DALL’OLIO / LA GOGNA SU MANENTI: UNA BRUTTA PAGINA PER LA CITTA’. NON DISTOGLIAMO L’ATTENZIONE DAI VERI RESPONSABILI: GHIRARDI, LEONARDI, FIGC E LEGA

Nicola Dall’Olio (*) Il quasi linciaggio di Manenti lungo Via Repubblica è stata una scena indegna per Parma, una bruttissima pagina che dà l’idea dell’involuzione, non solo economica, ma anche civile, a cui sta andando incontro la città. Fin da quando è partita la girandola di vendite e di sedicenti presidenti del Parma Calcio, abbiamo chiesto da subito che si facesse trasparenza e chiarezza e denunciato le modalità inaudite, fuori da ogni controllo e garanzia, con cui stavano avvenendo i passaggi di proprietà. Altri, in particolare il Sindaco, hanno preferito cavalcare l’onda mediatica e accattivarsi gli umori dei tifosi accreditando e dando rassicurazioni sulla serietà e solidità, nell’ordine: di un compro-oro albanese, di un avvocato romano con un lungo curriculum di fallimenti societari, di un petroliere indagato in Albania per evasione fiscale, del suo giovane galoppino e, da ultimo, di uno spiantato come Manenti.

Non più tardi di due settimane fa, dagli schermi Rai del Processo del lunedì, il Sindaco ancora dichiarava di avere informazioni sulla partenza dei famosi bonifici. Ora invece tutti uniti a mettere alla gogna Manenti con parole che alimentano, invece di smorzare, animi già troppo surriscaldati. Ma che soprattutto distolgono l’attenzione dai veri responsabili di questa incredibile vicenda.

E’ colpa di Manenti l’attuale situazione debitoria del Parma? E’ colpa di Manenti se in Italia si può acquistare una squadra di serie A per un euro, senza alcuna garanzia finanziaria, con l’avvallo di revisori e legali e senza intervento degli organi di controllo di FIGC e Lega? E’ colpa di Manenti se fino all’altro ieri quasi tutti, in città, tacevano o addirittura solidarizzavano con Ghirardi e Leonardi, compreso il Sindaco nonostante sapesse dei debiti del Parma verso Comune e Tep?

La vera colpa di Manenti, oltre a quella di raccontare balle, è di essere rimasto con il cerino in mano. Ma cerchiamo di ricordarci chi glielo ha messo quel cerino e come è stato possibile che accadesse. E mettiamo bene in chiaro, in ogni occasione, chi sono i veri responsabili del dissesto finanziario del Parma Calcio e della degenerazione di un sistema, quello del Calcio professionistico, che rischia di perdere ogni credibilità. Nicola Dall’Olio (*)

(*) Capogruppo PD Consiglio comunale

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

LA MAPI-VASCA CON AGGRESSIONE DA VIA REPUBBLICA IN VIALE MENTANA DEL PRESIDENTE MANENTI ASSEDIATO DA GIORNALISTI E TIFOSI (video integrale)

LA MAPI-VASCA CON AGGRESSIONE DA VIA REPUBBLICA IN VIALE MENTANA DEL PRESIDENTE MANENTI ASSEDIATO DA GIORNALISTI E TIFOSI (video)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

52 pensieri riguardo “DALL’OLIO / LA GOGNA SU MANENTI: UNA BRUTTA PAGINA PER LA CITTA’. NON DISTOGLIAMO L’ATTENZIONE DAI VERI RESPONSABILI: GHIRARDI, LEONARDI, FIGC E LEGA

  • 28 Febbraio 2015 in 14:17
    Permalink

    Dell’olio la gogna dovrebbero farla a te se non la smetti di parlare del Parma solo per scopo politico e propagandistico, gia’ una volta ho scritto cosa hanno fatto i tuoi compagni del tuo stesso colore mandando fallita la Reggiana, usando la politica e le banche per portare alle strette la proprieta’ e andare in fallimento e le tue care coop rosse hanno cosi rilevato la reggiana dal fallimento per 286.000 euro speculando sui terrenti intorno all’ex stadio giglio, tutti appartenenti alla reggiana, terreni edilizi per un valore commerciale di 21 milioni di euro e stranamente dopo il fallimento e aquisizione delle coop rosse si sono sbloccati i proggetti al comune per costruire. Dell’olio la societa’ maggior azionista della reggiana calcio de tempo era la Mirabello 2000, Dell’olio ti dice nulla ???? Allora un consiglio stai ZITTO che te sei peggio di Ghirardi e compagnia bella….te che fai propaganda alle spalle dei lavoratori (che un tempo dovevi difendere ma che per i lavoratori della reggiana davanti ai soldi gli avete pisciato sopra), devi stare ZITTO E ANDARE ALLA GOGNA AVANTI A TUTTI. Ripeto ZITTO.
    Matteo b

  • 28 Febbraio 2015 in 14:23
    Permalink

    Una cosa sola è evidente. Chi glielo fa fare a Manenti di sopportare tutto ciò, cosa ne sta guadagnano? La verità è che E’ STATO MESSO QUI da qualcuno solo per attirare i fulmini su di sé e noi stiamo facendo proprio il gioco del mandante. Il temporale è tutto su di lui, tutti tra cui anch’io, lo stiamo mangiando, mentre alti si godono la scenetta nell’ombra. Qualcuno ha puntato il dito su di lui e noi stiamo guardando proprio in quella direzione. Manenti è pagato per quello che sta facendo, i coglioni siamo noi. Chi lo ha mandato? …..indovinello. Siamo un branco di iene incazzate e staimo mangiando avidamente una preda viva che ci è stata lanciata, chi dobbiamo ringraziare per questo lauto pasto? Manenti è perfetto nel suo ruolo, ha anche la giusta faccia da culo. Io ho capito tutto, siamo dei poveri bambini che credono a quello che ci viene messo davanti.

    • 28 Febbraio 2015 in 17:46
      Permalink

      Che stia attirando tutti i fulmini mi pare palese, e la cosa testimonia del baso livello in cui siamo, ma ribadisco per l’ennesima volta che non è il parafulmine di Ghirardi

  • 28 Febbraio 2015 in 14:24
    Permalink

    La prima cosa intelligente che dice. Bravo Dall’Olio ci hai messo troppo tempo (anni) ma nel merito hai ragione.
    Ribadisco o voi Uomini dell’amministrazione e opposizione dimettetevi e mostrateci la vostra moralità con gesti concreti….

  • 28 Febbraio 2015 in 14:37
    Permalink

    Dall olio hai rotto il cazzo pensa ad accoglieteLE MIGLIAIA gli immigrati andondoli a prendere con le navi della marina militare che pagano i cittadini italiani invasi dalla malavita e non occuparti di calcio che non sei nulla voi politici soprattutto del pd avete rovinato quello che presto diventera’ una colonia.
    D altrone fate votare anche gli zingari dei campi rom senza documenti per le primarie del vostro partito in quanto ad affidabilita siete peggio di manenti che e’ gravato con la sua c3 di un fermo amministrativo.
    Fate solo strumentalizzazzioni politiche quando avete governato voi la citta’ per 40 anni cera l ‘immobilismo totale non avete fatto nulla per la citta’ solo danni non come a reggio o a modena per quello che avete perso le elezioni la gente non e’ stupida.

  • 28 Febbraio 2015 in 14:42
    Permalink

    Majo, come mai Manenti ha avuto quella reazione quando gli hanno messo la sciarpa del Parma? Un bruttissimo gesto x i tifosi già abbastanza offesi da tutta questa situazione…

  • 28 Febbraio 2015 in 14:48
    Permalink

    Si, tutto vero.
    Ma e’ il sistema che non doveva permettere a un figuro del genere privo del benche’ minimo requisito economico di avvicinarsi al mondo delle societa’ professionistiche…e’ li lo sbaglio iniziale.
    Come abbiamo piu’ volte detto,letto e scritto in Inghilterra cio’ non sarebbe accaduto..ti fanno i conti in tasca prima e se risulti non idoneo aria…punto e basta.
    Da noi invece succede questo.
    Ecco perche’ siamo dei pagliacci.

  • 28 Febbraio 2015 in 14:53
    Permalink

    majo
    gli hanno sequestrato la c3 a manenti perchè non pagava roba sua
    peccato perchè il cinquantino di euro lo aveva nascosto sotto i seggiolini

  • 28 Febbraio 2015 in 15:01
    Permalink

    © Ansa
    TORINO – Aveva appena lasciato il centro storico di Parma rischiando il linciaggio per i tifosi crociati inferociti ma dopo pochi metri ha dovuto abbondare la propria auto sequestrata dagli agenti della Polizia Municipale. Protagonista il presidente del Parma Fc Giampietro Manenti. Sul mezzo, una Citroen C3, gravavano infatti multe non pagate per 1.900 euro complessivi. A quel punto gli agenti hanno provveduto al blocco amministrativo del mezzo ed il presidente Manenti e la sua collaboratrice sono rimasti a piedi.

    per quanto sia deprecabile l’atteggiamento di quest’uomo inizio a pensare che stia accettando supinamente tutto perchè…pagato ,si ,pagato per farlo,per farsi mettere alla gogna e distogliere l’attenzione dai veri responsabili della catastrofe ,ghirardi e sodali,ancora forti nei loro poteri e collusi con i poteri forti della citta’ e non solo,vedi l’accanimento con cui persino le forze dell’ordine e paritarie si sbizzarriscono contro questo poveraccio,giustizia ad orologeria…..mi scusi ,direttore,so bene che Lei esclude interazioni della vecchia proprieta’, ma tutte queste cose hanno troppo la puzza di messinscena,come nel tedioso caso della licenza uefa e le falsita’ buttate sul toro(a prescindere spero che Lei abbia apprezzato la gara di giovedi’), ma a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca……..
    sempre cordialmente,leggendola sempre volentieri ed esortandola a continuare anche col parma fra i dilettanti,ed augurando di cuore a tutti i parmigiani una celere risalita
    luca torino

  • 28 Febbraio 2015 in 15:11
    Permalink

    Non ha senso prendersela con Manenti. Armatore ed ammiraglio sono i primi responsabili.

  • 28 Febbraio 2015 in 15:31
    Permalink

    Non sono della parte politica del Dr. Dall’Olio (anzi sto fieramente dall’altra parte). Ma nella circostanza condivido perfettamente la sua opinione.

  • 28 Febbraio 2015 in 16:20
    Permalink

    Condivido ma ora sarebbe il caso che, almeno sul Parma, il comune lavorasse in modo compatto

  • 28 Febbraio 2015 in 16:40
    Permalink

    ORMAI è CHIARO E LAMPANTE I veri responsabili oltre a Ghirardi, Leonardi e Taci sono la Covisoc che doveva controllare i bilanci, la lega calcio che tiene su un sistema vecchio come il cucco e la F.I.G.A.che doveva controllare gli acquirenti quando si vende una società.

  • 28 Febbraio 2015 in 16:58
    Permalink

    Ghirardi e Leonardi non si fanno vedere in città da diverso tempo..cosa si doveva fare ieri? Stendere il tappeto rosso?

      • 28 Febbraio 2015 in 17:50
        Permalink

        Majo…conosci i tifosi (anche quelli cosi’ civili come a Parma…) sai come vanno le cose…
        In fin dei conti non e’ successo nulla…..bastava che sto’ fesso invece di uscire a quella maniera avesse chiamato un taxi e tutto sarebbe stato diverso e molto piu’ contenuto….neanche quello sa fare….
        Inoltre (come ho detto altrove) perche’ la polizia ha aspettato 20 minuti a caricarlo su una propria auto?….lo avessero fatto subito (attendevano una vera aggressione fisica,…?..)
        sarebbe stato ugualmente piu’ contenuta la faccenda.
        Come ho detto in altro post ricordo il servizio televisivo del tg3 quando Porcedda a Bologna fece scadere i termini per pagare gli stipendi consegnando la squadra a penalizzazione certa, ed ebbe la brillante idea di recarsi in una caserma dei carabinieri del centro a denunciare per truffa chi gli aveva a suo dire dato una fidejussione bancaria rivelatasi fasulla…..
        Fu il capitano dei carabinieri di fronte alle telecamere ad ammonire Porcedda…
        Sig.Porcedda gli disse:- “fatto salvo che lei e’ un uomo libero e a suo carico ancora nulla e’ emerso, le consigliamo vivamente di non trattenersi ulteriormente a Bologna se non per ragioni improrogabili….meglio lasciar curare i suoi interessi in citta’ per cio’ che riguarda la societa’ ai suoi avvocati e commercialisti”…cosi’ disse di fronte a un inebetito Porcedda di fronte alle telecamere…
        E non aveva certo tutti i torti….siamo tutte persone civili…poi un bel giorno incontri quello/i che lo sono un po’ meno…
        In ogni caso Porcedda non rischio’….dritto dritto in aereoporto direzione Cagliari con le copie della denuncia (fatta ovviamente per l’anima della minchia..) in mano…sparito e mai piu’ avvistato a Bologna e dintorni…

    • 28 Febbraio 2015 in 17:14
      Permalink

      Per coerenza, riservare a Manenti lo stesso trattamento riservato ai suoi predecessori: indifferenza e silenzio.

  • 28 Febbraio 2015 in 17:43
    Permalink

    Edoardo Porcari perche’ se venina Ghiradi e Leonardi cosa avresti fatto ?? Bla bla bla !!! Solo parole e vedere quei 4 cretini ieri pagati per insultare una persona solo perche credono come te a un fallimento pilotato. Ma invece di insultare le persone perche’ non si va’ sotto gli uffici Unione Industriali che parlano parlano anche loro ma con il solo scopo di speculare ??? Perche’ a loro del Parma Calcio non gli frega un emerito cazzo, altrimenti dopo Tanzi non veniva un Ciccione da Brescia ma dovevano magari intervenire prima….ha dimenticavo ma cosa dico, loro sorretti dalle istituzioni e proprietari di banche non interessa…magari possono interessarsi ma soldi pochi e in culo ai dipendenti e prendiamo in giro i tufosi facendogli credere un fallimento pilotato per tenere la categoria e poi domani…ops non ci siamo riusciti per colpa di caio e tizio…ma smettiamola di blaterare. Colpevoli di questo: i proprietari e le istituzioni che non hanno controllato….e BASTA.

    • 28 Febbraio 2015 in 18:59
      Permalink

      E’ tutto l’ambiente parma che non va…non abbiamo nessuno disposto a mettere soldi in questo sport…i proprietari da tanzi in poi l’hanno fatto solo x interesse. Anche manenti è uno di loro sennò non vieni apposta dalla Lombardia x il parma…ma se non ci mette i soldi finisce che magari scompariamo visto che il parma non interessa a chi può permetterselo… Cmq di uno che neanche paga le multe (e gli alimenti a 5 mogli) non mi fidero’ mai…

    • 1 Marzo 2015 in 08:56
      Permalink

      Credo che il cretino qui sia solo tu. Io non ho preso un centesimo…ma comunque….VIVA I LECCACULO DEL MAJO DI TURNO! Vieni a Collecchio oggi a vedere l’amichevole? Chissà….

  • 28 Febbraio 2015 in 17:56
    Permalink

    Pagati da chi?

    • 28 Febbraio 2015 in 18:05
      Permalink

      Prova a chiederlo a qualche indistriale che muove le fila dei burattini…

      Per far fare una istanza fallimentare in procura hanno aspettato fino adesso quando invece potevano farla gia dal 15/11 anziche proteggere ghirardi e taci

  • 28 Febbraio 2015 in 18:05
    Permalink

    Majo, la civiltà non la usi con una persona che ti stà prendendo per il c…?

    Se le cercata. E se continua secondo me trova di peggio.

    • 28 Febbraio 2015 in 18:10
      Permalink

      Vi siete fatti prendere per il culo per sette anni, e ora ve la prendete con un poveretto. Mi fate bene…

      • 28 Febbraio 2015 in 18:50
        Permalink

        Concordo che sia un poveretto (il gesto della sciarpa del parma buttata via è uno dei tanti segnali di qualcosa che non va nella sua testa) ma se i soldi non arrivano deve pagare in proporzione alle responsabilità che si è preso acquistato la società…nessuno lo aveva obbligato e senza la sicurezza di poter mettere soldi nella squadra non doveva acquistarla e tanto meno fare promesse a tutti…

        • 1 Marzo 2015 in 00:40
          Permalink

          Guarda, Cibbi, che SuperMapi non aveva buttato la sciarpa. Qualcuno gliela ha messa, poi quando quel galantuomo di Ruffini gli ha urlato di toglierla lui l’ha tenuta stretta.
          Guardalo bene il video…

          Ciao

          Gabriele

      • 28 Febbraio 2015 in 20:50
        Permalink

        Beh insomma, poveretto… Non gli ho fatto fare nessuno al poveraccio Manenti di comprare il Parma e raccontare balle a catena. Questo è un disturbato mentale, la mitomania è una patologia con caratteristiche piuttosto precise e danneggia soprattutto gli altri, più di chi ne è afflitto.

        Gli sequestrano l’auto e ha il coraggio di dire che a giorni arrivano i soldi. Veramente pericoloso. Poi sarei il primo ad esultare nel caso facesse il miracolo ma ormai, Majo, solo lei e pochi lettori che la seguono pensano che esista una seppur minima possibilità.

  • 28 Febbraio 2015 in 18:10
    Permalink

    Utilizzare il crac del Parma F.c. per mera speculazione politica è veramente triste: ecco un altro avvoltoio intorno alla carcassa della squadra….

  • 28 Febbraio 2015 in 18:15
    Permalink

    Ha solo ragione,Manenti paga la colpa di altri.
    Perchè quando Leonardi ha fatto la conferenza stampa non c’era nessuno a contestarlo?

    • 28 Febbraio 2015 in 18:18
      Permalink

      perché avevano paura della Digos schierata con uno schieramento impari…

      • 28 Febbraio 2015 in 18:34
        Permalink

        Potevano pure farsi vivi ieri quei fenomeni della digos fuori dal municipio…..
        Comincio a credere che si sia personaggio e personaggio….Manenti puo’ pure pigliarsi qualche ceffone e gli sputi in faccia……quello str… di Ghirardi e il suo compagno di merende Leonardi no…..quelli no….e all’occorrenza si schiera la NATO a loro difesa….

        • 1 Marzo 2015 in 00:41
          Permalink

          magari non condivido la forma, ma i contenuti espressi mi paiono sacrosanti

      • 28 Febbraio 2015 in 18:49
        Permalink

        Forte con i deboli,e debole con i forti….

  • 28 Febbraio 2015 in 18:31
    Permalink

    Fonti bene informate dicono che Mapi boy aveva pagato le multe martedi scorso, con un bonifico e sta andando ora in questura per esibire il numero di CRO e farsi ridare l’ amata C3.

  • 28 Febbraio 2015 in 18:52
    Permalink

    Tutti noi tifosi siamo iperfrustrati. è da mesi che si succedono finte proprietari e finti presidenti, rassicurazioni e smentite. Ci sta che alla fine uno esploda. L’unica colpa di Manenti è di essere arrivato quando ormai la situazione era sopra il livello di guardia. Certo, se fosse più chiaro, aiuterebbe e anche di molto.

  • 28 Febbraio 2015 in 19:03
    Permalink

    i politici (sindaco a parte) sarebbe meglio che se ne stessero fuori, non devono certo insegnare nulla a nessuno, la pubblicità se la facciano sull’immigrazione, l’inceneritore e le tasse, io non devo certo imparare niente da voi!

  • 28 Febbraio 2015 in 19:12
    Permalink

    Richiamando l’articolo del buon Riccardo Schiroli, nessuno ha diritto di indignarsi, con Manenti poi, ma per favore! E prima dove si erano nascosti tutti?
    Che pena!

  • 28 Febbraio 2015 in 19:28
    Permalink

    E aggiungo ” Che ridere se il Mapimatto arrivasse con i soldi ” ! Che fine farebbero tuttii i falsi moralisti perbenisti ecc….?
    Mah!

    P.S.
    Capisco la delusione, la rabbia e lo sconcerto che sono anche miei, però che cavolo, schiena dritta senza farsi forviare dalle correnti e dalle chiacchiere dei potenti turno.

  • 28 Febbraio 2015 in 20:11
    Permalink

    Secondo me è meglio star calmi, credo che la città farebbe una figura un po’ più decente (anche se ormai stiamo diventando un elemento ricreativo del circo mediatico quotidiano…)

  • 28 Febbraio 2015 in 20:44
    Permalink

    Dopo il Ghiropardo, il Plenipotenziario, lo svitato-sdentato o MapiMan, Raymond, l’ispettore Angella, il Saltimbanco, il gioielliere, il Filini, ecco CapitanPizza: il bestiario di Majo si arricchisce. Ora attendiamo un nomignolo anche per l’iperattivo Dall’Olio…

    • 28 Febbraio 2015 in 20:49
      Permalink

      Alcuni di questi stranom non sono stati inventati da me. Ad esempio capitan pizza..,

      • 28 Febbraio 2015 in 20:52
        Permalink

        Vero… Ma io amo i suoi. L’accoppiata ammiraglio-armatore è tutta un suo copyright. Ne aveva uno anche per Taçi che non ricordo…

      • 28 Febbraio 2015 in 23:25
        Permalink

        Dall’Olio potremmo chiamarlo Ollio come quello di Stanlio e Ollio. Con la differenza che Ollio fa ridere, mentre Dall’Olio fa pena.

        • 1 Marzo 2015 in 00:14
          Permalink

          uahahhahahahahah, Luca, buona questa

  • 1 Marzo 2015 in 09:06
    Permalink

    insomma sto’ poveraccio di Manenti da ieri e’ pure senza macchina…..ecco a cosa e’ servita la stupida trasferta di ieri in comune….a farsi fottere la macchina…
    Pero’ una cosa mi e’ venuta in mente…
    Per dirla alla Majo..che invito a rispondere…
    Proprio ieri dovevano appiedarlo e proprio a Parma…..
    Non c’erano altri momenti e luoghi?…
    Non e’ che si sia voluto ulteriormente delegittimarlo/ridicolizzarlo?
    Si insomma ….fa tutto un po’ ridere….in ogni caso se va a Collecchio magari i 1900 euro per pagarsi le multe li trova…

    • 1 Marzo 2015 in 09:56
      Permalink

      Come avrete certamente notato, io, a questa storia del fermo amministrativo della c3 non ho dedicato una riga, tanto è palese l’opera di distruzione di questo malcapitato. Infierire così fa indubbiamente parte di un disegno, anche se Manenti ce ne ha messo del suo. Se non avesse avuto tutte quelle multe non pagate, a parte che è inutile che si scandalizzino a Collecchio dove la prassi di accumulare contravvenzioni era abituale, le avesse regolarmente saldate non si sarebbe trovato nella condizione di farsi appiedare. Ma quel controllo di polizia ad orologeria va pure ascritto, a mio avviso, nell’ostracismo in atto. Immagino che agli agenti accertatori sarà attribuito un encomio solenne.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 1 Marzo 2015 in 11:33
        Permalink

        Che significa “accumulare contravvenzioni era abituale”?….

  • 1 Marzo 2015 in 10:39
    Permalink

    Ma quale malcapitato! E’ lui che e’ venuto qua’ a rompere il cazzo. Che ritorni da chi lo sta prezzolando. Secondo lei tifoseria e citta’ dopo aver subito il saccheggio di ghirardi e leonardi, dopo la presa x il culo x 2 mesi di Taci, dveva forse regalare baci e abbracci a questo impostoore? Cosa altro devono sopportare i tifosi Se Ghiradi, Leonardi e Taci passano da via repubblica pensa che la gente non li insulti. Per questo spdro che tutto finisca subito e si in8zi a pensare al futuro (serie D) .visto che di presente non c’e’.
    Cordiali saluti

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI