Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

44 pensieri riguardo “LUCARELLI ALL’INGRESSO IN TRIBUNALE: “NON SONO PER IL FALLIMENTO SUBITO: IO SPERO CHE MANENTI RIESCA A TIRARE FUORI QUELLO CHE SERVE PER SALVARE QUESTA SOCIETA’” video

  • 23 Febbraio 2015 in 12:36
    Permalink

    Direttore mi scusi se faccio un’ipotesi. Lucarelli sembra in parte avvallare la Sua tesi che in effetti qualcosa forse esiste?A livello di fondi intendo. Se no che senso avrebbero queste parole. O sbaglio?

    • 23 Febbraio 2015 in 12:38
      Permalink

      In effetti Lucarelli avalla la mia ipotesi, così come io avallo la sua che sarebbe meglio, in caso di non riuscita dell’operazione di Super Mapi, rinunciare alla elemosiona di FIGC e LEGA cui interessa solo evitare un mega risarcimento a Sky. Quindi meglio far saltare tutto il banco…

  • 23 Febbraio 2015 in 12:40
    Permalink

    “non sono per il fallimento subito..”.Queste dichiarazioni sembrano “cozzare” un pò con quello dichiarato su altri organi di stampa:”il fallimento sembra l’unica soluzione”.Io di quello che Lucarelli afferma mi fido,gli organi di stampa “ufficiali” sparano un pò di tutto.Ad oggi spero ancora in un miracolo del presidente come il nostro capitano,se così (probabile) non sarà da buon tifoso accetterò quello che verrà.

  • 23 Febbraio 2015 in 12:41
    Permalink

    Quanti microfoni, quante telecamere: abbiamo vinto lo scudetto…e non ce ne siamo accorti.

  • 23 Febbraio 2015 in 12:49
    Permalink

    Comunque, a me pare che questo round se lo sia aggiudicato Manenti, il quale è riuscito a prendere per le palle sia la Federazione, sia la Lega, sia il Sindaco, il cui pressing su Super Mapi credo sia un po’ calato rispetto a quello esercitato fino a due giorni fa. Da questo momento Manenti ha un po’ più di tempo per tradurre in moneta corrente i fondi esteri di cui ci ha parlato in passato. Il pallino del gioco è nelle sue mani, nella speranza ovviamente che dietro le quinte non sia ancora rimasto qualcuno a volergli mettere il bastone tra le ruote, e cioè a impedirgli di portare in Italia i soldi di cui sopra. Le parole del Capitano, quelle di Lucarelli, sono state troppo ‘possibiliste’ per farmi credere che dietro Manenti ci sia il vuoto cosmico o che in mano Super Mapi non abbia il becco di un quattrino.

    1-0 e palla al centro.

    • 23 Febbraio 2015 in 13:02
      Permalink

      spero anche io con te Luca.
      Comunque vada io non voglio finire nelle mani della Lega e burocrati, loro farebbero il nostro male.
      Grazie Ghirardi sempre e comunque!

      • 23 Febbraio 2015 in 14:02
        Permalink

        Non bisogna mai mettersi nelle condizioni di dover farsi fare un favore, ché ci guadagniamo meno di quello che ne ricaveremmo concedendo ulteriore credito a Manenti. Tanto si è capito che in caso di fallimento pilotato di investitori alla porta non ne avremmo, bene che vada ci toccherebbe comunque ripartire dalla D, ipotesi questa che si concretizzerebbe anche nella malaugurata eventualità che la ciambella di Manenti non esca col buco.

    • 23 Febbraio 2015 in 13:18
      Permalink

      Luca Russo,
      Se hai tempo informati sulla mitomania, c’è moltissima documentazione SCIENTIFICA in merito, se ci perdi 2 o 3 ore per informarti capirai che Manenti semplicemente terrà questa posizione, niente lo smuoverà se non un obbligo legale.
      In queste condizioni il Parma non giocherà domenica prossima e non perchè qualcuno vuole sfilargli la prorpietà ma perchè mancano i soldi per l’amministrazione ordinaria delle attività.
      Poi che qui abbiano tutti interessi è normale ma Manenti non ha soldi, mai li metterà caro mio… così dimmi tu chi vuoi che se ne occupi se non la lega, FIGC, sindaco e CITTADINI DI PARMA, vuoi pensarci tu che ti lamenti perchè le gazza (per te è la gazzetta dello sport non quella di Parma) e mediaset non ci trattano più come quando c’erano Zola e Asprilla? Fattene una ragione, hanno ceduto tutti questi debiti ad un Mitomane, tutto qua.

  • 23 Febbraio 2015 in 12:50
    Permalink

    A mio avviso l’udienza del 19 marzo è troppo ravvicinata perché si decida “qualcosa” , in direzione dell’apertura o meno del fallimento. Seguirà un salomonico “rinvio”. A meno che non accada qualcosa di veramente clamoroso del tipo constatare l’impossibilità “assoluta” di disputare tutti i prossimi eventi sportivi del campionato. Così la vedo : alla fine non credo che il Comune negherà la disponibilità dello Stadio. Gli Steward saranno pagati dalla Lega (come le trasferte) e se non scenderà in campo la prima squadra, giocherà “molto volentieri” la primavera.

  • 23 Febbraio 2015 in 12:56
    Permalink

    Paradossalmente…Se Manenti ci mettesse i soldi quanti ne recuperebbe con le querele a chi lo ha diffamato pesantemente…tipo delinquente..ecc?

  • 23 Febbraio 2015 in 12:59
    Permalink

    Majo.. quello che non capisco perché tutti si aspettino qualcosa da manenti.. una cosa deve solo fare e molto semplice.. andarsene! Basta parlare di aria fritta e personaggi irreali.. è quello che vogliono! Fallimento e subito molto ma molto pilotato!!! E’ per il bene del Parma ricordatevelo..

    • 23 Febbraio 2015 in 13:07
      Permalink

      Il bene di un par de balle… scusi la finezza.
      Signori, Figc e Lega ci accompagnano a fine stagione e poi ci abbandonano al nostro destino.
      Dignità è rifiutare quella elemosina che ci fanno per evitare danni maggiori (richiesta risarcimento Sky).
      Manenti è l’unica speranza, se no è meglio e più pulito che salti tutto

      • 23 Febbraio 2015 in 13:13
        Permalink

        QUOTO!!!! CHI professa dignita’.. evidentemente non ha chiaro il concetto.non vogliamo elemosine da rinfacciarci poi per sempre…insomma Muoia Sansone e tutti i filistei…

      • 23 Febbraio 2015 in 13:20
        Permalink

        No caro signor Majo, non sono d’accordo. Il suo pensiero è tipico di colui che fagocita il “crepi Sansone e tutti i Filistei”. Non per difendere i Flistei, ma l’onore calcistico si. E quello della città soprattutto. Se non vogliamo che per anni si discuta di questo campionato, come “falsato” dalla prematura ed invereconda uscita del Parma, sarà bene cercare fino all’ultimo di onorare il campo. E poi ricominciare, da dove possibile, preservando e non disperdendo quella che probabilmente è il patrimonio più significativo che possa esprimere la virtù calcistica di casa: la passione dei suoi tifosi.

      • 23 Febbraio 2015 in 14:00
        Permalink

        Mi chiedo come mai a molti risulti così difficoltoso capire i suoi scritti che appaiono indipendentemente dal pensiero di ognuno assai chiari, e tendenti sopratutto a ribadire nel tempo i medesimi concetti, che tra le altre cose condivido pienamente.

        Buon lavoro e speriamo di non tornare ai tempi di Barducci, Grulla, Piaser, Casini, Caleffi, Gioia ecc…. ma nel caso Chi ama il Parma ci sarà!

      • 23 Febbraio 2015 in 14:16
        Permalink

        Aridaje co’ sta speranza…….
        Fammi capire …a chi minchia dovrebbe farla sky l’ipotetica richiesta di risarcimento?….a una societa’ fallita?…..
        Per pigliare su che cosa….
        Lasciamo stare….

    • 23 Febbraio 2015 in 13:23
      Permalink

      Il fallimento è un disastro!Come si fa ad augurarselo!Ci manca poi che per poter fallire dobbiamo anche ringraziare la lega (che ce la metterà in quel posto,allora interessa solo non aver troppo grane per finire il campionato,poi di noi non solo se ne fregheranno ma anzi…)Oltre il danno la beffa sarebbe.
      Spero veramente che non scenderemo a compromessi per un fallimento .Comunque le parole del capitano sono state confortanti.
      Fallire ringraziando la lega.Il top sarebbe.Tutti con la faccia “di chi fatto il possibile” mentre dipendenti,tifosi,calciatori ci rimettono tutti!

  • 23 Febbraio 2015 in 13:08
    Permalink

    Incredibile Manenti vorrebbe tanto metterci 50 milioni nel Pamra ma non glielo permettono, addirittura gli mettono i bastoni tra le ruote….
    ma come si fa ancora a dire certe cose? E’ chiaro che ha tutto il tempo che vuole, è lui il padrone visto l’investimento di un euro che ha fatto. Intanto però se domenica non si è giocato è stata tutta colpa sua. Pur garantendo che problemi non ci sarebbero stati, ma per lui non ci sono mai. Per pagare gli steward non servivano certo milioni di euro, ne bastavano qualche migliaio ma lui nemmeno quelli ha finora messo.

    • 23 Febbraio 2015 in 13:21
      Permalink

      Provi lei a trovare una banca che ti traduce in lingua italiana dei fondi già un po’ particolari di loro in arrivo dall’estero, per una squadra di calcio in cui in tutti i minuti ti arriva una grana di quelle schifosamente tenute ferme prima.

      • 23 Febbraio 2015 in 13:44
        Permalink

        buongiorno direttore,
        ma cosa significa particolari? Poi il discorso puo, anche essere visto da un altro punto di vista, cioe, nessuno ha costretto manenti che di suo non ha le possibilita´economiche di gestire virtuosamente un club di serie a, di proporsi per l´acquisto. inoltre e´stato proprio lui a dare scadenze di pagamenti che poi non ha rispettato o sbaglio ? E´chiaro che altri lo stanno pressando come non avevano fatto prima, ma manenti sta facendo di tutto e di piu´per rendersi vulnerabile. In altre parole senon faceva la ridicola conferenza stampa e se non prometteva nulla allora penso che avrebbe avuto meno rogne.
        Lasciamo stare i 30 milioni che servivano gia´ ieri, ma almeno i soldi per poter giocare a lla domenica e fare farele doccie calde ai ragazzini li dovrebbe avere.

  • 23 Febbraio 2015 in 13:10
    Permalink

    Ma pensate di pilotare cosa? Sappiate che c’e’ un codice civile e un codice penale…davvero pensate che si possa che un tribunale si dimentichi della loro esistenza? Non capisco…sto pilotare…

  • 23 Febbraio 2015 in 13:17
    Permalink

    Majo non puoi veramente sperare in questa persona.. offende la tua intelligenza! Non possiamo dipendere da questa persona.. il sindaco quando avrà il titolo in mano troverà qualcuno di più serio.. credo sia più dignitoso.. lotito sta pagando i debiti in 27 anni o poco meno..

  • 23 Febbraio 2015 in 13:19
    Permalink

    Direttore, è vero che il mitomane avrebbe chiesto un prestito da 16 mil alla Raffeisen Bank in Slovenia?

  • 23 Febbraio 2015 in 13:22
    Permalink

    Manenti ha dichiarato di essere pronto a portare i libri in tribunale, speriamo che abbia capito che è la cosa più intelligente da fare

    • 24 Febbraio 2015 in 05:36
      Permalink

      Il problema è che non lo ha dichiarato. Non si possono far titoli del genere… E per radio aveva detto ttutt’altro.

  • 23 Febbraio 2015 in 13:24
    Permalink

    Io non parlo di elemosina, ma non voglio che cadiamo nelle mani di questa persona.. vi ricordo che via via è stato abbandonato da tutti i suoi soci o presunti tali.. che futuro sperate abbia il Ns. parma con questa persona? il 16 Febbraio è passato da un po.. avete visto che figura ci ha fatto? ..

    • 23 Febbraio 2015 in 13:30
      Permalink

      Siete tutti qui col fucile puntato su questo dopo che avete fatto monumenti a ghirardi e taci…

  • 23 Febbraio 2015 in 13:29
    Permalink

    ..magari Majo fosse solo un problema di traduzione.. la mia esperienza mi dice che qua puoi tradurre tutto quello che vuoi ma se mancano i soldi..

    • 23 Febbraio 2015 in 13:38
      Permalink

      Dunque: credo che provviste estere siano state verificate da chi poi dovrà riceverne la traduzione. Poi, più avanti, cercheremo di capire bene cosa è successo la notte del 16 quando era già stato dato l’ok ber la partenza dei bonifici e poi misteriosamente si è fermato tutto.

      poi capiremo perché a taci e a ghirardi è stato concesso di fare di tutto, mentre qui ci manca che mandino l’esercito…

      A me queste porcate stanno sul cazzo. Se Manenti non fosse così inquietante com’è lo appoggerei ben di più, purtroppo so bene che è impresentabile per cui la mia fiducia resta allo 0,1%

      Ma non facciamoci calpestare la residua dignità rimasta. Siamo nella m? Bene non vedo perché dovremmo accettare l’elemosina di Lega e FIgc: cosa ci guadagniamo?

      Saluti

      Gmajo

  • 23 Febbraio 2015 in 13:32
    Permalink

    Chi ha detto che i vari Ghirardi, Leonardi e Taci non abbiano colpe (Ghirardi in primis), se siamo a questo punto è solo colpa del ciccione.. per me deve pagare e spiegare tante cose in tribunale!!!

  • 23 Febbraio 2015 in 13:37
    Permalink

    Condivido Paola il tuo discorso !!!!

    Tranquilla ke qui NON Pilotano un bel Niente !!!!

    Tutto Fumo negli Okki x Nascondere la Verità !!!!

    NON abbiate Fiducia !!!! Ke è Meglio !!!!

    FUORI DALLE PALLE !!!! BUFFONI !!!!!!

  • 23 Febbraio 2015 in 13:46
    Permalink

    Sig.Mayo,
    Qual’è la sua ipotesi su cosa sia successo la notte del 16?…Io ci sto pensando ma non mi sovviene nulla.

    • 23 Febbraio 2015 in 13:49
      Permalink

      Che il grande vecchio (scusate la citazione) ci abbia messo lo zampino

      • 23 Febbraio 2015 in 14:18
        Permalink

        addirittura… e perché dovrebbe avelo fatto?

          • 23 Febbraio 2015 in 15:36
            Permalink

            palese o provato (anche solo parzialmente dalle sue fonti/indagini giornalistiche) Scusa se sono puntiglioso ma credo che in questo caso tra palese e provato ci sia una grande differenza

  • 23 Febbraio 2015 in 13:46
    Permalink

    Majo io so che tu sei sempre stato “scomodo” per il ciccione e per questo hai la mia massima stima.. per il guadagnarci come dici tu.. beh ci sarebbe da scrivere pagine e pagine, ma purtroppo non sono un giornalista!.. Lotito cosa ci ha guadagnato, il suo andare a braccetto con quell’ignorante di Tavecchio ai raduni della nazionale.. ma li hai visti?.. Lotito è stato letteralmente “salvato” da Lega e Fgc!.. se Pizzarotti riuscisse in tempi brevi a trovare uno più credibile o un gruppo di industriali più credibili.. vedi come Lega e Fgc ti vengono in aiuto..

  • 23 Febbraio 2015 in 13:50
    Permalink

    Il problema che manenti non è credibile per nessuno.. forse neanche da se stesso!!

  • 23 Febbraio 2015 in 14:14
    Permalink

    Direttore per esperienza posso solo dire una cosa. Che se i soldi da qualche parte ci sono prima o poi il modo per “tradurli” lo si trova. Grande vecchio (tavecchio immagino), Azzali, Pizza, Pallini, Molossi volenti o nolenti…
    100 milioni smuovono tanti ingranaggi…e forse ne vedremo delle belle nei prox giorni…o ore spero.
    Lei condivide?

  • 23 Febbraio 2015 in 15:09
    Permalink

    Cioè, facci capire Majo, tu ritieni che nella nottata del 16 i soldi ci fossero stati e sono stati bloccati da un potere occulto ?

  • 23 Febbraio 2015 in 15:45
    Permalink

    Questa chicca della notte del 16 mi giunge nuova…approfondisca direttore…Manenti potrà anche ricevere ostruzionismo dai poteri forti ma alla fine lui cos’ha da perderci? nulla…quelli che ci perdono continuamente sono prima di tutti i dipendenti, i fornitori e tutto l’indotto e poi noi tifosi…io sono d’accordo che non bisogna farsi fare l’elemosina da lega ecc. ma neanche andare avanti senza i soldi per pagare acqua e gas x le docce di collecchio e farsi pian pianino pignorare tutta l’attrezzatura del centro sportivo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI