Gabriele Majo

Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

38 pensieri riguardo “LA MAPI-VASCA CON AGGRESSIONE DA VIA REPUBBLICA IN VIALE MENTANA DEL PRESIDENTE MANENTI ASSEDIATO DA GIORNALISTI E TIFOSI (video integrale)

  • 28 Febbraio 2015 in 02:06
    Permalink

    Povero Cristo.

  • 28 Febbraio 2015 in 02:16
    Permalink

    Nel vedere e sentire queste immagini ho provato solo una grandissima pena e tristezza per l’uomo, sinceramente. Sarà forse anche un folle, un mitomane, un parassita, ma non credo si meriti tutto questo. Perché giornalisti e tifosi non si vanno a fare i chilometri in questa maniera dietro Ghirardi, Leonardi e Taci!? Per non parlare di quel COGLIONE che di fianco a lui con un microfono in mano gli da del “paraculo”, del “latitante” che gli chiede se crede in Dio…

  • 28 Febbraio 2015 in 02:27
    Permalink

    Povero disgraziato… e con la madre malata…

  • 28 Febbraio 2015 in 02:54
    Permalink

    Io sono 2 ore che rido a vedere nel video quando gli chiedono…crede in dio? no….crede al calcio senza soldi?…si…..TROPPO MITICO AHAHAHAH
    Anche voi credete nel calcio senza soldi?

  • 28 Febbraio 2015 in 03:15
    Permalink

    A me un po fa pena, pero’ non capisco perche’ lo fa ? Non e’ stato obbligato da un medico. Penso direttore che sia stato messo li per coprire qualcuno su questo non c’e’ dubbio! Bisogna convincerlo a portare I libri in tribunale questa e’ l’unica strada . Dopo manette e insulti a Ghirardi e Leonardi senza’ pieta’ .

    • 28 Febbraio 2015 in 08:51
      Permalink

      Io sono contrario ai moti di piazza e alle leggende metropolitane. Alla base dell’incivile linciaggio di ieri ci stanno anche l’ignoranza e la prevenzione Basate su convinzioni alimentate da una stampa di solito dormiente ma assai attiva nel distruggere il nemico manenti, il quale, e lo dico in base a elementi parziali fin che si vuole, ma di mia conoscenza diretta, non è stato affatto messo lì da ghirardi, il quale anzi è piuttosto incazzato per questa svolta che gli ha guastato i piani.
      Saluti
      Gmajo

      • 28 Febbraio 2015 in 09:23
        Permalink

        Se lei ha elementi anche parziali io le credo ma, sinceramente faccio fatica nel capire come Manenti sia disposto a subire tutto questo? Penso che chiunque altro dopo quello che gli e’ successo ieri ,stamattina avrebbe preso i Iibri li portava in tribunal e salutava tutti. Logico che sta paganto piu’ del dovuto per quando riguarda gli insulti ma un po con la sua testardaggine se li pure cerca. Detto questo sono curioso di sapere come la pensa in merito a quello che ho appena scritto. Grazie.

  • 28 Febbraio 2015 in 05:02
    Permalink

    All’inizio del video ho riso ma alla fine ho anche pianto per una situazione oltremodo grottesca mai vista a Parma forse il riflesso di un etica in piena decadenza nel nostro mondo ..i nostri tifosi quelli che si spendono di più per il Parma hanno ragione e mi spiace tantissimo a vederli così spero comunque davvero che nessuno di loro arrivi a gesta violente verso alcuno ( manenti o altri che siano) perchè so che la nostra tifoseria è brava gente che non si meritrebbe ulteriore sofferenza commettendo “falli di reazione” che verrebbero pagati salatamente sia in senso sportivo che in senso penale… vi ricordate faustino asprilla che in campo era sempre menato di brutto ed al minimo “fallo di reazione” la pagava lui…lui veniva espulso e i difensori che lo pestavano ( juve milan napoli ecc) restavano sempre in campo..ecco una cosa simile potrebbe capitare anche i nostri tifosi se qualcuno “eccedesse”…ha ragione Molossi Manenti è un MITOMANE e come tale va trattato per cui come non andremmo mai a prendere a schiaffi uno psicotico in una struttura psichaitrica nessuno di noi dovrà mai prendersela direttamente con questo personaggio ma soltanto cercare di neutralizzarlo e renderlo inattivo ed inefficace il prima possibile in quanto persona anaffettiva,megalomane e socialmente pericolosa…sarebbe auspicabile davvero un TSO se solo fosse possibile.Pizzarotti ha fatto bene a prendere le distanze da lui e non vedo cosa avrebbe potuto fare di più e di meglio sino ad oggi .Comunque stiano le cose auguro di cuore al Sig.Manenti tutto il bene possibile per sua mamma perchè so cosa vuol dire avere la propria madre in ospedale e quanto siano duri quei momenti da vivere e gestire.Non sottovalutiamo anche quest’ultimo aspetto.Forza Parma forever…

    • 28 Febbraio 2015 in 09:00
      Permalink

      E’ quello che penso anch’io: questo è un caso clinico e i malati vanno curati, non menati. E’ ora che intervenga la Procura che ha gli strumenti per fermare questo povero demente. Tutto vero quello che dicono in tanti: il responsabile di tutta questa storiaccia è Ghirardi (e Leonardi), questo è vero, non abbiamo l’anello al naso, lo sappiamo pure noi. Ma non è neppure giusto lasciare che un povero malato (che, incredibilmente, è lì perchè ha investito un euro in un’operazione che mai e poi mai avrebbe potuto gestire) si prenda gioco di una città intera e, soprattutto, regali insensate speranze a chi è in stato di estrema necessità (i dipendenti). Non è giusto neppure questo. Guardia di Finanza e Procura posson fermare questo scempio, dice di avere un tesoro che non riesce a far entrare in Italia? Bene, se così fosse (ma non lo è, visto che quesi soldi non esistono) significherebbe che quei soldi non sono sporchi, di più! E allora la GdF dovrebbe chiedergliene conto, indagare. Da cittadino non mi sta bene che un tizio stia tentando di far entrare soldi sporchi in Italia senza che nessuno fiati. E’ ora che questo bluff sia smascherato.

    • 28 Febbraio 2015 in 09:03
      Permalink

      Si, anch’io ho provato imbarazzo…tutto penoso…pure quei giornalisti pero’…con quelle domandine in mezzo al caos…ma cos’e’ la maniera di fare informazione quella?…Il modo di fare interviste? Cosa si da alla ìinformazione alla comprensione degli avvenimenti in questo modo?…
      Tutto penoso….anche la questura francamente….
      Quell’auto della polizia non poteva caricarlo subito?…cosa cambiava?….
      Tutto penoso….

  • 28 Febbraio 2015 in 09:04
    Permalink

    Onestamente vedere certe cose fa tanto male,soprattutto perché sai che sono gli ultimi scampoli di vita di una passione che ogni giorno muore un po’ di più. Francamente io a quasi un mese dal suo insediamento credo che questo qui sia uno squattrinato mezzo pazzo che non sa o finge di non sapere in che guaio pantagruelico si è cacciato, ma che, in una scala di colpe, viene all’ultimissimo posto. La “vasca della vergogna” di ieri la meritavano invece in pieno Leonardi e soprattutto Ghirardi, veri artefici della morte del Parma. Manenti, non capisco ancora perché, sta però facendo di tutto per gettare benzina sul fuoco in un ambiente pacato finchè si vuole ma ormai del tutto esasperato.

    Saluti

  • 28 Febbraio 2015 in 09:15
    Permalink

    Ma il mapi pagliaccio non penso che a Brescia abbia ricevuto un’accoglienza diversa.
    2 citta’ un unico pensiero.
    Qua la stampa sulla situazione del mapi pagliaccio c’entra poco.
    c’entra piu’ i pacchi che ha tirato e le balle che dice da ANNI …

  • 28 Febbraio 2015 in 09:24
    Permalink

    IO non ci trovo niente di strano negli insulti dei tifosi e nel pressing dei giornalisti! Prima di venire a Parma,sapeva che non aveva margine di manovra per fare chiacchiere! Ha iniziato ad allungare i tempi dal momento della conferenza dove prima parlò di 16 febbraio e per fine conferenza è arrivato al 20 febbraio! E’ un mitomane che pensava di farsi un mese di gloria sulle disgrazie del Parma abusando della disperazione dei dipendenti e dei tifosi! Quando i tifosi stanno in silenzio, ci lamentiamo dell’immobilismo..appena si rivoltano nei limiti del 30% di quello che fanno da altre parti, subito a fare i moralisti e a far passare per vittima Manenti! Non averlo fatto con cicciobello, non significa che d’ora in avanti bisognerà stare sempre zitti per par conditio..anzi è arrivato il momento di non farne passare una e sarei felicissimo che lo stesso trattamento affettuoso, anzi anche molto di più, sia riservato a domicilio all’omino della michelin che ha causato questo ed al suo fido compagno ! Via questo buffone da Parma! ps: Fabris è un genio nel fare interviste..sembra uno delle iene!

  • 28 Febbraio 2015 in 09:34
    Permalink

    Per una volta anche io voglio produrre un commento disordinato ed impulsivo…

    Parma mi sta deludendo. La reazione della piazza a questa vicenda mi stupisce.

    Il Sindaco prende delle distanze da Manenti? Ma è lo stesso Sindaco che faceva comunella con Ghirardi e che ha fatto lingua in bocca con l’albanese?

    Il Sindaco chiude il Tardini? Perché non lo ha chiuso quando era utilizzato dall’INSOLVENTE Ghirardi?

    Cosa cazzo ne sai, caro Sindaco, del Parma? Ti han dovuto spiegare che in caso di pilotato i debiti sportivi pregressi permangono, TU non lo sapevi…però Manenti è da internare, tu invece puoi fare il Sindaco senza sapere un cazzo di ciò che accade intorno a te…perché non dai le dimissioni? Perché Parma dovrebbe liberarsi di Manenti e non di TE che hai gestito questa vicenda, da Ghirardi in poi, con la stessa furbizia di un bambino di due anni?

    Il lavoro dei giornalisti, poi…CHE PIETA’…e che vergogna che proverei, se avessi il tesserino anche io. Provo vergogna per Schianchi…che nel giro di pochi mesi è passato da HO VISTO LE FATTURE SALDATE a MANENTI E’ UNA FIGURA CHE NON OFFRE ALCUNA GARANZIA….tralasciando il fatto che si faceva dettare le notizie dal gatto e la volpe…vergogna anche per MOLOSSI, che prima strizza l’occhiolino a Ghirardi, del quale fa fatica a parlare anche adesso (SARA’ SUDDITANZA PSICOLOGICA?), e ora pretende che qualcuno faccia di Manenti una persona INCAPACE DI INTENDERE E VOLERE. Quando si dice la schiena dritta…che offesa per uno dei giornali più vecchi d’Italia.

    E’ veramente questa la coerenza, diciamo così, che sa esprimere la città di Parma?

    La stampa sta veicolando messaggi parziali…e mi dispiace che stia riuscendo a far presa su una piazza come Parma, che io mi illudevo fosse diversa da quella che sta rivelandosi in questi giorni.

  • 28 Febbraio 2015 in 09:38
    Permalink

    ps: in un commento precedente ho fatto i complimenti a quel ragazzo che fa l’intervista,pensando fosse Fabris… rivendendo il video, forse mi sono sbagliato.. gli somiglia ma mi sembra che Fabris di parmafanzine stesse dietro..mi sono fatto ingannare dalla somiglianza…! allora giro i complimenti a quel ragazzo ..

  • 28 Febbraio 2015 in 09:38
    Permalink

    Il dramma e’ che ci sono famiglie che devono arrivare alla fine del mese e questo idiota ci scherza su.

  • 28 Febbraio 2015 in 09:44
    Permalink

    Caro signor Majo, da neutrale le porto un esempio di come in passato (attorno al 2003) e’ stato gestito un tentativo di acquisto di una grande del calcio italiano del centro Italia (da parte di una societa’ russa, attiva nel campo dell’oil and gas).

    Al tempo lavoravo nello Studio Legale italiano advisor dei russi: in quel caso la stampa non seppe nulla delle trattative, lo avrebbe saputo solo in caso di effettivo acquisto. Si fece la due diligence legale e finanziaria, si valutarono i risultati della stessa (contratti, reale situazione finanziaria, ecc.).
    Preliminarmente i dirigenti della societa’ in vendita vollero conoscere (prima di iniziare le trattative) la solvibilita’ dei russi (anche se in quel caso c’erano pochi dubbi) .

    Alla fine chi doveva acquistare si accorse che vi era una situazione finanziaria peggiore di quella che era stata presentata e non se ne fece nulla.

    Ora, non le sfuggira’ la differenza tra le due situazioni di cui si parla, e stiamo parlando in ogni caso di vicende avvenute in Italia.

    In questo caso un soggetto si e’ presentato con un euro in tasca dal notaio e ha acquistato (a scatola chiusa) una societa’ che tutti sapevano molto indebitata, senza fornire una minima garanzia. Non trova tutto questo piuttosto sospetto?

    Che questo sia servito a Manenti a farsi un po’ di pubblicita’ quasi gratuita (in fondo con un euro si e’ comperato spazi pubblicitari in Italia e all’estero) o a qualcun altro per sbarazzarsi di una situazione divenuta difficile questo potremo forse saperlo in seguito.

    Quel che e’ certo e’ che nessun imprenditore con un cervello funzionante, italiano od estero che sia, acquisterebbe una societa’ ridotta finanziariamente come il Parma.

  • 28 Febbraio 2015 in 10:27
    Permalink

    Pizzarotti dice che Parma non si merita uno come Manenti. Vorrei però sapere allora chi si merita. Ghirardi? Taci? Gli ectoplasmi parmigiani che di soldi ne hanno meno di Manenti?

  • 28 Febbraio 2015 in 10:38
    Permalink

    Unica piccola soddisfazione, in questa incredibile rappresentazione, leggere che la maggioranza dei pur pochi commenti condividono un senso di pietà nei confronti dell’uomo. Per il resto, in dissenso con Lei egregio direttore, mi è difficile pensare che Ghirardi non sia stato burattinaio della fallita operazione Dastraso e forse dopo anche di Mapi. Insomma Manenti mi pare sia stato mandato in campo da Leonardi che con Ghirardi sono le due persone responsabili per questa situazione e quindi le più esposte a quelle che potrebbero essere o meglio quasi sicuramente saranno le chiamate in causa dalla Procura e dal Giudice Fallimentare.

    • 28 Febbraio 2015 in 10:50
      Permalink

      Madonna mia quanto siete de coccio.

      Io sul discorso Ghirardi-Dastraso/Taci non ho elementi per dire come siano effettivamente le cose, anche se resto dell’idea che Ghirardi FOSSE OBBLIGATO (magari per qualche errore di percorso nel passato) A CEDERE A TACI.

      MA SUL DISCORSO MANENTI HO CONOSCENZA DIRETTA, PER GLI ELEMENTI IN MIO POSSESSO, CHE NON E’ GHIRARDI IL MANDANTE. ANZI IL CARO TOM E’ INCAZZATO COME UNA IENA PER QUELLA SVOLTA.

      E SE FOSSE TUTTO UN DISEGNO PREORDINATO, COME PENSANO I SUPERFICIALI (E I PECORONI), SONO CONVINTO CHE LO AVREBBERO MEGLIO ORCHESTRATO.

      Saluti

      Gmajo

      • 28 Febbraio 2015 in 19:27
        Permalink

        L’unica cosa strana è che Taci si sia defilato in un mese senza remore, se davvero Ghirardi ha dovuto vendere il Parma a lui…se taci ci teneva tanto perché andarsene? Se Ghirardi ha buttato soldi in charter, hotel di lusso,Ristoranti stellati,autobus nuovo (magari x tenere buona la squadra e tutto l entourage) aumentando senza senso i debiti , non mi viene difficile credere che di grandi pensate x salvarsi il sedere non ne abbia fatte e sarà di certo incazzato x le indagini che si stanno svolgendo. Se l’è proprio cercata cmq..se avesse venduto ai qatarioti danarosi avrebbe preso due piccioni con una fava. Non ha senso tutto ciò. ..forse si sentiva intoccabile e molto furbo

  • 28 Febbraio 2015 in 11:08
    Permalink

    Un plauso incondizionato all’operatore che ha fatto questo piano sequenza prevalentemente camminando a ritroso. Grande!

    • 28 Febbraio 2015 in 11:13
      Permalink

      E’ la mitica e stupenda Florinda. Grazie a lei e ai colleghi della Rai che hanno messo a disposizione questo interessante documento a StadioTardini.it che lo aveva richiesto.

  • 28 Febbraio 2015 in 11:09
    Permalink

    Non mi è piaciuto per niente il “linciaggio” di cui è stato oggetto ieri Manenti, non mi è piaciuto perché non ho visto le stesse scene quando Kodra usciva tranquillo dallo stadio, inseguito solo da due cronisti, quando a GHIRARDI UNICO COLPEVOLE del fallimento del Parma è stato permesso di cancellare la storia centenaria della nostra squadra.
    Mi fa incazzare pensare Ghirardi che si guarda questa scena su tutti i TG bello, tranquillo e pacioso nella sua villa di Carpenedolo!
    Aveva ragione Manenti quando tra la folla ha detto: “ho fatto io in 10 giorni il buco del Parma”?
    Ha ragione chi in questo spazio commenti ha scritto che nemmeno a Tanzi è stato riservato questo trattamento. Anzi c’è qualcuno che ancora oggi lo ringrazia perché “ha dato da mangiare a delle famiglie”, peccato aver rovinato migliaia di risparmiatori. Stessi discorsi che vengono fatti da chi viene “sfamato” dalla camorra e non dallo Stato.
    Con Ghirardi poi si sta sfiorando il paradosso, la stampa locale che amava servirsi alla sua tavola che, come con Tanzi, urla con la forza di un gatto, mentre con Manenti si fanno leoni (Gazzetta/Radio/Tv Parma, Gallerani e company), giornalisti che stanno 24 ore al giorno a Collecchio e nessuno che faccia 50 Km per andare a Carpenedolo a fargli delle domande scomode, no gli facciamo rilasciare interviste come quella della Gazzetta dello Sport in cui ha anche il coraggio di negare l’accumulo di debiti.
    I tifosi che “linciano” un morto di fame, mentre con Ghirardi/Leonardi i gesti più eclatanti sono stati due striscioni e il presidio sotto alla casa di uno che neanche c’era perchè in ospedale.
    “Linciare” Manenti è come picchiare un bambino che caga (e scusate il francesismo)!
    Certo era più bello andare a fare i pranzi in villa a Carpenedolo prima delle trasferte a Verona vero? invece se Manenti caccia la pila (e la mia percentuale, in questo caso, è più bassa di quella che gli accredita Majo) al massimo potranno banchettare alla mensa dei poveri.
    Tutti a parlare di fallimento pilotato di qui pilotato di là, dando per scontato che poi ci sia qualcuno che subentri al morto di fame. Io invece credo che sarà già tanto se qualcuno ci prenda in Serie D e comunque non ne sono così sicuro, ora come ora è più facile che il calcio a Parma sparisca definitivamente e non per colpa di un personaggio poco credibile come Manenti, la colpa è tutta di GHIRARDI!!!!
    Infine, lasciamo perdere Pizzarotti che nonostante 700.000 euro di debito si accorge solo ora dello stato di agonia del Parma e si indigna della poca credibilità di Manenti. Però i soldi di Taci, che chissà da dove arrivavano, non gli facevano certo schfio!

    • 28 Febbraio 2015 in 11:26
      Permalink

      Bell’intervento Artemio.
      Condivido molte cose.

  • 28 Febbraio 2015 in 11:46
    Permalink

    io non capisco tutta questa fretta nel voler fallire il prima possibile che aleggia tra la gente…forse mi sono perso qualche passaggio. mi può illuminare direttore?

    • 28 Febbraio 2015 in 12:11
      Permalink

      Le menti illuminate credono di poter snellire la procedura per un fallimento pilotato, ma non ho ben capito dove troveranno i 70 milioni per debiti sportivi da saldarsi in ossequio alle norme vigenti

  • 28 Febbraio 2015 in 11:56
    Permalink

    Tutto quello che sta succedendo è una situazione terrificante che mette in luce, come sempre quando accadono situazioni analoghe, come nel nostro Paese i controllori non controllano i controllati, a volte sono i controllati a pagare i controllori, che le Leggi non sempre sono uguali per tutti e che dobbiamo sempre arrivare alla corda che si spezza con conseguenza che chi ci rimette sono sempre i soliti che stanno alla base di queste catene “alimentari”.

    La cosa bella è come la gente si interessi di queste cose, cerchi di capire, si informano e scoprono che le fonti di informazioni migliori non sono quelle più famose e accreditate e in questa occasione ecco la visibilità per questo sito, per Parmafanzine, per Parma Live, per Parma Quotidiano, per Parma Today, per Teleducato.
    Ecco questo moto di ricercare fonti alternative alla ricerca della verità o di qualcosa che si avvicini è la cosa migliore che sta capitando.
    Gli approfondimenti che ci sono su questo sito che sono mai banali e che spaziano su più fronti, le genialate di Parma Fanzine con il Gioco del Doca e il Mapi Game, sono le cose da ricordare di questa brutta storiaccia, perchè quando la magistratura entrerà in takle duro su quanto successo penso se ne vedranno delle belle e potrebbero cadere molte teste.

    Dico potrebbero cadere perchè in un mondo normale il Parma sarebbe già stato estromesso dal campionato, oppure non sarebbe stato iscritto all’inizio del campionato, oppure non gli avrebbero fatto acquistare 4 giocatori e chi è a capo di questa baracca si sarebbe dovuto dimettere come Lega, Figc, Covisoc e via di questo passo.

    E’ per questo motivo che spero che i giocatori continuino su questa strada per fare venire giù dal pero gli organi competenti che non possono continuare a fare finta di niente rinviando le partite senza prendere decisioni.
    Sono convinto che se Lucarelli non avesse 37/38 anni e a fine carriera ragionerebbe diversamente ed infatti Costa, Mauri, Belfodil e Lodi hanno messo in mora la società.

    Se avete letto le dichiarazioni di D’Agostino, fallito con il Siena, di ciò che è successo dopo il fallimento del Siena e di come è stato considerato dopo forse possiamo capire perchè chi ha/pensa di avere mercato chieda la messa in mora.

    Non è mancanza di rispetto non voglia di onorare la maglia ma tutela di sè stesso e volontà di non pregiudicare da subito la carriera.

    Teniamoci strette le cose positive che sono emerse e poi che succeda quello che deve succedere ormai possiamo dire e fare tutto ciò che si vuole ma credo che l’entrata in campo della magistratura complicherà ulteriormente l’arrivo di denari prima del 19/3.

  • 28 Febbraio 2015 in 12:12
    Permalink

    LINCIAGGIO? ma siamo seri? ho appena finito di vedere il video e sinceramente io da tifoso sfegatato ma pur sempre moderato non ci sto che si dia la colpa ai tifosi.
    Premesso che solo un matto può pensare che con tutto quello che sta succedendo, riesca a farsi tutta via Repubblica a piedi senza che si creasse un capannello, comunque
    1)ci saranno stati 20 tifosi che oltre a dirgli qualche ragione balorda non hanno fatto. questi 20 tifosi non rappresentano la restante parte della tifoseria del parma, basta guardare la marcia civilissima di domenica scorsa.
    2)il linciaggio è stato fatto forse più dai giornalisti che giustamente cercavano di tirare fuori qualche parola sensata da un pazzo e quindi qualche domanda insensata e qualche spintone era prevedibile.
    3)la cosa che possa fare pena perché è un minorato mentale non attacca. questo qua ci sguazza in tutta questa popolarità, per di più quando gli viene chiesto dei soldi fa l’offeso.
    4)pontificare il fatto che ghirardi o taci non hanno avuto la stessa accoglienza è da cretini (anche le sedie di casa mia sanno che la colpa è solamente di ghirardi mica di questo morto di fame), visto che appena hanno avuto la possibilità sono scappati da parma. Sono sicuro se per caso cicciobello dovesse fare una capatina qua non ci sarebbero 20 poveri disgraziati a gridare “buffone” ma migliaia di persone con le spranghe.
    5)se per questa cosa vi vergognate di essere parmigiani e allora siete parmensi (cit.), il prossimo anno statevene a casa perché adesso far passare quello nulla che è successo per un linciaggio mi sembra ridicolo.

  • 28 Febbraio 2015 in 12:36
    Permalink

    Grazie per la risposta. L’ignoranza che c’è in giro è qualcosa di disarmante e i principali colpevoli solo quelli di via mantova. Abbiamo una stampa locale che è riprovevole. quello che si è visto ieri in via repubblica è qualcosa di disgustoso e il povero Manenti spero proprio che a questo punti molli la presa, perchè non ci meritiamo nemmeno lo 0,1% di salvarci.Abbiamo dimostrato di essere un branco di caproni senza cervello. Gallerani e quell’altro ragazzotto che gioca a fare il giornalista, quello con la barbetta hanno rasentato il ridicolo…pagliacci!!!!!

      • 28 Febbraio 2015 in 18:05
        Permalink

        Fermo amministrativo significa che l’auto e’ sotto sequestro….o qualcosa del genere..per un pignoramento un qualcosa….
        Informati…tanto per farci 4 risate
        Comunque il tutto completa il quadro di questo personaggio “naif”…
        Hai notato che ha sempre quella giacca addosso?…forse avra’ proprio quella..e basta..ha ha ha
        Che tipo….

  • 28 Febbraio 2015 in 13:52
    Permalink

    Ma chi è il giornalista giovane con la barba? Quello che gli ha chiesto se crede in Dio? Veramente molto bravo e simpatico ad incalzare Manenti mentre faceva il suo solito teatrino sui soldi che arriveranno.

    • 1 Marzo 2015 in 00:46
      Permalink

      E’ l’inviato della trasmissione Piazza Pulita (La 7)

  • 28 Febbraio 2015 in 14:03
    Permalink

    Roba da pazzi sto qua….ma come si fa a fare entrare uno cosi nel calcio…mi ha fatto pena quando è stato aggredito… nn è normale.andiamo tutti a Carpenedolo.facciamo dei pulman e andiamo…il ***** dovrà vivere male i suoi prossimi anni…

  • 28 Febbraio 2015 in 15:22
    Permalink

    E’ un presidente ormai “deligittimato” dalla “tifoseria” e non credo che avrebbe ormai successo con le masse, neppure se trovasse tutti i milioni che servono… E che nessuno “caccerebbe” mai, nella situazione di decozione attuale. Tuttavia questo linciaggio mediatico e non solo è lontano dalle tradizioni di civiltà della città. E me ne rammarico molto, che ciò accade.

  • 28 Febbraio 2015 in 19:10
    Permalink

    Che sfigati… dovevano farle a Ghirardi a Carpenedolo ste scene, o quando parlava l’amico Leo.
    Che schifo quei parmigiani, grossi con i deboli e conigli con i forti.

    Gianluigi

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI