PIOVANI CHIEDE A DONADONI: “ANDANDO VIA CASSANO LA SQUADRA SI E’ TOLTA UN PESO?” E IL MISTER: “E’ VERO. QUANDO NON CI SONO PIU’ STIMOLI E MOTIVAZIONI TUTTO E’ PIU’ COMPLICATO”

Il video della conferenza stampa del tecnico del 27.01.2015, upload by COMeSER technology

(gmajo) – Con la sua infinita saggezza l’avvocato Paolo Malvisi – l’esperto di diritto sportivo che StadioTardini.it e Calcio & Calcio ogni tanto interpellano cercando di fare opera di divulgazione – suole definire “parmigiota” (io mi sono preso la libertà di effettuare una crasi, e quindi dico “parmiota”, perché credo renda ancor meglio il concetto) il vezzo tipico alle nostre latitudini di scaricare gli ex eroi quando costoro decadono o vanno via. Non fa eccezione dopo Calisto Tanzi o Tommaso Ghirardi anche Antonio Cassano il quale è già stato dimenticato da Angelo Manfredini, presidente CCPC, il quale in collegamento telefonico con "Bar Sport" ieri sera ha detto: “Per me ha fatto bene ad andare via, ha ridato serenità allo spogliatoio”. Il concetto è stato oggi portato in sala stampa da Sandro Piovani, pure presente ieri sera nel salotto di Tv Parma, il quale ha domandato al tecnico, durante la conferenza stampa odierna: “Come ha vissuto la squadra la partenza di Cassano, perché vado un po’ controcorrente, perché secondo me, magari, si sono tolti anche un peso, visto che quest’anno è successo un po’ di confusione e in campo non faceva più la differenza, cioè trasmetteva in campo le sue difficoltà…” E Donadoni, che nella parte iniziale del question time aveva preferito non commentare la libera scelta del Discolo di interrompere consensualmente il proprio rapporto col club, non ha avuto difficoltà a confermare: “Sì sì, è vero: anche questo aspetto è assolutamente importante sottolinearlo: quindi è chiaro che quando non ci sono più gli stimoli giusti, quando non ci sono più le motivazioni importanti poi tutto diventa più complicato. E questo, inevitabilmente si ripercuote poi su tutti, in egual misura: soprattutto quando poi si tratta dei giocatori più rappresentativi sui quali si fa un po’ perno. E quindi direi che si gira pagina, da questo punto di vista, si deve voltar pagina e guardare avanti. Poi quelli che sono i rapporti personali rimangono sempre e comunque di un certo tipo. Però è stata una scelta che solo ed esclusivamente Antonio è giusto che commenti e che spieghi e che dica”.
Oggi FantAntonio era a Collecchio dove è venuto a svuotare il classico armadietto e a salutare i compagni: c’è chi ha storto il naso osservando che la società, vista la rescissione, e soprattutto come è maturata, gli ha concesso l’accesso, anziché vietarlo. Io, da questo punto di vista, sono più liberale e in quello che è un po’ il muro contro muro tra chi sostiene che Cassano ha fatto bene e chi sostiene che Cassano ha fatto male, mi trovo piuttosto equidistante, o se preferite mi astengo da un giudizio definitivo per insufficienza di prove. Se, infatti, dopo l’aver messo in piazza i panni sporchi del Parma – per certi versi opera meritoria perché dovrebbe far ulteriormente accendere i riflettori sulla poco trasparente operazione di cessione, sui mali del Parma non guariti cin il passaggio dalla vecchia alla nuova proprietà (ammesso ne esista una), in primis gli stipendi non pagati (oltre a quelli pesanti per i giocatori, mancano all’appello anche quelli decisamente più abbordabili per i dipendenti) – se ne fosse rimasto qui a soffrire con gli altri, sulla stessa barca, il suo plateale gesto da capopopolo sarebbe stato decisamente più apprezzabile, malgrado non avesse avuto la sensibilità di far mandare la simil-messa in mora in un giorno differente rispetto l’antivigilia di una decisiva sfida di campionato; andando via è anche vero che come San Francesco si spoglia di tutto rinunziando ai 4 milioni di euro che avrebbe incassato (forse) se fosse rimasto sino al 30 giugno 2016, però se in un paio di giorni si accaserà da qualche parte, gli si potrà facilmente dire, come per altro qualcuno già sta facendo, di aver lucrato sulle disgrazie del Parma per mettersi in mostra in prima persona. Io, inizialmente, pensavo che da eroe romantico avesse voluto mostrare il petto per gli altri, meno famosi e ricchi di lui: poi, però, se gli altri non gli sono andati dietro vuol dire che la pensavano diversamente da lui, decidendo (magari da illusi) di concedere ulteriore fiducia ai nuovi, per vedere se gli stessi regolarizzeranno tutte le pendenze entro la dead line del 16 febbraio. Lui, ora, dopo sette mesi di prese per il culo, come le ha definite stanotte a TiKiTaka dal fraterno amico Pardo, è un uomo libero, ma libero, appunto di vagliare qualsiasi nuova opportunità lavorativa, cosa che, peraltro, avrebbe potuto benissimo fare anche senza dare clamore allo stato di insolvenza del Parma, giacché la società aveva sempre riferito che chiunque, stando lo stato delle cose, poteva lasciare la compagnia in un qualsiasi momento; insomma, non c’era bisogno della platealità della lettera dell’avvocato, se lo scopo era solo quello di poter andare altrove. Probabilmente, però, i suoi compagni e lo stesso allenatore (il quale è stato oggi molto ermetico in merito all’incontro con l’AIC di ieri) avevano una diversa visione sul futuro, giusto dividersi, quindi giacché chi è rimasto ha concesso una ulteriore fiducia a tempo alla nuova proprietà, invitata dallo stesso Donadoni a battere un colpo sul mercato, poiché se prima c’era bisogno di un attaccante, andando via Cassano potrebbero mancarne addirittura due, al di là della classe sopraffina di quest’ultimo, che a mio avviso ha mostrato anche in questa stagione, sia pure con un rendimento inferiore all’anno passato. Non mi trovo d’accordo, quindi, con chi ha già seppellito Cassano, come se il suo apporto di quest’anno fosse stato nullo o addirittura pernicioso per i rapporti con lo spogliatoio, dove, comunque, sono convinto mancherà parecchio. Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

24 pensieri riguardo “PIOVANI CHIEDE A DONADONI: “ANDANDO VIA CASSANO LA SQUADRA SI E’ TOLTA UN PESO?” E IL MISTER: “E’ VERO. QUANDO NON CI SONO PIU’ STIMOLI E MOTIVAZIONI TUTTO E’ PIU’ COMPLICATO”

  • 27 Gennaio 2015 in 16:42
    Permalink

    Cassano è sempre stato una meretrice del calcio ! Meglio perderli questi tipi di giocatori ! Finalmente giocheremo in 11

  • 27 Gennaio 2015 in 16:43
    Permalink

    Ti risulta che ci siano stati recenti incontri o contatti col tifo organizzato? La domanda nasce dalla lettura del comunicato dei boys datato 27.01 e quindi post parma cesena. In curva avevo avuto l’impressione che ci fosse ostracismo totale verso la nuova proprietà (se cosi si puo definire), mentre dal succitato comunicato traspare un ottimismo che personalmente fatico a comprendere

    • 27 Gennaio 2015 in 16:51
      Permalink

      Ti riferisci a questo articolo: “Che sarà di questo Parma chi lo sa?”, perché è vero che è stato postato “Martedì 27 Gennaio 2015” alle “10:04”, ma è specificato che è tratto dalla fanzine di “PARMA-Cesena del 25 gennaio 2015”.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 27 Gennaio 2015 in 16:57
        Permalink

        Si, ci sono in calce le foto della contestazione post parma cesena .. La prendo come un no, non era polemica ma (vana) speranza di non conoscere novità positive

  • 27 Gennaio 2015 in 17:05
    Permalink

    Anke la serie A è un peso, grande Piovo! ke se andiamo in Lega Prrr saremo tt più ALSERI, senza pensieri, senza lo stress, e magari anke + magri, quasi filiinformi. Ke lo stress oggi ne uccide di più lui della bamba. Ke lo diceva anke la pubblicità del Cynar contro il logorio della vita moderna.
    Ke anke il CCCP lo aveva sempre detto ke Cassano era un peso
    http://www.parmatoday.it/sport/video-angelo-manfredini-festa-centenario-ravadese.html
    e quando arrivò a Parma eravamo un pò tt sciettici mentre cantavamo UN PRESIDENTE, C’E’ SOLO UN PRESIDENTE (ed è ovvio ke facevamo riferimento al circolo verso Besganola).
    https://www.youtube.com/watch?v=Z9vd-11-y8Q
    Ke è giusto ke rimanga solo ki è contento di nn prendere lo stipendio. Ke noi nn voliamo gente ke si lamenta ma ke si commuove, facendo della parmigjanità.
    Voci di corridoio dicono ke per togliersi un peso anke il Piovo rifiuterà il suo stipendio ad oltranza, e questo significa CREDERC1.

  • 27 Gennaio 2015 in 17:10
    Permalink

    tecnicamente, se Pietro è in clinica, chi porta avanti il “mercato”?

    • 27 Gennaio 2015 in 18:00
      Permalink

      Preiti. E i contratti li firma Di Taranto, che ha la procura (del resto il Leo è anche inibito)

  • 27 Gennaio 2015 in 17:12
    Permalink

    Cassano io lo ringrazio per quello che ha fatto vedere in campo, sia nella passata stagione che in questa, mostrando anche un nuovo volto dimostrandosi a tratti volonteroso, cercando il pressing, dando fiducia ai compagni in campo dando consigli e non arrabbiandosi per gli errori. Ricordo l’anno scorso quando non gli arrivava la palla sui piedi che si lamentava perchè voleva una palla diversa, mentrequest’anno alzava sempre il pollice in segno di apprezzamento. Insomma si era calato bene nella parte, poi se si è stancato dopo un po’ di prese in giro e ha perso stimoli ha fatto bene ad andare via, si era già visto contro la Samp che sbuffava in campo. Su Donadoni vedo che la fiducia che ripone nella società non è poi molta “viviamo alla giornata”. La squadra come tutti si aspetta che la società batta un colpo, Kodra parla ai giornalisti, guarda le partite della primavera etc. ma poi? Domani direttore come andrà a finire secondo lei? E poi le chiedo, perchè prima del caso Cassano tutti gli esperti di mercato affiancavano grandi nomi al Parma e ora si parla solo di cessioni? (tranne il caso Pazzini che potrebbe essere l’ennesima raimondata). La possibilità che Taci metta dei soldi è veramente così impossibile? OLtre al fallimento l’unico modo di tirare avanti la baracca è il piano B di Leonardi?

    • 27 Gennaio 2015 in 18:00
      Permalink

      Non mi sono fatto una idea precisa. I presagi, però, sono oscuri.

      Il mercato prima pullulava di nomi big perché i mercatologi altrui si beavano degli spifferi di chi pensava qui ci fosse la grandeur, ora si pensa in uscita dopo il casno Cassano; tutto abbastanza logico. anzi: mi stupisco che si parli di Pazzini…

      Infine: non ho idea se falliremo, se metterà i soldi Taci o se il piano B sarà determinante. Tutto è nelle mani di Taci, adesso.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 27 Gennaio 2015 in 18:23
        Permalink

        Grazie Direttore per le risposte, staremo a vedere cosa succederà, anche se forse preferirei non saperlo.. ma che poi tornando alla conferenza perchè convochi Haraslin in campionato quando hai Cassano e in coppa con gli attaccanti contati non lo porti? Senza parlare di Paletta che viene convocato e dopo pochi minuti trova l’accordo con la Sampdoria, non trovo più un senso a nulla..

  • 27 Gennaio 2015 in 17:29
    Permalink

    Tra l’altro, se non erro, Cassano (anch’io ho una posizione neutrale…legalmente ha ragione…umanamente non mi esprimo…che poi Antonio brilli di un’intelligenza sopra la media non è un dato certo) ha parlato di stipendi non pagati da ben più di qualche mese…arrivando addirittura ad un anno fa (forse riferendosi a personale “non tecnico”). Hernan non ha commentato…ma non ha nemmeno smentito…silenzio assenso.
    Ergo…Ghirardi & Soci hanno raccontato un sacco di balle. Ricordo poi bene chi sosteneva ancora prima che, nel settore giovanile ad esempio, la benzina nel pulmino la mettevano i passeggeri…

    • 27 Gennaio 2015 in 17:47
      Permalink

      Sugli stipendi ai dipendenti, tanto per fare chiarezza, l’ultimo ad averli pagati è stato Ghirardi il 9 dicembre 2014, con tanto di ricevuta “carta canta” ed erano relativi a novembre; il mese di dicembre e la tredicesima non risultano saldati e a questi avrebbe dovuto pensarci già la nuova proprietà; i collaboratori senza contratto federale sono indietro da data imprecisata, alla stregua dei fornitori; i dipendenti federali hanno visto le proprie pendenze saldate sino al 30.07.2014

      Cordialmente
      Gmajo

  • 27 Gennaio 2015 in 18:03
    Permalink

    paletta alla sampdoria (skysport24).

    • 27 Gennaio 2015 in 18:18
      Permalink

      Non mi stupisce, era meglio vendere quest’estate e rifare la squadra, peggio che ultimi non potevamo fare. Speriamo che il ricavato serva a pagare qualcuno.
      Potrebbe essere stupito Donadoni che continua a parlare di rinforzi

  • 27 Gennaio 2015 in 18:17
    Permalink

    Ad ios anche a Paletta…
    Majo allenati; io sono già’ pronto e ho il mio amico Rudy che è’ un’aletta non male.
    Sai che tridente???

  • 27 Gennaio 2015 in 18:22
    Permalink

    Esempio chi sarebbero (ruolo in società) i collaboratori senza contratto federale e quelli invece con?

  • 27 Gennaio 2015 in 18:53
    Permalink

    Paletta non era svincolato, quindi Viperetta (Samp) lo paga.
    Beh, c’è ancora qualche giorno di mercato per vendere i pochissimi vendibili, tipo Paletta appunto, e poi sparire coi soldi racimolati…sarò cinico e cattivo, ma ormai qui è lecito pensare di tutto, anche le peggio cose.
    SIAMO LO ZIMBELLO DELL’ITALCALCIO (PURTROPPO).
    Che tristezza.

    • 27 Gennaio 2015 in 20:39
      Permalink

      TI SBAGLI DI GROSSO PALETTA E’ IL SECONDO SCHETTINO !!!!! CASSANO LO HA FATTO PLATEALE LUI L HA FATTA PIIU DA FURBO VISTO CHE E’ PIU ANNI A PARMA …..LA SCOIETA’ HA CIUSO UN OCCCHIO E’ ANDATO LI HA DETTO NON HO STIMOLI MI CHIEDE LA SAMP COSA FACCIAMO RESCINDO COME CASSANO O LA FACCIAMO IN TRANQUILLITA’ ? E LO HANNO LASCIATO ANDARE GRATIS DA VIPERETTA MANCO L EX CI DANNO INDIETRO IL 34 ANNE MATCHIONNI…ILVIPERETTA LO PRENDE GRATIS …..CHISSA CHE ANCHE LEONARDI NON FINISCA LA ‘ …. PARLIAMO DI SAN PALETTA ANCHE LUI L ANNO SCORSO ANNO DEI MONDIALI ASTUTAMENTE E’ STATO A PARMA ( NELLE GROSSE SQUADRE FACEVA PANCHINA…) SI E’ FATTO RADDOPPIARE LO STIPENDIO PORTATO A TOP PLAYER PER I DIFENSORI POI CHE TI FA ? SI CURA BENE PER 4 MESI SPARISCE RIPRENDE IN PRMAVERA FA PRESTAZIONI BUONE AD ALTRE SCHIFOSE ALMENO LE PRIME …SOLO A PARMA POTEVANO GARANTIRGLI IL POSTO POI TRAMITE L AMICIZIA DI GHIRARDI CON PRANDELLI LO PORTANO AI MONDIALI GIOCA SCHIFOSAMENTE ……E CHE FA ? RIMANE IN FERIE UN MESE !!!! TORNA FA UN PO DI PREPARAZIONE CI FA PERDERE A CESENA COLPA SUA …. E POI AH O IL MAL DI SCHIENA MI OPERO !!!!! CAZZO VOLETE CHE NON LO SAPESSERO PRIMA MA DA MESI CHE AMDAVA OPERATO LO SAPEVA TUTTO IL MONDO INFATTI LOTITO MANCO PER 5 MILIONI L HA COMPERATO !!! E ALLORA NON POTEVA A GIUGNO FINITO I MONDIALI COME HA FATTO MOMTOLIVO FARSI OPERARE SUBITO PASSARE LE FERIE IN CONVALESCENZA ( COME UOMO NORMALE PUO’ FARE TUTTO PER 1 MESE NON COME ATLETA MA LE FERIE LE POTEVA FARE DOPO ) COSI AD AGOSTO ERA PRONTO PER RIABILTAZIONE E A FINE SETTEMBRE IL PARMA AVREBBE AVUTO PALETTA PRONTO !!!! CAZZO SI E’ FATTO I FATTI SUOI POI COSA FA ? CHIEDE DI ESSERE CEDUTO APPENA RIPRENDE …HA SULLA COSICENZA LE ULTIME SCONFITTE DEL PARMA ILTRE LA INIZILE A CESENA BEDI VERONA L AMICO TONI LO BRUCIA A 38 ANNI SU TUTTI GLI ULTIMI GOALS SUBITI VEDETE PALETTA CHE SI FA BRUXIARE E ADESSO E’ ANDATO A CHEDERE LA LIBERATORIA DI ANDARSENE …….ALTRO CHE LO HANNO PAGATO MA SCUSATE CHI LO PAGHEREBBE OGGI PALETTA LO AVETE VISTO COME GIOCA ? E SAPENDO LA SCOIETA’ IN DIFFCIOLTA COSA VOLETE CHE VIPERETTA LO ABBIA PAGATO COME DICE MAJO CHI NON SE LA SENTE E’ LIBERO DI ANDARE E LUI VA GRAZIE PALETTA ….VA A FA…. ( maturalmente se e vero che se ne va se non e vero allora nessuno lo vuole )

    • 27 Gennaio 2015 in 23:42
      Permalink

      VIPERETTA NON HA PAGATO NULLA PALETTA E’ UN ALTRO SANTO HA CHIESTO DI ANDARE ED E’ STTAO ACCONTENTATO ……..D ALTRONDE IN ALTERNATIVA METTEVA IN MORA LA SOCIETA’ COME CASSANO ALLORA HANNO DECISO DI FARLO SENZA CLAMORE ALLA SAMP HA GRATIS SI VA VERSO FALLIMENTO SPEDITI ……PALETTA CHE HA CAUSATO LE ULTIME SCONFITTE HA FATTO IL FURBO L ANNO SCORSO E’ STATO A CURARSI PER BENE SI E’ FATTO DUPPLICARE LO STIPENDIO POI HA FATTO QUALCHE PARTITA BUONA ALTERNATA AD ALCUNE MALE GRAZIE ALL AMICIZIA DI GHIRARDI CON PRANDELLI ( VOLEVAO FARE UN FAVORE AL GHIRO PER EUMENTARNE IL VALORE ) L ANNO PORTATO AL MONDIALE DOVE HA STECCATO COSA FA ? SI PRENDE UN MESE DI FERIE TORNA AH AHA O IL MAL DI SCHIENA MI OPERO COME SE NON SI SAPESSE DA TEMPO NON POTEVA OPERARSI SUBITO E DOPO PRNDERSI IL MESE DI FERIE COME MONTOLIVO ? DOPO DI CHE A FINE SETTEMBRE O OTTOBRE SAREBBE STARO PRONTO PER IL PARMA , ADESSO RIENTRA STECCA TUTTE LE PARTITE SI FA RIMONTARE DA TONI SULLO SCATTO !!! E POI COSA TI FA CHIEDE LA RISCISSIONE ANCHE LUI E SE NE VA A GRATIS PERCHE’ ALTRIMENTI CHIEDE LA MESSA IN MORA QUESTA E’ LA REA TA’ SANTO ANCHE PALETTA

  • 27 Gennaio 2015 in 19:28
    Permalink

    Io sono contento che Cassano se ne sia andato per una serie di motivi che non sto ad elencare interamente per non annoiare. Due soli li scrivo: è evidente che chi non è motivato è meglio tagli l’angolo. Molti giocatori del Parma (nonostante in tanti non lo pensino) si stanno impegnando, anche senza ricevere lo stipendio. Il problema è che hanno limiti tecnici e soprattutto fisici. Dal punto di vista tecnico Cassano era un accentratore totale e passare il tempo a vedere giocare sempre lungo l’out sinistro in attesa del prodigioso passaggio, che o non c’era o arrivava a chi non sapeva sfruttarlo, francamente stufava. La squadra del primo tempo con il Cesena sembrava più equilibrata e se magari un giorno o l’altro si vedrà persino il tiro in porta saranno soddisfazioni.

  • 27 Gennaio 2015 in 20:36
    Permalink

    Majo,
    Oggi faccio outing…ho appena sentito la conferenza di Osso…mi tolgo il cappello e gli faccio i complimenti, non hai mai parlato bene come oggi da quando è a Collecchio.
    Nonostante abbiamo perso il giocatore più forte della rosa (Cassano) credo anche io come Piovani che la sua partenza gioverà alla squadra…peccato che ormai siamo spacciati.

    • 28 Gennaio 2015 in 00:31
      Permalink

      Io non la penso così, ma non è fondamentale. Ad esempio certa arroganza nel rispondere, anche sulla domanda su Haraslin, poi non convocato, credo sia censurabile.

      Cordialmente

      Gmajo

      PS: E anche sulla storia del Frambo secondo me Donadoni non poteva permettersi di tirare a mano la malafede di chi ha interpretato i fatti semplicemente da ignorante. Perché malafede? Dove sarebbe il dolo? A vantaggio di chi?

      • 28 Gennaio 2015 in 07:19
        Permalink

        Si okay alla tua domanda è stato un po’ supponente anche perché se vogliamo che la gente continui ad andare allo stadio fino a fine campionato dobbiamo far giocare qualche ragazzo…
        Però in linea generale mi è piaciuto molto…ha parlato con grande dignità….stamattina leggo di 12 pronti a rescindere, ci sta…sicuramente non saranno Lucarelli, Gobbi e Mauri se tutti i giocatori avessero voluto bene a questa maglia come loro ci saremmo salvati anche in queste condizioni…
        Un altra domanda, ma la Lega e Tavecchio non dicono niente di questo campionato palesemente falsato con un Parma così?????

  • 27 Gennaio 2015 in 23:48
    Permalink

    IL PROBLEMA CHE SE NON HANNO I SOLDI PER TENERE JERARDINHO CHE CORIC DUE DELLA PRIMAVERA CHE PRENDERANNO 700 EUR MESE PER CUI DICIAMO 4200 EUR A TESTA DA GIUGNO FIGURARSI SE HANNO I SOLDI PER TENERE ANXCHE SOLO UNO DELLA ROSA DEI PSEUDO TITOLARI SIGNORI GAME OVER DOPO CASSANO TUTTI SCAPPANO QUESTO E’ IL VERO DANNO CHE HA FATTO CASSANO HA STAPPATO LA BOTTIGLIA DI CHAMPAGNE TUTTI QUELLI CHE TROVANO UNA SQUADRA AD ANDARE A LUNEDI SE NE VANNO GRAZIE CASSANO IL PARMA FALLIRA’ GRAZIE ANTONIO GRAZIE PERCHE’ DIRETE VOI BHE ALMENO RIPRENDIAMO DALLA B CON IL FALLIMENTO ENTRO FEBBRAIO SE ASPETTAVAMO LO SCACCHISTA SI RIPARTIVA DALLA SERI D

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI