Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

153 pensieri riguardo “LA “VERITA’ PUTATIVA” DI PIETRO LEONARDI – I video della conferenza stampa del 13.02.2015, upload by COMeSER technology

  • 13 Febbraio 2015 in 17:42
    Permalink

    Con MANENTI girornalisti, imbeccati dall’UPI, DRAGHI, con leonardi tutte PECORE. un 2 pesi e 2 Misure VERGONGOSO

  • 13 Febbraio 2015 in 17:45
    Permalink

    “Sabato sera, durante Milan-Parma, io ero in ospedale, ricevo al gol di Nocerino l’ultimo messaggio di Taçi che mi dice “se vinciamo questa partita, atterro questa sera a Parma”. All’una di notte mi citofonano a casa, era il presidente Kodra, per comunicarmi che loro non avevano più intenzione di continuare l’avventura col Parma.” Non ho capito: se Leonardi era all’ospedale, come ha fatto a rispondere al citofono?

    • 13 Febbraio 2015 in 20:14
      Permalink

      Non era in ospedale. Era a casa sua.
      Comunque questo aneddoto, compreso del particolare omesso da Leonardi che Kodra gli aveva detto che mercoledì avrebbero portato i libri in tribunale, io ve l’ho raccontata almeno tre volte su stadiotardini.it e riferita ieri sera in chiusura di Calcio & Calcio, appunto per spiegare che quello di Manenti è il tentativo disperato di evitare il fallimento.

      Saluti

      Gmajo

      • 13 Febbraio 2015 in 21:03
        Permalink

        Per me ha fatto ora la conferenza perchè deve prepararsi il terreno in vista della prossima stagione. Evidentemente, per ora, non ha ancora accordi con altre squadre per la prossima stagione..

      • 14 Febbraio 2015 in 10:04
        Permalink

        buongiorno Direttore, se lunedì prox i giocatori mettono in mora la società , la proprietà attuale o una che succeda , hanno ancora, in teoria, il tempo di trovare dei finanziamenti per sanare parzialm o completam e ripartire dalla serie B ?
        grazie

  • 13 Febbraio 2015 in 18:03
    Permalink

    Guardi Majo io sono una persona di spirito e mi sono messo a ridere. Manenti, in confronto, ha fatto una conferenza stampa onesta, col pellet e gli anolini. Il signor Leonardi ha devastato il Parma con la collaborazione del suo amico Ghirardi, ci ha messo nello sterco fino al collo ma è riuscito a parlare delle sue plusvalenze, riusciendo pure a citare Pabon (…) e andando a tirare a mano Reginaldo e Lucarelli Cristiano e gestioni sportive dell’anteguerra. Questo signore vi ha pisciato in testa le sue verità, intimandovi addirittura di andarvi a leggere i bilanci, quando tutta la città sa che cosa ha combinato (ma non parliamone, che tanto è chiacchiricco, come se fosse normale che quel bidone di Palladino prenda uno stipendio di quel tipo…). E’ riuscito pure a parlare dei dipendenti che lavorano gratuitamente. Ma scusate, questi poveracci perché lavorano gratis? Per colpa di Pabon? Oppure perché Leonardi è stato un AD vergognoso col mandato del vergonoso Ghirardi? Questi due si sono pappati il Parma calcio, tra plusvalenze sospette, vendita del marchio, magheggi con gli ingaggi, sperperi assurdi per cibo e lenzuola (ma il lenzuolaio per caso era loro amico che le prendevano sempre nuove al posto di lavarle?!?). Davanti a tutto questo i “giornalisti” presenti non hanno alzato la voce, non lo hanno incalzato, non hanno detto una cifra, niente di niente. Ma Rugolotto a parte sentirsi figo e affasciante perché lavora a TvParma (la BBC, praticamente) a cosa serve? Ma Piovani che gli chiede, commosso, se resta a Parma ha un briciolo di dignità? Ad un certo punto si è perso il collegamento (complimenti ai mezzi tecnici di RadioParma, nemmeno un server decente hanno), in quel momento sono arrivate le pizzette vero? Immagino che Piovani le abbia assaggiate prima, come facevano gli schiavi con i re per controllare se erano avvelenate. Ma Leonardi fa così paura? Uno che si trincera dietro i dipendenti, i tifosi (per poi sputtanarli se lo contestano, a lui piacciono solo i Parma Club leccaculo di Manfredini), i “traditori” (te non ci hai traditi vero?) andrebbe smontato (intellettualmente parlando…) pezzo per pezzo, giacché (cit.) il giornalismo dovrebbe avere un ruolo sociale. Certo, pretendre che Mapi Fashion Rugolotto possa lontanamente comprendere il ruolo sociale del giornalismo è come pretendere che Ghirardi rinunci al panino col lardo di colonnate col thè delle 5 (è un lord il Ghiro, lo prende sempre mentre si bulla con gli amici che ha venduto il Parma al grandissimo benzinaio Taci con l’avvallo di Upi e dell’intellettuale metrosessuale Molossi, noto esperto di gente che blisga per strada). Ha presente Brutti, Sporchi e Cattivi di Ettore Scola? Ecco, dipinge una realtà meno degradata e lurida rispetto alla sala stampa di Collecchio. Andatevi a leggere i bilanci dai, che il Leo ha dato l’ordine. Però occhio al guinzaglio, non correte, che vi strozzate.

    • 13 Febbraio 2015 in 20:16
      Permalink

      90 minuti di applausi.

    • 13 Febbraio 2015 in 22:39
      Permalink

      Caro adam rollo, apriti e metti una vera foto cosi si vede bene chi sei….forse uno dei traditori che parlava Leonardi ?? Ma stai zitto che fai piu’ bella figura.

      • 14 Febbraio 2015 in 01:07
        Permalink

        E c’è ancora, cvd, chi difende il porco. Incredibile. Ed il brutto è che Manenti è il becchino.

    • 13 Febbraio 2015 in 23:33
      Permalink

      Il tuo post non fa una piega!
      Standing ovation!!!

    • 14 Febbraio 2015 in 10:22
      Permalink

      grande commento
      sinceramente , complimenti !
      ciao

  • 13 Febbraio 2015 in 18:04
    Permalink

    Ho sentito la conferenza in streaming da radio parma. Condivido il commento “a caldo” di Balestrazzi in stuido che si lamentava dell’inutilitá della conferenza e delle parole profuse. Ora guardo il video da parma channel (il direttore non me ne voglia ma la qualitá é migliore) in quanto in diretta e con il solo audio mi sono perso alcuni passaggi e alcune sfumature che con il video si riescono a cogliere. Nel frattempo vorrei sapere cosa ne pensa il mio “giornalista di riferimento” Majo.

    • 13 Febbraio 2015 in 20:09
      Permalink

      Mah, io avrei evitato di farla. Di grandi contenuti non ne sono emersi. L’unica cosa importante mi è parso il racconto su come è andata la notte di Milan Parma quando Taci aveva ordinato a Kodra di riferire a Leonardi di portare i libri in tribunale (particolare sul quale il Leo ha sorvolato) e che la mattina dopo imbastiva la trattativa con Manenti. Per il resto qualche sassolino o macigno contro i nemici…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 13 Febbraio 2015 in 18:04
    Permalink

    Si é “vantato” delle plusvalenze fatte in questi ani e nessuno gli ha chiesto che fine abbiano fatto tutti questi “guadagni”. Non ha confermato che abbia visto nessun documento che rafforzi la posizione di Manenti. Conferenza priva di significato.

    • 13 Febbraio 2015 in 19:37
      Permalink

      Condivido. anche se era sbagliato nutrire alla vigilia aspettative sul fatto che potesse dare news a proposito dello sviluppo della operazione Manenti.

      Comunicando ufficialmente che lui si è dimesso dal Cda (peraltro notizia vecchia poiché si era già dimesso quando c’è stata l’investitura ad amministratore unico di Manenti) di fatto ha informato tutti che lui non ha e non avrà più niente a che vedere con la gestione economica della società, per la quale, immagino non molto a lungo, si occuperà solo della divisione sportiva senza poteri di firma come amministratore come in passato.

      Dunque notizie sugli sviluppi economici è lecito attendersele da Manenti e non da Leonardi

      Cordialmente

      Gmajo

      • 13 Febbraio 2015 in 20:03
        Permalink

        Sig. Majo, io non intendevo notizie sugli sviluppi economici della societá ora (era Manenti), ma mi riferivo al buco creato negli anni in cui il Sig. Leonardi era il braccio destro di Ghirardi. Credo che su quello poteva rispondere se gli fosse stato chiesto. Lui ha detto che il problema non erano le comproprietá (anzi sembra quasi che abbiamo fatto solo plusvalenze, e dove sono finiti i soldi?), ma non puó credere di farci bere la balla dell’anno in B. Anche altre squadre sono andate in B e non per questo hanno smesso di pagare gli stipendi.

  • 13 Febbraio 2015 in 18:14
    Permalink

    parliamo di uomini vala’ che di pagliacci ne ho piene le palle,

    cag gnis un bogno’ in tal buz dal cul

  • 13 Febbraio 2015 in 18:16
    Permalink

    ps LEI in parte escluso dalla massa di pecore, avendo il merito di essere stato il SOLO a martellre le palle al ghiropalla

  • 13 Febbraio 2015 in 18:24
    Permalink

    A parte la storiella di Taci, ne sappiamo quanto prima. 40 min di niente

    • 13 Febbraio 2015 in 18:45
      Permalink

      La storiella di Taci non era un inedito per i lettori di stadiotardini.it, giacchè ve l’avevo raccontata minimo tre volte io. Ed è proprio quella storia che stava alla base del mio non ostracismo preventivo a Manenti del quale in tanti mi hanno accusato nei giorni scorsi.

      Quella notte, infatti, quando Kodra si è presentato a casa Leonardi, era stato sancito da Taci che questi staccasse la spina portando i libri in tribunale. Orbene: per i teorici del fallimento più o meno pilotato (come se i fallimenti si potessero pilotare) forse sarebbe stata una buona notizia, ma per chi il fallimento sta cercando a tutti i costi di scongiurarlo – appunto il Leo – si trattava di una vera e propria ferale notizia che non poteva che aggravare il suo stato di ansia che già aveva comportato il ricovero alla Città di Parma e i lunghi giorni di “degenza domiciliare” a casa.

      Ora il tifoso, giustamente, dirà che gliene frega se Leonardi salva o meno il culo (scusate il francesismo, ma è per capirci chiaramente) perché quel che interessa sono le sorti della squadra. Orbene: fallire adesso, dopo che si sono persi mesi e mesi prima, non comporterebbe alcun vantaggio sotto il profilo sportivo poiché le condizioni per imitare il Bari sono ormai svanite e anche se trovassi modo che ti venisse concesso l’esercizio provvisorio (che è tutt’altro che matematico) non è detto che riusciresti ad andare all’asta prima della chiusura del campionato.

      Di più: gli svantaggi sarebbero appunto per i fornitori, che vedrebbero sfumare i crediti, oltre che per i dipendenti che perderebbero il posto di lavoro. Tutte valutazioni che ho cercato di fare anche nei giorni scorsi, cercando di far funzionare il cervello, e ben prima che il concetto fosse ribadito oggi in conferenza stampa da Leonardi.

      Quindi: fallimento uguale morte.

      Il tentativo di saltarci fuori con il miracolo Manenti, dunque, ai miei occhi, andava nella direzione di un salvataggio in extremis del Parma, dipendenti inclusi, che io oggi, comunque, avrei evitato di schierare in sala stampa finendo per strumentalizzarli.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 13 Febbraio 2015 in 19:50
        Permalink

        PRETORIANO!!!!!

  • 13 Febbraio 2015 in 18:28
    Permalink

    il valium mi rilassa, il serenase mi stende, Leonardi mi uccide…. ma i giornalisti che caxxo sono andati a fare a Collecchio?

  • 13 Febbraio 2015 in 18:49
    Permalink

    Taci ancora oggi rimane l’unica vera speranza per il Parma, lasciate perdere le cazzate che ha raccontato oggi Leonardi .
    In conferenza con giordano ammette di aver fatto la corte per mesi a giordano stesso ed oggi dice invece che non lo conosceva e che lui non c’entrava nulla con quella situazione.
    Prima o poi capirai anche tu Mayo

    • 13 Febbraio 2015 in 20:06
      Permalink

      Meno male che hai capito tutto tu. Taci unica speranza per il Parma? Ma se è quello che gli ha dato il colpo di grazia. Ma lascia lì di scrivere castronerie. Poi, può darsi che io sbagli qualcosa perché é evidente che non ho proprio del tutto chiaro la complicata situazione, ma su una cosa sono sicuro: Taci è una sciagura. Lui e chi l’aveva portato.

      Saluti

      Gmajo

    • 14 Febbraio 2015 in 12:10
      Permalink

      ej Mat ma come Taci po essere la speranza?????
      dove tu hai deto che era solo per pulire parma e vendere a reale propetario ( lukoiol – gazprom)
      allora la speranza non e Taci??

  • 13 Febbraio 2015 in 18:52
    Permalink

    Gabriele, devo dire che mi hai deluso… pensavo saresti andato col coltello fra i denti in sala stampa, invece hai avuto un comportamento non da giornalista professionista come ti vanti di essere.

    Mi dispiace perchè avevi acquisito credibilità con gli ultimi scoop, avevi una occasione d’oro per “sbranare” quest’imbroglione tragattino e l’hai persa.

    • 13 Febbraio 2015 in 20:04
      Permalink

      Io ho un’altra idea di come la intendi tu o qualcun altro di come si debba comportare un giornalista. Non ho fatto duelli rusticano nemmeno quando mi aizzavano contro le folle indicandomi come nemico del Parma, figurati se adesso vado ad uccidere un uomo morto.
      Io il mio l’ho fatto quando non lo faceva nessun altro e non ho certo bisogno di trovare giustificazioni. Show alla Schianchi, Gerevini o Boni che tanto vi fanno godere da me non li avrete mai. Andatevi a riguardare, però, tutta la mia produzione degli ultimi anni.

      Comunque sia rispetto la tua opinione pur non condividendola affatto.

      Saluti

      Gmajo

  • 13 Febbraio 2015 in 18:53
    Permalink

    Dopo questa ennesima conferenza inutile che non merita nemmeno un post di commento… e se parlassimo di cose un po’ più sostanziose, per esempio della meteo ? Majo secondo lei sarà una primavera soleggiata ?

  • 13 Febbraio 2015 in 19:00
    Permalink

    Direttore si è fatto un’idea su chi siano i traditori dell’ex amministratore delegato?

      • 13 Febbraio 2015 in 19:11
        Permalink

        Ma chi, Sandrone?

  • 13 Febbraio 2015 in 19:08
    Permalink

    Majo, ieri le ho scritto che ha fatto la fine di Dorando Pietri e oggi me ne ha dato conferma. Lo dico senza voler fare polemica, ma oggi tutta la stampa (nessuno escluso) è stata inconsistente e prona.

  • 13 Febbraio 2015 in 19:12
    Permalink

    Dico solo una cosa: Patetico. Inconmentabile.

  • 13 Febbraio 2015 in 19:13
    Permalink

    Non solo, tutto il piano di sopra e il damerino che una volta faceva a gara per farsi fotografare accanto a lui e ora sta imboscato il più possibile!

  • 13 Febbraio 2015 in 19:15
    Permalink

    i giornalisti oggi erano assenti.. ci voleva quello del Corriere (banni anche questa?)

    • 13 Febbraio 2015 in 19:18
      Permalink

      Non ti ho mai bannata. Tranne quando scrivevi contenuti di carattere politico-ideologico.

      Comunque non è compito dei giornalisti fare i duelli rusticani. E anche gli scontri alla Gerevini non rientrano nei miei schemi (specie se poi sul giornale uno non scrive nulla o quasi).

      Comunque è inutile che ve la prendiate con i giornalisti, che non credo che siano i principali artefici della situazione…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 13 Febbraio 2015 in 19:19
    Permalink

    ma almeno chiedere chi ha fatto quel buco da milioni… Io speravo in lei

    • 13 Febbraio 2015 in 20:00
      Permalink

      No, mia cara Noemi: quella domanda, semmai, la può porre Boni o uno qualsiasi dei forcaioli dell’ultima ora. Io sono anni che predico che la gestione del Parma non era virtuosa e l’ho ribadito a Leonardi anche oggi, benché lui mi avesse appena finito di riconoscere la mia onestà intellettuale.
      Il buco c’è per il semplice fatto che non si poteva gestire una società di serie A senza pensare di metterci dei quattrini. E quelli che arrivavano (i diritti tv) erano insufficienti per la gestione. Poi è chiaro che ci possano esser state situazioni di malagestione come quella denunciata da Giordano delle lenzuola.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 13 Febbraio 2015 in 21:06
        Permalink

        speravo che la domanda partisse da lei…

  • 13 Febbraio 2015 in 19:38
    Permalink

    Io ritengo la conferenza di Leonardi assolutamente inutile che non ci ha fornito niente di più di quello che sapevamo. Penso che ci sarà il fallimento, neppure uno degli uomini più ricchi d’Italia come Della Valle prese la Fiorentina indebitata ma aspettò di prenderla dopo il fallimento, e pure De Laurentis, e in pochi anni sono tornati nel grande calcio..Volevo chiedere un informazione tecnica al Direttore Majo, gli incassi dello Stadio Tardini in questi mesi non potevano essere utilizzati per pagare gli stipendi ai dipendenti? Con le grandi squadre lo stadio si riempe e dovrebbe essere un bel introito, se non sono serviti a pagare i dipendenti sa dove sono stati utilizzati?

    • 13 Febbraio 2015 in 19:54
      Permalink

      A parte che gli incassi se le stanno contenendo un sacco di creditori, credo che per esempio quello di coppa italia col cagliari fosse stato destinato a uno dei due che avevano presentato l’istanza di fallimento. Immagino che con parte di altri incassi si siano pagati le spese tipo lo sgombero della neve. E comunque devi pagare pure le trasferte. Insomma solo con gli incassi vai poco lontano… C’è la fila in attesa…

      L’inutilità – sulla quale posso anche concordare – della conferenza stampa non c’entra con i ragionamenti sul fallimento che lei ha proposto.

      Con tutto il rispetto per il Parma, Fiorentina e Napoli sono un’altra cosa a livello di bacino di utenza. Col cavolo che un DellaValle ti compra al fallimento ripartendo dalla D. Rendiamocene un po’ conto…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 13 Febbraio 2015 in 19:39
    Permalink

    Majo io dopo aver sentito in diretta la conferenza di leonardi io sono dell’idea che sia per tempistiche che per qualità del messaggio sia qlcs più simile ad una parata di deretano che altro.
    Le speranze sono al lumicino, e lui sa meglio di tutti noi quanto il peso delle sue parole potrebbe cambiare pur con lo stesso messaggio se il paziente parma decedesse per davvero….
    detto questo io trovo che in quanto dichiarato da Leonardi ci siano una serie di inesattezze importanti la prima plusvalenze positive vero, ma monte ingaggi sempre più ingolfato con debiti aumentati…per cui è lecito concludere che le casse del club dalla gestione Leonardi risultino appesantite, di pari passo gli va riconosciuta una crescita tecnica importante.
    Per quanto riguarda i dettagli di Taci io aspetto il socio e soprattutto le reali motivazioni che ci stanno dietro al suo abbandono…….

      • 13 Febbraio 2015 in 20:47
        Permalink

        Chi è? Perchè era in combutta con il petroliere? Cosa volevano fare a Parma?

    • 13 Febbraio 2015 in 21:37
      Permalink

      Il socio di Taci si associerà ancora al Parma, se e quando, torneremo in a. Per ora penso che siamo con Manenti, con supporto bancario di Kerimov

  • 13 Febbraio 2015 in 20:06
    Permalink

    Ho collegato la conferenza di Leonardi con gli altri ragionamenti perchè la ritengo molto tardiva, poteva dire le stesse cose con un comunicato stampa. Però la Fiorentina più o meno è poco superiore a noi come bacino di utenza, il Napoli è sicuramente un’altra cosa..Ho fatto quelli esempi perchè se neppure imprenditori di quel calibro presero società indebitate non capisco perchè lo dovrebbe fare Manenti a Parma. Direttore le chiedo ma il Parma non potrebbe ripartire dalla vecchia C2 come ripartì la Fiorentina, è da escludere in assoluto o c’è una possibilità?

    • 13 Febbraio 2015 in 20:26
      Permalink

      La vecchia C 2 non esiste più. Ed è stato abolito il Lodo Petrucci, sicché perdi due categorie rispetto a quella di appartenenza nella migliore delle ipotesi. Dunque serie D
      Cordialmente

      Gmajo

  • 13 Febbraio 2015 in 20:13
    Permalink

    Non e’ che ci sono anche le banche creditrici che vogliono allungare il brodo per non arrivare al fallimento e perdere i crediti…
    Manenti non sarebbe altro che un personaggio messo li’ in attesa che magari (!!) nel frattempo si presenti qualcuno che sia interessato all’acquisto…
    Cioe’ Manenti non e’ altro che un traghettatore messo li dalle banche o altri creditori… il ghiro e il leo non vogliono arrivare al fallimento… in quel caso arriverebbe anche la GDF e allora si che si balla con quei bei conti !!!
    Ma chi e’ che vanta piu’ crediti verso il parma FC???

  • 13 Febbraio 2015 in 20:22
    Permalink

    Scusa Gabriele, sai che non è riferito a te dato che ti ho difeso da altre parti, però credo che sia inaccettabile per voi giornalisti accettare una risposta come quella di Leonardi che ha detto che il buco è colpa della retrocessione in serie B e di Vantaggiato e Reginaldo. Ma stiamo scherzando? Voi giornalisti non potevate accettare passivamente una roba del genere. Nessuno, e dico nessuno, che gli ha chiesto della necessità di fare un grande parma lo scorso anno quando non potevamo permetterci neanche un dito di Cassano, di Gargano, Amauri. Nessuno che gli ha chiesto del milione all’anno di Palladino o delle 400mila euro delle lenzuola. Nessuno che gli ha detto che Empoli, Palermo, Chievo pur essendo retrocessi e risaliti pagano regolarmente gli stipendi. Non è colpa tua Majo ma in generale quella sala stampa oggi sembra di più una sala da tè dove avete incontrato in amicizia Leonardi. Per me, come tifoso, è stato inaccettabile e sono molto deluso da questa informazione di Parma

    • 13 Febbraio 2015 in 20:44
      Permalink

      Concordo ogni singola parola.

  • 13 Febbraio 2015 in 20:28
    Permalink

    Potevate chiedergli chi era il 40% russo socio di Taci che poi non si è palesato.. E perché non si è palesato?

  • 13 Febbraio 2015 in 20:29
    Permalink

    Chi è che è andato sotto la curva?

  • 13 Febbraio 2015 in 20:45
    Permalink

    Complimenti Ex A. D. Leonardi !!!!

    Si è persino Fatto Scortare !!!!

    Mi è venuto in mente un’ Essere di qualke tempo fa !!!!

    L’ allenatore veronese ke Scappò dallo Stadio

    Nelle uscite di Sicurezza sotto il Campo da gioco !!!!!

    Ma in Via Puccini si Rifugiò nella makkina della polizia !!!!

    TORNI pure Ex A.D. Leonardi alla juvepoverini !!!!!!

    PARMA Certi Esseri NON li Vuole !!!

    Biglietto di SOLO Andata Già Pagato !!!! Senza Tessera !!!

    INGRATI !!!! NON ci Meritate !!!!! Ke Pena ci Fate !!!!

    Pàrma e po Pù !!!!! FORZA PARMA !!!!!

    • 13 Febbraio 2015 in 22:49
      Permalink

      Guarda che certi esseri come te fanno la vergogna di Parma, dovresti andare a vivere in Albania cosi’ forse lo saresti piu’ rispettato visto le cazzate che scrivi caro “vekkia maniera”….e proprio la vekkia maniera ti meriteresti cosi stai in silenzio.

      • 14 Febbraio 2015 in 00:10
        Permalink

        Ti piacerebbe è Coniglio Fatto Male

        Tu dovresti andare in Siberia Ciostrone

        Dipende però se ti Accettano Veglione

        Tu parli di Rispetto cazzate e di silenzio ????

        Ma parla come mangi va là ke è Meglio x te

        matteo bUTTATI nella Miskia ke Conta

        Poi Guardiamo ki è più Vergognoso

        PANACOLO di un Sabbione

        • 14 Febbraio 2015 in 09:57
          Permalink

          Caro vekkia maniera nella mischia ci sono ogni giorno e non quella virtuale come la tua….quando vuoi vieni te a buttarti nella mia e poi mi saprai dire cosa significano le differenze. Ma non venire solo vieni anche te con la scorta….CONIGLIO SENZA DENTI E PAGATO PER ALZARE UNO STRISCIONE..

          • 14 Febbraio 2015 in 13:45
            Permalink

            Altro ke virtuale

            bevi meno acqua
            Minerale !!!!!

            Arruginisci Troppo !!

            La scorta si si si
            nel Frigo !!!!!

            Si sono senza denti
            e allora !!!!

            Mi pagono si si si
            micio micio bau !!

            Ma NON x solo 1 !!!

            matteo bUM bUM
            Kiaro stò fatto !!!

            Attento al Gatto !!!

            PIPETO !!!!!!

      • 14 Febbraio 2015 in 09:25
        Permalink

        ma vai a fargli un pompino a leo ,7lurido verme schifoso !

        • 14 Febbraio 2015 in 11:46
          Permalink

          Assioma il lurido verme che deve fare un pompino al leo dovrei essere io ??

          • 14 Febbraio 2015 in 11:52
            Permalink

            Vediamo di evitare duelli rusticani. Assioma, l’invito vale anche per te.

  • 13 Febbraio 2015 in 20:47
    Permalink

    Naturalmente rispetto ai ragionamenti di prima spererei che il Parma venga salvato. Ma Direttore approfitto della sua disponibilità nel rispondere, e nel caso in Lega Pro l’anno prossimo ci fossero una o due squadre che per crisi non avessero la disponibilità economica per iscriversi al campionato, in quel caso un Parma in D senza debiti, con le strutture adeguate rispetto a squadre dilettanti, non potrebbe in teoria venire ripescato in Lega Pro? Comunque rendo atto al Direttore Majo che anni fa per domande scomode se non sbaglio Ghirardi non voleva neppure più risponderle.

  • 13 Febbraio 2015 in 21:02
    Permalink

    Direttore Majo e un Parma in seri D senza debiti, nel caso alcune squadre in crisi in Lega Pro non riuscissero ad iscriversi al campionato in Lega Pro? In quel caso in teoria potrebbero esserci le condizioni per il Parma di essere ripescato avendo stadio e altre strutture adeguate rispetto a società di dilettanti? Comunque do atto che lei per domande scomode fu per un periodo, se non sbaglio, escluso dalla possibilità di far domande da Ghirardi anni fa..

  • 13 Febbraio 2015 in 21:06
    Permalink

    credo che i soldi per le trasferte da qua a fine anno li avete

  • 13 Febbraio 2015 in 21:10
    Permalink

    Mercoledì tutti contro Manenti che è arrivato da due giorni e oggi nessuno che chiede all’amministratore delegato conto della voragine di debito che è stata creata……mah……
    A Parte dare la colpa a Taci non è venuto fuori nulla di utile….ma il 19 dicembre non avevano tutti detto che il regista dell’arrivo di taci era Leonardi?

  • 13 Febbraio 2015 in 21:12
    Permalink

    Oggi era l’ultimo giorno,lunedì c’è la scadenza domani sentiremo che le banche il sabato è la domenica stanno chiuse,meglio che morivamo subito che con questa agonia,direttore con tutto il rispetto Parma si deve svegliare non date importanza a questa gente non fate più interviste se non vi faranno vedere i fatti per i tifosi come me la propria squadra è una ragione di vita

  • 13 Febbraio 2015 in 21:15
    Permalink

    Hai visto caro direttore come funziona il sistema calcio in italia regna l anarchia assoluta e la mafia ti sei spiegato perche vincono le stesse squadre da anni le dichiarazioni di lotito che e proprietario di 3 squadre di calcio a b c penso che abbia chiarito come funziona il calcio in italia poi sparano merda sul parma .
    tavecchio e c devono andare a casa e bisofna ripulire tutti i vertici dalla figc alla lega calcio e ce ancora gente che è orgogliosa di tifare juventus che paese di merda

    • 14 Febbraio 2015 in 10:55
      Permalink

      Partendo dal presupposto che Lotito ha detto stronzate, e’ bene che la Figc ristrutturi i campionati altrimenti a breve succederanno altri sconquassi simil parma. Non c’e’ piu’ equilibrio tra entrate(fondamentalmente i diritti tv) e i costi di gestione.
      Quindi A a 16 squadre; una max due retrocessioni; B a 18 squadre e tre retrocessioni e tre gironi di Lega Pro con una sola promozione. Un po’ come era ina volta

  • 13 Febbraio 2015 in 21:17
    Permalink

    Io spero che i giocatori il 16 se non arrivano i soldi mettano in mora la società e finisca querta farsa. Poi sul fatto di regolarità del campionato i dubbi restano , il Parma non era in condizioni di partecipare al torneo.

    • 13 Febbraio 2015 in 21:33
      Permalink

      Massì chi se ne frega dei dipendenti e dei fornitori.
      Falliamo alla svelta e poi ci pensa l’UPI.

  • 13 Febbraio 2015 in 21:24
    Permalink

    Tralasciando per un attimo il caos che ci circonda, Un dubbio mi assale. Se Leonardi ha fatto solo plusvalenze, il Parma dovrebbe avere un bel gruzzolo (considerando anche che Ghirardi diceva di averci rimesso), quindi non si spiegherebbero i debiti, i passivi etc…
    Qui, stando alle sue parole, i casi sono due:
    – Ghirardi non ha mai messo un quattrino nel Parma, ma anzi si è arricchito con il Parma
    – C’era una pessima gestione economica

    Ad ogni modo il 50% delle colpe sono sue, perché doveva vigilare e denunciare

  • 13 Febbraio 2015 in 21:31
    Permalink

    Leonardi pur sbagliando è stato l unico che ci ha messo la faccia non quell albanese di ****** di taci che a preso per il culo la citta e i suoi tifosi
    Ghirardi la deve pagare deve andare in galera
    Manenti è il nulla

  • 13 Febbraio 2015 in 21:51
    Permalink

    In ogni modo i 150-200 giocatori o quello che erano non andavano acquistati, non ha senso, e per forza di cose ha avuto un impatto sicuramento pesante sui conti. Poi l’altro errore di Leonardi è, al di la dei soldi a disposizione, non aver costruito una rosa equilibrata, non è possibile partire un campionato con 30 giocatori e senza una punta (peraltro mandando via Cerri in prestito senza nessun motivo)… non ci sono i soldi allora si tengono anziché 30 al massimo 20 giocatori, si mandava via Cassano e si acquistava una punta seria… al di la dei debiti ci sono degli errori di scelte sportive a livello di mercato

    • 14 Febbraio 2015 in 00:04
      Permalink

      Non vorrei dire una stupidata, ma i 150-200 giocatori presi due estati fa erano stati tutti presi a zero. Si rastrellava il mercato dei giocatori a fine contratto.. Quindi considerando che gran parte di quei giocatori è stata data in prestito a squadre di B o Lega Pro non dovrebbero aver gravato in alcun modo sui conti se non per alcuni e ahinoi famosi “incentivi all’esodo”.. Anzi se furono davvero comprati a zero, rivendendoli anche solo ad un euro (cifra che va di moda) teoricamente è stata fatta una plusvalenza di un euro.

  • 13 Febbraio 2015 in 21:56
    Permalink

    Majo ma lei lo sa dove sia finito Alborghetti ? Secondo me è già scappato a gambe levate, ma possibile che nessuno lo cerca al telefono per fargli una o due domande ?

  • 13 Febbraio 2015 in 21:56
    Permalink

    Buonasera Majo,
    lei in particolare, ma anche altri giornalisti di Parma, quando volete non avete mai peli sulla lingua per condannare o sbandierare al pubblico nomi senza sapere le cose con l’unico scopo di sparare merda (lei soprattutto verso la curva nord) e ottenere il consenso dei “Buonpensanti”di Parma (di cui il 90% tifa Juve) poi però davanti a certe persone (vedi Leonardi, Ghirardi ecc.) fa il giornalista agnellino ed educato nascondosi dietro il fatto che non le piace discutere. Oggi lei non è stato in grado di fare una domanda utile e mettere in difficoltà Leonardi principale artefice di questo scempio. Ma d’altronde da lei Majo non si può pretendere molto di più visto come si è fatto cacciare (tra l’altro cacciato giustamente) dal Parma Calcio con la coda tra le gambe e in silenzio. Va beh almeno le sono rimaste le uniche soddisfazioni di sparare solo contro la Curva Nord e partecipare all’importante trasmissione di Teleducato. Dai magari con la nuova dirigenza la faranno diventare direttore di MAPI CHANNEL.!!! saluti

    • 13 Febbraio 2015 in 22:10
      Permalink

      se avessi un unghia della mia dignità saresti un mezzo uomo.

  • 13 Febbraio 2015 in 22:12
    Permalink

    Scusi direttore ma Leonardi quando dice di essere stato tradito da gente al suo fianco si riferisce a Ghirardi?

    • 13 Febbraio 2015 in 22:19
      Permalink

      no. secondo me a qualcuno che di recente era andato sotto la curva…

  • 13 Febbraio 2015 in 22:22
    Permalink

    Gabriele,
    Ma se dici sempre che a Leonardi gli pippa il culo solo per se stesso…la sig.ra Gabriella non è preoccupata per le sorti del suo rampollo???? Non pensi che metterà i soldi per salvare il figlio dalla bancarotta fraudolenta!!!!
    Allora, i soldi arriveranno, non lunedì perché delle penalizzazioni non frega niente a nessuno….la scadenza che conta è la prox che incide sulla stagione futura, lo sanno anche i sassi!!!
    Quindi tra la Gabriella, Taci e i russi i soldi arrivano!!!
    Penso che Pietro, se si salva dalla giustizia, ne uscirà molto arricchito professionalmente da questa vicenda e diventerà il miglior dirigente sportivo del panorama nazionale….

  • 13 Febbraio 2015 in 22:25
    Permalink

    cassano?

  • 13 Febbraio 2015 in 22:26
    Permalink

    ej Mat ma come Taci po essere la speranza?????
    dove tu hai deto che era solo per pulire parma e vendere a reale propetario ( lukoiol – gazprom)
    allora la speranza non e Taci??

  • 13 Febbraio 2015 in 22:26
    Permalink

    melli?

  • 13 Febbraio 2015 in 22:37
    Permalink

    Baraldi e Dallara x il dopo manenti channel con la benedizione di azzali in serie d però

  • 13 Febbraio 2015 in 22:39
    Permalink

    Direttore,

    Visto che Leonardi non ha risposto alla domanda, lei ha una idea di quanto ammonta il debito dell Parma? Mi da una approssimazione numerica?

    Grazie

    • 14 Febbraio 2015 in 02:09
      Permalink

      96 milioni netti…lo hanno detto in tutte le salse ormai

  • 13 Febbraio 2015 in 22:41
    Permalink

    Majo mi sa che se dovessimo andare a mangiare dall Antonia ( e spero visto che io non la conosco sia una buona trattoria e non sua zia e che si mangi bene perché sono un buongustaio ) si paga alla romana ognuno per sé come da giovani la prima cosa che ha detto Leonardi e’ mi sono dimesso ed e’ il titolo che c e sui giornali vedi repubblica poi se non si e’ dimesso da tutto poco ci manca . CONFERENZA STAMPA ? FUFFA E BASTA l ho detto non doveva andarci nessuno se la tenga lui la verita’ putativa noto la solita arroganza quando dice di andarsi a prendere e leggere i bilanci …. e no e’ lui era l amministratore delegato e lui deve rispondere …il solito leonardi fa un soliloquio poi dribbla le domande … come si fa a dire che la gestione sportiva era buona ? il calcio e’ l unica azienda che sa i ricavi ad inizio anno per cui se sai che hai 35 40 milioni di ricavi non puoi spenderne 100 !!!! e’ una follia mi meraviglio del panzone che dovrebbe uso il condizionale essere un imprenditore. Leonardi ha detto solo cazzate e non so neanche perché l aha fatta la conferenza si vede che a tempo da perdere….se spera di allontanare le sue responsabilita’ pallegiando con Ghirardi si sbaglia. Ho notato la stima di leonardi per majo piu’ volte citato con gentilezza uniche …ooo !!!! voleva vincere una cena facilmete visto che hanno ragione gli utenti che dicono che majo e’ l addetto stampa di leonardi ( scherzo !! ma abbiamo capito da chi arrivavao gli scoop olltre della maggiuli e’ amico anche della moglie del leo ) Comunque il leo ha capito che la nave affonda e inizia a cercare la scialuppa ….ma visto che le domande vere non le fanno i giornalisti ( non siete poi deputati a farle dopotutto ) ci pensera la guardia di finanza perché dove sono finiti i 400 milioni di eur di ricavi degli ultimi 7 anni bisognera’ prima poi dirlo tanto più se il leo faceva le plusvalenze alla cristegic per cui sono piu’ di 400 milioni e ripeto majo l economia e’ un vaso comunicante se c e uno che perde dei soldi c uno che li guadagna di pari importo spero non sia ……e i 250 ….procuratori io penso di no pero’ …..non si sa mai

    • 13 Febbraio 2015 in 23:10
      Permalink

      Scusi renzi, ma lei è semianalfabeta? Scrive come un somaro… Non ha fatto almeno le elementari?

      • 14 Febbraio 2015 in 00:37
        Permalink

        Laureato ms su tablet essendo anziano faccio fatica beata gioventu ma ti auguro gustavo fare di fare anche solo la meta’della mia carriera e saresti contento

      • 14 Febbraio 2015 in 01:00
        Permalink

        Gustavo per la precisone laureato addirittura con pieni voti a 23 anni , ti auguro di fare anche solo la meta’ della mia carriera ti garantisco che saresti contento.
        Purtroppo essendo ormai pensionato e non essendo della generazione digitale non scrivo facilmente sul tablet e con i miei ditoni se sbaglio non perdo tempo a correggere e non uso accenti eccc altrimenti ci metterei ore …….comunque se leggi i miei interventi un letterato come te dovrebbe capirlo a parte la forma che la sostanza non e’ di un analfabeta come pensi tu ammesso e premesso che nella mia vita dirigenziale ho visto analfabeti piu’ validi di laureati

        • 14 Febbraio 2015 in 01:34
          Permalink

          Capisco, renzi. Anche io, pur non essendo un anziano come lei, non sono un nativo digitale. Si vede che ho delle dita più fini…

  • 13 Febbraio 2015 in 22:48
    Permalink

    Io sto con Leonardi e Velenoso. Mercoledì ero tra i boys e mi sono vergognata di essere stata tra di loro mentre cantavano vomitandò addosso quei beceri cori a lui indirizzati.MA PRENDETEVELA CON GHIRARDI IL VERO RESPONSABILE

    • 14 Febbraio 2015 in 01:04
      Permalink

      tosta l invincibile girl

  • 13 Febbraio 2015 in 22:51
    Permalink

    Renzi scopri le carte chi sei ? Uno dei traditori e quindi falso ?? Scopriti daiiiii

    • 14 Febbraio 2015 in 01:02
      Permalink

      matteob come hai fatto a scoprirmi sono io in persona oioioi sandro M …LI segna per noi …..

  • 13 Febbraio 2015 in 23:44
    Permalink

    Manetti e Felini spaccano un casino, non mi sono divertita così tanto dal tempo del muppets show…… e noi qui a discutere seri…

  • 14 Febbraio 2015 in 00:38
    Permalink

    Ho la sensazione che i giocatori non metteranno in mora niente

  • 14 Febbraio 2015 in 00:52
    Permalink

    E’ uscita allo scoperto la socia Maria Isabella Camporesi e il figlio, Jonathan Gregori.

  • 14 Febbraio 2015 in 08:07
    Permalink

    Concordo con l’invincibile girl!

  • 14 Febbraio 2015 in 09:34
    Permalink

    Majo io la invito a moderare i tonni, ke se appena Leonardi dice delle cose lei gli da della putativa, mi sembra molto offensivo. Karma e gelso, dicevano gli Hare DiSissa. Ke io ieri sera, mentre andavo a puta-tive, ci pensavo ke anke se sn comunista mi è salito il nazismo in un modo ke guardi poi cn neri di via Trento ci ho buiato xkè fanno dei prezzi ke sn assurdi, ke ad esempio un padre di famiglia ke gli servisse della bamba x una situazione di emergjenza come farebbe? X fortuna ke ci vado io ke sn giovine e nn mio padre.
    QUINDI NO AL RAZZISMO SI A LEONARDI. Se invece lei è razista, ce lo dico ke allora dopo è kiaro tt. Se no si dissoci da se stesso.

    Faccio presente, anke x signori di MAPI CIAPEL, ke io so anke usare le nuove tecnologie, ke sn sempre su internet, ke sn anke riuscito a fare degli incontri e ho fatto vedere il mio pene in videoconferenza ad una ke abita in Australia ke è dall’altra parte del mappamondo. Ke io nn voglio propormi, ma se io fossi in voi, mi assumerei. Ke io cm ha detto Maidenti e Al Borghetti punterei anke su una canale ano-gastronomico, ovviamente x la nostra gjente e pieno di parmigjanità, anke xkè di solito le MILF, in cui io (e se Majo nn è proprio culano, deve riconoscermelo) sn specjalizzato più del Russo di Lucca (ke va a fare i masters all’estero e poi fa gli articoli sulle pompe), il secondo canale, anke detto “ano-gastronomico” nell’ambiente dei culinari, di solito te lo danno.

  • 14 Febbraio 2015 in 09:38
    Permalink

    La conferenza stampa sarebbe stata molto utile perché avrebbe permesso a tutti i giornalisti di fargli il 4 grado e di chiedergli tutto quello che volevano. È servita? Dipende da quello che uno si aspettava. Io personalmente sono rimasto molto deluso perché mi sarei aspettato che qualche giornalista facesse un duello rusticano contro di lui, perché se l’ha fatto contro Giordano, Manenti e Alborghetti perché non ripetersi con lui che di colpe ne ha qualcuna di più…..come diceva qualcuno nei commenti precedenti: 2 pesi e 2 misure. Majo per me lei si è comportato molto bene, in linea con il suo stile, e pensare che se avesse iniziato un duello contro il “Pleni” l’avrebbe sicuramente vinto per KO.
    L’unico argomento che sarebbe stato molto interessante da trattare, e non è stato fatto in maniera esaustiva, è quello del “Mercato del bestiame”. È un tema molto importante soprattutto perché da una parte c’è chi lo ritiene un vanto e fonte di guadagno mentre dall’altra chi lo ritiene come la base dei debiti del Parma. “La pesca a strascico” è una strategia che avrebbe potuto portare grandi risultati al Parma, i vari Sansone, Ceppitelli, Defrel e Coda che hanno portato o che porteranno benefici economici sono figli di questa strategia, ma è stata gestita male! Per ogni Sansone valorizzato quanti Mastriani o Vidales sono stati bruciati? Come si può pensare di valorizzare i calciatori del Nova Gorica se si passa da una rosa di 40 calciatori, mandati senza una logica, a una fatta da 15? Ammettiamo che sia andato tutto bene e i calciatori sono stati valorizzati, allora perché non affidarsi a loro? Perché non si è riscattato Defrel? Perché non si è venduto Felipe e tenuto Ceppitelli? Perché si è preso Lodi e non riscattato qualche giovane? Secondo me il così detto “metodo Udinese” non si è realizzato perché si volevano avere dei risultati immediati e perché ci sono stati allenatori che non sapevano valorizzare i calciatori: Borini, Defrel e Ceppitelli sono stati lanciati da altre squadre, se fossero rimasti a Parma cosa sarebbe successo, siamo certi che sarebbero stati valorizzati?

    • 14 Febbraio 2015 in 10:52
      Permalink

      Mi ripeto qui, anche se l’ho scritto sopra. Se c’è qualcuno più informato mi corregga, perché il mio è più che altro un parere personale. A mio avviso la “pesca a strascico” non ha inciso in maniera decisiva sui conti. Tutti (o quasi) i 150-200 giocatori presi due estati fa erano in scadenza di contratto, quindi pagati zero euro. Pressoché tutti sono stati dati in prestito in B o in Lega Pro, quindi lo stipendio glielo pagava la società dove poi sono andati a giocare (forse in alcuni casi il Parma dava una piccola percentuale, i famosi incentivi all’esodo, ma nel l’affaire licenza Uefa si parlava di 300ma euro, quindi cifre irrisorie rispetto ai milioni di buco attuale).
      Non solo, se ho capito come funzionano le plusvalenze, se i giocatori sono stati pagati zero, anche solo rivendendoli ad un euro si è fatta una plusvalenza di un euro. Poi molti si sono rivelati bidoni, ma alcuni sono anche esplosi e farai plusvalenze maggiori (vedasi Ceppitelli e Defrel).
      Che poi Leonardi e forse anche Ghirardi avessero una percentuale su tutti questi movimenti e contratti è probabile, ma non credo che abbiano pesato sulle casse del Parma per arrivare a 100 milioni di debito, appunto perché li stipendi teoricamente li pagava la società dove erano in prestito.

      • 14 Febbraio 2015 in 14:33
        Permalink

        Non sono convinto che lo stipendio glielo pagassero la società in cui giocavano, x me sono andati ad influire sul monte ingaggi e soprattutto quelli che non sono riusciti a piazzare. Comunque il debito non è passato da 10 a 200 in 2 anni ma è sempre stato in aumento negli ultimi 7-8 anni a questa parte, questo significa malgestione totale dal primo momento è non penso che fallendo Ghirardi e Leonardi possano aver problemi penali (salvo trovare prove di bilanci falsati) xke è proprio una questione di 7-8 che dimostra che il debito è andato sempre in crescendo e lo ricondurranno a scelte imprenditoriali sbagliate.

  • 14 Febbraio 2015 in 10:28
    Permalink

    la pesca a strascico non è un vanto nè la causa dei mali.
    E’ stato un tentativo sbagliato di cura dei problemi.
    Se io ogni anno devo ripianare un bilancio , cerco di fare plusvalenze. Quelle reali vanno bene, quelle degli scambi ( Tizio venduto a 3 all’AB e Caio preso dall’AB a 3) mi fanno godere quest’anno per le entrate fittizie ma mi fanno morire ( per le acquisizioni) dall’anno successivo per gli ammortamenti.
    Se ogni anno, seguendo in parte la teoria dei derivati, raddoppio la posta, arrivo ad un punto in cui esplodo per tenere accettabile il bilancio.
    I debiti correnti sono gestibili.
    Ma i tanti giocatori in rosa produrranno debiti ulteriori per gli anni a venire.
    Questo è il vero problema.

  • 14 Febbraio 2015 in 10:29
    Permalink

    Direttore ora siamo agli sgoccioli.Dopo tutti questi mesi di delirio puro siamo arrivati alla fine. Secondo lei, i calciatori andranno avanti fino a giugno,convinti dal presidente e dal direttore, su un progetto serio? Leonardi ieri parlava dei dipendenti con stipendi normali, ma loro vogliono la messa in mora o solo i calciatori la vogliono?

  • 14 Febbraio 2015 in 10:32
    Permalink

    sentire i giornalisti che danno del “tu” è veramente uno schifo. Bravo Boellis che gli domanda perché ha nascosto per 5 anni la situazione debitoria

  • 14 Febbraio 2015 in 10:42
    Permalink

    #IOSTOCONMELLI
    Ke se Ghirardi ha smesso di tirare fuori i soldi, e la responsabilità è anke di Leonardi cm suo AD, se ne deduce ke anke Melli cm team managjer di Ghirardi è estraneo a tutto. E ke proprio in disaccordo cn tutto quello che facjevano nn ha mai dato le dimissioni.
    #MARCELLODELLAPARMIGJANITA’
    #OIOISANDROMELLISEGNAPERNOI
    #PARMIGJANITA’ #MILF #MAJOCULANO #VIATRENTO #BLABLA #ESTSALAMINI

  • 14 Febbraio 2015 in 10:43
    Permalink

    Conferenza di Leonardi fatta per dire che lui c’è la messa tutta , che è stato bravo, che ha fatto il manager, che la proprietà decideva tutto, che è stato utile per il bene del Parma !

    Una azione, la sua, salvifica.

    Non è che la conferenza sia stata fatta in vista di azioni di responsabilità nel caso di procedure concorsuali ?
    A me pare sia cosi’.

    Mi sembra che abbia parlato più in questa prospettiva ( per pararsi lui !) piuttosto che ai media o a ai tifosi.

  • 14 Febbraio 2015 in 10:50
    Permalink

    Non ritiene Direttore che alla fine della suonata – ed in questo susseguirsi di cambi di proprieta’ – l’azione di responsabilita’ verso i vecchi amministratori possa essere una via di uscita :

    a) per non restare con il cerino acceso in mano ( e mi riferisco a Manenti);

    b) per non pagare dazio alcuno e magari rosicchiare qualcosa !

    Fantascienza ?

  • 14 Febbraio 2015 in 11:12
    Permalink

    oggi Majo sembra assente, secondo me è andato a rilassarsi 2 giorni a salso maggiore in vista della giornata di Lunedì…… 🙂

  • 14 Febbraio 2015 in 11:25
    Permalink

    Io sinceramente sono stanco di sentir parlare componenti o ex componenti della società, vecchia o nuova che sia, mi sono stancato di vederli scaricarsi le colpe uno con l’altro e di continuare a fare promesse. Si, è vero, forse i giornalisti potevano essere più “aggressivi” giornalisticamente parlando e ovviamente sempre nel lecito checchè se ne dica. Beh e cosa sarebbe cambiato?! avremmo solo sentito l’ennesima menzogna o l’ennesima colpa scaricata. A me ormai interessano solo i fatti, anche se sono settimane che lo diciamo e non si è ancora visto niente, intanto loro continuano a parlare e a raccontarci storielle, ma in fin dei conti ieri ci ha detto che “i tifosi sono il più bel patrimonio di questa società”. Beh del patrimonio si sono presi gioco per anni, anche economicamente parlando.

    • 14 Febbraio 2015 in 12:10
      Permalink

      “I tifosi sono il più bel patrimonio della città”…..infatti si è presentato a collecchio con la celere in anti-sommossa

  • 14 Febbraio 2015 in 11:40
    Permalink

    il direttore si …dovrebbe essere a salso maggiore.
    domani totti non gioca quindi partiamo non sfavoritissimi…
    stagione assurda che arrivi domani fuori un assurdo risultato in quel di roma??!!

    • 14 Febbraio 2015 in 11:54
      Permalink

      Non sono a Salso. Ero nella ridente Collecchio dove ha parlato Donadoni come più tardi vi riferirò, mentre tra poco sarà on line il video della conferenza

      • 14 Febbraio 2015 in 12:03
        Permalink

        a proposito delle dichiarazioni di Donadoni, quando dice che Manenti sta facendo un grande lavoro è un dato di fatto o è solo un modo di dire?

        • 14 Febbraio 2015 in 12:05
          Permalink

          ha anche aggiunto che attende i fatti… Penso sia quello il punto su cui casca l’asino…

          • 14 Febbraio 2015 in 13:01
            Permalink

            l’asino chi sarebbe io o Donadoni?? 🙂

  • 14 Febbraio 2015 in 11:40
    Permalink

    salve allora , io essendo fuori da sta faccenda non ci sto a capire una mazza però posso dire una cosa, prima di tutto Ghirardi ha fatto di tutto per vendere la società ( se fallite loro hanno delle grane e non poco ) può cambiare la società 100 volte può comprarla anche paperino ma vanno a prendere il responsabile di questo buco di bilancio. seconda cosa , lunedi questi non pagheranno è i giocatori non metteranno in mora la società come detto tanto ormai la serie a per voi è andata , anche perchè se volevano davvero pagare avrebbero già pagato , la cosa che non comprendo è come la società sia stata venduta da ghirardi proprio a ridosso del mercato e rivenduta a pochi giorni dopo la chiusura per di più in prossimità di una scadenza importanza come gli stipendi

    • 14 Febbraio 2015 in 11:54
      Permalink

      Non capisco questa convinzione reggiana (anche quel testa quadra di boni lo sostiene) per cui i giocatori non faranno la messa in mora. Proprio non capisco da dove ricaviate questa convinzione…

  • 14 Febbraio 2015 in 12:10
    Permalink

    Majo.. lasa ster el testi quedri!.. laviamoli in casa nostra e panni.. secon ti Boni le Normel?.. Direttore io ti faccio i complimenti perché sul Leo ci hai beccato!.. confermo che sei l’unico giornalista a Parma..per lunedì sono molto triste e da tifoso molto inca…to!

  • 14 Febbraio 2015 in 12:12
    Permalink

    .. i giocatori la faranno sta messa e per questo hanno tutta la mia approvazione!..il vaso di pandora si scoperchierà..e porremo fine a sta buffonata!

  • 14 Febbraio 2015 in 12:20
    Permalink

    La Lega ha già trovato i soldi per saldare i giocatori, quindi lunedì verrano pagati!!!
    Sarà serie B con buona pace della Gabriella e del suo figlioletto

    • 14 Febbraio 2015 in 12:23
      Permalink

      Scusa, eh? Ma non capisco perché mai dovrebbe essere la Lega a pagare i giocatori. Te l’ho già scritto mille altre volte: lasciamo lì di alimentare leggende metropolitane e cazzate che in giro ce ne sono già troppe. Perché mai la Lega dovrebbe pagare i giocatori del Parma? Lascia lì di scrivere cavolate o di fare il verso a Boni…

      • 14 Febbraio 2015 in 12:45
        Permalink

        vorrà dire allora che siccome quella brava persona di lotito non vuole il Carpi in serie A ci aiuterà lui a rimanerci…. a parte le battute caro direttore, che il sistema sia marcio ormai lo sanno hanno i seggiolini del Tardini quindi che ci possa essere un aiuto occulto dalla lega io non lo escluderei

      • 14 Febbraio 2015 in 12:56
        Permalink

        eh dai…second ti col ghe ande’ a fer in lega…

        o cacciano li sordi o salta il banco capisot o no ?

          • 14 Febbraio 2015 in 13:55
            Permalink

            e mica da oggi….
            ma non e’ che ci voglia einstein,e’ che a volte non capisco questa tua acredine nei confronti di certi pensieri peraltro ampiamente suffragati dai fatti,ti volevo ricordare che qui si campa di tv e adesso ci siamo venduti ai cinesi,ma potranno mai buttare dei soldi in un campionato dove una squadra non esiste piu’ ? riascoltati Lotito e leggi fra le righe noi come il carpi (magari) o il frosinone 😉

  • 14 Febbraio 2015 in 13:03
    Permalink

    Beh Majo mi stupisco di te, pensi davvero che permettano ad una squadra di ritirarsi a stagione in corso???? Falsando palesemente il campionato!!!!
    Torniamo un po’ sulla terra e diciamo le cose come stanno!!!!
    Ti ho già chiesto la Gabriella non è un po’ preoccupata per il suo pargolo???? Perché non tira fuori un po’ di pila????

    • 14 Febbraio 2015 in 13:18
      Permalink

      Se la Gabriella fosse stata preoccupata per il suo pargolo, penso che avrebbe evitato tutto il film che stiamo vedendo.

      Per quanto concerne il cosiddetto campionato falsato, non penso proprio che altri presidenti si auto-tassino per pagare i debiti di Ghirardi. Come lo giustificherebbero. Ripeto: lasciamo perdere le populiste considerazioni in stile Saltimbanco e stiamo coi piedi per terra. Se la Lega avesse voluto fare qualcosa in questo senso (che non vedo proprio come potrebbe giustificare, anche perché sarebbe un pericolosissimo precedente), poi, penso avrebbe evitato prima il deflagrare del caso. Quindi che arrivino i soldi dalla Lega io non ci credo affatto. L’invito a stare sulla terra, dunque, lo rivolgo io a te e a tutti quelli che credono a cose strampalate, quando la triste realtà è decisamente più semplice.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 14 Febbraio 2015 in 13:25
    Permalink

    Assio, Raffaello,
    diteglielo voi che la Lega ha già stanziato i soldi…se il parma fallisce a forza di ricorsi la serie A invece di passare a 18 passa a 22.

    • 14 Febbraio 2015 in 13:31
      Permalink

      Ma quali ricorsi? Lasciamo perdere il futuro: pensiamo al passato. L’Inter che c***o di ricorso potrebbe presentare, avendo giocato una partita indecente, riuscendo a perdere col Parma? Il campionato lo falsi pagando in luogo di un’altra squadra.

  • 14 Febbraio 2015 in 14:08
    Permalink

    Credo che ad oggi siano più preoccupati i soci, anche chi detiene solo un terzo delle quote, di Eventi sportivi ed il suo Amministratore Delegato, che Leonardi.
    In caso di fallimento del Parma il curatore si rivarrà sul proprietario che ha garantito la continuità considerando poi che molti crediti che vanta il Parma fc sono verso Eventi sportivi.
    E se Eventi sportivi non ha mai contestato la gestione del Parma fc, come sembra, Leonardi rischia poco, visto che in questi cinque anni la proprietà non gli ha mai contestato nulla.

    Con la riforma dei campionati in serie D non viene iscritto il Parma FC ma una società completamente diversa e quindi non può essere ripescata.
    Quindi sarà serie A o B con il Parma FC con qualcuno che ci mette i soldi o sarà serie D con un diverso nome, che spero non sia Crociati Parma visto che porta una sfiga pazzesca in tutti gli sport dove è stato utilizzato

    • 14 Febbraio 2015 in 14:13
      Permalink

      Io propongo, disinteressatamente, “Parma Calcio”

      Cordialmente

      Gmajo

      • 14 Febbraio 2015 in 14:35
        Permalink

        Si arrende anche lei Majo ? Allora perchè non dirlo chiaramente in un nuovo topic ben ragionato come lei sa fare quando vuole ? Perché non dire chiaramente in un articolo strutturato che lo sdentato è solo un millantatore per le mille ragione che tutti ormai abbiamo appurato. C’è un clima surreale nella stampa parmigiana, tutti lo sanno ma nessuno osa dirlo… come se la data del 16 fosse quella in cui il Principe azzurro darà a tutti il segnale di svegliarsi. Ok allora lo faccio io : OH SVEGLIA IL RE E’ NUDO !

        • 14 Febbraio 2015 in 14:41
          Permalink

          Io non ne sono ancora così convinto. Anche se è da folli pensarlo. Ma in questa storia non c’è niente di normale. Per cui spero ancora nel lieto fine

          Cordialmente

          Gmajo

          • 14 Febbraio 2015 in 15:32
            Permalink

            Ma lo afferma perchè ha dati oggettivi sotto mano o semplicemente perchè non ha più voglia di lottare, fiutare, analizzare, denunciare ? Mi permetta di dirle che comprendo la sua speranza in qualità di tifoso ma non è giusto che questa influenzi la sua verve giornalistica.

          • 14 Febbraio 2015 in 15:35
            Permalink

            Ho già abbondantemente spiegato come la penso: il Parma era già fallito, dal momento che Taci aveva dato ordine a Kodra, all’una di notte della domenica di Milan-Parma, di riferire questo a Leonardi. Per cui, a quel punto qua, è inutile tutto il resto: o ci si fida di lui, come da fortunato spot fattogli girare da Raimondi, o è fallimento. E ho già abbondantemente spiegato come ora anche questo sia tardivo per salvare la categoria, quindi è un danno in più per fornitori e dipendenti.

            Saluti

            Gmajo

      • 14 Febbraio 2015 in 15:09
        Permalink

        Io invece VERDI FC

  • 14 Febbraio 2015 in 14:14
    Permalink

    ..finalmente una persona che dice le cose come stanno!
    Bravo Adam Rollo!

  • 14 Febbraio 2015 in 14:53
    Permalink

    Leggendo tutti questi bei commenti mi rendo conto che il “verbo” di Boni – o in modo palese o sotto traccia – attecchisce più di ogni altra cosa, ben oltre ogni ragionevole previsione.

    Cosa sarà ?

    La forza dell’istrione oppure la risonanza mediatica di Calcio e Calcio ?

    • 14 Febbraio 2015 in 14:58
      Permalink

      Infatti la cosa è molto inquietante, specie quando il Saltimbanco spara delle corbellerie (cioè sempre…). In particolare, però, appunto perché attecchisce così tanto sul pubblico, dovrebbe avere la coscienza di non riferire cose inesatte, che poi fa dei danni incalcolabili.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 14 Febbraio 2015 in 14:54
    Permalink

    Direttore,

    a quanto pare nessuna notizia di pagamenti, predisposizioni o minchiate varie.. Oggi è sabato possiamo ufficiosamente dire che lunedì di soldi non ne arriveranno…Ho provato a sforzarmi di credere alla favola, ma di digerire il Manenti come una sorta di super eroe proprio non ne sono e non ne sarò mai capace…
    Io sono d’accordo con lei quando dice che il fallimento è la peggiore delle soluzioni per dipendenti e fornitori prima di tutto… ma guardiamoci negli occhi, allo stato attuale è o non è l’unico evento possibile?
    Cordialmente

    Gianluigi

  • 14 Febbraio 2015 in 18:04
    Permalink

    Secondo la sua lettura Majo,chi al fianco lo ha tradito,e sono diverse le frecciatine anche dai calciatori,è stato Ghirardi?in questo caso,secondo lei perché non raccontare di più sul passato,su questa frattura,sugli indirizzi dell’allora proprietà?

    • 14 Febbraio 2015 in 19:20
      Permalink

      Tempo al tempo… Il tempo è galantuomo.

      Tuttavia, proprio per quella onestà intellettuale che proprio ieri Leonardi mi ha pubblicamente riconosciuto, debbo sempre ricordare che c’era un armatore e un ammiraglio. E se a quest’ultimo non stava bene la rotta imposta, poteva benissimo abbandonare prima.

      Diciamo che i due – che il nostro lettore Dino Pampari, temporibus illis, aveva unificato in “GhiLeo” – sono andati avanti d’amore d’accordo per anni, prima che iniziassero a tirarsi dietro i piatti (a questo proposito: ma quanto tempo è che il Ghiro la mena con la “pesca a strascico”, come se i problemi derivassero tutti di lì… Del resto, poi, il Leo gli ha replicato ricordandogli la lungimirante gestione della retrocessione con i vari Lucarelli, Leon, Gasbarroni, Reginaldo etc.)

      Cordialmente

      Gmajo

  • 14 Febbraio 2015 in 22:59
    Permalink

    Leonardi levati dal cazzo!
    il Parma in d con i parmigiani.
    Hai rotto le palle, ormai di soldi per te a Parma non ce ne sono più.

    Che pena di uomo…
    40 minuti di merda e 20 poliziotti fuori a paragli il culo da un solo tifoso…

    I traditori?
    Melli in primis, ha avuto il coraggio di dire che persona è sto romano, ai boys sotto la nord.

    Majo forza, è ora di parlare chiaro anche di Leonardi, ormai la verità sta venendo a galla, le responsabilità di quello che sta vivendo la parma sportiva sono in gran parte da addebitare a questo romano dal fare subdolo…

    Pozzo a Udine quando Leonardi se ne è andato ha stappato le migliori bocce che aveva in cantina.

    • 14 Febbraio 2015 in 23:02
      Permalink

      Io quello che dovevo dire di Leonardi l’ho fatto intanto che tutti voi facevate a lingua in bocca con lui.

      Il Parma in D con in parmigiani? Certo e dipendenti e fornitori li ripaghi tu o gli altri geni che ti attorniano?

      Ma lasciate lì con slogan e ragionate da singoli con la testa sul collo e non da pecore!

      Saluti

      Gmajo

  • 14 Febbraio 2015 in 23:40
    Permalink

    “Tutti noi lingua in bocca a Leonardi”?
    che ne sa lei Majo?
    ma non era lei a dire che non bisogna fare del qualunquismo o fare di tutta l’erba un fascio? tutti noi chi?

    fino a prova contraria adesso è lei a infilare la sua lingua nel culo del romano…
    Oggi lo ha sentito o lo chiama un giorno si o un giorno no?
    lo sentirà domani.
    La chiama lui? tanto ha ancora le tessere telefoniche del Parma F.C.

    I geni che mi circondano, come sempre lei li definisce, mi hanno sempre detto che era uno sfigato d.o.c…
    io non ne ero convinto, ma credo che questi “geni” avessero pienamente ragione.

    Gli apprezzamenti nei suoi confronti e le autocelebrazioni le gradisce ma le osservazioni un pochetto più critiche le danno fastidio.
    Peccato, da una critica si può trarre del buono a volte.

    Tolgo il disturbo e lascio il suo spazio web all’intelletto di Velenoso e di tanti altri esperti di calcio nostrani.

    saluti

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI