante per un mio ritorno una valutazione giornalistica sbagliata.
          A parte che solo chi fa sbaglia, io, per quanto riguarda l’esempio che lei ha citato, non ho proprio cavalcato nulla. Ho solo cercato di capire il senso di una operazione e di spiegarlo, a mia volta, ai lettori. E di questo vado orgoglioso, poiché altri, con maggiori possibilità delle mie (io pago per scrivere, altri sono pahati), si sono limitati al compitino di riportare la conferenza senza sforzarsi di capire il senso dell’arrivo su questo territorio di quella società. Se io ho dedicato una lunghissima serie di articoli ad energy era, come al solito, per cercare di andare oltre e non accontentarmi. Comunque non sono stato certo io a portare energy al parma calcio. E mi pare che uno degli attori principali del loro sbarco sia tuttora nella gerenza del nuovo Parma.
          Ci sono mille motivi ostativi a un mio eventuale ritorno (a partire dal fatto che non smanio) ma gli approfondimenti dedicati ad energy giusti o sbagliati che fossero e pei quali mi dovrebbe ringraziare, non penso proprio che potrebbero inficiare la valutazione.
          E comunque, nonostante quel che ho scrigtto su energy, vedo che lei mi segue con assiduità e di questo la ringrazio…
          Cordialmente
          Gmajo

  • 7 Gennaio 2015 in 14:15
    Permalink

    Portaci portaci portaci la gnocca Rezart Taci portaci la gnocca!!!

      • 7 Gennaio 2015 in 18:06
        Permalink

        Majo non faccia lo sporcaccione

  • 7 Gennaio 2015 in 16:45
    Permalink

    ma siccome ci servirebbe un esterno ( oltre ad una punta di vero spessore che …..non credo accetterà mai di venire a parma) riesumare schelotto no?…giocatore che conosce l ambiente,sa calarsi in una realtà sangue e arena che occorre ora….e ha caratteristiche simili a byabiani e fa qualche gol ( come corsa e atleticità ,…)tanto per dire ..è percaso nella lista della spesa ???

    • 7 Gennaio 2015 in 17:55
      Permalink

      Non mi pare, ma come dice l’amabile Gustavo, sul mercato non ho buone fonti. R se lo dice lui…
      Cordialmente
      Gmajo

      • 7 Gennaio 2015 in 18:07
        Permalink

        Majo, non faccia il permalosone

    • 7 Gennaio 2015 in 22:40
      Permalink

      ParmaLive dice che la Fiorentina si è ritirata dalla corsa a Gilardino… Adesso che Taci è apparso magari riusciamo a prenderlo… Specie se faranno la loro epifania anche i dobloni…

  • 7 Gennaio 2015 in 16:56
    Permalink

    mi sa che questa settimana succedera’ poco,andiamo a verona coi soliti noti,vediamo di non giocare a porta romana che mica e’ sempre domenica (infatti era martedi’)
    rientrano galloppa e forse Lila sara’ disponibile,loro senza alfredson e moras approfittiamone porca puttana !

  • 7 Gennaio 2015 in 17:33
    Permalink

    Sicuramente nella vittoria di ieri c’è stata anche buona sorte, era ora e non voglio negare la cosa però stavolta l’analisi di Grossi mi è parsa molto severa, la squadra di ieri non aveva i mezzi per giocarsela alla pari ed il vantaggio iniziale ha favorito ancor di più un atteggiamento più attendista. Se poi penso che a al mister viene spesso rimproverato uno sterile possesso palla mi meraviglio ancora di più. Forse lo spirito di sacrificio e la disciplina tattica dimostrata dalla squadra meritavano due parole positive.
    Taci ha portato fortuna e la presenza allo stadio aggiunge un elemento positivo, speriamo che quelli negativi più volte rimarcati vengano spazzati via nei prossimi giorni perchè è fondamentale pagare i dipendenti ed è molto importante rinforzare la squadra.
    Tutti a Verona che a preparare la serie b facciamo sempre in tempo

    • 7 Gennaio 2015 in 17:49
      Permalink

      Sulla severità di grossi convengo con te: infatti l’ho rimarcato nell’opinione. Onestamente non so però se una squadra propositiva nel suo dna possa dare il massimo con contropiede e catenaccio indispensabili per salvarsi. Poi i contropiede andrebbero saputi fare e non capisco chi ieri in sala stampa ha tessuto le lodi di bidaoui che andava biasimato per il suo egoismo anche se poi si è fatto perdonare.
      Con il risultato di ieri i giocatori hanno messo la proprietà con le spalle al muro, ora non ci sono scuse per non provarci.
      Ora che la componente sportiva ha iniziato a funzionare, voglia DIo sia un nuovo inizio, deve iniziare anche la macchina societaria. Va bene la bohemiana entrata in scena di taci, però adesso con serietà si provveda a sistemare le pendenze e a programmare qualcosa.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 7 Gennaio 2015 in 19:21
        Permalink

        Per decifrare il dna della rosa attuale ci vorrebbero Watson e Crick 🙂

  • 7 Gennaio 2015 in 18:13
    Permalink

    L’unica speranza di salvarsi è che la quota salvezza sia molto bassa…
    avendo in pratica 7 punti..dobbiamo vincerne almeno 9 e fare 3 pareggi contando che mancano 21 partite…dobbiamo fare benissimo almeno la metà di queste…
    dando per spacciate Cagliari e Cesena ce la giochiamo con Empoli e Torino e magari se si vince domenica anche Verona

    • 7 Gennaio 2015 in 18:58
      Permalink

      negli ultimi 2 campionati con 33 punti eri salvo.

      • 7 Gennaio 2015 in 20:28
        Permalink

        l’atalanta se tiene questa media (che e’ l’unico parametro su cui si puo’ ragionare)ne fa almeno 36

        • 7 Gennaio 2015 in 22:01
          Permalink

          Bisognerebbe controllare anche il trend… Comunque la classifica ponderata dice che la sfida a tre vede sempre noi il Torino e il Verona… che barba, che noia…

  • 7 Gennaio 2015 in 19:11
    Permalink

    entro fine mese ce ne tirano via almeno 2 sono il regalo della nuova proprieta’ per il momento, 7 gennaio 2014 ore 19 checche’ se ne dica,per due biglietti nei distinti mi sembrano carucci.

    • 7 Gennaio 2015 in 19:23
      Permalink

      Sul discorso dei due punti di penalizzazione non bisogna addossare le colpe (solo) ai nuovi arrivati: doveva esser la vecchia proprietà a cautelarsi per evitare sorprese, anche se quel colpo basso alla fine costa caro a tutti e per tutti è un boomerang. Per me quella era stata la mossa decisiva per far sì che il Ghiro addivenisse a più miti consigli e anziché tener alte le carte la cedesse in pratica a costo zero, come ritengo possa esser avvenuto dopo. Quella mossa, che indubbiamente ai Taci & C. ha fatto risparmiare qualche lek, si è però tradotta in quella pendenza. Sperando che nel frattempo il “minimo” due punti non aumentino per via della “recidività”: per questo sarebbe auspicabile che nell’imminente dibattimento possa venir tolto.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 7 Gennaio 2015 in 20:08
        Permalink

        piaciuto il trappolone ? per cianobatteri ?

        🙂

    • 7 Gennaio 2015 in 19:43
      Permalink

      Imbambi che c’entra la nuova proprietà’?

      • 7 Gennaio 2015 in 19:53
        Permalink

        chiedilo a quell’imbambito che c’era prima che lo ha detto lui,sei perspicace come un ameba della dissenteria e hai un livello cognitivo di uno stromatolite

        • 7 Gennaio 2015 in 19:53
          Permalink

          alla fine della licenza io tocco !

          cula’

          • 7 Gennaio 2015 in 22:11
            Permalink

            Povret Assio…gnaca un Nobel della Psichiatria al pol fer quel par ti.
            Prova ander a Medjugorie chisà….

  • 7 Gennaio 2015 in 19:18
    Permalink

    Io sono molto interessato a sapere se Leonardi (con i consigli tecnici di Donadoni) voglia prendere degli esterni offensivi (tipo Schelotto,Giaccherini , gente cosi) oppure provare una prima punta ‘classica’ tipo Borriello o Gilardino.

    Secondo me Donadoni vorrebbe tornare al vecchio caro 4-3-3, tra le righe nelle interviste ha spesso rimarcato il fatto che Cassano rende meglio quando ha 2 esterni capaci di attaccare la profondità…però forse sono più difficili da reperire.

    • 7 Gennaio 2015 in 19:30
      Permalink

      In fin dei conti si è virato sul 3 5 2 per via della emergenza. Chiaro che il 4 3 3 senza esterni rende meno di per sé al di là di Cassano…

      sul mercato, però, bisogna chiedere a gustavo che pensavo di inserire in squadra al fianco del mercatologo perché lui è uno che ha un sacco di agganci e ci può aiutare…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 7 Gennaio 2015 in 19:43
        Permalink

        Majo, io non faccio il giornalista o l’operatore di mercato, come lei e il celebre “mercatologo”. Però sono capace anche io di leggere i siti di mercato e inventarmi un articolo. Poi so che lei i suoi collaboratori li paga profumatamente…

        • 7 Gennaio 2015 in 19:48
          Permalink

          No, caro, io non pretendo che mi paghino per lo spazio che metto a disposizione (e la mia esperienza a loro servizio), ma loro, gli autori, non debbono pretendere mercede da me (e manco la tipo). Anche perché è già anche troppo che riesca a tener in piedi la baracca con entrate insufficienti per il sostentamento del sito e pure mio personale, giacché sarebbe la mia unica occupazione, peccato, però, che non ne ricavi un reddito…

          Cordialmente

          Gmajo

          • 7 Gennaio 2015 in 19:59
            Permalink

            Mercede e la Tipo è ottima, bravo Majo.
            Non si preoccupi per i soldi, l’importante è la salute e trovare una moglie sufficientemente ricca.

  • 7 Gennaio 2015 in 19:25
    Permalink

    Majo che cosa pensa di Schianchi come persona e come giornalista?

    • 7 Gennaio 2015 in 19:39
      Permalink

      Quando ho scritto che dice tutto e il contrario di tutto nella stessa trasmissione lei mi ha invitato a portargli rispetto, e ora mi pone questa domanda? Me la cavo con una battuta alla “assioma”: mi avvalgo della facoltà di non rispondere, perché me lo ha suggerito l’avvocato Malvisi…

      • 7 Gennaio 2015 in 19:56
        Permalink

        che poi si fa la villa a montecarlo per difenderci 🙂

        • 7 Gennaio 2015 in 22:09
          Permalink

          Oltre a tutti quei vestiti di gran classe sartoriali che sfoggia (anche se sua moglie preferisce il mio look…)

  • 7 Gennaio 2015 in 19:41
    Permalink

    Questo come giornalista. E come persona?

    • 7 Gennaio 2015 in 19:51
      Permalink

      Ma debbo esprimere anche dei giudizi morali?

      Comunque, fuori dal personaggio che si è costruito, non è neppure così malvagio o antipatico…

      Io, però, nella sua posizione, cercherei di dettare un po’ di più la linea, perché non è un ragazzino di primo pelo con la paura che se sgarra gli tolgono l’accredito, e non scrive su un blog amatoriale ma sulla GdS…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 7 Gennaio 2015 in 20:02
        Permalink

        Beh, mi è sembrato tutt’altro che intimorito nella famosa conferenza stampa. Comunque grazie dell’opinione.

        • 7 Gennaio 2015 in 22:07
          Permalink

          Prego.

          Comunque fare il capopopolo in quella occasione era semplice… Anziché schiaffoni, quella volta, ha preso applausi, ma sempre mani che si muovono sono…

          Penso sarebbe stato meglio cercare di fare il cane da guardia prima, anziché abbaiare preventivamente a questi, per poi venirci a raccontare che lui sapeva tutto, ma voleva solo far saltar fuori Taci…

          Comunque sono dieci anni che non mi convince l’aureoroseo: e anche l’altra volta c’erano dei russi di mezzo, quelli della Nafta Moska di cui giurava di avere i numeri sul taccuino…

          Cordialmente

          Gmajo

  • 7 Gennaio 2015 in 19:43
    Permalink

    Dobbiamo spendere tutte le risorse economiche e mentali per 1-2 punte…dalla cintola in giù se rimaniamo concentrati abbiamo una difesa da metà classifica…molto dipenderà da chi parte, e purtroppo l’unico che ha mercato importante è Jose.
    La cosa più importante comunque è che il Ghana vada il più avanti possibile e che Acquah rimanga a far dei danni sulla panchina del Ghana….
    Io penso che la società aspetterà Verona, in base al risultato dipenderà il mercato di gennaio, se si vince c’è un 10% di speranza altrimenti penso sia finita…

    • 7 Gennaio 2015 in 19:53
      Permalink

      Basta un puntarello a Verona visto come vanno le altre in attesa dei sospirati rinforzi

      • 7 Gennaio 2015 in 22:10
        Permalink

        Non mi trovo d’accordo, dottor Frank. A Verona bisogna andare per vincere, magari facendo un altro furto con la mascherina. Col punticino non si fa nulla. Ne servono tre per dare continuità. magari, anche per sferrare un colpo a una diretta concorrente (giacché secondo la classifica ponderata sono più vicini loro e il Toro che non l’Atalanta come dice la classifica reale)…

        Cordialmente

        Gmajo

        • 7 Gennaio 2015 in 22:15
          Permalink

          Vero ma fare goal senza attacco è un bel problema e Costa segna ogni tanto 🙂

  • 7 Gennaio 2015 in 20:32
    Permalink

    mettiamola cosi’ ,allora bisogna farne tre perche’ sara’ come farne uno,quindi leviamoci sti due punti prima possibile che a fine gennaio voglio ragionare con una classifica “netta”

    • 7 Gennaio 2015 in 22:00
      Permalink

      Sempre ammesso siano solo due. Poi ci sono quei pessimisti (che gente…) che pensano che a febbraio non pagheranno (tipo quell’eretico blasfemo di Simone che dovrebbe fare la fine della striga…) gli stipendi: pensa te che casino sarebbe…

      • 8 Gennaio 2015 in 00:01
        Permalink

        Lei godrebbe, vero Majo, che scoppiasse un bel casino senza pagamento degli stipendi? Gode a vedere il Parma nei guai, per poter recitare la parte di quello che la sa lunga, eh? Mi chiedo sempre però che ne sarebbe di questo sito coi crociati tra i dilettanti.

        • 8 Gennaio 2015 in 00:06
          Permalink

          E perché dovrei essere così masochista?

          A parte che non ho bisogno di recitare parti perché mi basta esser me stesso, caro ruf

          Cordialmente

          Gmajo

    • 7 Gennaio 2015 in 22:02
      Permalink

      Di solito nel girone di ritorno c’è sempre una squadra che crolla e una che rimonta. Quella che rimonta potremmo essere noi,quella che crolla il Verona l’Atalanta o sognando il TORINO!!

      • 7 Gennaio 2015 in 22:15
        Permalink

        Ma lasciali stare quei poveri granata… Che ti hanno fatto? O siamo ancora qui con il gombloddo?

      • 8 Gennaio 2015 in 10:37
        Permalink

        EMPOLI

  • 7 Gennaio 2015 in 20:32
    Permalink

    Ma perché continuate a dire che le altre vanno male???
    Gireranno tutte oltre i 20 punti a parte noi Cesena e Cagliari…il problema è che siamo solo in 3….
    Dobbiamo sperare in un tracollo dei nostri cugini empolesi o del Verona….
    Speriamo che il Cesena non molli e cerchi di rubare punti alle altre pericolanti….
    Se penso che il Palermo ha 25 punti…unbeliveble…

    • 7 Gennaio 2015 in 21:04
      Permalink

      ahahah ,Siamo rimasti in tre
      tre briganti e tre somari
      sulla strada longa longa
      di Girgenti………(domenico modugno)

      • 7 Gennaio 2015 in 22:20
        Permalink

        Tre briganti: Majo, Schianchi, Angella
        Tre somari: Assioma, Ghiro,Berta
        Hiha,Hiha,Hiha

        • 7 Gennaio 2015 in 22:28
          Permalink

          Doctor Spock non vorrei dire, ma tra i briganti c’è un intruso, o due… E tra i somari non vedo ammiragli…

          • 7 Gennaio 2015 in 22:52
            Permalink

            L’Ammiraglio vi aspetta a Girgenti in snocioni

          • 7 Gennaio 2015 in 23:00
            Permalink

            In snocioni andremo tutti a Fontanlè. Anzi, non i snocioni, perché io li avrò già provati per il supplizio sui ceci (magari ascoltando gian carlo ceci)…

          • 8 Gennaio 2015 in 06:24
            Permalink

            Anche quello e’ un bel supplizio: 5 ore ininterrotte di GC Ceci

        • 8 Gennaio 2015 in 13:59
          Permalink

          spock teletrasportami STO CAZZO !
          (cit alberto sordi)

          ahahahahah

    • 7 Gennaio 2015 in 21:59
      Permalink

      Tutto è possibile… Andiamocela a riprendere (la serie A, poi magari tramite la coppa Italia, chissà…)

  • 7 Gennaio 2015 in 20:39
    Permalink

    Per adesso solite certezze zero soldi zero acquisti e zero idee. Questo e’ il parma di taci….. Anche il 7 gennaio si è’ concluso ma il bonifico lo faranno domani ah ah ah poveri illusi…. Ci aspettano altri 3 punti di penalizzazione e i campi di periferia…..

    • 7 Gennaio 2015 in 21:00
      Permalink

      e che te devo di’, per adesso e’ cosi’ simone,io al contrario di qualche picaia che scrive qui dentro ho l’intelligenza per capire quanto stai a soffri’ per sti miserabili 🙂

    • 7 Gennaio 2015 in 21:53
      Permalink

      Ma no, dai, secondo Schianchi Taci “ha garantito che farà una grande squadra” al tifoso che lo ha fotografato ieri…

  • 7 Gennaio 2015 in 20:44
    Permalink

    Majo… ma scherzi a parte, possibile che il mercatologo non abbia qualche notizia fresca? Ormai il mercato è iniziato… si fanno tanti nomi… quali sono effettivamente papabili?

    • 7 Gennaio 2015 in 21:51
      Permalink

      Oggi quel perdigiorno non si è fatto sentire per nulla… Però se deve scrivermi un giorno che vendiamo tutti e quello dopo che compriamo tutti, mi sa che debba cederti la sua scrivania…

      • 8 Gennaio 2015 in 00:04
        Permalink

        Ottimo proposito, Majo…

  • 7 Gennaio 2015 in 20:56
    Permalink

    Con le prossime scadenze fiscali, stipendi e dalle mosse di mercato che sono sempre più necessarie specialmente in avanti se si vuole provare a rimenere in A, vedremo il vero valore di questa società e del fantomatico Taci, il presidente in incognito ne ha dell’incredibile o della barzelletta.

    • 7 Gennaio 2015 in 21:50
      Permalink

      Adesso Schianchi dice che “il fantasma finalmente si è materializzato”, per cui siamo legittimati a sognare, no? Va tutto bene madama la marchesa, e tra l’altro lui sapeva fin dall’inizio che c’era dietro Taci e ha fatto il capopopolo solo per stanarlo…
      C’è tuttavia anche chi teme che, con questo colpo di scena di ieri, si sia spostato ulteriormente avanti il pallone sulle cose concrete… che gente!
      Cordialmente
      Gmajo

  • 7 Gennaio 2015 in 21:06
    Permalink

    ma intanto il tempo passa in fretta quando stiamo insieme noi,e’ triste aprire il portafoglio….(alan sorrenti)

  • 7 Gennaio 2015 in 21:20
    Permalink

    E’ ancora più triste se il portafoglio è vuoto

    • 7 Gennaio 2015 in 21:38
      Permalink

      Ma chi lo dice che è vuoto?

      Comunque i revisori stanno guardando quanto oro c’è in cassaforte…

      • 8 Gennaio 2015 in 15:53
        Permalink

        di sicuro c’e’ pieno di cartellini di calciatori che valgono come i soldi del monipoli

  • 7 Gennaio 2015 in 22:07
    Permalink

    Scusi direttore ma lila Nocerino e gonzalez fanno parte del bluff o verranno acquistati dal parma?? Sa qualcosa di più??

    • 7 Gennaio 2015 in 22:14
      Permalink

      Per Nocerino, secondo Di Marzio, c’era stato un rallentamento dovuto al lutto per la morte del padre, circostanza che informalmente Leonardi mi ha confermato. Per quanto riguarda gli altri eventuali acquisti e/o prestiti io credo che fin quando non ci sarà un inserimento concreto di dobloni nelle casse non ci sia trippa per gatti. Il nostro mercatologo, sapendo degli ottimi uffici del Parma con la Lazio (si sussurra che Lotito ne sappia molto di più sul tentativo disperato di salvare il Parma) aveva ipotizzato uno sbarco in massa degli esuberi biancoazzurri, tra cui il centrocampista da lei citato: non vorrei, tuttavia, che la contropartita più o meno immediata possa essere Paletta.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 7 Gennaio 2015 in 22:20
    Permalink

    Quindi direttore fino alla fine avremo in campo Lodi palladinode Ceglie e gobbi per conquistare la salvezza…. Benissimo credo che adesso i voli pindarici siano finiti per tutti…. Questa pseudo società non ha un biadino e ama molto le parole e poco i fatti….. Forza che san secondo non sarà cos’i male…

    • 7 Gennaio 2015 in 22:26
      Permalink

      Ma no, cosa, dici: Mak asserisce che “lo stile della nuova proprietà” è “niente fanfaronate, niente sparate ai giornalisti o ai tifosi, una forza “tranquilla” tanto per parafrasare un vecchio presidente francese. Per ora un percorso lineare e senza troppi errori (Doka docet)”

  • 7 Gennaio 2015 in 22:38
    Permalink

    Io rimango convinto che il direttore sui ceci non ci andrà e che magari fra un mesetto circa, qualcuno ringrazierà anche assioma per la lucidità dimostrata. Per me rimaniamo a rischio fallimento purtroppo, è il 15 febbraio si avvicina, vero assioma??

    • 7 Gennaio 2015 in 22:59
      Permalink

      Il 15 gennaio arriva ancora prima… I buoni propositi, di cui è lastricata la via dell’inferno, riferivano la decisa volontà di pagare in un sol botto ben cinque mensilità a dirigenti-tecnici-calciatori, appunto con una mesata di anticipo rispetto alla obbligatorietà di febbraio. Altri, decisamente più ottimisti di me, aggiungevano nel calderone anche qualcosina per chetare i fornitori, ma io credo che per costoro non ci sia trippa per gatti. Ricordo, poi, che mancano meno di tre giorni, ormai, al 10 gennaio, allorché dovrebbero esser saldati i dipendenti, i quali, l’ultima volta – se Schianchi ce lo consente – avevano percepito il salario ancora dall’amministrazione Ghirardi, in cambio di un foglio autografato attestante il nulla a che pretendere sino a tutta la data del 09.11.2014.
      Tornando agli stipendi dei giocatori, non per fare i conti della serva in tasca a qualcuno, ma se l’altra volta era stato pagato un terzo del dovuto e la cifra che è stata divulgata era di circa 6,5 milioni mi verrebbe da pensare che bisognerebbe moltiplicare tale importo per cinque. Il totale sarebbero circa 30: ordunque, se la dottoressa Vittoria, che così è ben informata di conti di casa Parma, dice che la provvista in arrivo è di appena 9 ml (sempre mei che gnenta, d’accordo, ma la coperta è corta…) ho il timore che sia insufficiente per il completo fabbisogno. Indubbiamente, però, andranno aggiunte altri crediti che il Parma potrebbe esigere: a suo tempo si vociferava di circa 15 ml che si sarebbero sbloccati entro febbraio (che i revisori siano su quelle tracce, o forse stanno verificando qualche conto su latri libri senza omissis?). Io, onestamente, non ho mai capito a cosa si riferissero, dal momento che i diritti tv mi sembrava fossero già stati consumati, almeno così si leggeva sul bilancio. Insomma: se davvero si vorrà far fronte con un mese di anticipo sulle obbligatorietà sarà necessario al più presto l’arrivo in massa dei quattrini della Dastraso… Anche perché non credo che ai calciatori-dirigenti-tecnici possa bastare una foto ricordo dai distinti…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 7 Gennaio 2015 in 22:47
    Permalink

    Se avessi la certezza della tenuta fisica io andrei dritto su Floccari….
    Gilardino se atleticamente fosse in condizione sarebbe un altra ottima scelta, conosce l’ambiente ed è un attaccante veramente completo.
    Comunque prima si deve vincere a Verona anche per invogliare qualcuno a venire…poi l’ultima con la Samp sono 3 punti quasi matematici…il buon Sinisa ha esaurito il fondoschiena e non ha più Gabbiadini

    • 7 Gennaio 2015 in 23:01
      Permalink

      Io tra Gilardino e Floccari preferisco il primo…

      • 8 Gennaio 2015 in 00:12
        Permalink

        Direi…

  • 7 Gennaio 2015 in 23:46
    Permalink

    Io prima di dar via Belfodil e Palladino ci penserei bene, perchè son dei grandi campioni che solo la sfortuna gli ha impedito di segnare tanti gol nonostaante il grande impegno sempre messo in campo. Ma quali Gilardino, Floccari Pazzini. Chi lascia la strada vecchia per la nuova … trova meno buche. Hai capito Assioma, che a te non ti va mai bene niente ?

    • 8 Gennaio 2015 in 06:22
      Permalink

      Rabbrividisco

    • 8 Gennaio 2015 in 13:53
      Permalink

      guardiamola da un altra prospettiva…e’ a te che va bene tutto

      • 8 Gennaio 2015 in 17:16
        Permalink

        Assioma è assioma e improbabile è improbabile

  • 8 Gennaio 2015 in 06:17
    Permalink

    Vamos & Vamos alè alè CROCIATI !!!!!!

    Espugnamo il ben godi !!!!! battiamo i butei !!!!

    FORZA PARMA !!!!! NO ALLA RESA !!!!!

  • 8 Gennaio 2015 in 11:23
    Permalink

    Sembra che EL TATA Alvaro Gonzalez sia in direttura di arrivo, ti chiedo caro majo se potevi mettere online la puntata di ieri di calcio e calcio che non mi e’ stato possibile vedere in quanto i server di teleducato non funzionavano e non ho potuto vedere la puntata in streaming grazie e saluti da

    VECCHIA GUARDIA

    • 8 Gennaio 2015 in 11:31
      Permalink

      Ciao Augusto,

      ieri sera Calcio & Calcio non è andato in onda, in quanto, in questa stagione, il turno infrasettimanale cade di giovedì. Dunque potrai vederci stasera, alle 21, in diretta sul canale 12 DDT o in streaming su http://www.teleducato.it (sempre ammesso che funzioni) e poi in replica nottetempo su http://www.stadiotardini.it grazie alla web registrazione di Alex Bocelli.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 8 Gennaio 2015 in 11:26
    Permalink

    iMPROBABILE MA TI SEI BEVUTO UNA BOTTIGLIA DI WISKY COME SI FA’ A SCRIVERE CERTE BAGGIANATE

    • 8 Gennaio 2015 in 11:29
      Permalink

      Giustamente si chiama “Improbabile”…

      istruzioni per l’uso (per chi non ci arrivasse): va letto all’incontrario…

  • 8 Gennaio 2015 in 11:35
    Permalink

    Majo mi sono sbagliato la puntata ce’ stasera giovedi su teleducato speriamo funzioni lo streaming

    • 8 Gennaio 2015 in 11:38
      Permalink

      Appunto… Vedi risposta al commento postato prima…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI