lunedì, Marzo 4, 2024
NewsVideogallery Amatoriale

CERRI: “LA SITUAZIONE DEL PARMA, SOCIETA’ IMPORTANTE NELLA STORIA DEL CALCIO ITALIANO, E’ BRUTTA DA VEDERE” (video)

alberto cerri(gmajo) – Il prezioso collega Pier Paolo Di Nenno di sportag.it, iersera mi ha segnalato il video della conferenza stampa di Alberto Cerri alla ripresa degli allenamenti in vista di Virtus Lanciano-Brescia. Dal minuto 4.10, proprio grazie a una sua domanda, il Golden Boy dello scorso Torneo di Viareggio è intervenuto sulle tormentate vicende societarie del Parma: “Sicuramente mi dispiace per la società, per i compagni di squadra e soprattutto per i ragazzi, i collaboratori e i magazzinieri, lo staff, tutti, a partire da chi lavora con i 2001 a chi lavora fuori dal campo. Sicuramente è una posizione del Parma che è brutta da vedere proprio per il Parma, perché è una società che nella storia del calcio italiano è sempre stata presente con importanza e quindi speriamo che si risolva tutto al meglio. Il mio futuro? Io adesso penso a finire qui a Lanciano la mia parte di campionato e poi vedremo.” Il giornalista gli ha anche chiesto della rescissione di Cassano: “Io non ero nello spogliatoio con loro e quindi non mi permetto di entrare nelle loro scelte o di giudicarle. Se l’ha fatta ci saranno stati sicuramente dei motivi, ma io non posso essere né in disaccordo, né in accordo: avrà fatto le sue giuste scelte che per lui erano giuste ed auguro ad Antonio, o a Felipe e agli altri di continuare a far bene come stavano facendo”.

Alberto Cerri, che durante l’ultima sessione di mercato il Parma non è riuscito a riportare a casa, anche se l’interessato fa lo gnorri (“Io, nell’arco del mercato non sono stato chiamato una volta, quindi, tutto bene, non sapevo niente”) è ormai guarito dal grave infortunio occorsogli durante la gara della Virtus Lanciano contro la Pro Vercelli (2-0) del 28 ottobre 2014, nel quale aveva riportato un trauma al ginocchio sinistro con parziale interessamento del legamento crociato posteriore e la lussazione della rotula. Il giovane attaccante si era sottoposto il 13 novembre scorso a Parma ad un intervento artroscopico di sutura del legamento alare lacerato durante l’evento traumatico. A proposito delle sue condizioni queste le sue parole pronunciate ieri: “Ci siamo? Diciamo di sì. pronto è una parola grande per adesso. Sto bene, il ginocchio non mi dà più problemi debbo recuperare la condizione fisica che per uno come me, con la mia corporatura sarà difficile, però mi sto impegnando in tutti gli allenamenti al massimo per tornare al più presto possibile. Io sono già pronto per fare dieci minuti o un quarto d’ora: nell’arco di tempo che il mister mi metterà a disposizione cercherò di dare tutto, ma vengo da tre mesi di infortunio, durante i quali non ho fatto niente, sono stato operato e quindi per riprendere al 100% della condizione, anche in quei dieci o quindici minuti, non sarà facile”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".