ESCLUSIVA STADIOTARDINI.IT: MANENTI IN VIAGGIO VERSO LA SLOVENIA: “I BONIFICI SONO ARRIVATI, MA VADO A SEGUIRE DI PERSONA LA COSA. I PULLMINI PIGNORATI? VENERDI’ LI ACQUISTEREMO NUOVI”

(gmajo) – Lo stavamo tutti aspettando con ansia qui a Collecchio, ma oggi il neo presidente Giampietro Manenti non verrà al Centro Direzionale: “No guardi, non vengo a Collecchio, sto andando fuori Italia”, dice al telefono a StadioTardini.it, che curiosamente gli domanda: può dirci dove? La risposta è “In Slovenia”. La Mapi Group, come noto, ha sede a Nova Gorica: “Ieri sera c’è stato questo importante passaggio del bonifico internazionale, però è meglio se vado a seguire la cosa di persona là. Sì, ribadisco; i bonifici sono arrivati, il pagamento è stato eseguito, ma non dobbiamo perdere nulla e vado là apposta per snellire ulteriormente la cosa”. Stamani avete perso qualche pullmino che è stato pignorato dagli Ufficiali Giudiziari per una vecchia ingiunzione di Equitalia: “Ha detto bene: si tratta di una ingiunzione vecchia che è stata eseguita oggi, e che avevamo coscienziosamente ritenuto di non bloccare, dovendo fare delle scelte. Diciamo che preferiamo acquistarli nuovi venerdì… Quella pratica era già talmente avanzata, che, magari è brutto dirlo, ma non valeva neanche la pena di fermarla: quindi non ci siamo messi a rincorrere Equitalia. Non possiamo rincorrere i fantasmi. Adesso le cose importanti sono ben altre e apposta le sto seguendo personalmente in prima persona”. Oggi a Collecchio è atteso l’incontro tra i calciatori e l’AIC, sul delicato tema della messa in mora: “!o sono tranquillo: loro hanno seguito la cosa passo passo, anche perché ho sempre parlato con loro chiaramente senza mai nascondere nulla e anzi mostrando loro certezze in modo documentale a Roma, dove sono stato viaggiando con loro, anche se ancora mancava il passaggio italiano, avvenuto ieri. Quindi sono convinto che i ragazzi non procederanno con la messa in mora, poi, logicamente, può succedere di tutto. Pur avendo fatto una vera e propria corsa contro il tempo sapevamo che risultava difficile esser pronti per il lunedì, anche perché le certezze ci erano arrivate solo in serata”. Donadoni è arrivato a Collecchio poco prima delle 13, ma non ha neppure abbassato i finestrini della sua auto, infilandosi nel centro sportivo, dribblando le telecamere. Intanto filtra che i giocatori, attesi per la seduta pomeridiana, sarebbero propensi a concedere ulteriore fiducia alla società, al di là della scadenza della dead line. Come testimonia il pignoramento dei pullmini di oggi per la vecchia pratica Equitalia, rimangono aperte molte posizioni con i fornitori: se da un lato l’eventuale messa in mora dei giocatori non prelude a un fallimento, paradossalmente possono essere più pericolose le posizioni dei fornitori, che avanzano ingenti somme e che dopo esser rimasti a lungo inermi secondo qualche organo di stampa particolarmente falco potrebbe trovare coraggio per presentare delle istanze ora. Ma anche su questo Manenti dispensa ottimismo: “Ieri abbiamo chiamato alcuni fornitori a Collecchio e abbiamo parlato con loro direttamente, tranquillizzandoli fissando nuove scadenze. Il pignoramento di oggi come  immagine non è il massimo, me ne rendo conto, però, come ripeto, quella cosa era già in stato avanzato e non valeva la pena intervenire”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

135 pensieri riguardo “ESCLUSIVA STADIOTARDINI.IT: MANENTI IN VIAGGIO VERSO LA SLOVENIA: “I BONIFICI SONO ARRIVATI, MA VADO A SEGUIRE DI PERSONA LA COSA. I PULLMINI PIGNORATI? VENERDI’ LI ACQUISTEREMO NUOVI”

  • 17 Febbraio 2015 in 13:07
    Permalink

    “I pulmini pignorati? li acquistiamo nuovi venerdì….!!”….io amo quest’uomo perché ha veramente del coraggio….!!

  • 17 Febbraio 2015 in 13:10
    Permalink

    Sta scappando coi furgoni.

    • 17 Febbraio 2015 in 13:42
      Permalink

      Grande! 🙂 🙂 🙂 🙂 numero 1! 🙂

  • 17 Febbraio 2015 in 13:10
    Permalink

    Direttore che ne pensa?

  • 17 Febbraio 2015 in 13:10
    Permalink

    Manenti, non mangi burek o cevapcici in Slovenia: lì non sanno farli.

  • 17 Febbraio 2015 in 13:10
    Permalink

    Grande Majo, ci sei cascato o ne sei compice? ma come fai a credere a questo qui?

    • 17 Febbraio 2015 in 14:04
      Permalink

      @Tranky e come hai fatto a credere a Taçi?
      Dailà gente…c’è da far funzionare la testa!

  • 17 Febbraio 2015 in 13:10
    Permalink

    Esiste l’espatrio dalla Slovenia? 😉

  • 17 Febbraio 2015 in 13:11
    Permalink

    Direttore che ne pensa?
    Cerco di avere ancora fiducia comunque!

  • 17 Febbraio 2015 in 13:11
    Permalink

    Lui parla di pagementi già eseguiti e cose varie, quindi perchè recarsi in Slovenia secondo lei?
    Ed inoltre..pagamenti effettuati, ma ai giocatori quando dovrebbero arrivare secondo lei.?
    La ringrazio

    Cordiali saluti

  • 17 Febbraio 2015 in 13:12
    Permalink

    ma cosa deve seguire?

      • 17 Febbraio 2015 in 14:30
        Permalink

        Direttore ma mi ha bannato che non esce più nessun mio commento

        • 17 Febbraio 2015 in 15:08
          Permalink

          no scusate portate pazienza ma ho oltre cento commenti in giacenza… pian pianino li pubblico
          grazie

  • 17 Febbraio 2015 in 13:18
    Permalink

    che dire Majo..come sempre il migliore tra I giornalisti…tanto di cappello davvero. ancora non ne parla nessuno e gallerani è appostato davanti a Collecchio e ancora crede che oggi Manenti incontri I giocatori..pippa

  • 17 Febbraio 2015 in 13:21
    Permalink

    Maremma maia!
    Eppure quest’uomo, esteticamente un pò bislacco, ha un modo di fare ed un atteggiamento eccezionale.
    Segue parla rassicura…
    Fa tutto quello che i suoi predecessori non hanno fatto.
    Se solo non fossimo arrivati ad oggi così stremati…
    Se davvero i denari ci fossero…

    • 17 Febbraio 2015 in 13:45
      Permalink

      Spero che I soldi ci sino sul serio anche percche’ Manenti quando parla e ‘ sempre molto ottimista . Il contrario di Ghiradi le cui dichiarazioni deprimevano alla grande. Detto questo speriamo bene

  • 17 Febbraio 2015 in 13:22
    Permalink

    Si è già dato alla macchia?

  • 17 Febbraio 2015 in 13:22
    Permalink

    Direttore, secondo lei, Manenti fugge o veramente va per snellire la cosa? Anche se a mio parere nn vedo che motivo avrebbe per raccontare delle frottole. Volete che sia proprio così fuori di testa da prendere tutti per il…. in una maniera così clamorosa? E come si spiega che i giocatori in tarda mattinata nn sapessero ancora niente?

  • 17 Febbraio 2015 in 13:23
    Permalink

    Secondo lei,se i bonifici fossero davvero arrivati,ci sarebbe bisogno di andare in Slovenia per verificare ? Se è fatta ,risultano sui conti, non li trova in mezzo Nova Gorica! Mi illumini!

  • 17 Febbraio 2015 in 13:24
    Permalink

    Va in Slovenia nella sua azienda, parlerà con il suo pool di ragionieri, poi le sue segretarie gli avranno fissato una sfilza di appuntamenti e riunioni di lavoro arretrate. Avrà incontri con manager di svariati settori, dall’ambiente all’energia, dalla moda alla tv.
    Per stare appresso al Parma ha trascurato il suo vero lavoro da Ceo d’azienda

    • 17 Febbraio 2015 in 13:32
      Permalink

      devo ridere?

  • 17 Febbraio 2015 in 13:25
    Permalink

    Nulla da dire sul ragionamento dei forgoni pignorati. Spero che questi soldi arrivino il piu’ presto possibile.

  • 17 Febbraio 2015 in 13:27
    Permalink

    Ma se i soldi sono in Italia, perchè va in Slovenia?
    A me non sembra normale…

  • 17 Febbraio 2015 in 13:30
    Permalink

    non passa alla modalità bianco il nero non si può leggere ti cava gli occhi.. perchè non eliminate direttamente il nero??

    • 17 Febbraio 2015 in 15:43
      Permalink

      perché mi piace nero e lo consiglia il mio oculista

  • 17 Febbraio 2015 in 13:31
    Permalink

    Ma poi uno che promette 30 milioni sull’unghia non può anticipare 100.000 euro per evitare questa figura di merda, tenuto conto che lui non c’entra nulla?
    Per quanto lui sia estraneo al pignoramento non dà una bella sensazione il fatto che non si sia nemmeno esposto…

    • 17 Febbraio 2015 in 15:38
      Permalink

      era roba vecchia che ben sapevano. peraltro trattata in epoca taci…

  • 17 Febbraio 2015 in 13:32
    Permalink

    Credo sia scappato ma sarei felice di sbagliarmi..

  • 17 Febbraio 2015 in 13:34
    Permalink

    Grande Pres Manenti!!voglio crederci..non sarà mapi-fashion ma ci sta mettendo la faccia!!dai dai dai

  • 17 Febbraio 2015 in 13:35
    Permalink

    Come si può credere che qualcuno spedisca qua 30 MILIONI per una baracca del genere…

  • 17 Febbraio 2015 in 13:36
    Permalink

    Avete visto, voi diffidenti ? L’ho anticipato di un attimo “Bisogna essere ottimisti. Titolo: “Collecchio, rinnovato il parco-mezzi del Parma FC”

  • 17 Febbraio 2015 in 13:37
    Permalink

    Gabriele è vero che il Bologna del fantomatico miliardario Saputo si è beccato un -1….allora i soldi non li butta proprio nessuno, neanche Kerimov!!!!!

    • 17 Febbraio 2015 in 16:46
      Permalink

      Difatti la penalizzazione non ha nulla a che vedere con la nuova proprietà ma é l’ultimo regalo di quella precedente, Guaraldi…Saputo é così un fantomatico miliardario che é tipo 280esimo uomo più ricco del mondo classifica Forbes

    • 17 Febbraio 2015 in 17:44
      Permalink

      è l’ultimo regalo della gestione guaraldi.i nformarsi prima di scrivere grazie.

  • 17 Febbraio 2015 in 13:40
    Permalink

    Direttore mi farebbe chiarezza su una cosa non chiara?
    I punti di penalizzazione li prenderemo? E’ ufficiale?

    • 17 Febbraio 2015 in 14:19
      Permalink

      Caro lei, non saprei. Dipende dalla bontà del bonifico o del cro. Ma propenderei che si buschi la penalizzazione.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 17 Febbraio 2015 in 13:43
    Permalink

    Quest’uomo è un genio. A questo punto che i soldi ci siano o non ci siano non me ne frega più niente. Manenti presidente a vita!

  • 17 Febbraio 2015 in 13:44
    Permalink

    pensate se invece i soldi arrivassero veramente!!! il Giampi fa un pernacchione a tutti compreso Corioni che tanto lo ha screditato. Ma di TommyG nessuno sa nulla? E’ vero che sia sotto il Brescia calcio come dice qualche tifoso di là?

    • 17 Febbraio 2015 in 14:54
      Permalink

      Ghirardi e’ sotto il santuario di Medjugorie sperando che lassu’ facciano il miracolo di evitargli il carcere.

    • 17 Febbraio 2015 in 22:40
      Permalink

      Se i soldi arrivassero veramente?
      Ahahahahahahahahahahahahahahahahahahah

  • 17 Febbraio 2015 in 13:47
    Permalink

    I casi sono due:

    1) gli introiti sono arrivati sui conti della Mapi Group ma per qualche ragione la banca gli sta facendo resistenze (anche solo burocratiche) al trasferimento in Italia e lui si fionda la per risolvere gli ultimi impedimenti

    2) è tutta una farsa e sta espatriando

    Comunque sia… è un personaggio da fumetti…

    P.S.
    Sarebbe carino capire che fine ha fatto Alborghetti: non è che è scappato quando ha capito che questo soggetto è veramente da TSO???????

  • 17 Febbraio 2015 in 13:52
    Permalink

    Manenti fugge, si certo. Tutti quelli che scappano prima di farlo rilasciano un’intervista. Ma si leggono di quei commenti…

  • 17 Febbraio 2015 in 13:53
    Permalink

    Caccia al tesoro (viaggio in Slovenia) con percorso ad ostacoli (pignoramento giudiziario, commissariamento chiesto da Energy,, messa in mora giocatori). Il Mano è un autore in cerca di personaggi. e se i bonifici fossero partiti davvero ma con destinazione Nova Goriça? se non che cosa andrebbe a “contr4ollare”?

  • 17 Febbraio 2015 in 13:55
    Permalink

    Ragazzi, da qualche giorno vi seguo da lontano perché questa storia è impagabile!
    Taci, l’avvocato Giordano, Kodra, i bonifici, il CRO, la holding in Slovenia, il pignoramento: vera grande, grandissima, commedia all’italiana.
    E molti di voi ad andarci dietro, compreso il giornalista Maio, splendido esemplare di giornalista italiano, sempre sul pezzo, sempre sugli elementi essenziali, bravo!
    Mi spiace per i tifosi, che tutto sommato non meritano, ma vi giuro che – pur essendo nota la fine, cioè il fallimento -l o spettacolo è grandioso!
    Grazie

    • 17 Febbraio 2015 in 14:24
      Permalink

      Pensa per te e adagiati pure sulla tua mediocrità! I tifosi non hanno bisogno della compassione di nessuno!
      Saluti

    • 17 Febbraio 2015 in 17:10
      Permalink

      Perugia calcio docet.

  • 17 Febbraio 2015 in 13:59
    Permalink

    Ma se i bonifici sono arrivati cosa c’e’ da ‘snellire in Slovenia? Qualcosa strusa cazzo!!

  • 17 Febbraio 2015 in 13:59
    Permalink

    può risultare bizzarro che Manenti vada in Slovenia, ma al di là di questo, non ha commesso nessun reato, non ha rubato soldi dalla casse del Parma, non ha accumulato 97 milioni di debiti, chi lo ha fatto abita entro i confini italiani, rintracciabile da chiunque! eppure chi viene trattato come un delinquente è Manenti che ha l’unico torto di vestirsi male, non farsi la barba e avere un’auto modesta! ma come state messi? vi meritate i Tanzi e i Ghirardi!!!

    • 17 Febbraio 2015 in 14:11
      Permalink

      Concordo, non dimenticare però Rezar! Incomprensibile la critica finea se stessa!

    • 17 Febbraio 2015 in 14:20
      Permalink

      Artemio sono d’accordo con te.MAMENTI è un povero Cristo.Ghirardi È IL VERO RESPONSABILE e io faccio nome e cognome Ghirardi Tommaso

    • 17 Febbraio 2015 in 14:27
      Permalink

      Sono d’accordo.

    • 17 Febbraio 2015 in 14:58
      Permalink

      Concordo al 100% con Artemio, prendersela con Manenti a priori è oltre che stupido anche incauto, perché se dovesse per caso salvare il Parma dal fallimento, chi lo ha insultato gratuitamente, dovrebbe nascondersi.
      Mai come adesso conviene essere prudenti e non fare processi alle intenzioni aspettando gli eventi, quindi gli affamati di improperi ed insulti si potranno anche scatenare.

  • 17 Febbraio 2015 in 14:00
    Permalink

    O Nanè tira fora i Dindè dai là !!!! Panacol !!!!

    Dalla Slovenia Torna Carico NON di Pulmini valà !!!!

    Tutti i CROCIATI ti Aspettano !!!!!

    NON solo al Direzionale !!!!!

    KE Lavòr !!!!! KE Bognèrba !!!!!

  • 17 Febbraio 2015 in 14:17
    Permalink

    Sì ma ora che arriva in slovenjia con la Skoda scade la messa in mora!

  • 17 Febbraio 2015 in 14:18
    Permalink

    Il vero artefice di tutto questo disastro e’ certamente Ghirardi, che sicuramente verrà penalmente perseguito,con I tempi della giustizia italiana. Detto ciò, Manenti e’ un contaballe mitomane e recidivo. stracotnvinto che I soldi non arriveranno oggi, ne’ domani, ne’ mai, e il bravo Manager dirà che qualcosa e’ andato storto per colpa dell’ imbargo, dell’Isis, del prezzo del petrolio.ma state tranquilli, in pochi giorni, al massimo poche settimane, I soldi arriveranno…

  • 17 Febbraio 2015 in 14:20
    Permalink

    Non notate una certa affinità tra Manenti e renzi?

    • 17 Febbraio 2015 in 15:39
      Permalink

      no, perché renzi sa che non cambierà un bel niente, invece manenti secondo me ci sta almeno provando

  • 17 Febbraio 2015 in 14:22
    Permalink

    qualche intoppo di soldi ci deve essere visto che la mapi non si trova nemmeno con Google maps.
    e aldila di come finirà e speriamo bene per curiosità personale entro la settimana vado a nova gorica a verificare (lavoro a 10 km e 1 ora di tempo prometto di trovarla).
    qualcuno sa dirmi la targa delle auto o dell’ auto che utilizzava per venire a Parma?
    dove risulta la sede legale della società è una zona piccola quindi rintracciabile.

  • 17 Febbraio 2015 in 14:28
    Permalink

    Ma non se ne può più! Manenti, Mapi Group e chi c’è dietro di lui sono l’unica possibilità di salvezza che ha il Parma di salvarsi, la gente lo capisce o no? No perchè come dice il Direttore sono tutti contenti di aspettare il fallimento, alla faccia dei poveri dipendenti che non prendono stipendi da mesi e che perderanno pure il lavoro, dei fornitori che perderanno tutto. Ma si chissene frega tanto non sono soldi vostri (come non sono miei). C’è gente che appena ha visto la foto di Taci al Tardini già aveva aperto il culo e diceva “già mi sta simpatico” e saliva sul treno albanese sognando chissà quali investimenti e poi arriva Manenti che in una settimana si è esposto più di tutti e vediamo se avrà fatto quello che Taci ha promesso ogni giorno ai dipendenti e calciatori ma che non ha mai neanche provato a fare. Adesso Manenti dice che va in Slovenia a controllare di persona la situazione e allora si scrive che è scappato. Ma basta! Manenti parla con gli intermediari bancari, va dalle banche controlla si sbatte, ma tanto a lui che gliene frega tanto è pagato da Ghirardi no? Insieme agli intermediari bancari, Ghirardi che non bada a spese, fa più cinema lui di Ferrero. Veramente non se ne può più di leggere ste cose, mi spiace per il Direttore che legge tutti sti messaggi e risponde a tutti, che pazienza che ha. E’ una settimana che si dice di tutto e di più a Manenti, e di Taci non parlate più? Quello che è scappato è lui, non si è mai esposto, se non dicendo “diremo tutto a breve” e ci ha dato il colpo di grazia, scavando la fossa al malato. Adesso che c’è la speranza che qualcuno rianimi il malato terminale tutti vogliono che si stacchi la spina. Io non ci sto, se siete tutti mestruati e dovete prendervela con qualcuno aspettate il momento giusto prima di prendervela con Manenti. Anche io non ho la massima fiducia in quest’uomo un po’ particolare ma almeno gli sto dando il tempo per giudicarlo. E nel caso pagasse tutto quello che c’è da pagare e salvasse il Parma, come direbbe il Direttore, io faccio una pernacchia a tutti gli avvoltoi che vogliono la morte del Parma. Scusi Direttore lo sfogo ma veramente non ho resistito più.

  • 17 Febbraio 2015 in 14:30
    Permalink

    scusate, ma da tifoso del cagliari sto seguendo la situazione parma – manenti perchè quest’estate abbiamo vissuto la stessa ridicola situazione con gli americani di silvestrone… fondi esteri, bonifici mai arrivati, probllemi con le banche, giornalisti che hanno visto documenti rassicuranti (poi risultati una bufala), tifosi e giornalisti pro e contro, tutte le stesse identiche cose che state vivendo voi con la differenza che il cagliari con un euro non si comprava… da tifoso di calcio anche se di un altra squadra…tanti auguri perchè poi alla fine chi soffre siamo noi…

  • 17 Febbraio 2015 in 14:35
    Permalink

    Direttore , per recuperare Alborghetti bisogna rivolgersi a “Chi l’ha visto ?”
    E poi Manenti cosa fa in Slovenia ? Ieri sera non doveva fare tutto con l’home Banking comodamente da casa ?

  • 17 Febbraio 2015 in 14:40
    Permalink

    Ma dire che non si ha fiducia in Manenti non significa dipingerlo come un delinquente. Personalmente, dopo averlo visto e sentito in conferenza stampa, non gli do nessun credito. E non tanto per la skoda o il maglione ma perché non ha detto niente, ha espresso concetti sconclusionati senza capo ne coda..
    A chi dice che si è esposto, che è andato in Lega, in trasferta, ecc….vero! Ma ragazzi siamo in Italia! C’è la fila di gente che per un quarto d’ora di celebrità è disposta a sputtanarsi in mondovisione!
    E’ vero, come sostiene Majo, che rispetto a Taci non cambia nulla: virtualmente falliti eravamo ed al massimo lo rimaniamo. Però è comprensibile essere poco fiduciosi, suvvia..
    Poi, ripeto, spero fortemente di essere smentito e riconoscere di essermi sbagliato…

    • 17 Febbraio 2015 in 15:54
      Permalink

      Concordo pienamente!
      Credo fra l’altro che sia piuttosto dignitoso farsi un’idea propria sulla base di ciò chè ci è dato sapere.

  • 17 Febbraio 2015 in 14:47
    Permalink

    È scappato

    • 17 Febbraio 2015 in 14:55
      Permalink

      qui a Brescia ha fatto le stesse cose e alla fine è scappato non bisogna dargli credito a certe persone

  • 17 Febbraio 2015 in 14:51
    Permalink

    Grande MANENTI.È scappato,ci ha menato per il culo ma È UN GRANDE.Spendendo un euro è riuscito a dar spettacolo circense.Ha sborsato un euro,un solo misero euro ed ora se ne è andato scappando da una situazione ormai insostenibile.Dopo Alborghetti è uscito do scena tra gli applausi pure lui.È il re dei megalomani.Chapeau.Con un euro ha fatto miracoli e ha fatto credere perfino al GRANDE MAJO che i soldi c’erano.SE ASCOLTAVATE VELENOSO non vi sareste illusi inutilmente ma io per molti andrei bannato….

    • 17 Febbraio 2015 in 14:57
      Permalink

      appunto sparati…fino a domenica pomeriggio eri a leccare il culo a Manenti con i tuoi commenti inutili

  • 17 Febbraio 2015 in 14:51
    Permalink

    Caro sig. Majo, complimenti per come ha seguito e sta seguendo questa incredibile vicenda societaria. Lei cosa ne pensa di questo viaggio di Manenti? Secondo lei era davvero indispensabile, se i bonifici erano già arrivati e ieri sera si poteva leggere questo famoso Cro? Grazie e complimenti ancora

    • 17 Febbraio 2015 in 14:59
      Permalink

      oh ma qua si chiamano tutti michele?!?!

        • 17 Febbraio 2015 in 15:20
          Permalink

          no 🙂

      • 17 Febbraio 2015 in 18:43
        Permalink

        Si! è il nome più bello che ci sia!

  • 17 Febbraio 2015 in 14:53
    Permalink

    Ciao a tutti scrivo da Brescia e noi qui Manenti lo ricordiamo bene è andato avanti due mesi con promesse di pagare i debiti etc.etc.
    non capisco come fa una società E una città come Parma a dare credito ad una persona del genere soprattutto con i suoi precedenti!!
    alcuni giocatori del Brescia come Caracciolo non c hanno mai voluto neanche Parlare.
    molto probabilmente è scappato e non è una battuta

  • 17 Febbraio 2015 in 14:53
    Permalink

    Mi raccomando ci vuole pazienza. Bisogna credergli, i soldi sono già li… non li vedete? disfattisti.

  • 17 Febbraio 2015 in 14:55
    Permalink

    No va be. C’è anche chi gli crede…

  • 17 Febbraio 2015 in 14:56
    Permalink

    Beh sapete nel folle Manenti ci credo.
    Non so quanto potra’ tirare avanti ma adesso ce la fa. Vedrete

  • 17 Febbraio 2015 in 15:03
    Permalink

    Lo ha detto Raimondi su Twitter : ” i bonifici sono arrivati”. Alla faccia degli scettici che non ci credevano. Così pagheranno anche il barbiere . CASSANI E MANENTI prenotati per la barba. I ragazzi delle giovanili che gli han portato via il pulmino vecchio aspettano il nuovo per festeggiare

  • 17 Febbraio 2015 in 15:09
    Permalink

    Direttore grazie per la chiaccherata di oggi, è sempre un piacere parlare con persone cordiali e competenti come lei.
    Vorrei fare una battuta, siamo sicuri che Manenti ritornerà dalla Slovenia?
    E chiudo con una domanda; Che fine ha fatto Alborghetti? Per essere un uomo chiave di questo progetto fino al nuovo cda negli ultimi giorni è stato molto distante a mio avviso.
    Saluti!

  • 17 Febbraio 2015 in 15:14
    Permalink

    “I pulmini pignorati? li acquistiamo nuovi venerdì….!!”
    Equitalia ha anche fatto sapere quale marca e modello acquistare?

  • 17 Febbraio 2015 in 15:19
    Permalink

    Devo dire che NON mi stupisce che vada in Slovenia, tante volte e’ successo anche a me che la banca (estera) pur conoscendomi di persona da anni, conoscendo la mia email ed avendo la mia firma depositata, volesse che fossi io in persona , nei loro uffici, a firmare personalmente gli ordini di bonifico. Quello che mi stupisce e’ che abbia fatto arrivare i soldi in Slovenia e non in Italia, direttamente. Perdendo cosi’ altre ore e giorni importantissimi per possibili punti di penalizzazione, messa in mora ma soprattutto per la sua credibilita’

  • 17 Febbraio 2015 in 15:21
    Permalink

    Temo che Godot stia perdendo la direzione giusta.

    Speriamo non finisca per girare a vuoto !

  • 17 Febbraio 2015 in 15:38
    Permalink

    grande manenti. la scheggia impazzita.
    i matti, quando non sono pericolosi, sono uno spettacolo.

    ma comunque questo qui non ha dei genitori o qualcuno che si prenda cura di lui? Si rasenta l’abbandono di incapace…

  • 17 Febbraio 2015 in 15:59
    Permalink

    Si parla di numeri CRO dei bonifici ma quelli internazionali i numeri identificativi si chiamano BIC. E tutta una bufola, che si facesse la barba e si desse una pettinata

  • 17 Febbraio 2015 in 16:01
    Permalink

    Slovenia a livello di tasse, spostamento soldi, apertura ditte anche se contenitori vuoti etc è molto più dinamica. ho diversi amici che han chiuso in Friuli e aperto di la continuando a lavorare in Italia.
    Se fallisci difficilmente ci passi una giornata intera sul loro territorio perché ti pescano già in auto perché segnalano e si ricordano loro e comunque non finisce bene quella giornata….
    multe stradali da pagare subito, fermi in caserma , avvocato che porti subito la sanzione pecuniaria stabilita e non possibilità nemmeno di transito sul loro territorio per tot. di periodo.
    realtà diversa.

  • 17 Febbraio 2015 in 16:08
    Permalink

    Ma non è che il Manenti vada in Slovenia a prendere i soldi poi scappa??…ho paura che questo si avveri…

  • 17 Febbraio 2015 in 16:08
    Permalink

    Non c’ è niente di nuovo sotto il sole! L’ Italia è e resta il paese dei ciarlatani, dei creduloni, dei pagliacci con titoli ufficiali (‘direttore, posso leccarle il culo?’)

  • 17 Febbraio 2015 in 16:11
    Permalink

    Direttore una domanda…ma sei i 30 milioni arrivassero sarebbero messi direttamente da “terzi” sul conto della Mapi Group in slovenia (che poi dovrebbe girarli su quello del Parma nella MPS) oppure la MPS concederebbe un fido in base alla famosa garanzia del Manenti.

    • 17 Febbraio 2015 in 16:30
      Permalink

      Se i soldi arrivano veramente, la procedura dovrebbe essere questa.
      La Mapi Group versa ad Eventi sportivi e quest’ulitma versa sul conto del Parma FC.
      Per questo parlano di CRO perchè sul conto del Parma fc dedicato, che è stato depositato in Lega, ci possono versare soli i soci appunto Eventi sportivi o Energy Ti Group, dubito che quest’ultima voglia versare qualcosa, e tutte e due hanno la sede in Italia.
      Se i soldi arrivano dalla russia c’è un passaggio ulteriore perchè prima di versarli sul conto mapi group devono transitare per una terza società con sede in qualche paradiso fiscale per evitare l’embargo.

      • 17 Febbraio 2015 in 17:09
        Permalink

        I soldi non arriveranno mai, è un giro di truffatori per far perdere le tracce del colpevole.

        • 17 Febbraio 2015 in 19:47
          Permalink

          Se poi arrivano qualcuno fa la figura del cavallo con le orecchie da coniglio….occhio!!!

  • 17 Febbraio 2015 in 16:12
    Permalink

    Malviventi si è fatto mandare il bonifico sul suo conto, e dal suo conto parte un bonifico per il parma. Ma siamo sicuri che sarà dello stesso importo? qua tutti pensano che Malviventi sia scemo… ed è quello che vuol far credere anche lui! Convince Mr X a comprare il parma e si intasca parte dei soldi. idolo

  • 17 Febbraio 2015 in 16:14
    Permalink

    Majo perche non rispondi il popolo gialloblu’ ha bisogno di notizie fresche

    • 17 Febbraio 2015 in 16:17
      Permalink

      ragazzi le notizie ve le do se e quando ci sono. non solo: per metterle insieme serve tempo. ecco perché oggi ho risposto splo a qualche commento peraltro pubblicati tardi.
      cordialmente
      gmajo

  • 17 Febbraio 2015 in 16:27
    Permalink

    Grandi ragazzi, Alborghetti me l’ero dimenticato!
    Cazzo, non riesco a staccarmi da sta storia, adesso anche la banca in Slovenia per seguire direttamente il bonifico!!
    Il giornalista Majo che attende di dare le notizie e dà credito a Manenti resta una spanna superiore, al confronto Woodward e Bernstein sono delle pippe!

  • 17 Febbraio 2015 in 16:27
    Permalink

    Ho scritto un paio di commenti assolutamente non offensivi sulla gazza puntualmente non pubblicati.
    Che ne pensi dell’informazione in ambito locale?
    Complimenti a te’ e ai colleghi di parmafanzine sempre presenti in quel di collecchio per aggiornarci in tempo reale sulla situazione del nostro parma.
    Per fortuna esistono ancora giornalisti professionisti che svolgono il loro lavoro in maniera encomiabile

  • 17 Febbraio 2015 in 16:30
    Permalink

    Direttore ha ragione, ma scusi ieri sera sembrava i soldi fossero arrivati, oggi non si sente alcuna ufficialità, e anzi manenti dichiara ancora speriamo che arrivino….Io l’apprezzo come persona, ma se anche lei non è in grado di dare una spiegazione logica a tutto questo, credo che a questo punto siamo arrivati al punto di non ritorno…..

    • 17 Febbraio 2015 in 16:55
      Permalink

      per fare il mondo il Creatore ci ha messo una settimana e come direbbe guccini non gli è neppure venuto perfetto.
      sicché ci vuole pazienza

  • 17 Febbraio 2015 in 16:32
    Permalink

    ma non è che manenti riesce a trovare pure un paio di milioni di euri per salvare pure l’aeroporto? majo quando lo risenti suggerisciglielo….può essere un affare

    • 17 Febbraio 2015 in 17:15
      Permalink

      La Mapi Airlaines

  • 17 Febbraio 2015 in 16:47
    Permalink

    Ma avete visto la sede della mapi grup? ce da morire dal ridere

  • 17 Febbraio 2015 in 16:50
    Permalink

    Che ci fa a fare il pezzente in Slovenia?….vergogna!!!
    A giocare al casino’ e poi magari a troie con Ghirardi…e’ l’unica cosa che sanno fare….

    • 17 Febbraio 2015 in 17:43
      Permalink

      Io mi vergogno per te per le cazzate che scrivi tu e tanti altri qui dentro….
      Sei fortunato che Majo lascia correre anche se penso che anche lui be abbia le palle piene dei vostri atteggiamenti da asilo

    • 17 Febbraio 2015 in 19:59
      Permalink

      Sarei curioso di avere una sua fotografia per poter dare un giudizio sulla sua persona al pari di quello che lei da di Manenti, che definisce pezzente giusto per il look “modesto”. Certo, l’impettito Kodra faceva esteticamente un’altra figura, dopo di che la sostanza dei fatti…beh…

  • 17 Febbraio 2015 in 17:07
    Permalink

    Rilevo parecchie analogie con quel che accadde al Perugia Calcio quando si ritrovò tra i dilettanti. Un giro di truffatori per far perdere le tracce. Credo che la Procura dovrebbe interessarsi di tutti i vari attori della vicenda e se è vero un indebitamento per 98 milioni nessuno si comprerà la società.

  • 17 Febbraio 2015 in 17:09
    Permalink

    Direttore, lei ci crede ancora?

      • 17 Febbraio 2015 in 17:53
        Permalink

        Ma come why not…siamo seri….
        Tutti gli addetti ai lavori hanno gia’ capito da un pezzo come stanno le cose…
        Perfino quel cialtrone di Lotito nella famosa telefonata registrata truffaldinamente qualche giorno fa dava gia’ il Parma per morto e sepolto….
        Andiamo….

      • 17 Febbraio 2015 in 18:09
        Permalink

        Non saprei, la giornata di oggi mi ha messo un po’ di malinconia. Sinceramente non mi sento molto fiducioso

      • 17 Febbraio 2015 in 21:41
        Permalink

        ma perchè non esiste nel mondo un folle che butta milioni di euro per una squadra di provincia , già in B , con giocatori mediocri, vecchi,con stipendi esagerati , in un sistema calcio in declino costante , con 100 milioni netti ( il parma calcio) di debiti se non di più (siamo sicuri che i crediti siano tutti esigibili? ) E poi , anticipa i soldi senza fare una due diligence decente ? cos’è ? scemo ? Ho molto rispetto per lei direttore, ma non posso credere che lei razionalmente ci creda.Grazie

        • 17 Febbraio 2015 in 21:46
          Permalink

          Cavoli se siete de coccio…

          E quando mai ho detto che ci credo? Io ho detto che ci spero.

          Da quando in qua riportare una intervista significa condividere i contenuti dell’intervistato.

          Poi, visto che c’è la mania di dividere il mondo in buoni e cattivi, io mi schiero contro il partito della fallimento-mania, ritenendo la catarsi che ci sta dietro da sepolcri imbiancati, specie per chi lo promulga.

          Per sette anni sono stato il solo a cercare di aprirvi gli occhi e adesso vi strappate le vesti solo perché spero, irrazionalmente fin che si vuole, in Manenti? A parte che non sono il solo se AIC e calciatori a propria volta concedono credito al neo presidente.

          Saluti

          Gmajo

  • 17 Febbraio 2015 in 17:13
    Permalink

    Anche raimondi adesso parla dicendo “se dovesse arrivare il bonifico” io mi arrendo, questa è solo perdita di tempo. Portiamo i libri in tribunale e stacchiamo la spina…… NON E’ GIUSTO PER NOI TIFOSI ESSERE RIDICOLIZZATI IN QUESTA MANIERA….

    • 17 Febbraio 2015 in 17:42
      Permalink

      Invece è giusto per i dipendenti e fornitori NON essere pagati…Usate la testa!!!

      • 17 Febbraio 2015 in 18:21
        Permalink

        perche’ se continua a fare il buffone vengono pagati invece,mo scantot

    • 17 Febbraio 2015 in 17:52
      Permalink

      come scrivevo stamani credo che la cosa sia già superata per il fatto che i cda sono già decaduti

      • 17 Febbraio 2015 in 17:56
        Permalink

        Veramente Giuli si riferisce anche al Cda attuale con Manenti presidente

        • 17 Febbraio 2015 in 19:51
          Permalink

          Guli e’ bene che si vergogni alla grande.
          E pensi ai problemi della sua fantomatica azienda

          • 17 Febbraio 2015 in 21:02
            Permalink

            Bravo Alfredo, quoto

      • 17 Febbraio 2015 in 18:02
        Permalink

        Grazie , confermato il 20 per il nuovo CDA, qualche indiscrezione??

  • 17 Febbraio 2015 in 18:39
    Permalink

    Sempre dal punto di vista tecnico, se i tempi tecnico – burocratici citati da piu fonti si riferiscono alle verifiche che la banca Italiana (MPS ?) Dovrebbe svolgere per ottemperare alla normativa antiriciclaggio ci puo stare tutto… Sia lo slittamento di qualche giorno per la disponibilita dei fondi che la necessita, per il buon Giampy, di dover correre in Slovenia per facilitare le verifiche che la banca Italiana deve svolgere nel paese di partenza del bonifico per il tramite di una propria filiale, ufficio di rappresentanza o banca agente… Continuo a sforzarmi di essere fiducioso, forza MAPI !

  • 17 Febbraio 2015 in 19:18
    Permalink

    Pensa un po’…….. Magari I soldi di qualche magnate russo boccalone sono arrivati davvero. Il Manent incassa tutto e si dà alla macchia fregando tutti e facendo le pernacchie! E deridendo chi fino a poco fa gli dava del matto! Già mi immagino la scena, Manenti che telefona ad Alborghetti che si trova già in un’isola sperduta dei Caraibi con 2 o 3 fighe di vent’anni di fianco…. Manenti: “Ue Alborghetti comandami un cuba libre in spiaggia che parto col primo volo da Lubiana!” Alborghetti: “sig. Giampi si muova che con ste vent’enni non ce la faccio da solo!” Manenti:”Ariv! E par chi rags ad Parma, m’arcmand t’nemos vist!” (che spetacol!)

    • 17 Febbraio 2015 in 20:12
      Permalink

      Sai quanto ci metterebbe il russo a trovarlo e metterlo in una colonna di cemento?!?!

  • 17 Febbraio 2015 in 19:30
    Permalink

    Direttore chi paga la rizollatura completa del tardini? o è offerta dal partner Global Service?

    • 17 Febbraio 2015 in 19:45
      Permalink

      Credo che ci possa esser di mezzo anche un finanziamento del credito sportivo. Indubbiamente, però, come sempre, AB GLOBAL Service farà la sua parte

      Cordialmente

      Gmajo

  • 17 Febbraio 2015 in 19:42
    Permalink

    Beh…
    non ho parole!!!.
    :(( :((( che tristezza
    c’e’ da ridere??

    • 17 Febbraio 2015 in 19:59
      Permalink

      Paola co vot cà faga? Vot cà am met a cridar? Dimm co possia far e al fag!? Le istituzioni predisposte ad indagare ci sono per quanto riguarda la sfera penale…. Per quanto riguarda invece la sfera patrimoniale ….. anche. Per quanto riguarda la FIGC e la Lega Calcio, beh sentita la telefonata di Lotito l’altro ieri, penso che sia chiaro che a tutti fa comodo che non si muovi una paglia e non si ci guardi dentro! Se salta il Parma ho paura che si scoperchino certi coperchi e verrebbero a galla meccanismi che farebbero saltare il calcio italiano (è un mio personalissimo parera)

  • 17 Febbraio 2015 in 20:56
    Permalink

    Signor MAT ci sei?
    Dai tranquillizzaci con qualcuna delle tue sprezzanti e risapute considerazioni, postaci qualche bel link che spiega a noi masse ignoranti l’evidentissimi filo nero petrolio che parte dal Portogallo e arriva in Kazakhistan passando per Garrone, Moratti e questo senza fissa dimora bresciano.
    “Cambia solo il vettore” …sì sì….. purtroppo non la direzione dello stesso, sempre dritta in mezzo alle chiappe di noi derelitti…… “non escludo un altro cambio di proprietà”… neanch’io, anzi te lo do per certo, a giugno in un’aula di tribunale.
    Dai spiegaci, fenomeno.

  • 18 Febbraio 2015 in 00:09
    Permalink

    Carissimo direttore!
    Grazie anche per questa notizia.. La mia fiducia è sempre massima.. Volevo chiederle.. Oggi il buon Raimondi a twittato verso le 3.. Che i bonifici sarebbero arrivati..
    Le chiedo se ha qualche riscontro..
    Ovviamente non parlo di denaro nelle casse del parma.. Ma a MPS.. Che domani lo trasferirà nelle casse crociate per i pagamenti?
    Motivo.del ritardo può essere che si tratti di 30 milioni anziche di 15 e quindi sia necessario più tempo per i controlli.?
    Saluti cordiali e sentiti ringraziamenti!

  • 18 Febbraio 2015 in 01:07
    Permalink

    Da interista seguo con passione la vicenda parma perche’ e’ squadra della quale ho sempre avuto grandissima stima e che ho seguito sempre con attenzione. Anche l’anno scorso ci rimasi malissimo quando non fu ammessa alla coppa, guadagnata sul campo e gettata alle ortiche da un furfante come Ghirardi per poche centinaia di migliaia di euro.
    Mi auguro di aver torto, ma questa e’ la mia impressione. Spero sia rivelata falsa dai fatti.
    Manenti e’ un signor nessuno, e’ un paravento, un prestanome per qualcuno che ha portato il Parma in bancarotta ma non vuole affrontare le cause civili e, possibilmente penali che conseguirebbero se la bancarotta avvenisse sotto la loro responsabilita legale. Ipotizzo: se io fossi Ghirardi e mi trovassi con una societa’ con 100 milioni di euro ed in bancarotta praticamente fraudolenta, dovrei proteggere tutte le altre mie attivita’ dai creditori. Parlo di Leonessa. spa, case, proprieta’ e cosi via. Come fare? Semplice. Vendo tutto. Il problema e’: a chi? Chi mai potrebbe prendere una societa’ con 100 milioni di debiti quando potrebbe rivelarla in asta per pochi milioni tra pochi mesi? Vero che l’Inter ha avuto la fortuna di trovare un Thohir, altrimenti era in bancarotta pure la mia beneamata, ma l’inter fattura 150-200 milioni l’anno. Il Parma fattura si e no 30 milioni, correggetemi voi se sbaglio. E quindi a chi vendo? Semplice. Trovo un prestanome, diciamo uno disposto a qualsiasi cosa per qualche centinaia di migliaia di euro. Lo pago e gli vendo il Parma per un euro. Ma una transazion cosi diretta e’ ancora pericolosa. Allora cosa faccio? Vendo a Tacj, uno straniero, il quale tiene la societa’ per qualche giorno e poi la rigira al vero destinatario del gioco, il Manenti. Manenti non ha un euro, anzi ha quelli che gli ha dato Ghirardi affinche’ lo liberasse da questa zavorra pericolosissima. ma di suo, da mettere nella squadra non c’e’ un euro. Ora il nostro eroe espatria, e come fermarlo? Il parma va in bancarotta e Ghirardi e’ fuori dai problemi perche’ lui non ha alcuna responsabilita’ legale e patrimoniale nella bancarotta.

    Ripeto, spero di sbagliarmi ma qui tutto puzza da fare schifo. insultatemi se volete, se pensate che io stia distruggendo con questo tutte le vostre residue speranze. Io spero di non aver ragione, spero che il parma resista. Ho guardato la partita con la roma e mi ha emozionato vedere l’impegno dei giocatori e di donadoni, persona che ammiro enormemente.
    In bocca al lupo ragazzi!!

  • 18 Febbraio 2015 in 07:10
    Permalink

    Che pirla se li compra nuovi e li intesta alla stessa società VENGONO PIGNORATI ANCHE QUELLI
    e tra l altro sono soldi di tasse che poi si riverseranno sui cittadini che magari scrivono cagate su questo blog senza saperlo
    PIRLI

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI