CALCIO & CALCIO PIU’ / Il video e la fotogallery amatoriale dal backstage della 22^ puntata del talk show di Teleducato

CALCIO & CALCIO PIU’ / Il video della 22^ puntata del talk show di Teleducato – web registrazione a cura di Alex Bocelli

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

84 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’ / Il video e la fotogallery amatoriale dal backstage della 22^ puntata del talk show di Teleducato

  • 13 Febbraio 2015 in 08:19
    Permalink

    Se fosse vera perché rilasciare una dichiarazione così strafottente nei confronti dei tifosi come quella di ieri che ha lanciato la gazzetta di Parma?
    Forse manenti ha capito di aver esagerato con la sovraesposizione mediatica?
    Cordialmente!

  • 13 Febbraio 2015 in 09:19
    Permalink

    Direttore ha idea sul tma della conferenza stampa di leonardi di questo pomeriggio? Dimissioni o si togliera qualche sassolino mostrando prova dell avvenuto pagamento?

    • 13 Febbraio 2015 in 09:27
      Permalink

      la prima

    • 13 Febbraio 2015 in 10:08
      Permalink

      Avvenuto pagamento non penso proprio perché fino a ieri sera Manenti ha detto che non erano nemmeno partiti i bonifici

  • 13 Febbraio 2015 in 09:24
    Permalink

    Majo, quanto c’è (se c’è) di concreto in un’ipotesi Dallara-Zanetti ripartendo dalla D?

    • 13 Febbraio 2015 in 10:03
      Permalink

      tanto…hanno anche il benestare dell’upi!

  • 13 Febbraio 2015 in 09:30
    Permalink

    La puntata di Calcio e Calcio mi è parsa piuttosto spenta e monotona.
    Quasi tutta dedicata all’eventuale arrivo di Godot a salvare baracca e burattini.

    Sullo sfondo un progetto che non esiste ed una caterva di debiti che si fà persin fatica a coglierne l’entità globale.

    I silenzi e i toni troppo pacati del Dr. Majo mi sono parsi molto elequenti sul destino futuro del Parma e più ancora sulla “tenuta ” di questa proprietà.
    Un bravo ad Angella ed un bel 5+ a Boni al quale rimprovero la proposta di Commissariare il Parma perchè non solo irreale e fantasiosa, ma contraria a quasiasi norma di diritto.
    Forse un poco di calcio giocato avrebbe offerto un “diversivo” a questa discussione sul futuro della Società (che ormai sembra ai più destinato ineluttabilmente sul binario del fallimento).

  • 13 Febbraio 2015 in 09:35
    Permalink

    Buongiorno direttore, è a conoscenza anche lei delle dimissioni di leonardi di oggi?
    Secondo rumors si è dimesso dopo la conferenza stampa di mercoledi e oggi ufficializza.

    • 13 Febbraio 2015 in 10:11
      Permalink

      smentisco.
      leo svuotera’ il sacco raccontando la sua verità ma non si dimette

      • 13 Febbraio 2015 in 12:16
        Permalink

        Verrà a prendere in giro, lo ha fatto fino ad oggi.
        Come ci ha detto che era inca….. perchè era un ingiustizia non andare in europa, che il Parma era una società sana.
        L’unica possibilità che ha di salvarsi è che almeno habbia i documenti dimostranti che si è opposto al “regalare” 200.000.000 di debiti o quello che è a uno che non ha nemmeno i soldi per piangere.

        Sarà così sbruffone che in una situazione dove è tutto in malora alzerà anche la voce, tanto lo spiegherà alla finanza quello che ha fatto, ormai trova solo da lavorare in un benzinaio diTaci in Albania

  • 13 Febbraio 2015 in 10:14
    Permalink

    Scusi direttore ok svuotera il sacco, ma visto che nel sacco c’era anche lui cosa puo raccontare di diverso di aver preso per il culo tanta GGGENTE per 5 o 6 anni. Se e’ un uomo chiede scusa e si dimette….comunque vedremo,…..

      • 13 Febbraio 2015 in 10:18
        Permalink

        se sputtana Ghirardi già mi basta..tanto fra qualche giorno ci sarà chi sputtanerà lui!

  • 13 Febbraio 2015 in 10:16
    Permalink

    Soldi neanche l’ombra…giusto?

  • 13 Febbraio 2015 in 10:18
    Permalink

    Si dimette stavolta non lo ha detto ne a lei ne alla moglie…….e uno scoop lo scriva che arriva primo………x i sassolini non fa conferenze andrebbe in una tv amica non rischierebbe la fossa deileoni sa che per un sassolino rischierebbe un macigno oggi saluta banda e suonatori

    • 13 Febbraio 2015 in 10:21
      Permalink

      e la tv amica chi sarebbe ? tv parma ? comunque se vuole scommettere un pranzo dall’antonia sulle dimissioni io ci sto. se leo si dimette offro io, se resta in sella offre lei…

  • 13 Febbraio 2015 in 10:24
    Permalink

    Scusi direttore ma abbiamo ancora una sella…..
    Lunedi suoneranno le campane, qualcuno capirà………..

    • 13 Febbraio 2015 in 10:32
      Permalink

      Esatto

      • 13 Febbraio 2015 in 10:50
        Permalink

        mat ieri sera ho visto alekperov che faceva gasolio a Parma…girava anche lui in skoda…

      • 13 Febbraio 2015 in 11:14
        Permalink

        mat scusa ci può dire qualcosa in più…almeno da farci capire qualcosa….

    • 13 Febbraio 2015 in 10:53
      Permalink

      Può essere che ci sia ancora una sella…il problema è che sotto c’è un cavallo con le orecchie da coniglio… (indovina che animale è) 😉

  • 13 Febbraio 2015 in 10:25
    Permalink

    Ma come quale sarebbe…Mapi Channel no?!!!! 😉

  • 13 Febbraio 2015 in 10:53
    Permalink

    Che farsa anche sto Leonardi. Convocare una conferenza stampa per “pulirsi l’anima” ? Ma ormai non ce ne frega più niente di lui o di chi c’era prima, noi vogliamo notizie (se esistono) sul presente e sul futuro, altrimenti vada a quel paesello anche lui. Majo anche oggi dovremo berci tanta fuffa e niente carta che canta ? Fi che do bali !

    • 13 Febbraio 2015 in 11:37
      Permalink

      però siete belli come il sole. quando per qualche settimana era sparito tutti a dire che doveva parlare. adesso che parla non ve ne frega del passato…

      • 13 Febbraio 2015 in 12:16
        Permalink

        La correggo con la matita rossa direttore, se parla in generale ci potrebbe anche stare, personalmente da quando Ghirardi è partito per me non esiste più e non ho mai capito tutti quei ragionamenti un po’ traghettini da intrigo capitalistico/finanziario di chi legge troppi gialli.

        Leonardi avrà fatto anche cazzate ma non cerco vendetta, non mi frega e non l’ho mai cercata, ho sempre cercato e voluto in primis la salvezza del Parma e tutte le notizie in quel senso. Resto con i piedi per terra, mi faccio ed espongo le mie opinioni a secondo delle notizie che trovo nel merito e, se ha modo di leggermi, non tiro mai in ballo le eventuali colpe di Ghirardi o Leonardi. Voglio solo notizie e neuroni. Vendette e dietrologie le lascio ad altri e se qualcuno ha commesso illegalità ci penserà la magistratura e non di certo gli avvocati o legisti alla Boni o alla google search.

        Esattamente per questi motivi, se oggi Leonardi utilizza una conferenza solo per “pulirsci l’anima” preferisco fumarmi un bel sigaro, tanto fumo per fumo. Saluti

        • 13 Febbraio 2015 in 12:29
          Permalink

          Più che per pulirsi l’anima lui è più facile per rendere un po’ meno immacolata quella di altri che lo hanno preceduto mentre era silente…

          • 13 Febbraio 2015 in 12:50
            Permalink

            Tempo perso comunque, fuffa che non servirà a niente (pragmaticamente parlando) e mezze verità con minacce similvelate da bullo di quartiere…. Confido nelle domande che farà Majo per cercare di ottenere chiarezza sul presente più che sul passato. saluti & buon lavoro

      • 13 Febbraio 2015 in 12:39
        Permalink

        A me interessa la conferenza nel momento in cui si chieonoe a Leonardi i dettagli economico finanziari, . Io supplico i giornalisti di essere i più curiosi possibile entrando nello specifico. Chiedere ad esempio dei 400mila euro per le lenzuola che anzichè portarle in lavanderia si prendevano nuove, dello scambio con il genoa che portò a Parma Palladino con un ingaggio di un milione all’anno, Pozzi anche lui portato a Parrma con un ingaggio di poco meno il milione, del costo della mensa aziendale che al mese secondo Giordano pagava il fornitore 12mila euro all’anno, dell’intuile Media Sport Event di Roma….e possiamo andare avanti all’infinto. C’è da spulciare tutti i conti aziendali, e magari i flussi bancari. Lo so, non vi darannno mai i libri sociali ma voi dovete indagare il più possibile. Questo è l’unico senso della conferenza. Io vorrei che voi giornalisti siate più “stronzi” dei revisori contabili quando vengono in azienda a fare un auditing. Invito tutti a ricordarsi che lui è stato l’AD del Parma per 6 anni. Delle scuse di Leonardi e del fatto che ha semplicemente sbagliato a fare certe operazioni di calciomercato non me ne frega nulla. C’è da mettere sotto torchio Leonardi sui costi anche se non avete accesso a dati sensibili. Oggi dirà che ha lavorato senza soldi e che si scusa perchè ha sbagliato. Ma il punto non è questo. Io invoco la GdF come tifoso e abbonato per fare chiarezza sui 100 milioni posizione finanziaria netta.

  • 13 Febbraio 2015 in 11:05
    Permalink

    A dir la verità questa conferenza di Leonardi mi ha un pò spiazzato, pensavo che la facesse dopo i pagamenti. Ho è così sicuro di Manenti o è un pazzo. Capisco il suo desiderio di sputare fango, ma deve stare in campana perchè se le cose non andranno nel verso giusto si sputtana a vita più di quanto abbia fatto sino ad ora. Attaccare Taci gli verrà facile (dalla quale trattativa si allontanerà facendo ricadere la sceltà sul Ghiro, anche se Giordano aveva parlato di lui come uno degli artefici) mentre su Ghiradi dirà sicuramente qualcosa però bisogna ricordargli che se siamo messi così è anche colpa sua non solo di Ghirardi, la società è stata gestita da entrambi anzi forse a mio parere ci ha messo più Leonardi. Comunque sono curioso. Mi stupirà se farà delle scuse…..

  • 13 Febbraio 2015 in 11:07
    Permalink

    Faranno la diretta a Radio Parma?

    • 13 Febbraio 2015 in 11:40
      Permalink

      confermo. il coordinatore di redazione di radio tv parma Giuseppe Milano mi ha riferito che ci sarà la diretta radiofonica integrale. poi stasera alle 21 10 le riprese video in tv
      cordialmente
      gmajo

  • 13 Febbraio 2015 in 11:16
    Permalink

    DIRETTORE…
    se oggi va alla conferenza stampa del povero cristo può chiedere come mai non è stata venduta la società ai qatarioti? quali garanzie ha dato TACI in più di loro?
    E SE EFFETTIVAMENTE L’UPI C’ENTRA QUALCOSA IN QUESTA STORIA? (non sto urlando è solo per far risaltare ciò che è importante)
    Cordialmente

    • 13 Febbraio 2015 in 11:30
      Permalink

      sulla storia di taci anziché i qatarioti non è certo leonardi a dover rispondere. mica era suo il parma.
      cmq che upi e sindaco avessero benedetto taci mi pare palese vista la nota cena. indubbiamente però anche il sigaro dialogava parecchio con la pipa.
      cordialmente
      gmajo

  • 13 Febbraio 2015 in 11:17
    Permalink

    Ragazzi oggi Manenti è in Lega con Agnelli, Marotta ecc… che brutta figura facciamo. Secondo me farà comunella con Ferrero anche per ragioni di investimenti sai come decollerà Mapi Channel…

    • 13 Febbraio 2015 in 11:36
      Permalink

      Manenti è in buona compagnia di persone pulite serie e oneste in lega secondo me si fa molta fatica a trovarne

  • 13 Febbraio 2015 in 11:54
    Permalink

    Majo lei è il nuovo addetto stampa di Leonardi?

    • 13 Febbraio 2015 in 12:00
      Permalink

      no. e piantiamola lì di rompere i coglioni con questa storia

  • 13 Febbraio 2015 in 12:11
    Permalink

    FIGA MAT!!! DOVE SONO I SOLDI DELLA GAZPROM-LUKOIL-GOVERNO KAZAKO-GALP?

    • 13 Febbraio 2015 in 12:36
      Permalink

      è tutto predispsto

    • 13 Febbraio 2015 in 12:50
      Permalink

      Io ti consiglio di tenere un profilo basso

  • 13 Febbraio 2015 in 12:13
    Permalink

    A che ora è la conferenza? Parlerà solo del passato o anche del futuro?

    • 13 Febbraio 2015 in 12:25
      Permalink

      Del passato parecchio, perché è già scritto. il futuro ancora no

      • 13 Febbraio 2015 in 12:40
        Permalink

        Majo se mai avrà la possibilità di fare delle domande vorrei poterle suggerire qualche spunto:
        1) Picchi forte sulle tempistiche di vendita di Ghirardi (Maggio-Dicembre un po tanto)
        2) Le offerte pervenute quali e perchè rifiutate
        3) Taci la vicenda chi era il socio russo
        4) UPI ed il cenone
        5) Perchè non c’è stato a suo tempo il cambio tecnico del mister
        6) debito e cifra di vendita perchè giordano ha ammesso che ad ogni euro in più scoperto si scalava dal pattuito

        • 13 Febbraio 2015 in 12:49
          Permalink

          Guardate che sulla vendita il Leo non c’entra un tubo. E’ stato Ghirardi a vendere alla Dastraso, mica il Leo. Così come stavolta è stata Dastraso a vendere a Manenti. Poi che lui abbia presentato l’opportunità Manenti alla Dastraso è un altro discorso. Quindi le domande dalla 1 alla 4 non mi paiono pertinenti.

          Sulla cinque ci si può riflettere: ma in ogni caso, sul cambio del tecnico come per qualsiasi altra situazione, il potere decisionale ultimo è del proprietario

          Cordialmente

          Gmajo

          • 13 Febbraio 2015 in 12:55
            Permalink

            Si ma il Plenipotenziario degradato è ed è stata persona informata dei fatti….e se (dio non voglia,ma credo che il dado è tratto e questa conferenza mi sa tanto di dichiarazione pubblica preventiva al futuro linciaggio mediatico) fallisce il Fc Parma Pietro Leonardi sale in prima fila nella giostra della giustizia italiana e a livello lavorativo è bruciato.

          • 13 Febbraio 2015 in 13:02
            Permalink

            Questo è un altro discorso. Ma non può rispondere Leonardi della vendita fatta da Ghirardi. E’ ovvio che il Plenipotenziario potrà/dovrà spiegare la gestione, perché quella è roba sua. Ma sulla vendita a Taci chi può rispondere è solo Ghirardi, il quale aveva dichiarato che i parmigiani lo dovranno ringraziare anche per questo (già anche per questo!) avendoci messo in mani solide… E dire che ha anche mandato i suoi uomini in Albania per accertarsi di tutto…

  • 13 Febbraio 2015 in 12:21
    Permalink

    Verrà lì ed alzerà la voce, gente così dovrebbe nascondersi nelle grotte e mandare i video su youtube come Bin Laden e mina.

    Finirai in carcere Leonardi, nessuno ti salverà.

  • 13 Febbraio 2015 in 12:23
    Permalink

    Direttore chiudere e passare al piano c.
    Portare alla svelta i libri in tribunale e sperare in un fallimento pilotato.
    Io credo solo a questo……..
    Diversamente pensare a San Secondo…

    • 13 Febbraio 2015 in 12:53
      Permalink

      Che do bali con sto cazzo di fallimento pilotato! Se lo si voleva fare i tempi erano altri: non questi. Intanto perché dopo le due istanze già presentate (con successiva desistenza) gli scenari sono diversi. E poi non ci sono i tempi tecnici.

  • 13 Febbraio 2015 in 12:38
    Permalink

    Direttore, lei pensa che Leonardi oggi parlerà a bonifici non avvenuti ancora? O si pavoneggierà dei suoi meriti sapendo dell’eventuale bonifico già arrivato a destinazione?

    • 13 Febbraio 2015 in 12:51
      Permalink

      Non mi risulta che i bonifici siano a destinazione, e l’improvvisa conferenza stampa penso che gli serva appunto per poter raccontare la sua verità indipendentemente dall’arrivo dei soldi

  • 13 Febbraio 2015 in 12:50
    Permalink

    che eleganza direttore… immagino che ora Leonardi sia diventato il salvatore della patria

    • 13 Febbraio 2015 in 12:59
      Permalink

      Non è un discorso di eleganza. E’ che mi stanno sulle palle le insinuazioni degli invidiosi e dei cattivi. Di gente che parla perché ha sempre secondi fini e che pensa che io sia della stessa risma o pasta loro. Peccato che io sia un po’ diverso.

      E faccio presente a lor signori che non ho avuto alcuna remora un paio di mesi fa, quando andava di moda gettare nella merda Ghirardi, difendere quest’ultimo, benché fossi il suo nemico, come da lui pubblicamente dichiarato, ricordando che c’era un armatore e un ammiraglio.

      Estrema giustizia e schiena diritta. I secondi fini li lascio ai questuanti e ai voltagabbana e ai poverini.

      Saluti

      Gmajo

      • 13 Febbraio 2015 in 13:19
        Permalink

        Sig. Majo, lei è un bravo giornalista, ma in questo momento, in cui lei ha una posizione di spicco (è innegabile ) mi sembrerebbe più corretto, cercare prendere una posizione di rigetto ed allontanamento dalle persone che hanno portato il Parma in questo stato.
        Invece noto che i commenti riferiti al sig. Leonardi sono quasi di appoggio, dimenticando tra l’altro i commenti che si leggevano in queste pagine non troppi anni fa.
        Credo che se si vuole il bene del Parma, anche i giornalisti dovrebbero prendere una posizione per allontanare i mali, altrimenti è un cane che si morde la coda.
        Sempre se si vuole il bene del Parma eh…altrimenti nulla da dire.
        Saluti

        • 13 Febbraio 2015 in 13:32
          Permalink

          Vede: io quello che dovevo dire su Ghirardi e Leonardi l’ho fatto per sette lunghi anni. Non mi piace accodarmi ai forcaioli dell’ultima ora. Non mi sono mai rimangiato una riga di quel che ho scritto su entrambi né intendo farlo ora. Sono di una pasta diversa.

          Il bene del Parma: si fa presto a parlare del bene del Parma… Chi ha il diritto di parlare di bene del Parma? Quelli che ora scrivono Leonardi vattene dopo aver fatto lingua in bocca con lui per anni… Ma per piacere. C’è modo e modo di avere dignità e onestà intellettuale.

          E il bene del Parma qual è? Fallire? Perché così – tardivamente – hanno deciso i poteri forti, quelli che si erano seduti al desco di Taci credendo alla favoletta dei 150 milioni di euro già pronti da buttare sul tavolo?

          No, mi dispiace: io non mi schiero con i giustizialisti dell’ultima ora e con gli indignados. Non mi va di fare squadra con questa gente

          • 13 Febbraio 2015 in 13:39
            Permalink

            Sig. Majo io non ho detto niente di quello che ha scritto. Mi sembra una valvola di sfogo partita da un altro argomento.
            Non gli ho nemmeno chiesto di allacciarsi ad una schiera di lecchini che ora lo vogliono steso su una tangenziale in giornata da bollino rosso.
            Ho semplicemente evidenziato come, adesso che veramente c’è il bisogno di sostenere una certa posizione questa è svanita, e non riesco a trovarne il motivo…tutto qui…

          • 13 Febbraio 2015 in 13:49
            Permalink

            Io la posizione l’ho sempre sostenuta e continuerò a farlo con il mio stile, la mia onestà e la mia intelligenza. Non mi piacciono i linciaggi, non mi piace la folla, non mi piace il branco. Se adesso c’è chi si esibisce in un certo senso, faccia pure. Io ho dato il mio, inascoltato, per sei anni. Adesso non ho bisogno né di dire ve l’avevo detto, né di infilare il pugnale fino all’elsa.

          • 13 Febbraio 2015 in 13:42
            Permalink

            il bene del Parma non è certo fallire ( o forse si) ma allontanare la gente che l’ha sfruttato per propri interessi personali. E’ un discorso semplice.

          • 13 Febbraio 2015 in 13:59
            Permalink

            Infatti io mica sto qui a dire che Leonardi deve restare a vita nel Parma. Io l’ho scritto qui e pure detto in tv: il principale interesse del Plenipotenziario è quello di sfangarla lui, mica sono scemo a non saperlo, né sono disonesto da nasconderlo ai miei lettori. Semplicemente, però, lui, nel suo cercare comunque di darsi da fare per trovare una soluzione (mentre altri stanno in giro a fare gli stalker telefonici ai giornalisti per crisi d’astinenza da riflettore, o a fare i viveur) contemporaneamente, a suo modo, cerca di fare il bene del Parma.

            Io credo che in questo momento il bene del Parma non sia il fallimento (per quello pilotato non c’è più tempo, se c’era questa volontà dovevano svegliarsi) ma il cercare di salvare il salvabile. Ero scettico su Taci (che ci ha dato il colpo di grazia definitivo con le sue mosse da scacchista, il suo fare il garsunon ad appaire e scomparire e senza fare mercato, al di là dei comunque validissimi innesti di Rodriguez e Varela, quando però gli ultimi buoni erano già scappati dalla stalla) per cui con entusiasmo direi persino infantile avevo celebrato la sua dipartita. A Manenti ho concesso più credito perché tanto è come bere una pozione quando hai già ricevuto l’estrema unzione e la sanità normale non ti apre e non ti chiude, ché i giochi sono fatti. Se miracolosamente questi fa saltar fuori il grano e paga il Parma si salva – e con esso dipendenti e fornitori – se non ci riesce vorrà dire che avrà aggiunto un po’ di colore a una vicenda i cui capitoli principali erano già stati scritti. Quindi quelli che vengono qui a fargli la radiografia o domande che avrebbero dovuto far prima ad altri mi sembrano ridicoli, specie se si tratta delle stesse persone che mi davano del rompicoglioni a me prima. Io alla testa del branco dei vendicatori non mi ci pongo. Ho valori diversi.
            Saluti
            Gmajo

          • 13 Febbraio 2015 in 13:58
            Permalink

            Sig. Majo alcune volte le folle non sono sempre espressioni di ignoranza. Molti diritti nel nostro paese li abbiamo ottenuti da rivoluzioni non certo di 2 o 3 persone. Quello che intendo dire è che probabilmente proprio ora è il momento di schiacciare sull’ acceleratore…non di rimettere la prima.. saluti

          • 13 Febbraio 2015 in 14:00
            Permalink

            Io non rimetto la prima. E i miei articoli, i miei commenti e le mie ospitate tv lo testimoniano. Ma io non uccido un uomo morto

          • 13 Febbraio 2015 in 14:10
            Permalink

            il Parma che era già morto l’hanno però ucciso più di una volta…alcune volte usare la stessa moneta ripaga…

            a risentirci

  • 13 Febbraio 2015 in 13:00
    Permalink

    Majo l’accordo era che siccome il ciccione non ha voluto vendere a manenti..ci ha pensato taci che poi lha girata a manenti..tutto calcolato e predisposto!..e di soldi in tutto questo bel giretto.. nisba! È così semplice..

    • 13 Febbraio 2015 in 14:07
      Permalink

      No. Non è così. Forse continua a sfuggirvi un particolare che ho già scritto qui alcune volte e che ho detto iersera in tv e che sono convinto che oggi Leonardi non potrà smentire.

      Le cose sono andate così la domenica di Parma-Milan (quella famosa del Televideo di Manenti…), si presentano – accompagnati da un paio di professionisti locali – a casa Leonardi, ove quest’ultimo era “ricoverato” nel pieno del suo “infortunio” – Manenti & C. per manifestare il proprio interesse per il club. Quel giorno, però, Manenti viene respinto, poiché era atteso l’arrivo di Taci, assieme al mitico socio russo e alla sua vagonata di milioni, come da rassicurazioni dello stesso petroliere albanese. Alla notte, dopo la partita, si presenta a casa Leonardi Ermir Kodra riferendo che Taci aveva deciso di ritirarsi dalla partita e che dunque avrebbe provveduto entro mercoledì a portare i libri in tribunale. Leonardi, a quel punto, decide di richiamare in fretta e furia gli interlocutori che aveva liquidato il pomeriggio e fa partire la lotta contro il tempo mettendo in piedi questa situazione. Ovviamente coinvolge tutte le parti interessate per il passaggio (perché chi ha venduto è la Dastraso, di cui era amministratore Doca) che si perfeziona giovedì scorso nello studio del notaio Rubinetti di Codogno.

      Saluti

      Gmajo

  • 13 Febbraio 2015 in 13:04
    Permalink

    Concordo che il leo conta come il due di bastoni..con sotto coppe!

    • 13 Febbraio 2015 in 13:14
      Permalink

      Questo nel discorso della vendita a Taci, beninteso

  • 13 Febbraio 2015 in 13:07
    Permalink

    Majo è il giornalista con la schiena più dritta di Parma, e non a caso ha un blog. Poi possiamo disquisire su quello che scrive, sul suo stile, ma sino a prova contraria non si è mai piegato a novanta e non va a cena con nessuno dei dirigenti del parma in privato facendosi chiudere il ristorante….
    Spero che Majo sia un cane in conferenza dato che da certa gente non mi aspetto molto, soprattutto di chi chiamava i dirigenti con un amichevole “Tom” e “Pietro”

    • 13 Febbraio 2015 in 13:11
      Permalink

      Eh sì, ma adesso sono diventato l’addetto stampa personale di Leonardi, per cui non posso più. Scusate

  • 13 Febbraio 2015 in 13:14
    Permalink

    Chapeau Majo! Ormai sta gente ha davvero fiaccato, non merita nemmeno risposta, invece lei giustamente risponde!
    Vede Marchino la vera eleganza dove sta? Ormai iv fiachè al bàli!

    • 13 Febbraio 2015 in 13:36
      Permalink

      Grazie… Oltre a Marchino c’è anche una mia vecchia conoscenza – il quale come magheggi non ha niente da invidiare ai protagonisti principali di questa faccenda – che si diverte spesso a venire qui (e magari si lamenta se gli cestino i commenti, cosa peraltro che ho fatto solo una volta dopo che mi aveva fatto perdere la pazienza, salvo poi ripescarlo cambiandogli il nick name e mettendone uno con assonanza al suo cognome…) ad accusarmi una volta di salire sul carro di Giuli, una volta su quello di Leonardi, una volta su quello di Manenti, una volta su quello di Taci, forse perché lui ha uno spessore umano di quel tipo per cui tutto quello che fa ha secondi fini. A me ‘ste cose non interessano: le lascio ai piccoletti, agli invidiosi, a quelli che dormono in piedi e pensano solo che se io ho una notizia c’è chi me l’ha spifferata, solo perché sa lavorare solo così… Che tristezza…
      Cordialmente
      Gmajo

      • 13 Febbraio 2015 in 13:53
        Permalink

        Caro Daniele, questo sito è diventato famoso grazie anche alla parte “commenti” dove il sig. Majo ha giustamente investito con ottimi risultati quindi il “meritare” risposta mi fa un po ridere…

        Detto questo ho argomentato quello che ho detto, quindi una buona volta leggere puo essere molto d’aiuto…

  • 13 Febbraio 2015 in 13:16
    Permalink

    Secondo lei perché uno può fare cosi brutta figura senon paga cioè ci ha anche messo la faccia

    • 13 Febbraio 2015 in 13:33
      Permalink

      Penso che sia l’ultimo dei suoi problemi. Ma non chiedetemi di trovare una logica in cose che di logico hanno ben poco e che per questo faccio una fatica del diavolo ad interpretare

      • 13 Febbraio 2015 in 13:40
        Permalink

        Di logico c’è poco e un rebus colpi di scena uno dietro l’altro

  • 13 Febbraio 2015 in 13:21
    Permalink

    Secondo me è incazzato con il Ghiro…il 30 Maggio è andato in vacanza tornando a Settembre, Leo ha dovuto sobbarcarsi non proprio volutamente tutta la baracca e magari ha amplificato i casini che stiamo vivendo ora.

  • 13 Febbraio 2015 in 13:28
    Permalink

    Direttore ci potrebbe essere una figura diciamo come bondi che tiri avanti la baracca fino alla fine di questo infausto campionato e che nel frattempo si lavori per un nuovo compratore serio che garantisca almeno la serie b magari coinvolgendo anche l upi o qualche azienda del territorio per evitare la catastrofe?

    • 13 Febbraio 2015 in 13:42
      Permalink

      Non penso sia possibile. Bondi era un commissario straordinario che ci siamo ritrovati a guida del Parma quando questo era nella sfera Parmalat: ricordiamoci che la Legge Marzano era stata fatta per salvaguardare i posti di lavoro della Parmalat. Poi il Parma ne ha beneficiato perché era stato bravo Baraldi a convincere Bondi a salvarlo, e poi insieme a far capire – inedito nel calcio – che una società in ristrutturazione era diversa rispetto a una società fallita, riuscendo a mantenere il titolo sportivo, altrimenti da perdersi. Il calcio a Parma fu salvato così.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 13 Febbraio 2015 in 13:41
    Permalink

    Direttore, innquesti giorni c è stata una rincorsa a chi sparava la cifra piu alta in merito al debito del parma. Lei pensa che oggi sapremo qualcosa di piu dettagliato? Perchè una conferenza stampa per rivelare qualcosa che avrebbe potuto riferire a chi didovere nei modi e tempi piu idonei?

    • 13 Febbraio 2015 in 13:43
      Permalink

      Penso che Leonardi si fosse stancato di sentire le verità degli altri, senza poter dire la sua.

      In merito al debito del Parma indubbiamente Leonardi dovrebbe esser più preparato di altri a riferircene la reale portata.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 13 Febbraio 2015 in 14:05
        Permalink

        Majo, ti preparo su un argomento che Leonardi potrebbe dire . Leonardi mettiamo che dica: “ho dovuto lavorare senza soldi perchè Ghirardi non ha mai fatto aumenti di capitale ecc ecc”. Sicuramente dirà questo e te puoi essere fulmineo nel replicargli che nelle sue conferenze stampa precedenti (ricorderai) disse che Ghirardi aveva buttato nel Parma oltre venti milioni, lo disse proprio Leonardi. Inoltre gli puoi ricordare di 45 milioni di prestiti che risultano in bilancio come debiti,da parte di Eventi Sportivi. Quindi se lui dice che non ha avuto soldi lo puoi in una frazione di secondo smentirlo con questo.

  • 13 Febbraio 2015 in 15:49
    Permalink

    Ho avuto un’illuminazione.sono sempre più certo che questi soldi arriveranno, molto diluiti, ma arriveranno. C’è un giocatore del parma che si è tadito e che sa tutto: cristian rodriguez. si vede che è un ragazzo sveglio ma ha fatto una grande gaffe, ha detto:”Da fuori non si sanno molte cose, io ad esempio credevo che il problema della squadra fosse solo di risultati, le difficoltà in classifica, però non è solo quello. Non sapevo che i giocatori fossero in arretrato con gli stipendi di sei mesi”. davvero non lo sapeva? certo che lo sapeva!, a cosa servono sennò i procuratori che sono le “parrucchiere” nel calcio, ma sapeva anche che c’erano altre garanzie sotto.chiedetevi perchè lui è sempre il migliore in campo. majo, provi a torchiare il ragazzo, vedrà dai suoi occhi che sa molto più degli altri

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI