LA COMITIVA CROCIATA E’ ARRIVATA A ROMA: ANCHE MANENTI HA VIAGGIATO IN TRENO CON LA SQUADRA

REGGIO_EMILIA_AV(gmajo) – Pochi minuti fa la comitiva crociata, che domani sarà impegnata contro la Roma, ha raggiunto la capitale (dove la temperatura è di circa 10° superiore rispetto alla glaciale Pianura Padana) dopo il viaggio ad alta velocità sulla strada ferrata. A guidare il gruppo il neo presidente Giampietro Manenti in persona, che, dopo aver lavorato in mattinata in sede, al Centro Direzionale di Collecchio, dove ha incontrato alcuni funzionari di istituti bancari, in vista delle scadenze di lunedì, ha viaggiato assieme alla squadra.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

103 pensieri riguardo “LA COMITIVA CROCIATA E’ ARRIVATA A ROMA: ANCHE MANENTI HA VIAGGIATO IN TRENO CON LA SQUADRA

  • 14 Febbraio 2015 in 20:00
    Permalink

    Con la MAPI-TOURS ?

  • 14 Febbraio 2015 in 20:10
    Permalink

    Non riesco a capire se ci crede anche lui oppure se si godendo un mese di popolarità prima di tornare nel nulla. Sono davvero combattuto tra le due ipotesi.
    Gli va dato atto che è molto vicino alla squadra, almeno questo…

  • 14 Febbraio 2015 in 20:16
    Permalink

    Mi e’ venuto dal cuore un moto di “tenerezza” mista ad un poco di pieta’….insomma … Coraggio a tutti..

  • 14 Febbraio 2015 in 20:20
    Permalink

    chissa’ che viaggio,piu’ o meno come i protagonisti di febbre da cavallo 😀
    i biglietti chi li ha fatti il leo ? MANDRAKATA ! 🙂

    io punto su can can ma vincera’ soldatino o mambo italiano

  • 14 Febbraio 2015 in 20:34
    Permalink

    Comunque è simpatico, fa quasi tenerezza. A parte che lo ritengo comunque un gesto intelligente

  • 14 Febbraio 2015 in 20:37
    Permalink

    Taci si sapeva che tradiva. Gli albanesi in genere sono così, cercano sempre di fregarti. Io ho avuto a che fare con molti di loro e se appena possono ti fregano. E’ nel loro DNA. E’ PIù FORTE DI LORO.QUANDO TACI HA PRESO IL PARMA SAPEVO CHE FINIVA COSì.

    • 14 Febbraio 2015 in 20:39
      Permalink

      dai nn facciamo i razzisti gratuitamente. generalizzare nn è mai da persone intelligenti…

      • 14 Febbraio 2015 in 20:43
        Permalink

        velenoso e che devo dire per imprenditori italiani che vengono in albania??

        • 15 Febbraio 2015 in 00:00
          Permalink

          Fregheranno anche gli italiani ema se vengono in Albania è per dare lavoro.TACI ha fatto del male agli albanesi che vivono in Italia COME IMMAGINE Mogli e buoi dei paesi tuoi.

    • 14 Febbraio 2015 in 20:42
      Permalink

      Post da imbecille ! Io conosco tantissimi albanesi bravissima gente, E’ nel loro DNA… ma si rende conto di quello che scrive ?

    • 14 Febbraio 2015 in 20:58
      Permalink

      taci caro avvelenato, non rapresenta i albanesi, e tu non rapresenti i italiani, men che meno i parmigiani, e se tu come dici hai incontrato solo albanesi che hanno cercato di fregarti, beh che posso dirti, si sa che la M attira sempre le mosche.

    • 14 Febbraio 2015 in 21:00
      Permalink

      I bulgari sono tutti ladri.

      • 14 Febbraio 2015 in 21:03
        Permalink

        dai Gustavo fa’ la persona intelligente… Che se no Adam Rollo perde la sua stima disinteressata in te…

        E non aizzarmi tutti i bulgari…

        Velenoso ha scritto una stronzata che non credo meriti di esser amplificata

        • 14 Febbraio 2015 in 21:10
          Permalink

          Ma infatti scherzavo, per carità, guai fare arrabbiare i bulgari!!

          Non ho però capito che c’entra il simpatico Adam Rollo

          • 14 Febbraio 2015 in 21:12
            Permalink

            So di questa reciproca stima che non vorrei scemasse…

          • 14 Febbraio 2015 in 21:17
            Permalink

            Come non vorrei scemasse la ritrovata armonia tra lei e il Plenipotenziario…

          • 14 Febbraio 2015 in 22:06
            Permalink

            Capisco l’ironia, ma mi offre l’assist per chiarire un concetto che mi sta a cuore: l’armonia tra me e il depotenziato Plenipotenziario non è ritrovata, ma semmai trovata. Egli, infatti, nella difficoltà, si è accorto di come tutti i finti amici scappino rivalutando chi, il sottoscritto, è stato forse avversario duro, ma sempre corretto, senza colpi sotto la cintura. E il suo riconoscimento della mia onestà intellettuale è per me motivo di orgoglio (come direbbe lui o il Ghiro…).
            Ciò non toglie che per essere onesto intellettualmente, nonostante l’armonia, io non possa che continuare sulla stessa strada di prima.
            Cordialmente
            Gmajo

      • 14 Febbraio 2015 in 21:07
        Permalink

        Ecco perchè tifano tutti Giuve !

    • 14 Febbraio 2015 in 22:39
      Permalink

      manenti speriamo che paghi almeno un biglietto di distinti come ha fatto taci aalmeno i 60 eur li ha messi manenti finora non ha messo 1 eur

  • 14 Febbraio 2015 in 20:49
    Permalink

    Leonardi va difeso dottor. MAJO. E’ L’UNICO CHE NON E’SCAPPATO e poi lui nel Parma era un dipendente.Ghirarfi di questo tracollo e’l’unico responsabile. Penso che non si fallira’.Troppe persone hanno famiglia. Sento dire che qualcuno vuole bannare VELENOSO.Bannatevi voi cagasotto

  • 14 Febbraio 2015 in 20:53
    Permalink

    Majo, dammi una percentuale di come finirà luned’. Secondo te, su 100 quante probabilità ha Manenti di pagare entro lunedì almeno in parte li stipendi arretrati?

      • 14 Febbraio 2015 in 21:11
        Permalink

        E nel mese successivo?

      • 14 Febbraio 2015 in 21:19
        Permalink

        Per affidabilità, difficoltà oggettive o scelta imprenditoriale? Le ho dette tutte per non essere troppo prevenuto ma per me se non paga è più la prima della seconda

        • 14 Febbraio 2015 in 21:58
          Permalink

          Mah… Il soggetto, in effetti, non mi pare particolarmente affidabile, comunque che un certo tipo di risorse di provenienza estera sia di difficile traduzione in moneta corrente nel nostro paese è cosa abbastanza oggettiva

          Cordialmente

          Gmajo

      • 14 Febbraio 2015 in 22:45
        Permalink

        opla majo cambiato idea allora su manenti la vedevo molto piu’ entusiasta solo 7 gg fa quando le dicevo che era impossibile che pagasse che oggi solo un pazzo puo’ mettere un 50entello per il parma e lui non e’ un pazzo ma solo un mitomane

        • 14 Febbraio 2015 in 22:51
          Permalink

          Non mi pare di aver cambiato idea: quando riferii del cinquantello era, appunto, un relata refero.

          Il mio entusiasmo della scorsa settimana non era per l’arrivo di Manenti, ma per l’uscita di scena di Taci.

          Del resto il “Mano” o il “Giampy”, per dirla alla Roversi, non ebbi mai modo di conoscerlo, vederlo o sentirlo prima del suo show con Alborghetti di mercoledì, al termine del quale non esitai a segnalare la mia delusione.

          Nonostante questo, però, una possibilità su 100, sarò pazzo, ma gliela lascio lo stesso.

          Cordialmente

          Gmajo

          • 14 Febbraio 2015 in 23:18
            Permalink

            in quanto padre dello scoop secondo me perse di lucidita’ e sperava che fosse foriero di buone nuove per i tifosi … sbagliando la valutazione del manenti quello che rimane veramente una gran bella chicca e’ lo scoop gran goal ecco un po’ come quelli che segnano un gran goal e poi si tolgono la maglietta e si fanno ammonire

          • 14 Febbraio 2015 in 23:24
            Permalink

            Quando comunicai l’uscita di scena di Taci non feci il nome di Manenti…

  • 14 Febbraio 2015 in 21:00
    Permalink

    Certo gli albanesi…..noi Italiani invece?

    • 14 Febbraio 2015 in 21:16
      Permalink

      Aspettavo il solito post autorazzista. Si, perché dire che gli albanesi sono tutti ladri (o i rumeni, i bulgari, i nigeriani) non si può (GIUSTAMENTE), invece dire che gli italiani sono tutti ladri (tranne chi lo dice) insultare il proprio popolo è di moda e di vanto. E’ politicamente corretto, no?

  • 14 Febbraio 2015 in 21:26
    Permalink

    Gli show degli ultimi giorni mi hanno torto quasi tutta la fiducia in questo personaggio e nel buon esito della cosa. .cmq la speranza è l’ultima a morire..non si sa mai che alla fine trovi i soldi da qualche parte e possa permettersi il giochino nuovo..

  • 14 Febbraio 2015 in 21:29
    Permalink

    Cavolo Majo,una probabilita’su cento….quali saranno secondo lei gli scenari futuri.Messa in mora e poi…..

  • 14 Febbraio 2015 in 21:43
    Permalink

    Buonasera Direttore,
    Più riascolto la conferenza
    Più ascolto le interviste
    Più guardo le foto e il suo ghigno da Tso
    E più mi rendo conto che questo non ha un bollo in tasca e mai ne farà arrivare..

    Il gioco è finito, siamo destinati al fallimento!!

    • 14 Febbraio 2015 in 21:50
      Permalink

      la speranza è la Camporesi… E’ lei il trait d’union col grano dal paese del grano…

      • 14 Febbraio 2015 in 22:47
        Permalink

        e solo l amante majo niente illusioni

        • 14 Febbraio 2015 in 22:49
          Permalink

          dopo cinque mogli ha deviato sull’amante? Ma cosa gli farà alle donne? Sarà il Mapi-Fashion…

          • 14 Febbraio 2015 in 23:20
            Permalink

            bhe per quello anche lei non scherza la Maggiulli prima e popi la moglie del leo che le passe le notizxie ( scherzo )

      • 15 Febbraio 2015 in 01:50
        Permalink

        con paese del grano intendi l’Ucraina che è il primo produttore mondiale di grano?

  • 14 Febbraio 2015 in 21:56
    Permalink

    Manenti incomincia a starmi simpatico se poi rispetterà i termini di pagamento ancora di più

  • 14 Febbraio 2015 in 22:06
    Permalink

    martedi libri in tribunale!!!!

    • 14 Febbraio 2015 in 22:08
      Permalink

      Festeggiare per una evenienza del genere è da dissennati. Anziché fare le pecore, là in Curva Nord, ogni tanto cercate di far funzionare il cervello, pensando a quei poveri dipendenti e fornitori, Dio Bono! Poi manco salvassimo la categoria.
      E poi un fallimento voluto dagli industriali, che ancora pensano di apparecchiare la tavola come negli anni 70, mi fa ancora più schifo.

      Saluti

      Gmajo

      • 14 Febbraio 2015 in 22:13
        Permalink

        In molti sembrano affetti da “tafazzismo” 😉

        • 14 Febbraio 2015 in 22:16
          Permalink

          Sì, ma se si percuotono i propri zebedei sono problemini loro: diverso quando auspicano soluzioni drammatiche per la comunità e la parte più debole della medesima

          Cordialmente

          Gmajo

      • 14 Febbraio 2015 in 22:26
        Permalink

        Chiamare quelli dell’Upi industriali beh…e’ un azzardo. Si potrebbe meglio definirli come ricchi o pseudoricchi scemi

      • 14 Febbraio 2015 in 22:50
        Permalink

        majo lei ha fantasia nessun imprenditore e’ interessato al parma calcio manco se fallisse e andasse in seri D oggi gli industriali a parma hanno altri problemi …….di sopravvivenza che pensare al parma

        • 14 Febbraio 2015 in 22:53
          Permalink

          Le garantisco che ci stanno pensando eccome. Ricordi bene che non sono solito parlare a vanvera: se mi esprimo è perché so.

          Poi se saranno chiacchiere o naufrafi è un altro discorso. Ma la corazzata Dallara-Zanetti non è così campata per aria come crede

          Saluti

          Gmajo

          • 14 Febbraio 2015 in 22:57
            Permalink

            majo io ho detto di parma zanetti non mi risulta di parma ….se poi nonno dallara( 78 anni ) ci mette 1% siamo come aitempi di ferrari e volpi
            Comunque ammetto che lei non parla a vanvera il che mi fa sperare zanetti mi andrebbe benissimo pero’ attenzione chi non tifa parma alla fine ……fa come il ghiro

          • 14 Febbraio 2015 in 23:03
            Permalink

            Beh, mi pare che lo spessore sia un po’ diverso… Se poi vogliamo il presidente di Parma e pure tifoso campa cavallo…

          • 14 Febbraio 2015 in 23:03
            Permalink

            Un altro possibile scoop questa cordata Dallara-Zanetti! Se si attuasse significherebbe che hanno vinto gli infami giochetti dell’Upi. Cmq Zanetti è il famoso caffettaro a cui è sfuggito da sotto il naso il Bologna,mentre Dallara chi è di preciso? So che si è offerto per ”dare una mano ” se ci fosse lo spettro della D ma altro non so. Grazie

          • 14 Febbraio 2015 in 23:06
            Permalink

            L’ing. Giampaolo Dallara è l’imprenditore parmigiano fondatore e al timone dal 1972 della omonima azienda costruttrice di automobili da competizione di Varano de’ Melegari.

            Cordialmente

            Gmajo

            (Buon San Valentino su StadioTardini.it)

          • 15 Febbraio 2015 in 01:03
            Permalink

            Grazie direttore per la risposta e buon San Valentino anche a te a ai lettori 🙂 anche se sono un po’ in ritardo con la risposta e ormai dovrei dire buona domenica (che chissà se calcisticamente sarà buona…sicuramente sarà dura!)

          • 15 Febbraio 2015 in 15:01
            Permalink

            A questo proposito, è possibile che il famoso “traditore” citato da Leonardi non sia tanto Melli ma il Sig. Levati, responsabile relazioni esterne ed interessatissimo promotore della pista Baraldi /Zanetti?

      • 14 Febbraio 2015 in 22:57
        Permalink

        No al fallimento e no alla ”vittoria” degli industriali parmigiani senza reputazione! Speriamo in Manenti e company (siamo appesi a un filo,lo so) poi magari nella vendita ad altri. Cmq non darei in mano il Parma agli industriali della città …se a Parma tutti quelli che hanno i soldi sono come quelli dell’Upi, meglio in mano a qualcuno di qualche altra provincia/nazione…Cmq non mi illudo troppo perché se i poteri forti vogliono il fallimento e la D, è difficile scamparla purtroppo. ..Bisognerebbe proprio che Manenti o chi per lui tiri fuori il coniglio dal cilindro…i soldi dato che sono l’unica cosa che sposta il mondo del calcio. E’ triste ma è la realtà

        • 14 Febbraio 2015 in 23:32
          Permalink

          caro cibbi che l upi voglia il fallimento del parma mi sembra strano e’ come se uno volesse darsi un calcio nei coglioni da solo perché se ci ragioni un attimo tra i 30 milioni di crediti con il parma calcio penso che molti fornitori e quindi creditori saranno di parma tra cui associati all upi

          • 15 Febbraio 2015 in 01:22
            Permalink

            Eppure non sono l’unica a pensarlo…Comprare un Parma post fallimento che riparte dalla D puntando a farlo risalire sarebbe un affare non da poco per chi se lo accaparra…considera che una squadra in D te la regalano anche se si chiama Parma, quindi pubblicità quasi a costo zero a livello nazionale per la propria ditta invece di sborsare soldi ora per pagare debiti ripartendo cmq dalla B che è ormai inevitabile. Un investimento a medio termine (qualche anno x tornare in B e poi in A ci vuole e anche la pubblicità non è immediata) ma alla fine conveniente piu’ che salvare/comprare il Parma ora! Che l’Upi non abbia fatto nulla x cercare di salvare il Parma è innegabile . Con chi abbia debiti il Parma non lo so proprio ma mi viene da pensare che non vantino crediti i pezzi grossi dell’Upi o magari si pensa già a ”risarcirli” in altro modo, magari con nuovi contratti. Cmq che il Ghiro pensasse a fare lavorare molto i parmigiani non mi pare (Gedeone l’avevamo quasi adottato a Parma e lui l ha buttato via in cambio di allenatori mezze cartucce delle sue parti…idem con altri collaboratori scelti dal Ghiro)…x quel che ne so potrebbe non esserci neppure un associato Upi creditore del Parma… Majo se sbaglio correggimi! 🙂

      • 15 Febbraio 2015 in 09:11
        Permalink

        ma chi e’ che festeggia sei penoso come leonardi !

        colui che ha contribuito al disatro ora scarica su chi si augura il fallimento, UOMO DI MERDA !

        VA VIA DA PARMA !

        • 15 Febbraio 2015 in 09:37
          Permalink

          io sono solo un libero pensatore che esprime le proprie idee.

          il fallimento per me è controproducente e ho già chiarito il perché e mi fa schifo il partito del fallimento sostenuto da chi ha avallato prima gli scempi di ghirardi e leonardi (che io ero l’unico ad avversare e che per questo ero stato additato come nemico) e che ora sta remando per questa conclusione traumatica che non ha alcun vantaggio sportivo (poiché tardivo) occupazionale e per le piccole forze economiche del territorio come indotto.
          io non sono il tifosino incazzato dell’ultima ora che fa l’indignado dopo aver fatto lingua in bocca per anni con ghirardi e leonardi, sono una persona che com coscienza cerca di proporre delle analisi, giuste o sbagliate che possano essere ma sempre con onestà e pulizia di animo.
          saluti
          gmajo

          • 15 Febbraio 2015 in 10:17
            Permalink

            e chi ti ha mai detto che hai fatto a lingua in bocca …anzi mi son preso anche degli strali per causa tua,ma adesso che e’ l’ora di presentargli il conto co fet ti allinei al subdolo pensiero di un anelllide che per sviare se la prende con chi si augura di farla finita con sta penosa storia di cui e’ solo vittima ? ma come cazzo si fa a prendersela coi boys (e guarda che quando c’e’ da sparare su di loro io sparo) gente che e’ una vita che va in ogni dove a sostenere sta squadra di merda,ma dove cazzo sara’ l’anno prossimo leonardi ? dove cazzo sara’ donadoni ? ancora stiamo qui a dar voce a personaggi che con parma non c’entrano un cazzo la prossima volta ,chiami anche l’elisoccorso ammesso e non concesso che sulla camionetta dei carabinieri ci salga in direzione via burla

          • 15 Febbraio 2015 in 14:00
            Permalink

            Assio ormai e’ irrecuperabile. Direttore con lui non c’e’ speranza…lo stadio terminale l’e’ bele pase’

  • 14 Febbraio 2015 in 22:07
    Permalink

    Approposito cosa si sa della Camporesi?
    Thanks…

    • 14 Febbraio 2015 in 22:14
      Permalink

      Risulta essere una signora particolarmente intelligente e con giri importanti, sia pure chiacchierati: tralascerei le vicissitudini giudiziarie cui ha accennato Angella nel servizio, dal momento che le ha superate.
      E poi, come dicevo, potrebbe proprio esser lei la pedina giusta per smuovere certi capitali.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 15 Febbraio 2015 in 14:32
        Permalink

        … sì magari in Colombia eh …! Basta !!!!!!!

  • 14 Febbraio 2015 in 22:14
    Permalink

    E che cazzo… ce l’avete sempre con me. Non ci ho messo soldi… sono un bambinone…. spese esagerate…. vi ho venduti agli albanesi…. che tra l’altro checchè ne diciate sono persone a modo tranquille e di parola.
    Insomma non ve ne va bene una.

    Però è bene quel he finisce bene adesso ci pensa il Manenti a pagare tutto col mapi money.

  • 14 Febbraio 2015 in 22:53
    Permalink

    si Tommasone hai ragione ce l hanno con te ingiustamente vedremo se anche in serie D qualcuno di parma si prende la briga di mettere un eur per la squadra

  • 14 Febbraio 2015 in 23:32
    Permalink

    Gli industriali di parma hanno fatto fallire l areoporto e non hanno mai cacciato 1 euro per la nostra gloriosa squadra di calcio basterebbe un 1 per cento del loro fatturato per aiutare un patrimonio della città.
    Per quanto riguarda l ing dallara è una persona straordinaria e vi posso garantire conoscendolo di persona che è un vero tifoso del parma

  • 15 Febbraio 2015 in 00:16
    Permalink

    Il fallimento del Parma sarebbe LA SCONFITTA DI TUTTI NOI.Non volevo offendere gli albanesi,forse noi siamo peggio di loro ma ce l’ho con l’albanese TACI che ci ha dato il colpo di grazia.Fallire significherebbe buttare sul lastrico tante famiglie e sarebbe una cosa ignobile volere questo.La curva su questo sbaglia.Di nuovo scusa agli albanesi onesti e lavoratori.

  • 15 Febbraio 2015 in 01:48
    Permalink

    Per chi critica gli industriali di parma dico che
    -certi industriali hanno fatto un ospedale dei bambini che non ha nulla da invidiare alle realtà più avanzate europee e nordamericane; sostengono anche la cultura e il sociale e senza certe donazioni che fanno a fondo perduto Parma si riscoprerebbe più povera.
    -non è obbligatorio comprare il Parma soprattutto se ha tutti questi debiiti, e non a caso non si avvicina nessun imprenditore. Chi fa offerte è gente come Manenti che usa soldi che non sappiamo nemmeno dove vengono siccome non ha risposto in conferenza stampa. L’aereoporto a Parma non è strategico, ha sempre prodotto perdite su perdite, e non ha senso un aereoporto nella nostra città quando siamo a un’ora da milano e da Bologna e da orio al serio. I cinesi, tanto per capirci, avrebbero cementificato su un’area immensa con un impatto ambientale enorme.

    • 15 Febbraio 2015 in 10:36
      Permalink

      1) Sei fai l’ospedale pediatrico e lo pubbliccizzi come vanto stai all’occhio che si chiama PUBBLICITÀ.
      Fatta in maniera intelligente e generosa,ma moralmente assai risibile.
      2) Rifatti la storia della città da Ubaldi in poi Barilla, rosi, Pizzarotti….se capisci quello che hanno fatto ti metti le mani nei capelli.

  • 15 Febbraio 2015 in 08:14
    Permalink

    E di Alborghetti nessuna notizia?

  • 15 Febbraio 2015 in 08:18
    Permalink

    “E il suo riconoscimento della mia onestà intellettuale è per me motivo di orgoglio ”

    A questa gli faccio una bella foto.

    L’hanno mollato tutti il leo perchè ha messo in ginocchio la società, lei è solo perchè rancoroso ed invidioso e meglio che niente state insieme adesso.

    A questa gli faccio una bella foto, quando il Leo sarà indagato o in carcere, e lei a fare la fame perchè si dovrà sostenere commentando delle partite di serie D ci spiegherà dove sta l’onestà di Leonardi.

    Ma se lo ricorda quando raccontava che era tutto a posto? quando l’europa league l’avevsamo mancata per un’ingiustizia?

    Lei è in malafede per avere qualche scoop, Leonardi come tutti noi può sbagliare ma prendere in giro davanti alle telecamere tutta la città sbattendo i pugni sul tavolo no.

    La cosa peggiore che avrà fatto sarà aver portato qui uno senza soldi che starà incollato alla sedia di presidente del Parma finchè non lo rimuoveranno i carabinieri e secondo me si dovranno portare anche le carabine.

    • 15 Febbraio 2015 in 09:08
      Permalink

      testina di cazzo, leonardi è stato capace di riconoscere la mia onestà intellettuale dopo sei anni che sono stato la sua spina nel fianco
      mentre tu sei peggio di lui perché dopo avergli leccato il culo per sei anni ora gli volti le spalle dopo che è caduto in disgrazia.
      intanto che io venivo aggredito perché un rompiscatole o un nemico del parma tu da che parte stavi. come cazzo ti permetti di venire a fare la morale a me che sono stato l’unico a dire le cose come stavano qquando non era certo comodo farlo?
      in cambio di scoop? le notizie ce le ho sempre avute e non certo grazie a leonardi né ora né prima.

  • 15 Febbraio 2015 in 08:42
    Permalink

    Notizie di Alborghetti?

  • 15 Febbraio 2015 in 08:50
    Permalink

    Ci voleva quello che pensa che l’aeroporto a Parma non serve….va beh. Volevo dire Direttore che comunque Manenti sarà anche un Taçi 2 ma la faccia c’è la sta mettendo (forse troppo…perchè se non dovessero arrivare i soldi la figura di merda sarebbe colossale).

  • 15 Febbraio 2015 in 09:54
    Permalink

    Buona domenica direttore. Ieri pensavo alle dichiarazioni ultime di manenti. Prendendole per buone, quando dice “lunedi i bonifici, tempi tecnici permettendo”, secondo me, vuole far intendere che ci sono in atto triangolazioni per far arrivare il grano. La preoccupazione è che sia un suo intento farci credere che sia così, ma lunedi, o il 18 o il 22 nulla arriverà.

    • 15 Febbraio 2015 in 10:01
      Permalink

      fare certe triangolazioni indubbiamente è complesso, anche se comprendo le perplessità fisiologiche al cospetto di un personaggio così stravagante e dal passato che fa poco sperare.
      comunque è inutile scervellarsi a far previsioni. aspettiamo e vediamo. male che vada sarà fallimento per la gioia di tutti i catartici
      cordialmente
      gmajo

  • 15 Febbraio 2015 in 10:04
    Permalink

    Soltanto per ringraziarla per la pazienza di rispondere ogni volta. Non è da tutti.

    • 15 Febbraio 2015 in 11:01
      Permalink

      grazie. purtroppo non sempre riesco a dare udienza proprio a tutti e magari succede che qualche richiesta non riesca ad evaderla, nonostante la buona vovolontà. resta lo spiacevole fatto che purtroppo ogni tanto capita qualcuno che abusi di questo spazio per venir qui a gettarmi fango addosso. gente, poi, che si si permette di darmi del livoroso. roba da matti. è evidente che io sono aperto al dialogo anche con chi non la pensa come me e peraltro mi piace confrontarmi; diverso il discorso per i partigiani prevenuti e in mala fede ai quali sono costretto a rispondere in modo maleducato per adeguarmi e farmi capire
      cosa per la quale mi scuso con gli altri utenti. penso che sia abbastanza risibile che chi per anni ha fatto lingua in bocca con leonardi, intanto che io ero l’unico a fargli le pulci, passando per nemico del parma, adesso venga qui ad accusarmi di parteggiare per il plenipotenziario in cambio di scoop. accuse infamanti e infondate. io sono un uomo libero che dicr la sua senza condizionamenti. non mi piacciono i linciaggi e le partigianerie, i muro contro muro.
      cordialmente
      gmajo

      • 15 Febbraio 2015 in 14:01
        Permalink

        Ti do’ pienamente ragione e reagire a certi comportamenti è più che lecito. ..quando ci vuole ci vuole! Sono offensivi anche nei confronti di chi ti legge con fiducia. A qualcuno rode perché ci avevi visto lungo su Ghiro e Leo mentre loro si genuflettevano e li incensavano. Personalmente non li ho mai ”goduti” e meno male che c’eri tu Majo come campana dissonante dalle altre, sennò gli ”scettici” come me si sarebbe sentiti come dei predicatori nel deserto… Buona trasferta e speriamo bene! 🙂

  • 15 Febbraio 2015 in 10:27
    Permalink

    Complimenti al dott marotta per la dettagliata analisi sui bilanci .

    Tuttavia volevo sapere lumi sui compensi che si sono dati gli amministratori negli ultimi due esercizi …..visto che non sono dettagli secondari soprattutto se si andra’ (ahime) verso una soluzione traumatica della vicenda

    Grazie in anticipo per la risposta

  • 15 Febbraio 2015 in 10:27
    Permalink

    Mi permetto di insistere: ” ma Alborghetti che sembrerebbe il più affidabile del combriccola è scomparso?”
    Saluti

    • 15 Febbraio 2015 in 10:39
      Permalink

      non ho idea dei suoi movimenti odierni. aveva preannunciato la sua presenza, vedremo se si gareggerà oggi. ieri non era sul treno alta velocità che ha portato la comitiva nella capitale.
      circa la sua affidabilità non è che ci siano molti elementi per giudicare razionalmente. il fatto che abbia rimarcato il suo incarico a tempo è indubbiamente un po’ iinquietante. dico la verità: dall’intervista telefonica che gli feci ne ricavai una impressione decisamente migliore rispetto alla conferenza stampa, durante la quale mi ha deluso. conferenza che mi risulta abbia spinto tantissimo per farla in quella data pur con l’alto rischio di non mmostrare, come poi sarebbe avvenuto, il famoso bonifico.
      cordialmente
      gmajo

  • 15 Febbraio 2015 in 10:30
    Permalink

    Direttore buongiorno,
    Le chiedo,sarebbe meglio portare i libri in tribunale il 20 di febbraio oppure il 2 di luglio?

  • 15 Febbraio 2015 in 10:38
    Permalink

    no ma dai e’ una situazione gestibile,ce li metta lui i 700 mila euro che devono al comune che magari poi i tagli ai disabili nella scuola a parma magari l’assessore si scanta a trovarli

    • 15 Febbraio 2015 in 10:45
      Permalink

      amico i 700 mila euro che il comune avanza è perché i sindaci e le giunte che si sono succedute facevano lingua in bocca con ghirardi e leonardi. non so cosa ne possa pensare la corte dei conti. inoltre ricordo perfettamente che il ghiro è inquisito in public money… ma i nuovi hanno proseguito il consociativismo dei vecchi coi vertici del parma come i.predecessori, alla faccia del nuovo che avanza e della trasparenza benedicendo i rimedi proposti dagli stessi malati da energy fino a taci.
      saluti
      gmajo

      • 15 Febbraio 2015 in 11:30
        Permalink

        aggiungiamo però anche le opposizione nelle amministrazione precedenti che ora fanno le belle e pulite nei talk show con il solo scopo di fare vedere la loro faccia in previsioni di future elezioni, eppure io non ricordo nessunissima opposizione che chiedeva lumi ai sidaci passati circa i crediti che il comune vantava sul Parma. Non solo in passato (e forse anche ora) i consiglieri andavano allo stadio con l’abbonamento in tribuna datogli dal Parma. Non è per buttarla in politica ma per fare un quadro più chiaro della situazione che rispecchia un modus operandis della città

        • 15 Febbraio 2015 in 11:35
          Permalink

          indubbiamente, anche se gli interventi
          sia pure tardivi io li reputo doverosi e non li leggo come speculazione politica anche perché le elezioni sono ancora lontane e questi luoghi comuni li reputo stucchevoli.
          cordialmente
          gmajo

  • 15 Febbraio 2015 in 10:55
    Permalink

    Il Direttore ha sempre detto le cose come stavano anche quando era scomodo, comportandosi sempre da giornalista serio e anche tifoso che ha a cuore le sorti del Parma. Anche ora sarebbe stato troppo facile infierire (tra l’altro sarebbe stato forse l’unico giornalista con piu’ titolo nel farlo avendo sempre detto la sua opinione nel bene e nel male) ed ha continuato ad essere obiettivo come al solito. Mi ha fatto personalmente molto piacere sentire Leonardi riconoscere al Direttore un comportamento coerente.

    • 15 Febbraio 2015 in 11:16
      Permalink

      grazie. è proprio lì il discorso. ma le folle sembra preferiscano i giustizialisti e pazienza se questi capopopolo siano dei saltimbanchi che prima si erano tatuati le facce dei loro idoli di cui poi hanno abbattuto i simulacri o penne importanti che si facevano dettare al telefono gli articoli o gli interventi.
      io non sono solo (che poi sia solo
      peraltro, è tutto da vedere) perché sono livoroso come insinuato da quel tipo che ha scritto stamani di buon mattino: se lo sono è perché non dico al tifoso quello che vorrebbe sentirsi dire. mi spiace, ma io dico quello che penso e spiego diffusamente il mio ragionamento. evidentemente mi posso anche sbagliando sbagliare, ma c’è sempre buona fede o quella onestà intellettuale che sei anni dopo mi ha riconosciuto leonardi
      cosa che mi ha fatto piacere.
      cordialmente
      gmajo

  • 15 Febbraio 2015 in 11:00
    Permalink

    quindi e’ gestibile ,li tira fuori lui che non si augura che il parma fallisca,li vada a recuperare sugli acquisti di sticazzi berardocco etc etc e magari si tagli la scorta di ex ultra’ naples

    • 15 Febbraio 2015 in 11:05
      Permalink

      sul fatto che il parma sia gestibile io ho scritto nei commenti e detto a leonardi direttamente durante la conferenza che non mi trovo d’accordo con lui e la sua gestione tutt’altro che virtuosa. è vero che basterebbe poco per tirare avanti come prima, ma il punto è che lo schema di prima non va bene. e mentre voi lo acclamavate io ero l’unico che gli rompeva o coglioni cercando di farvi aprire gli occhi.
      saluti
      gmajo

  • 15 Febbraio 2015 in 11:17
    Permalink

    basterebbe che rinunciasse agli emolumenti come cassano,poi vado io dall’assessore a dirgli dove trovare i soldi

    • 15 Febbraio 2015 in 11:31
      Permalink

      rinunciare gli emolumenti come cassano? penso sia bene si sappia che fantantonio ha rinunziato agli emolumenti che avrebbe incassato se fosse rimasto, ma il pregresso se li fa dare tutti, mica ci ha rinunziato…

      • 15 Febbraio 2015 in 12:04
        Permalink

        hai detto poco,meglio quelli che son rimasti a pontificare fra i traditori

  • 15 Febbraio 2015 in 11:28
    Permalink

    majo detto di alborghettI, come si spiega il fatto cge pure lui che da più parti è definito come un serio progressionista, pure lui ci ha messo la faccia garantendo x Manenti?perché so è messo in gioco se veramente questo è a serio rischio mitomania?non capisco…Uno prima di metterci la faccia dovrebbe assicurarsi di non fare figure di merda

  • 15 Febbraio 2015 in 12:02
    Permalink

    chiedo scusa ma io non ho ancora capito se i soldi che spettano al parma per la classifica dello scorso anno sono gia stati percepiti
    ricordo di aver letto un po di tempo fa che questo giro di stipendi sarebbe stato coperto appunto dall’arrivo di quelle somme…

  • 15 Febbraio 2015 in 13:19
    Permalink

    Direttore buongiorno,
    il Mapi-Fashion di Manenti inizia a farmi perdere il sonno, ma a lui penseremo domani! Mi sembrava invece piuttosto ficcante la domanda di chi chiedeva lumi sui compensi che si sono dati gli amministratori negli ultimi due esercizi ….
    chi sa rispondere?

  • 15 Febbraio 2015 in 14:04
    Permalink

    Comprendo benissimo che l’accoppiata Zanetti-Dallara sarebbe il massimo ma distruggere tutto e tutti con un fallimento proprio non mi ca giu’.
    Dal punto di vista economico il Direttore ha gia’ spiegato chiaramente che a rimetterci sarebbero purtroppo gli ultimi della classe e dal punto si vista sportivo disperderemmo un valore inestimabile… rappresentato dai giovani e giovanissimi bravi che abbiamo nel settore giovanile i cui procuratori li porterebbero in bocca agli avvoltoi che numerosi gia’ volteggiano su Collecchio

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI