DOPO LA DOMENICA DA “OGGI LE COMICHE” SI SPERA IN UN LUNEDI’ CON I PRIMI FATTI CONCRETI DA PARTE DI MANENTI & C. – Editoriale di Gabriele Majo, direttore di StadioTardini.it

(gmajo) – Quella di ieri è stata una domenica da “Oggi le Comiche”, il programma cult messo in onda da Mamma Rai quando ero bambino io 40 anni fa e la tv era in bianconero: è evidente il riferimento alla tragicomica (eh sì, perché c’è anche una componente tragica da Riso amaro) bufala sulla cessione del Parma FC al gruppo Proto che qualche buontempone si era inventato, in clima carnascialesco, facendo abboccare persino la Gazzetta di Parma (!!!) che poco prima dell’ora del tè ieri ha fatto venire il cuore in gola ai già tartassati e depressi tifosi ducali che nel giro di 48 ore vedevano la propria squadra catapultata da Taci a Manenti e poi a questo Alessandro Proto, fantomatico millantatore che, come raccontato da altri colleghi, qualche tempo fa aveva scommesso 10.000 euro contro 3.000 di ognuno dei suoi collaboratori che ci sarebbe qualche organo di stampa che avrebbe ripreso un suo comunicato che lo dava in corsa per la presidenza di Unicredit, vincendola, perché effettivamente ci fu qualcuno che lo pubblicò. La farsa Parma, dunque, non poteva passare inosservata al più grande casaro che c’è in circolazione, ma che gazzettadiparma.it potesse riprendere quella nota era sinceramente inaspettato, dal momento che un minimo di verifica avrebbe dovuto essere effettuata prima del clamoroso rilancio che avrebbe fatto cadere nel tranello, a valanga, tutti i vari copia-incollatori. Piuttosto esilarante, poi, che dopo aver ammesso che si trattava di una bufala, la versione on line del quotidiano edito dall’Upi proponesse questo sottotitolo “Un comunicato di uno studio notarile annuncia: il Parma è del Gruppo Proto. Una vicenda al limite del grottesco. Tutti i dettagli”. Ovviamente tutti i dettagli sarebbero stati sul cartaceo o per gli abbonati, ma se la vicenda è stata al limite del grottesco, per non dire oltre, il merito, diciamo così, è stato loro. E poi, comunque, anche sul foglio di carta qualche dubbio sul fatto che il simpatico Proto potesse aver acquisito le quote è comunque rimasto ancora, quasi quasi si fossero affezionati a quel tipo di scenario: maliziosamente potrebbe venire da pensare che sia una sorta di effetto per aver bucato pochi giorni prima il vero passaggio di mano dalla Dastraso alla Mapi Group che li aveva fatti bruciare parecchio, o forse perché, rispetto al fiasco Taci, Manenti non aveva la benedizione preventiva degli Industriali e del Sindaco rimasti un po’ spiazzati da questa inaspettata svolta. Ma un proto che verificasse l’errore Proto non ce l’avevano? Dopo la domenica da Oggi le Comiche, speriamo, invece, che sia arrivato il lunedì da persone serie. Come scrivevo sabato, Giampietro Manenti – che nel frattempo ha già dispensato, attraverso la stessa GdP preceduta dal formidabile inviato speciale Trupo di qualche ora, pillole del suo programma – ha una brutta pagella, per via dei precedenti tentativi di acquisizione non andati a buon fine con Pro Vercelli, Brescia e Cartiere Pigna, cui ha strappato il candidato nuovo Ad Fiorenzo Alborghetti, che è chiamato a rimediare in questa sorta di esame di riparazione: evidentemente solo dopo i fatti potrà sbeffeggiare, come peraltro ha già fatto in anticipo, i giornalisti lombardi che lo hanno sostanzialmente dipinto come un poveraccio bidone mitomane un po’ sporco e che non si sa vestire. Tutti effetti indesiderati della operazione non conclusa con Corioni, il quale in questi giorni ha rinverdito il passato, anche se non sarebbe da dimenticare che lui sta al Brescia come Ghirardi al Parma, quindi anche le sue dichiarazioni direi che lasciano un po’ il tempo che trovano così come le esternazioni di Tommaso. Il divertissement Proto, almeno, aveva ieri fatto già rimpiangere a qualcuno “Carretta” (la somiglianza del nuovo Patron con Ferdinando è da “separati alla nascita”), dopo che era stato fatto oggetto di radiografie ai raggi x da parte degli improvvisati investigatori da tastiera subito pronti a rimettere nel circo (barnum) mediatico tutti gli aspetti di colore del variopinto personaggio, dalla casa bucolica sede della sua “azienda” dall’esiguo capitale di 7.500 euro (ben di più della Dastraso, ma lui stesso, Il Mano, sostiene che i capitali sociali enormi all’estero non sono così diffusi come in Italia, dove servono a ripianare le perdite), alle cinque mogli da mantenere, dalla Skoda (Alborghetti preferisce una classica Mercedes) al look alla Enrico Boni, etc. Conosco bene i colleghi nazionali per averne avuto esperienza diretta dieci anni fa ai tempi del crac Parmalat, quando le descrizioni della nostra città volgevano al sensazionalismo e appunto al “colore”, così tanto da sfamare la curiosità dei lettori, sovente affamati di questi gossip (come direbbe Donadoni), se a questo, poi, si aggiunge la delusione da tifosi per il mancato acquisto del Brescia, si capisce bene come le iperboli fiocchino in rete. Stavolta, a dispetto del passato, anche recente, quando io e l’ispettore Angella fummo tra i pochi, per non dire gli unici, a proporre radiografie di chi si stava affacciando a Parma (vezzo per il quale, entrambi, abbiamo una querela sul groppone, anche se chi ce l’ha intentata non sta certo meglio di noi dopo una recente sentenza penale per tutt’altre vicende che lo riguardano), non mi sono affaticato in questo esercizio, visto che il buon esempio lo hanno seguito altri che si “sono messi a fare il Majo” – a buoi abbondantemente scappati (prima dov’eravate?!?)  – e, come noto, non mi piace far parte del branco. I soliti provocatori – cui nella mia magnanimità concedo lo stesso spazio nei commenti, anziché cestinarne le insinuazioni – hanno reso pubblico il proprio retro-pensiero secondo cui io avrei un tornaconto personale e per questo tratterei meglio Manenti di quanto ho fatto con Taci, il quale, peraltro, come ampiamente previsto, ci ha fatto perdere tre mesi di tempo preziosissimo, dando l’estremo colpo di grazia alla salvezza sul campo e a quella fuori, con le sue mosse da scacchista e da garsunon. Pur non avendo nulla da giustificare (a parte che se Manenti, che peraltro non ho finora mai visto né sentito in vita mia, fosse quel bidone di cui si narra, non capisco bene quali vantaggi personali ne potrei trarre) vorrei spiegare loro e anche a tutti coloro che mi hanno dimostrato in queste settimane una crescente fiducia (33.264 accessi nella giornata di venerdì 6 febbraio 2015, di cui 6.442 unici, grazie di cuore, e grazie anche a tutti coloro che mi hanno fatto gli auguri di buon compleanno ieri, dal momento che non sono riuscito a farlo singolarmente con tutti) che, giunti a questo punto, con gli uomini di Rezart già incaricati di portare i libri in Tribunale, non rimaneva che quest’ultimo disperato tentativo che, per i fatti di mia conoscenza diretta, è casuale quanto improvviso. Un professionista del territorio circostante, infatti, parlando con un altro in contatto con la società, riferiva l’interesse di un suo cliente alla eventuale acquisizione del Parma: costoro, cui nella mattinata di Milan-Parma era stato risposto “no grazie”, vennero ricontattati d’urgenza la sera stessa dopo l’ultimo voltafaccia del petroliere albanese, il quale, evidentemente, non era riuscito nel frattempo a coinvolgere nel progetto, come immagino sperasse, altri compagni di viaggio (i mitici russi), o forse questi si erano tirati indietro per un qualche motivo. In questo intrigo internazionale non mi stupirei se gli stessi che avrebbe potuto aver dietro Taci fossero in un qualche modo i referenti esteri di Manenti, sempre che lui ne abbia, ma è un altro discorso. Comunque, al contrario dei vari complottisti, ritengo impossibile che dietro la Dastraso (ora uscita di scena, salvo colpi di Doca, pardon di coda…) ci fosse Ghirardi, per via di tutta una serie di tasselli che non si incastrano e che per brevità non sto qui a spiegare. Ma ci sono troppe mosse ed eventi inaspettati e fortuiti per ritenere il tutto un unico grande progetto. Almeno, questa è la mia verità putativa, sulla scorta di quanto ho elaborato razionalmente dopo aver raccolto tutte le info del caso. Trattandosi, dunque, dell’ultimo tentativo disperato – per altro con esiti che debbono saltare fuori immediatamente – era perfettamente inutile star qui a lanciare allarmi sociali o fare gli schizzinosi, anche perché l’alternativa sarebbero state le macerie del fallimento (con perdita non solo del titolo sportivo e la retrocessione tra i dilettanti, ma anche la perdita del posto di lavoro per i dipendenti e in pratica di tutti i crediti dei fornitori), destino inevitabile se Manenti si dovesse rivelare inaffidabile come lo è stato in passato. Ma anche in quest’ultimo inaugurabile, sia pure probabile, caso non cambierebbero i termini della situazione rispetto a come eravamo messi nella notte di Milan-Parma. Qualcuno sostiene che poteva esser evitata l’ultima sputtanata: io dico, invece, che provare questa sorta di cura Di Bella non reca ulteriori danni al malato, giacché, tanto, l’immagine del Parma era già oltremodo sputtanata (e lo stesso cortocircuito mediatico targato Proto di ieri è tutto lì a dimostrarlo) anche senza la discesa in campo dell’ipotetico cavaliere bianco (beh, bianco fino lì…). Sono anche perfettamente consapevole – essendo stato l’unico ad avere seguito il “piano B” di Leonardi, e a darne notizia, così con tutte le varianti del caso – che si tratti di un ultimo tentativo del Plenipotenziario per saltarci fuori senza conseguenze di sorta dopo anni di gestione virtuosa solo nelle sue parole (e in quelle dell’armatore): ma come ho spesso detto e scritto anche nel recente passato le poche speranze di salvare il salvabile coincidevano con questi catartici tentativi, spesse volte inquietanti per i soggetti coinvolti, di trovare una via d’uscita. Rispetto a chi ancora fa lo stalker con gli operatori dell’informazione (incredibilmente con colleghi che continuano a dargli credito!) o si fa ritrarre in discoteca, è già qualcosa. La dead line del 16 febbraio, comunque, non è lontana, e non c’era neppure bisogno che Tommasi lo ricordasse alla nuova proprietà che sa perfettamente in cosa si è infilata. Aspettiamo ancora un poco e conosceremo anche la composizione dei Cda, dopo le assemblee plenarie di Eventi Sportivi e Parma F.C. di oggi, con le minoranze che, se saranno convinte, potrebbero rientrare a propria volta nel progetto di risanamento.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

202 pensieri riguardo “DOPO LA DOMENICA DA “OGGI LE COMICHE” SI SPERA IN UN LUNEDI’ CON I PRIMI FATTI CONCRETI DA PARTE DI MANENTI & C. – Editoriale di Gabriele Majo, direttore di StadioTardini.it

  • 9 Febbraio 2015 in 11:50
    Permalink

    Mayo, dopo tutto quello che è successo non so come tu possa ancora far credito alle notizie che ti arrivano da Leonardi . I soldi devono arrivare sempre dalla stessa figura, cambiano le scatole in cui depositarli ma non la fonte del bonifico.

    • 9 Febbraio 2015 in 11:54
      Permalink

      Le notizie non me le dà Leonardi. Se lo vuoi capire bene, se non lo capisci sono problemi tuoi.

      E poi sono stato l’unico a rompere i coglioni a Leonardi e Ghirardi in sette anni e adesso dovrei farmi abbindolare da lui? Ma per chi mi hai preso?

      Infine che la provenienza dei soldi sia sempre quella lo dici tu.

      Saluti

      Gmajo

      • 9 Febbraio 2015 in 12:38
        Permalink

        il problema non è chi,dove,quando…il problema è che il 16 non si vedrà un euro…

  • 9 Febbraio 2015 in 11:59
    Permalink

    Una proprietà CONSAPEVOLE dei propri impegni verso l’intera città la si misura in base a fatti e progetti concreti.

    Il tempo è, a tal fine, galantuomo e ci dirà se questa nuova proprietà è in grado di rifondare la Società e riprogrammare gli impegni futuri in un ottica di crescita e di sviluppo.

    Quindi al di là delle contingenze immediate (pagamenti ai dipendenti e vari fornitore) vedremo che piega avrannao gli accadimenti futuri cercando di capire se la nuova proprietà rappresenta un momento o una fase di una vicenda che potrebbe riservare ulteriori sviluppi (in negativo).

    Onorare gli impegni del 16 febbraio è un buon segnale,sicuramente incoraggiante, ma certamente non sufficiente !

  • 9 Febbraio 2015 in 12:10
    Permalink

    Direttore, complimento per il suo nuovo incarico! A quando l’ufficialità?

  • 9 Febbraio 2015 in 12:13
    Permalink

    Siete belli come il sole, basta un MITOMANE per far tornare il sorriso… Ragazzi guardiamoci in faccia, il 16/02/2015 è GAME OVER!!!

  • 9 Febbraio 2015 in 12:15
    Permalink

    Sono un nuovo lettore. Che da tifoso lontano da Parma ha scoperto da qualche giorno un così buon modo si scrivere, indipendentemente dai contenuti esclusivi e dalle notizie riportate. Che pure sono importanti ma che sono solo un valore aggiunto ad uno stile comunicativo di cui si sente la mancanza in altri organi di informazione.
    Volevo solo dire la mia, oltre a fare i complimenti.
    Chi ha i soldi, in qualche modo li ha fatti, di certo non facendosi scrupoli sulla provenienza. Ma questo vale per il Parma così come per Inter, Milan e Juve, passando per ogni squadra, non solo di serie A. Detto questo, spero davvero che la nuova proprietà sappia dare ossigeno al club.
    A proposito delle critiche a Leonardi: non sarà un santo, ma la faccia spesso c’è l’ha messa o sbaglio? Avrà i suoi buoni motivi per farlo, non lo metto in dubbio, però credo che molto del disastro a cui si sta assistendo sia una sorpresa anche per lui. Opinone personale, s’intende.

  • 9 Febbraio 2015 in 12:16
    Permalink

    Majo ha notizie in merito a se e quando faranno una conferenza stampa x rendere pubblico il nuovo cda e il nuovo proprietario?non doveva essere oggi il giorno?

  • 9 Febbraio 2015 in 12:20
    Permalink

    La Gazzetta di Parma ha lanciato la bomba Proto abboccando alla bufala, ma non sono stati gli unici. Il tanto affidabile Di Marzio ci è cascato in pieno pure lui pubblicando un articolo dal titolo: “Parma, il gruppo Proto parteciperà all’acquisto della società: conferenza nei prossimi giorni”, articolo prontamente cancellato nel giro di pochi minuti ma comunque pubblicato! Affermava che dietro Manenti c’era proprio Proto!

  • 9 Febbraio 2015 in 12:31
    Permalink

    Direttore ha letto l’intervista integrale di Giordano? cosa ne pensa a riguardo dei 78 mln di debiti e della spending review che non gli hanno concesso di fare e che avrebbe sancito il suo addio…oggi addirittura sul CdSera hanno indicato a 200 mln di debiti…ognuno dice la sua e non si capisce da che parte sia la verità.

      • 9 Febbraio 2015 in 13:22
        Permalink

        I milioni di indebitamento sono 118 circa…è un po’ che ve lo dico…cosa volete che sappia Giordano o peggio il corriere della sera

        • 9 Febbraio 2015 in 13:25
          Permalink

          si infatti sei solo tu la fonte attendibile… ragazzi su queste robe bisogna esser seri

          • 9 Febbraio 2015 in 13:30
            Permalink

            Anche tu stavolta dovresti essere più serio e spiegare perché Tavecchio è Galliani non dicono niente!!!!
            Comunque li stipendi saranno saldati 99%

          • 9 Febbraio 2015 in 13:34
            Permalink

            serio lo andrai a dire a qualcun altro. e queste dietrologie da mitomane evita di scriverle qui.

        • 9 Febbraio 2015 in 14:42
          Permalink

          ti sei scordato di dire ASSIO e OSSO.

  • 9 Febbraio 2015 in 12:36
    Permalink

    Majo non mi dici nulla su Gazprom?

  • 9 Febbraio 2015 in 12:38
    Permalink

    Voi non lo sapete ma in Asia ci sono enormi capitali che si accumulano in tempi brevi che han bisogno di essere reinvestiti. L’embargo ha creato dei fenomeni in paesi neutrali (vedi Cipro e Slovenia) per incanalare quei capitali verso futuri interessi. Quello del gas è un caso tipico e i colossi Russi stan prendendo posizione in attesa del rientro dell’embargo economico e Parma è strategica per il futuro sviluppo di questi futuri interessi. Biancaneve non si accontenta più dei diamanti perchè è diventata avida ed allora i sette nani si son messi a scavare tunnel sotto le banche per svaaligiarle. Cenerentola si è rotta le scatole della vita di corte e và in discoteca con Ghirardi che festeggia non si sa cosa ma a tutti noi qualche sosspetto ci è venuto.

  • 9 Febbraio 2015 in 12:38
    Permalink

    Prima del 16 febbraio non si dovrebbe dir niente certo le probabilità di non finire tra i dilettanti sono pochissime. Vorrei però solo che Manenti il 16 non dicese ancora che i soldi ci sono ma che per motivi burocratici sono fermi alla frontiera. Questa ulteriore presa in giro non l’accetterei. S’inventi una scusa diversa. Ha diversi giorni per pensarci.

    • 9 Febbraio 2015 in 13:00
      Permalink

      Invece sara’ proprio quello che dira’!!!!!! Che ci vuole ancora un po’ di pazienza.

  • 9 Febbraio 2015 in 12:42
    Permalink

    Mat….per un po’ ti avevo creduto…ADESSO HAI PERSO CREDIBILITA’.
    Macchè scatole scatole…i giochini con: Portogallo, Galp, Amorim…poi una volta scrivi DAstraso….poi DAStraso….adesso che scrivi? MA PI GROUP….sarei curioso di ricevere una tua risposta…oppure se sai la “verita” dilla na volta per sempre….
    grazie

    • 9 Febbraio 2015 in 13:17
      Permalink

      Non per prendere le difese di Majo che è giornalista serio umile e onesto ma anche lui a bocce ferme ha capito che purtroppo quello che sembrava oro e luccicava era solo OTTONE DI BASSA CINESERIA. D’altra parte il buon Majo ci ha e si è illuso facendoci credere al miracolo ma purtroppo ci siamo caduti come tordi, però ci ha reso felici anche se per poco tempo. Majo è stato n raggio di sole dentro il tunnel. Ora aspettiamo il 16 e vediamo cosa MANENTI s’inventerà. Dirà tutto quello che serve per prenderci per i fondelli e ancora una volta dovremo subire le balle dei megalomani presidenti del parma arrivati in modo industriale.In un mese e mezzo si sono succeduti più presunti presidenti che volevano diventare presidenti del Parma che in tutta la sua centenaria storia.MI SA TANTO CHE LA MEGOLOMANIA è UNA MALATTIA INCURABILE

  • 9 Febbraio 2015 in 12:50
    Permalink

    Per avere sicurezza e progetti seri ci vorrebbe barilla o pizzarotti ma purtroppo incomprensibilmente non hanno mai aiutato il parma calcio che e anche patrimonio della città e questo atteggiamento io come migliaia di tifosi gialloblù non l ho mai capito

  • 9 Febbraio 2015 in 12:51
    Permalink

    Speriamo bene!!

  • 9 Febbraio 2015 in 12:51
    Permalink

    Una cosa mi lascia perplesso…
    Una cordata o comunque un imprenditore che vuole fare le cose per bene, progetta già prima dell’acquisto i nuovi quadri societari.
    Ha già un nuovo direttore sportivo, magari legato a quello un nuovo allenatori, se arriva a mercato aperto magari ha dei giocatori bloccati o comunque contattati.
    In poche parole arrivano già predisposti ad agire con decisione e velocità.
    Da noi anche i lodisti, che erano anche messi peggio di Taci e Manetti, avevano subito portato Direttore sportivo e Allenatore, idem fece Cairo, che addirittura li aveva presentati prima dell’acquisizione.
    Qui c’è sempre un mediatore che agisce per conto terzi e lascia sempre Leonardi come referente per l’area tecnica. Posso capire che Leonardi sia l’unico che conosca bene la situazione e voglia comunque raddrizzarla, ma penso che una soluzione seria necessiti una discontinuità netta.
    E’ come se uno comprasse una casa crollata per deficit nel progetto iniziale e per ritirarla su chiamasse l’architetto che ha sballato il primo progetto.
    Ci fosse un acquirente serio, prenderebbe in mano la situazione, continuerebbe l’opera di demolizione con risoluzioni per chi si ritiene necessario e nuovi accordi con chi ritiene funzionale al progetto e con calma ma chiarezza ripiani il resto.
    Invece sento parlare di debiti ripianati in tre giorni e squadra sfavillante per il futuro… Belle parole per un tifoso , un po’ meno per chi vede le cose con il giusto distacco.
    Scusate lo sproloquio…

    • 9 Febbraio 2015 in 13:21
      Permalink

      Se è per quello i Sanz hanno girato per mesi con Ernesto Valverde- allenatore in pectore- al proprio fianco, millantavano di avere già la dirigenza sportiva pronta – Baldini forse ?- eppure si sono sciolti come la neve al sole…
      perciò….

      • 9 Febbraio 2015 in 13:38
        Permalink

        Vero…
        Però nel momento in cui la società diventa effettivamente tua, si potrebbe fare un sforzo maggiore che girare per lo spogliatoio parlando alla squadra…
        Sembra quasi un gioco: “Diventa anche tu presidente del Parma per un giorno”…

  • 9 Febbraio 2015 in 12:52
    Permalink

    il consiglio di amministrazione sarà nominato oggi?
    Potrebbe esserci conferenza stampa?
    che ci dice direttore?

    • 9 Febbraio 2015 in 12:54
      Permalink

      conferenza stampa nn so, assemblee per nomina cda in corso

  • 9 Febbraio 2015 in 12:52
    Permalink

    consoliamoci che almeno mercoledì forse belfodil segna il suo primo goal visto che almeno 30 o 40 minuti li gioca e forse da centrale la butta dentro.

    c è o no il nuovo cda stasera?

    • 10 Febbraio 2015 in 00:39
      Permalink

      oddio su Belfodil non scommetterei nemmeno una vecchia lira…speriamo cmq…

  • 9 Febbraio 2015 in 13:01
    Permalink

    occhio che è carnevale e la bufala di Proto era giusto un antipasto….

  • 9 Febbraio 2015 in 13:16
    Permalink

    comunque, aldilà delle comiche di ieri, anche a lei, come a tutti, dovrebbe stare a cuore non solo la presenza dei fondi ma, francamente, anche la loro provenienza.
    Chiediamoci, a questo punto, come mai finora non solo non si sono materializzati i soldi, ma anche perchè si siano sempre palesati solo dei prestanome, oltretutto più o meno presentabili, senza il becco di un centesimo proprio?
    Come mai, se davvero esiste qualcuno (possibilmente incensurato…) davvero interessato a rilevare una società sommersa dai debiti e già con 3 piedi in B (come minimo), non si presenta direttamente, con nome, cognome e partita iva italiana?
    Forse perchè, semplicemente, non può esistere un soggetto del genere!
    Anche perchè, ricordatevelo, se un mega imprenditore è divenuto tale, lo deve sicuramente anche al fatto che non è malato di mente e sprovveduto, difetti che, invece, necessitano per acquistare, oggi, il Parma

    • 9 Febbraio 2015 in 13:47
      Permalink

      Guarda sinceramente a me interessa che ci siano i soldi. Della loro provenienza me ne fotto alla grande

  • 9 Febbraio 2015 in 13:32
    Permalink

    un imprenditore italiano incensurato di sicuro non è interessato.
    potrebbe essere una società estera che vuol entrare per qualche logica di mercato…ma perché in una situazione del genere??

    sui 3 piedi in B non sono ancora d’ accordo.
    la classifica è strana. 3 squadre hanno pareggiato tanto (sampdoria, sassuolo, empoli) e per le loro posizioni abituali sono ben oltre quanto si aspettavano. tanti pareggi per tutti. cioè con poche vittorie e non pareggi risali veloce…ovviamente bisogna cominciare a vincere gia mercoledì altrimenti è veramente finita.

    • 9 Febbraio 2015 in 13:40
      Permalink

      Vero lo scorso anno in un mese il Catania da spacciato risalì fino a tre punti dalla salvezza, poi ricrollò…
      Però penso che certe retrocessioni di certe squadre siano una necessità catartica di ripulirsi la rosa da certi giocatori che prendono troppo e fanno gli schizzosi…
      Vedi Palermo o il Chievo qualche anno fa…

  • 9 Febbraio 2015 in 13:35
    Permalink

    Queto è come un film in due parti. Di che genere? semplice DEMENZIALE. La prima parte che si svolge in società si concluderà il 16 con teste di legno, teste di cazzo e megalomani a farla da padroni La seconda parte del film avrà come scenario la finanza, le procure, la magistratura, le aule dei tribunali, le condanne. Ora pensando al passato, mi vien da sorridere quando sulla Gdp mi scagliavo contro Ghirardi mentre molti mi attaccavano di brutto dicendo che ero un irriconoscente e se non eravamo falliti il merito era tutto suo……

  • 9 Febbraio 2015 in 13:37
    Permalink

    Attenti ragazzi che il cagliaari sta a 19 e il Parma a 9 con una paartita da recuperare. Se vinciamo col Chievo andiamo a – 7 ed allora tutto è possibile. col rientro di Coda e se vanno in forma il cipolla (che si allena con Mauri) e il Varela allora là davanti siamo a posto. Il Leo sta sondando il mercato degli svincolati per trovare uno stopper e un terzino sinistro, faremo un filotto vincendone tre in stecca ed allora andremo a 21 punti, a tre punti dalla zona salvezza e con la congiunzione di Urano in Plutone che favorisce la Vergine, i giocatori si ecciteranno perchè avranno stipendi e futuro garantito coi quinquennali e a Maggio festeggeremo coi petrolieri il futuro roseo con ambizioni europee che ci attende. L’economia ripartirà di slancio e tutti avremo un lavoro, gli investimenti faranno impennare il PIL e lo Spreaad calerà a precipizio, la Germania invidierà l’economia Italiana, si andrà in pensione a 55 anni e la mutua passerà non solo le medicine ma anche le marchette. No, questo no. Figurati se la mutua che non pasa un cazzo, ci passa anche la brugna (cit P. Stoppa)

  • 9 Febbraio 2015 in 13:39
    Permalink

    In tutta questa carnevalata o meglio tragedia sportiva vorrei inserire i dirigenti UPI e i nostri straimprenditori locali. Non ho sentito alcuna presa di posizione da parte del dott. Orlandini né tantomeno di altri dirigenti UPI. Capisco che il Ghiro era un loro associato ma non capisco questa totale assenza. Vorrei altresì rimarcare che i nostri mecenati locali (non faccio nomi solo per delicatezza) hanno sempre pensato a raccogliere e a chiedere ma poco a dare. Ciò mi dispiace molto poiché il nome di Parma aumenta il valore delle loro imprese e qualcosa deve ritornare. Comunque vada abbiamo riscoperto l’unione di una comunità e la passione reale verso la nostra squadra.
    Un cordiale saluto

    Davide

    • 10 Febbraio 2015 in 00:23
      Permalink

      Non mi stancherò mai di ripetere che i nostri straricchi imprenditori se ne fregano del Parma…non sono campanilisti…magari tifano altre squadre…è l’unica cosa di cui, da parmigiana, mi vergogno e non poco ! altrochè crac parmalat (che pure è stato inaccettabile)…la cosa ignobile che deve far infuriare tutti noi è il voltarsi dall’altra parte dei potenti della città mentre il Parma scompare (speriamo di no alla faccia loro!)

  • 9 Febbraio 2015 in 13:45
    Permalink

    Conferenza Stampa ore 18.30 Più o Meno

    Stasera un bel Brindisi

    Domani un bel Sanremo

    Ragaz ke Bidò altro ke Rispetto

    Pàrma e po Pù

  • 9 Febbraio 2015 in 14:10
    Permalink

    Cosa abbiamo fatto di tanto male?? Povera la nostra squadra e povera la nostra città……..Questo è più fuori degli altri……….

  • 9 Febbraio 2015 in 14:20
    Permalink

    Nell’ atto di vendita si dovranno anche sostituire le firme di garanzia sui prestiti bancari. E le firme nuove dovranno essere di gradimento anche all’ Istituto di Credito.

  • 9 Febbraio 2015 in 14:22
    Permalink

    Direttore Manenti ha detto che chiede i soldi a barilla,chiesi e gazprom!?!?!?Vi prego ditemi che prima o poi esce ghirardi e ci dice che siamo su scherzi a parte!!!!

  • 9 Febbraio 2015 in 14:30
    Permalink

    Finalmente ci siamo.I soldi ci sono. GARANTISCO IO.Sono fermi alla frontiera. Sono stati sdoganati un’oretta fa. Arriveranno sicuramente venerdì. Sono 33 milioni di euro. La filigrana è …….quella delle banconote dei Monopoli.

  • 9 Febbraio 2015 in 14:40
    Permalink

    Conferenza stampa ore 18,30 Più o meno
    Stasera un bel brindisi
    Domani un bel Sanremo

    Lunedì si paga con la filigrana dei soldi del Monopoli
    Lunedì sera un bel brindisi per festeggiare Manenti
    Martedì libri in tribunale per il fallimento

    Ragaz ke Bidò altro ke Rispetto
    Pàrma e po Pù.

  • 9 Febbraio 2015 in 14:47
    Permalink

    Societa alimentari, societa farmaceutiche, societa petrochimiche,
    Cosa vuol dire che ce barilla? Pizzarotti? E la Gazprom?
    Questo ha detto manenti nuovo presidente del parma che ha una società costituita con 7.500 euro insomma una scatola vuota come la dastraso.
    Ma è possibile che sindaco unione industriali e sopratutto i tifosi stiano immobili a tutto questo scempio e prese per il culo possono andare avanti senza che nessuno intervenga?
    Poi se non sbaglio avevo letto che i nuovi proprietari si dovevano presentare dopo che erano stati effettuati i pagamenti di irpef e stipendi ai giocatori

  • 9 Febbraio 2015 in 14:52
    Permalink

    Non sono d’accordo sul fatto che peggio di così non poteva essere quindi tanto vale la pena provare,
    Majo ma si rende conto che se, e sottolineo se, questo è un mitomane e Leonardi e Taci gli hanno “regalato” decine di milioni di debiti senza vedere documentazione che ne prova il suo accesso a grossi capitali la cosa è drammatica? non dico solo per il fatto che il Parma si troverebbe in una situazione del genere senza persone competenti nemmeno per la gestione quotidiana, ma credo che ci sia anche circonvenzione di incapace come minimo.
    Dubito che vale la pena di tentare poi mal che vada si fallisce, nel caso sia un mitomane ci sono anche altri aspetti che si aggravano.

  • 9 Febbraio 2015 in 14:59
    Permalink

    dopo la domenica delle comiche mi sa che ci sara’ la settimana delle comiche come volete che manenti tiri fuori 20 milioni di eur !!!!! su non facciamoci prendere in giro la citta’ e i tifosi debbono dire basta !!!! temo che il ns troppo buonismo attiri questi personaggi che avrebbe bisono di un pscichiatra avete in mente quello dietro agli inviati con la biro in bocca o al vecchio paolini ….ecco c e gennte che ha bisogno di andare in tv sui giornali anche se poi ci sono consguenze tanto non hanno nulla da perdere come puo’ uno con 2500 eur di liquidita’ far fronte a 50 milioni di debiti !!! denigrano l immagine della citta’ qualcuno dovrebbe intervenire …..altro che aspettare la procura penso che la finanza invece di controllare il commerciante se emette lo scontrino potrebbe verificare (possono verificare chi voglioniono non e’ che lavorano solo per la procura ) come dice tommasi dove sono finiti i 400 milioni incassati negli ultimi anni ……. leggo che il corriere della sera fa intendere quello che e’ il sospetto di molti so che majo non e’ d accordo ma che taci ha fatto un servixio a ghirardi poi hanno trovato un paolini che vuoole avere la settimana di riflettori e questo li facilita’ ……ah secondo voi manenti ha fatto la verifica dei bilanci prima di aquistar le quote ? speriamo non debba fare iu controlli anche lui ahahaha GAME OVER SIGNORI ed e’ razionalita’ non pessimismo o altro majo ha fatto il suo lavoro dare la notizia poi se ci sono certi personaggi in giro non e’ colpa sua pero’ per me era melio fallire con taci che fare un altro giro di giostra innutile se notate dice manenti che paghera’ ma mette gia dubbi il tempo e’ poco eccccc addirittura produce in italia e vende all estero ahahah ma lo sentite le cazzate che dice ……

  • 9 Febbraio 2015 in 15:06
    Permalink

    Qualcuno direbbe: “Ma da dove è uscito questo, da un film?”, come ripetono spesso anche a me..in senso buono però.
    Sinceramente questo Manenti mi fa paura, potrebbe essere un pazzo o un malato di visibilità, in fondo sembra uno che non ha più nulla da perdere oppure sì…Questa però potrebbe essere anche la Sua Grande Occasione, l’occasione di rifarsi l’immagine, una sorta di rivalsa sul passato. Credo che bisogna dare a tutti un’occasione per redimersi, non è detto che un truffatore lo sia per sempre, o che un perfetto padre di famiglia non si trasformi improvvisamente in serial killer. Al mondo succedono tante cose strane…un pò come quando ti innamori. Hai un tuo ideale in testa, immagini la persona ideale con dei canoni anche fisici specifici e poi, ti accorgi che chi è riuscito a scoparti il cervello, non corrisponde esattamente al tuo ideale, ma tant’è: ti ha scopato il cervello e a quel punto esiste solo “quella” persona. L’amore è una sorta di follia chimica, sull’onda del’amore si possono fare cose grandi e incomprensibili, allo stesso modo, sull’onda dell’entusiasmo, si possono compiere autentici miracoli. Manenti fa il personaggio, non ha un passato affidabile, eppure ha una grande dote: è un comunicatore, sa comunicare, sa convincere. Questa è una qualità rara, chi sa farlo indipendentemente dall'”Abito che indossa” ha indubbiamente delle carte da giocarsi. Altrimenti come sarebbe possibile che con quelle credenziali sia riuscito a intavolare trattative con gente navigata? E soprattutto, se quello che è uscito dalla stampa è corretto, cioè che la sua azienda è inattiva, non fa girare un euro, com’è possibile che esista ancora? E’ una scatola vuota anche quella e lui sicuramente non è un santo ma altrettanto sicuramente conosce qualche Santo in Paradiso, magari tra una chiacchiera e una sigaretta alla slot machine di qualche casinò magari proprio a Nova Gorica, che sembra essere un porto franco. Ma credo che a nessuno interessi che lui sia un santo, ma che traduca il suo “fortissimo entusiasmo” in fottuta concretezza.
    Perchè mai un imprenditore con un ottimo patrimonio dovrebbe subentrare proprio ora? Ora che sta per finire tutto, ora che sta per resettarsi tutto. Ebbene, c’è chi ha un buon patrimonio, un ottimo patrimonio, e c’è chi ha uno sconfinato patrimonio per cui 50 milioni di euro equivalgono a 5000 euro per una persona qualunque. Quindi, visto che l’amore è pazzia, visto che l’entusiasmo è una piccola follia dello spirito che si autogasa, perché mai non potrebbe davvero..andare tutto in porto, la luce alla fine del…Pozzo.
    Cosa guadagnarci da tutto ciò per chi metterà alla fine questi tanto anelati soldi? LA GLORIA, il prestigio, la medaglia, diventare l’Eroe di tutta una cittadinanza, anzi di uno stato. Se un colosso dall’estero a anche nazionale, volesse averne un ritorno di immagine e un’affermazione sul territorio moltiplicato “al cubo”, questa sarebbe l’operazione giusta. La definirei una vera e propria Conquista Territoriale, un’estensione stile Impero Romano, la conquista di una città strategica che per effetto domino fa aumentare il capitale investito su svariati canali. Per essere Presidenti bisogna essere dapprima Visionari, vedere con gli occhi della mente la grandiosità delle opere che si vogliono realizzare, prima tutto esiste nella mente, poi esiste anche nella realtà. Non era stato forse un certo Steve Jobs a dire: “Stay angry, stay foolish?”.
    Ho letto anche l’intervista data a Manenti a Mediaset e francamente non mi piace l’eccessiva esposizione mediatica che sta facendo, in pratica si sta facendo il bagno con i giornalisti, per lui deve essere una goduria come un bagnoschiuma che fa tante bolle nella vasca, anche se io faccio sempre e solo la doccia perchè non mi piace star lì tanto a perder tempo, quindi glisso anche sopra questi triti e ritriti auguri di compleanno…io non li faccio a nessuno neanche a Natale, se proprio devo, solo perché magari ci devo fare il pranzo di Natale. Quindi siamo tutti diversi, ognuno ha il suo metro di soddifazione, di goduria, c’è chi come me è schivo e riservato e ama terribilmente stare per conto proprio, e c’è chi ama farsi vedere tutti i giorni in tv. Ma l’avete visto quando ci gode un pazzo lucido come Ferrero ogni volta che fa la sua camminatina sul campo osannato dai tifosi? Perchè lo fa?
    Perché si sente un Dio.
    Ma non c’è un migliore o peggiore, dove io non riesco perché non ho la giusta motivazione, ci può perfettamente riuscire uno come Manenti che ripeto, con le doti comunicative che ha, può riuscire a convincere chiunque, anche uno o più milionari che non sanno che farsene dei propri soldi.
    Spero solo però che questo non sia l’ultimo atto di Leonardi, l’ultima missione prima di mollare, l’ultima chiamata al dovere, perché mi dispiacerebbe moltissimo. Quindi Leonardi, che so che stai leggendo…resta ancora un pò.

    • 9 Febbraio 2015 in 15:51
      Permalink

      Lorenzo MK non ti offendere ma se questo non fosse il Parma per cui cerchiamo di sognare ma una azienda qualunque qualcuno avrebbe già alzato la cornetta e chiamato la polizia dicendo: “a Collecchio ci sono degli albanesi e dei romani che stanno cercando di rifilare 70 milioni di debito ad una persona psicologicamente labile, senza un soldo con una plurimanifestata attitudine alla mitomania.”
      Spero di sbagliarmi e che Manenti sia l’amante di Bill Gates che lo riempie di milioni per le sue prestazioni sessuali ma Manenti sembra che non ha soldi e qualche oligarca che ha 50 milioni da buttare per debiti creati da altri si affida ad una squadra di professionisti del settore, non a Manenti.

  • 9 Febbraio 2015 in 15:08
    Permalink

    majo non si capisce niente, eviti di pubblicare commenti devianti

  • 9 Febbraio 2015 in 15:17
    Permalink

    Il leonardi “dimissionario” è una delle tante visioni mistiche di Raimondi o mi son perso qualcosa?

    • 9 Febbraio 2015 in 15:21
      Permalink

      guarda che delle dimissioni di leonardi ve lo avevo scritto nei giorni scorsi. quindi confermo nonostante raymond sia un cazzaro…

      • 9 Febbraio 2015 in 15:30
        Permalink

        allora scusami, nel calderone generale m’è sfuggito, mi sembrava in contrasto con la (presunta) conferma per la parte sportiva

        • 9 Febbraio 2015 in 16:13
          Permalink

          Per la parte sportiva, per lo meno sul breve, dovrebbe restare al suo posto. Anche se al suo posto io saluterei la compagnia…

  • 9 Febbraio 2015 in 15:17
    Permalink

    Caro Majo,

    qui non c’è nessuna cura Di Bella, mi meraviglio ancora che lei non abbia ancora preso una posizione precisa su quest’ultimo capitolo.
    Mi appellò alla sua onestà intellettuale (da tifoso posso comprenderla).
    Personalmente ho il vomito…
    Cordialmente.

    Gianluigi

  • 9 Febbraio 2015 in 15:24
    Permalink

    Il mio commento delle 15:06, se vuole lo può usare come articolo di Stadiotardini. E’ il mio regalo di compleanno. 🙂
    Ed è controcorrente, magari lo può intitolare: “La concretezza del folle” , da Lorenzo Mk

    • 9 Febbraio 2015 in 16:15
      Permalink

      Mi mandi la sua foto da mettere a complemento o sul mio comodino

  • 9 Febbraio 2015 in 15:29
    Permalink

    Majo siamo sicuri.che.questa nuo va propieta’sia seria e.soprattutto abbia cash…???

  • 9 Febbraio 2015 in 15:35
    Permalink

    Leonardi ha dato le dimissioni?Nel senso che non è pi a.d. ma solo d.g. o proprio dimissioni da ogni carica?

  • 9 Febbraio 2015 in 15:36
    Permalink

    Ma io leggo e vedo: I giornali di grande testata comenLa Repubblica, il Corriere della Sera, la Gazzetta dello sport, la gazzetta di parma, poi parlano le persone, la domenica sportiva, sky, Di Marzio, Tommasi, e tanta tanta altra gente, e io continuo a leggere e vedo un totale accanimento nei confronti del Parma, mi sembra di vedere una persona distesa in un letto di ospedale dove gli propongono una cura per poterlo salvare, ed ad oggi la sola cura, e tanti altri che anziche’ aiutarlo moralmente dandogli del coraggio o almeno rimanere in silenzio nel rispetto di tante altre persone tifosi che soffrono di questa situazione, parlano parlano e parlano, invocando rischio calcio scommesse, incitano a far passare la Finanza a Collecchio o incoraggiano la Procura a chiedere il Fallimento, o strillano nel chiedere interventi di Tavecchio e Galiani, o scrivono di gruppi appartenenti alla finanza virtuale e truffaldina che hanno preso le quote del Parma o Studi Notarili venuti fuori dal nulla. Allora dico solo una piccola frase in un francesismo unico,……perche’ non si fanno un piccolo pacchetto di cazzetti loro ???? Per il rispetto di noi tifosi che se rimaniamo ancora in attesa di un piccolo miracolo. Rimaniamo in silenzio o se dobbiamo scrivere a qualcuno cominciamo ad andare nei vari siti e forum dei giornali ad insultare questi pseudo giornalisti che scrivono solo per far parlare di se piuttosto che del Parma FC.
    Grazie

  • 9 Febbraio 2015 in 15:41
    Permalink

    Toh guarda tutti ora la stanno pensando come me, sta a vedere che quello piu’ denigrato di tutto il forum aveva ragione.Oserei dire…..COME SEMPRE.Quello che mi meraviglia e’ che anche tu MAJO che sapevi “di Salso” ti sei fatto incantare da lui.Ora ti dico i prossimi scenari.Dopo il fallimento…la magistratura.E TI DO UNA NOTIZIA IN ESCLUSIVA.CON LA FINANZA E LA MAGISTRATURA SE NE VEDRANNO DELLE BELLE

  • 9 Febbraio 2015 in 15:41
    Permalink

    Manenti a mediaset “Ci siamo attivati con professionisti italiani molto importanti, ci crediamo, e coinvolgeremo nel progetto società estere, perchè l’idea è quella di produrre in Italia ed esportare all’estero. Qualche nome? Aziende del campo alimentario, chimico farmaceutico e petrolifero”
    Ma il Parma non è una squadra di calcio on una società che produce beni e/o servizi?

  • 9 Febbraio 2015 in 15:41
    Permalink

    e se questo fa tutto quello che dice?tutti i gufi e gli esperti che già lo stanno affondando che cosa diranno??si criticano tanto i giornalisti che stanno massacrando il Parma, ma anche i tifosi(o presunti tali) non scherzano. che tristezza,,,,

  • 9 Febbraio 2015 in 15:55
    Permalink

    Leonardi si è dimesso? Um altro colpo di teatro.Scappa dal Parma ma non alla giustizia che tra un poco farà il suo corso.

    • 9 Febbraio 2015 in 16:11
      Permalink

      Scusate, eh: ma se cambia il cda è ovvio che si dimetta. Non enfatizziamo fatti insignificanti

  • 9 Febbraio 2015 in 16:05
    Permalink

    ma cosa deve ancora accadere perchè qualcuno (….) inizi davvero ad indagare? (ammesso che, come sostiene Schianchi – e non solo – non lo stia già facendo)???

  • 9 Febbraio 2015 in 16:16
    Permalink

    Majo ha qualcosa in mano?

  • 9 Febbraio 2015 in 16:21
    Permalink

    Direttore, per cortesia, so che non sarebbe corretto, ma visto che non sono l’unico a chiederlo, non esiste un modo per arginare (se non bannare) velenoso? con i suoi commenti ha già esasperato gli avventori dei forum gdp, ora ci si mette anche sul suo sito…. non se ne può più di commenti senza prove e scritti in maiuscolo… oppure che almeno si firmi e ci metta la faccia!

    • 9 Febbraio 2015 in 18:39
      Permalink

      Ma Joe la mi è una faccia da culo,perché t’interessa vederla? Mi firmo sono VELENOSO.Poi per due che se ne vanno da questo forum,ne arrivano 10 e se noti da quando sono sul forum “il traffico” è aumentato.

  • 9 Febbraio 2015 in 16:28
    Permalink

    Velenoso è così gli dai un dito e pian piano si prende il braccio e in poco rompe le palle al mondo!
    Sembra la bandiera schianchi cambia più idee lui che tutti noi messi insieme! Per lui ho smesso di leggere la gdp!

  • 9 Febbraio 2015 in 16:28
    Permalink

    Velenoso non va’ bannato, poverino lasciatelo scrivere e cercate di avere essere un po’ comprensivi e tolleranti con una persona che gia’ di suo ha e soffre tanto per cio’ che la natura gli ha reglato.

  • 9 Febbraio 2015 in 16:34
    Permalink

    se si fa una petizione x bannare velenoso io sicuramente voto a favore.è arrivato da poco nel forum e ha già rotto le palle con le sue sentenze da tuttologo. Majo io capisco la libertà di pensiero ma credo che ci sia un limite al Buon senso. certa gente va nri forum solo x farsi notare, basta vedere la sfilza di messaggi uguali e consecutivi che manda..ha veramente rotto

    • 9 Febbraio 2015 in 18:15
      Permalink

      Quoto in pieno!

  • 9 Febbraio 2015 in 16:43
    Permalink

    Amministratore unico?!?!cosi fa proprio quello che gli pare…ma io mi chiedo…ma possibile che i soci di minoranza non dicano niente?!?!

    • 9 Febbraio 2015 in 16:48
      Permalink

      Le responsabilità sono così totalmente sue…

  • 9 Febbraio 2015 in 16:53
    Permalink

    ed è un bene o un male?mi perdoni l ignoranza

  • 9 Febbraio 2015 in 16:54
    Permalink

    Quindi direttore cosa vuol dire?

  • 9 Febbraio 2015 in 17:01
    Permalink

    ho appena ascoltato l intervista di alborghetti il quale ha risposto a domanda precisa di gallerani che non è amministratore unico ma verrà convocato un cda il 19 febbraio dove spera ci saranno anche esponenti parmigiani

    • 9 Febbraio 2015 in 17:24
      Permalink

      Il motivo, se ho capito bene, è che l’hanno fatto amministratore unico fino al 19 perchè se no nessuno poteva agire prima di quella data che per motivi legali è la prima utile per formare il cda.

  • 9 Febbraio 2015 in 17:01
    Permalink

    Alborghetti, nel video, mi è sembrato una persona seria e abbastanza disponibile a rispondere in una maniera abbastanza chiara. Lei cosa ne pensa direttore?…conferenza stampa x mercoledì sera prima della partita…può fargli una domanda x me?…a quanto ammonta questo benedetto debito? 78-118-200??…escludendo ammortamenti, prestiti e mutui vari…

    • 9 Febbraio 2015 in 17:48
      Permalink

      Luca da Frara, at dag un cunsili: smisiat. Stu chi l’è un ciocapiat pez che Ghirardi.

      Parma e Spal ai ved ben insiem: in t’un aldamar.

    • 9 Febbraio 2015 in 17:57
      Permalink

      Un minimo di speranza io ce l’ho proprio per la presenza di Alborghetti. Chi glielo fa fare di metterci la faccia solo se ci fossero dei ciocapiatti?

  • 9 Febbraio 2015 in 17:05
    Permalink

    Direttore ma perchè perdere altri 10 giorni ad ascoltare questo mitomane…scusi ma i soldi questo dove li trova???
    Non è un imprenditore, non è un uomo ma chi cazzo è??
    Non esistono garanzie per acquistare una squadra di serie A????
    Ma stiamo scherzando????

  • 9 Febbraio 2015 in 17:07
    Permalink

    A me rimane una “piccola” curiosità: non serve essere dei grandi economisti x sapere che un bilancio sociale è costituito da Entrate ed Uscite e che x stare in piedi le prime devono essere superiori alle seconde. Bene. Nel caso del Parma, x una cattiva gestione, è evidente, si è fatto il contrario e Ghirardi, in quanto azionista di maggioranza, a novembre avrebbe dovuto ripianare le perdite con nuove risorse che però non ha voluto mettere. Che fa? “Vende” la società ad un oscuro soggetto il quale a sua volta, dopo 2 mesi, la rivende ad un altro, altrettanto oscuro, con sede all’estero. Sembra il copione di formule stra collaudate x liberarsi di società con debiti sul groppone.
    Mi chiedo: A) dov’era la COVISOC (esiste ancora?) quando era evidente (salvo falsi) che si stava sputtanando il bilancio. B) nel sistema calcio basta conoscere un notaio ed un avvocato x consentire a qualunque signor nessuno x salire agli onori della cronaca come proprietario/presidente di una società di serie A?
    A coloro che invocano Barilla&C, ma pensate davvero che un imprenditore serio vada a sputtanare soldi in un sistema così dilettantesco come il calcio in Italia?

  • 9 Febbraio 2015 in 17:09
    Permalink

    salve a tutti, ci tengo a farvi sapere che a Bologna seguiamo le vicende del parma con grande attenzione e ci facciamo delle grasse risate a vedere che finalmente il karma ha fatto il suo corso.
    mi raccomando tirate fuori dall’ armadio le sciarpe che portavate fino a qualche anno fa, quelle strisciate prima del parma delle truffe che vi ha fatto ricordare di avere una squadra di calcio in zona serie c o dilettanti.
    buona retrocessione e buon fallimento, tornate dalla fogna da cui siete usciti

    • 9 Febbraio 2015 in 17:29
      Permalink

      Si bravo e adesso… “socmel” !

    • 9 Febbraio 2015 in 17:47
      Permalink

      Ma nasconditi, cretino. Vai a cena con Gianni Morandi che tanto sono decenni che il vostro menù calcistico è quello. Rosso-Blu-Marroni. Ricordati sempre di Pagliuca che piange sul palo, retroCESSI a domicilio. Perdonami, ora devo dare la mortadella al cane e farmi un panino col culatello.

      • 9 Febbraio 2015 in 17:49
        Permalink

        calma rollo, calma rollo: dove è finito il suo aplomb?=

        • 9 Febbraio 2015 in 17:53
          Permalink

          Mi scusi Direttore ma i bolognesi li detesto antopologicamente, calcisticamente parlando.

          • 9 Febbraio 2015 in 17:54
            Permalink

            Sì però cerchiamo di non eccedere. E lo stesso vale per gli frequentatori sia di parte parmigiana che ospiti. Grazie

    • 9 Febbraio 2015 in 17:59
      Permalink

      Cara al ragass,
      A voi ridor quando i vari Joe,Jack e Nick e Faccia d’Angelo di Bologna saran tutti a Sing Sing. ti presto la sciarpa per piangere
      Povret

    • 9 Febbraio 2015 in 18:16
      Permalink

      Caro “socmel” visto che passi le tue giornate seguendo le vicende del Parma ne deduco (1) che hai parecchio tempo da perdere (2) che devi aver dentro una gran “carogna”.
      I motivi di questo tuo malessere li ingnoro, ma posso provare ad indovinarli: forse perchè negli ultimi 30 anni avete passato più anni nelle fogne che fuori? Forse perchè (salvo che tu non abbia 60 anni) da quando sei al mondo non hai mai visto alzare nemmeno una coppa del nonno? Forse perchè nel 1993 mentre il Bologna Football Club falliva noi eravamo a Wembley ad alzare la Coppa delle Coppe? Illuminami, Socmel ti prego… Forse ti brucia ancora il tuo bel “deretano rossoblù” per lo spareggio che avete perso il 18 Giugno 2005??? Io ero al Dall’Ara quel giorno… è stato bello vedevi piangere… Ah, dimenticavo… TANTI SINCERI AUGURI per una pronta risalita in serie A e ricordati di Gianni Morandi!

    • 9 Febbraio 2015 in 18:35
      Permalink

      Certo che gli brucia lo spateggio del 2005 ma è andata cosi…e meno male!!! Nei quasi 10 anni da allora, 9 li abbiamo passati in A e uno solo in B…non male! Socmel goditi la B che magari il prossimo anno ci incontriamo allo stadio…

  • 9 Febbraio 2015 in 17:33
    Permalink

    Veramente sono 25 anni che vi diamo la polvere, mica un annetto. Il Parma di Tanzi ha vinto quello che ha vinto, e che voi vi sognate da mezzo secolo, meritatamente. La Parmalat è deragliata dopo che il Parma aveva iniziato a vincere e comunque vorrei sapere se sono puliti anche i soldi con cui Berlusconi, la Fiat, Cragnotti e altri ancora hanno vinto i loro titoli. Voi siete la preistoria del calcio ed è tutto da dimostrare che abbiate pià appeal di noi: sveglia, in Europa conoscono più il Parma che il Bologna, noto ormai solo tra i pensionati degli ospizi. So che avete sofferto per tanti anni ma attenzione a ridere. Potrebbe succedere che alla fine, come avviene ormai dali anno Ottanta, a ridere continueremo ad essere noi. Tornate nella tua fogna bolognese, sciacalletto da due soldi.

  • 9 Febbraio 2015 in 17:35
    Permalink

    La FEDE NON SI TOCCA il PARMA SI AMA !!!!!!

    Andatevene Incompetenti Luridi

    PARMA VI SKYFA !!!! FUORI DAI COGLIONI

    FORZA CROCIATI !!!! La Nostra MAGLIA !!!!!

  • 9 Febbraio 2015 in 17:40
    Permalink

    non vi preoccupate, tra un po sara’ tutto finito.
    è inutile dimenarsi tanto.
    cosa che comunque non state facendo, tanto i soldi arrivano. un attimo eh che la banca era chiusa

    • 9 Febbraio 2015 in 17:54
      Permalink

      torna quando avrai vinto anche una sola coppa delle nostre…fino ad allora…MUTO!

    • 9 Febbraio 2015 in 17:58
      Permalink

      Allora ? Dai adesso “socmel” !

    • 9 Febbraio 2015 in 18:02
      Permalink

      Ve che aSing Sing a ghe post anca pri sfortune’ ad nascita cme ti

    • 9 Febbraio 2015 in 18:33
      Permalink

      PARMA BELL’ ARMA !!! BOLOGNA CAROGNA !!!!!

      Vè Panacolo ma cosa vuoi ciucciare

      NON siete NESSUNO e ancora Parlate

      Ma in Piazza Verdi siete VOI ke Sappate

      Onore e Fedeltà Crociata !!!!

    • 9 Febbraio 2015 in 18:39
      Permalink

      Vedremo quando poi sarà chiusa la banca di Tacopina…poi non riderai più. ..RIDICOLO. ..

  • 9 Febbraio 2015 in 17:40
    Permalink

    Conferenza di presentazione della nuova proprietà significa che si presenta qualcuno o che fa nomi manenti? thanks

  • 9 Febbraio 2015 in 17:42
    Permalink

    majo ha notato che anche alborghetti ha detto:”Tutto è predisposto”???Un caso??? Io non credo!

  • 9 Febbraio 2015 in 17:45
    Permalink

    Direttore!! Alborghetti che dice: è tutto predisposto!!! No, beh, se stavolta salta tutto allora altro che comiche!!

    • 9 Febbraio 2015 in 18:19
      Permalink

      Sbaglio o mi pare d’aver gia’ sentito questa affermazione?

      • 9 Febbraio 2015 in 20:30
        Permalink

        Carissimi Erbazzone e Tortellino

        Eravate Gemellati poi x uno striscione

        Vi siete Mollati !!!! Ke PENA !!!!!

        Eravate e siete una Scoreggia Fatta Male

        Voi Siete il PEGGIO dell’ Emilia-Romagna

        NON siete ne Emiliani ne Romagnoli

        Pàrma e po Pù !!!!!!

  • 9 Febbraio 2015 in 17:49
    Permalink

    Amici bolognesi,lasciate perdere questi poveretti parmigiani,che finalmente torneranno nel calcio che più gli compete.

    • 9 Febbraio 2015 in 17:54
      Permalink

      che poi sarebbe quello dove voi giocate da una vita giusto?

      • 9 Febbraio 2015 in 18:35
        Permalink

        E’ quella in cui avete giocato pure voi fino a ieri,prima della truffa del secolo.

        • 10 Febbraio 2015 in 00:01
          Permalink

          Fino a ieri…sbaglio o sono passati 25 anni…pensa quadrotto a quando mai alzerai una coppa…che vita frustante accendere sempre la TV e vederci noi la e voi in serie c…peccato

    • 9 Febbraio 2015 in 17:57
      Permalink

      Almeno i bolognesi hanno una bella città, piena di salentini festosi e tanti negozi di frutta e verdura gestiti da simpatici indù. Voi a Reggio avete…avete…avete…cosa avete? Vanni Zagnoli è un monumento? Non me lo ricordo.

    • 9 Febbraio 2015 in 18:41
      Permalink

      Come mai tanti cugini qui?! Vi siete dati la voc? Strizza che i soldi arrivino davvero eh?! Paura?!

      • 9 Febbraio 2015 in 18:52
        Permalink

        Ahahahahahah i soldini di Manenti,ciuerto ciuerto

        • 10 Febbraio 2015 in 00:33
          Permalink

          L’ennesimo perdente che x sentirsi migliore tenta di infangare gli altri….x vincere dovete vedere noi perdere…ma vatti a nascondere…pensa a risalire tu in una serie degna, se ci riesci! noi non abbiamo bisogno di andare sui vostri blog a sfottere come fate voi…qualcosa vorrà pur dire !!! (Petizione per mandarli gentilmente a cag… questi intrusi sbraga-balle?)

  • 9 Febbraio 2015 in 17:49
    Permalink

    Egregio Gustavo, avete avuto un patron che ha usato soldi sporchi, riciclaggio, e chi ne ha più ne metta per la bellezza di vent’anni. Comoda cosi. Difatti da quando la campanella della ricreazione ha iniziato a suonare di nuovo, le avete sempre prese. Adesso la campanella è quella di fine anno scolastico ed è quella definitiva. il 16 febbraio preparo la bottiglia chiusa di nocino del’84. L’unica cosa che mi dispiace è per la gente che lavora, del resto frega relativamente il giusto. Andate ben a Carpenedolo a cercare uno dei maggiori colpevoli.

    • 9 Febbraio 2015 in 18:21
      Permalink

      No perché i soldi della Juve non provenivano da Fiat? e Fiat chi la finanziava??…basta con sta storia che il Parma dell’epoca Tanzi ha rubato quello vinto perché se l’è meritato sul campo, se no la Juve di Moggi altroché 2 scudetti dovevano toglierli.

      • 9 Febbraio 2015 in 19:12
        Permalink

        Dunque, vediamo un po, alla Juventus sono stati abbuonate due categorie e 12 punti di penalità. Certo che dietro ci sono i soldi della Fiat, la famiglia Agnelli è dai tempi degli anni 20 al club piemontese. Inutile che dici basta con la storia dell’epoca di Tanzi, perchè senza di lui al massimo avrebbe calcato la serie B, ma massimo eh. Ti consiglio vivamente di fare dei controlli incrociati tra la Lazio di Cragnotti e il PaVma di Tanzi, Cirio e Parmalat se non mi sbaglio hanno avuto dei crack con soldi dei risparmiatori che caso strano erano utilizzati nei club calcistici. La Lazio ha avuto uno spalmadebiti grazie alla moglie di Fini che all’epoca era al governo e una squadra della Capitale nel caso di radiazione all’epoca faceva scoppiare la guerra a Roma. Nessuna invidia, le gerarchie fanno rispettate, come in caserma.

    • 9 Febbraio 2015 in 18:45
      Permalink

      Che faccia tosta sti bolognesi /reggiani/gobbi…e che cavolo!!! Guardate in casa vostra che mentre il gatto è fuori i topi ballano…. Ripeto: paura che non falliamo eh?!

      • 9 Febbraio 2015 in 19:25
        Permalink

        Caro cibbi, che paura mai dovrei avere del vostro fallimento? la mia paura è solo per le famiglie che ci lavorano e che probabilmente si troveranno senza lavoro. quello mi dispiace. del resto si torna alle origini.

        • 10 Febbraio 2015 in 00:48
          Permalink

          E se non te ne frega, che cavolo fai qui? hai tempo da perdere? vai a curarti della tua squadra, se ne hai ancora una. (Poi un pò va bene, ma state cominciando a puzzare come il pesce in casa da troppi giorni… vediamo se vi piace se veniamo noi sui blog della vostra squadra. Se ce l’avete..un blog e una squadra…)

  • 9 Febbraio 2015 in 17:49
    Permalink

    Direttore mi conferma che sul sito del Parma qualche minuto fa è uscito il comunicato della cessione a Manenti ma che poi è stato eliminato? Se lo sa saprebbe dirmi il motivo?

    • 9 Febbraio 2015 in 17:53
      Permalink

      Io non ho visto alcun comunicato, però, magari, mi è sfuggito qualcosa

      • 9 Febbraio 2015 in 17:59
        Permalink

        Era lo stesso uscito adesso, però non capisco perchè l’abbiano cancellato e ripubblicato ugale..

  • 9 Febbraio 2015 in 17:50
    Permalink

    io ci credo…
    io voglio crederci…
    ce la faremo!!!
    ne sono certo!!!

    • 9 Febbraio 2015 in 18:47
      Permalink

      Ma vai dove meriti……guarda,ti aspettano in tanti!!!!

  • 9 Febbraio 2015 in 17:51
    Permalink

    LA DANZA del debito del Parma continua: con cifre sempre diverse e senza mai chiarire a che cosa ci si riferisca in particolare come fa il Corriere della Sera.

    Il quotidiano parla di 200 milioni. Ma non si dice nulla circa lo Stato Patrimoniale del Parma !

    In sostanza, non si chiarisce MAI se tale importo (o gli importi del debito a più riprese strillati) sia la differenza tra ATTIVO e PASSIVO del patrimonio oppure una generica sommatoria di costi insoluti.

  • 9 Febbraio 2015 in 17:52
    Permalink

    Tempo fa lessi di un possibile interessamento da parte del Cav. Zanetti, se non erro ne parlo Baraldi, ha notizie in merito? nel caso andasse male con questi, (visto l’andazzo, ultimamente) potrebbero ritornare alla carica Mr segafredo? anche perche’ da sempre e’ un tifoso del parma, baraldi ha sempre lavorato bene, lazio, bologna, padova, e magari con un suo piano, potrebbe sistemare i conti

    • 9 Febbraio 2015 in 17:53
      Permalink

      Se falliamo Zanetti c’è. Se non falliamo Zanetti non c’è

      • 9 Febbraio 2015 in 17:55
        Permalink

        quindi c’e’ la possibilita’ di fallimento pilotato?
        E magari una rinascita con Zanetti?
        cavolo oh, ma zanetti e’ sfondato, e’ un magnate, quindi se fa una cosa la fa bene
        Boh a sto punto quasi meglio un fallimento pilotato stile bari…..

          • 9 Febbraio 2015 in 17:59
            Permalink

            perche? scusa ma retrocedere retrocediamo, se manteniamo la categoria in B, con uno come zanetti torniamo su subito e cmq ha dei gran soldi!

      • 9 Febbraio 2015 in 18:00
        Permalink

        Approfondimento please !

    • 9 Febbraio 2015 in 18:49
      Permalink

      Zanetti tifa bologna e come vedi i bolognesi non ci amano…….

  • 9 Febbraio 2015 in 17:52
    Permalink

    che persona triste si socmel, vrnire a bazzicare in un forum parmigiano e non in uno del Bologna?ti annoia proprio la tua squadra evidentemente..povero sfigato.Salutami tacopina…lui si persona pulita

    • 9 Febbraio 2015 in 17:56
      Permalink

      Tacopina non mi ha mai dato fiducia, vedrai che i nodi verranno al pettine anche per loro………. Un formaggiaio canadese che salva il Bologna e non noi… qualcosa di assurdo!!! Baraldi stesso disse “perche’ bologna e non parma….” sicuramente c’e’ qualcosa sotto….

    • 9 Febbraio 2015 in 17:58
      Permalink

      Tacopina non mi ha mai dato fiducia, sicuramente i nodi verranno al pettine anche per loro….
      poi un formaggiaio canadese che salva i bolognesi.. qualcosa di assurdo….. pensa che Baraldi stesso disse “perche investire a bologna e non a parma…” mah… ma il tempo ci dara’ ragione 😉

    • 9 Febbraio 2015 in 18:06
      Permalink

      sono anche nel forum del bologna e c’è un bel thread dove tutti ridono della vostra penosa situazione
      proprio le comiche, ogni giorno un nuova

      • 9 Febbraio 2015 in 18:32
        Permalink

        Certo che piuttosto che retrocedere perdendo uno spareggio con voi è meglio fallire!!!!!!

      • 9 Febbraio 2015 in 18:34
        Permalink

        Il rispetto genere rispetto, l’ignoranza genera danni.
        Con i soldi di Tacopina voi bolognesi potrete comprarvi di tutto tranne Stile ed Educazione.

  • 9 Febbraio 2015 in 17:58
    Permalink

    Guardate ragazzi che di bolognesi ce ne sono pochi !

    Qualche buontempone che abite oltre il Fiume ENZA ci sta tediando e basta !

  • 9 Febbraio 2015 in 17:59
    Permalink

    Reggiani e bolognesi alleati su stadiotardini?che spettacolo…tra reggianI e bolognesi è una bella gara tra chi rosica di piu. pregate che veramente falliamo xche se Non falliamo nemmeno stavolta siete destinati a rimanere inferiori x tutta la vita. nador

  • 9 Febbraio 2015 in 17:59
    Permalink

    Majo per lei sarà “tutto” oppure “niente” ?

  • 9 Febbraio 2015 in 18:07
    Permalink

    Chi gode della nostra disfatta subira’ la nostra vendetta.Okkio

  • 9 Febbraio 2015 in 18:08
    Permalink

    vi riterro’ corresponsabili di questo scempio

    • 9 Febbraio 2015 in 21:29
      Permalink

      Attento con la Grattugia la MANO fa Male

      Almeno kè uno è Abituato usare SOLO le Mani x TUTTO

      Frù Frù al derby vacci tu

    • 9 Febbraio 2015 in 18:54
      Permalink

      Fai proprio ridere…ah ah ah. E se non ve ne siete accorti il formaggio parmigiano si chiama anche reggiano…attento che qualcuno prima o poi grattugera’ anche te!

  • 9 Febbraio 2015 in 18:14
    Permalink

    Bravo simone t…..i bolognesi sono tutti dei poveri sfigati..ma come siete messi..sieti sicuri di salire?..fate un anno poi riscendete..le prendete dal carpi..sfigati!

  • 9 Febbraio 2015 in 18:20
    Permalink

    Secondo te mayo loro a cosa puntano se non pagano?..dimmi la parola giusta!..sinceramente non nascondiamoci dietro un dito..

  • 9 Febbraio 2015 in 18:23
    Permalink

    Oh raga ci spiano anche le teste quadre..che forum da sfigati..mayo ci sono troppi sfigati ribellati ormai è contaminato da sti qua!

  • 9 Febbraio 2015 in 18:31
    Permalink

    ..raga ancora godo al goal del gila..come vi abbiamo purgato! Che bei momenti..aspetto di rivedervi ancora sfigati ahah..dai teste quadre difendetevi a vicenda sfigati.ahah

  • 9 Febbraio 2015 in 18:51
    Permalink

    Se 18 se ne vanno perche’ ci sono io 72 nuovi arriveranno proprio perche’ci sono io CHI NON MI VUOLE E’PER CASO UNO DELL’ISIS?.Secondo me questi soggetti grigi come novantenni non sono……… CHARLIE.

  • 9 Febbraio 2015 in 18:51
    Permalink

    Ho un farum sui maiali..reggiani e bolognesi può interessarvi?

  • 9 Febbraio 2015 in 18:56
    Permalink

    Majo siamo invasi. ..ormai il forum è troppo conosciuto anche fuori provincia 🙂

  • 9 Febbraio 2015 in 19:03
    Permalink

    Mayo mettili in quaranteno..sono infetti da sfigaggine!

  • 9 Febbraio 2015 in 19:05
    Permalink

    ..è dovere simone..perché negare l’evidenza! ..toccati quando chatti..portano sfiga..mayo fai qualcosaaaaa

  • 9 Febbraio 2015 in 19:20
    Permalink

    Majo il tuo strano silenzio pero’ inizia a rompere i marrons ? Non vogliamo la tua “verità” vogliamo semplicemente una tua opinione da persona, un po’, a conoscenza dei fatti. Altrimenti qui a leggere tra cubici e derelitti scade tutto l’interesse del blog… pensaci . saluti

    • 9 Febbraio 2015 in 20:37
      Permalink

      Ragazzi non sono nembokid. Anche perché io non liquido le mie impressioni in due righe…

      Accontentati di leggere l’intervista ad Alborghetti e stasera segui Calcio & Calcio…

  • 9 Febbraio 2015 in 20:31
    Permalink

    Doveva sparire il Parma con la truffa Parmalat (comprando campioni coi soldi dei risparmiatori), la Lazio con la truffa Cirio (dilazionare i pagamenti allo Stato in 25 anni…a nessuna azienda lo concedono) e la Juve (Calciolpoli e anche prima …)

    quindi si spera che giustizia sia fatta per tutte e 3!

    • 10 Febbraio 2015 in 00:51
      Permalink

      andiamo a vedere quanto sono puliti i vostri soldi, poi ne potremo riparlare del fare giustizia…Credi che il tuo calcio sia più pulito del nostro? Belle le illusioni vero?

  • 9 Febbraio 2015 in 20:47
    Permalink

    Bfc bruci ancira come un falò..sfigato depresso! Ahahah 2-0 tutti a casa e in serie B ahahah

    • 9 Febbraio 2015 in 22:42
      Permalink

      Ridi pure… per te la B è un sogno adesso..

      • 10 Febbraio 2015 in 13:58
        Permalink

        Bfc 1909 !!!!!!!

        Uguale

        Bolognesi Fate Cagare !!!!! 2015

        Adesso Andate pure

        Sulla Torre degli Asinelli !!!!!!

        CONIGLI !!!!!

  • 9 Febbraio 2015 in 20:53
    Permalink

    Bfc..tifosi depressi e squadra di brocchi!

    • 9 Febbraio 2015 in 22:49
      Permalink

      Brescello senza Cancello

      Boretto senza Vaporettp

      La cartina usala x altri Motivi

      Attento al Fiume NADOR

      • 10 Febbraio 2015 in 00:16
        Permalink

        Dimentichi Guastalla Senza Stalla! Però non so se includerla tra i paesi impuri Guastalla perchè in fondo un tempo faceva parte del nostro Ducato… Forse sono troppo buona!

    • 9 Febbraio 2015 in 23:04
      Permalink

      Ridi ridi… ma adesso la B per te è un sogno…

      Poi mi metto a discutere con dei tifosi del Parma diventati grazie alle vittorie truffe di Tanzi prima e dopo eravate e siete tornati ad essere 4 gatti…

      Bologna viene seguito in qualunque serie giochi… orgogliosi del nostro passato e fedeli sempre in qualunque campo giochiamo!!

      L’anno scorso che vi giocavate l’Europa siete venuti a Bologna in quanti??? dai va là….

      Su su Ninetto torna tifare la tua vera squadra del cuore… Juve? Inter? Milan?

      Buon Minenti a tutti

      • 9 Febbraio 2015 in 23:57
        Permalink

        Sai qual’è la differenza tra noi e voi?!?!che mentre voi stavate fallendo nessuno del Parma veniva da voi a sbeffegiarvi…e lo sai il perché?!?! Perché noi non siamo invidiosi di voi e non ce ne fregava niente del vostro fallimento,perché noi abbiamo avuto le occasioni di godere del nostro Parma senza il bisogno del fallimento di altri…voi invece che siete invidiosi godete del nostro fallimento perché sapete benissimo che le uniche soddisfazioni che potrete mai avere saranno queste…visto che non avete mai vinto e non vincerete mai niente!Peccato

        • 10 Febbraio 2015 in 00:36
          Permalink

          Risposta magnifica, di contenuto e di stile…bravo!

      • 10 Febbraio 2015 in 00:19
        Permalink

        Si chiama Manenti 😐 Neanche sai di cosa parli !!! Aspetta e spera che per ora noi siamo in A e voi in B… Noi non veniamo sui vostri siti/blog a scassare le balle…fatti due domande sul perchè…Perditempo!

  • 9 Febbraio 2015 in 22:17
    Permalink

    L’anno prossimo voglio il derby!
    Il sogno di Brescello é svegliarsi la mattina e vedere che Parma non è più sulla cartina!

    • 9 Febbraio 2015 in 22:30
      Permalink

      Almeno non siamo fallliti per mano di un reggiano…voi invece sia granata che giallo-blu per mano di un parmigiano
      FOGLIA TI AMO!

    • 9 Febbraio 2015 in 23:51
      Permalink

      Ma che c***o dici?!?!Brescello?!?!a si in tri gat e a sughi in promozione….lesa perdor vala!

    • 10 Febbraio 2015 in 00:26
      Permalink

      aspetta e spera…..per i prossimi 1000 anni…

  • 9 Febbraio 2015 in 22:53
    Permalink

    Ci sono anche gli ultras s Brescello?

  • 9 Febbraio 2015 in 23:03
    Permalink

    Ultras brescello?????ahahahahahah….questa è favolosa!!!

  • 9 Febbraio 2015 in 23:29
    Permalink

    Vi stiamo aspettando…….
    Salutatemi Versace quando viene a ritirare il suo culatello eh..

    • 10 Febbraio 2015 in 00:38
      Permalink

      ??? Voi siete fuori…vabbè non avere argomenti ma c’è un limite… 😐

  • 10 Febbraio 2015 in 01:04
    Permalink

    Cmq, tornando alla buccia di banana della Gazza, i lettori stanno ancora aspettando le scuse ufficiali…e penso le aspetteranno per molto molto molto tempo ancora…

  • 10 Febbraio 2015 in 14:00
    Permalink

    Che il Bologna non abbia mai vinto nulla, ahimè, è una grossa bugia. Mentre il Bologna vinceva scudetti, noi gialloblu marcivamo nelle serie inferiori.
    Io sono un po’ dubbioso su Manenti, ma speriamo che possa toglierci le castagne dal fuoco!

  • 10 Febbraio 2015 in 18:46
    Permalink

    Il Sassuolo è il Parma degli anni ’90…..Presidente coi soldi che prende una società dal nulla… appena si stanca (o fà la fine di Tanzi) ritornerà nell’anonimato….

    Se siete veri tifosi ritornate a vedere la squadra in C o in B come eravate abituati a fare….

    Nel Basket la Fortutudo Bologna ha vinto tanto grazie ad un presidente coi soldi ora che è nella D del calcio ci vanno in 5 mila al palazzo

    Ultima chicca…
    abbonati Parma in A con squadra arrivata sesta: 7500
    abbonati BFC retrocessi in B con presidente Guaraldi (a rischio fallimento): 9500

    Dai sù state buoni…

    E il nostro astio nei vostri confronti non è per i risultati che facevate, parlate di 25 anni… in realtà sono 14 anni dal 90 al 2004, ma perchè non avete memoria storica e vi credete chissà chi…
    state più umili che 14 anni di calcio (e in che modo…) sono niente

    alla fine la ruota gira e ritornerete dove merittate e la vostra storia lo conferma…

    Senza rancore

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI