IL COMMERCIALISTA MAROTTA: “LA PROPRIETA’ OLTRE A VERSARE I 13,7 MILIONI PER RIPIANARE LA PERDITA AVREBBE DOVUTO SOSTENERE FINANZIARIAMENTE IL CLUB CON ULTERIORI VERSAMENTI”

(gmajo) – Un commento del nostro lettore Michele Faccini, postato ieri nel forum di StadioTardini.it, è all’origine del presente approfondimento del dottor Luca Marotta, commercialista, esperto lettore di bilanci dei società sportive. “LA GdS si oggi scrive: “Nell’arco di dodici mesi l’indebitamento lordo è passato da 175,1 a 197,4 milioni, quello al netto dei crediti da 88,7 a 96,5 milioni”. Quindi se non erro il Parma vanta nei confronti di altri, presumo Lega Calcio e altre squadre di serie A, crediti per 100 milioni di €. (Correggetemi se sbaglio) Quindi a queste squadre e/o alla Lega calcio gioverebbe un fallimento del Parma? Sono ignorante in materia e non denigratemi, ma rispondete in modo sensato grazie”.

(Luca Marotta) – Secondo la legge sul fallimento, il presupposto perché questo possa essere dichiarato è l’accertamento dello stato di insolvenza. A questo punto sorge spontanea la domanda, come si manifesta lo stato di insolvenza?

La risposta è fornita nell’articolo 5: “Lo stato d’insolvenza si manifesta con inadempimenti od altri fatti esteriori, i quali dimostrino che il debitore non è più in grado di soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni.”

Nel caso specifico del Parma è molto probabile ch,e se fosse stato effettuato un versamento cash di 13,7 milioni di euro nei primi mesi della stagione, si sarebbe ristabilito l’equilibrio patrimoniale (attività = passività), ma solo per il 2013/14.

Il problema è che questa ipotetica situazione di “equilibrio patrimoniale” sarebbe stata fine a stessa, perché per raggiungerla sono stati già utilizzati a mezzo anticipazioni finanziarie anche i ricavi degli esercizi successivi, come ad esempio i diritti TV.

Pertanto la proprietà oltre a versare i 13,7 milioni di euro per ripianare la perdita, per continuare l’attività, senza problemi, avrebbe dovuto sostenere finanziariamente il Parma con degli ulteriori versamenti, almeno pari agli importi di competenza 2014/15, già anticipati negli esercizi precedenti, cui si sarebbero dovuti aggiungere i proventi del calciomercato estivo, penso alla mancata cessione di Biabany, per le note cause. Inoltre, la mancata affermazione a livelli importanti di Belfodil, come già detto in un precedente intervento, ha dato il suo contributo alla pessima situazione verificatasi.

In genere, i crediti e i debiti da calciomercato verso squadre di calcio italiane, vengono gestiti direttamente dalla Lega, tale circostanza, secondo taluni esperti di calciomercato, potrebbe essere una delle delle cause per cui si ricorre più facilmente all’acquisto di calciatori stranieri. Luca Marotta

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

GLI EFFETTI SUI BILANCI DI PARMA E INTER DELLA MAXI-OPERAZIONE BELFODIL-CASSANO SECONDO IL COMMERCIALISTA LUCA MAROTTA

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

31 pensieri riguardo “IL COMMERCIALISTA MAROTTA: “LA PROPRIETA’ OLTRE A VERSARE I 13,7 MILIONI PER RIPIANARE LA PERDITA AVREBBE DOVUTO SOSTENERE FINANZIARIAMENTE IL CLUB CON ULTERIORI VERSAMENTI”

  • 12 Febbraio 2015 in 11:43
    Permalink

    Salve Majo,avrei delle domande per lei: 1) riguardando la conferenza credo di aver capito che in realtà il bonifico non arriva oggi o domani, ma dovrebbe partire oggi o domani.. e dato che ultimamente i bonifici a Parma si fermano per strada,non la trovo confortante come cosa ! Cosa ne pensa?

    2) Secondo lei, è possibile che alle spalle abbia qualche investitore forte, tipo Kerimov? O meglio, perchè con Taci lo escludeva a priori mentre ora qualche speranza la tiene?

    3) Secondo lei, l’aver nominato Sberbank, maggiore banca di Russia,con maggior azionista Kerimov, è studiato a tavolino per avere credibilità o può essere vero?

    Infine credo che sulla capacità di Mapi si sia fatto un processo inutile, dato che è ovvio che è una scatola vuota ,costituita per acquistare Pigna ( lo ha ammesso Alborghetti, ma in rete già si sapeva) , ergo quello è solo un mezzo, qualora ci siano i soldi, per far arrivare soldi dall’est ,tramite una società dell’unione europea a fare schermo! Il piccolo barlume di speranza me lo dà Alborghetti, quando ha affermato che la mapi serve a veicolare soldi di investitori importanti di cui è a conoscenza… capisco che Manenti non ha una reputazione da difendere, ma credo che Alborghetti la tenga, quindi perchè sputtanarsi,senza essere sicuro di quello che dice?

  • 12 Febbraio 2015 in 12:20
    Permalink

    Gentile Direttore, mi saprebbe spiegare la questione dei bonifici? Io sono ingnorante in materia ma non la capisco. Cioè quando io vado in banca e faccio un bonifico, mi danno una ricevuta (contabile) e al più tardi il giorno dopo il beneficiario ha i soldi sul conto. Semplice. Ma qui che c..o di storia è questa che è stato predisposto, poi è partito, si vedrà oggi o domani?Ma cosa vuol dire?Se l’hai fatto hai la contabile e chiusa li.

    • 12 Febbraio 2015 in 13:02
      Permalink

      Queste sono transazioni internazionali, un attimino più complesse

    • 12 Febbraio 2015 in 14:29
      Permalink

      Non per fare il bastian contrario, ma la settimana scorsa ho dovuto effettuare un bonifico da 200 e passa euro su un conto corrente collegato ad un istituto bancario diverso dal mio: ebbene, ci son voluti tre giorni perché i soldi fossero nella disponibilità del destinatario. Tre giorni per muovere duecento euro…

      • 12 Febbraio 2015 in 15:30
        Permalink

        Dipende anche dalle banche. Quando ho fatto dei bonifici dall’Italia all’estero a un familiare soldi sono arrivati anche il giorno dopo invece un bonifico ad un altro parente in’Italia è rimasto fermo per giorni nella loro banca….per cui i tempi erano di 4-5 giorni ( e la cifra qui molto meno).

  • 12 Febbraio 2015 in 12:31
    Permalink

    tutti con il fiato sospeso..comunque è stato detto ke la prima tranche al più tardi arrivava entro stamattina…e la mattina è finita

    • 12 Febbraio 2015 in 13:01
      Permalink

      Io vi ho riportato dei rumors: ho forse scritto che sarebbe stato così sicuramente? Non mi risulta assolutamente…

  • 12 Febbraio 2015 in 12:33
    Permalink

    A questo punto Majo pensa abbia senso fare la corsa contro il tempo per evitare la penalizzazione?Tanto non cambia nulla…rimarrebbe solo in piedi il discorso di far vedere che cominciano a fare fatti, ma al di la di quello penso che la fretta nel pagare subito non ci sia

    • 12 Febbraio 2015 in 13:00
      Permalink

      C’è anche la messa in mora. E comunque è anche un discorso di immagine…

  • 12 Febbraio 2015 in 12:42
    Permalink

    Direttore notizie della prima tranche?

    Marotta interessante as usual.

  • 12 Febbraio 2015 in 12:56
    Permalink

    Direttore ci sono novità?

  • 12 Febbraio 2015 in 13:23
    Permalink

    Nessuna novità, stasera dirà che arrivano domani e domani dirà che arrivano Lunedì. Lunedì dirà che la città di Parma non lo vuole e che lui non resta dove non lo vogliono e se ne va. Direttore scenda dalle nuvole e’ da lunedì che le dico questo.

    • 12 Febbraio 2015 in 13:38
      Permalink

      Se sarà il caso scenderò lunedì. Non penso che cambi di molto i termini della situazione

  • 12 Febbraio 2015 in 13:38
    Permalink

    immagine?Manenti?mmmm….

  • 12 Febbraio 2015 in 13:50
    Permalink

    Scenda adesso che la caduta e’ leggermente più loeve

    • 12 Febbraio 2015 in 14:03
      Permalink

      No: non cambia niente…. Io sono già rassegnato, ma visto che si è presentata l’opportunità, penso vada vissuta fino in fondo, ben sapendo che nulla cambia, in caso negativo, rispetto a prima

  • 12 Febbraio 2015 in 13:53
    Permalink

    Raimonti dice che I debiti sono 50mln € . Direttore ennesima bufala?

    • 12 Febbraio 2015 in 14:02
      Permalink

      Ha avuto un suggeritore d’eccezione… Io, però, ritengo che possa esser più vicino al vero l’avvocato Giordano, ma tanto la raimondata è solo l’ultimo passo di danza nel balletto delle cifre…

      • 12 Febbraio 2015 in 14:27
        Permalink

        Lei è sicuro che Raimondi abbia avuto un suggeritore o secondo lei l’ha buttata lì?

        • 12 Febbraio 2015 in 14:52
          Permalink

          Ha parlato con due persone – una esterna, una interna – ed entrambe gli avrebbero dato quel tipo di cifra.

          Cordialmente

          Gmajo

  • 12 Febbraio 2015 in 14:15
    Permalink

    Raimondi ha anche detto che il bonifico gli risulta partito oggi…conferma?

    • 12 Febbraio 2015 in 14:54
      Permalink

      Fonti confidenziali riferivano che i bonifici fossero partiti ieri…

      • 12 Febbraio 2015 in 15:11
        Permalink

        Tutti e tre sarebbero partiti ieri?
        E, altra domanda, una volta che i bonifici sono stati effettuati, anche se ci mettono qualche giorno ad arrivare, non sarebbe il caso di mostrare il documento che ne conferma l’esecuzione? Sarebbe sufficiente, credo, a rassicurare tutto l’ambiente…

        • 12 Febbraio 2015 in 15:23
          Permalink

          Io direi che la cosa più rassicurante, al di là degli scontrini, sarà quando Donadoni & C. ci diranno che hanno preso tutto o in parte quanto gli spetta.

          Quando sono partiti effettivamente non saprei, perché i dettagli sono farraginosi. Le ultime indiscrezioni riferiscono dell’arrivo insieme dei primi due entro domani. Ma io preferirei lasciar stare queste chiacchiere in attesa della concretezza

          Cordialmente

          Gmajo

  • 12 Febbraio 2015 in 14:16
    Permalink

    Io penso che sia auspicabile che i soldi inizino ad arrivare a condizione che ci sia qualche vero progetto dietro, perchè se no rischiate non solo di cadere nel burrone ma pure di iniziare a scavare…
    Diversamente in un mondo normale ci dovrebbe essere il tentativo di fare una nuova società che poi rilevi il titolo sportivo e magari Collecchio salvaguardando i soggetti più deboli come i dipendenti…
    Parlo da profano ovviamente ma forse qualche corvo che punta al centro sportivo e una tranquilla squadra da lega pro già gira per i cieli di Parma…
    Un’altra considerazione mi viene sul regno di Taci e i suoi accoliti (tra l’altro nessuno ha trovato curioso che a fare il giro delle azioni sia stato Doca? non era stato esautorato subito?)… Qualcuno potrebbe accusarli di partecipazione al fallimento? In fondo il mercato lo hanno fatto loro e se si valutassero operazioni sotto costo che hanno danneggiato il patrimonio societario… Senza contare le garanzie per Varela e l’altro giocatore… Oltre al povero Lila che spero qualcuno stia curando..

    • 12 Febbraio 2015 in 14:55
      Permalink

      Doca era il legale rappresentante della Dastraso

  • 12 Febbraio 2015 in 14:32
    Permalink

    Ma Raimondi l’espertone? Se la cava pure con le questioni finanziare oltre che col calciomercato?

  • 12 Febbraio 2015 in 17:49
    Permalink

    Io invece strarnamente sono fiducioso. Io che sono sempre stato pessimista sono fiducioso

    • 12 Febbraio 2015 in 17:51
      Permalink

      ma mettiti d’accordo una buona volta con te stesso… Sembri schianchi, come coerenza…

  • 12 Febbraio 2015 in 20:46
    Permalink

    I 50 M ipotizzati da raimondi sono i 17 M di stipendi 2013/2014 da saldare più i 35 M circa che la società si è fatta anticipare x i diritti tv. Questi non sono i debiti totali, ma semplicemente la cifra che occorre x arrivare a fine stagione. tanti auguri a trovare qualcuno che li sborsi x una società già in B i cui ricavi sono destinati a dimezzarsi dall’anno prossimo e senza giocatori da poter rivendere.

    Serie d arriviamo. In fondo è stato bello fare gli sboroni quando la serie a era il top. Adesso anche se arrivi tra le prime 5 in Italia a livello europeo sei una merdaccia.
    Penso che prima che una italiana rivinca solo la metà di quello che il Parma ha sgraffignato saremo tutti col bastone a giocare a briscola al bar

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI