UN UOMO IN DUE MAGLIE / ALESSANDRO ORLANDO TRA PARMA E FIORENTINA

(Luca Savarese) – I suoi omonimi nel cognome, Alberto, classe 1938, e i più coevi Angelo, classe 1965, ex centrocampista dell’ Inter e Massimo, classe 1971, ex funambolo della Fiorentina, lo costringono ad essere uno dei tanti Orlando che si sono distinti con un pallone tra i piedi. L’Orlando in questione, il friulano Alessandro, nato a Udine il primo giugno del 1970, non fu né un Orlando Furioso di ariostesca memoria, né un Orlando innamorato di boiardesca rimembranza, ma un difensore attento e continuo, sul pezzo ed in molti pezzi di varie squadre, con le quali ha giocato e dove si è tolto non poche soddisfazioni: due scudetti, consecutivi, il primo con la maglia del Milan, al termine della stagione 1993-94, il secondo con la maglia della Juve, nella stagione successiva 1994-95. Con lui, solo altri cinque pedatori sono riusciti nell’impresa, il divino Robi Baggio, il magistrale Andrea Pirlo, ed i più datati Giovanni Ferrari, Riccardo Toros ed Eraldo Mancin. Un rincalzo pronto a diventare per l’occasione una puntuale calzatura. Il Parma della grande cavalcata dalla B alla A lo prende con sé, dopo che nella usa Udine, con l’Udinese aveva racimolato tre presenze a  diciannove anni. Nel ducato Nevio Scala lo utilizza abbastanza, in un torneo dove tutti tornano utili per il grande sogno: la prima storica serie A. Alessandro metterà insieme 13 presenze e una rete, quella messa assegno a Trieste, il 22 orlando praprile del 1990, che sancirà il due a zero per gli emiliani, dopo l’autogol dell’alabardato Cerone. Le ossa sono quasi fatte, il ragazzo è pronto: un tuffo nella sua Udine della durata annuale, prima di iniziare il grande salto: Samp, fresca vincitrice di scudetto, ancora Udine e poi due annate monstre: 1993-94 al Milan, 15 presenze ed uno scudetto vinto accanto a dei mostri sacri, assieme ai quali vincerà anche una Champions. Nel 1994-95, alla Juve ed ecco un altro scudetto, con maggiori partite disputate, 29. Dagli zebrati, ai gigliati, il passo è breve. A Firenze, però, città d’arte e d’artisti, gli artigiani del pallone, fanno un  po’più di fatica. Orlando mette insieme solo 7 presenze. imageSi rifarà nella sua base, Udine, prima di andare a Treviso, Cagliari, Padova, Pordenone, Cologna Veneta, Tamai, Manzanese ed A.S.D. Flumignano dove sarà allenatore-giocatore in promozione. Dalla stagione 2013-2014 è ancora in veste di play-manager nelle fila dell’A.S.D. Sevegliano. Chissà se ai suoi ragazzi, racconterà, qualche volta, di aver vinto, ai piani superiori, due scudetti consecutivi.

Felice Epifania e buon anno a tutti i lettori di stadiotardini.it! Luca Savarese

LE PRECEDENTI PUNTATE DI UN UOMO IN DUE MAGLIE, di Luca Savarese

1. MASSIMO AGOSTINI TRA CESENA E PARMA (30.08.2014)

2. FEDERICO GIUNTI TRA PARMA E MILAN (13.09.2014)

3. MATTEO BRIGHI TRA CHIEVO VERONA E PARMA (20.09.2014)

4. FABIO SIMPLICIO TRA PARMA E ROMA (24.09.2014)

5. SALVATORE MATRECANO TRA UDINESE E PARMA (27.09.2014)

6. VALERIANO FIORIN TRA PARMA E GENOA (04.10.2014)

7. ROBERTO BORDIN TRA ATALANTA E PARMA (18.10.2014)

8. MARCO GIANDEBIAGGI (CON INTERVISTA) TRA PARMA E SASSUOLO (25.10.2014)

9. RAFFAELE LONGO TRA TORINO E PARMA (29.10.2014)

10. ADRIANO LEITE RIBEIRO TRA PARMA E INTER (01.11.2014)

11. MARCO MARCHIONNI TRA JUVENTUS E PARMA (08.11.2014)

12. DAVIDE MATTEINI (CON INTERVISTA) TRA PARMA ED EMPOLI (22.11.2014)

13. GIANLUCA TRIUZZI (CON INTERVISTA) TRA PALERMO E PARMA (28.11.2014)

14. FABIO VIGNAROLI (CON INTERVISTA)  TRA PARMA E LAZIO (06.12.2014)

15. GIANPIETRO PIOVANI TRA PARMA E CAGLIARI (13.12.2014)

16. ENZO GAMBARO TRA NAPOLI E PARMA (18.12.2014)

CLICCA QUI PER LEGGERE LE PUNTATE DI  UN UOMO IN DUE  MAGLIE DELLA STAGIONE 2013-14

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

One thought on “UN UOMO IN DUE MAGLIE / ALESSANDRO ORLANDO TRA PARMA E FIORENTINA

  • 6 Gennaio 2015 in 13:22
    Permalink

    Mi permetto di disturbare per rinnovare tutta la mia profonda ammirazione per il vsotro Savarese, capace di ricreare la vera emozione degli appassionati di calcio che oggi più che mai è persa in un marasma mediatico trito e ritrito.
    Complimenti e buon anno anche a nome del Comitato

    ossequi

    Anna Fanerani

I commenti sono chiusi.