IL 5 MARZO LA VENDITA ALL’INCANTO DELLA PANCHINA DI DONADONI (NELLO SPOGLIATOIO DEL TARDINI), BASE D’ASTA 2.000 EURO, E DEI PULLMINI PIGNORATI AL PARMA F.C. DA EQUITALIA

image

(Lotto 15) Pedana FITWAVE matricola B 014(gmajo) – La panchina di Donadoni? Costa appena duemila euro… Per aggiudicarsela basterà partecipare all’asta, organizzata dall’Istituto Vendite Giudiziarie, che si svolgerà giovedì 5 marzo 2015, alle ore 16, presso la sede dell’I.V.G. in Strada Traversante San Leonardo, 13/A a Parma. Stiamo parlando non della panchina classica, quella sul campo del Tardini, che (al momento…) è ancora (Lotto 8) Panca regolabile Technogymal suo posto, quanto di quella, pignorata nei giorni scorsi da Equitalia negli spogliatoi dell’Ennio, ove soleva accomodarsi il tecnico assieme al suo staff, che fa parte del lotto nr. 7, con la seguente dicitura: “N. 3 panche modulo da spogliatoio in alluminio con cassetto porta oggetti-portascarpe e cuscino imbottito marca PALATENDA PROFESSIONAL”, anche se sono stati oscurati i loghi con lo scudetto del Parma F.C. L’annuncio è apparso ieri, martedì 24 febbraio sul sito dell’I.V.G. che (Lotto 9) Squat Rack Technogymne pubblica anche altri relativi ad altre strumentazioni, pignorate nei giorni scorsi nella palestra del Centro Sportivo di Collecchio, come ad esempio il Lotto 15: Pedana FITWAVE matricola B 014, prezzo base Euro 3.000, oppure il Lotto 8: Panca regolabile Technogym,
prezzo base Euro 300, oppure il Lotto 9: Squat Rack Technogym
prezzo base Euro 400,00. Insomma, grazie alla illuminata gestione (Lotto 1) Pulmino 9 posti IVECO 35 Sdel tandem Ghirardi-Leonardi i tifosi del Parma, i calciatori e soprattutto i dipendenti (cui bisognerebbe erigere un monumento) debbono provare l’umiliazione di vedere finire all’asta persino la panchina dello staff tecnico al Tardini, oltre alle attrezzature ginniche e mediche, e quei furgoni, pullmini e un’automobile Alfa, oggetto del primo spettacolare pignoramento documentato il 16 febbraio scorso in presa diretta dal circo mediatico, accampato all’sterno della struttura di Collecchio e che sempre giovedì 5 saranno messi all’asta, secondo gli annunci pubblicati ieri nella sezione “autoveicoli e cicli” del sito I.V.G. con le seguenti descrizioni. Lotto 1: Pulmino 9 posti IVECO 35 S, prezzo base Euro 3.000; (Lotto 2) Furgone FIAT DUCATO 2.3 JTD, prezzo base Euro 3.500, Lotto 3: Autovettura ALFA ROMEO 147 1.9 JTD, prezzo base Euro 2.000; Lotto 4: Pulmino 9 posti FIAT DUCATO 2.2 JTD, prezzo base Euro 3.500. A completare l’opera va segnalato, come documentato con un video da Parma Fanzine “anche il ritiro, stamani, da parte di Team Memores, azienda piacentina che ha fornito al Parma pc e stampanti, di tutto il materiale ceduto in comodato, stufa di non essere pagata dalla società crociata. Ed ora, è a serio rischio l’operatività di comparti strategici della società, come la Segreteria Generale e l’Ufficio Stampa, che ovviamente senza apparati informatici non possono svolgere il loro lavoro”. Lo stesso sito curato da Nicolò Fabris ha pure immortalato un collaboratore “costretto ad andare al vicino centro commerciale per acquistare la carta igienica. “Se i giocatori mi danno i soldi per comprarla cosa devo fare?” ci ha chiesto il collaboratore mentre varcava sconsolato il Centro Sportivo con gli occhi pieni di tristezza”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

38 pensieri riguardo “IL 5 MARZO LA VENDITA ALL’INCANTO DELLA PANCHINA DI DONADONI (NELLO SPOGLIATOIO DEL TARDINI), BASE D’ASTA 2.000 EURO, E DEI PULLMINI PIGNORATI AL PARMA F.C. DA EQUITALIA

  • 25 Febbraio 2015 in 12:59
    Permalink

    Non avrei mai pensato di doverlo scrivere andando contro la mia coerenza. Mi auspico che Ghirardi, che io ho sempre difeso, torni sui suoi passi e si ripulisca l’immagine dando i soldi alla squadra per salvarsi. Intorno a lui solo odio ora. Deve rimediare ai suoi errori altrimenti ne pagherà le conseguenze per tutta la vita. E non solo lui ma anche tutta la sua famiglia. “Ghirardi, Lei mi ha profondamente deluso”.

    • 25 Febbraio 2015 in 16:37
      Permalink

      Un po’ fuori tempo massimo questa presa di coscienza.
      Permettimi (senza vena polemica alcuna) pure un po’ patetico…

  • 25 Febbraio 2015 in 13:04
    Permalink

    Che tristezza ragazzi!ma tranquilli super mapi comprerà tutto nuovo!
    Direttore ha novità?

  • 25 Febbraio 2015 in 13:05
    Permalink

    Tra un poco pignoreranno anche le zolle di erba dello stadio.SIAMO ALLO SFASCIO TOTALE della squadra e della città. Grazie a GHIRARDI TACI eMANENTI non siamo più una città credibile.Da isola felice siamo diventati ISOLA INFELICE

  • 25 Febbraio 2015 in 13:08
    Permalink

    Majo andiamoceli a riprendere…

  • 25 Febbraio 2015 in 13:09
    Permalink

    Ma questi pignoramenti e sequestri sono dovuti per scadenze tecniche o c’è una discrezionalità? fra un po’ metteranno sotto sequestro i campi da allenamento …

    • 26 Febbraio 2015 in 08:37
      Permalink

      Entrambi, anche se ora la seconda prevale sulle prime

  • 25 Febbraio 2015 in 13:12
    Permalink

    E le panchine sul campo non si vendono? Quelle valgomo almeno 3.000 euro.SE ANDIAMO A GENOVA SIAMO DEI FESSI.

  • 25 Febbraio 2015 in 13:12
    Permalink

    Ma quindi Donadoni non potrà neanche più sedersi? Ahahahah! Siamo alle comiche finali.

    • 26 Febbraio 2015 in 08:36
      Permalink

      Panchina all’interno degli spogliatoi. Io ho scritto di donadoni, anche se era di tutto lo staff
      Cordialmente
      Gmajo

  • 25 Febbraio 2015 in 13:28
    Permalink

    Direttore ma secondo te potrebbero fare la stessa fine anche i trofei?

  • 25 Febbraio 2015 in 13:38
    Permalink

    Piuttosto che vedere tutto sto scempio meglio andare a vedere il porno della maggiulli di prossima uscita “il ritorno delle olgettine”

  • 25 Febbraio 2015 in 13:38
    Permalink

    Il 9 posti a 3000€ per noi poveri dilettanti di qua dall’Enza è perfetto, gli adesivi li hanno già tolti?

  • 25 Febbraio 2015 in 13:50
    Permalink

    Dai…
    Davvero…meglio tirare una riga r darsi da fare subito per il futuro…sia quel che sia….

  • 25 Febbraio 2015 in 14:27
    Permalink

    L’Alfa della Fracy, la compagna di Ghirardi, il quale l’ha fatta comprare al Parma FC perchè la signorina cambiava macchina…
    Povero Parma, a cosa sei servito…!!!!

    • 25 Febbraio 2015 in 14:52
      Permalink

      Ma davvero?! Sarebbe scandaloso…in effetti mi chiedevo a chi servisse quella macchina. Se cambiava macchina che la dessero dentro come facciamo tutti noi comuni mortali. ……morti di fame fino a questo punto? ! Mi pare quasi impossibile. ..

  • 25 Febbraio 2015 in 14:47
    Permalink

    Io se fossi l’udinese chiedrei la partita vinta a tavolino
    Non c’era nessun motivo per rinviare la partita
    E se con 3 punti magari l’udinese andava in Europa league? Chi la risarcisce ? Tavecchio? Mamma mia che squallore ma ritirate la squadra i giocatori dovrebbero tutti liberarsi e andare via

    • 26 Febbraio 2015 in 08:22
      Permalink

      Quoto in pieno il ragionamento su parma Udinese. Ennesimo scempio di una federazione e lega cui interessa solo scongiurare il maxi risarcimento sky. Altro che regolarità del campionato…

  • 25 Febbraio 2015 in 14:53
    Permalink

    Da quello che apprendo qui , in caso di fallimento pilotato ci sarebbero circa 60 milioni di debiti sportivi piu’ diciamo 10 per l’asta! Dei 60 milioni di debiti, ipotizziamo che si riuscisse a rinegoziare riducendoli del 30%, in modo che i giocatori avrebbero la certezza di prenderli! Quindi siamo a circa 40+ 10 per l’asta! Di questi 50 , ipotizziamo che 25 siano messi da un azionista ed il resto da 5 sponsor, casomai locali, per sponsorizzazioni decennali da 500 mila euro annui, liquidati per intero in anticipo! L’ azionista si ritroverebbe un patrimonio come la B, un centro sportivo , oltre al ritorno di immagine , per 25 milioni mentre i finanziatori si ritroverebbero sponsorizzazioni decennali per 5 milioni in totale, quindi in linea con il mercato! É totalmente folle come piano?

    • 26 Febbraio 2015 in 08:16
      Permalink

      Folle no, irrealizzabile si.
      Io dubito persino che possa venir fuori una compagine societaria decente per la serie d, figurarsi uno che cacci fuori, come ipotizza lei, 25 subito (che comunque sarebbero insufficienti) per la b.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 25 Febbraio 2015 in 15:09
    Permalink

    NON GIOCHIAMO A GENOVA. Diamo uno smacco al calcio italiano. Facciamolo fallire. Tutti uniti, un unico cuore.

  • 25 Febbraio 2015 in 15:09
    Permalink

    Eccoli quì i bonifici di MapiTSO!

  • 25 Febbraio 2015 in 15:56
    Permalink

    Provo una profonda tristezza e impotenza davanti a tutto questo!
    Verrò ripagato in parte solo quando arriverà quel giorno dove i colpevoli la pagheranno cara!
    E’ l’unica cosa che ci rimane Majo

  • 25 Febbraio 2015 in 16:30
    Permalink

    con gli imprenditori di Parma non si fa nemmeno il torneo estivo di Contignaco. Grande Direttore quoto in pieno!
    Aggiungo una cosa. Conosco il professionista in questione e non penso si vada a sputtanare come vergognosamente sta cercando di fare nei suoi confronti il gruppo editoriale (???) confindustriale di Parma se non ci fosse dietro della sostanza. Diciamo pure che il Mano è un pazzo ma sicuramente non lo è il Dott. Galimberti. Quindi direi a tutti di darsi una calmata. O pensiamo che anche lui sia un coglione barbone che ruba dei pasti a Collecchio?E secondo le menti eccelse di questi giorni tutto il lavoro che sta facendo lo fa gratis?In aggiunta ritengo il servizio di ieri sera di Tv Parma indecente. Non si può prendere per il culo un professionista senza nemmeno averlo mai incontrato.
    Grazie per l’ospitalità e complimenti!

    • 26 Febbraio 2015 in 02:18
      Permalink

      Grazie a lei per il prezioso contributo, e continui ad arricchirci con i suoi commenti

      Cordialmente

      Gmajo

  • 25 Febbraio 2015 in 16:37
    Permalink

    Ma come si può ancora pensare a giocare domenica con queste condizioni?
    Come si fa a considerare valida una partita giocata con calciatori che hanno vissuto una settimana come questa?

    In assenza di chiarezza da parte della società e degli organi competenti, io mi auguro che la squadra non entri più in campo ritirandosi dal campionato, se necessario.

  • 25 Febbraio 2015 in 16:45
    Permalink

    Tanto SuperMapi ricompra tutto nuovo!
    Come i furgoni pignorati alle giovanili!
    Li avrà comprati alla Mapicar? Color trasparente?
    E le attrezzature di palestra?
    Alla Mapifitness?
    Mi piacerebbe proprio essere una mosca e vedere di persona l’incontro tra Mapiamn e quelli del Tribunale…!
    Che balle gli racconterà?
    Del piano industriale da paura?

  • 25 Febbraio 2015 in 16:48
    Permalink

    A proposito invece dell’azienda che si è ripresa tutti i computer, mi chiedo se, in vista di indagini giudiziarie, la procura non avrebbe fatto meglio a lasciarli nella disponibiltà di chi queste indagini dovrà farle ?

    • 25 Febbraio 2015 in 16:51
      Permalink

      la domanda è pertinente, anche se io resto garantista. Motivo per cui ho deciso di non trasmettere il video con le gravi accuse del titolare dell’azienda fornitrice di materiale informatico a Ghirardi, che immagino faranno scalpore a piazza pulita o in altri programmi…

      • 25 Febbraio 2015 in 16:52
        Permalink

        sembra che abbiano lasciato quello di Leonardi vero?

        • 26 Febbraio 2015 in 01:10
          Permalink

          Dicono che quello di leonardi e altri fossero vecchi e di proprietà del parma, anche se altre fonti non convergono

      • 25 Febbraio 2015 in 17:56
        Permalink

        Vabbé, ma il garantismo non c’entra tanto con le dichiarazioni personali. Ognuno si prende le proprie responsabilità e riportare come virgolettato non è mica una sentenza di colpevolezza, tantopiù per un giornalista professionista. Questo per dire, nulla contro di lei, ma a riportare le parole dette pubblicamente non c’è nulla di male. Poi veda lei 😉

        • 25 Febbraio 2015 in 18:17
          Permalink

          No, guardi: mi sono consigliato con il mio avvocato, a parte che conosco abbastanza la deontologia, ma se uno dà del ladro a una persona e io lo pubblico, sono correo. Per cui rinunzio volentieri allo scoop: lo diffondano pure altri… Poi i danni a Ghirardi chi glieli rifonde: oltre il danno, la beffa…

          Cordialmente

          Gmajo

  • 25 Febbraio 2015 in 17:03
    Permalink

    Se ci saranno prove di dolo sarà compito dei magistrati trovarle, ma se ripulisci i computer fai poi fatica a trovarle…

  • 25 Febbraio 2015 in 22:31
    Permalink

    beh, immagino che se li sono ripresi è per riutilizzarli e darli in uso ad altri clienti, di conseguenza li ripulisci

  • 26 Febbraio 2015 in 13:06
    Permalink

    @Ghirardello. Saran cazzi miei, le mie tempistiche di presa di coscienza.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI