CONTRORDINE PARMA-UDINESE NON SI GIOCA. TAVECCHIO: NO ALLE PORTE CHIUSE

image

(da Figc.it) – Rinviata la partita Parma-Udinese in programma domenica 22 febbraio allo stadio “Tardini”. Lo ha deciso oggi il presidente della Figc Carlo Tavecchio dopo “aver preso atto del provvedimento, con cui il Prefetto di Parma ha disposto che la gara Parma- Udinese del Campionato di Serie A 2014/2015 programmata per il giorno 22 febbraio 2015 possa  svolgersi esclusivamente a porte chiuse; sentita l’Associazione Italiana Calciatori e l’Associazione Italiana Allenatori di Calcio che hanno espresso il disagio dei calciatori e degli  allenatori di entrambe le squadre a giocare a porte chiuse; sentito il Sindaco della Città di Parma e d’intesa con il Presidente della Lega Nazionale Professionisti Serie A”. a gara Parma-Udinese è stata rinviata ad altra data che verrà fissata dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

98 pensieri riguardo “CONTRORDINE PARMA-UDINESE NON SI GIOCA. TAVECCHIO: NO ALLE PORTE CHIUSE

  • 20 Febbraio 2015 in 18:01
    Permalink

    Oh, w la chiarezza!

  • 20 Febbraio 2015 in 18:02
    Permalink

    si sa’ se e’ stata gia’ proposta o fissata u n altra data?

  • 20 Febbraio 2015 in 18:03
    Permalink

    Ci sono informazioni se e’ stata proposta un altra data per
    giocare questa partita?

      • 20 Febbraio 2015 in 18:42
        Permalink

        cioe’ mai piu’,a genova ci vanno in autostop ?

  • 20 Febbraio 2015 in 18:03
    Permalink

    Sera majo
    Manenti e’ sparito o hai provato a chiamarlo ancora?
    Grazie Luca s

    • 20 Febbraio 2015 in 18:37
      Permalink

      ai colleghi di mediaset ha detto che dopo un’ora sarebbe arrivato. l’ora sta scadendo

    • 20 Febbraio 2015 in 18:33
      Permalink

      a me le fonti piacciono ufficiali e nonostante la mia proverbiale prudenza mi è toccato di scrivere tutto e il contrario di tutto visto che il prefetto dice a e la figc b. anche se era meglio c

  • 20 Febbraio 2015 in 18:11
    Permalink

    ah ecco…. prima infatti non capivo….

  • 20 Febbraio 2015 in 18:13
    Permalink

    ps: così niente incasso, saranno contenti quelli che erano già pronti a pignorarlo

    • 20 Febbraio 2015 in 18:43
      Permalink

      azz non ci avevo pensato,a proposito Majo sta storia di una nuova inchiesta e’ falsa come quell’altra ? io intervisterei il colonnello

  • 20 Febbraio 2015 in 18:15
    Permalink

    ps 2: e adesso qualcuno dirà che anche questo è stato pensato apposta dai “poteri forti” per far mancare ulteriore liquidità alle gi svenate casse del Parma

  • 20 Febbraio 2015 in 18:26
    Permalink

    contrordine una cippa ! 😀

  • 20 Febbraio 2015 in 18:31
    Permalink

    il problema direttore è solo1: siamo ancora una volta in ostaggio…questa volta di Manenti…

    non trova i soldi che forse qualcuno gli aveva promesso…per non si sa quale motivo i libri in tribunale lui non li porta…la FIGC non sa cosa fare….dovrebbero sostenerci loro fino alla fine del campionato, dopo un eventuale fallimento, ma se lui non porta i libri in tribunale hanno le mani legate…

    i dipendenti comunque non prenderanno un soldo…

    il 16 marzo sarà comunque troppo tardi…

    insomma, game over

  • 20 Febbraio 2015 in 18:35
    Permalink

    Che ci sia stata un po’ di confusione nella vicenda e’ vero.

  • 20 Febbraio 2015 in 18:50
    Permalink

    OGGI ALLE 14.45 quando MANENTI è fuggito DAI CRONISTI CHE L’ASPETTAVANO HA PERSO credibilita’ IN MODO DEFINITIVO.Questo è un punto di non ritorno. Abbiamo perso tempo prezioso, Manenti non porterà mai i libri in tribunale, dobbiamo costringerlo a farl PER SALVARE IN EXTREMIS LA CATEGORIA. Dietro questa testa di legno c’è GHIRARDI ed è inutile signor Majo che dica il contrario. Alla fine vedremo se avrò ragione io avrà ragione lei. La conoscessi, scommetterei una cena.

    • 20 Febbraio 2015 in 20:10
      Permalink

      Velenoso, per salvare la categoria, ossia la serie B, con il fallimento, occorrono dei compratori che si accollino i “DEBITI SPORTIVI” che attualmente ammontano ad una cifra ce oscilla tra i 50 ed i 60 milioncini,(di euro naturalmente). In assenza di questi “generosoni” il Parma finirebbe di diritto nel campionato “eccellenza” e solo in caso vengano riconosciuti i “meriti sportivi” la serie D.

      • 21 Febbraio 2015 in 02:08
        Permalink

        i debiti sportivi sono circa 30, ma è la stessa cifra che basterebbe per tirare innanz mantenendo la categoria senza fallire…

        • 21 Febbraio 2015 in 10:41
          Permalink

          Temo che la cifra per salvare la categoria sia più alta…… comunque questo deve essere chiaro ai “fallimentaristi”: mentre per il caso Bari il “fallimento pilotato” è costato circa 7 milioni per il Parma ne costerebbe almeno 60. Quindi ok portare i libri in tribunale, ma con la consapevolezza che l’anno prossimo il derby lo fai col Lentigione.

          • 21 Febbraio 2015 in 10:49
            Permalink

            Parole sante (debbo preoccuparmi? o devi preoccuparti?)

  • 20 Febbraio 2015 in 18:57
    Permalink

    Ma mi tolga una curiosità Maio. Dopo questa fuga vigliacca di MANENTI, le da ancora credibilità o accetta in modo fantozziano questa mancanza di rispetto di Manenti verso tutti i giornalisti che aspettavano la sua uscita? NON SAREBBE ORA CHE ANCHE LEI COMINCIASSE AD ATTACCARLO?Ma sa che quelli come lei cominciano a contarsi sulle dita di una mano? Ma non pensa che se c’era qualcuno dietro di lui (e non solo Ghirardi,) i soldi sarebbero già arrivati?Dai Majo stacchiamo la spina , smettiamo quest’accanimento terapeutico. Facciamo morire il Parma senza farlo soffrire. Prolungare l’agonia non cambierebbe niente di niente anzi i dipendenti continuerebbero a lavorare senza prendere un euro.

    • 20 Febbraio 2015 in 19:10
      Permalink

      non vedo mapi-fughe. e il fallimento catartico mi disturba

      • 20 Febbraio 2015 in 21:57
        Permalink

        solito bastian contrario se tutti tenevano per manenti lei avrebbe tifato contro…….e adesso sogna i poteri forti ecccc solita tarantella

        • 21 Febbraio 2015 in 01:54
          Permalink

          Guardi, rispetto la sua opinione, ma visto che mi riguarda posso smentirla categoricamente. Io non faccio il buffone e non ho bisogno di essere pro o contro qualcosa come chi è dotato di un piccolino cervellino. E non parlo perchè ho la lingua in bocca, ma perché mi documento e so quel che dico e anche lo spiego. Quindi, come le ho risposto nell’altro commento, sono un bastian contrario nel senso che non mi accodo al comune pensare. E cerco di far funzionare il cervello.

          Saluti

  • 20 Febbraio 2015 in 18:59
    Permalink

    Cosa vuol dire ‘C’ Majo ? Secondo me Tavecchio ha l’unica cosa giusta della sua vita. Ma cosa era venuto in mente al prefetto?

    • 20 Febbraio 2015 in 19:08
      Permalink

      meglio il rinvio delle porte chiuse, ma io avrei preferito si ggiocasse regolare

      • 20 Febbraio 2015 in 19:14
        Permalink

        Pero’ non c’erano gli stewart, metti che capita qualcosa, dopo son cazzi amari

        • 20 Febbraio 2015 in 19:42
          Permalink

          rod stewart ……niente concerto

  • 20 Febbraio 2015 in 19:00
    Permalink

    Direttore non ho capito se la partita ci sara ma a porte chiuse o se é rinviata e quando ci sara sara a porte chiuse?grazie

    • 20 Febbraio 2015 in 19:07
      Permalink

      non si gioca e quando si recupera sarà a porte aperte

      • 20 Febbraio 2015 in 20:49
        Permalink

        chi le dà questa certezza, mi scusi?
        Io credo che se le condizioni generali non miglioreranno (e temo che, anzi, peggioreranno) perché è così sicuro che si giocherà regolarmente? In realtà, se non sbaglio, anche poche ore fa lei continuava a rispondere di non essere così sicuro (come altri intendo) che la partita non sarebbe stata giocata, ma mi sembra che le cose siano andate diversamente

        • 21 Febbraio 2015 in 02:04
          Permalink

          Mica faccio l’indovino. A me risultava che fossero stati convocati i capi degli steward per pagarli: poi ci sarà stato qualche contrattempo.

  • 20 Febbraio 2015 in 19:05
    Permalink

    Direttore per fare un Po di gossip di chi parlava mat il cazzaro?
    Ci da qualche info in più?

    • 20 Febbraio 2015 in 19:22
      Permalink

      vorremmo saperlo tutti…..

  • 20 Febbraio 2015 in 19:16
    Permalink

    Evitata almeno la pagliacciata di giocare a porte chiuse.
    Per favore non intervistate più manenti

    • 20 Febbraio 2015 in 19:21
      Permalink

      Manenti è il presidente del parma (e non l’ho nominato certo io, per cui non vedo perché non dovrei intervistarlo.
      saluti
      gmajo

    • 20 Febbraio 2015 in 19:44
      Permalink

      No…infatti è meglio sentir dire da Ghirardi che delle fatturazione false non ne sa nulla….molto meglio, no?

  • 20 Febbraio 2015 in 19:28
    Permalink

    La ditta errea fattura 100.000 al Parma fc… il Parma fc (GHIRO) modifica la fattura in 1.000.000…
    Escono 1.000.000 dal c/c del parma… con 100.000 pago la fattura i 900.000 idovinate dove vanno a finire?
    Errea denuncia ignoti per modifica fattura

    • 21 Febbraio 2015 in 02:51
      Permalink

      In realtà essendo sponsor tecnico è il parma a fare fattura ad errea… ed errea paga (in parte con le magliette e tutto il resto ed in parte in soldi, credo)
      non credo che abbiano usato questo stratagemma. Hanno usato il credito che avevano con errea a loro insaputa copiaincollando la firma per ottenere un finanziamento in banca

    • 21 Febbraio 2015 in 10:47
      Permalink

      In realtà è stato il Parma a fatturare ad Errea…presentando in banca la fattura a garanzia di un finanziamento da 4 mln

  • 20 Febbraio 2015 in 19:30
    Permalink

    Majo, se ha visto qualcuno entrare lo dica, non è più tempo di fare i misteriosi, qui la gente non ci sta più dentro…
    Suvvia, stiamo tutti sulla stessa barca… Condividiamole le cose

  • 20 Febbraio 2015 in 19:38
    Permalink

    Direttore si parla di una nuova cessione del Parma, questa volta a un mobiliere romano. C’è del vero in queste voci?

  • 20 Febbraio 2015 in 19:40
    Permalink

    Direttore ho visto la puntata ieri e ritengo si debba portare subito i libri in tribunale come auspicava il commercialista..Ma come possiamo ancora credere che un gruppo russo stacchi bonifici da 30 milioni di euro senza essere formalmente ne proprietari ne sponsor?? Mi associo anche io al consiglio di non intervistare piu’ Manenti, vi dice le stesse cose da due settimane ovvero che i bonifici stanno arrivando, non ha senso intervistarlo oramai…

    • 21 Febbraio 2015 in 02:12
      Permalink

      Ripeto: Manenti è il presidente del Parma e io lo intervisto.

      Per il fallimento pilotato – sempre ammesso che si possa fare, perché per me non ci sono le condizioni, anche se i poteri forti hanno spianato la strada con tutti proni ad obbedire – servono comunque 30 milioni di debiti sportivi e circa 10 per prendere il club all’asta. Poi mi spiegheranno chi li tira fuori… Se no è serie D. altro che salvare la categoria (senza dimenticare il grave danno per l’economia dell’indotto fornitori e dipendenti)

  • 20 Febbraio 2015 in 19:40
    Permalink

    Non si potrebbe andare tutti domani a vedere la primavera di hernan? Giocano a collecchio

  • 20 Febbraio 2015 in 19:46
    Permalink

    Ma scusi direttore il CDA c’e’ stato? Se si chi sono gli altri componenti?

  • 20 Febbraio 2015 in 19:48
    Permalink

    Comunque la sfangate,c’è uno pronto a subentrare a Manenti,uno del quartierino vicino alla madre di Ghirardi.

  • 20 Febbraio 2015 in 19:56
    Permalink

    Manenti non le parla, Majo?

    • 21 Febbraio 2015 in 02:08
      Permalink

      Io l’ho sentito qualche volta al telefono e quel che mi ha detto ve l’ho scritto

  • 20 Febbraio 2015 in 20:06
    Permalink

    Majo pubblica il comunicato dei boys aspettiamo anche te domenica al tardini ore 14

  • 20 Febbraio 2015 in 20:13
    Permalink

    Majo esclude ancora categoricamente che dietro a Manenti ci sia il suino?la voce è sempre più insistente. addirittura si dice anche che il mano sia ****

  • 20 Febbraio 2015 in 20:27
    Permalink

    Non ha elementi x pensate ad un coinvolgimento di Ghirardi dietro Manenti?

    • 21 Febbraio 2015 in 02:07
      Permalink

      Esatto. E chi lo sostiene (oltre a non avere prove, ma solo malevolenza) a mio modo di vedere dice una boiata pazzesca

  • 20 Febbraio 2015 in 20:30
    Permalink

    Ciao gabriele,
    Il presidente ha poi parlato o e ancora chiuso dentro?

  • 20 Febbraio 2015 in 20:30
    Permalink

    Alla fine si e’ anche capito perche’ l’upi non aiutava Tommy, con quella voragine…tanta solidarieta’ ai dipendenti e ai tifosi che soffrono, ma sentir parlare di calciatori alla fame e vederli entrare a collecchio con il ferrari…siamo sicuri che non saremmo retrocessi ugualmente?

    • 20 Febbraio 2015 in 20:41
      Permalink

      aldila’ di tutto la squadra e’ stata costruita in maniera improponibile come dissi dopo essere andato a vedere sti brocchi a carpi in amichevole…..certo e’ che per il resto sono andati aldila’ del mio piu’ contorto pensiero estivo.
      ormai e’ tre mesi che non parliamo piu’ di calcio e ci siamo scordati delle imbarazzanti prestazioni tecniche della squadra con buonapace del suo allenatore,ma ormai e’ preistoria
      mi spiace per voi ma io e’ da un po che ho metabolizzato sta robaccia,prevenire e’ meglio di curare…..

      buona cura a tutti 🙂

    • 20 Febbraio 2015 in 21:20
      Permalink

      E’ovvio che i giocatori non sono poveri…ma questo è un altro discorso. Ghirardi doveva aiutare se stesso ed è l’unico vero colpevole -insieme ai suoi collaboratori -della situazione attuale del parma calcio…

  • 20 Febbraio 2015 in 20:40
    Permalink

    STRavekkio è meglio ke rimane nella Capitale !!!!

    Battute e Cazzate per loro è una cosa Normale !!!!

    Tutti allo Stadio !!!! STRavekkio NON ci può Fermare !!!!

    Altro ke porte kiuse !!! Tutti a Cantare Ghiro Vai a CAGARE !!!!

    CON IL PARMA NEL BENE E NEL MALE !!!!!

    FORZA PARMA !!!! CROCIATI all’ Attacco

  • 20 Febbraio 2015 in 20:41
    Permalink

    Gabriele, a te risulta che la tavola sia già apparecchiata? Guarda, io ci spero, perchè da indiscrezioni sembrerebbe che Manenti non vuole proprio portare i libri in tribunale per un fallimento pilotato (di cui si è pure parlato con la Figc e sindaco) e soprattutto che ad oggi i poteri forti non abbiano mosso ancora un dito. Questo significa a tutti gli effetti la serie D.
    A te risulta che qualcosina si stia muovendo per evitare la serie D?

    • 21 Febbraio 2015 in 02:15
      Permalink

      Per me il fallimento pilotato non sta in piedi. e ho già spiegato più volte i motivi. Chi li paga i 30 ml di debiti sportivi? sarà utopia ma c’è da sperare in manenti. anche se la tavola è apparecchiata, secondo me han fatto i conti senza l’oste, oltre che tremendamente in ritardo. Non so se siano peggio costoro o manenti.

  • 20 Febbraio 2015 in 20:48
    Permalink

    è così stupida la mia domanda?

  • 20 Febbraio 2015 in 21:28
    Permalink

    Manenti ormai si arrampica sui vetri non sa più che balle raccontare. Ormai ha finito il suo repertlorio.

  • 20 Febbraio 2015 in 21:57
    Permalink

    Scusi direttore.Le chiedevo se sapeva il colore dei
    furgoncini comprati oggi?

  • 20 Febbraio 2015 in 21:58
    Permalink

    majo lei e solo un bastian contrario visto cvhe non lo pubblica se lo rilegga

    • 21 Febbraio 2015 in 01:51
      Permalink

      Assieme al suo c’erano altri 100 commenti in giacenza. Purtroppo non sempre sono rapido nella moderazione, specie se impegnato in altri servizi. Il suo commento, peraltro, debbo ancora leggerlo: ne vedrò i contenuti e se nel caso sarà pubblicato. Comunque sono un bastian contrario nel senso che non mi accodo come le pecore e uso la testa e ho la fortuna di scrivere per me stesso e non chinarmi ai desiderata altrui

      Saluti

      Gmajo

  • 20 Febbraio 2015 in 22:06
    Permalink

    Nonostante una certa parte della tifoseria del Parma abbia passato l’estate a vomitare me#da sulla mia squadra (quando avrebbe dovuto forse dedicare questo genere di attenzioni al suino e al suo fido scudiero), esprimo la mia solidarietà nei confronti della tifoseria tutta, oltre che dei dipendenti dagli stipendi “normali”. Non meritate di scomparire, e se così sarà risorgerete. Forza Parma, forza Toro.

  • 20 Febbraio 2015 in 22:27
    Permalink

    Perdona Majo ma non è così come dice lei che chi non vede altro che il fallimento quale inevitabile sbocco facciano parte di una sorta di setta maniacale. Anche mio nipote di 4 anni sa che il fallimento non è proprio una bella cosa… Nessuno invoca il fallimento catartico, purtroppo si tratta semplicemente di una presa d’atto pragmatica e forse qualcuno meno ingenuo l’aveva previsto vedendo sfilare improbabili imbonitori e menatorroni che hanno goduto e ancora godono della civile pazienza parmigiana. Comprendo la sua giustificazione: meglio Manenti che niente, ma mi lasci dire che non posso credere che Lei non sia in grado di valutare persona e comportamenti conseguenti. Si anche i giornalisti hanno le loro colpe perché la domanda da fare era ed è una sola: ma mi vuoi dire chi ti da i soldi? O vogliamo ancora credere a inesistenti investitori che non sono capaci di fare un bonifico? Se poi vogliamo andare oltre non credo sia difficile capire che la resistenza al fallimento e la conseguente sceneggiata da tempo in scena sia opera di chi sta tentando in tutti i modi di salvaguardarsi dall’imminente disastro. Anch’io mi sentirei parecchio male nei loro panni…
    Con stima. Un suo lettore

    • 21 Febbraio 2015 in 01:48
      Permalink

      E secondo lei alla sua sola domanda questi avrebbe risposto…

      Suvvia…

      Comunque per iscriversi all’ordine dei giornalisti bastano 70 articoli retribuiti in due anni per diventare pubblicisti, o sostenere un esame professionale dopo due anni di praticantato…

      • 21 Febbraio 2015 in 09:39
        Permalink

        Ma vede che proprio quello che dice Lei avrebbe confermato e conferma che siamo davanti a gente a cui non bisogna dare credito: se ti faccio una domanda e tu non rispondi, rispondi sbagliato o peggio ancora credi d’incantarmi con giri di parole (in questo citerei come esempio l’ultima intervista del Talleyrand crociato) ne traggo le mie logiche conseguenze.
        Grazie per le informazioni relative alla possibilità d’iscriversi all’ordine dei giornalisti: non sapevo di averne le credenziali (veramente, senza ironia).
        Mi permetta di ricordarle che non serve essere iscritto all’albo per esprimere opinioni e che il suo suggerimento lo trovo poco cortese.
        Sempre con stima

        • 21 Febbraio 2015 in 10:39
          Permalink

          Non si offenda: spesso si parla a suocera anziché intenda nuora (o viceversa). Mi scuso, quindi, se avevo sfruttato il suo assist indiretto per rispondere ad altri (che non meritano una risposta diretta poicché si permettono insinuazioni sulla professionalità mia o di altri),

          Cordialmente

          Gmajo

  • 20 Febbraio 2015 in 22:42
    Permalink

    Majo allora… nessuna novità??

  • 20 Febbraio 2015 in 22:46
    Permalink

    Complimenti Direttore x la sua professionalita’,serieta ‘e chiarezza

  • 20 Febbraio 2015 in 23:06
    Permalink

    @G. Isernia
    Chi ha mai parlato di calciatori alla fame? È sacrosanto che vengano pagati ma non mi pare di aver letto mai cose del genere.

  • 20 Febbraio 2015 in 23:39
    Permalink

    ghirardi ke bèc ed fèr. “firme false…non ne so nulla” che vergogna!!!

  • 21 Febbraio 2015 in 00:02
    Permalink

    si dice che ci sia un procedimento penale contro Ghirardi in partenza – taci e Manenti prestanomi- e che arrivi il sig caffè Zanetti con Baraldi, ne sa qualcosa?

    • 21 Febbraio 2015 in 01:44
      Permalink

      Che taci e manenti prestanome è una corbelleria enorme

  • 21 Febbraio 2015 in 00:35
    Permalink

    Per me l’hanno rinviata perché avevano paura che Manenti scappasse con i soldi dell’incasso durante l’intervallo.

      • 21 Febbraio 2015 in 11:56
        Permalink

        Ohh!!…perche’ ci sarebbe poi tanto da meravigliarsi?….
        Sto’ fenomeno che cazzo sta’ facendo?…dorme e mangia a sbafo a Collecchio (invece che in macchina come dicono a Brescia) va in giro con macchine non sue…tutto questo per un po’ e senza aver sganciato ancora un fottuto euro…a parte quello simbolico della compravendita…
        Nemmeno ha trovato i 60.000 euro per pagare gli stewart….e quindi non si gioca….

        • 21 Febbraio 2015 in 12:17
          Permalink

          Magari non si gioca perché fa comodo a tutti spostare in là il problema prendendo tempo… A parte che la figura di cacchetta il calcio italiano la sta facendo comunque. Grazie a Cassano e Manenti. Grazie, non per colpa…

          • 21 Febbraio 2015 in 12:23
            Permalink

            Non si gioca perche’ e’ proprio finita la biada….enon si recupera una fava…
            Testate nazionali stamane gia’ scrivono come probabile fine del campionato del Parma e sua esclusione.
            Se non ci sono 60.000 euro per gli stewart oggi come ci potranno essere fra 2 settimane?…Chi bonifica…Manenti?
            Anche la trasferta di Genova quindi?…pullman, albergo…tra una storia e l’altra una trasferta costa 15.000 euro almeno….ci sono?
            Se non ci sono chi li anticipa Manenti?

  • 21 Febbraio 2015 in 06:03
    Permalink

    ….. e pensare che meno di un mese fa eravamo vicini all’acquisto di Balotelli e Gilardino. ….spero bicamere che tiro quei cialtroni che ci hanno fatto affondare finiscano in via burla. …

    • 21 Febbraio 2015 in 18:38
      Permalink

      Meno di un mese fa una stampa cialtrona e dilettantesca ti menava per il naso con minchiate come quelle che hai citato…
      Altroche’…..

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI