LA FINE DEL MULINO BIANCO / DONADONI: “NON C’E’ COSA PEGGIORE DI PROVARE PIETA’ PER QUALCUNO CHE POI TI RENDI CONTO CHE STA FACENDO GIOCO SPORCO. QUESTO E’ VERAMENTE BRUTTO”

IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI ROBERTO DONADONI DEL 07.02.2015, upload by COMeSER TECHNOLOGY

(gmajo) – C’era una volta il Mulino Bianco, nel quale all’aziendalista Roberto Donadoni andava tutto bene, poiché le scelte erano tutte condivise, refrain che abbiamo ascoltato decine di volte, e fino a non molto tempo fa, quando nel tentativo di proteggere Rezart Taci aveva accusato il collega di Tv Parma Alberto Rugolotto di fare del chiacchiericcio solo perché gli aveva chiesto di specificare a chi alludesse quando parlava di presidente. Le cose sono parecchio cambiate oggi, addì 7 febbraio 2015, vigilia del mio 51° compleanno (cosa che non c’entra niente, ma si sa mai che qualcuno voglia farmi gli auguri) allorquando ha picconato come il compianto presidente Cossiga, senza spiegare bene lì per lì i destinatari della propria geremiade, utilizzando espressioni quasi hard considerando la bocca da cui sono uscite (“presa per il sedere”), o una amara ironia (“falso in bilancio”, mentre rispondeva a una mia domanda sul luogo comune del “campionato falsato”) nei confronti di persone “per le quali prova pena” nonostante la rabbia derivante dal farro che queste in faccia gli dicessero una cosa e, a suo dire, alle spalle un’altra. Interpellato telefonicamente da StadioTardini.it, il mister ha poi specificato: “Ce l’ho con tutti quelli che hanno portato il Parma in questa situazione, e siete liberi di interpretare come volete. Leonardi? Indubbiamente, come tutti, ha le sue responsabilità, ma gli va anche riconosciuto che è l’unico che ci sta mettendo del suo per cercare di tirarci fuori da questa situazione e che si sta sbattendo per fare qualcosa e questo gli va riconosciuto. Altri non ne vedo…”. Fatto sta che ora a raccogliere su di sé il malcontento per questa situazione non possono essere gli ultimi arrivati – la Mapi Group, ormai è piuttosto chiaro, al di là della smentita-non smentita di Giampietro Manenti a Repubblica.it (peraltro mi sa che fosse più una risposta privata fornita per educazione che non una dichiarazione virgolettabile, ma tant’è) – che già di loro non è che abbiano una splendida pagella per via dei precedenti tentativi di acquisizione esperiti (Brescia Calcio e Cartiere Pigna) e non andati a buon fine con la classica scena della sposa che scappa dall’altare (anche se non si capisce bene se a scappare fosse il novello marito o la novella moglie…), ma che potrebbero far sognare tutti gli amanti della pista russa, che ci avevano fatto una testa così con i vari Kerimov, Abramovic o la Lukoil, giacché con qualcuno di questi qualche stretto riferimento c’è: ebbene, però, fiaccati da oltre sei mesi di promesse non mantenute, staff e calciatori, per bocca del mister, loro portavoce, hanno confermato la dead line del 16 febbraio, allorquando scatterà la messa in mora, senza concedere ulteriori proroghe appunto perché di infiniti rinvii ne hanno beneficiato altri prima di loro.

Ecco la trascrizione integrale delle frasi salienti di Roberto Donadoni in conferenza stampa

“Credo che ci sia veramente poco da commentare, anche perché ormai come diceva un mio vecchio maestro, ‘abbiamo rimasto’ una settimana di tempo per arrivare al 15 febbraio: e quindi non capisco e non capirei che tipo di senso e di significato possa avere un teatrino che dura una settimana. Quindi credo che tra tutto quello che è successo in questo periodo, fra falsi acquirenti o presunti tali, e l’attualità, ce ne sia veramente abbastanza e credo che sia veramente giunta l’ora di dire basta e fine alla presa in giro.
Mi auguro che chi adesso dice che è subentrato abbia veramente le intenzioni corrette e oneste di fare le cose, perché se no sarebbe veramente l’ennesima presa per il sedere e il colmo dei colmi.
E’ chiaro che lunedì avremo una risposta definitiva a tutto questo, perché se è vero che c’è questo interesse, questa volontà, questa possibilità e se si vuol salvare questa società credo che da lunedì non siano più possibili posticipi, perché altrimenti vorrebbe dire perdere per l’ennesima volta credibilità. E siamo tutti stufi di perdere credibilità e vogliamo solo dei fatti concreti.
C’è stato il periodo di Taci, che poi si è concluso con un nulla, ma io non capisco, onestamente, che senso abbia, da parte di chiunque, di dover intervenire e subentrare ad acquisire una società che ha chiaramente delle difficoltà e poi strada facendo accorgersi che le cose sono diverse: chiaramente se uno prende una società credo che sia abbastanza normale fare tutte le verifiche, e nel momento in cui hai fatto tutte le verifiche di conseguenza poi ti comporti. Non che prima acquisti e poi fai le verifiche del caso: mi sembra veramente una cosa assurda: mi sembra questo un ragionamento abbastanza terra terra. Quindi non vogliamo più avere a che fare con persone che cercano solo, probabilmente, attenzione o visibilità, e che poi, in sostanza, hanno poco, veramente ben poco. Credo che questa sia veramente l’ennesima prova alla quale vogliamo assistere e per la quale non possiamo essere fiduciosi perché quello che si legge (ride amaro, nda) non fa ben sperare, perché si leggono nomi legati ad altre vicende, o a vicende strane o a vicende che poi sono finite nel nulla, a vicende che non hanno portato a nessun tipo di conseguenza positiva e quindi mi auguro che questo non accada per l’ennesima volta, perché questa città, questa gente, non ha bisogno di questo, ma ha bisogno, indubbiamente, di altro. E noi che siamo attori protagonisti di questa cosa, siamo veramente esausti e non vogliamo più sottostare a questo tipo di situazione”.

“Io ieri sera ho avuto modo di parlare al telefono con il dottor Alborghetti cinque minuti e mi ha detto semplicemente di dov’è e che cosa fa. Non ho motivo per pensare a niente di diverso da questo: mi sembra di aver capito che non sarà colui che dovrà intervenire dal punto di vista economico, ma è quello che dovrebbe essere il nostro amministratore delegato, però ripeto, non ho nessun motivo per pensare male di una persona che non conosco, ma quanto prima mi auguro di poterla conoscere e di poterlo valutare”.

“Ormai siamo abbastanza refrattari, perché ogni giorno c’è qualcosa di nuovo. Adesso questa cosa sembra che sia venuta fuori nell’arco di una settimana, dieci giorni. Con la situazione di Taci sembrava che ci volessero dei mesi per riuscire a capire, valutare e interpretare tutta quella che era una situazione societaria; adesso, in dieci giorni, tutto quanto si fa: è chiaro che uno non può che porsi dei quesiti o farsi accendere delle spie. Però non possiamo non essere ottimisti, però è chiaro che non deve essere una cosa che si trascina per dieci giorni o quindici: nel giro di due o tre giorni dobbiamo saperla la verità. In fretta. Perché credo che sia doveroso nei confronti di tutti quanti noi”.

UNDER CONSTRUCTION

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

100 pensieri riguardo “LA FINE DEL MULINO BIANCO / DONADONI: “NON C’E’ COSA PEGGIORE DI PROVARE PIETA’ PER QUALCUNO CHE POI TI RENDI CONTO CHE STA FACENDO GIOCO SPORCO. QUESTO E’ VERAMENTE BRUTTO”

  • 7 Febbraio 2015 in 16:37
    Permalink

    solo 51? cosa fai come le donne che raggiunta una certa età cominciano la conta alla rovescia? 🙂
    a parte gli scherzi tantissimi auguri direttore!!!

    • 7 Febbraio 2015 in 16:43
      Permalink

      Grazie Mille 🙂 Sono 51 e sono già tanti. perché il passaggio tra l’essere il più piccolo di tutti, a uno dei più anziani, è sempre un po’ traumatico…

      • 7 Febbraio 2015 in 16:49
        Permalink

        a chi lo dici…. 😉

          • 7 Febbraio 2015 in 17:01
            Permalink

            Auguri direttore

          • 7 Febbraio 2015 in 17:44
            Permalink

            no direttore ne ho 4 in più di te

          • 7 Febbraio 2015 in 17:50
            Permalink

            meno male… Poi dicono che il web non è roba da vecchietti…

      • 7 Febbraio 2015 in 17:36
        Permalink

        Tanti auguri direttore

          • 7 Febbraio 2015 in 18:44
            Permalink

            li porta bene direttore, meglio di tanti suoi nemici magari più giovani ma meno affidabili!

      • 7 Febbraio 2015 in 18:02
        Permalink

        Auguroni Majo….. da domani potremo contare 51 anelli sul suo tronco……ehmmm volevo dire sul naso…..:-)

      • 7 Febbraio 2015 in 18:02
        Permalink

        In realtà usi gli anta per fare colpo, di la verità
        Auguri

        • 7 Febbraio 2015 in 21:08
          Permalink

          Se vuoi facciamo scambio 🙂

          Cordialmente

          Gmajo

  • 7 Febbraio 2015 in 16:39
    Permalink

    I cronisti del Corriere hanno constatato de visu , e raccontato, contorni espressivi del mondo dello scalatore venuto da Limbiate: un’improbabile sede societaria a Nova Gorika (per metà ufficio, per metà casa dei dipendenti), una moglie in cerca di lavoro, un appartamento in Italia in coabitazione con i genitori che all’occorrenza funge anche da ufficio, uno stile di vita più modesto che sobrio. Le cronache finanziarie e giudiziarie ci hanno abituato ai guasti compiuti da manager dal look impeccabile: rispetto a loro la barba trasandata e il giubbino immutabile di Manenti possono anche fare simpatia.

    Il problema è che, al netto delle autocertificazioni roboanti, di Giampietro Manenti rimangono agli atti: una società di diritto sloveno con 7.500 euro di capitale versato che deve ancora presentare il suo primo bilancio; una società in Italia dedicata al giardinaggio forte di un unico collaboratore; un ordine di carcerazione (sospeso) a causa del mancato pagamento di alimenti all’ex moglie e al figlio quindicenne; una denuncia per estorsione (il pestaggio di un insolvente) risalente al 2004 emersa nelle more di un processo per ‘ndrangheta.

    • 7 Febbraio 2015 in 17:14
      Permalink

      Manenti non è un imprenditore, non ha soldi. Nemmeno mi pare uno a cui affidare un affare del genere, trovo gente più capace ed affidabile nel primo bar che entro. Se c’è lui dietro e sborsa 50 milioni spero anche che spieghi dove li ha trovati

  • 7 Febbraio 2015 in 16:55
    Permalink

    Sembrerebbe un curriculum degno di un futuro presidente di questo Parma.

  • 7 Febbraio 2015 in 17:04
    Permalink

    e se fosse che siamo tutti noi (tifosi del parma) su” scherzi a parte ” ?
    magari alla fine ci faremo 4 risate…

  • 7 Febbraio 2015 in 17:05
    Permalink

    Ti ringrazio per avermi, in qualche modo, citato usando la parola geremiade 🙂 Io credo sia giusto mantenere la data del 16 febbraio in quanto hanno già aspettato troppo sia i giocatori ma soprattutto i dipendenti. Inoltre la nuova proprietà per presentarsi nel modo migliore dovrebbe addirittura anticipare quella data. Volevo poi dire due parole su Donadoni, tralasciando il lato sportivo(ovviamente come tutti gli allenatori ha i suoi difetti e le sue colpe), io credo si sia dimostrato e si stia dimostrando un vero uomo e una grande persona in questa situazione difficile.

    • 7 Febbraio 2015 in 17:11
      Permalink

      Beh: rimane il fatto che una persona del suo spessore poteva intervenire prima, anziché col suo atteggiamento da Mulino Bianco risultare perlomeno involontariamente correo delle situazioni.

  • 7 Febbraio 2015 in 17:20
    Permalink

    ce l’hai cavata anche tu a passare gli anta e vedere ancora il parma in serie a, ,itieniti predisposto…..-)
    auguri calmi & gessati anche da parte mia

  • 7 Febbraio 2015 in 17:22
    Permalink

    ps: per quanto riguarda il mister ripeto quello che dicevo a settembre,e’ grottesco sentirlo ancora parlare nei pre e post partita

  • 7 Febbraio 2015 in 17:23
    Permalink

    Il comportamento di Donadoni presumibilmente è legato ad un linea di condotta secondo la quale un dipendente (benchè non pagato, in questo caso) non alimenta polemiche nei confronti dei vertici aziendali.

    • 7 Febbraio 2015 in 17:25
      Permalink

      Sì, certo, anche il povero Leonardi era un povero dipendente succube del tiranno di Carpenedolo…

  • 7 Febbraio 2015 in 17:26
    Permalink

    Tanti auguri direttore,secondo lei Donadoni si riferiva a Ghirardi?

    • 7 Febbraio 2015 in 17:49
      Permalink

      Dal momento che contattato telefonicamente dopo da noi di stadiotardini.it ha esplicitamente dichiarato che, al di là degli errori, Leonardi è l’unico che si sta sbattendo per qualcosa, non penso che rimangano molte altre scelte, anche se secondo me diverse parti della sua esternazione potevano esser riferite al grande illusore, al di là dei suoi illusionismi…

  • 7 Febbraio 2015 in 17:28
    Permalink

    Ciao Majo da dove arriva il tuo ottimismo, seppure molto cauto, e l’invito a essere pazienti ?
    Non mi dire che tanto con Taci eravamo già falliti e adesso una speranza, anche se piccola, ce l’abbiamo, perché la situazione è la stessa di due mesi fa, con Ghirardi eravamo già falliti e con Taci avremmo potuto avere una speranza.
    Eppure nei suoi confronti sei stato molto critico fin dall’inizio, appunto per i suoi precedenti, perché non dovremmo esserlo adesso con quella che sembra essere una dastraso bis ?
    Continui ad insinuare il dubbio che la cessione del Brescia potrebbe essere saltata per scelta di Corioni e non per l’incostistenza della Mapi group, quando invece tutti gli articoli che stanno saltando fuori raccontano una diversa realtà.
    Oramai sono rassegnata al peggio, ma mi chiedo, tutti questi personaggi, o comparse, non hanno di meglio da fare che mettere in scena questi teatrini di finte acquisizioni ?

    p.s. avete sentito Kodra che ha detto che per salvaguardare la loro immagine è stato meglio lasciare. Sono seriamente convinti di avere fatto una bella figura ?

    • 7 Febbraio 2015 in 17:40
      Permalink

      su kodra stendo un pietoso velo, prima di stendere un pietoso velo sul parma vedo cone va l’estremo tentativo di rianimazione. con taci sono stato critico e i fatti mi han dato ragione, adesso non sono affatto ottimista, ma dato che è l’estremo tentativo per saltarci fuori vediamo come va a finire. capisco la diffidenza per certi versi giustificata
      giustificata, ma questi processi alle intenzioni a buoi da tempo scappati mi fan sorridere.
      gmajo

      • 7 Febbraio 2015 in 18:15
        Permalink

        Secondo lei Manenti è un imprenditore? Lei è in grado di trovare qualcosa che lo dimostri? Taci i soldi li ha, questo Manenti è povero, se lei ha una speranza secondo me qualche informazione ce l’ha, non posso credere che lei ritenga che Manenti in persona sgancia 50 milioni. Il mio in questo caso non è un sentimento da tifoso, il Signor Manenti è povero e non ha mai avuto tutti quei soldi. Speriamo che qualcuno (di onesto) glieli dia.

  • 7 Febbraio 2015 in 17:34
    Permalink

    Auguri…..x la festa di compleanno, è tt predispsto!

  • 7 Febbraio 2015 in 17:35
    Permalink

    Auguri per domani Direttore! Povero Donadoni, povero Parma e poveri tutti noi tifosi che abbiamo dovuto sopportare questa situazione, il Mister mi sembra ora mai anche lui al limite della sopportazione, e ha ragione.. Direttore tutti parlano di lunedì, da Donadoni a Manenti, ma le chiedo lunedì verrà solo svelata l’identità che è ormai chiara o ci saranno altri fatti? Ho letto così tante cose che ormai ho più confusione che altro in testa..

    • 7 Febbraio 2015 in 17:47
      Permalink

      Lunedì dovrebbero arrivare i soldi, nel caso seguirà l’annuncio… (Tutto è predisposto)…

      • 7 Febbraio 2015 in 18:18
        Permalink

        Grazie per il chiarimento, speriamo bene, speriamo ci sia un tutto predisposto differente rispetto alla passata gestione.. pure Palladino sembra più fiducioso..

    • 7 Febbraio 2015 in 18:42
      Permalink

      Gianluca R. i Poveri sono altra cosa !!!!

      La Sopportazoine è Lavorare in Fonderia !!!!

      Ke se va Bene ti Pagono 700 800 FORSE Euro !!!!

      Dopo Magari aver lavorato 10 ore !!!!!

      Altro ke Dona i doni e company bella !!!!

      Altro ke palasport e porte kiuse !!!!!!

  • 7 Febbraio 2015 in 17:36
    Permalink

    Tanti auguri sinceri di compleanno, Gabriele. In attesa di fare una cena assieme in modo da ricordare i vecchi tempi e passare una lieta serata in compagnia.

    Benedetto Dradi

  • 7 Febbraio 2015 in 17:42
    Permalink

    Direttore spero di sbagliarmi, ma da quello che ho trovato su internet su questo Manenti mi sa’ che siamo messi molto male

      • 7 Febbraio 2015 in 18:39
        Permalink

        mi scusi Majo, ma che risposta è? allora, secondo lei, pur di trovare una “soluzione” va bene chiunque? ma dai là! Allora anche il fallimento è una soluzione, anzi credo che in questo momento la migliore e la più onesta!
        Il problema è che non capite che qualcuno (…) sta massacrando il Parma SOLO per salvare se stesso!
        Lei sostiene che Schianchi sia fuori strada quando afferma che la Procura della Repubblica ha acceso un faro sul Parma: può darsi che lei abbia ragione, Majo, ma a questo punto, sinceramente, mi stupirei se, davvero, ciò non fosse ancora accaduto.

        • 7 Febbraio 2015 in 20:50
          Permalink

          E le ipotesi di reato ce le ha lei? O Schianchi? Il quale, se per caso dovesse andare in porto ‘sta roba, poi salirà sul destriero manco fosse Boni…

          Del resto chi definisce giornalistucolo un collega solo per pura invidia non merita nemmeno due parole di considerazione. E poi dovrebbe andare dietro la lavagna per come tratta certi argomenti su cui non è molto ferrato…

          Però, ribadisco: arrivati a lunedì sera con Taci che più o meno fa dire ai suoi uomini che entro poche ore porta i libri in tribunale, penso che il rimedio dell’ultima ora lo si possa anche provare, tanto non sposta di molto, in caso di insuccesso, i termini di tutta l’operazione. E poi, non capisco: solo perché Taci aveva comprato 8che è poi tutto da vedere) due biglietti per i distinti già era diventato un eroe, ‘sto Manenti, invece, lo avete già condannato prima ancora che aprisse bocca… Capisco bene che non abbia delle gran referenze, ma se vuol fare lei il presidente del Parma o qualche suo amico provi a bussare la porta. tanto oggi il Parma costa appena un euro (debiti a parte)…

          Cordialmente

          Gmajo

  • 7 Febbraio 2015 in 17:44
    Permalink

    Cosa c’entra Leonardi ? Fornivo un’interpretazione del comportamento di Donadoni.

  • 7 Febbraio 2015 in 17:45
    Permalink

    21 partite 17 sconfitte,e ancora parla,sei rimasto perche’ nessuno ti ha potuto spedire per ovvi motivi economici,cassano e’ tuo padre !
    sei partito tornando da formello col dire che eravamo la stessa squadra dello scorso anno meno parolo,durante il cammino hai detto che avevi dei giocatori di serie b (dopo le 7 pappine di torino) hai proseguito volendo i rinforzi e te li han presi….e adesa salta fora che qualcuno ha fatto il gioco sporco,ma bravo dai dai che ci arrivi eh se ci arrivi,purtroppo mentre sarai a far la tua professione in qualche parte del mondo io lemme lemme me ne vo a sustinente, ledet ti e ghirerdi

    se volevi bene la parma te ne andavi e rinunciavi al conquibus come han fatto altri…

  • 7 Febbraio 2015 in 17:51
    Permalink

    Mulino bianco? Ma se molti suoi prodotti contengono OLIO DI PALMA? LO SAPETE CHE L’OLIO DI PALMA non fa bene alla salute? A parte questa che può essere considerata una cosa che niente ha a che fare con l’Inferno Parma, basta controllare gl’ingredienti quando si va a fare la spesa. io penso che Donadoni abbia capito che non è su “scherzi a parte” e la nave sta affondando. A questo punto dobbiamo fallire in modo pilotato sperando di tenerci ben stretta la serie B.

    • 7 Febbraio 2015 in 18:09
      Permalink

      Forse non hai ancora capito cos’è il fallimento pilotato e come funziona….. è’ già stato detto e stradetto che non c’è più tempo per questa operazione….. ammesso che la stessa si potesse fare visti i non limpidi bilanci della società

    • 7 Febbraio 2015 in 18:30
      Permalink

      Direttore ti compro tutti i banner pubblicità se banni VELENOSO, davvero commenti sterili che vanno bene per commentare la monnezza e i neri che spacciano sulla gazzetta!
      Per quanto riguarda la nuova proprietà, io sono convinto che Taci abbia mosso l’ultima pedina sulla scacchiera, ovviamente lasciando la patata bollente ad un soggetto che moriva dalla voglia di apparire ed ostentare potere…lunedì vedremo..

      • 7 Febbraio 2015 in 20:59
        Permalink

        Va bene, il “vuoto per pieno” è tuo e io banno velenoso. Ma per il pagamento è tutto predisposto?

        Per quanto riguarda le mosse di Taci, penso che sia rimasto abbastanza sorpreso dell’entrata in scena di Manenti, che magari la GazProm potrebbe ritenere più affidabile di lui, va un po’ a capire. E intanto io mi risparmio la genuflessione. A proposito: poi se dovesse andar bene mi piacerà vedere tutti gli invidiosioni genuflettersi dinnanzi al suo simulacro e salire sul carro…

        Cordialmente

        Gmajo

  • 7 Febbraio 2015 in 17:54
    Permalink

    Bravo Osso Donadoni, hai ritirato furoi la grinta del giocatore che eri. Ti ho visto molto più “vivo” oggi…finalmente!!
    UN po’ tardino eh…purtroppo questo tuo ritardare la grinta è un limite che hai anche spesso da allenatore…però oggi bravo.
    E come uomo, nulla da dire, hai dimostrato in questo mese quanto vali. Tanto.
    E adesso vincere con il Chievo, incazzali tutti, i tuoi giocatori, dai!!

  • 7 Febbraio 2015 in 17:55
    Permalink

    Il Parma deve finire questo maledetto campionato…quindi la Lega farà saltare fuori i soldi e si fallirà a giugno…lo volete capire!!!!!! Majo di chi è che paga i giocatori!!!!!!
    Gabriele basta buttare fumo negli occhi.
    La dedaline è il 16 e il 16 vengono fuori i soldi…se il Parma non finisce il campionato ti immagini i ricorsi delle altre 2 retrocesse e magari l’Inter o la Fiorentina non vanno in Europa per i punti persi col Parma….è già tutto deciso da settembre….

    • 7 Febbraio 2015 in 21:10
      Permalink

      Ma piantala lì con questi complotti da due soldi. La lega non c’entra un cazzo.

      • 7 Febbraio 2015 in 21:23
        Permalink

        Leggi il bilancio e poi altro che ceci….
        Mi fa strano che pensi che tutto ciò abbia una logica…avrai mica preso una stecca da Mamenti??? (Scherzo perché so che 6 permaloso)

  • 7 Febbraio 2015 in 17:56
    Permalink

    Donadoni “non possiamo essere fiduciosi” e “non possiamo non essere ottimisti “…il tutto e il contrario di tutto nello stesso discorso….non ha affatto le idee chiare oppure ha detto quel che pensava e poi ha ritenuto meglio dare un colpo al cerchio oltre che alla botte. E mi sembra un atteggiamento coerente con l atteggiamento che ha avuto finora….

  • 7 Febbraio 2015 in 17:58
    Permalink

    AUGURI DIRETTORE! con lo scoop di ieri allora si è fatto un bel regalo di compleanno 😉 Cmq vada con la nuova società , il suo ottimo lavoro rimane. Saluti

  • 7 Febbraio 2015 in 18:02
    Permalink

    AUGURISSIMI DOTTORE, abbiamo bisogno di liete novelle !

    E Lei – passata la festa odierna – continui a fare il bene del Parma e della città per tanti e tanti “anta” ancora.

    Con le più vive cordialità da chi, come me, La segue sempre nel Suo lavoro con vivo interesse.

  • 7 Febbraio 2015 in 18:06
    Permalink

    In questo post, vorrei soffermarmi sul gatto e la volpe. Ragazzi, detrattori o no, amici e nemici voi forse non lo sapete ma da quello che sento dire in giro questi due si sono incartati in molte operazioni nel Parma calcio. Giordano asseriva che fino a che era rimasto lui i debiti erano 78 milioni. A questo punto c’è qualcuno di voli che mi sa spiegare come in 7 anni, COME MAI GHIRARDI ereditando da Bondi una società sana senza un euro di debiti, prendendo poi giocatori il più delle volte a parametro zero e inoltre con i soldi delle tv, degli sponsor e chi più ne ha e più ne mette, si possa arrivare a 78 milionidi deficit considerando poi che Ghirardi da un po, non paga più nessuno e il precampionato lo faceva a Collecchio per risparmiare.?

  • 7 Febbraio 2015 in 18:07
    Permalink

    #UNITIPERLASALVEZZADISTADIOTARDINI.IT

    Cari Lettori,
    dopo i complimenti e gli auguri ,
    dimostriamo con “azioni” di offerta libera-“popolare” concreta , per il mantenimento….della qualita’ dell’informazione a Parma !( e non mi limito a quella strettamente sportiva pallonara…)
    Majo, quando pubblichera’ un numero di conto per i bonifici ?

    Domanda : Se Rodriguez e Varela hanno accettato la destinazione Parma perche’ garantiva Re Zart…..ora che questi ha abdicato , che ne sara’ di loro ?

    Sinceri auguri,
    Enzo patetico Dallai

    • 7 Febbraio 2015 in 21:06
      Permalink

      Quello è un bel mistero…

      Grazie mille per la “promozione” al sito…+

      Cordialmente

      Gmajo

  • 7 Febbraio 2015 in 18:07
    Permalink

    Quindi direttore è stato riferito direttame a Donadoni che lunedì potrebbero arrivare i soldi?in conferenza la fatto capire chiaramente…. Tanti auguri direttore lei sa che io la seguo anni

    • 7 Febbraio 2015 in 21:05
      Permalink

      Grazie mille. A seguire c’è stato anche l’incontro squadra-Manenti sicché le rassicurazioni non sono mancate. Ma di quelle erano prodighi anche in predecessori…

  • 7 Febbraio 2015 in 18:16
    Permalink

    Donadoni in quest’anno ha fatto una metamorfosi professionale che credo lo porterà a fare un salto di qualità come allenatore.
    Di fatto da 6 mesi a Parma c’è solo lui come unica certezza.
    Già nelle ultime interviste mandava segnali in codice, ora finalmente è uscito allo scoperto e sta mettendo rabbia.
    Questa conferenza stampa è molto utile per capire anche quella che è stata la situazione in questi mesi, la mia opinione è che molte di queste frasi e accuse siano rivolte a Ghirardi.
    Sono anche d’accordo con lui quando dice che questo caso deve fare scuola per impedire che possano riaccadere situazioni simili.
    Peccato solo che tiri fuori ora questa grinta, ma visto mai che sia finita la nuvola di sfiga colossale che circonda Parma con una nuova società che ridà fiducia e magari investe pure su giocatori svincolati si potrebbe ripensare a costruire qualcosa di buono. Le premesse però non ci sono…Ma anche i fiori sbocciano sul letame quindi mai dire mai.

  • 7 Febbraio 2015 in 18:29
    Permalink

    Direttore sono già arrivati i soldi? Perché Palladino ha twittato “finalmente buone notizie”, e mi sembrerebbe prematuro esporsi così solo x l’ennesima promessa

    • 7 Febbraio 2015 in 20:59
      Permalink

      L’impressione di Palladino, come poi ho raccontato nell’articolo, mi pare condivisa. vabbé che lo spogliatoio ne aveva bevute…

  • 7 Febbraio 2015 in 18:33
    Permalink

    ma te quando scrivi ne sei consapevole ? ancora co sto fallimento pilotato,lo so che va di moda, pero’ bisogna capire quello di cui si sta parlando.non e’ che basta dire fallimento pilotato (che e’ un neologismo da finanza creativa) e ti ritrovi in b,
    se non cacci fuori i soldi ti pilotano in terza categoria spaiot

  • 7 Febbraio 2015 in 18:35
    Permalink

    e se lunedi arrivassero i soldi tutti a spellarsi le mani x Manenti e la Mapi group vero?ma dai la diamoci un taglio…tutti esperti di economia e finanza adesso..l unico che mi ha stupito Majo è lei che dice che nokn è ottimista…aiai..Comunque colgo l occasione x farle i migliori auguri..continui così che è il migliore sicuramente a Parma!

    • 7 Febbraio 2015 in 20:56
      Permalink

      Io cerco di essere realista e obiettivo che è poi la mia ricetta di sempre. In questa trattoria tradizionale il menù sempre quello è…

      E il mio realismo mi induce a pensarla come Radio Spogliatoio: e cioè siamo già morti, vediamo se capita il miracolo. Non capita: beh amen, tanto non è che la cosa cambi molto rispetto a quando era Taci ad avere il Parma in mano.

      Ciò non toglie che gli interrogativi di sempre non debbono finire nel dimenticatoio, ma il primo step è che ci mettano il grano.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 7 Febbraio 2015 in 18:36
    Permalink

    Buongiorno direttore e tanti auguri…sono un tifoso gialloblù e sono di Torino..attraverso questo sito riesco a respirare un po’ dell’aria che tira da quelle parti e sentirmi meno solo nella mia ormai triste fede crociata…

    Devo dire che sono piuttosto basito, sono abbastanza convinto che ci sia qualcosa che nessuno dice dietro tutta la vicenda, credo poco a chi illude i disperati decantando i vari balotelli per poi cedere un Pozzi per 1000 euro…insomma se volevano salvaguardare qualcosa..non era il Parma…

    Tuttavia sono molto deluso dal comportamento di Ghirardi, non me la sono sentita di buttare via soldi e per questo non ho pagato stipendi??? Ma bello mio i contratti vanno onorati fintanto che sei presidente…dopodiché grazie e arrivederci! Questo comportamento come può passare in secondo piano rispetto all’ammutinamento di fantantonio?!? Sarebbe da portare i dipendenti a prendere a schiaffi il bresciano! Altroché!

    Tornando a Donadoni…io credo che comunque vada, nonostante il suo ciclo sarebbe a mio parere dovuto terminare a giugno scorso…lui si stia comportando da vero professionista e uomo spogliatoio, nessuno più lui merita rispetto in questa situazione..e mi piacerebbe tanto che restasse in organigramma in un altro ruolo…

    Piuttosto ho letto che kodra conferma la pista slovena… E la domanda che mi faccio è… Ma sti signori i soldi li hanno? E se li hanno lo vengono a raccontare a noi? Ok ci si rende conto subito se pagano gli stipendi…ma sentivo parlare di 30 mln poi 50, Giordano ha sparato un 78 che forse è il pullman che prende il mattino…insomma l’impressione è che tanto ognuno racconta la sua, e l’unico desiderio che avrei a sto punto è non vedere scomparire quella crociata dai campi di calcio… Essere fiduciosi è un obbligo a questo punto, la b è quasi scontata, ma affrontata con cerri mauri haraslin capitan Lucarelli gobbi ecc non sarebbe male..

    Intanto nevica..e le tracce del petroillusionista svaniscono…e io…qui in mezzo a gobbi e granata…speriamo che me la cavo…

    Romanticamente crociato
    Luca

    • 7 Febbraio 2015 in 20:54
      Permalink

      Grazie per la sua bella testimonianza di tifo. Purtroppo grosse rassicurazioni non posso dargliele, se non tenere vivo un filo di speranza. Del resto eravamo già inumati e forse costoro provocano l’effetto Lazzaro…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 7 Febbraio 2015 in 18:57
    Permalink

    Direttore sappiamo tutti che la Mapi è una scatola vuota… lei pensa che ci possa essere la Gazprom dietro? E se così fosse potrebbe figurare direttamente nonostante l’embargo della Ue verso la Russia?

    • 7 Febbraio 2015 in 20:43
      Permalink

      Secondo me non apparirà direttamente. già dubito che presieda direttamente Manenti. Comunque se la GazProm dovesse foraggiare Manenti e questi il Parma tanto meglio… Però, come direbbe Donadoni, a chiacchiere siamo tutti buoni. A fatti…

  • 7 Febbraio 2015 in 19:41
    Permalink

    Ghirardi cacca
    Taci cacca
    Manenti?

  • 7 Febbraio 2015 in 19:47
    Permalink

    Tanti auguri direttore a lei e sopratutto al suo naso!

  • 7 Febbraio 2015 in 20:12
    Permalink

    Tempo fa Donadoni diese che bisognava ringraziare il Ghiro per quel che ha fatto per il Parma…possibile che non si siano accorti che il Ghiro non riusciva nemeno a esultare naturalmente quando segnava il Parma…..comunque sia, Donadoni merita rispetto come persona. Chapeau!

  • 7 Febbraio 2015 in 20:21
    Permalink

    Majo rispondi a questa semplice domanda matematica checche’ ne dica gustavo la lingua non mi lavo.

    si parlava di bagni di sangue di codice di procedura penale nel caso di fallimento della vecchia societa’ cioe’ della societa’ cedente…..quindi chi paga adesso la DASTRASO ?

    ci stai arrivando ? boia di un dunadun anca ti 🙂

    • 7 Febbraio 2015 in 20:41
      Permalink

      Voi siete troppo complottisti: io ho seguito la vicenda per mesi passo passo e vi posso garantire che c’è una incredibile casualità nello svolgimento dei fatti. Fino a domenica sera il rischio fallimento era ormai inevitabile, poi per una serie di fortuite casualità, è apparsa questa via di uscita. Sarà quella buona? Non lo so. Se no il bagno di sangue è sempre in agguato con le inevitabili conseguenze per chi si è sbattuto fino all’ultimo per trovare una soluzione e per chi, pur essendone una delle principali cause, non aveva di meglio da fare che tampinare i giornalisti per farsi invitare in tv o scrivere articoli sui giornali che raccontassero la sua verità e farsi fotografare mentre brindava…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 7 Febbraio 2015 in 21:40
        Permalink

        quindi dico bene che paga la dastraso ,bravi andate a prendere i soldi a cipro adesso coglionazzi !

        • 7 Febbraio 2015 in 21:46
          Permalink

          ma che cavolo c’entra la dastraso adesso? ti sei perso dei pezzi della storia…

          • 8 Febbraio 2015 in 09:21
            Permalink

            ah non c’entra niente,per 40 giorni una banda di albanesi si e’ impossessata del parma calcio lo ha rivoltato come un guanto sperando di trovare chissa’ cosa,poi ha ceduto ad un noto millantatore,dimmi te dove cazzo riusciranno a trovare i soldi i curatori fallimentari..a cipro ? o ci sei o ci fai

          • 8 Febbraio 2015 in 09:35
            Permalink

            cioè secondo te la banda di albanesi è sparita con dei soldi? ma non sparare cazzate dai…
            le quote di eventi con tutto il suo contenuto sono passate da dastraso a manenti. altri poliziotteschi sono nella tua fantasiosa mente.
            saluti
            gmajo

  • 7 Febbraio 2015 in 20:23
    Permalink

    auguri majo ….. Donadoni secondo me ha tenuto la baracca in piedi da solo lo spogliatoio e’ l unico su cui si aggrappava ormai …..mi sembra giusto che adesso sia stanco anche lui ( che e’ stato anche offeso da cassano e deriso )per me indipendentemente dagli errori da tecnico come uomo ha fatto bene lui i panni sporchi e’ abituato a lavarli in famiglia per cui non e’ escluso che le sue cose a chi di dovere le abbia dette anche prima ……ma esternamente difendeva i vari attori che giravano attorno al parma per il programma scherzi a parte , adesso game over questo manenti o come si chiama porta i soldi o se ne vada subito fuori dalle balle….che la citta’ d questa gente non ne ha necessita’

  • 7 Febbraio 2015 in 20:47
    Permalink

    Majo tanti auguri.Pensa che coincidenza io gli anni li compio lunedì 9.Auguri di nuovo.

  • 8 Febbraio 2015 in 00:14
    Permalink

    Auguri Direttore! Grande acquario. Io li compio l’11. Auguri anche a Velenoso.

    • 8 Febbraio 2015 in 00:35
      Permalink

      Grazie mille… Tra l’altro anche questo nuovo Parma potrebbe essere rinato sotto il segno dell’Acquario…

  • 8 Febbraio 2015 in 01:58
    Permalink

    Speriamo sia di buon auspicio questa rinascita sotto l’acquario, che personalmente e’ un segno che amo molto per motivi di famiglia. ..segno che, ho imparato, dona intelligenza,sensibilità e e cuore in ciò che si fa. Saluti direttore e di nuovo auguri ora che il giorno è quello giusto 🙂

  • 8 Febbraio 2015 in 10:52
    Permalink

    Auguri Majo.

  • 8 Febbraio 2015 in 11:06
    Permalink

    Majo brutte notizie. Manenti non è affidabile. E’ UN COLOSSALE BLUFF Un albergatore di Salso mi ha detto che quest’estate questo Manenti voleva acquistare il suo Albergo a Salsomaggiore,l’Hotel Cristallo ma poi tutto è andato in fumo e in fuga per….mancanza di soldi, Vedrai che non arriverà nemmeno un euro.MA CHI E’ IL RESPONSABILE DI QUESTA PAGLIACCIATA?

    • 8 Febbraio 2015 in 11:43
      Permalink

      nn eri tu ieri a dispensare ottimismo? ti sei schianchizzato…

      • 8 Febbraio 2015 in 13:16
        Permalink

        Ieri ero certo che tutto sarebbe finito bene poi in seguito a una telefonata casuale che mi è stata fatta, ho scoperto indagando che tutto molto probabilmente è un bluff. DI MITOMANI ORMAI E’ PIENA L’ITALIA. Spero ovviamente di sbagliarmi ma l’attesa è breve, se venerdì non arriveranno i soldi, non arriveranno nemmeno lunedì. QUESTO E’ POCO MA SICURO.

  • 8 Febbraio 2015 in 15:56
    Permalink

    Alborghetti dice: questi hanno i soldi.. ahahah

  • 9 Febbraio 2015 in 11:38
    Permalink

    I soldi di Manenti “ci sono” SOLO CHE SONO FERMI ALLA FRONTIERA…….

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI