MAJO A RADIO 24: "MOGLI E FIDANZATE COSTRETTE A LAVARE LE MAGLIE DEI GIOCATORI” E SUBITO SU TWITTER SCATTA LA POLEMICA SESSISTA…

CLIP A CURA DI MARCO REPETTI

majo a radio 24(gmajo) – In questi giorni sono stato spesso coinvolto, dai colleghi di radio e televisioni nazionali, in collegamenti e interviste sulla drammatica situazione del Parma. Oggi pomeriggio, verso la conclusione di “Tutti convocati”, ho avuto modo di fare il mio esordio su Radio 24, con un collegamento flash (prima di me c’era stato il logorroico Pardo in diretta dall’Olanda che aveva un po’ sforato…) durante il quale, come potete ascoltare nella imageclip sopra, a cura di Marco Repetti, ho raccontato le novità di oggi, vale a dire la nostra primizia esclusiva, quella della data già fissata dall’Istituto Vendite Giudiziarie per l’asta dei pullmini, strumenti medicali, e della panchina di Donadoni all’interno dello spogliatoio del Tardini (il prossimo 5 marzo, alle ore 16) e la rivelazione di capitan Alessandro Lucarelli che anche il servizio lavanderia è stato sospeso, così i giocatori sono costretti a portarsi a casa la roba da lavare. Nel riferirlo, però, ho aggiunto che l’ingrato compito di mettere in lavatrice i capi sporchi sarebbe toccato a mogli e fidanzate, al di là di qualche volonteroso che avrebbe provveduto personalmente. Cosa che per altro capita anche a me di fare, giacché la mia morosa ha da tempo cessato questo tipo di servigio… Fatto sta che all’ascolto del programma c’era la giornalista Marta Cagnola, conduttrice del giornale radio, che imagesubito ha twittato:@tutticonvocati @gabrielemajo ma le fidanzate che devono lavare le magliette? sessistiiiiiiiiiiiiiiii”. E pure tale S, profetico, poco prima aveva cinguettato: “Intravedo una possibile polemica sessista qui @tutticonvocati @gabrielemajo”. Io, pur non essendo un habitué del social, poiché troppo verboso per piegarmi alla dittatura dei 140 caratteri, replicavo: “E infatti Marta non si è lasciata imagesfuggire l’occasione”. Con suo successivo tweet di rimando: “Ero nello studio accanto con le cuffie in testa, non potevo non notare e bacchettare!”  Touché. Per punizione mi auto-infliggo il flagello di far la lavatrice alle prime tre fanciulle che ne faranno richiesta cinguettandomi su Twitter…

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

LUCARELLI: “LA COSA NUOVA E’ CHE NON ABBIAMO PIU’ CHI CI LAVA LA ROBA, PERCHE’ E’ SOSPESO IL SERVIZIO LAVANDERIA, PER CUI DA DOMANI CE LA LAVIAMO A CASA…” video

IL 5 MARZO LA VENDITA ALL’INCANTO DELLA PANCHINA DI DONADONI (NELLO SPOGLIATOIO DEL TARDINI), BASE D’ASTA 2.000 EURO, E DEI PULLMINI PIGNORATI AL PARMA F.C. DA EQUITALIA

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

44 pensieri riguardo “MAJO A RADIO 24: "MOGLI E FIDANZATE COSTRETTE A LAVARE LE MAGLIE DEI GIOCATORI” E SUBITO SU TWITTER SCATTA LA POLEMICA SESSISTA…

  • 25 Febbraio 2015 in 20:38
    Permalink

    Questo si che è sessismo! Un vero scandalo!
    Di solito quelle che si scandalizzano per cose simili cambiano un fidanzato al giorno ma son sempre innamorate

    • 26 Febbraio 2015 in 08:35
      Permalink

      ASSOLUTAMENTE D’ACCORDO !!!

  • 25 Febbraio 2015 in 20:54
    Permalink

    avete letto le dichiarazioni di un creditore?
    “ghirardi si intascava piu’ di 4M al mese ci sono i documenti”
    se ci sono i documenti deve fare una denuncia………
    ma mi chiedo come fa ad aver visto i documenti???
    non ci credo anche xchè sarebbero 50M all’anno roba da pazzi senza senso.
    ora tutti sparano la loro si accusa di non essere affidabili ma la coerenza?

    • 25 Febbraio 2015 in 20:56
      Permalink

      forse quattro milioni di lire?

      Io questo documento video, per motivi deontologici, ho preferito non trasmetterlo. Se uno dà del ladro attraverso di me sono correo.

      E l’avvocato Malvisi mi aveva tolto ogni dubbio residuo…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 25 Febbraio 2015 in 21:07
        Permalink

        Repubblica se ne frega, però

        • 25 Febbraio 2015 in 21:49
          Permalink

          Fatti loro.

          A parte che in caso di danni da rifondere hanno maggiori finanze delle mie e uffici legali a disposizione.

          Comunque sia, al di là del rischio querela per le ingiurie, quell’individuo ha esposto degli spropositi. come può asserire che Ghirardi si tenesse 4 milioni al mese di euro?!?!?!? E comunque gli organi di stampa che riportano sono correi rispetto a chi calunnia e infama.

          Mi dispiace ma io non pubblico di queste cose. Non sono quelli i clic che fanno la differenza.

          Cordialmente

          Gmajo

          • 25 Febbraio 2015 in 22:32
            Permalink

            Concordo totalmente con lei. Il giornalismo è sempre più cialtrone e il caso Parma viene trattato dai media nazionali e locali con un gusto dello scandalistico che fa vomitare.

          • 25 Febbraio 2015 in 22:55
            Permalink

            Ho visto quel video e sono rimasto allibito dai giornalisti e dalle loro domande, chiedevano cose che il personaggio non poteva sapere, sembrava quasi una trappola per trovare uno che sparasse spropositi. Ma la deontologia dei suoi colleghi, vogliamo parlarne? 10 100 1000 majo

          • 25 Febbraio 2015 in 23:56
            Permalink

            Infatti il tipo stasera ha già ritrattato durante la diretta con montingelli. Il bello è che dice che la sua fonte è un noto giornalista…
            Cmq stendiamo pietoso velo va…
            Grazie per la stima
            Gmajo

  • 25 Febbraio 2015 in 21:23
    Permalink

    E a chi ti scrive qui x prima, seconda o terza non fai la lavatrice?! Io lo pretendo!!! 🙂 Sdrammatizziamo un po’ , dato il periodaccio calcistico che ci fa scaldare gli animi non poco 😉

    • 25 Febbraio 2015 in 21:34
      Permalink

      Ok: Aggiudicato. Ti faccio una lavatrice: chiamami che ci mettiamo d’accordo 335.8400142 🙂

      • 25 Febbraio 2015 in 22:38
        Permalink

        Gentilissimo ma non ti tolgo un minuto dal tuo prezioso lavoro 😉 Hai detto la sacrosanta verità. ..tocca alle donne di solito lavare/fare la lavatrice ma spero che qualche uomo aiuti almeno a stendere! 🙂 Perché non ci va il ghiro a fare la lavatrice ai calciatori? Sarebbe forse la prima cosa utile che fa da un po ‘…x la squadra sicuramente! #GHIRO(BELLA)LAVANDERINA

  • 25 Febbraio 2015 in 21:27
    Permalink

    Gabriele, cosa dici per domenica, pensi che giocheranno???
    Io spero di no, giocando facciamo il gioco della Lega e di coloro che pensano solo a pararsi il culo!!!!!!
    Lo vogliamo scaravoltare questo banco!!!!!!!!!
    Facciamoci rispettare con le nostre armi!!!!!!

    • 25 Febbraio 2015 in 21:33
      Permalink

      Secondo me si gioca.

      Il gioco della Lega lo fai se ci danno l’elemosina

      • 25 Febbraio 2015 in 22:00
        Permalink

        Non capisco perché tutti volete giocare….
        Chissenefrega se giochiamo contro il Genoa…
        Se la Lega non paga un paio di stipendi venerdì non si gioca!!!!!!!

        • 25 Febbraio 2015 in 22:04
          Permalink

          Non credo sia quello il punto. Anche perché se è la Lega a pagare gli stipendi vuol dire che ci si sta piegando al loro traghetto per arrivare a fine campionato, salvo lo stesso fallire e andare in D…

  • 25 Febbraio 2015 in 21:36
    Permalink

    Direttore buonasera..

    Sono due giorni che Caressa spara grosso e parla di manette, pare che ci siano cose grosse rilasciate dal Sandrone a Sky…lei ne sa qualcosa?

    Da come ne parla (è più incxxxato di me)…sembra qualcosa di serio..

  • 25 Febbraio 2015 in 21:44
    Permalink

    Domenica si giocherá, ma se le cose non cambieranno non penso che i giocatori siano disposti ad accollarsi tutte le spese delle trasferte (considerate che bisogna andare anche a Roma e Cagliari).

  • 25 Febbraio 2015 in 22:03
    Permalink

    Dietro a MANENTI c’è Ghirardi. NE HO LE PROVE.

    • 26 Febbraio 2015 in 11:37
      Permalink

      Li hai visti in fila indiana?

  • 25 Febbraio 2015 in 22:07
    Permalink

    Per forza paga la Lega, chi vuoi che paghi Barilla ahahah????
    Se prendono qualcosa giocano….
    Io mi aspetterei che tutti i tifosi chiedano ai giocatori di non scendere più in campo almeno dell’atalanta in poi…..

  • 25 Febbraio 2015 in 22:12
    Permalink

    Majo il tuo sito è forte, spiacerebbe e tanto e a tanti se tu con la squadra nei dilettanti dovesti chiudere.TIENI DURO E NON CHIUDERLO MAI.PROMETTILO.Non mollare mai.Il sole prima o poi sorgerà nuovamente su Parma dopo la lunga notte.

    • 26 Febbraio 2015 in 00:27
      Permalink

      Onestamente è una promessa che non mi sento in grado di fare.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 25 Febbraio 2015 in 22:13
    Permalink

    È sfuggito il nome di Melli nel collegamento delle 19.50…

  • 25 Febbraio 2015 in 22:18
    Permalink

    Ho appena visto il video del fornitore, la mia impressione è che il protagonista abbia cercato i suoi 2 minuti di popolarità… Solidarietà a tutti i fornitori che hanno pagato le tasse anche sulle fatture che il Parma non ha pagato.

    • 25 Febbraio 2015 in 23:16
      Permalink

      il fornitore si è allargato un po’ troppo…..

    • 25 Febbraio 2015 in 23:26
      Permalink

      2 minuti di popolarità?!?!

  • 25 Febbraio 2015 in 22:21
    Permalink

    Direttore buona sera. Le chiedo se sa qualche cosa in più in merito al fatto che la Covisoc avesse già avvisato la Figc della situazione del Parma già dall ‘aprile 2014. Grazie.

    • 25 Febbraio 2015 in 22:27
      Permalink

      Non ne so niente di più di quel che si è letto

    • 25 Febbraio 2015 in 23:17
      Permalink

      È interessante ma il problema è sempre lo stesso: con le regole attuali a fine aprile, a livello di requisiti sportivi, non eravamo in regola solo sull irpef degli esodati. Mi sembra comunque strano che la covisoc in prima battuta non avesse rilevato niente e in seguito abbia persino fatto quel tipo di segnalazione. È tutto il sistema che non regge. Pensate un po’ se ci avessero bloccato all iscrizione, al passaggio a taci o al mercato di gennaio.. Interrogazioni parlamentari a go go

  • 25 Febbraio 2015 in 23:03
    Permalink

    Grazie Direttore

  • 25 Febbraio 2015 in 23:06
    Permalink

    Fossero questi i nostri problemi più grossi.

  • 25 Febbraio 2015 in 23:59
    Permalink

    ma in merito al fornitore che spara cazzate ….secondo me lui ha sparato ma probabilmente ci sono tante cose strane nella gestione del parma calcio che qualsiasi cazzata uno dice va vicino alla realta’..o si avvicina ……..e caressa parla di tintinnio di manette se lo dice vuol dire che sanno cose che scottano e si sono rotti che il ghiro li abbia presi per il culo per anni direi che se il Tommasone panza pensava di salvarsi l immagine sta diventando difficile ormai il tappo e’ stappato e tutti da calciatori e stampa iniziano a mirarlo …….gli unici sono i tifosi troppo benevole su tom ….penso che un viagetto a carpenedolo in 2000 3000 sarebbe una bella cosa per ringraziarlo della vendita a taci lui si aspettava i ringraziamenti della citta’ …..naturalmente niente di incivile ma come sono andati sotto casa del leo dovrebbero andare sotto casa Ghirardi manifestazione pacifica ma fargli capire che la citta’ e’ disgustata e comunque avrebbe l eco per sputtanarlo definitivamente sperando che poi chi di dovere faccia le sue indagiini e se necessario accontentare caressa

    • 26 Febbraio 2015 in 01:56
      Permalink

      renzi, metta almeno i punti…

      • 26 Febbraio 2015 in 07:34
        Permalink

        Si,che dieci sono pochi…

  • 26 Febbraio 2015 in 10:42
    Permalink

    Comunque direttore dopo le ultime uscite e bugie di Manenti penso che anche il suo 0;1% ormai non lo consideri più vero?troppe falsità e non ultima la trasferta che dice di aver già pagato x Genova. Quest uomo non si capisce a che gioco stia giocando, anche se la teoria che le ho scritto ieri mi sembra sempre più verosimile purtroppo.mi sembra l unica plausibile ad oggi. non Nedo che ho sempre creduto ad un colpo di scena del mano ma a questo punto La teoria del “ricatto” alla Lega mi ha aperto gli occhi

  • 26 Febbraio 2015 in 12:11
    Permalink

    Majo ricordati che i tifosi del Parma ci sono sempre e vedranno sempre il tuo sito per cui visto che il fallimento è certo, non chiudere il tuo sito che è conosciuto in ambito nazionale.

    • 26 Febbraio 2015 in 12:17
      Permalink

      Come le dicevo ieri non sono in condizione, al momento attuale, di garantire sicuramente una prosecuzione di StadioTardini.it, che peraltro le sue finalità penso ormai le abbia raggiunte…

      • 27 Febbraio 2015 in 13:46
        Permalink

        Allora converti il sito in qualcosa di ”più grande” in concorrenza alle varie gdp online ecc perché parma (quella non calcistica) ha davvero bisogno di un giornalismo vero fatto da persone serie dotate di intelligenza, intuito, valori e amore x l’informazione di qualità! Gli altri purtroppo hanno buttato la testa all ammasso già da un bel po’…

        • 27 Febbraio 2015 in 15:16
          Permalink

          grazie, ma il tentativo sarebbe già quello, e noto che è più grande di me…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI