L’USCITA DI SCENA DI TACI E’ ORA UFFICIALE: UNA NOTA SU FCPARMA.COM INDICA IN FIORENZO ALBORGHETTI IL NUOVO MANAGER DI RIFERIMENTO IN ATTESA DELLE NUOVE NOMINE

image(da fcparma.com) – Collecchio 6 febbraio 2015 – Parma Fc comunica che in data odierna è stato ceduto il pacchetto di maggioranza di Eventi Sportivi Spa, società controllante il club.

Il manager di riferimento nominato dalla nuova proprietà è Fiorenzo Alborghetti che con Pietro Leonardi gestirà tutte le procedure per la formazione dei nuovi Cda.

I dettagli sulla nuova proprietà Parma Fc saranno diffusi nei prossimi giorni.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

245 pensieri riguardo “L’USCITA DI SCENA DI TACI E’ ORA UFFICIALE: UNA NOTA SU FCPARMA.COM INDICA IN FIORENZO ALBORGHETTI IL NUOVO MANAGER DI RIFERIMENTO IN ATTESA DELLE NUOVE NOMINE

  • 6 Febbraio 2015 in 18:31
    Permalink

    Cartiere Pigna???

    • 6 Febbraio 2015 in 18:38
      Permalink

      Cartiere Pigna non è la proprietà. Il manager scelto riveste un ruolo dirigenziale

      • 6 Febbraio 2015 in 19:55
        Permalink

        Direttore Risorse Umane, per la precisione.

  • 6 Febbraio 2015 in 18:32
    Permalink

    Cartiere Pigna?

    • 6 Febbraio 2015 in 18:37
      Permalink

      Cartiere Pigna non è la proprietà. Il manager scelto riveste un ruolo dirigenziale

  • 6 Febbraio 2015 in 18:35
    Permalink

    I nuovi acquirenti sono le cartiere pigna!

    • 6 Febbraio 2015 in 18:41
      Permalink

      NOOOOOOOOOOOOOO

      Alborghetti è il manager di riferimento. Le cartiere c’entrano come Benedetta Mazza…

      • 6 Febbraio 2015 in 18:52
        Permalink

        Gran bella donna…

  • 6 Febbraio 2015 in 18:36
    Permalink

    Inizia di nuovo il cinema o si puo’stare tranquilli sig,majo

  • 6 Febbraio 2015 in 18:39
    Permalink

    Maio ma alborghetti non è il propritario della cartiera pigna nel bergamascocon 340 dipendenti è un marchio prestigioso produce libri quaderni diari se non sbaglio a quanto ammonta il fatturato puoi darci qualche dritta tutta la città è in spasmodica attesa thx

  • 6 Febbraio 2015 in 18:40
    Permalink

    Mapi Group? Bingo?

    • 6 Febbraio 2015 in 18:56
      Permalink

      Questa è la strada giusta:MAPI Group ,facente parte del gruppo Gazprom. è azienda Slovena e legata ai russi. Stanno acquisendo le storiche Cartiere Pigna di cui il Dott. Alborghetti è CEO.

  • 6 Febbraio 2015 in 18:45
    Permalink

    ha letto l intervista di Giordano su Parmalive? interessante, anche lui è rimasto spiazzato da taci..che personaggio allucinante sto albanese

  • 6 Febbraio 2015 in 18:47
    Permalink

    Speriamo non c’entrino davvero nulla le Cartiere Pigna. Di risorse non ne hanno di certo visto che sono in piena crisi.

    Una domanda: in febbraio non doveva arrivare anche la puntura dei diritti TV che potrebbe aiutare la situazione?

    P.S. Complimenti direttore per il sito e la sua gestione

    • 6 Febbraio 2015 in 18:51
      Permalink

      Grazie, i diritti tv mi sembravano già tutti utilizzati, poi non so se avevano qualcosa ancora da qualche parte…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 6 Febbraio 2015 in 18:50
    Permalink

    anche per me è la Mapi Group! E’ slovena e ma di italiani e voleva entrare nel mondo del calcio comprando il Brescia

    • 6 Febbraio 2015 in 18:54
      Permalink

      Con zero euro…sento puzza di fregatura anche stavolta

  • 6 Febbraio 2015 in 18:50
    Permalink

    ragazzi, mannaggia, ma quando finisce questa telenovela! anche se ammetto che mi sono affezionato a tutti voi e a tutte queste dolci speranze verso l’amore del parma.
    Io sono un tifoso doc,, speriamo che questa societa’ voglia far grande il parma! Gia’ li ringrazierei solo per il fatto di aver mandato a quel paese Taci. Speriamo…
    Alfonso da Napoli saluti al direttore

  • 6 Febbraio 2015 in 18:52
    Permalink

    Giordano ha parlato di sopravvivenza in serie b sono questi i piani della nuova cordata?

    • 6 Febbraio 2015 in 19:02
      Permalink

      Mi sembra realistica la linea di Giordano, con questa squadra a questo punto del campionato, parlare di Serie B è serio e responsabile, è bene non pensare ai miracoli

    • 6 Febbraio 2015 in 19:20
      Permalink

      Ha detto sopravvivenza in serie b nel senso “sopravvivenza dal lato economico” dopo la ormai certa retrocessione…. Io lo interpreto cosi e mi pare di aver letto bene!

    • 6 Febbraio 2015 in 20:38
      Permalink

      Giordano -ammesso che abbia senso ascoltarlo- ha detto che è importante sopravvivere in b evitando il fallimento. Non di piani futuri ma di necessità attuali.
      La parte migliore è però quella sui conti, per lui sono diversi da quelli di taci ma pure da quelli di leonardi. Credevo che la matematica non fosse un opinione..

  • 6 Febbraio 2015 in 18:54
    Permalink

    La MAPI group è di italiani ma è controllata da…..GAZPROM…

    • 6 Febbraio 2015 in 19:05
      Permalink

      Con sede legale ….. Nova Gorica. Forse solo una coincidenza

  • 6 Febbraio 2015 in 19:02
    Permalink

    Alborghetti un altro prestanome come Doca Giordano e Kodra.?Ma i soldi chi ce li mette? Un altro TACI?

  • 6 Febbraio 2015 in 19:02
    Permalink

    la mapi voleva comprare il brescia ma falli’ miseramente, inoltre gazprom non comprò mai le cartiere, l’affare saltò

  • 6 Febbraio 2015 in 19:03
    Permalink

    Comunque se fate una ricerca sulla MAPI group non ne parlano benissimo…chiede al proprietario della pigna e al presidente del Brescia…la MAPI è la nuova dastraso…capitale sociale 7500€…

  • 6 Febbraio 2015 in 19:03
    Permalink

    sono solo bufale leonardiiane che non servono a niente la società non c è basta prendere per il culo i tifosiiiiiiiiiiiiiiiiiiii,,!!!!!!! Ci sparano ste bufale per vendere i giornali ma è tutta aria fritta

  • 6 Febbraio 2015 in 19:03
    Permalink

    secondo me vecchia guardia hai interpretato male la frase di giordano. Secondo me voleva semplicemente dire che la serie a ormai è compromessa e questi ci farebbero sopravvivere in b nel senso che se no si andava nel baratro del fallimento

  • 6 Febbraio 2015 in 19:07
    Permalink

    Sento puzza di Mapi group vista anche la sede a Nova G. e visti i precedenti con la pigna, e come società non ispira fiducia perché è nata come scatola vuota per fare investimenti in Italia stile Dastraso ok sarà anche controllata da Gazprom ma nn mi fido

  • 6 Febbraio 2015 in 19:09
    Permalink

    Io conosco una certa mapy che produce cappotti per cani!!magari lo ha comprato lei!!che ne dite della mia ipotesi???
    Lasciamo che si presentino loro altrimenti ci bruciamo il cervello!!
    Forse Giordano intendeva che la sopravvivenza della serie b è garantita!che ieri si stava lentamente perdendo
    Ma ALMENO DIRETTORE IL SETTORE IN CUI OPERANO?

  • 6 Febbraio 2015 in 19:09
    Permalink

    Caro Direttore,
    Le faccio i miei più vivi complimenti per la gestione comunicativa di questa epopea. Lei è stato un giornalista esemplare: serio, cauto, preparato e arguto. Pensavo che Lei fosse un buon giornalista di campagna, ma non è così: Lei è un grande professionista. E’ per questo motivo che non rientra nei grandi “giri” come fanno altri (e sappiamo di chi parliamo). Un caro saluto
    Davide

  • 6 Febbraio 2015 in 19:10
    Permalink

    Puzza tutto di bruciato.Io non cambio idea.Troppi misteri e quando non c’è trsparenza il gatto non mangia il topo si mangia la coda.

  • 6 Febbraio 2015 in 19:12
    Permalink

    direttore ma se ora è ufficiale perché ancora non escono allo scoperto?queste storie di silenzi e misteri hanno veramente rotto!

    • 6 Febbraio 2015 in 19:19
      Permalink

      Mica sono il loro addetto stampa… (e la povera rancati non c’entra)…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 6 Febbraio 2015 in 19:15
    Permalink

    Se è la Mapi… Aiuto.

  • 6 Febbraio 2015 in 19:20
    Permalink

    mapi= dastraso

    Sul Brescia per mesi, è scappata senza mettere 1 euro

  • 6 Febbraio 2015 in 19:30
    Permalink

    Temo che sia proprio la MAPI, gli indizi su internet portano li, Lei Direttore che idea si è fatto?

    • 6 Febbraio 2015 in 19:48
      Permalink

      Gli indizi portano lì, inequivocabilmente, anche se tutto parte dai collegamenti sul manager indicato. Non abbiamo, al momento altre certezze…

  • 6 Febbraio 2015 in 19:32
    Permalink

    Direttore dalla padella alla brace???

    • 6 Febbraio 2015 in 19:47
      Permalink

      Aspettiamo: se cacciano i soldi promessi, e qui pare che la predisposizione sia di miglior fattura, la situazione sarà sicuramente meglio rispetto a quella lasciata

  • 6 Febbraio 2015 in 19:34
    Permalink

    già, idem con la Pigna…

  • 6 Febbraio 2015 in 19:34
    Permalink

    Direttore può escluderci la Mapi? Io vorrei dormire questa notte… E viste le precedenti trattative nella quale è coinvolta la cosa non mi è facile…

    • 6 Febbraio 2015 in 19:45
      Permalink

      Se ci era andato bene Taci, sino ad oggi, con la pagella che aveva, non penso che questi – se saranno confermati – possano fare di peggio. Tra l’altro sulla storia del brescia mi sembrava di aver letto articoli che riferivano che Manenti, quando si era presentato dal notaio, aveva i 30 milioni pronti, ma chi non si era presentato era stato Corioni. Insomma: Taci, finora, aveva i precedenti tentativi falliti con Brescia, Genoa, etc…

  • 6 Febbraio 2015 in 19:35
    Permalink

    Conferma che è la Mapi Group, Majo?

  • 6 Febbraio 2015 in 19:37
    Permalink

    Alborghetti è il Doka della nuova proprietà?

  • 6 Febbraio 2015 in 19:37
    Permalink

    Inutile che stiamo qui a inventare nomi e fare illazioni, abbiamo qui il nostro bravo Majo che lavora con dedizione per noi (tralatro a gratis, in pieno stile Parma) Basta attendere ed avere fede, se crociata meglio!

  • 6 Febbraio 2015 in 19:44
    Permalink

    beh se leonardi fa due volte lo stesso tragico errore allora è masochista! io non credo. ma Majo, siccome lei sicuramente un idea ce l ha, perché ha detto in qualche commento che pensa siano persone più serie delle precedenti, pensa possano essere qielli di mapi?se così fosse pensa anche lri che siano una dastraso 2?

    • 6 Febbraio 2015 in 19:51
      Permalink

      Io sono solito giudicare dai fatti. Quindi aspettiamo. Anche perché se non andava in porto questa operazione penso che la fine sarebbe stata ormai certificata. Se costoro, come al momento pare, metteranno la somma richiesta, del precedente tentativo di acquisizione del Brescia (ammesso e non concesso che sia Mapi il compratore) potremmo anche fregarcene. Anche perché, come scrivevo, pare che quella volta non presentarsi dal notaio fosse stato Corioni, mentre il candidato futuro patron aveva seco 30 ml

  • 6 Febbraio 2015 in 19:49
    Permalink

    Se non si poteva dire IL NOME DELLA NUOVA l proprietà, si doveva aspettare qualche giorno A UFFICIALIZZARE IL TUTTO quando i puzzle sarebbero stati tutti al loro posto. Così invece non ci siamo per niente. SEMBRA UNA PAGLIACCIATA E’ sempre la solita menata, si agisce come una massoneria nell’ombra, tutto al buio, sottovoce. nessuno deve sentire. Perchè tutto non viene spiegato chiaramente se tutto è stato fatto nella legalità e tutto è a posto?Per me BUFALA E’ E BUFALA RIMANE. Il nuovo proprietario sarà molto probabilmente il CURATORE FALLIMENTARE.

    • 6 Febbraio 2015 in 19:53
      Permalink

      Guardi che l’ufficialità l’ha data il club stasera verso le 18 30. prima quelle che erano in circolo erano notizie giornalistiche. Io, fossi stato in loro, avrei fatto un’altra entrèe ma forse avevo rovinato io loro i piani uscendo in anticipo con la notizia, costringendoli, poi, a fare un comunicato quando ancora non era tutto a posto

    • 6 Febbraio 2015 in 20:08
      Permalink

      scrivere maiuscolo online equivale a sbraiare, non è piacevole. Però i capannoni sono caretteristici.

  • 6 Febbraio 2015 in 19:52
    Permalink

    L imprtante e che caccino la grana alla svelta x evitare il fallimento poi chi vivrà vedrà

  • 6 Febbraio 2015 in 19:52
    Permalink

    Tutta questa vicenda è paradossale, da qualsiasi punto di vista, e chi dovrebbe vigilare veramente, cioè la Lega Calcio, non fa niente e non fa regole per impedire queste cose.
    Da appassionato/esperto di sport americani posso garantire che lì una cosa del genere non può succedere.

  • 6 Febbraio 2015 in 19:54
    Permalink

    Altri filibustieri che non dicono chiaro e tondo chi sono, mettono un’altra testa di legno, promettono pagamenti prima di presentarsi… E ovviamente non avranno pagato un centesimo per prendere le quote…

  • 6 Febbraio 2015 in 19:59
    Permalink

    A leggere le operazioni di Mapi Group sembra davvero di rivedere quello ha fatto Taci a Parma, se sono loro, da quei quattro articoli che ho letto adesso, non riesco nemmeno a capire come ci si possa sedere a discutere con loro della vendita di una società, sono consapevole che il mio è un “quick judgment” come va di moda dire adesso, se Majo è ottimista, o non ci sono dietro questi qua o sa dettagli preziosi, c’è più roba negativa della Mapi Group online che di Taci e proprio su operazioni analoghe.

    • 6 Febbraio 2015 in 21:16
      Permalink

      Era proprio a questo che mi riferivo quando ho scritto che non capisco nemmeno come ci si possa sedere a parlare di affari con una società del genere. E’ bastato google per 12 minuti, magari non sono loro, chissà.

  • 6 Febbraio 2015 in 20:03
    Permalink

    Pietrone parli e dica tutto!

  • 6 Febbraio 2015 in 20:04
    Permalink

    E intanto il Nasone gongola, con sempre più alti picchi di accesso al Suo sito.

  • 6 Febbraio 2015 in 20:08
    Permalink

    Stavo cantikkiando “Servi della gleba tutta birra, verso lo sfintere-presidenziale ke ci esalta”, quando mi sn venute in mente queste parole e credo possiamo usarle per salutare Rezheart. Ke potranno toglierci tutto, ma nn la nostra parmigjanità!
    Ke ne hanno fatti tanti di gesti. In silenzio. Ke per altro parli o fai dei gesti, uno dei due. Tipo su Rete4 x i sordomuti. O ascolti il parlato, o guardi il gesticolato. Uno dei due. E qua hanno fatto dei gesti, concreti, ke se nn è concreta adesso la B e la possibilità di sparire x sempre nn so cosa possa esserlo. Peccato solo ke stavolta nn siano arrivati i soldi, i giocatori, gli stipendi, e le vittorie.
    NE MARJUANA NE PASTIKKE, NOI SI ASSUME SOLO IL DUE DI PICCHE!

    Centenario Parma Calcio
    January 11 at 5:45pm · Edited ·

    Oggi un’altro gesto del tutto casuale ma concreto di Taçi nei confronti dei tifosi del Parma. Purtroppo stavolta non è arrivata la vittoria.

    PS: e ci aggiungo anke:
    Si può fare alle 8! ci vediamo!
    ah xkè c’è Tafano?
    si cmq meglio xkè io c’javevo sonno, c’javevo già in mente di andare a letto presto.
    Cmq al limite mi kiami tu, dai. anke tardi, alle 3, alle 4, ke intanto io nn dormo assolutamente…

  • 6 Febbraio 2015 in 20:09
    Permalink

    Altra presa i giro… Basta!! La mapi group è’ un altra dastraso… Tra l’altro non sta scritto da nessuna parte che ha legami con gazprom. Vedi cos’è successo con pigna e con Brescia

    • 6 Febbraio 2015 in 20:13
      Permalink

      A brescia narra la leggenda che si fosse ritirato in ultimo Corioni…

      • 6 Febbraio 2015 in 20:29
        Permalink

        Forse perché illuminato da un residuo barlume di consapevolezza su quanto sarebbe potuto accadere…
        Per me finisce come con la Dastraso, ma stavolta Leonardi lo aspetto sotto casa sua

  • 6 Febbraio 2015 in 20:10
    Permalink

    Ma per un comunicato del genere (soprattutto dopo tutto quello che è successo) non si dovrebbe avere anche la certezza dei pagamenti?

    • 6 Febbraio 2015 in 20:13
      Permalink

      Io avrei suggerito loro di uscire a cose fatte con massima trasparenza: certo ci sono dei tempi tecnici (solo per nominare assemblea per cda servono otto giorni e intanto l’impellenza maggiore, non solo di Leonardi, sono i 30 ml) da rispettare.

  • 6 Febbraio 2015 in 20:15
    Permalink

    Secondo me non può essere Mapi.
    Pigna non passò mai alla Mapi e trovo difficile che un uomo della Pigna come Alborghetti possa essere legato anche a Mapi.
    Tra l’altro proprio il patron di Pigna ce l’ha a morte con Manenti e Mapi perchè dice che i soldi promessi in realtà non si sono mai visti. E uno che ce l’ha a morte con Mapi si terrebbe in casa Alborghetti se legato a Mapi che gli ha dato una fregatura?
    Faccio notare poi che Manenti sia quando ha trattato l’acquisizione di Pigna che quella del Brescia ha detto che l’affare è saltato perchè la controparte all’ultimo si è sfilata mentre lui era già davanti al notaio. Solo questo dovrebbe insospettire…
    I soldi di Manenti e Mapi nei giorni della trattativa per il Brescia non arrivavano mai sul contro aperto a garanzia presso UBI banca.
    Se a un bresciano nomini Manenti e la Mapi… ridono

  • 6 Febbraio 2015 in 20:19
    Permalink

    Scusate un attimo…fermiamoci e ragioniamo…Alboretti è un uomo del gruppo pigna…la MAPI ha cercato di acquistare la pigna ma non c’è riuscita….ora se io fossi la MAPI perché mai dovrei mettere come manager uno di una società che ho tentato di acquistare(tra l’altro durante la trattativa Alborghetti rappresentava in prima persona la pigna) e non ci sono riuscito?!?!Per me non ha senso anche perché la trattativa si è chiusa in malo modo!

  • 6 Febbraio 2015 in 20:20
    Permalink

    Direttore, se gradisce Le mando qualche numero (nemmeno troppo) arretrato del Giornale di Brescia, per l’esattezza di questa estate… così, tanto per farsi un’idea del gruppo Mapi e del signor Manenti alle prese con l’acquisto del Brescia. Ma se vuole può leggere anche i giornali di Vercelli per l’acquisto della Pro; oppure i giornali di Bergamo per la acquisizione delle cartiere Pigna.
    I soldi? Sempre depositati presso un notaio ma i venditori, guarda caso, non andavano a ritirarli!!!
    Preparatevi ad una lunga telenovela a Parma, se questi sono gli attori!
    Grazie per lo spazio

    • 6 Febbraio 2015 in 20:37
      Permalink

      Stavolta mi auguro che i giocatori tutti, memori di quanto appena successo con gli albanesi, non si lascino abbindolare da altre false promesse e rispettino l’intenzione di mettere in mora la società qualora il 16 febbraio non vengano saldati i loro stipendi da agosto a oggi. Preferisco il fallimento a stucchevoli telenovele irrispettose della storia del Parma Calcio e dei suoi tifosi, portate avanti tra l’altro da un personaggio miserevole (Leonardi) che avrebbe dovuto dimettersi già da mesi

  • 6 Febbraio 2015 in 20:34
    Permalink

    cucu’ cucu’ il parma non c’e’ piu’ e’ ritornato maggio al canto del cucu’

  • 6 Febbraio 2015 in 20:37
    Permalink

    Manenti e il presidente della mapi con sede a nuova goriza slovenia squadra di cui era presidente il sig ghirardi ed ex parma mi sorge un forte dubbio troppe analogie

    • 6 Febbraio 2015 in 21:19
      Permalink

      Oh mamma mia…solo che non ci prendano ancora x i fondelli….

  • 6 Febbraio 2015 in 20:40
    Permalink

    meno male che lo sciaquone lo tirera’ un italiano, sparire per colpa di **** albanesi sarebbe stata una macchia indelebile

    • 6 Febbraio 2015 in 20:44
      Permalink

      guarda che non e’ un offesa trattasi di pregiudicato mica l’ho deciso io ma la giustizia del suo paese

      • 6 Febbraio 2015 in 21:48
        Permalink

        in tanto lui non e mai stato condanato, etu generalizando, hai rotto le palle, si da il caso che i tifosi del parma non sono solo i parmigiani, ok azinoma.

  • 6 Febbraio 2015 in 20:41
    Permalink

    Su che base, Majo, afferma che i nuovi attori dovrebbero essere meglio dei precedenti, se non ne conosce neppure l’identità?

    • 6 Febbraio 2015 in 20:46
      Permalink

      Perché il mio indice gradimento per Taci non era dei più elevati

      • 6 Febbraio 2015 in 20:50
        Permalink

        Ma se conoscesse i nuovi potrebbe avere un indice di gradimento anche più basso…

          • 6 Febbraio 2015 in 21:05
            Permalink

            No, no, intendevo dire che, siccome lei dice di non sapere chi sono, non ha elemeti per affermare che sono meglio di Taçi.

          • 6 Febbraio 2015 in 21:09
            Permalink

            Appunto perché non li conosciamo che non possiamo avere termini di paragone. o lei sa chi sono?

          • 6 Febbraio 2015 in 21:14
            Permalink

            Gustavo, pochi bali: o il Parma falliva, perché Taci aveva già questa intenzione, o lo prendevano costoro che Eupalla ci ha mandato…

          • 6 Febbraio 2015 in 21:09
            Permalink

            Io dico che ha ragione assioma. Ho letto un suo lucidissimo commento che recitava così: “Un due tre la scorreggia in faccia a te, quattro cinque sei, meglio mapi o mapei. Auanagana coccodè cat vena un cancor nador alè alè”.

        • 6 Febbraio 2015 in 21:16
          Permalink

          Majo scusi ma se non li conosce non può dire le piacciono di più o di meno di Taci. Lei sa chi sono, suvvia, poi capisco che non possa dirlo pena la perdita di fiducia dei suoi talponi.

          • 6 Febbraio 2015 in 21:26
            Permalink

            Io non li conosco personalmente per cui non posso avere un giudizio neppure superficiale. Ma che Taci non mi piacesse affatto lo dicevo da prima ancora che venisse a Parma, immaginarsi dopo.
            E dopo aver buttato via due o tre mesi con lui e il suo staff adesso si presenta questa opportunità: va bene? Il Parma si salva. Va male? Il Parma è morto come sarebbe morto con Taci, giacché aveva già dato l’ordine di staccare la spina. Esattamente in quel mentre Eupalla ha mandato costoro. Riuscirà il salvataggio in extremis? Bene. Non riuscirà: beh, almeno ci hanno provato.
            Saluti
            gmajo

          • 6 Febbraio 2015 in 21:40
            Permalink

            eh ,sperema cat vena dabo?

      • 6 Febbraio 2015 in 20:52
        Permalink

        ed eri in ottima compagnia 🙂

        diciamo che ha mandato avanti un figone per distrarci 🙂

      • 6 Febbraio 2015 in 21:48
        Permalink

        Ma certo.. L’indice di gradimento alto era per sua sorella.. Ma per favore. Fatte i seri ma soprattutto non i racisti. La societa’ rischiava di fallire “grazie” a un italiano. L’albanese l’ha venduto a chi forse ne aveva piu’ soldi di lui facendo i propri interessi come tutti prima e dopo di lui. Tutelarsi muovendosi con cautela per vederci chiaro e provando a suo modo non mi sembra strano anzi. Per me addirittura rispettoso verso i tifosi. Non uscendo chiaramente e formalmente cedendo dopo 1 mese mi porta a pensare che qualcosa non le e’ apparso chiara. Magari con le comunicazioni ufficiali capiremo di piu’.
        Comunque la cosa piu’ importante ora e’ la salvezza di questa societa’ e squadra. Perche’ no dai nuovi proprietari. Io me lo auguro e ve lo auguro. La citta’ e la squadra appartiene a tutti noi.

  • 6 Febbraio 2015 in 20:41
    Permalink

    ps : chissa’ cosa twettera ‘ lila , grazie rezart cat vena un cancor ?

    • 6 Febbraio 2015 in 20:54
      Permalink

      Ahahahahahah

  • 6 Febbraio 2015 in 20:45
    Permalink

    IL 16 SAPREMO TUTTO. Se pagheranno saranno affidabili in caso contrario saranno una nuova DESTRASO. UNA COSA è CERTA SE VERREMO SALVATI e faremo la B, DOVREMO SOLO RINGRAZIARLI ANCHE SE PRIMA DI FARE L’ABBONAMMENTO per il prossimo anno in serie B, VORRO’ VEDERE LA ROSA E DA QUESTA CAPIRO’ SE C’E’ LA VOLONTA’ DI SALIRE SUBITO NELLA MASSIMA CATEGORIA altrimenti me ne sto a casa. Vivacchiare in serie B, non m’interessa per niente..Ad ogni modo è vero, Corioni non si è presentato a anche se la controparte acquirente aveva 30 milioni, bisogna vedere perchè Corioni non si è presentato.Magari, AVEVA RAGIONE CORIONI e questo sarebbe un ALTRO SCOOP CHE IL GRANDE MAJO FAREBBE.Sentire Corioni e farsi spiegare perchè non si era presentato, in parole povere capire se questa cordata è uns nuova DESTRASO HOLDING LIMITED. Dai Majo, c’è anche il telefono…..Dal capitale sociale, la MAPI CHE SINCERAMENTE NON CONOSCO, sembra la sorella della Destraso, quasi stesso capitale da clochard,……7.500 euro. La cosa per me puzza come LIQUAME DI FOGNA. VOGLIAMO PROGRAMMI, STRATEGIE che dubito arriveranno chiare e cristalline come acqua di fonte ma penso arriveranno come acqua di fogna. Sarei il più fe lice del mondo se sbagliassi e se ciò fosse, CHIEDEREI FIN D’ORA UMILMENTE SCUSA.

    • 6 Febbraio 2015 in 20:55
      Permalink

      Ormai le hai dette tutte, da qualche parte probabilmente ci hai preso

    • 6 Febbraio 2015 in 21:23
      Permalink

      Velenoso sei un tifoso di merda se non vai a vedere la squadra in B…….. Ma non potevi rimanertene a commentare sul giornale che più ti si addice Gazzetta di Parma piuttosto che venire a scrivere stronzate su Stadiotardini???? Va a paia va

  • 6 Febbraio 2015 in 20:47
    Permalink

    allora faccio il serio anche se parliamo della baggianata del secolo (forse del millennio),maio ma quei 2 o 3 sfigati messi sotto contratto da taci chi li paga ? la borsetta di mamma’ dell’uomo tondo tondo ?

  • 6 Febbraio 2015 in 21:00
    Permalink

    I debiti attuali e i guai del parma sono attribuibili alla vecchia societa’Ghirardi e Leonardi. Se sara un’altra bufala la vedremo con le prossime scadenze.

  • 6 Febbraio 2015 in 21:00
    Permalink

    Non vorrei gufare ma credo sia impossibile fare peggio di Taci, poi se il direttore dice che ci si può fidare, fidiamoci. P.s. io personalmente non mi sono mai fidato neanche di Ghirardi, per fortuna il tempo è galantuomo

    • 6 Febbraio 2015 in 21:07
      Permalink

      Io non ho mai detto che ci si può fidare…

      Io ho garantito solo sulla bontà della notizia. Solo lì ho affisso il mio bollino di garanzia.

      Il mio giudizio sugli attori è sospeso non conoscendoli personalmente e non conoscendo i loro programmi. Ma è altrettanto vero che, come scrivevo nei giorni scorsi, era l’ultima possibilità per evitare il fallimento. Se ci si riesce bene. Se non ci si riesce sarà come Dio vorrà…

      • 7 Febbraio 2015 in 00:29
        Permalink

        Però ieri, proprio rispondendo ad un mio commento, ha tirato in ballo un “cinquantello”…

        • 7 Febbraio 2015 in 00:39
          Permalink

          Non avevo freni inibitori. Rimane il fatto, tuttavia, che è quella la somma che dovrebbe arrivare entro il 16 febbraio. Per le obbligatorietà ne basterebbero meno, ma così ci sarebbe una maggior disponibilità anche per il prosieguo della stagione.

          Cordialmente

          Gmajo

  • 6 Febbraio 2015 in 21:04
    Permalink

    Ragazzi il nome MAPI è uscito perché volevamo un collegamento con la Gazprom a tutti i costi…senza quel nome(Gazprom) da alborgheti non avremmo mai pensato alla MAPI!

  • 6 Febbraio 2015 in 21:04
    Permalink

    Un’altra cosa, l’anno prossimo abbiamo già la squadra per la B. Iacobucci, Mauri, Cerri, Haraslin avranno un’occasione d’oro, mentre la squadra attuale (salvo Mirante e i prestiti che andranno via) sono già pronti per la B. Secondo me la società dovrebbe limitarsi a pagare tutti e non svendere i giovani. In B basta questo, senza spese folli, per dimostrarsi seria.

  • 6 Febbraio 2015 in 21:08
    Permalink

    velenoso scantot dailà

  • 6 Febbraio 2015 in 21:08
    Permalink

    E se a noi nominano Ghirardi ridiamo e sproloquiamo pure….

  • 6 Febbraio 2015 in 21:08
    Permalink

    La vendita del Brescia, poi non realizzata, alla Mapi Group, era seguita dal notaio Angelo Busani di Parma. Non so se è una coincidenza, ma se vedremo il suo nome nel Cda forse non la era…

  • 6 Febbraio 2015 in 21:14
    Permalink

    La cosa strana e che cambiano gli attori ma Leonardi e’ sempre al suo posto. Con il fallimento la vecchia proprieta’ rischia la bancarotta fraudolenta?

  • 6 Febbraio 2015 in 21:18
    Permalink

    Gabriele,
    Ringraziamo la Lega che ci ha permesso l’artefizio in sede di bilancio…vedi che alla fine i 200 giocatori del Leo sono serviti….

  • 6 Febbraio 2015 in 21:19
    Permalink

    Maio lo sai che questo e’ di mapello no ? tutto torna siamo stati ceduti ad ignoto2, ignoto1 l’avevamo gia’ individuato

  • 6 Febbraio 2015 in 21:28
    Permalink

    Se Albirghetti è il nuovo punto di riferimento della società non ha il minimo senso che la Mapi sia proprietaria del club visti i precedenti……. Non capisco che ragionamento insensato abbiate fatto

  • 6 Febbraio 2015 in 21:28
    Permalink

    secondo me direttore dall euforia iniziale ancge lei ira sta cominciando ad avere qualche dubbio sui futuri proprietari, che ormai diciamocelo chiaramente sarà questa benedetta o maledetta Mapi. tutti gli indizi portano a loro. ora dall esaltazione mi ritrovò a vivere le sensazioni che hi vissuto fino a ieri pomeriggio e non me lo sarei nai asoettato. mi sembra fi essere tornato al 19 dicembre e la cose mi crea tristezza. stesse dinamiche e il leo come filo conduttore..non ne posso davvero più…Hanno girato le quote?bene, che dicano ci sono, perché continuiamo ad essere ka barzelletta d Italia..che vergogna

    • 6 Febbraio 2015 in 21:32
      Permalink

      Come ormai sto ripetendo a noia o si mangia questa minestra o si salta la finestra. Per cui: i cavalieri bianchi depositano nella buchetta i trenta sacchi o meglio ancora cinquanta? Bene, vedrai che l’applausometro scatterà a 1.000; si comporteranno come i predecessori? Amen, tanto la fine era segnata. Quindi siamo fatalisti e aspettiamo. Saluti
      gmajo

      • 6 Febbraio 2015 in 21:43
        Permalink

        saltiamo dalla finestra che siamo ancora a piano terra,di sbobba non ne mangio piu’

      • 6 Febbraio 2015 in 21:44
        Permalink

        Da una prima frettolosa indagine su internet, tutti gli indizi porterebbero alla MAPI, fosse così perché designare Alborghetti come rappresentante, visti i precedenti con la Pigna? Perché Alborghetti accetta un simile ruolo da chi ha cercato (da quanto letto in rete) di buggerare l’azienda in cui ricopre diversi ruoli di primissimo piano?
        Secondo Lei Direttore non c’è qualcosa di anomalo? O stanno acquisendo anche la Pigna?

  • 6 Febbraio 2015 in 21:29
    Permalink

    Chi avrebbe avuto interesse ad accollarsi 118 milioni di debiti se non ci fosse stato questo escamotage….
    Assio ringrazia il tuo amico col sigaro…

    • 6 Febbraio 2015 in 21:29
      Permalink

      e i 118 milioni di debiti chi li ha diagnosticati?

      • 6 Febbraio 2015 in 21:52
        Permalink

        Purtroppo aveva ragione Boni ieri sera! Il nulla, il vuoto assoluto! X favore basta!!! Un crisantemo x il Parma…

        • 6 Febbraio 2015 in 22:02
          Permalink

          bravo Tomas

    • 6 Febbraio 2015 in 23:16
      Permalink

      non hai ancora detto Osso, mi sto preoccupando

  • 6 Febbraio 2015 in 21:30
    Permalink

    Taci

  • 6 Febbraio 2015 in 21:40
    Permalink

    Majo lei stanotte era davvero euforico. Adesso la vedo molto prudente. Questo mi preoccupa. Vedo il “cinquantello” sfumare.

    • 6 Febbraio 2015 in 21:57
      Permalink

      Se non cinquantello magari portano un cinquantino. Un ciao o un garelli x le prox trasferte in regione…

    • 6 Febbraio 2015 in 22:00
      Permalink

      L’ho notato anch’io.
      Del resto i comunicati ufficiali senza il nome dei compratori li abbiamo già visti e non fanno ben sperare.
      Che le dice la sua fonte, Majo?

  • 6 Febbraio 2015 in 21:41
    Permalink

    rimane il fatto che non si sono palesati e l ultimo che ha fatto così ormai sappiamo tutti che fine ha fatto. chi non esce allo scoperto lo fa per coprirsi la faccia da eventuali figuracce e l unica figuraccia ira possibile è quella del Non versamento dei dindini. cambiano gli attori ma la storia è sempre quella.

  • 6 Febbraio 2015 in 21:56
    Permalink

    Direttore, cosa ne pensa diell’ipotesi riportata da Parma Fanzine? Le sembra verosimile?

    Un nome da tenere sott’occhio potrebbe essere quello di Bruno Mentasti Granelli, ex proprietario della San Pellegrino (società che ha venduto alla Nestlè tra il 1993 ed il 1997), molto amico di Silvio Berlusconi fin da quando diventò socio di Telepiù, e dal 2005 proprietario del 33% della Central Energy Italian Gas Holding (Ceigh), la società per azioni legata alla viennese Centrex Europe Energy and Gas, che è il gruppo internazionale di compagnie del settore del gas naturale creato nel 2003 da Gazprom per vendere e commercializzare metano nei Paesi europei. Proprio tramite queste operazioni sarebbe diventato l’uomo di Gazprom in Italia. Quello di Mentasti Granelli è però solo un nome tra i tanti che vengono fatti in queste ore, durante le quali sono tornati a spuntare “vecchi cavalli di battaglia” come la Lukoil.

  • 6 Febbraio 2015 in 21:56
    Permalink

    Ciao Gabriele, complimenti per la cura e la professionalità nella gestione del sito. Stadiotardini.it in queste settimane ha fatto un po’ di luce sulle vicende e sulla gestione (a mio avviso scandalosa) di una squadra di calcio al quale siamo tutti affezionati e che non meritava la fine ingloriosa a cui la stava destinando la gestione Taci. Adesso incrociamo le dita.

    Benedetto Dradi

  • 6 Febbraio 2015 in 21:57
    Permalink

    Forse Galliani ci ha restituito il favore di Paletta….
    Per coprire i debiti dovevamo utilizzare tutti i 113 tesserati….
    Seno chi mai avrebbe preso una società retrocessa e piena di debiti??????
    Meglio così…diciamo una legge Marzano bis…..
    Godo…reggiani rosicate!!!!!!!

  • 6 Febbraio 2015 in 21:58
    Permalink

    Ho letto 2000 articoli soli Google scrivendo Alborghetti Parma…… Mapi non esce nemmeno una volta se non su Stadiotardini…… Mi sa che la state pestando bella grossa

  • 6 Febbraio 2015 in 22:02
    Permalink

    si ma noi tifosi cosa abbiamo fatto di male x meritarci tutto questo?

  • 6 Febbraio 2015 in 22:05
    Permalink

    Smentita anche dalla pigna.
    Non so chi siano ma mi pare eccessivo pretendere che si presentino dopo nemmeno 24 ore.

  • 6 Febbraio 2015 in 22:13
    Permalink

    Alborghetti non e’ in antitesi con Mapi se davvero e’ la Mapi. Le industrie Pigna vanno male, Alborghetti e’ un Manager e se e’ in gamba quelli della Mapi se ne sono accorti e semplicemente l’hanno portato via dalle Ind. Pigna e ovviament lui ha colto la palla al balzo…

    Un saluto a tutti

    • 6 Febbraio 2015 in 22:30
      Permalink

      Ma tu andresti in una società con cui hai trattato e sai che è una sola?!?!io se fossi un manger in gamba no!

  • 6 Febbraio 2015 in 22:15
    Permalink

    Dai ragazzi almeno adesso c’è la speranza che i soldi arrivino e si possa forse programmare la serie b, mentre con Taci si aveva solo la certezza del fallimento

  • 6 Febbraio 2015 in 22:19
    Permalink

    Affidarsi prima a Taci e successivamente alla MAPI (se effettivamente c’è il gruppo sloveno dietro) sarebbe veramente da “incoscienti”. Tutti soggetti recidivi in queste particolari situazioni. Adesso speriamo che non ci sia un’altra scatola vuota dietro. Sbagliare è umano, ma perseverare…

  • 6 Febbraio 2015 in 22:30
    Permalink

    Parlando d’altro com’è la situazione meteo lì? c’è il rischio rinvio? sarebbe una manna dal cielo spostare questa partita tra un paio di settimane.

    • 7 Febbraio 2015 in 01:27
      Permalink

      in effetti il rinvio è più che probabile. il gos penso si indirizzerà in questo senso

  • 6 Febbraio 2015 in 22:31
    Permalink

    Direttore la sento deluso….. O sbaglio??? Siamo nella merda???

    • 6 Febbraio 2015 in 22:55
      Permalink

      non so se con l’azionariato popolare e con il volontariato si possa fare di meglio.
      a dieci giorni dalla scadenza e col precedente padrone sulla via della fuga nom è che puoi fare lo sschizzinoso. comunque credo sia razionale aspettare come va dopo di che se andrà male proveremo tutti le gioie del fallimento.
      cordialmente
      gmajo

      • 6 Febbraio 2015 in 23:01
        Permalink

        non dico che non si siano provate tutte, e che non si sia fatto bene. Ma purtroppo siamo andati a parare sui due personaggi più inaffidabili della storia del calcio italiano, per ciascuno abbiamo 3-4 tentativi di acquisizioni andati male.
        Per me finisce qui, se avverrà un miraolo lo accoglierò a braccia aperte, ma non mi illudo più. Da oggi mi metto il cuore in pace

  • 6 Febbraio 2015 in 22:49
    Permalink

    Direttore ma le voci che metteva in giro Mat erano tutte cazzate??? Veramente c ê Gazprom dietro? Ha novitâ? Grazie

    • 7 Febbraio 2015 in 01:24
      Permalink

      la società in questione ha rapporti cin Gazprom

  • 6 Febbraio 2015 in 23:00
    Permalink

    Direttore perché non ha più lagrinra di ieri? Ha paura della beffa??

    • 6 Febbraio 2015 in 23:18
      Permalink

      ieri sera avevo l’adrenalina per aver dato la notizia prima di tutti del cambio di proprietà, cosa che mi ha fatto perderr il controllo dei freni inibitori. ma al di là di qualche iperbole nello spazio commenti resto ancora adesso sui contenuti esposti nel più razionale articolo delle 4 di stanotte. da un lato credo sia un successone essersi liberati dello stallo di taci, dall’altro resta l’incognita sui nuovi. però visto che non c’è altra scelta bisognerà pure accontentarsi

      • 7 Febbraio 2015 in 09:16
        Permalink

        Giusto, accontentarsi…attendiamo e preghiamo….

  • 6 Febbraio 2015 in 23:06
    Permalink

    Questi sono i russo-ciprioti di cui parlava Giordano, più i 2 italiani….
    Il Parma sarebbe stato salvato a priori, la Lega non poteva permettersi la rescissione di tutti i tesserati e quindi il fallimento a metà stagione…
    È’ stato fatto un bilancio ad hoc per coprire i debiti!!!!
    Ora a giochi fatti possiamo dirlo!!!!!

  • 6 Febbraio 2015 in 23:15
    Permalink

    La Tenaris puo essere una pista???

  • 6 Febbraio 2015 in 23:20
    Permalink

    Direttore…potrebbe rispondermi cordialmente? La ringrazio

  • 6 Febbraio 2015 in 23:29
    Permalink

    Direttore ok ma essere presi in giro due volte con la stessa strategia sarebbe veramente troppo, forse era meglio fallire…

  • 6 Febbraio 2015 in 23:33
    Permalink

    Majo, ma è la Mapi? Questo credo che ce lo possa dire, a questo punto…

    • 6 Febbraio 2015 in 23:35
      Permalink

      Mi pare che gli indizi convergano lì, ma io non ho elementi per poterlo confermare.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 6 Febbraio 2015 in 23:38
        Permalink

        Ma se la trattativa tra Pigna e Mapi saltó, perché dovrebbero essere collegati ora per il Parma?

  • 6 Febbraio 2015 in 23:37
    Permalink

    Andrea sei tu un tifoso di merda e dicendoti questo, m”inginocchio davanti alla merda e gli chiedo scusa per averla paragonata a te e ignobilmente offesa.In quanto a Gabriele Majo penso che dovremmo come parmigiani essere fieri di avere uno dei migliori giornalisti emiliani e forse nazionali Simpatico coerente educato e alla.mano.CHAPEAU GABRIELE.

    • 6 Febbraio 2015 in 23:52
      Permalink

      hai sparato più cazzate te in mezza giornata che Berlusconi in una vita in parlamento. Sei ridicolo velenoso. Vienimi a trovare domenica al Petitot che ti offro due pattone al bar e forse magari ti svegli un attimino. Non leggo più i commenti della gazzetta perché mi veniva la nausea a leggere i tuoi ora fatti odiare anche qui. Torna all’asilo.

      • 6 Febbraio 2015 in 23:54
        Permalink

        E ribadisco…… Ti devi solo vergognare se non vai a vedere il Parma in B. Non sei un tifoso, sei un pirla

  • 6 Febbraio 2015 in 23:43
    Permalink

    Se la proprietà è’ quella…. È’ finita…

  • 6 Febbraio 2015 in 23:45
    Permalink

    Leonardi si sta comportando da vigliacco…è sparito da più di un mese, squadra e società allo sbando, la stampa nazionale ci distrugge e lui continua ad agire nell ombra, mettendoci nelle mani di personaggi improbabili e lui sempre nascosto. Perché nessuno chiede un incontro col santo padre?ci deve spiegazioni più di chiunque altro.

  • 6 Febbraio 2015 in 23:56
    Permalink

    Il cinquantello è sempre predisposto vero? Non è che siamo difronte all’ennesimo numero da circo di Leonardi affinché, almeno per ora, nessun tribunale acceda a certe cose?

  • 6 Febbraio 2015 in 23:57
    Permalink

    direttore io non la sento pessimista a contrario di altri,anzi la vedo piuttosto fiducioso che questi i soldi li vogliono sganciare,solo conoscendo il suo modo di scrivere ci fa capire di rimanere sempre con i piedi per terra(giustamente non li conosciamo)…mentre dal primo giorno di Taci lei non è mai stato ottimista..

  • 6 Febbraio 2015 in 23:58
    Permalink

    Molto bravo Leonardi a scovare avventurieri…

  • 7 Febbraio 2015 in 00:06
    Permalink

    Direttore, Giordano oggi ha detto che con 30 mln la situazione era risolvibile. Devo capire che il debito non è così alto come sembra? O ho capito male qualche passaggio? Grazie

  • 7 Febbraio 2015 in 00:14
    Permalink

    Majo, mi perdoni, ma a quale livello era l’euforia adrenalinica da scoop di ieri sera? No, perché ricordo distintamente che oltre ai mitici cinquantelli si parlava pure di piani industriali quadriennali. Non vorrei che adesso fossimo passati a 50 euro e un piano giornaliero per pagare la bolletta dell’elettricità per fare la conferenza stampa. Majo si esponga. Se è Mapi siamo davanti all’ennesima scatola vuolta con questo Manenti che mi dicono non essere propriamente un uomo affidabile.

    • 7 Febbraio 2015 in 00:47
      Permalink

      Confermo il piano industriale quadriennale. Per quanto concerne l’ipotesi Mapi, non sono in grado di fornire conferme, pur riconoscendo che gli indizi indirizzano in quella direzione. Non è un uomo affidabile? Egregio: non sempre si fa quel che si vuole, ma quello che si può. A dieci giorni dalla deadline, con Taci che molla il fardello non penso che si potesse fare una selezione accurata ed è già tanto che non scappino come altri. Poi se Taci era stato benedetto da sindaco e upi, non credo che si formalizzeranno ora…
      Cordialmente
      Gmajo

      • 7 Febbraio 2015 in 00:57
        Permalink

        Piano industriale per una società di calcio che vuole dire?? Spero non quattro anni per tornare in A…
        Ah, sindaco e Upi hanno benedetto Taçi (il sindaco mi risulta averlo solo conosciuto, comunque lasciamo perdere) dopo averlo almeno incontrato e averci cenato. Lei ieri notte ha benedetto questi signori senza neanche, a suo dire, sapere che nomi hanno.

        • 7 Febbraio 2015 in 01:07
          Permalink

          io non ho benedetto una benedetta mazza. e l’ho anche già chiarito. io ho dato una notizia credo importante. ma nn no dato alcuna benedizione, forse ha frainteso. io vi ho riferito quel che sapevo. questo non vuol dire che io sia un garante. e comunque non sono né il sindaco né l’upi. io vi ho dato in anteprima la notizia di una svolta. mica ho fatto la due diligence…

  • 7 Febbraio 2015 in 00:34
    Permalink

    Sulla gazzetta di domani Giordano confessa che taci gli avrebbe detto che il suo socio russo era uno che faceva estrazioni e con un patrimonio sui 5 miliardi di dollari…è ovvio che fosse kerimov…se casualmente si ripresenta sullo sfondo adesso con questa MAPI(che è l’ennesima scatola vuota) vuol dire che è lui auovere i fili e vuole portarci al fallimento per prenderci senza debiti!

    • 7 Febbraio 2015 in 00:37
      Permalink

      che genialata, così ripartiamo dalla D…

      Signori lasciamo lì con dei luoghi comuni e cerchiamo di far funzionare il cervello che è meglio…

      • 7 Febbraio 2015 in 00:42
        Permalink

        E cosa ci dice il cervello? A me dice che se Giordano mente, quelli della Mapi con il currisulum che hanno, possono contare balle ancora più grosse… E che quindi i cinquantelli, i programmi industriali, i pagamenti a breve, non ci saranno….

        • 7 Febbraio 2015 in 00:56
          Permalink

          non capirei il movente… anziché bussare alla porta, che non glielo ha ordinato il nedico, se ne restavano dov’erano e amen. pare che si vogliano togliere soddisfazioni…
          cordialmente
          gmajo

      • 7 Febbraio 2015 in 00:44
        Permalink

        E allora me lo dica lei qual’è il senso di vendere ad un altra società vuota che non ha fatto altro che tirare sole in giro…perché glielo anticipo adesso senza essere ne un giornalista professionista ne un veggente…se è la MAPI i soldi non arriveranno mai…possiamo portare i libri in tribunale subito che tanto prolungheremmo solo l’agonia di un altro mese di “tutto e predisposto” e “domani arrivano i soldi”…Perché ogni volta c’è sempre un russo sullo sfondo???

        • 7 Febbraio 2015 in 00:53
          Permalink

          ogni volta? boh io mi sarei genuflesso sui ceci se ci fosse stato dietro taci… scatola vuota? può anche darsi ma non credo ci sia altra soluzione…
          cmq dopo aver perso due o tre mesi col circo taci non credo che il problema sia perderne dieci con un altro soggetto…
          cordialmente
          gmajo

          • 7 Febbraio 2015 in 05:40
            Permalink

            Un altra soluzione c’è. tenersi la dignità.
            O Leonardi non sa usare google e non ha idea di come si valutano le persone oppure sono tenetativi disperati perchè rischia qualcosa a livello legale se non si ripiana il tutto, anche a livello di immagine per lui essere associato a gente del genere è deleterio.
            Una persone onesta semplicemente si presenta, stringe la mano, ti dice nome e cognome e non fa resistenze quando si tratta di dire da dove arrivano capitali, lo sanno già tutti.
            Per me il Parma deve essere dissociato da queste persone, si preferisco la terza categoria.

      • 7 Febbraio 2015 in 00:56
        Permalink

        Se devo far funzionare il cervello abbiamo un manager, Mapi (scatola vuota), Leonardi ancora in mezzo ai piedi (lui che ha concorso a distruggere il Parma), il solito comunicato del c***o che non dice niente e Lei, direttore, che parla di cinquantelli e piani quadriennali (di staliniana memoria?). Fatto questo quadro, mi c**o addosso 🙂

          • 7 Febbraio 2015 in 01:07
            Permalink

            Majo domanda. La sua fonte (un legale immagino), le ha parlato di cinquantelli, piani quadriennali, gente seria, etc etc ma non le ha detto chi sono? E’ corretto o no? E se è corretto, Lei crede alla fonte anche senza che questa le abbia detto il nome del gruppo che ha rivelato il Parma?

          • 7 Febbraio 2015 in 01:13
            Permalink

            esatto. io ho fiducia nella mia fonte che mi ha dato determinati parametri che io vi ho riferito. sui nomi c’era max riserbo e mi sono dovuto accontentare. la durata del piano e il budget mi erano stati riferiti, per altro informAlmente, e io ve li ho dati. questo è quanto.
            buonanotte

          • 7 Febbraio 2015 in 01:17
            Permalink

            Perfetto, quindi siamo in mano alla fiducia riposta nella fonte.

            Notte.

          • 7 Febbraio 2015 in 01:20
            Permalink

            forse lei pretende un po’ troppo da me e dalle mie fonti.
            io faccio il giornalista e do notizie, che si sono rivelate vere e fondate. poi se la società individuata non è di suo gradimento non saprei proprio cosa farci. saluti
            gmajo

          • 7 Febbraio 2015 in 01:31
            Permalink

            E’ di mio gradimento se, come Lei diceva ieri sera, sparano nelle morenti casse del Parma dei “cinquantelli”. Altrimenti meglio fallire. Per ora si sono presentati malissimo. Manager e probabile scatola vuota come “azienda” di riferimento. Spero nei cinquantelli, temo una Dastraso 2. Penso sia il suo stesso pensiero.

          • 7 Febbraio 2015 in 01:35
            Permalink

            il cinquantello era uno e se ce lo mettessero avremmo già fatto giornata. il manager penso offra maggiori garanzie, cone profilo, rispetto al presidentino. per il resto li giudichero’ dopo la trasfusione.
            cordialmente
            gmajo

  • 7 Febbraio 2015 in 00:49
    Permalink

    Cazzo ma una buona notizia mai?

  • 7 Febbraio 2015 in 00:51
    Permalink

    Ma se la trattativa tra Pigna e Mapi saltó, perché dovrebbero essere collegati ora per il Parma?

  • 7 Febbraio 2015 in 00:54
    Permalink

    Ma se da quel che leggo la trattativa tra Pigna e Mapi saltó, perché dovrebbero essere collegati ora per il Parma?

      • 7 Febbraio 2015 in 01:03
        Permalink

        Si ok. Ma tu manager di una azienda, andresti con uno che ha provato a comprare questa azienda per poi tirarsi indietro?

        • 7 Febbraio 2015 in 01:14
          Permalink

          evidentemente avrà i suoi buoni motivi, ogni testa è un piccolo mondo

      • 7 Febbraio 2015 in 01:05
        Permalink

        Effettivamente come mai Fiorenzo Alborghetti dovrebbe essere collegato alla MAPI se la vicenda con la Pigna è finita male?

  • 7 Febbraio 2015 in 01:08
    Permalink

    direttore la sento sfiduciato, dobbiamo arrenderci alla MAPI o ci wono possibilità di terze parti?

    • 7 Febbraio 2015 in 01:17
      Permalink

      forse sfiduciati sono coloro che sono delusi. io sono fatalista. eravamo già al cimitero, ora facciamo gli schizzinosi…

      • 7 Febbraio 2015 in 01:32
        Permalink

        No, Majo, schizzinoso è chi fra due alternative posittive fa i capricci. Qui siamo, mi pare, tra due alternative ugualmente da cimitero. Ovvio che non si sia particolarmente contenti di crepare…

        • 7 Febbraio 2015 in 01:37
          Permalink

          temo che nessuno sfugga alla morte in questo mondo imperfetto, detto questo tra morire di taci e morire di questi opterei su questi perché il decesso non mi pare amcora conclamato

  • 7 Febbraio 2015 in 01:24
    Permalink

    non è questione di essere schizzinosi, qui molti parlano di fossa comune, altro che cimitero. Lei ha parlato con un conoscente dei compratori oggi( tal paoletti67 o simili)? ha qualche notizia in più o brancola nel buio come noi?

    • 7 Febbraio 2015 in 01:32
      Permalink

      paoletti67 nn mi dice niente. per il resto non ho ulteriori dettagli in riferimento

  • 7 Febbraio 2015 in 01:35
    Permalink

    ok la ringrazio. Comprendo il suo punto di vista. Da Taci sapevamo che non c’era nulla da aspettarsi, dei nuovi chissà… ad ogni modo buonanotte e speriamo bene

    • 7 Febbraio 2015 in 01:38
      Permalink

      il problema è che pur non essendo l’ideale sono l’unica ancora.
      notte
      gmajo

  • 7 Febbraio 2015 in 02:56
    Permalink

    Concordo con Andrea…meglio non leggere neanche i commenti di Velenoso che riempie già le pagine dei commenti della gdp ricevendo sempre minacce di essere bannato per le sue intemperanze. ..dice e disdice continuamente con commenti infiniti e riesce a far diventare un giorno di speranza un giorno di angoscia. …non se ne può più

    • 7 Febbraio 2015 in 10:31
      Permalink

      Cibbi Andrea. ti ha chiesto il telefonino e ha continuato a demenziare perchè luii non è capace di dare fare nient’altro.Se sei l’amico di Andrea so chi sei.CULO E CAMICIA.Perché non vi sposate? In quanto alla gdp mai sono stato bannato ma su quel forum tutti mi seguono e il 99% sa chi sono diciamo che molti mi considerano IL LORO MAESTRO DI VITA visto che è da 7 anni che scrivo. Certo non sono molle come voi due, Dico quello che penso anche se a volte ciò che dico è scomodo,non sono banale.Un’ultima coa cibbi come fai a stare vicino ad Andrea che puzza come un uovo marcio? È AMORE?IN QUANTO ALLA SERIE B RIBADISCO.O UNA RAPIDA RISALITA o vivacchiare dopo il passato europeo che abbiamo avuto non fa per me.Non mi fa di fare il Brescia che da 15anni è in B.Ciao puzzoni.

      • 7 Febbraio 2015 in 13:19
        Permalink

        È’ proprio per il fatto che dici quello che pensi che dici un sacco di cazzate…… non so se mi spiego. Ribadisco che sei un buffone, il vero tifoso va anche in lega pro….. Vai a tifare Juve Nador. In quanto a Cibbi nemmeno so chi sia….. ma vedo che non sono l’unico a pensare ciò rispetto alle tue frasi da poppante. Pure una guida ti senti, forse non ti sei reso conto che ti beccano tutti per il sedere sulla GdP….. becchi delle cariche ad ogni commento. Se la vuoi chiarire fuori questa cosa ti invito al Petitot a pranzo la prossima partita in casa….il Direttore penso Si sia rotto di leggere ste cazzate

  • 7 Febbraio 2015 in 09:34
    Permalink

    Comunque un grosso complimento a Taci bisogna che glie lo facciamo. Si è’ preso la briga di aprire una società a Cipro per comprare il Parma, non ci ha messo un lira, ha ceduto mezza squadra senza incassare un lira e se n’è andato. Complimenti vivissimi, questo ci insegna che diventare miliardari non è’ poi così complicato.
    Ah dimenticavo…… almeno con i mille euro di Pozzi ci ha pagato le bollette dell’Iren

  • 7 Febbraio 2015 in 10:34
    Permalink

    Io direi di aspettare il 16.È quello il giorno della verità. Sarebbe una cosa tragicocomica se nemmeno con questa proprietà venissero pagati i giocatori e tuttoi gli altri che vantano pendenze.Sarebbe l’ennesima presa per ilculo.ASPETTIAMO.

  • 7 Febbraio 2015 in 10:55
    Permalink

    E da ieri che leggo con interesse i commenti qui. Per prima cosa – Congratulazioni a G Majo x lo scoop giornalistico di ieri e per le risposte che ha dato ai diversi commenti. Non sempre la vediamo nello stesso modo ma leggendo i commenti fatti è stato bravo a non inca…..si del tutto. Mai possibile che non va mai bene una? C’è un pessimismo dilagante nell’ambiente con tante insinuazioni senza che persone stiano più ai fatti reali.
    Il punto è – che il Parma falliva senza un compratore- RISCHIAVA DI SPARIRE….Taci non ci ha messo i soldi aspettati. E arrivato un compratore, una cordata, sa dei debiti ha comprato e può fare due cose – fallire ( che non ha senso perché poteva aspettare l’asta post fallimentare e comprare Il Parma a poco) o po’ saldare il tutto ( avrà un piano in mano x fare questo o no?) Hanno lavorato sotto-traccia e nell’ambiente non se n’e parlava. Per prima cosa mettono un Manager come referente ( non l’ultimo Doca, sconosciuto, come presidente) ma uno che da interviste lette si mostra intelligente e che non avrebbe il minimo interesse ad avere un’incarico che potesse andare male, è un referente per la società ma non é lui il compratore…( invece c’è chi è convinto che sia il compratore). Non si sa chi sia la proprietà ancora…Va beh sono passati 36 ore- poco considerando il we, ma se questi sono intelligenti faranno una cosa intelligente – Pagheranno i debiti al più presto e poi si saprà chi sono. Spesso si pensa che chi si cela e nasconde non vuole fare le cose giuste ma si dovrebbe sapere già dalla faccenda Ghirardi e Taci che c’è chi non ha problemi a farsi vedere e poi sparire. Per cui diamo qualche giorno di tempo per vedere cosa succede prima di strapparsi i cappelli e cadere nel pessimismo più assoluto.
    Per il discorso Leonardi, se ha lavorato per questa cessione e va bene lo dovremmo ringraziare ( nonostante il passato con Ghirardi ma anche li è il capo che dovrebbe avvallare le spese), e da quel che mi ricordo non sembrava entusiasta della vendita a Taci al tempo.
    Come dice G Majo diamo qualche giorno e facciamo contare i fatti perché per il Parma c’era davvero un buco nero senza fondo.

  • 7 Febbraio 2015 in 11:35
    Permalink

    Secondo il mio punto di vista c’èra da scegliere tra due opzioni.La prima con Taci era il funerale già predisposto e la seconda è fare un’ operazione in sala operatoria e tentare di salvare il paziente (il Parma) da morte certa.Si tenta tanto ormai non c’è più niente da perdere O LA VA O LA SCAPPA tanto il paziente moriva in tutti i modi..Cosa ne penso? Io penso che tutto sia un escamotage per far fallire il Parma e poi riprenderlo in B.Quello che ha fatto ultimamente il Pescara e il Bari.Tutti gli indizi portano a questo fallimento pilotato ed anche il comportamento della Societa dimostra che sottotraccia si sta lavorando pet questo.Ci sono tantissimi indizi che portano a questo.Cosa ne pensa Majo?

  • 7 Febbraio 2015 in 11:53
    Permalink

    X tutti quelli che preferiscono il fallimento x ricominciare senza debiti dico :
    siete sicuri che chi rifonda il Parma non sia qualcuno con nessuna disponibilita’ economica e che ci tocchi restare a vita tra il dilettanti o poco piu’?
    Guardate il Lecce Cremonese ecc. pur investendo non riescono ad ottenere risultati lo Spezia pur essendo in mano a facoltosi non riesce a centrare l’obboettivo……..
    Anche se i nuovi non hanno grandi disponibilita’ economiche (anche se non credo visto l’impegno che si sono presi) giocare in B sarebbe tanta roba ….

    Forza Parma sempre

    P.S. no ha senso fare gli schizzinosi pensiamo al bene del Parma………

    Capitolo Leonardo errori ne ha commessi come tutti il fatto che stia lavorando per il bene del Parma è importante
    ricordatevi che è sempre stato un dipendente è quello che fa deve essere sempre avallato dalla proprieta’
    e venendo a tempi recenti se non parla forse non puo’

    Capisco la frustrazione di tutti voi e la mia ma non ci resta che sperare e avere ulteriore pazienza……..

    • 7 Febbraio 2015 in 13:13
      Permalink

      ciao cevols to moiera le dre’ guser con al poste’ porta pasiensa nane’

  • 7 Febbraio 2015 in 12:05
    Permalink

    ……….Manenti non conferma e non smentisce……..
    mi pare una conferma ma il vedremo nei prossimi giorni mi fa un po’ paura………..
    il passaggio è realmente avvenuto? ci sono clausole ?
    Manenti da solo non credo che ha le risorse necessarie per ripianare i debito 78M e investire per ripartire….
    c’è dunque un socio molto facoltoso o più ‘ soci ?
    Majo puoi dire qualcosa in merito?

  • 7 Febbraio 2015 in 12:26
    Permalink

    Se non ci fosse la figura di Alborghetti (che mi sembra una persona abbastanza seria e “spendibile”) direi che Taci ha semplicemente regalato le quote a questa specie di Dastraso bis per sbarazzarsi del fardello insostenibile. Ma di un operazione di questo tipo non riesco a capirne l’utilità (intendo per la Dastraso bis). La figura di Manenti ha fatto letteralmente crollare il mio entusiasmo per la notizia, ogni ora che passa senza una presentazione ufficiale mi fa credere che ancora una volta siamo finiti in mano a traghettini. Vorrei essere smentito presto.

  • 7 Febbraio 2015 in 13:13
    Permalink

    Vi dico come finirà questa storia perchè diciamocelo chiaro, tutto questo è un pagliacciata che in un paese civile, non dovrebbe mai succedere. Finirà con il Parma nei dilettanti per lungo tempo e GHIRARDI E LEONARDI PER LUNGO TEMPO……….IN VIA BURLA a meditare e a pensare che se non si è furbi, inutile farei furbi.

    • 7 Febbraio 2015 in 14:03
      Permalink

      VELENOSO, vai a scrivere i tuoi commenti inutili sulla GDP invece che venire a rompere gli zebei anche qui…hai fiaccato!

  • 7 Febbraio 2015 in 13:16
    Permalink

    Giampietro manenti nuovo patron del parma!!!!!

  • 7 Febbraio 2015 in 13:50
    Permalink

    Dopo l’intervista ad Alborghetti sono un po’ rassicurato
    -sanno che ci sono tantissimi debiti da saldare in tempi brevissimi
    – vogliono ritornare subito in serie A
    -chi compra ha una solidità patrimoniale tale da permettersi il ripianamento e continuita’

    speriamo!

  • 7 Febbraio 2015 in 13:57
    Permalink

    Ho scritto il mio pensiero con educazione e ho ricevuto attacchi e insulti da uno che è famoso x questi attacchi a chiunque sulla gdp (che questa settimana ha epurato più volte i suoi commenti da querela). Caro Majo se anche questo spazio diventa come quello della gdp passo e chiudo. Già la situazione del Parma fa tristezza. ..e di farmi il sangue amaro con certi commentatori incivili che invadono tutti gli spazi proprio non mi va. Ti saluto cordialmente e ti ringrazio per gli articoli ottimi che continuerò a leggere (Ps naturalmente sto Andrea non lo conosco…ma almeno ha avuto il coraggio di dire quello che molti pensano)

  • 7 Febbraio 2015 in 13:58
    Permalink

    Perché parlare di via burla se non ci sono reati??
    tutte le società si finanziano tramite prestiti ………
    ma se i debiti non vengono ricapitalizzati si fallisce
    la ricapitalizzazione puo’ avvenire tramite nuovi prestiti un circolo vizioso pericoloso ma attuato anche in campo extracalcistico…………….
    chi presta se non vede un piano di rientro per tagliare perdite/esposizione non presta piu’ e il gioco si rompe

  • 7 Febbraio 2015 in 14:12
    Permalink

    il grosso problema del Parma non è altro che il riflesso di tutto il nostro amato paese. Non è Taci, non è stato Ghirardi, e di certo non è il signor Leonardi.

    Come è evidente per l’intera realtà del Belpaese, il maggiore problema è il “popolo”.

    Ricordo quando anni addietro il Parma aveva praticamente acquistato un certo Beppe Signori dalla Lazio, ma nonostante l’affare era praticamente concluso, i tifosi laziali assediarono casa Cragnotti finchè il presidente biancoceleste non si vide costretto a rispettare il cuore della propria squadra: i tifosi.

    Sono un tifoso del Parma da anni, ma purtroppo vivo a 8 ore dalla città crociata. Fossi lì, sarei a protestare da mattina a sera.

    Il problema del parma siamo noi tifosi. Nessuno se ne frega della nostra amata squadra? beh allora siam noi a dover PRETENDERE rispetto, e prendercelo con i denti.

    Tocca far rumore, casino, farsi sentire. Tocca protestare e non solo con un manifesto o un post su un blog. Chi di dovere deve sentire la pressione dei tifosi, non può andarsene a mangiare tranquillamente mentre la squadra cola a picco.
    Dev’esserci sempre un folto gruppo di tifosi che gli rompe le scatole finchè non inizia a mostrare il rispetto dovuto.

    Se restiamo a guardare senza far sentire il nostro disagio, senza fare rumore, non arriveremo a nulla.

    Guardiamo la cosa a più ampio livello:
    in Francia il governo combina cavolate? il popolo non lo accetta e scende in piazza a far molto, molto rumore.
    In america Obama ne comina qualcuna? beh di certo avrà timore che il popolo farà casino.
    In italia i politici ne combinano una dietro l’altra? Noi al massimo scendiamo in piazza con ridicoli manifesti che non servono a nulla. I nostri amati amministratori resteranno alle finestre dei palazzi, al caldo, con la tavola imbandita e la tasca strapiena. Saranno lì a ridere di noi, che al freddo, restiamo con qualche manifesto a credere che così facendo qualcosa cambierà.

    I manifesti non bastano. Facciamo RUMORE.
    La storia insegna, i manifesti non han mai cambiato il mondo.

  • 7 Febbraio 2015 in 14:22
    Permalink

    Kodra: “Abbiamo ceduto ad una società di diritto sloveno; è una decisione presa per la nostra immagine e per il futuro del Parma Calcio. Il problema non sono i debiti, ma le urgenze. Leonardi ama il Parma Calcio e la città di Parma”.
    Ragazzi è davvero finita, si fallisce. Spero solo a sto punto che il sig. Dallara tenga fede all’impegno esternato giorni fa sulla Gazzetta di intervenire in prima una volta sanciti il fallimento e la ripartenza dalla serie D (o peggio).

  • 7 Febbraio 2015 in 14:51
    Permalink

    Poveri tifosi TONTOLONI.Se la testa fosse svitabile e ve la ruberebbero,non ve me accorgereste nemmeno.Sveglia siamo in un mondo di ladri o di presunti furbi e LA SOCIETÀ PARMA F. C. è il loro palcoscenico preferito.TUTTO FINIRA’ IN VIA BURLA, nolenti o volenti, tontoloni o no È NELLA NATURA DELLE COSE.

    • 7 Febbraio 2015 in 15:18
      Permalink

      Per me la fai troppo tragica e troppo irrazionale. Via di uscita ce ne sono e neanche di così improbabili visto gli ultimi sviluppi…(intendo per evitare il fallimento).
      Per via Burla non se ne parla neanche in italia…Carretta è fuori, e Ghirardi e Leonardi sanno come difendersi.
      Una società di tragattini? Bene vorrà dire che faremo compagnia alle del calcio italiano visto che è composto dai seguenti nomi: Preziosi,Zamparini,Agnelli,Silvio,Lotito,Della Valle,Pozzo,De Laurentiis, Ferrero…etc
      Le soluzioni sono solo due : o mangi questa minestra ( il gruppo Sloveno) se no fai come un famoso ed ex giocatore juventino e ti butti dalla finestra (fallisci e ripartiamo dalla D).

      • 7 Febbraio 2015 in 16:53
        Permalink

        Tragattini e malavitosi in serie A e minori ce ne sono a iosa, ma non mi risulta che a Genova, Palermo, Torino, Milano, Roma, Firenze, Udine, Napoli, etc. non paghino gli stipendi o ci siano proprietari che non investono un euro, come invece accade qui da un bel pezzo.
        Invece di continuare con ste farse e prese per i fondelli (a proposito, complimenti a Donadoni per essersi finalmente svegliato dal lungo letargo!) sarebbe meglio cominciare a programmare il futuro e cioè ad una ripartenza che consenta di azzerare i debiti accumulati dal duo Ghirardi-Leonardi in questi ultimi anni della loro sciagurata gestione del club. Lo so che si tratta di una situazione drastica (fallimento) ma dar credito a gentaglia come Manenti (e Leonardi) significa soltanto prolungare di qualche giorno un’agonia che tanto porterà a un finale identico, con l’aggravante di essere ulteriormente sbeffeggiati dal resto d’Italia e d’Europa (per non parlare dei probabili guai giudiziari derivanti dalle mosse di questi “signori”).
        E’ inutile che Leonardi cerchi in tutti i modi di salvarsi il fondoschiena: quando la barca affonderà (e a mio parere manca poco) sarà chiamato a rispondere delle sue malefatte, insieme al suo amico di Carpenedolo, davanti ad un giudice. Gli consiglio di trovarsi un buon avvocato invece di rendersi patetico agli occhi di un’intera città

    • 7 Febbraio 2015 in 15:50
      Permalink

      Certo che se oltre alla incazzatira per le prese x il culo della società dobbiamo anche berci le tue prediche … Forse é meglio che te la prendi con chi di dovere e lasci perdere i tifosi che dovresti invece capire (forse?) anche se la pensi diversamente… La teoria del + furbo in questo sito nn è graditissima.
      P.s confermo che anche a me hai fracassato i coglioni coi tuoi messaggi sulla gdp.
      Avanti Crociati!

  • 7 Febbraio 2015 in 16:36
    Permalink

    Da oggi non daro’ piu’ la soddisfazione di risposta a questi tontoloni che mi attaccano senza sapere quello che sfarfugliano tra i denti. Non abbocchero’alle vostre TONTOLONIANE provocazioni.L’asilo nido è la loro dimora.Purtroppo sono un poco Veggente, non ho mai sbagliato NESSUNA previsione finora per cui vi dico che PURTROPPO E MI DISPIACE DIRLO finiremo in D tra i dilettanti e il gatto e la volpe andranno in galera.Non ci credete? Bene. Spero di sbagliarmi per quanto riguarda il Parma ma non per quanto riguarda il gatto e la volpe.Chi vivra’ vedra’.HELENIO HERRERA diceva MOLTI NEMICI MOLTO ONORE ed anch’io lo dico.Detrattori MI FATE UN BAFFO9

    • 7 Febbraio 2015 in 16:45
      Permalink

      Ottimo proposito, velenoso: però cerchiamo di mantenerlo e non solo di predisporlo… E comunque, rispetto ad altrove, cerchiamo di non sbracare troppo anche negli attacchi… Manteniamo un certo stile, un certo decoro…

    • 7 Febbraio 2015 in 16:57
      Permalink

      La serie D o la terza categoria non mi spaventano affatto, chi tifa Parma sul serio c’è e ci sarà sempre indipendentemente dalla categoria. Mi auguro solo che chi ha sbagliato e ci ha portato a questo punto paghi, e senza sconti

  • 7 Febbraio 2015 in 17:07
    Permalink

    Della serie..Tavazzi…insomma che cavoli non mi interessa come preferisco la A se no la B…avete presente cosa vuol dire risalire? Temo che siate troppo giovani..non si tratta di fede calcistica..avete visto una partita di D
    di recente?

  • 7 Febbraio 2015 in 17:21
    Permalink

    Io ero la quando siamo arrivati in B in tempi ormai lontanissimi.. Non ve lo immaginate nemmeno..quanta strada..non voglio vincere scudetti. ma non facciamo i Tavazzi o i romantici..se andiamo in B possiamo ancora sognare..non dite che meglio la 3cat per favore..e non c’entra l’amore per il Parma..che Non si discute!!!

  • 7 Febbraio 2015 in 17:26
    Permalink

    TAFAZZI..correggo…sorry

  • 7 Febbraio 2015 in 17:38
    Permalink

    Certo che questa è una situazione inimmaginabile spolo 7 mesi fa. Eravamo sesti, eravamo nell’elite del calcio poi con quella conferenza stampa dell’UOMO PALLA è iniziato l’inizio della fine. Ora la vedo veramente brutta per il mio Parma ma la vedo ancora più brutta per il gatto e la volpe. Noi saremo in serie D MA RESPIREREMO A PIENI POLMONI L’ARIA SALUBRE DELLA NOSTRA REGIONE, il gatto e la volpe invece saranno nel loro habitat naturale avranno un’ora di aria al giorno.Dimenticavo di dire una cosa, non ci vorranno solo due avvocati per il gatto e la volpe, ci vorrà un pool di avvocati ma dovrebbero essere veramente bravi, Più che avocati ci vorrebbero per loro dei PRESTIGIATORI o d egli ILLUSIONISTIper far così sparire le prove che fallimento avvenuto e degli ammanchi che se ci sono, salteranno fuori, eccome, se salteranno fuori Pioverannio prove su di loro come CHICCHI DI GRANDINE DURATE UNA TEMPESTA TROPICALE.

  • 7 Febbraio 2015 in 19:49
    Permalink

    Il GATTO alias Ghirardi ha ascoltato il mio consiglio. Ha già contattato come avvocato il MAGO SILVAN. LA VOLPE ALIAS lEONARDI INVECE HA CONTATTATO IL MAGO THELMA

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI