CALCIO & CALCIO PIU’ / IL FANTOMATICO POTENZIALE ACQUIRENTE NUCCILLI E IL CRAC “IN SALSA PARMA” DEL PADOVA. MAJO: “MELLI AVEVA IL DOVERE DI PARLARE PRIMA”

(Evaristo Cipriani) – NO A GENOVA? – “Caro Lucarelli a Genova a vostre spese non dovete andarci, o la trasferta la paga la società oppure si sta a casa”. Il monito lo ha lanciato in apertura della 24esima puntata stagionale di Calcio & Calcio Più (clicca qui per vedere la web registrazione a cura di Alex 20150226_205854_resizedBocelli), ieri sera su Teleducato, il Saltimbanco Enrico Boni, strenuo sostenitore della linea dura, per cui il Parma dovrebbe bucare il pallone italico e dunque ritirarsi dal campionato. Con Boni e con il nostro direttore Gabriele Majo, ospite del conduttore Michele Angella c’era in studio anche Paolo Medioli, ex presidente del Centro IMG-20150226-WA0003_resizedCoordinamento Parma Club. Proprio Medioli si è però dissociato dall’appello del popolare opinionista: “Secondo me i calciatori fanno bene a rifiutare le elemosine della Lega o gli aiuti di altre società, quello di continuare l’attività a proprie spese è un messaggio importante, in attesa dell’udienza fallimentare del 19 marzo quando allora si dovrà trovare una soluzione definitiva”.

LE RELAZIONI PERICOLOSE (CON PADOVA) – Cosa significa per una piazza di importanti tradizioni sparire dal calcio che conta e ripartire dalla D, con una diversa denominazione? Cosa significa per i tifosi, per l’economia di un territorio? Lo ha chiesto  Michele Angella  al collega veneto Dimitri Canello direttore della testata online  padovagoal.it  intervenuto al telefono durante la diretta (ispirando una riflessione del nostro Columnist Luca Russo: clicca qui per leggerla). “Per noi è stato un grande traumaimageha detto il giornalista patavino – ora però si è ricreato un po’ di entusiasmo attorno alla squadra e nelle partite di cartello si sono registrati anche 6.000 spettatori, i tifosi si sono riappassionati. Il Padova, che adesso si chiama Biancoscudati Padova è stato rilevato da imprenditori locali, il budget per fare una D di vertice è di circa 2 milioni Euro, se si va in Lega Pro raddoppia”.  Diversi i legami tra Padova e Parma: “Il Padova dal punto di vista giuridico non è fallito, si va verso il concordato, ma sportivamente quella imagesocietà non esiste più, non è riuscita a iscriversi a nessun campionato a causa dei debiti accumulati nelle precedenti gestioni. L’ultima – ha ricordato Canellovedeva come presidente Diego Penocchio, ex vice al Parma oltre che Andrea Valentini come AD (uomo vicino al Parma, ex numero 1 della Sts la società con sede a Collecchio che si occupava della logistica e della sicurezza degli impianti del Parma e del Tardini. Direttore sportivo era poi il figlio di Valentini, Marco, di casa nel quartier generale gialloblu di Collecchio, nda)”. Sui rapporti tra Padova e Parma era stata aperta anche un’inchiesta da parte della Procura di Padova: “Per il momento non ci sono stati sviluppi, l’ipotesi è che il Padova fosse una società satellite del Parma e che ci fossero delle ombre in merito”  (vedi articolo Il Mattino di Padova del giugno scorso, clicca qui) ).

20150226_210817_resizedMELLI FUORI TEMPO MASSIMO – Nel corso del dibattito è stato analizzato anche lo sfogo di Sandro Melli, che in interviste rilasciate a Sky, Corriere dello Sport e Gazzetta di Parma, aveva rivelato in sostanza che all’interno la situazione di grave crisi del Parma era nota da tempo. Angella ha chiesto agli ospiti se non ritengano le parole del team manager tardive. Risposta affermativa per Gabriele Majo: “Melli aveva il dovere di parlare prima e di uscire allo scoperto prima, adesso ha poco senso”. Più cauto Medioli: “Il problema è che là dentro comandavano Ghirardi e Leonardi e quindi non era facile esporsi”. Il conduttore: “Melli non era un precario o non faceva l’usciere, aveva il carisma e la forza per poter parlare prima”.

imageVENGHINO SIORI VENGHINO – Nella seconda parte di puntata lo studio si è collegato telefonicamente con un imprenditore romano, tale Alessandro Nuccilli che ha fatto sapere di essere interessato a rilevare il Parma. “Nei giorni scorsi – ha spiegato Angellasiamo venuti a conoscenza di un incontro Manenti e un imprenditore deciso a entrare nell’affare, abbiamo indagato e siamo riusciti a risalire all’identità di questa persona e ora ce l’abbiamo al telefono”. Alessandro Nuccilli, come lui stesso ha fatto sapere, è il titolare di una impresa di costruzioni e di un’azienda di pulizie (Tecnoedil 2000 e Multiservice, pronunciata quset’ultima “Mmultiservice” da Nuccilli e non “Multiservis”) oltre che di altre non meglio precisate ditte. “Non sono io che che mi sono presentato a Collecchio – ha tenuto a riferire – ma è stato Manenti a contattarmi, io mi ero già fatto vivo quando avevo saputo che Ghirardi stava per lasciare”. Nuccilli si è detto pronto a prendere il Parma da Manenti e a salvarlo, anche se non ha spiegato come: “Posso dire di avere delle garanzie, amo Parma, voglio salvare il Parma, ho anche illustrato il mio progetto al sindaco attraverso una lettera”. L’imprenditore ha negato di essere in rapporti con Pietro Leonardi, malgrado siano entrambi romani, e ha detto di non avere niente a che fare con Claudio Lotito nonostante abbia aziende che operano negli stessi settori. Le sue parole 20150226_205840_resizednon hanno convinto molto, lo stesso conduttore Angella ha specificato: “Diamo spazio a questo intervento perché sappiamo che c’è stato un incontro a Collecchio e per cercare di dare informazioni in tal senso, però siamo molto scettici su chi si presenta adesso alla porta del Parma dicendo di volere comprare carovanate di debite e rogne, il mondo è pieno di personaggi che in situazioni simili puntano a farsi pubblicità”. Fantastico il passaggio in cui, incalzato da Majo, il neo salvatore del Parma ha detto: “Non so nemmeno che cosa sia la due diligence…”.

imageSIGLA E TELEFONO BOLLENTE – Una curiosità in conclusione. Ad un certo punto Paolo Medioli ha rimarcato come Teleducato, in tempi non sospetti, avesse evidenziato diverse storture sul Parma: “Ne è un esempio la vostra sigla…”. E Angella: “Dovete sapere che quando la sigla andò in onda per la prima volta il nostro direttore Ferraguti era stato costretto a cambiare il cellulare da tanto che era diventato bollente… noi però la sigla non l’abbiamo cambiata…”. Piuttosto chiaro no? Evaristo Cipriani

CLICCA QUI PER VEDERE LA WEB REGISTRAZIONE, A CURA DI ALEX BOCELLI, DELLA 24^ PUNTATA DI CALCIO & CALCIO PIU’

image

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

22 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’ / IL FANTOMATICO POTENZIALE ACQUIRENTE NUCCILLI E IL CRAC “IN SALSA PARMA” DEL PADOVA. MAJO: “MELLI AVEVA IL DOVERE DI PARLARE PRIMA”

  • 27 Febbraio 2015 in 12:21
    Permalink

    Nuccilli è romano come Leonardi, mentre Mantovani è bresciano. 1+1 fa 2, come i due amigos. Strano che i nostri potenziali acquirenti siano tutti romani o bresciani.

  • 27 Febbraio 2015 in 12:46
    Permalink

    Se c’è bancarotta fraudolenta, il minimo sono dei anni di galera.

  • 27 Febbraio 2015 in 12:55
    Permalink

    Ho seguito da vicino la vicenda Padova,visto che abito a 500 metri da dove si allenavano e visto che sono tifoso del Parma spesso al bar mi fermavo con Santacroce e Modesto.Non ci sono solo analogie tra il caso Parma e Padova ma è (con dovute proporzioni) la stessa storia.Penocchio come Ghirardi ha fatto una pessima amministrazione,superficiale,scriteriata sotto certi aspetti(anche il Padova a Bresseo aveva un centro sportivo eccelso per la serie B/C ma anche li ultimamente si dice non si pagava…).In poco tempo Ghirardi e Penocchio hanno distrutto la squadra per cui tifo e quella dove abito. Io non auguro a Ghirardi il male,ma la povertà si.Ma sono sicuro che la procura e i tribunali faranno giustizia e vorrei vedere chiaro su quei famosi “auto-rimborsi” di Ghirardi che ha ammesso lui stesso.La malagestione è il reato in questo caso e secondo me alla fine di questa storia Ghirardi ne uscirà peggio di tutti(è vero che Taci aveva fatto delle promesse,bisogna vedere però dove stanno scritte,tra l’altro ha svenduto metà squadra a Gennaio per abbassare il tetto stipendi e questo è un punto a suo favore per quanto riguarda la gestione).Per il resto avrei voluto dare il mio 0,1% ad una persona diversa ma oggi c’è Manenti(il resto son chiacchere)e a lui affido questa piccola speranza.A qualcuno bisognerà pur affidarla.

  • 27 Febbraio 2015 in 12:57
    Permalink

    Direttore, mi sono giunte voci che ritengo abbastanza attendibili che dicono che il Parma non partirà per Genova. Le risulta?

  • 27 Febbraio 2015 in 13:06
    Permalink

    Direttore, le risulta che domenica il Parma non andrà a genova?

      • 27 Febbraio 2015 in 14:19
        Permalink

        “Il calmagessismo è la virtù dei forti” cit.

  • 27 Febbraio 2015 in 13:26
    Permalink

    Ho ascoltato Nucilli su calcio&calcio….E’ IMPRESENTABILE! Questa è gente che vuole speculare, come lo è Manenti e come lo era Taçi! Dato il fallimento non ce lo toglie nessuno, moriamo con dignità!

  • 27 Febbraio 2015 in 13:34
    Permalink

    Nucilli e’ un altro mitomane semianalfabeta….sono capace anch’io di rispondere al telefono dicendo “mi sto interessando all’acquisto del Parma”….personaggi di quarta serie che prosperano in questo stato di cose…
    Che schifezza….

  • 27 Febbraio 2015 in 13:35
    Permalink

    Majo impeccabile come sempre! Melli è una bandiera del parma ma poteva essere ancora più grande se fosse stato più spontaneo e più coraggioso! Melli sapeva tutto da anni quindi doveva mettere alle strette Ghirardi e soci invece di prestargli soldi x fargli continuare l indegno teatrino! Mi fa piacere che Melli abbia parlato chiaro ma se lo avesse fatto prima sarebbe diventato un mito…cosi è solo una voce nel coro, e neppure la prima,anche se autorevole . .. Ghirardi aveva un codazzo di cortigiani (senza offesa ) che lo riveriva ma nessuno che lo dissuadesse da politiche suicide o lo inchiodasse alle sue responsabilità. ..Se mai qualcuno ha osato parlare immagino abbia fatto la fine di Majo…e dico ”fine” nel senso che ti hanno estromesso in quanto personaggio scomodo…grillo parlante indesiderato! #FORZAMAJOGRILLOPARLANTE 🙂

  • 27 Febbraio 2015 in 13:44
    Permalink

    ora e luogo dell”incontro tra manenti e il sindaco cambiato ancora… avverrà in municipio alle 16,30…. quanto scommettiamo che non ci sarà nessun incontro neanche oggi? e indovinate il perché…
    Direttore se lo sai dimmi se c’è una possibilità di destituire questo personaggio per favore… lo dico anche per il suo bene… la gente poi si stanca di essere presa per il culo…

  • 27 Febbraio 2015 in 13:59
    Permalink

    Riprovo a fare una domanda che ho fatto ieri, purtroppo il mio intervento non è stato nemmeno pubblicato, non capisco nemmeno il motivo visto che non conteneva nessun tipo di offesa ma solo una domanda. Spero di avere miglior sorte in questo caso.

    Non mi è chiara una cosa, probabilmente perchè sono lento io, ma mi piacerebbe che mi venisse chiarita, sempre se possibile è ovvio. Ma se anche dovessimo finire in serie D, con chi ripartiamo? Voglio dire, si sta dando per scontato che dopo il fallimento ci sia qualcuno che voglia comprare il Parma? O si pensa che il Parma lo debba comprare io? Mi piacerebbe avere una risposta, tutto qua.

    • 27 Febbraio 2015 in 15:11
      Permalink

      Guardi, come ho scritto anche ad altri utenti, serve pazienza perché non riesco a rispondere in modo approfondito agli utenti quando sono operativo, tipo oggi, sul campo.

      Porti pazienza, con colpevole ritardo le risponderò

      Cordialmente

      Gmajo

    • 27 Febbraio 2015 in 16:07
      Permalink

      Chiaro che l’acquirente si dovra’ materializzare a bocce ferme…a faccenda avvenuta, con categoria stabilita etc.
      A quel punto (con solerzia ci si augura…senno’ poi si deve fare tutto di fretta..perche’ si deve partire dal nulla di nulla) qualcuno…si spera ..arrivera’,

  • 27 Febbraio 2015 in 14:10
    Permalink

    Sembra che il Parma possa andare a Genova tramite una sponsorizzazione di RisparmioCasa..
    Se non sbaglio la ditta è già sponsor di altri club di B.
    Direttore che può dirci?

    • 27 Febbraio 2015 in 14:25
      Permalink

      Risparmiocasa puo’ risparmiarsi tutto….

  • 27 Febbraio 2015 in 14:20
    Permalink

    Herr Direktor, a proposito delle dichiarazioni di Melli, secondo me il problema non è la tempistica (dirlo adesso oppure prima) ma il MERITO di quelle affermazioni: e cioè, se i comportamenti di Ghirardi & co. descritti da Melli corrispondono al vero.
    In tal caso, sarebbero cose molto gravi. Indici di un modus agendi del tutto scorretto, per non dire altro ben più pesante.
    Ad ogni modo, ci penserà la Procura…

  • 27 Febbraio 2015 in 15:23
    Permalink

    Melli ha detto che addirittura Ghirardi fece allestire a Collecchio un ristorante con chef stellato per tutta la truppa …roba da oltre 150 coperti al giorno…
    Le risulta?..Ha visto una roba (faraonica ) del genere?
    Altri club hanno nelle proprie sedi strutture di sto’ tipo?…
    Ha parlato inoltre di spese pazze in occasione delle celebrazioni del centenario..le risultano pure queste e a cosa si riferiva?

    • 27 Febbraio 2015 in 15:57
      Permalink

      Penso 40.000 euro al mese.
      Ma se uno che dovrebbe avere disponibilita’ economiche tali da gestire un club di serie A si fa prestare 100.000 euro e li restituisce in 3 anni …………. direi un poveretto a cui mamma non da la paghetta……..
      Ghirardi nn ha un euro li ha la mamma ……. che ha detto basta giocare

      Certo che Melli le tuo colpe le hai se sapevi da anni dei problemi dovevo dirlo subito

      tutti sul carro del vincitore ora.

      Solo il DIRETTORE MAJO si è esposto ( anche se non sono sempre in accordo con lei meriterebbe di lavorare per na grande testata)

  • 27 Febbraio 2015 in 15:49
    Permalink

    Direttore ho saputo che ci sarebbero interessamenti a rilevare il parma a seguito di un fallimento pilotano (nonostante la somma ingente da sborsare ) tale interessamento svanirebbe con la serie D.
    provi a indagare

  • 27 Febbraio 2015 in 16:03
    Permalink

    Majo concordo con lei e soprattutto qualcuno parli dell’altro “Rinnegatore” Levati per anni fedele e STIMATISSIMO portaborse e faccendiere di Ghirardi che ora da vero Uomo con un coraggio e una abnegazione fuori dal comune denuncia l’ex Capo.
    BRAVI A TUTTI!!!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI