LE PREOCCUPAZIONI DI DAMIANO TOMMASI AL CONFINE CON LA CALUNNIA: “CASO PARMA: SIAMO PREOCCUPATI PER IL RISCHIO CALCIOSCOMMESSE” – L’opinione di Majo

IMG-20150204-WA0003(gmajo) – Ammettiamo anche che Damiano Tommasi possa aver parlato a fin di bene, per cercare di ottenere, cioè, una migliore legislazione specifica per il futuro che eviti ulteriori casi Parma a tutela dei calciatori, di cui presiede l’associazione (cioè il sindacato), tuttavia trovo non solo fuori luogo le sue parole rilanciate dall’ANSA e che campeggiano in home page della Gazzetta dello Sport, ma anche oltremodo offensive e calunniose per quelli che sono comunque dei suoi iscritti. Vieppiù al lume della sua recente visita a Collecchio, laddove ha illustrato il procedimento della “messa in mora”. Egli, dunque, vuol forse dire che quando è entrato ad Alcatraz ha sentito puzza di bruciato? Capisco che sia logico fare il ragionamento se non prendo lo stipendio mi arrangio in un qualche modo a trovare i soldi, però correlare questo tipo di rischio ai giocatori del Parma – peraltro allenati da Roberto Donadoni, uditore alla recente riunione pocanzi ricordata – a meno che non abbia delle prove della loro presunta malafede a mio modo di vedere è inaccettabile. Anche perché il segretario dell’AIC non stava parlando in generale, ma appunto dello specifico caso del Parma.  «Giocando in situazioni così di emergenza e di acclarata difficoltà economica il rischio è quello di rientrare in vicende poco gratificanti per il mondo dello sport legate a risultati non corretti e quindi mettersi a rischio diventa veramente difficile per i singoli giocatori». Visto, (prosegue il dispaccio dell’ANSA con le parole di Tommasi raccolte a margine della presentazione dell’Accordo di Programma per la promozione delle politiche di integrazione nello sport siglato con il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) «quello che è successo negli anni scorsi e purtroppo sta succedendo ancora a livello internazionale legato alle scommesse ed alla regolarità dei campionati c’è preoccupazione». Per questo, dunque: «Siamo seriamente preoccupati. E’ una situazione che è intollerabile nella serie A di oggi. Con i contratti tv che ci sono e la programmazione che dovrebbe essere pluriennale». Il servizio della Gazzetta dello Sport si conclude con un passaggio importante dell’intervento di Tommasi, che in questo caso sottoscrivo in toto, specie la parte evidenziata in neretto:Abbiamo visto che le norme che ci sono non sono sufficienti per evitare che una squadra arrivi a febbraio ed abbia pagato una sola mensilità da inizio stagione, una società di Serie A non potrebbe neanche permettersi di saltare un mese. Bisogna essere più restrittivi visto che si parla di realtà che da un punto di vista economico sono garantite da contratti importanti”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

108 pensieri riguardo “LE PREOCCUPAZIONI DI DAMIANO TOMMASI AL CONFINE CON LA CALUNNIA: “CASO PARMA: SIAMO PREOCCUPATI PER IL RISCHIO CALCIOSCOMMESSE” – L’opinione di Majo

  • 4 Febbraio 2015 in 18:49
    Permalink

    Sarebbe meglio pensassero a quello che è successo finora, Parma o non Parma. Buffoni.

  • 4 Febbraio 2015 in 18:57
    Permalink

    ma ascolta bene cio’ che ha detto ta miga fer l’edicolante anca ti

    • 4 Febbraio 2015 in 19:02
      Permalink

      Io ho letto quello che c’è scritto nel dispaccio ANSA che collima con quanto scritto dalla GDS. Ed è offensivo accostare il rischio calcio scommesse al Parma: la prossima volta lo tenessero fuori dallo spogliatoio! E che cavoli. Già non pigliano lo stipendio e per di più debbono sentirsi accostare questa infamia. L’unica cosa sottoscrivibile è il fatto che è assurdo in serie A che paghino ogni tre mesi. Gli stipendi vanno pagati alla fine di ogni mese. Anche per evitare che poi ci sia gente che sproloqui alla tv satellitare spiegando di non aver pagato stipendi perché è un investimento a perdere.

      Saluti

      Gmajo

      • 4 Febbraio 2015 in 19:17
        Permalink

        ah ecco,quindi se il parma lo danno vincente a 100 e’ colpa di tommasi,lo sanno anche i giaroni che e’ un campionato falsato per colpa del parma fc (rip) quindi bisogna stare zitti e chiamarla mafia

        • 4 Febbraio 2015 in 19:20
          Permalink

          Assioma la stai facendo fuori dal vaso. Un conto sono le scommesse regolari, un conto il calcio scommesse.

          E il campionato non è affatto falsato: il Parma ha perso con tutti (o quasi…) quindi ha applicato la par condicio.

          Ma piantiamola con questi luoghi comuni del campionato falsato…

          • 4 Febbraio 2015 in 20:23
            Permalink

            ah li chiami luoghi comuni eh ?

            un po come i bagni di sangue

            o come quelli del giudice di cremona

        • 4 Febbraio 2015 in 21:41
          Permalink

          Ha ragione MAjo al 100%, per ora è stata par-condicio. Non è falsato il campionato, semmai sono i Bookmaker che saranno in difficoltà. Se quotano il Parma a 10 e il Parma (me lo auguro anche se è difficile) inizia ad ingranare e vince loro ci smenano i soldini. In più non calcolare solo 1X2, ci sono gli Over e qui il Parma sarà una mina vagante. Troppi soldi girano.. Io mi fido dei giocatori, almeno quello concedimelo, concedicelo, concediglielo! Adesso mi aspetto solo che salti fuori qualche buontempone con la teoria del complotto; tipo che ingenti somme di denaro sono state scommesse a Settembre sulla retrocessione de l Parma , tipo quando questo era quotato @15/20…. E magari questi ingenti spostamenti di denaro fossero stati scommessi dalla Russia, ovvero Cipro, ovvero dall’Albania.

  • 4 Febbraio 2015 in 18:59
    Permalink

    Come è reattivo Leonardi! Non è che magari sia d’accordo con Tommasi?
    sveglia Pietrone!

      • 4 Febbraio 2015 in 19:10
        Permalink

        Magari controbattere a quelle che giustamente definisci infamie sarebbe opportuno. ormai Leonardi non sa neanche più scrivere?

        • 4 Febbraio 2015 in 19:17
          Permalink

          Io lascerei perdere fossi in lui. Piuttosto sarebbe meglio replicasse il capitano… Magari raccogliendo le firme di tutta la squadra, lui che è così bravo in queste cose…

          Cordialmente

          Gmajo

  • 4 Febbraio 2015 in 19:00
    Permalink

    lo sanno anche i sassi che e’ un campionato irregolare per colpa nostra,cosa doveva dire che e’ contento che il parma scenda in campo per onor di firma ?

  • 4 Febbraio 2015 in 19:01
    Permalink

    poveraccio..e questo dovrebbe essere colui che li tutela?complimenti!ps. ho letto poc’anzi il comunicato dei boys in merito ad istruzioni relative a modalità di protesta che daranno dopo la partita di domenica..adesso ci si mettono anche loro a fare i misteriosi..andiamo bene. Non potrebbero dirlo subito cis hanno in mente di fare così uno si organizza?mah

    • 4 Febbraio 2015 in 19:02
      Permalink

      va di moda così. Comunque i miei talponi ve lo sveleranno in anticipo…

      Sperando che non ci sia da protestare…

      • 4 Febbraio 2015 in 19:29
        Permalink

        Pensi no ci sarà da protestare perché entro domenica tutto sarà risolto? Vendita società?

          • 4 Febbraio 2015 in 19:51
            Permalink

            Secondo me sei al corrente che a breve ci sarà un incontro tra le parti….. il famoso è da te già detto io la va o la spacca

          • 4 Febbraio 2015 in 20:03
            Permalink

            lascia stare gli annunziati incontri che non c’entrano una benedetta mazza

          • 4 Febbraio 2015 in 19:58
            Permalink

            Novità potrebbero esserci a breve dopo l’incontro di stasera di Taci e il suo staff che ha annunciato teleducato?

          • 4 Febbraio 2015 in 20:15
            Permalink

            Non parlo degli annunziati incontri, mi sono spiegato male….. presumo che tu sappia che a breve ci sarà un incontro tra i nuovi acquirenti e gli attuali proprietari

  • 4 Febbraio 2015 in 19:04
    Permalink

    ok, quindi cosa propone Tommasi? cioè i casi sono 2 (nel caso del Parma) : o bloccavi la squadra ad Agosto, ma in quel caso le pay tv protesterebbero in modo energico, o istituisci un fondo d’emergenza per pagare uno stipendio minimo ai calciatori fino a fine stagione, addebitando poi la cifra totale alla società morosa.

    • 4 Febbraio 2015 in 19:19
      Permalink

      Il sistema delle “obbligatorietà” fa acqua da tutte le parti. Lo stipendio va pagato ogni mese, non ogni tre !

      E poi bisognerebbe meglio ancorare i diritti tv con gli stipendi dei giocatori… (operazione di più complicata riuscita rispetto al piano C2…)

      Cordialmente

      Gmajo

      • 4 Febbraio 2015 in 19:29
        Permalink

        in che senso ancorarli?
        basterebbe abolire la possibilià di farsi anticipare quelli delle stagioni successive come ha fatto qualche oslone

        • 4 Febbraio 2015 in 19:46
          Permalink

          intendo una veicolazione diretta dai brodcaster ai calciatori…

          • 5 Febbraio 2015 in 12:30
            Permalink

            d’accordo, ma sostituirei la parola “calciatori” con la parola “creditori” (sia dipendenti che fornitori) altrimenti siamo alle solite, si spendono soldoni per raggiungere risultati sportivi ma si continuano a piantare chiodi a destra e a manca…

  • 4 Febbraio 2015 in 19:27
    Permalink

    Potrebbe esserci qualcuno del campo dei motori tra il suo piano c2?

    • 4 Febbraio 2015 in 19:45
      Permalink

      no. quello è nel piano d 2 del gruppo gdp upi

  • 4 Febbraio 2015 in 19:29
    Permalink

    Tommasi….Quello che ha fatto fare sciopero ai calciatori… Mi fermo qui…

  • 4 Febbraio 2015 in 19:41
    Permalink

    Secondo me Majo non ha colto il senso delle parole di Tommasi..Io penso che lui proprio per tutelare i calciatori del Parma e essendo sicuro della loro professionalità, essendo consapevole dell’indebolimento sconcertante nel mercato di gennaio della squadra è come se avesse detto: se ci fossero puntate esorbitanti sulle sconfitte del Parma sappiate che i calciatori del Parma non c’entrano niente, ma guardate l’assurda pochezza tecnica della squadra, ridotta a giocare in serie A con quasi la primavera. Lo ha detto con molto anticipo proprio per tutelare i giocatori del Parma..

    • 4 Febbraio 2015 in 19:47
      Permalink

      nn penso intendesse quello. nel caso è espresso male. e comunque leggendo le sue parole trovo maggiormente calzante la mia interpretazione

  • 4 Febbraio 2015 in 19:48
    Permalink

    Piano A B C C2 D ora D2 direttore stiamo esagerando con i piani a quando l’ascensore? 🙂

  • 4 Febbraio 2015 in 19:58
    Permalink

    Tommasi, faccia da prete, atteggiamento da…lasciamo perdere. Sbaglio o lui faceva parte di quella Roma che regalava Rolex agli arbitri?

    Cosa mi dice il signor Tommasi a proposito di tutti quei risultati strani che puntualmente hanno luogo alla fine di ogni stagione calcistica italiana? Non ha nulla da dire in tal senso? Ci son state squadre (Genoa e Napoli) che hanno raggiunto la promozione diretta dalla B alla A con un pareggino-biscotto che più biscotto non si poteva. Nessuno osò aprire bocca, anzi si celebrava il ben noto gemellaggio e la grossa cifra tecnica delle due squadre in questione. E che importa poi se la quarta, per colpa di quel pareggio, vide svanire il sogno dei playoff.

  • 4 Febbraio 2015 in 20:10
    Permalink

    grande majo…sguinzagli i talponi e ci anticipi cosa hanno in mente i boys!!

  • 4 Febbraio 2015 in 20:15
    Permalink

    Ma negli incontri che i BOYS hanno tenuto in questa settimana con Kodra e Pizzarotti, come si legge dal loro comunicato, cosa si sono detti?…perché il comunicato non rivela niente.

  • 4 Febbraio 2015 in 20:18
    Permalink

    Direttore, qualche ora fa ha detto che le possibilità di buona riuscita sono più che risicate…. dopo qualche ora , è stato fatto qualche passo avanti?

    • 4 Febbraio 2015 in 20:43
      Permalink

      non mordiamo il freno, giacché nonostante predichi calma vedo che le illusioni crescono…

  • 4 Febbraio 2015 in 20:34
    Permalink

    Comunicato dei Boys1977:

    Andiamoci a riprendere il Parma! PDF Stampa E-mail
    Mercoledì 04 Febbraio 2015 18:52
    Nel corso di questa settimana abbiamo avuto modo di parlare con vari personaggi dell’ambiente crociato, sia interni che esterni alla società, tra cui il presidente Kodra ed il primo cittadino Pizzarotti.

    Riteniamo che sia doveroso condividere con la Curva e la tifoseria intera quello di cui siamo a conoscenza, spiegando all’ambiente crociato la strada che vogliamo intraprendere insieme a tutti i tifosi.

    Dobbiamo essere uniti in questo, abbiamo il dovere di fare fronte comune, noi che siamo l’unica certezza di Parma in questo momento di estrema instabilità. Dobbiamo pretendere oggi o mai più che venga fatta chiarezza in questo ginepraio di debiti e di mezze verità, dobbiamo fermare questo assurdo teatrino, facendola pagare senza sconti a chi ha distrutto il Parma FC e soprattutto paghi chi ha tradito i tifosi.

    Quando si sente parlare del “male del calcio”, in pochi colgono la vera essenza di questo concetto: la vera malattia, il marcio del pallone sono i presidenti e i dirigenti, che si prendono gioco dell’amore incondizionato dei tifosi verso i propri colori e la propria città, che giorno dopo giorno spremono le società fino all’ultimo centesimo raccontando menzogne, arrivando a situazioni disperate come quella del nostro Parma. Al confronto di questi personaggi, cancro dello sport più bello del mondo, gli Ultras sono un banale raffreddore, con in più la sostanziale differenza che noi non siamo una malattia, ma siamo MALATI DEL PARMA!

    Come successo domenica scorsa contro il Cesena chiediamo a tutti i tifosi di fermarsi in curva, in questo frangente oltre a spiegare la nostra presa di posizione, vorremmo preannunciare al resto della comunita le iniziative da intraprendere affinchè questo carrozzone venga fermato, alcune iniziative potrebbero avere inizio anche subito dopo la chiacchierata; per questo l’appuntamento, per chiunque tenga al Parma e voglia uscire da queste sabbie mobili, è dopo la partita in Nord. Non mancare, adesso o mai più, per il Parma e soprattutto per NOI!

    FUORI I MERCANTI DAL TEMPIO, IL PARMA AI PARMIGIANI

  • 4 Febbraio 2015 in 20:37
    Permalink

    E poi, ancora, dove era Tommasi quando noi si faceva la pesca a strascico, che è uno dei motivi (non l’unico) per cui adesso siam messi male?

  • 4 Febbraio 2015 in 20:59
    Permalink

    Padre tommasi invece di parlare di scommesse non poteva usare un po di diplomazia e essere meno brutale nelle sue affermazioni poi corrette? A dicembre mi pare che la covisoc stesse monitorando il passaggio di proprietà. È così? O è stato fatto tutto con sufficienza?

    • 4 Febbraio 2015 in 22:51
      Permalink

      Emanuele, ma ci rendiamo conto di chi stiamo parlando? Di gente che lecca i piedi sempre e solo ai soliti club…di gente che gonfia il petto contro una piccola realtà come quella del Parma…di gente che permette che sempre e solo nei soliti stadi possano esplodere petardi e bomboni manco fossimo in Ucraina senza che le partite vengano perse a tavolino…

      Sarò masochista, stupido o dite come vi pare, ma per me per certi versi è una benedizione se la mia squadra del cuore non sarà più in Serie A, e cioè in mezzo a tutta la merda che circola in Serie A. Per tacere del fatto che a volte mi sento uno stupido a seguire uno sport in cui le prime tre posizioni della classifica debbano essere determinate non solo dal campo, ma anche da parametri/fattori economici.

      Ma ci rendiamo conto di chi e di cosa stiamo discutendo? Nel basket realtà potenti come Siena, Treviso, Bologna Virtus e Bologna Fortitudo, tanto per fare i primi nomi che mi vengono in mente, sono state spedite all’inferno quando è stato il caso. E solo una di queste quattro per ora naviga, peraltro in malomodo, nel basket che conta. Nel calcio, invece, una grande che per puro caso riparte dalla C, te la ritrovi in Champions tre anni dopo…quando si dice la progettualità di alcuni club, vero?

      Non sai quante volte mi sono pentito di aver occupato un sacco di domeniche con lo stadio invece che con attività un pizzico in più gratificanti…per vedere cosa, poi? Uno spettacolo in cui, diciamocelo chiaramente, tutti sanno già chi deve vincere…e tutti sanno già chi deve arrivare dietro. Ma scherziamo?

      Che vadano a quel paese Tommasi e tutti quelli come lui.

  • 4 Febbraio 2015 in 21:19
    Permalink

    Tommasi l ha pestata grossa e l ho detto già oggi pomeriggio appena letta la notizia. La retromarcia successiva rende ancor più evidente che le dichiarazioni iniziali sono state infelici.
    Invece di arrampicarsi sugli specchi avrebbe fatto maglio a scusarsi.
    Se poi ci tiene così tanto al problema Parma visto il ruolo che (purtroppo) ricopre dovrebbe sollecitare le opportune verifiche sulla cessione a lega e figc.

    Avevo letto che è saltato l incontro in municipio, ora il sindaco cosa intende fare? Aspetta di essere convocato a Tirana o prende qualche iniziativa?

  • 4 Febbraio 2015 in 21:21
    Permalink

    Se posso replicarle, Tommasi sa benissimo che i giocatori coinvolti negli anni passati in vicende di calcioscommesse erano in squadre che ricevevano stipendi regolari..Ha parlato di divario tecnico perché all’inizio del discorso ha citato il rischio che scendesse in campo la primavera..Almeno nel silenzio di tutti gli organi del calcio è stato l’unico a Parlare pubblicamente della situazione del Parma.

    • 5 Febbraio 2015 in 05:18
      Permalink

      No, secondo me. Tommasi è uno che pubblicamente ha calunniato e insultato gli attuali calciatori del Parma e il Parma nel suo complesso. Ripeto: se vuole vedere nel marcio del calcio italiano, non si preoccupi solo del Parma, ma vada a farsi un giro (oltre che a quel paese) anche nelle prime tre o quattro posizioni della massima serie.

      A proposito…che fine ha fatto quella storia fatta di evasione fiscale e frodi dietro le operazioni di compravendita degli atleti che avrebbe dovuto coinvolgere tutta la passata Serie A ad esclusione di Bologna e Cagliari?

    • 5 Febbraio 2015 in 07:49
      Permalink

      Comunque anche quelli della primavera hanno il diritto di mettere in mora la società, non sono degli schiavi

  • 4 Febbraio 2015 in 23:40
    Permalink

    Tommasi è un volpone… E chi è che pagherebbe giocatori di una squadra retrocessa a metà campionato per truccare una partita!?

  • 5 Febbraio 2015 in 07:02
    Permalink

    Scandalosa la Gazzetta dello Sport di questa mattina, come da diverso tempo a questa parte. Fa la morale dopo che per anni non ha aperto bocca sulla reale situazione economica del Parma e ha anzi fatto da megafono alla politica virtuosa di Ghirardi. Ricordo ancora quel pezzo in cui di noi si diceva che potevamo diventare l’Ajax della via Emilia.

    Scandaloso il pezzo di Condò, il quale si sveglia solo adesso e solo adesso si rende conto del fatto che forse il nostro calcio dovrebbe prendere esempio dal modello di gestione della NBA, cosa che io vado ripetendo almeno da quando frequento questo sito.

    Dell’articolo di Schianchi salvo, invece, solo la parte in cui sostiene che “gli uo­mi­ni della Pro­cu­ra della Re­pub­bli­ca di Parma e quel­li della Guar­dia di Fi­nan­zia sono al la­vo­ro da tempo. Ipotiz­za­no che qual­co­sa di stra­no, a Col­lec­chio e din­tor­ni, stia suc­ce­den­do. O sia già suc­ces­so”. Per il resto, visto che ha scritto che difficilmente la società pagherà gli stipendi e considerato che conseguentemente ci sarà la messa in mora del club da parte dei calciatori, se si pensa che da quando è iniziato questo incubo il signor Schianchi ne ha indovinate pochissime, non ci resta che tirare un sospiro di sollievo di fronte al suo articolo.

    Comunque, chissà se interventi di tale caratura morale la Gazzetta riuscirebbe a produrli anche in presenza di guai per le presunte big del nostro calcio. Ne dubito, considerando la schiena dritta (come no) di questo giornaletto da due lire.

    • 5 Febbraio 2015 in 08:36
      Permalink

      Schianchi è una bandiera logora ma che sventola velocemente da una parte all’altra…nella conferenza del 19dicembre si è proposto come capopopolo ma per me potrebbe far gruppo solo con Enrico Boni.
      Ormai leggo la gazzetta solo per occupare il mio tempo al bar…online ieri mi hanno bocciato un commento per toni eccessivi solo perchè in maiuscolo HO DENUNCIATO IL PARLARE A VANVERA DI ALCUNI GIORNALISTI CHE PARLANO PER DARE ARIA ALLA BOCCA..MENTRE IN CITTà CI SONO GIORNALISTI MOLTO PIù OCULATI CHE SI DANNO DA FARE…

      Ieri a Sportitalia Criscitiello e compagnia bella sentenziavano da veri ignoranti con dati casuali sulla situazione del parma! E’ PER QUESTO CHE SIAMO LA BARZELLETTA D’ITALIA!

      DIRETTORE CI SONO NOVITà? è STATA UNA NOTTE INTENSA?LA NEVE PORTERà BUONE NUOVE?

    • 5 Febbraio 2015 in 09:42
      Permalink

      Secondo me quello di Condò è un articolo che ci può stare perchè il sistema effettivamente è molto criticabile al di là della questione Parma.
      Diverso la questione Schianchi, si diverte a tirare sempre in ballo il crac parmalat ma a parte lo sfondo non vedo molte analogie. Strano il riferimento alla gdf e a presunti controlli in corso, solitamente fanno dei blitz nelle sedi sociali per acquisire documenti. Inconcepibile invece il riferimento ai presunti cento mil di debiti, o si tirano fuori numeri effettivi con relativi riscontri oppure inutile sparare cifre a caso

  • 5 Febbraio 2015 in 08:48
    Permalink

    Buongiorno Majo, ho letto adesso del cosiddetto piano c2 e volevo farle una domanda a riguardo. Giordano in conferenza ha chiaramente detto che la nuova proprietà si sarebbe manifestata tra fine gennaio e inizio di marzo, quindi le chiedo: non è possibile che il piano c2 sia in realtà il piano iniziale? Non è che tra c2 e taci ci sia un collegamento fin dall’inizio? Spero di essermi espresso chiaramente o comunque in maniera non troppo contorta 🙂

    • 5 Febbraio 2015 in 08:54
      Permalink

      chiarissimo.
      no sono due cose ben distinte.
      saluti
      gmajo

      • 5 Febbraio 2015 in 09:04
        Permalink

        Direttore ci comunichi queste novità…

        • 5 Febbraio 2015 in 09:26
          Permalink

          se e quando ci saranno non mancherò di farlo.
          adesso scusatemi se per un po’ sparisco…
          cordialmente
          gmajo

  • 5 Febbraio 2015 in 09:15
    Permalink

    DIRETTORE CI DIA QUALCHE BUONA NOTIZIA

  • 5 Febbraio 2015 in 09:16
    Permalink

    Le novita’ ci sono, oggi mancano 10 giorni, e tutto è rimasto al 19 dicembre 2014, sempre grazie Ghiro!!! Adesso è facile sentire i vari orlandini, schianchi, milano, piovani, gallerani, ampollini, fare i leoni alla tv, quando fino a ieri hanno leccato il culo al ragazzotto viziato di carpenedolo. Onore a Majo per la sua coerenza e per aver sempre detto le cose come stavano senza paura di perdere un posto allo stadio gratuito, come la maggior parte delle persone citate. Se sarà fallimento spero lo sia anche per tutte queste persone, con un nuovo ciclo sia sportivo che televisivo e comunicativo.

    • 5 Febbraio 2015 in 09:24
      Permalink

      grazie, ma lasciamo stare i colleghi.
      speriamo di evitare la jattura anche alla faccia di chi sta dando il parma per morto. incrociate le dita di mani e piedi come suggerisce una ritrovata cara amica…
      cordialmente
      gmajo

  • 5 Febbraio 2015 in 09:23
    Permalink

    Majo non ricordo se gliel’avevo già chiesto, ma non lo trovo in nessun topic. Non è che la pista che sta battendo sempre quella in fase nemmeno embrionale che aveva accennato giorni fa? Se si, vuol dire che ora è passata di livello ed è in fase almeno embrionale? Oggi mi aspetto che si sbilanci un pò di più, altrimenti finirà sommerso nuovamente da mille ipotesi e domande!Secondo me le conviene!!Novità sull’iniziativa dei Boys?

    • 5 Febbraio 2015 in 09:32
      Permalink

      come spiegavo prima l’operazione in ballo è totalmente svincolata da precedenti tentativi, non ho idea al momento della iniziativa dei boys ma spero con tutto il cuore che possa venir superata.
      ora però come dicevo debbo assentarmi per un po’ per cui non potrò tenere il dialogo con i lettori.
      spero che ci ritroveremo presto
      gmajo

  • 5 Febbraio 2015 in 09:33
    Permalink

    Quindi la mattina è buona

  • 5 Febbraio 2015 in 09:42
    Permalink

    salve ragazzi, sono napoletano e grandissimo tifoso del parma, e come voi sto soffrendo molto questa situazione. Nonostante cio’ la speranza è l’ultima a morire, quindi io credo e spero che qualcosa di buono lo vogliano fare. Sembra strano ma credo ancora alla salvezza perche’ bastano due vittorie di fila per far risalire il morale a mille. Saluti al direttore. Alfonso da napoli

    • 5 Febbraio 2015 in 10:06
      Permalink

      Alfonso, l’amore è amore, in ricchezza e povertà l’importante è stare vicini, Forza crociati!

  • 5 Febbraio 2015 in 10:07
    Permalink

    NON FACCIAMO GLI GNORRY TOMMASI HA RAGIONE L HA FATTO ANCHE PER DIRE RAGAZZI NON FATE STUPIDATE VISTO CHE SIETE IN QUESTA SITUAZIONE CHE VI ” OSSERVIAMO ” COME UN AVVISO A RIGARE DRITTI E CI STA …….POI IL MONDO E’ ROTONDO SIGNORI AL SIENA IL PRESEDENTE SCOMMETTEVA CONTRO LA SUA SQUADRA ALL ATALANTA IL CAPITANO SCOMMETTEVA E VENDEVA LE PARTITE POI CI SONO I PURI COME BUFFON CHE NON SCOMMETTE MILIONI DI EUR MA LI IMPRESTA AL SUO AMICO TABACCHINO DOVE SI FANNO SCOMMESSE DI PARMA ( MA LUI E’ BUFFON HA UN ALTA MORALITA’ E NON SCOMMETTE )

    QUALUNO PUO’ METTERE LA MANO SUL FUOCO SULLA NUOVA GESTIONE ? SULLE SUE VERE MOTIVAZIONI A CAMPERARE IL PARMA CALCIO ? INSOMMA DA DIRE CE NE SAREBBE COME PER ESEMPIO SE IL CHIEVO RETROCEDE PER 2 PUNTI ALLORA NON E’ FALSATO IL CAMPIONATO ? O SE INTER E FIORENTINA NON VANNO IN EUROPA PER CAUSA DI QUELLE DUE SCONFITTE UN PO’ DI RAMMARICO CI SARA’ INFINE A DIMOSTRAZIONE CHE TOMMASI NON HA DETTO CAZZATE CI SCOMMETTETE CHE FRA UN PO’ IL PARMA LO TOLGONO DALLE SCOMMESSE ?

    • 5 Febbraio 2015 in 16:16
      Permalink

      Allora è legittimo anche dichiarare che in questa situazione i cuochi ed i giardinieri sono potenziali rapinatori o scippatori perchè non prendono lo stipendio. Io non mi permetterei.

  • 5 Febbraio 2015 in 11:21
    Permalink

    vai a paglia lillo

    • 5 Febbraio 2015 in 13:34
      Permalink

      Ci andiamo assieme se vuoi return………. scordavo gli amici di signori erano albanesi……ma tho ……….che caso

  • 5 Febbraio 2015 in 11:41
    Permalink

    Se il parma nn ne vince una il campionato nn e’ falsato tutti fanno 6 punti……
    Non docismo C……
    Il campionato e’ falsato se una grande nn prende ammonizioni e una piccola x lo stesso fallo si e caputa spesso che se uno piccola la pertita successiva incontra una grande di solito si prende amminizioni con piu’ facilita’……

    • 5 Febbraio 2015 in 12:49
      Permalink

      Parole sante. Ma tanto che importa ai potenti del calcio, no? Ahhhhh…non vedo l’ora che arrivi il giorno in cui il calcio italiano farà bancarotta. Sarà un piacere vedere tanta gente non sapere dove infilare la propria lingua e non parlare più di bacini di utenza. Non vedo l’ora!

    • 5 Febbraio 2015 in 13:36
      Permalink

      Si ma ne ha vinte 3 una con il chievo che potrbbe retrocedere propio per pochi punti

    • 5 Febbraio 2015 in 13:40
      Permalink

      Ma il parma ne ha vinte 3 non le hs perse tutte se fossi del chievo e retrocedo wualche dubbio lo avrei non se fossi del cesena

      • 5 Febbraio 2015 in 14:48
        Permalink

        MA CHI SE NE FREGA DEL CHIEVO!!! Se il Chievo e la Fiorentina hanno perso col Parma mentre le altre hanno vinto, vuol dire che non sono stati capaci di batterci e quindi meritano di retrocedere. punto.

  • 5 Febbraio 2015 in 12:08
    Permalink

    CALMA APPARENTE?

  • 5 Febbraio 2015 in 12:49
    Permalink

    majo una domanda su questo servizio di Angella, ma le rassicurazione che riporta lo ha fatto solo per dovere di cronaca o crede che sia vero che saranno saldate le pendenze entro il 16?

  • 5 Febbraio 2015 in 14:13
    Permalink

    Ma di quale servizio sta parlando???
    Rassicurazioni???

    • 5 Febbraio 2015 in 14:26
      Permalink

      guarda l’articolo precedente a questo, c’è il servizio di Angella andato in odnda ieri.

  • 5 Febbraio 2015 in 14:15
    Permalink

    Non credo che si stiano accusando i giocatori del parma, ne che ci sia un calcio scommesse.
    Ritengo che la preoccupazione sia che oramai, parma spacciato, over e quant’altro per molti possa diventare una possibilità.
    putroppo nessuno interviene, o chi doveva intervenire lo farà troppo tardi.
    con l’ultima frase non mi riferisco alle scommesse, ma alla situazione del parma.
    gli stipendi non sono da pagare ogi tre mesi ma ogni mese.
    i dipendenti non giocatori, sono ancora più da tutelare.
    I tifosi, sia quelli che hanno fatto l’abbonamento, che quelli che vanno a vedere le partite e tutti quanti in generale sono da tutelare. Assurdo che neanche con la denuncia di Cassano, quindi con il problema sbattuto in prima pagina sui giornali non ci sia ancora nessuno delle istituzioni che si faccia avanti per chiarire e indagare.
    Sinceramente mi dispiace, tutto così assurdo e irreale che una persona normale non può concepire gli ultimi avvenimenti

  • 5 Febbraio 2015 in 14:19
    Permalink

    Scusate c’è qualcuno che riesce a far smettere / controbattere Schianchi ora in onda su radio parma!!!!!!! Non può fare accuse e poi uscirne dicendo che non ha le prove finchè non vedi i numeri!!!!!!!!! Non so voi ma non ne posso più…….

  • 5 Febbraio 2015 in 14:25
    Permalink

    Ragazzi è inutile che chiedete…il direttore da buon giornalista professionista…anche se sapesse qualcosa è ovvio che se la tiene e la dice stasera a calcio e calcio!

  • 5 Febbraio 2015 in 15:00
    Permalink

    SI DICE LA VERA NOVITA’ CHE LA PROCURA E LA FINANZA HANNO APERTO UN FASCICOLO SUL PARMA CALCIO QUESTA E’ LA VERA NOVITA’ ALTRO CHE PIANO C ADESSO C E IL PIANO F GAME OVER IL VERO MOTIVO PER CUI TACI HA PRESO LA SOCIETA’ LO SPIGHERANNO LORO FINANZA E PROCURA A QUANTO PARE ………E SMETTIAMOLA DI PARLARE PIACO C MA PER FAVORE CHI VOLETE CHE COMPERI UNA MONTAGNA DI DEBITI A FRONTE DI PARCO GIOCATORI CON VALORE NULLO E UN TITOLO SPORTIVO DI SERIE B ( NON SERIE A )

    • 5 Febbraio 2015 in 15:09
      Permalink

      Senta, le illazioni non provate diffuse da altri (i medesimi che davano già per pagati gli stipendi da Taci) non mi interessano affatto. E poi il chiacchiericcio sui fascicoli aperti c’è da prima ancora che acquistasse Taci, non è certo la novità del giorno. Poi io prima di scrivere una notizia non ufficiale di quel tipo ci starei ben attento.

      Per quanto concerne invece altri piani, sono personalmente a conoscenza di cosa sta accadendo: quindi non le permetto di venire qui a darmi del babalano. Chiaro? Ovviamente non so se andrà a buon fine o meno – e già avevo ampiamente specificato che si tratta di qualcosa di estremamente difficile – però che ci sia in corso un tentativo quello corrisponde a pura realtà, così come a suo tempo c’erano i qatarioti. Poi se Ghirardi fu obbligato a scegliere Taci, o fu libero di scegliere Taci, è un altro discorso.

      Ma non si permetta di venire qui a mettere in dubbio la mia parola, specie contrabbandando il chiacchiericcio di altri.

      Ho risposto a lei perché mi hanno dato oltremodo fastidio le sue parole, offensive della mia professionalità. Ora torno in silenzio, fino a quando non avrò notizie buone o cattive da riferire, appunto perché sono una persona seria.

      Al lettore che mi dice che aspetto Calcio & Calcio stasera per esternare le novità dico che si sbaglia per il semplice fatto che StadioTardini.it ha ovviamente la precedenza.

      Cordiali Saluti

      Gabriele Majo, direttore responsabile stadiotardini.it

      • 5 Febbraio 2015 in 15:58
        Permalink

        Proprio perché e’ una persona seria ,ammesso e premesso che nessuno ha offeso la sua professionalita’ , sono contento che non accenna piu’ al PIANO C perché come leggera’ molta gente si stava illudendo quini se il mio scritto la fara’ soprassedere sul piano c non mi dispiace di aver scritto ( mi spiace che si senta offeso ) ma concordera’ che e’ una cosa totalmente irrazionale lei correttamente ha più volte scritto che e’ difficile eccc ma vedo che molti continuano a credere e a chiedere soperanzosi ,la cosa stava diventando molto grossa penso di averle fatto un piacere averla fatta arrabbiare ,cazziare me e promettere che adesso non parla piu’ della cosa ( anche altri opinionisti iniziano a parlare della cosa tutti vanno a rimorchio ) ma razionalmente scusi se fosse vero non ci sarebbe da preoccuparsi tanto quanto con taci se un altro compera 50 milioni di debiti per una squadra di serie B con una rosa svalutata a zero sempre che non si siano gia’ svincolati tutti e 70 giocatori di lega pro da collocare tutti gli anni se no gli paghi gli stipendi ? lei che e’ razionale e con la schiena dritta le pare possibile ? e se fosse vero non si chiederebbe come mai quella persona fa una cosa del genere ? visto che e’ al corrente della cosa consigli di non fare l operazione magari a breve la stessa societa’ l avrebbero senza debiti ………
        spero che abbia compreso che non l ho con lei di cui ho stima ma il contradditorio mi pare giusto e la cosa mi pare cosi improbabile che sinceramente fossi stato in lei anche ne fossi a conoscenza di persona non ne avrei parlato ….ma lei e’ un giornalista io no …ma sono un economista per cui la vedo in altro modo e sinceramente mi sembra un altra farsa a cui e’ meglio non partecipare
        ps ci vedo poco per questo suo caps lock e pax pacis majo

        • 5 Febbraio 2015 in 17:14
          Permalink

          Salve, stavolta ha riformulato meglio il concetto e le rispondo volentieri, pur con qualche doveroso distinguo rispetto al suo punto di vista che rispetto.

          Allora: a me ha dato fastidio che lei mettesse in dubbio l’esistenza di piani alternativi all’attuale situazione, per il semplice fatto che questi piani esistono o esistevano e ne avevo o ho piena e totale consapevolezza, e non certo perché me lo abbia riferito il Plenipotenziario, che una volta mi ha chiesto testualmente come c. facessi a sapere del piano B (ora inattuabile perché uno degli attori è in tutt’altre faccende affacendato) che manco lo aveva detto a sua moglie. Quindi a me dava fastidio che lei intervenisse – e questo l’ho trovato offensivo della mia professionalità e del mio lavoro – per il semplice fatto che scrivendo che non esistono piani B e C etc. io, che sono il primo che ne ha parlato, sarei un babalano. Dunque: i piani B, C etc. etc. esistono o esistevano, del resto come la famosa cordata qatariota di qualche mese fa, sventuratamente non presa in considerazione da Ghirardi, che forse era stato obbligato a star con Taci, peraltro con la benedizione di Upi et orbi…

          Se da stamani – e non da quando era intervenuto lei in gamba tesa – mi sono astenuto dal commentare o dallo scrivere articoli, è proprio per rispetto dei tanti (siete sempre di più e vi ringrazio) che seguono stadiotardini.it: pensavo fosse doveroso, infatti, mettere in comune, per la parte che mi era possibile, un fatto nuovo che comunque ci riguardava e che poteva ridarci sorriso e speranze. Proprio perché sono uno serio che non prende per i fondelli gli ascoltatori, ho sempre sottolineato l’estrema difficoltà del tentativo in corso. Non ho voluto illudere nessuno, e anzi sono stato il primo a invitare a stare con i piedi ancorati per terra.

          Proprio perché sono razionale reputo che l’operazione possa anche non avere senso, del resto come ho sempre detto anche a proposito di Taci, ancor di più dopo che, grazie a Taci, appunto, la situazione è precipitata. Tuttavia c’è anche chi decide di “sputtanare” i propri soldi (o forse di altri?) come meglio crede: e pur trattandosi di un pessimo affare, per lo meno apparentemente, ci può anche stare che ci sia qualche pazzo che lo faccia, o che abbia altri interessi che possono anche non esserci chiari fin quando non li spiega.

          Dare notizia di questa operazione non significa “sposarla”: è evidente che, come per tutto quello che ruota attorno il Parma ci sarebbe il nostro consueto controllo incondizionato e con la schiena diritta. Perché è logico che i dubbi legittimi che può avere lei li posso avere anch’io. Ma se in questo momento c’è una sola speranza di salvare il Parma evitando il fallimento (cosa non auspicabile per i creditori che perderebbero gran parte di quel che attendono) non vedo perché non attaccarvicisi. Del resto il poco raccomandabile Taci era stato accolto come il Salvatore della patria da tutti, con benedizione, se non persino lancio dell’Upi.

          Saluti e grazie

          Gmajo

          • 5 Febbraio 2015 in 18:04
            Permalink

            ok ma che se scrive qualcosa lei ci sia quacosa di vero non ho dubbi ma vedevo nonostante lei più volte gettasse acqua sul fuoco che il fuoco stava divampando e mi sembrava bene raffreddare un po’ gli animi dei piu’ speranzosi di buone notizie che si erano gettati a capo fitto e non si fermavano neppure alle sue stesse ammissioni che la cosa era diffcile che era una speranza eccc ho voluto fare il pompiere magari ….incrociamo le dita …..e vediamo gli sviluppi se ci sara’ qualcosa di concreto ci avvisera’ e in ogni caso e’ stato il primo sulla notizia non ci sono dubbi ….continuero’ a fare l anima critica consideri che non sono molto avvezzo con la scrittura che alle volte appare una macigno mentre parlando dal tono si capirebbe meglio

    • 5 Febbraio 2015 in 15:12
      Permalink

      ti si è incantata la tastiera sul caps lock? sul web scrivere maiuscolo equivale a urlare..

      • 5 Febbraio 2015 in 17:22
        Permalink

        CHE NADOR RENZI

        • 5 Febbraio 2015 in 18:51
          Permalink

          Andrea nador te lo tieni per te se tu scrivessi cose interessa4nti forse qualcuno compreso il direttore ti risponderebbe ma non ti capitera mai

  • 5 Febbraio 2015 in 15:14
    Permalink

    Direttore, ho letto che sei impegnato e mi spiace disturbarti per quanto riferito da uno come Raimondi. Quando avrai tempo per favore fammi sapere.
    Nel tg sportivo odierno di mediaset raimondi sostiene che taci sarebbe intenzionato ad formulare domanda di concordato, hai qualche riscontro? grazie

    • 5 Febbraio 2015 in 15:29
      Permalink

      A parte che il concordato sarebbe tardivo (con maggiore umiltà andava fatto prima), la mia sensazione è che o porta i libri in tribunale, o si sbarazza del fardello passandolo a qualcun altro.

      E l’unica considerazione logica che mi viene da fare sul suo strano comportamento sin qui tenuto è che probabilmente lui, quando si è fatto girare (sospetto a costo zero) le quote da Ghirardi) pensava di far sganciare la pila al fantomatico socio russo, senza cacciare una lira lui. Ma il fantomatico socio russo, se è mai fosse esistito, non gli ha più dato una ghinea. A questo punto dubito fortemente che concordi lui per pagare i debiti di chi c’era prima. A parte che per questa inadempienza potrebbe esser lo stesso Ghirardi a far annullare la girata unilaterale delle quote per inadempienza (sul bilancio di Eventi Sportivi c’è scritto chiaro e tondo che la continuità aziendale avrebbe dovuto esser garantita dal nuovo socio: cosa che non mi pare stia avvenendo).

      Quindi tenderei ad escludere l’opzione formulata dal Raimondi. Per quanto riguarda Procura e Gdf, correggo, in parte, quello che ho scritto prima a Lillo, poiché ero stizzito e la cosa mi è andata via di mente. E’ palese che ci sia un fascicolo aperto sul Parma in Procura dal momento che lì ha inviato il decreto di archiviazione del procedimento, ma è ben altra cosa, questa, rispetto a quanto si è permesso oggi Schianchi (quello che qualche settimana fa aveva scritto sul medesimo giornale che Taci aveva già pagato gli stipendi…) di scrivere sulla GdS, in base al chiacchiericcio e non certo a fatti ufficiali.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 5 Febbraio 2015 in 18:57
        Permalink

        Quindi secondo te il problema di taci sarebbe che il socio russo si è tirato indietro all’ultimo?!?!

  • 5 Febbraio 2015 in 16:13
    Permalink

    cosa bolle in pentola direttore?che idea di è fatto di possibili sviluppi? Se la sente di sbilanciarsi?

  • 5 Febbraio 2015 in 16:30
    Permalink

    Ragazzi, un grazie per il lavoro svolto e l’amore che ci mette il direttore, ma per me questa volta è finita veramente. Dobbiamo ringraziare il bambino viziato di carpenedolo, che ci ha venduto al primo che capitava, raccontandoci che amava i nostri colori e che lo avremmo dovuto ringraziare per molto tempo…..

    • 5 Febbraio 2015 in 16:57
      Permalink

      il perchè delle tue parole?

    • 5 Febbraio 2015 in 17:20
      Permalink

      Anch’io stavolta temo sia finita davvero. Pur sforzandomi non riesco a pensare che qualcuno venga in soccorso sganciando dei soldi in un contesto del genere. Sarebbe pazzesco.

  • 5 Febbraio 2015 in 17:04
    Permalink

    Il piano C é un imprenditore che sarebbe l’unica áncora di salvezza per i vecchi proprietari..ma da qui a garantire un futuro solido al Parma ce ne passa. L’unica via é il fallimento e l’acquisto a costo zero da parte del signore del caffè e del suo fido scudiero.
    A buon intenditor….

  • 5 Febbraio 2015 in 17:13
    Permalink

    L’articolo di Schianchi è prentorio nei toni e nella forma e ciò viene ripreso, a piè pari, con preoccupazione, dai media.

    Avrà fonti attendibili oppure solo congetture basate sul “ciò che si dice in griro” e basta ?

    Delle due, l’unica certezza è che la stretta finale mia pare stia arrivando al galoppo.

  • 5 Febbraio 2015 in 17:15
    Permalink

    Perchè il tempo stringe e non si vedono cose concrete…..

    • 5 Febbraio 2015 in 17:18
      Permalink

      si dice che qualcuno stia lavorando…se ci si salva lo si fa tutti insieme se si muore si muore tutti insieme..con calma avremo notizie

  • 5 Febbraio 2015 in 17:28
    Permalink

    Io ho la mia teoria su come andranno a finire le cose: se non si rasserena, si rasserenerà. Un poco come le previsioni di allerta della protezione civile: se non nevica forse nevicherà, voi state attenti comunque a non blisgare.

  • 6 Febbraio 2015 in 09:42
    Permalink

    Dai Majo buttati. DAMMI LA PERCENTUALE la tua percentuale perché questo sogno si avveri. DAI BUTTA GIU’UN NUMERO (non a caso pero’)

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI