MAJO OSPITE DELLA RASSEGNA STAMPA DI MEDIASET PREMIUM: “DOTTI, MEDICI E SAPIENTI TARDI AL CAPEZZALE DEL PARMA. UN EVENTUALE FALLIMENTO PILOTATO NON GARANTIREBBE LA SERIE B”

image(Evaristo Cipriani) – Il direttore di  StadioTardini.it Gabriele Majo è stato l’ospite telefonico della rassegna stampa di Mediaset Premium: alle 9.10 circa, il conduttore Simone Malagutti si è collegato con lui per fare il punto della situazione in casa Parma dopo il rinvio della partita con l’Udinese: “Fiducia in Manenti? Io sono uno dei più ottimisti, ma gli concedo uno 0,1: in effetti diventa abbastanza diplomatico continuare a credere a questa persona, perché se non sono saltati fuori i soldi per poter pagare per lo meno gli steward, immaginarsi se possano saltare fuori quelli con qualche zero in più per riuscire a dare una sistemata ai conti asfittici della società. Se non sono saltati fuori circa 50.000 euro – ma potrebbero essere anche qualcosina in più – per sanare la vecchia questione pendente con gli steward e consentire di andare regolarmente in campo domani, immaginarsi se possano saltare fuori almeno 50 milioni di euro, che potrebbe essere una sorta di cifra più o meno indicativa per poter chiudere tranquillamente la stagione, l’annata. C’è anche da dire, però, che dotti medici e sapienti arrivati al capezzale del Parma – a mio modo di vedere piuttosto in ritardo – stanno cercando di avvicinarsi alla soluzione del cosiddetto ‘fallimento pilotato’, così tanto di moda visto che l’anno scorso aveva riguardato soprattutto il Bari, ma anche altre situazioni come Ascoli e Monza. Io credo che anche da questo punto di vista si sia decisamente in ritardo, non tanto nei tempi del fallimento – perché in fin dei conti se uno dà un’occhiata a questi precedenti, si capisce come si potrebbe ancora fare qualcosa – quanto per le diverse condizioni. Intanto dal punto di vista economico, perché i cosiddetti debiti sportivi, che comunque dovrebbero essere saldati da una nuova proprietà che subentra acquistando il titolo all’asta fallimentare, dicevo i debiti sportivi del Parma sono decisamente superiori a quelli che poteva avere il Bari. Do due cifre a sboccio che potrebbero non essere precise ma che comunque sono indicative: se i debiti sportivi del Bari erano stati tre milioni, quelli del Parma potrebbero essere attorno ai 30, un po’ di più o un po’ di meno, dipende da quale punto divista lo si esamina, beh, si capisce subito come questo tipo di soluzione possa essere differente. L’altra differenza, poi, è che a Bari i libri in Tribunale li portò direttamente il legale rappresentante o gli amministratori del club, volontariamente, a Parma, invece, sono già state presentate alcune istanze fallimentari, tra cui una direttamente delle Procura e quindi il presupposto della buona fede che potrebbe essere all’origine di un eventuale esercizio provvisorio deciso dal Tribunale su richiesta del curatore, non sono così convinto che possa essere concesso. Tutto questo per dire che il partito della fallimento-mania a Parma continua a caldeggiare questo tipo di soluzione, anche perché è forse l’unica che è rimasta, ma che possa garantire una eventuale serie B l’anno prossimo, piuttosto che la ripartenza dai Dilettanti, a mio modo di vedere il dubbio è notevole”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

285 pensieri riguardo “MAJO OSPITE DELLA RASSEGNA STAMPA DI MEDIASET PREMIUM: “DOTTI, MEDICI E SAPIENTI TARDI AL CAPEZZALE DEL PARMA. UN EVENTUALE FALLIMENTO PILOTATO NON GARANTIREBBE LA SERIE B”

  • 21 Febbraio 2015 in 13:33
    Permalink

    Mediaset: ipotesi ritiro dal campionato.

  • 21 Febbraio 2015 in 13:36
    Permalink

    Insomma ti schifa propria sta’ faccenda del “pilotato”…ti schifa che possa esserci gia’ qualcuno che a cifre conosciute arrivi e si aggiudichi l’asta….
    Mahhh….padronissimo…
    L’alternativa pero’ e’ il derby col Sala Baganza…e non si e’ neppure certi di vincerlo…
    Per cui ben venga (a mio modesto avviso) pure una manovra da avvoltoio (come la definiresti te) di un imprenditore che attende passare il cadavere sul fiume e che possa ricominciare da posizione piu’ dignitosa…
    Altre soluzioni non ce ne sono, non se ne vedono non esistono….
    O c’e’ una manovra un po’ corale debitamente orchestrata tra imprenditori,lega,sindaco etc. etc.
    O c’e’ il derby col Felino….
    Prendo atto che tu tifi per quest’ultima ipotesi.

    • 21 Febbraio 2015 in 13:46
      Permalink

      Le conclusioni su cosa penso, se mi permetti, le traggo io, che sono l’interessato, e non tu.

      Se il caro dormiente Capitan Pizza ha parlato in tv e dinnanzi al CCPC pensando che col “pilotato” si potesse salvare la categoria, senza sapere che ci sono i debiti sportivi da pagare (minimo 30 ml) una cosa può pensare? A novembre, quando già sarebbe stato difficile saltarci fuori, chi aveva avanzato l’ipotesi del “pilotato” dedicando approfondimenti e trasmissioni eravamo stati angella ed io, quando molossi era ancora innamorato del suo tom (e come lui i suoi potenti referenti) e guai a parlare di fallimento. E ora vengono a propinarcelo adesso?

      La situazione del Parma Calcio è l’ennesima sconfitta del sistema marcio di Parma, che come diceva giustamente castagno di repubblica qualche sera fa a calcio e calcio, continua a ribadire gli stessi errori senza aver mai imparato la lezione, da Calisto a Vignali. Ed è ridicolo che a dettare le soluzioni, in ritardo, siano gli stessi che hanno tenuto su il moccolo all’ammiraglio e all’armatore. E hanno pure la faccia di scrivere editoriali stracciandosi le vesti…

      • 21 Febbraio 2015 in 15:41
        Permalink

        Ma Majo il centro di Collecchio uno dei migliori d’Italia vale una fortuna e poi il Parma ha una storia blasonata.Un fallimento pilotato a 30 milioni può trovare qualche acquirente o cordate varie.Il fallimento pilotato è l’unica salvezza per il Parma.Avendo molto fiducia di lei Dottor Majo mi spiace veramente che creda ancora al MITOMANE

        • 21 Febbraio 2015 in 15:49
          Permalink

          ma chi ha mai detto che ho fiducia? cmq il centro di collecchio va al curatore…

          • 21 Febbraio 2015 in 15:56
            Permalink

            30.000.000,00 non bastano! Ripeto, N O N B A S T A N O! Per il mantenimento del titolo sportivo ne occorrono almeno il doppio.

          • 22 Febbraio 2015 in 01:01
            Permalink

            I debiti sportivi sono una cosa, il titolo sportivo un altro

          • 22 Febbraio 2015 in 13:20
            Permalink

            Appunto dopo lo compri con due castagne tipo Squinzi col Mapei Stadium messo all’asta dal curatore

      • 21 Febbraio 2015 in 18:47
        Permalink

        io non riesco a capire perché nessuno nomina quel gran ***** DI GHIRARDI, questo ***** ha rovinato una società comprata da lui in attivo e rovinato una città intera, questo maledetto è da portare a Parma per le palle e metterlo davanti alle sue responsabilità, si parla sempre di Taçi Manenti il sindaco Pizzarotti e mai del vero colpevole, mi sento un nervoso che se avessi davanti il ********** non so cosa gli farei!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
        FORZA PARMA…………………

    • 21 Febbraio 2015 in 18:10
      Permalink

      Majo ha fiducia in Manenti ..mah…..

      • 22 Febbraio 2015 in 00:45
        Permalink

        Una fiducia pari allo 0,1 %, ma sufficiente per passare per un suo paladino agli occhi degli stolti…

        • 22 Febbraio 2015 in 08:52
          Permalink

          Majo io sono uno stolto che sa leggere,
          l’altro ieri ha insultato una persona che si è permessa di dire che Manenti era scappato da Collecchio, lei lo ha insultato dicendo che ha rischiato di investire le persone perchè stava andando a risolvere il problema degli steward, pensa davvero che gli altri siano stolti e non sapiiano leggere i documentati comemnti passati? seconso me lei non è uno stolto è proprio uno stupido che si ritiene più intelligente degli altri. li sottovaluta atal punto da credere che le decine di commenti dove sbarlecca Manenti gli altri non li possano leggere, Manenti è un mitomane e lo sanno tutti da prima che Leonardi le desse lo scoop.

          • 22 Febbraio 2015 in 10:33
            Permalink

            tu sei l’individuo con cui ho discusso l’altro giorno. e con te non mi va di dialogare perché sei uno che odia e scrive falsità.
            leonardi non mi ha dato alcuno scoop anche perché io non sono mai sceso a patti con lui come ha fatto l’organizzazione di cui fai parte in cambio di prebende mentre io ero l’unico che l’avversava e per questo un nemico.
            io sono una persona onesta e specchiata che non scende a patti in cambio di secondi fini
            non sono della tua pasta.
            e se l’altro giorno stavo dicendo che manenti stava andando a balla in città per risolvere il problema degli steward era perché me lo avevano detto tre dipendenti tra cui uno arrivato in auto poco prima che lo dicessi.
            io sono un cronista che si informa prima di parlare cercando di avere quante più spiegazioni possibili da offrire. e in assenza cerco di far funzionare il cervello. e comunque manenti dopo che era andato via mentre stava per investirmi sulle striscie non era scappato via, come vi ha fatto credere gallerani, essendo appunto andato in città per la storia deglu steward.
            siete voi ultras a dividere, come faceva leonardi leonardi, il mondo in buoni e cattivi e chi non è con voi è contro di voi. io sto nel mezzo, come sempre, senza essere prevenuto o venduto, checché tu ne oensi. io non sono una pecora e manco una capra. e tu cerca di prestare attenzione perché non tollererò più le tue calunnie e diffamazioni.

  • 21 Febbraio 2015 in 13:42
    Permalink

    Non ce li metterà mai nessuno 40 milioni per andare in serie b! Con molto ma molto meno parti dai dilettanti e in 3 anni sei già in serie A. Non ha senso… Basta illuderci, partiremo dalla D! Speriamo con almeno 5 mila abbonati!

    • 21 Febbraio 2015 in 14:03
      Permalink

      che in tre anni sei in serie a con molto meno partendo dai dilettanti, vallo a chiedere alla Cremonese.

      Egregio, il calcio professionistico qui è defunto. Salvo che Super Mapi non scucia il grano (ipotesi irrealissima, certo… Ma solo così ti resta il calcio professionistico a Parma, con buona pace degli apparecchiatori

  • 21 Febbraio 2015 in 13:44
    Permalink

    ma quale ipotesi second ti i zugon a genova ?

    siamo arrivati a quello che un intellettualmente normodotato poteva preveder 6 mesi fa,checche’ se ne dica,i famosi tempi di reazione alla donadoni insomma del parmigiano tipo,e insisto solo a parma poteva succedere

  • 21 Febbraio 2015 in 13:51
    Permalink

    “Anche se non arriva il bonifico, non lo prenderò come un mitomane, è possibile abbia i conti sbagliati, le tasche un po’ vuote…gli appartengono”. Sulle note di Magnifico di Fedez, tanto pe’ canta e per fare un po’ di ironia.

    Al di là dello scherzo, una cosa ancora non mi è chiara: se si fallisse senza pilota automatico, e cioè ripartendo dalla serie D, i debiti sportivi andrebbero comunque saldati? Cioè, in qualunque caso vanno onorati i debiti sportivi?

    • 21 Febbraio 2015 in 21:27
      Permalink

      Nel caso si riparte con una società nuova di zecca, nessun tesserato, nessun giovane e andrebbe ricomprato (volendo) il marchio. L fiorentina riparti dalla c2 come florentia viola e solo successivamente ridivenne fiorentina.

  • 21 Febbraio 2015 in 14:04
    Permalink

    Concordo condivido e sottolineo in pieno la seconda parte del tuo intervento…lo avevo detto pure io in un altro mio intervento qui sopra.
    Ma che capitan Pizza si svegli solo ora …
    E quando si doveva svegliare….
    Il parma e’ tutt’ora in “piena proprieta’”…poteva forse farlo lo scorso anno con Ghirqrdi e ikl piazzamento uefa appena conquistato sul campo?…E in ogni caso non sono questioni che investano il sindaco.
    Il sindaco viene investito (di queste e altre problematiche cittadine) quando tutto crolla…quando tutto va a catafascio….
    Quando una fabbrica espressione preponderante del tessuto economico locale minaccia chiusura che si fa?….
    Si va da confindustria locale?…dal vescovo?…dal prefetto?…
    No!!!
    Si va dal sindaco….. e perche?…
    Be’ facile intuirlo….perche’ e’ l’autorita’ locale piu’ “vicina” anche se non di competenza, ma sopratutto perche’ lo si e’ scelto,votato..
    Mica si e’ votato il management di quell’azienda o il rappresentante di confindustria,il vescovo, il prefetto o chissacchi…
    I famosi 30 (o 40 o non si sa bene quanti..) milioni di debito sportivo cosi’ ostativi per te alla faccenda che tanto ti schifa del fallimento pilotato (quindi tifi per il derby col Sala Baganza…vie intermedie non ce ne sono..) siccome sono dovuti alla f.i.g.c. ti sei chiesto se con un dovuto accordo preventivo possono essere rateizzat?…Te lo sei chiesto?
    Chieditelo (e magari chiedilo nelle sedi opportune) e risponditi.
    Perche se e’ possibile rateizzarlo in 3/4 anni ecco che gia’ fa tutt’altra impressione in un tessuto economico/imprenditoriale come il parmense. E a qualcuno potrebbe pure venire in mente di tentare la faccenda.
    Ue’ ragazzi…qua dei soldi ce ne sono ancora ehhh?…siam mica tutti barboni.
    In ogni caso tieniti pronto il prossimo anno alle trasferte di Felino e Fornovo…visto che tifi per quell’ipotesi…

    • 21 Febbraio 2015 in 14:06
      Permalink

      Io non tifo per le ipotesi da lei indicate. Io tifo per il Mapi-Miracolo, piuttosto… Chi tifa (inconsapevolmente) per il derby col fornovo sono gli apparecchiatori, il partito del fallimento catartico cui non mi sono iscritto

      • 21 Febbraio 2015 in 14:24
        Permalink

        Majo ti sei dichiarato…(e sinceramente era meglio di no…)…tifare (piuttosto che….beninteso) ii mapi-miracolo e’ come tifare il nulla…
        Perdonami…

      • 21 Febbraio 2015 in 15:36
        Permalink

        Direttore che sa di nuovo?

      • 21 Febbraio 2015 in 16:59
        Permalink

        Direttore i debiti sportivi sono tanti ma possono essere rateizzati.Pensiamo a Lotito che li ha rateizzati in 25 anni

      • 22 Febbraio 2015 in 08:58
        Permalink

        Allora è proprio cretino.
        Manenti è un mitomane non ci arriva?
        Cosa è che le sfugge?
        é da lì che bisogna partire, dal fatto che siamo in ostaggio di un mitomane, se non gli si fanno pressioni non se ne andrà finche il tribulnale non decreta il fallimento.
        Sei stupido o in malafede? hai visto che a Manenti gli manca un dente davanti? ah no, se anche orbo.

  • 21 Febbraio 2015 in 14:10
    Permalink

    Majo ma non si può continuare a darci fiducia a Manenti, ieri hai scritto che ha detto che il cda e poi scendeva da voi giornalisti, peccato che non ha fatto nessuno dei 2 ed è scappato dal cancello della primavera, acnce il sito ufficiale della società lo smentisce che ha scritto che non ce stato nessun assemblea dei soci e tu gli continui a dar fiducia?? Ma per caso ti ha pagato prima di arrivar qua? questo qua è un mitomane e basta e deve togliersi dalle p.. alla sveltaa

    • 21 Febbraio 2015 in 14:29
      Permalink

      Ho letto inoltre che il conto corrente di mapi group in Slovenia e’ stato chiuso due giorni fa….
      Da dove minchia devo sgorgare i bonifici?…..

  • 21 Febbraio 2015 in 14:12
    Permalink

    Majo, non vuole sponsorizzare l’hastag #SaveParma?

  • 21 Febbraio 2015 in 14:22
    Permalink

    Visto che Mapi non caccia il grano non resta che il fallimento pilotato e sperare che qualcuno si aggiudichi l’asta in tempo.
    Ripartire dai dilettanti solo per tornate in B vuol dire senza garanzie di temo spendere molto di piu’ per tornare in B.
    Meglio aggiudicarsi il Parma in B spendendo subito 30M e avere ancora il calciatori le giovanili ecc… a fine stagione vendi defrel 50% mirante palladino cassani 7-10M li porti a casa e ti togli gli ingaggi
    e vi ricordo cerri e mauri che tra qualche anno faranno guadagnare molto…………

  • 21 Febbraio 2015 in 14:24
    Permalink

    L’asta 🙂 scusate x questa e altre c…..e

  • 21 Febbraio 2015 in 14:25
    Permalink

    l’asta 🙂 scusate x questa e altre c…..e

  • 21 Febbraio 2015 in 14:26
    Permalink

    Credo che ci sia un po’ di confusione sui cosiddetti debiti sportivi.
    Non sono debiti verso la FIGC o verso altre squadre, sono i debiti verso i tesserati e verso l’erario. Per cui o i giocatori rinunciano o devono essere pagati e non credo che l’Erario rinunci a qualcosa.
    Per quanto riguarda l’iscrizione alla serie D i debiti non vengono riportatati per il semplice motivo che tutti i debiti restano in capo al Parma FC che andrà a scomparire con la sua storia, quella che riparte dalla serie D è una nuova società con un nuovo nome e con soci che non possono in alcun modo avere avuto a che fare con la vecchia società, pena la sua iscrizione alla serie D.

  • 21 Febbraio 2015 in 14:29
    Permalink

    Non capisco perché bisogna fare sempre dei partiti,i fallimentaristi così definiti sono sempre tifosi che fanno prevalere il cuore in linea generale al resto.Se si parla tanto di fallimento è perché forse si guarda in faccia alla realtà e si è disillusi dopo le tante delusioni.Non vedo cattiveria come invece si pensa possa esserci a sperare, a sognare o a non volerlo più fare perché fa male vedere il Parma distrutto in questo modo…
    Concordo invece pienamente con il discorso sul sistema Parma a partire dal giornalismo,che non può fare la voce grossa ora,dopo non averla fatta nei tempi e con le persone opportune.Ognuno ha le proprie responsabilità, gli organi del calcio ancora maggiori.

    • 22 Febbraio 2015 in 01:30
      Permalink

      Quando accenno al partito dei fallimentaristi non mi riferisco ai tifosi quanto a chi li manovra

      • 22 Febbraio 2015 in 09:03
        Permalink

        Certo i Boys sono al soldo dell’UPI,
        Cosa dovrebbero fare i tifosi per essere intellettualmente onesti come lei? continuare a dire che bisogna credere a Manenti e che i ragazzini della primavera e degli allievi sono chiaramente dei seguaci dell’UPI perchè si lamentano della doccia fredda?
        Se non se ne è accorto oggi il Pamra non gioca, non ci sono più soldi per farlo.

  • 21 Febbraio 2015 in 14:29
    Permalink

    La Cremonese non so quanto ha investito partendo dai dilettanti. Io mi metto nei panni di uno che ha in mano 40 milioni per prendere il Parma adesso. Vedere i casi Della Valle e De Laurentis con Fiorentina e Napoli.. Potevano entrare prima invece hanno aspettato che fallissero. È chiaro che se ti trovi nei dilettanti con una proprietà che non ha grandi risorse è dura tornare nel calcio che conta. Tutto dipenderà da chi ci comprerà è chiaro.

  • 21 Febbraio 2015 in 14:35
    Permalink

    Tutti al tardini domenica alle ore 14
    PARMA SVEGLIA LA PAZIENZA È FINITA

  • 21 Febbraio 2015 in 14:36
    Permalink

    Le riporto l’ultimo tweet di Josè Mauri “Certe volte le scelte bisogna farle con la testa e non con il cuore”. Può significare messa in mora?

  • 21 Febbraio 2015 in 14:56
    Permalink

    Dr. Majo Lei si lamenta spesso evocando quelli che non hanno mai criticato il Ghiro.

    Lei ha ragioni da vendere !

    Ma come ci spiega che SOLO OGGI autorevoli editorialisti di una testata locale SPARANO BORDATE AD ALZO ZERO contro il nostro ex Presidente ?

    Come mai un voltafaccia così sfacciato ?

    – Ravvedimento operoso ?
    – Assecondare opportunisticamente gli umori della piazza ?
    – Pentimento per avere sbagliato le valutazioni precedenti ?
    – Oppure contrordine (IMPARTITO DALL’ALTO ?)

  • 21 Febbraio 2015 in 15:00
    Permalink

    il conto presso la banca austriaca della mapi grup e’ stato chiuso ieri …..continua a sperare che lo zucchino si tolga da solo o che sia solo una supposta

  • 21 Febbraio 2015 in 15:03
    Permalink

    Scusi Majo a questo punto dovrebbe spiegare su cosa si basa la sua fiducia in Manenti..
    Lei è i pèossesso di informazioni a tutti ignote? sa chi c’è dietro questo tizio? ha visto qualche documento?
    Fino a una settimana fa si poteva anche far finita di credergli, adesso se un giornalista autorevole come lei continua a dargli fiducia ci deve anche spiegare il perchè!

    • 22 Febbraio 2015 in 01:07
      Permalink

      Sarò pur libero di dare la mia fiducia a qualcuno? C’è chi l’ha data in modo incondizionato e acritico a ghirardi per otto anni e poi adesso gli vomita addosso…

      La mia fiducia in manenti, peraltro pari allo 0,1%, deriva dal fatto che o caccia la pila lui o si portano i libri in tribunale. e siccome i libri in tribunale erano stati già destinati da taci, non vedo perché non nutrite una piccolissima speranza. Tanto se va male gli scenari non cambiano. E se anche in queste due settimane manenti fosse stato un mitomane pigliando per il culo tutti, sarebbe stato un grande perché è la dimostrazione di come faccia acqua da tutte le parti il sistema calcio.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 22 Febbraio 2015 in 09:07
        Permalink

        Davvero pensa che se Manenti non si schioda per un altro mese o due o tre o quattro dalla presidenza del Parma non cambia nulla rispetto a portare domani i libri in tribunale?
        No lei o è in malafede o è stupido o crede che lo siano gli altri.
        Manenti non metterà soldi e non si potrà agire in nessun modo finchè non se ne andrà.

  • 21 Febbraio 2015 in 15:11
    Permalink

    Continuo a non capire se si fa il tifo o se si fanno delle ipotesi. Dovere credo, sia quello delle ipotesi, perchè è solo così che ci si prepara. Dire che c’è un partito del fallimento è secondo me un’eresia mega galattica. Io parlavo di fallimento dai famosi 300.000 euro dell’ EUFA, ma solo perchè mi dicevo: ” con quello che si sente nel mondo del calcio, se questo non ha da giocarsi sti soldi a fronte dei 10.000.000 che prenderebbe del premio, mi sa che siamo arrivati alla fine. Non mi sbagliavo, ma per questo, non è che godo. Anzi, mi piange il cuore, visto che il Parma Calcio fa parte di un pezzo della mia vita contornato da tante trasferte giovanili (una su tutte: Triestina-Parma, con goal di Bonci). Mi piange davvero il cuore e credo che mi piangerà ancor più l’anno prossimo, perchè se mi devo fidare di lei e sperare in Manenti, so di che morte debbo morire. Mi trova d’accordo però, sul fatto che nessuno a Parma si accollerà una squadra che costerà tra debiti (anche se rateizzati) e gestione, almeno una ventina di milioni euro. D’accordo anche sul fatto che risalire dalla D sia cosa più complicata di quello che sembra, visti i precedenti qui vicino. Insomma, a parte “il partito”, credo Direttore, che abbia centrato come sempre il problema. Beh, ad essere pignoli, sempre sempre direi di no, perchè la macchiolina alla sua cravatta Manenti l’ha piazzata, sporcandole così, un trionfo giornalistico più che assoluto. Dai Direttore, tolga anche quel 0,01 % di speranza, e vedrà che la cravatta tornerà ad acquisire i colori del giusto e meritato trionfo di cui sopra.

    • 22 Febbraio 2015 in 01:04
      Permalink

      No, non lo tolgo quello 0,1 proprio perché è pagato 1.000.000.000.000…

      E sul discorso del partito pro-fallimento sono certo di non sbagliarmi. C’è una fallimento-mania diffusa, con persone che dicono o scrivono (alcuni schifosamente impreparati e molto copioni) cose che magari non sanno

  • 21 Febbraio 2015 in 15:13
    Permalink

    Massima solidarietà ai tifosi del Parma che mi stanno anche simpatici, ma permettetemi un inciso, dovevate svegliarvi prima e i campanelli di allarme c’erano tutti. Penocchio, Valentini, Gsport, Cestaro, Baraldi, Rispoli, Santacroce, Musacci ecc vi dice nulla??
    Noi purtroppo ci siamo già passati. Provate ad indagare quanti soldi le varie società di Ghiraldi e famiglia hanno sottratto dalle casse del Parma. Vi rinfresco la memori con alcuni stralci giornalistici:

    Sei in:

    Home >
    Sport >
    L’INCHIESTA / Valentini e la Sts,…

    L’INCHIESTA / Valentini e la Sts, trait d’union tra Calcio Padova e Parma Fc

    Il numero 2 biancoscudato possiede il 10% delle quote della società di stewarding con sede a Collecchio. Il restante è della Carpine, Spa riconducibile alla famiglia Pasotti-Ghirardi, patron del club gialloblù di Paolo Baron
    Articoli correlati

    La finanza all’Euganeo: indagati Penocchio e Valentini La Finanza porta via i faldoni dall’Euganeo Penocchio a Padova, un anno difficile Le immagini della triste mattinata allo stadio

    Tags

    calcio padova
    finanza
    perquisizioni

    Invia per email
    Stampa
    06 giugno 2014

    L’INCHIESTA / Valentini e la Sts, trait d’union tra Calcio Padova e Parma Fc

    PADOVA. Una gestione complessa che attraverso società collegate e compartecipazioni azionarie mira da un lato, con economie di scala, a razionalizzare i costi e, dall’altro, a ottimizzare le risorse. Tutto lecito. Anzi auspicabile, visti i tempi di crisi.

    Tuttavia, alcuni legami tra Calcio Padova e Parma Fc – se confermati dagli sviluppi dell’inchiesta – potrebbero aprire scenari cupi per la società biancoscudata. Il club di viale Rocco, infatti, da quando Diego Penocchio (ex vice-presidente del Parma Fc fino a marzo 2013) ne è diventato proprietario a fine giugno dello scorso anno, ha stretto una collaborazione con la sua ex società, fatta soprattutto di prestiti di giocatori (in estate sono arrivati, per esempio, Modesto, Santacroce, Musacci e Ampuero ed è passato in gialloblù Vicente poi girato al Nova Gorica), ma anche di know-how (la sicurezza e la manutenzione delle strutture sarebbero gestite da società compartecipate da persone legate ad entrambi i club). Senza contare che gli attuali dirigenti biancoscudati (Penocchio a parte), sono stati in organico al Parma (come il ds Marco Valentini, figlio di Andrea, ed ex osservatore in passato per i ducali).
    Ecco, quindi, che è necessario effettuare una “radiografia” della ragnatela di società che collega il Parma Fc al Calcio Padova, il cui punto di contatto è la Sts srl di Collecchio, società partecipata al 10% da Andrea Valentini (capitale sociale 20 mila euro) che ha come oggetto sociale (tra le altre) l’attività di stewarding e accoglienza degli spettatori, nonché si occupa di tutta l’impiantistica del Parma (stadio Tardini e centro sportivo) e della sua implementazione. Sts è amministrata da Stefano Perrone che detiene anche un 10%, in carica dal 22 gennaio scorso (è succeduto allo stesso Valentini). Il restante (80%) è in mano alla Carpine Spa, società di Carpenedolo (Brescia) fondata nel 1979 (capitale sociale di quasi tre milioni di euro) di proprietà di Enrico Ghirardi (possiede il 17,5 delle quote) e da Gabriella Pasotti (il restante (82,5 per cento), che sono rispettivamente il padre e la mamma di Tommaso Ghirardi, il presidente del Parma. Carpine a sua volta è azionista di minoranza del club ducale (ha il 5% delle quote, mentre un altro 30 per cento della società di serie A è direttamente nel portafoglio della mamma del presidente). Il resto delle quote del club sono detenute dalla Pasfin di Tommaso Ghirardi per un 20%, dalla Damas di Angelo Medeghini per un 40%, dal Banco Monte Parma per un 10% e da Brixia Incipit, una finanziaria di Brescia di cui Penocchio è stato amministratore in passato delegato e in cui era presente anche Tommaso Ghirardi.

    Ma torniamo a Sts e a Carpine. Il legame tra società di calcio è solo intuibile. Il punto di contatto si chiama Andrea Valentini. Da una parte l’ex presidente del Credito Sportivo è socio (ed è stato amministratore fino a fine 2013) della Sts, dall’altro è amministratore delegato del Calcio Padova con contratto in scadenza alla chiusura del bilancio il 30 di questo mese. In pratica l’amministratore del club di via Rocco è socio di minoranza (dentro Sts srl) dalla Carpine dei Ghirardi e Pasotti. Una posizione di inferiorità (azionaria) che potrebbe anche avere influenze nei rapporti tra persone e società. È quello che l’articolo 2359 del codice civile descrive come influenza dominante. Recita la norma: «Sono considerate collegate le società sulle quali un’altra società esercita un’influenza notevole. L’influenza si presume quando nell’assemblea ordinaria può essere esercitato almeno un quinto dei voti, ovvero un decimo se la società ha azioni quotate in mercati regolamentati». Che ci sia o meno (l’influenza) spetterà al magistrato valutarlo, sulla base della documentazione raccolta dalla Guardia di Finanza. È innegabile, tuttavia, che punti di contatto tra club, sulla carta, ci sono. Sebbene questo non rappresenti nulla di sbagliato o vietato, per sé.

    • 21 Febbraio 2015 in 17:35
      Permalink

      Complimenti Giorgio per il Discorso !!!!

      Speriamo in una partita Crociati e Biancoscudati !!!!

      Certo l’Appiani era Meglio dell’Euganeo !!!!

      Però il Menti rimane Storico per i Tifosi del Parma !!!

      Ke Belle Giornate di Festa e NON Solo !!!!!

      Grazie ERNESTO CERESINI !!! il PRESIDENTE !!!!

  • 21 Febbraio 2015 in 15:14
    Permalink

    Scusi Direttore, allo scopo di fare un po’ di chiarezza su tutta sta vicenda non si potrebbe recuperare dalla Camera di Commercio di Brescia bilancio e soprattutto atto di cessione da Ghirardi a Dastraso e poi a Manenti?
    Sono atti pubblici e dovrebbero essere consultabili come per il bilancio del Parma. Non servirebbe a molto si farebbe quell’opera divulgativa e informativa che fino a poco tempo fa è mancata, Lei escluso.
    Per quanto riguarda fallimento pilotato si/no faccio una domanda: può il Tribunale concedere la continuità aziendale o esercizio provvisorio se non esistono le risorse per fare fronte da qui a Giugno, vidto che le entrate diritti televisivi e altro sono stati cartolarizzati?
    La vedo molto dura
    Saluti
    Giorgio

    • 21 Febbraio 2015 in 15:51
      Permalink

      infatti la vedo dura anch’io. va beh che se la tavola è apparecchiata…

  • 21 Febbraio 2015 in 15:15
    Permalink

    La gazzetta riporta che il conto bancario della mapi group è stato chiuso qualche giorno fa……superMapi pagherà in contanti…con tanti saluti ai disfattisti ! La sua pozione ci risolleverà e fra tre anni di nuovo in Europa! E vissero tutti felici e contenti! Ps: indovina qual è l’unica cosa vera tra queste che ho scritto?

    • 21 Febbraio 2015 in 16:32
      Permalink

      E’ cio’ che ho anticipato io….sto’ secchio di vomito ci sta solo pigliando per il culo….
      Non esiste Mapi,non esiste il conto corrente,non esistono bonifici….forse non esiste neanche lui ed e’ un sosia….
      Esiste la speranza di Majo…quella abbiamo capito che ancora esiste….

  • 21 Febbraio 2015 in 15:23
    Permalink

    Purtroppo la Lega prima di Genova pagherà gli stipendi arretrati come già dissi a suo tempo e il campionato sarà portato a termine!!! Io speravo venisse palesemente falsato e colmo di ricorsi a fine campionato….il Calcio deve chiudere ormai….fa schifo!!!!
    La Lega/FIGC ha proposto ai nuovi investitori una rateizzazione dei debiti per i prossimi venticinque anni in stile Lazio di Lotito….vediamo se gli amci di Majo (quelli che hanno apparecchiato la tavola) accettano….visto quanto sono tifosi temo di no!!!!
    Si ripartirà dalla serie D con 5000 abbonati!!!!!!!!!!!!!

  • 21 Febbraio 2015 in 16:08
    Permalink

    MANENTI, PORTA I LIBRI IN TRIBUNALE E VAI A FARTI RICOVERARE URGENTEMENTE ALLA NEURO DELIRI.

  • 21 Febbraio 2015 in 16:08
    Permalink

    direttore, secondo lei, in caso di fallimento pilotato di cui non sono fan come lei, la Camporesi, che ha affermato di avere dietro di se grandi investitori , non potrebbe essere interessata all acquisto all asta?…

    Visto che la situazione è degenerata dopo che la Camporesi stessa si è defilata dal progetto, pensa che le risorse che Manenti professava di avere, fossero solo quelle legate all imprenditrice?

    • 22 Febbraio 2015 in 01:00
      Permalink

      Secondo me no. Credo che i possibili finanziatori di Manenti possano essere esteri.

      Non credo che Camporesi sia interessata nel caso di un’asta

  • 21 Febbraio 2015 in 16:33
    Permalink

    sto rivivendo il brutto film visto con la Maxicono…

  • 21 Febbraio 2015 in 16:36
    Permalink

    Ecco il link all’interessante articolo segnalato da Giorgio sugli intrecci tra Padova Calcio e Parma Calcio:
    http://mattinopadova.gelocal.it/sport/2014/06/06/news/l-a-d-e-la-sts-trait-d-union-tra-calcio-padova-e-parma-fc-1.9371459
    Direttore che ne dice di provare a mettersi in contatto e magari ad intervistare l’autore dell’articolo Paolo Baron (che evidentemente seguì a suo tempo una piccola “inchiesta” lato Padova) per avere un suo punto di vista anche sulla “nostra” situazione?

    • 22 Febbraio 2015 in 00:58
      Permalink

      In realtà questo articolo non mi aveva mai molto convinto. Del resto mi pare che il teorema accusatorio non abbia mai portato a niente.

      Che il Parma controllasse il Padova perché Valentini era nella STS, mi pare un tantinello azzardato, per nulla dimenticando che i rapporti si guastarono dopo certe operazioni di mercato… Credo che il Padova avesse dialogato di più col Parma l’anno prima con scambi di giocatori più numerosi e con quotazioni inquietanti.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 22 Febbraio 2015 in 13:34
        Permalink

        Direttore buon giorno, io invece le consiglio 2 chiacchere con Stefano Edel del Mattino di Padova. Mi sembra strano che lei non sia convinto dell’articolo di Paolo Baron, visto che a suo tempo proprio da questo sito vennero fuori particolari a noi Padovani sconosciuti. Mi risulta inoltre che a suo tempo la procura di Padova mandò la finanza da Ghiraldi a controllare gli intrecci.
        Comunque noi ora siamo in serie D. Società nuova e tutta Padovana e vi assicuro che oltre alla categoria si respira un clima tutto nuovo fatto solo di felicità e soddisfazioni.
        In bocca al lupo.

  • 21 Febbraio 2015 in 16:51
    Permalink

    Cioè qui si crede impossibile partire dalla B col fallimento pilotato perchè ci sono i debiti sportivi che nessuno pagherà mai, però dobbiamo sperare che Manenti trovi i soldi per salvare il Parma…mi sembra un ragionamento un po’ incoerente. Per me, è più facile che qualcuno paghi 40 milioni per fare la B col Parma piuttosto che Manenti porti dei soldi che ormai è chiaro che non ha.
    Diciamo più semplicemente che il fallimento (anche pilotato) fa paura a qualcuno.

    • 22 Febbraio 2015 in 00:50
      Permalink

      Guardi, a me se Ghirardi o Leonardi hanno paura del fallimento me ne impipa. Però io, che notoriamente non sono stato mai nel cda del Parma, ho paura per i dipendenti, per i fornitori e l’indotto e soprattutto per il fatto che non manterremo la categoria.
      La flebilissima speranza in Manenti è che si possa tirare avanti. Col fallimento è la morte

  • 21 Febbraio 2015 in 17:52
    Permalink

    il sigaro nel culo dalla parte accesa……cosi’ mi e’ partito dal cuore,chi vuol capire capisca

    • 22 Febbraio 2015 in 09:42
      Permalink

      Assioma il sigaeo ma quello cubano te lo dovresti mettere te nel culo ma poi so gia che ti piace tanto….

  • 21 Febbraio 2015 in 17:58
    Permalink

    Avete sentito l’intervista di Crespo? C’è’ da mettersi a piangere. Si distrugge il settore giovanile disperdendo un lavoro di anni ed il solo che può’ dare anche in tema economico frutti per il futuro.
    È’ un disastro!,,

  • 21 Febbraio 2015 in 18:11
    Permalink

    Nessuno che possa aiutarc? Arabi cinesi ….
    Pregando in ginocchio? Certo che contare sui parmigiani facoltosi e utopico tanto come Manenti… Ma poveri noi :((((((((

  • 21 Febbraio 2015 in 18:34
    Permalink

    Avete letto le dichiarazioni di Crespo? C’e’ da mettersi a piangere a oensare alla completa distruzione del settore giovanile

  • 21 Febbraio 2015 in 18:58
    Permalink

    ———–LETTERA APERTA AL BUON MAJO———————-
    Caro Mayo adesso le voglio spiegare perchè il fallimento pilotato è la soluzione migliore e spero che dopo questa mia disanima capisca anche lei, da persona intelligente quale è lei che bisogna accelerare anche con il suo aiuto mediatico per portare urgentemente i libri in tribunale.Appurato che Manenti è un mitomane anche per i suoi precedenti e su questo non ci piove, vedi Brescia e il suo comportamento che è tale e quale il comportamento che sta tenendo attualmente a Parma, appurato che tutti sono scappati da Leonardi, alla sua socia ad Alborghetti, il pensare che MANENTI possa pagare quello piu’ volte promesso non è utopia ma è un qualcosa di più. A questo punto le soluzioni sono due.Un fallimento pilotato o un fallimento normale. Facendo un fallimento pilotato possiamo salvare la categoria, male che vada, falliremo lo stesso ma dovendo ripartire dai dilettanti. TANTO VALE PROVARE QUESTA SOLUZIONE anche perchè altre vie di fuga non ce ne sono. Se il compratore dopo il fallimento pilotato non si dovesse trovare, pazienza ma almeno CI AVREMO PROVATO non lasciando nulla d’intentato. Mi viene in mente una risposta che Manenti ha dato a un inviato del Corriere dello sport ieri. Alla domanda quanto tempo ci vuole per far arrivare i soldi lui ha candidamente risposto “QUELLO CHE CI VUOLE” Una risposta del genere la dice lunga sul personaggio molto malato che è. Se in ITALIA LA SANITÀ’ funzionasse, chi di dovere avrebbe già predisposto per lui un T.S.O. che sarebbe un trattamento sanitario obbligatorio, prelevandolo dalla sede del Parma per portarlo in qualche casa di cura per farlo curare dagli psichiatri. Lei signor Majo crede e da fiducia a un MITOMANE del genere. Correre dietro a MANENTI è come correre dietro alla luna e poi facciamo il suo gioco, il gioco di un mitomane che vuole solo apparire e basta. Spero di averla convinta dottor Majo. Se ciò non fosse successo almeno ci ho provato a farle cambiare idea su Manenti e su quello che bisogna fare per il bene di Parma del Parma e di tutti i suoi fifosi. Però me lo lasci dire buon Majo, se non ci sono riuscito, ha la testa veramente dura. Mi scusi lo sfogo.

    • 22 Febbraio 2015 in 00:31
      Permalink

      Avrò la testa dura quasi quanto la sua e di coloro che, senza conoscere la materia, ritengono che ci siano le condizioni per pilotare un fallimento. Per altro non più pilotabile nel senso che ci sono già state istanze

      • 22 Febbraio 2015 in 01:23
        Permalink

        Io credo che sarebbe comunque fattibile, a livello teorico, ma chi è che paga i debiti per ripartire dalla b quasi da zero? Lo stesso centro sportivo sarebbe probabilmente escluso dal pacchetto

  • 21 Febbraio 2015 in 19:13
    Permalink

    poi m,i spieghera’ cosa c entra il sindaco???? se non l ha ancora capito il parma calcio e’ tuttora una societa’ privata a maggior ragione l era 5 mesi fa o 3 mesi fa (solo oggi c e un mitomane per cui bisogna intervenire ) se mi spiega lei al posto del sindaco cosa avrebbe fatto ? sarebbe andato contro la propieta’ privata ? lo sa che ci sono leggi in italia ? che spazio di manovra aveva il sindaco premetto che non sono grillino , pero’ quando ci vuole ci vuole sono stufo di sentirle dire ……..mi spieghi secondo la legge italiana 5 mesi fa con nessun fornitore che faceva istanze, i calciatori stavano zitti ecccc cosa doveva fare il sindaco intervenire come ? se puo’ spiegarlo in pratica toccava dire a lui che Ghirardi aveva dei conti fasulli ma scherziamo si prendeva una denuncia ,sono altr organi se non diceva nulla il suo amico Giuli che era all interno della societa’ non parlavano le banche ADDIRITTURA QUANDO GHIRARDI PUBBLICAMENTE SU VARI MEZZI D INFORMAZIONE HA DETTO NON DEBBO SOLDI A NESSUNO LE RISULTA CHE UN FORNITORE O DIPENDENTE ABBIA ALZATO LA MANO A DIRE PUBBLICAMNETE LI DEVI A ME ? e allora di cosa sta parlando se la prenda con chi doveva avere soldi da ghiro e stava zitta bella contenta madama marchese come dice lei !!!!!!!!

    • 22 Febbraio 2015 in 00:29
      Permalink

      il sindaco si è+ bevuto le panzane di ghirardi e leonardi fino all’altro ieri. inclusa operazione taci peraltro benedetta, se non addirittura promossa, dall’upi.

      Poi vorrò vedere se la corte dei conti non avrà niente da eccepire sui 700 ml di cui solo ora si è fatta ingiunzione…

      • 22 Febbraio 2015 in 01:05
        Permalink

        capira’ majo mi fa ridere ….ahahahah in che mondo vive la corte dei conti poi dovra’ spiegare perché lo stato paga i cittadini o le aziende a 2 anni o 3 anni con i contratti a 90gg secondo lei avra’ qualcosa da eccipere la corte dei conti ? o fara’ finta di niente ? provi indovinare se no tutti chiederanno uguale rispetto dei contratti

    • 22 Febbraio 2015 in 00:54
      Permalink

      Il signor Maajo preferisce un sindaco del Pd, Renzi… (Majo, scherzo!!!!! Per carità)

      • 22 Febbraio 2015 in 01:25
        Permalink

        Preferisco un sindaco che sappia quello che dice e che fa. Io mi limito, logicamente, come giudizio alla vicenda Parma. aveva persino suggerito di allenarsi in cittadella (ma solo per fare il populista…). Poi il suo attacco alle istituzioni del calcio, dettatogli dagli amici Ghiro e Leo la scorsa estate, per via della licenza uefa era veramente inaccettabile

  • 21 Febbraio 2015 in 20:14
    Permalink

    dica la verità direttore…ci spera vero che la tavola sia apparecchiata?

    • 22 Febbraio 2015 in 00:27
      Permalink

      La tavola è apparecchiata, ma temo che abbiano fatto i conti senza l’oste

      • 22 Febbraio 2015 in 09:43
        Permalink

        Se hanno apparecchiato è perché sanno che arriverà l’ospite. O sono così stupidi?

        Oppure come dice Velenoso ci provano, tanto fallendo normalmente si sparisce, fallendo pilotati sperano che qualcuno trovi il quarantello, che è comunque inferiore al centello che servirebbe ora.

  • 21 Febbraio 2015 in 20:23
    Permalink

    Forse non garantirebbe la serie B ma la renderebbe più probabile che il perdurare di questa situazione,
    Ero d’accordo con provare il jolly Manenti, ora visto che è palese che non sia in grado di sanare i debiti e andare avanti dobbiamo almeno salvare il titolo sportivo per non perdere tutto. Perciò mi trovo d’accordo con i boys, libri in tribunale e preghiamo che ci siano giudici assennati e una cordata di imprenditori valida che possa dare un futuro a questa società, se non pagando gli arretrati almeno conservando i posti di lavoro ai dipendenti. Poi ci sarà il discorso “squadra da rifondare da 0” ma prima di porsi questo problema ce ne sono di più urgenti.

    • 22 Febbraio 2015 in 00:26
      Permalink

      Col fallimento non si va da nessuna parte. i 40 milioni ce li mette lei, o fate l’azionariato popolare? O ce li mette la simpatica Upi?

      • 22 Febbraio 2015 in 01:15
        Permalink

        majo abbia pazienza ma le leggi si fanno anche su misura …..o gli abiti faccia un ragionamento prima del fallimento Parmalat e del parma 10 anni fa c era la legge marzano ? noooooooooo fatta apposta lei avrebbe scommesso 1 eur che non falliva il parma calcio io no e eppure non falli’ …… prima del bari mai sentito fallimento pilotato ? no ma a bari ci sono i Matarrese ex politici di peso come propietari fatta la legge fatto l inganno il bari salva la categoria !!!! morale ? o la lazio mai sentito dilazionare 30 anni le tasse no ma arrivo lotito e luce fu majo l dipendera’ da chi e’ interessato al parma calcio se e’ un industriale di poco peso si riparte dala D se e’ un pesce grosso ci sara ‘ una nuova legge che so che dice che si pagano solo la meta’ dei debiti sportivi tanto per dire ma capito mi hai majo …… poi si puo’ trattare con calciatori nani e ballerini perché gli conviene anche a loro prenderne la meta subito e certi per cui i 30 diventano 15 ci siamo majo ……..ma le debbo spiegare tutto

      • 22 Febbraio 2015 in 13:14
        Permalink

        Non sono solo io a pensarla cosi, ne sono convinti, sindaco, assessore allo sport, coni, lega calcio, giocatori e tifosi. Siamo tutti coglioni?
        E’ un passo da provare, i tempi sono stretti ma ci sono.
        Poi non è che ci siano molte alternative o scelte, il 19 marzo salta tutto in ogni caso… L’unica via è quella.
        Sull’upi stendiamo un velo pietoso, dall’aeroporto al parma calcio passando per la parmalat , stazione dell’alta velocità e aziende importanti che abbiamo perso nel territorio locale Parmense perchè non sono stati capaci di garantire una solidità e un futuro industriale ad alto livello a questa città.
        Per quanto riguarda i 40 milioni, ne io ne lei possiamo fare gran che, ma ragionando in termini di gestione di società calcistiche con un progetto serio le aziende che son disposte a spendere quelle cifre per uno dei club più titolati in italia e famosi all’estero ci sono (ci sarebbero). Non conta solo il bacino d’utenza, conta anche la potenza del marchio e quella il “brand” Parma ne ha ancora. E poi mi scusi se GHIRARDI (non certo Paperon de Paperoni) aveva rilevato il parma con 24 MILIONI DI EURO . Credo sia più che possibile trovare un soggetto o una cordata disposti a spenderne 40.

  • 21 Febbraio 2015 in 20:31
    Permalink

    Caro Majo, Manenti sta lavorando per portare il cinquantello?

      • 21 Febbraio 2015 in 21:31
        Permalink

        Certo, Majo (mi fa piacere rileggerla dopo alcune ore di meritato riposo. Sa com’è, ormai la sua presenza accompagna le mie giornate al capezzale del Parma), ero ironico ma fino a un certo punto. Ovvero: lei ritiene che, nella sua mente non proprio sana, Manenti stia per mollare il colpo oppure che pensi ancora di portare questi fantomatici fondi?
        Si immagina la sorpresa generale se arrivassero (cosa ovviamente impossibile)?

        PS: Ho notato che i ccommenti dei lettori all’editoriale di Molossi sulla pagina Fb della GdP sono stati quasi tutti durissimi con il direttore.

      • 21 Febbraio 2015 in 23:46
        Permalink

        Direttore ho per caso scritto qualcosa che non va??? Il mio post di oggi pomeriggio sugli “intrecci” tra Parma e Padova è scomparso…

        • 22 Febbraio 2015 in 00:06
          Permalink

          Sono in ritardo con la “moderazione”, sto andando a ritroso e – se non conterrà contenuti disdicevoli – sarà regolarmente pubblicato

    • 21 Febbraio 2015 in 21:49
      Permalink

      Sta guardando Mapi channel!

  • 21 Febbraio 2015 in 20:57
    Permalink

    Manenti è scappato? chiuso il conto della Mapi!
    è possibile commissariare il Parma e andare a un fallimento pilotato coattamente?
    Era meglio se Taci portava i libri in tribunale

    • 22 Febbraio 2015 in 00:25
      Permalink

      Non credo che lei si renda conto di quel che dice. Legga bene il mio intervento di stamani, oggetto del presente articolo.

  • 21 Febbraio 2015 in 21:12
    Permalink

    ufficiale manenti è scappato

    • 22 Febbraio 2015 in 00:24
      Permalink

      Questi commenti sono l’effetto di un certo giornalismo trash…

  • 21 Febbraio 2015 in 21:31
    Permalink

    Questo personaggio va arrestato e vanno fatte svuotare le tasche quando esce da Collecchio e controllato il baule occhio alla Volvo

    • 22 Febbraio 2015 in 00:23
      Permalink

      Di solito le persone vengono arrestate se compiono dei reati. Io sono garantista e non accetto che chi utilizza uno strumento messo da me a disposizione serva per calunniare delle persone o per fare ingiusti linciaggi. Se lei vuol dare del ladro a manenti vada ad esprimersi in qualche altro forum

  • 21 Febbraio 2015 in 21:32
    Permalink

    il fatto che il conto della mapi group siacstato chiuso cosa può voler dire direttore?

    • 22 Febbraio 2015 in 02:16
      Permalink

      Può essere stato chiuso perché in qualche modo accessibile anche dalla Camporesi?

  • 21 Febbraio 2015 in 21:36
    Permalink

    Majo….SE dovesse capitarle sotto tiro il Ghiro, lo intervista a mo di Oprah Winfrey? SE si, me lo fate sapere in anticipo? Giusto per non per dermi la puntata….a me verrebbe voglia di farlo a spezzatino, lui, Taci, Doca e Manenti….anzi meglio, inviti per l intervista manche la genre che resterà in braghe di tela per colpa loro

    • 21 Febbraio 2015 in 23:58
      Permalink

      Ci penseranno i fustigatori del giorno dopo. Adesso sono tutti così bravi…

      • 22 Febbraio 2015 in 01:22
        Permalink

        vorrei farvi ragionare erano due erano belli e ballalvano ora uno balla con champagne e canta e va a sciare l altro gira per ospedali secondo voi chi e’ più preoccupato ? non ci sara’ un motivo ? io la risposta l avrei ma preferisco non dirla per ovvi motivi

  • 21 Febbraio 2015 in 21:37
    Permalink

    Ghiro SE ti incontro …….ti ignoro….dilettante!

  • 21 Febbraio 2015 in 21:53
    Permalink

    Direttore aldilà di serie a b c d la prossima settima saranno portati i libri in tribunale e credo proprio che il campionato non lo finiremo, lei che indicazioni ha? Sono pienamente d’accordo che con i debiti sportivi da saldare nessuno acquisterà il parma,è vero che manenti non si trova ed è stato il conto della mapi?

    • 21 Febbraio 2015 in 23:57
      Permalink

      basta che un sito copia incolla rilanci una roba che poi venite tutti qui a far la stessa domanda. La storiella del cc era della Gds di stamani e dodici ore dopo vi fate domande sul c/c ? Comunque non so interpretare cosa significhi.

    • 21 Febbraio 2015 in 23:55
      Permalink

      Manenti non è affatto irrintracciabile. A me ha risposto regolarmente al telefono anche oggi

      • 21 Febbraio 2015 in 23:59
        Permalink

        più che altro l’ho messo per il conto chiuso…cosa che non ha senso! Manenti irrintracciabile fa parte del titolo dell’articolo

        • 22 Febbraio 2015 in 00:01
          Permalink

          Sì, ma come dicevo sono tutti buoni di far del colore quando c’è il dagli a quel cane. Che ribrezzo a pensare che nessuno di questi geni ha mai mosso un dito contro Ghirardi e aveva fatto paginate persino a Taci…

      • 22 Febbraio 2015 in 00:01
        Permalink

        E che cosa le ha detto? Sono curiosissimo.

        • 22 Febbraio 2015 in 00:18
          Permalink

          Niente di giornalsticamente rilevante. Erano le 14.23 e alle 14.24 ero in linea già con un’altra persona, quindi può capire quanto sia stata rapida la chiamata

          • 22 Febbraio 2015 in 00:51
            Permalink

            Comunque non molla, giusto?

          • 22 Febbraio 2015 in 00:53
            Permalink

            Direi di no. Ma oggi non glielo ho chiesto. Da altre fonti ho saputo di interessanti suoi movimenti in programma per lunedì mattina. Vedremo se sortiranno qualcosa o niente come al solito

  • 21 Febbraio 2015 in 22:12
    Permalink

    Majo ma è vera la storia della chiusura del Conto della MapiGroup? Se si questa mossa lei come la legge? Perchè a questo punto (anche se sono ignorante in materia) mi sfugge come il Mano possa pagare e far arrivare i soldi sul Cc della Eventi Sportivi?

    • 21 Febbraio 2015 in 23:54
      Permalink

      Magari ne chiude uno e ne apre un altro. Ma chiedetelo allo sherlock holmes che ha fatto l’indagine

  • 21 Febbraio 2015 in 23:08
    Permalink

    Si sa qualcosa della cordata citata da teleducato?….mi sa che non ci resta che piangere…grazie

  • 21 Febbraio 2015 in 23:24
    Permalink

    Majo, adesso che Manenti ha chiuso il conto mapi ed è irraggiungibile è ancora affidabile?

    • 21 Febbraio 2015 in 23:50
      Permalink

      Queste sono quisquilie: smoke in your eyes. Io la mia telefonatina lampo a manenti l’ho fatta anche oggi, e mi ha risposto dopo pochi squilli. Adesso perché uno non risponde a qualche cronista frustato vuol dire che è scappato? E la storia del conto non mi pare essenziale. Io ne avevo tre, poi li ho ridotti a due. Io non credo di aver mai concesso chissà quale credito a Manenti, attestandomi su un prudente 1% poi ridotto a 0,1. Ma, tuttora, non escludo che possa far qualcosa. E non mi accodo all’esercito di chi si è fatto prendere per il culo per sette o otto anni da ghirardi e tre mesi da taci e ora si sfoga su manenti.

      Saluti

      Gmajo

      • 22 Febbraio 2015 in 01:39
        Permalink

        Beh anch’io ho due conti….ma non sono una società. Comunque guarda se davvero pensi che questo Manenti possa fare ancora qualcosa secondo me vuol dire che hai fonti che noi comuni mortali non ci immaginiamo neanche….I bonifici di Manenti sono diventati i bonifici di San Severino. …

  • 21 Febbraio 2015 in 23:26
    Permalink

    Fuori le palle ovunque andremo!

  • 21 Febbraio 2015 in 23:28
    Permalink

    Comunque majo se una cosa la si vuole con tutte le forze qualcosa si ottiene….. Io ci credo al salvataggio….

  • 21 Febbraio 2015 in 23:56
    Permalink

    Fermo restando che ghirardi e Leonardi sono due mascalzoni e che la pagheranno penalmente, e’ così difficile, dottor Majo, ammettere di essersi fatto infinocchiare da Manenti, un personaggio che neanche mio figlio di cinque anni avrebbe preso sul serio? E tutto per la sua e antipatia verso la Gazzetta?

    • 22 Febbraio 2015 in 00:05
      Permalink

      Guardi, non sono in vena di rispondere a delle provocazioni stupide. Però i luoghi comuni basati sul nulla non mi vanno. Io non mi sono fatto infinocchiare proprio da nessuno. Io faccio il giornalista e riporto notizie. E le notizie erano che i calciatori del Parma e i soci di minoranza avevano preso per buoni i documenti di manenti non ritenuti farlocchi. E io l’ho scritto. Alla mia domanda ad A. Lucarelli se ci fosse stato un falso mi ha risposto di no, solo che non c’erano soldi. Se ci fosse stato un falso acclarato e confermato lo avrei scritto. I pissi pissi bao bao li lascio agli altri.

      Io non ho antipatie o simpatie per nessuno: certo che se leggo degli editoriali vomitevoli, simili a quelli del post crac Parmalat, dopo le pompe a Ghirardi e Leonardi inclusi certi articoli di questa estate non posso che non mettermi a ridere amaramente.

      Saluti

      Gmajo

      • 22 Febbraio 2015 in 00:11
        Permalink

        Scusi Majo, ma se hanno visto i documenti dei bonifici e tali documenti non erano falsi, come è possibile che i soldi non siano arrivati? Se non ho i soldi, io non posso fare un bonifico e quindi non posso esibire nessun documento “non falso” che lo comprovi. Questa storia è molto mal raccontata ed è per questo che continuiamo a chiedere spiegazioni, Non sta in piedi.

        • 22 Febbraio 2015 in 00:14
          Permalink

          Lei è inutile che faccia del pressing: le ho mai detto di aver visto io il cro, o i conti o qualcos’altro? No. bene: a me soci, dirigenti e calciatori avevano riferito di documenti bancari consistenti che non sembravano farlocchi prima, e poi di cro verificato. E come l’ho sentita ve l’ho detta. Poi che ci siano cose che non tornano so bene che ce ne siano parecchie. Anche perché se fosse tutto così chiaro e limpido avremmo tutti delle certezze

          • 22 Febbraio 2015 in 00:22
            Permalink

            Io non faccio pressing: voglio capire le cose. Adesso è chiaro. Le hanno dato indicazioni e informazioni piuttosto confuse, non si sa esattamente che cosa abbiano visto, l’unica cosa che sappiamo è che avevano letto della documentazione rassicurante cui dopo non sono corrisposti fatti concreti.

          • 22 Febbraio 2015 in 00:43
            Permalink

            Ecco, questa mi sembra una buona ricostruzione

          • 22 Febbraio 2015 in 00:28
            Permalink

            Ma poi, Majo, non sia sempre aggressivo con me e con gli altri. Non faccio pressing, cerco di capire. Non sono assillante, le sono affezionato. Non accuso, dissento o obbietto. Su, siamo tutti amareggiati in questo periodo, non guerreggiamo…

          • 22 Febbraio 2015 in 00:52
            Permalink

            Secondo me lei vede polemica anche quando non c’è…

    • 22 Febbraio 2015 in 00:16
      Permalink

      “Con il Nova Gorica c’era solo un rapporto di collaborazione, nessun dirigente del Parma ha mai avuto qualche carica nel Nova Gorica” io ricordavo Silvia Serena (la compagna di Melli) nel cda del Nova Gorica

      “Debiti? Io invito a leggere i bilanci, sono stufo di sentire queste sciocchezze”: credo che i bilanci siano stati ben esposti dal dottor Marotta e siano significativi…

      • 22 Febbraio 2015 in 13:19
        Permalink

        Ma lasciatelo in pace Ghirardi; ci penseranno a breve Fiamme Gialle, PM e secondini.
        Allora si tutti li con le uova marce sulla sua zucca vuota come vuole Boni.

  • 22 Febbraio 2015 in 00:04
    Permalink

    Majo dice che ha sentito il mano anche oggi e non ci dice che vi siete dettI?non si fa così eh?ci illumini per cortesia!!!

    • 22 Febbraio 2015 in 00:09
      Permalink

      L’ho sentito pochi istanti, il tempo di due battute non giornalisticamente rilevanti. Tant’è che non ho scritto nulla. E nello spazio commenti ho solo scritto di averlo sentito per smentire coloro che dicono che è scomparso. Del resto adesso va di moda la gran cassa del fallimento pilotato, che ci farà schiantare…

      • 22 Febbraio 2015 in 00:25
        Permalink

        Majo sempre più complimenti e sempre più schifato del falso ideologico dei suoi “colleghi” (se possiamo chiamare dei ciarlatani tendenziosi giornalisti…) .
        A me risulta che nella cordata “locale” stiano tirando per Pizzarotti (quello famoso) e Fagioli trasporti più altri minori, ma solo a condizione di una rateizzazione del debito e del pagamento dei diritti sportivi.
        Infine vorrei fare una chiosa invitando i tifosi del Parma a supportare manenti, se non altro per rispetto delle vostre intelligenze, indipendenza dai plagiatori!

        • 22 Febbraio 2015 in 01:44
          Permalink

          Guarda io supporter Manenti da domani….giuro….

  • 22 Febbraio 2015 in 00:17
    Permalink

    Direttore mi da una percentuale sua sulle probabilità che finiamo in serie B?

    • 22 Febbraio 2015 in 00:18
      Permalink

      O in serie D ?

  • 22 Febbraio 2015 in 00:21
    Permalink

    C’è qualcuno che l’ha sentita in diretta ?
    I giornalisti hanno obiettato qualcosa o no ?

  • 22 Febbraio 2015 in 00:22
    Permalink

    Ciao gabriele…non ho capito una cosa…ma questi documenti bancari consistenti sono stati mostrati o no?
    Io comunque lapenso come te..
    La nistra unica salvezza passa per Manenti..

    • 22 Febbraio 2015 in 00:43
      Permalink

      Questi documenti mi è stato riferito che fossero stati mostrati a dirigenti, tecnici, giocatori e soci. Del resto se non c’è stata messa in mora, se Donadoni ha invocato attesa prima di giudicare, etc. etc. vuol dire che qualcuno ha visto qualcosa.
      Poi è sacrosanto che non sia ancora avvenuto nulla di concreto, per cui il giudizio si basa su quello. Certo che di ostruzionismo ne sta ricevendo parecchio, sicuramente più di chi lo ha preceduto

      • 22 Febbraio 2015 in 12:12
        Permalink

        A meno che Majo non sia in cordata con Manenti…. Ma dove andate ? … Ahah

  • 22 Febbraio 2015 in 00:24
    Permalink

    Non ho capito,avete parlato del più e del meno?è l unico che è riuscito a contattarlo e non è riuscito a raccogliere informazioni?come al solito avrà detto che lunedì arriveranno I soldi, giusto?

    • 22 Febbraio 2015 in 00:40
      Permalink

      No, perché non glielo ho domandato. Sono stato al telefono un giro di lancette del cronometro. Anche perché avremmo dovuto sentirci dopo, ma poi sono stato impegnato io

  • 22 Febbraio 2015 in 00:39
    Permalink

    è addolorato poverino…ma che coraggio ha a dire certe cose?sono veramente senza parole!quest uomo ha la faccia come il culo!veramente da non credere….

  • 22 Febbraio 2015 in 00:44
    Permalink

    spettacolo..Se lo tira col mano?grande!!!comunque come è possibile secondo lei che Leonardi sia stato trasferito in un centro specializzato per la cura di stati di stress e Ghirardi di fa intervistare x dire bello tranquillo certe amenità?la sua tranquillita mi fa imbestialire!

    • 22 Febbraio 2015 in 00:56
      Permalink

      Indubbiamente è una bella faccia di bronzo.

      Il Leo? Evidentemente non è quell’uomo forte che in tanti credevano…

  • 22 Febbraio 2015 in 00:46
    Permalink

    Domani direttore pensi di sentirlo il presidente?
    Secondo me gli voglion tagliare le gambe…il sindaco e uno di questi…
    Magari sbagliero ma il mio istinto mi dice che qualcuno dei poteri forti ha paura che cacci la grana…

    • 22 Febbraio 2015 in 00:54
      Permalink

      Può essere… Certo dà fastidio e gli è stata fatta terra bruciata attorno

  • 22 Febbraio 2015 in 00:57
    Permalink

    majo visto che ha risposto premetto che non sono del partito dl sindaco ma la sua risposta non e’ esaustiva per quanto riguarda i crediti che il comune aveva con il parma calcio il sindaco ha fatto la cosa giusta venire incontro alle esigenze della squadra questo e’ l unica reale cosa che poteva fare per aiutare il parma calcio ovvero dilazionare i crediti !!!!! quindi lei lo accusa di non aver fatto nulla e voleva che fosse il sindaco ad affossare il parma calcio ? gli altri creditori fino a 2 mesi fa stavano zitti quando Ghirardi diceva non devo soldi a nessuno e il sindaco doveva ammazzare la squadra di calcio dopo che tutti diciamo che e’ importante come immagine della citta’ eccc….ma dai …..altra cosa majo forse lei non sapra’ ma le garantisco che il comune ma non solo di parma ma di tutta italia stato compreso PAGANO A BABBO MORTO lo chieda a aziende appaltatrice o artigiani o singoli professionisti che lavorono per il comune !!!!! e lei vorrebbe che uno che paga a babbo morto poi amazzi la squadra di calcio per farsi pagare correttamente nei termini contrattuali ……ahahaha e’ ovvio che se lei paga in ritardo debba accetare di essere pagato in ritardo tanto e’ vero che la lazio a roma anche il comune e non solo le tasse le hanno dilazionate di 30 anni ….. per il resto come giaì detto la legge non prevede fino al fallimento che il sindaco possa fare qualcosa e la propieta’ privata il sindaco non puo’ ignorarla neppure se e ‘ di manenti tanto e’ vero che all inizio hanno dato credito anche a manenti . Piuttosto il suo amico colonnello a cui ha fatto un intervista poteva intervenire o richiedere di intervenire anche 1 anno fa gli chieda quando si decidera’ cosa aspetta la procura ancora ? ..quindi se la prenda con le persone giuste e del fatto che nessuno dei creditori abbia risposto a Ghirardi quando ha detto che non doveva soldi a nessuno ‘ ? cosa mi dice ? E DEL DOCUMENTATO FIRMATO A GHIRARDI DAI DIPENDENTI CHE DICONO CHE NULLA PIU’ HANNO AD AVERE ? come vede ci sono molte cose strane che andrebbero valutate prima di pensare al sindaco che solo dopo il fallimento puo’ intervenire ma solo per aggregare come si dice le forze migliori per risolvere il problema

    • 22 Febbraio 2015 in 01:23
      Permalink

      Il suo pizzarotti è stato semplicemente patetico con le dichiarazioni sulla Europa League, con il suo fidarsi ciecamente di Ghiro & Leo, e con il fare lingua in bocca con l’upi per Taci.

      Io non pretendevo che affossasse il Parma, ma alla faccia dei pochi mesi di ritardo… Diciamo che per essere il nuovo che avanza è molto vecchio…

      Infine dovrebbe sapere di cosa si occupa. al CCPC si è presentato (e pure da noi in TV) senza manco sapere che per mantenere la serie B occorre che si paghino i debiti sportivi…

      Il colonnello della finanza non è mio amico. Io l’ho sentito al telefono quella volta quando l’ho intervistato come prima e unica volta. Lei la deve smettere con questo vezzo di attribuirmi come amici tutti quelli che intervisto. Manenti, ad esempio, è il mio fidanzatino, perché entrambi abbiamo il gusto dell’orrido. A parte gli scherzi, è davvero fastidioso che se intervisto Giuli sono amico di Giuli, se intervisto il Colonnello sono amico del Colonnello, e via dicendo.

      Che nessuno dei creditori parlasse con me sfonda una porta aperta: sa quanti ne ho sentiti che se dicevo che gli facevo l’intervista scappavano via? L’unico che ha sollevato il caso Tep sono stato io, grazie al fatto che ero riuscito a convincere un dirigente a parlarne.

      Il documento mostrato dal ghiro dei dipendenti che non hanno niente a che pretendere dimostrano che lui aveva pagato i dipendenti ivi elencati fino alla data indicata. e cioè fino a tutto il mese di novembre.

      Saluti

      Gmajo

  • 22 Febbraio 2015 in 00:58
    Permalink

    Sì però dai..che credibilità di è guadagnato col suo comportamento?come si fa a biasimare ci non ci crede più dai?è una settimana che dice le stesse cose e I risultati li conosciamo tutti..Non è molto difendibile. se poi lo andiamo a sommare alle sue esperienze passate ecco che la frittata è fatta.

    • 22 Febbraio 2015 in 01:14
      Permalink

      Indubbiamente. Ma uno straccio di 0,1% io continuo a lasciarlo

  • 22 Febbraio 2015 in 01:04
    Permalink

    domanda secca e risposta secca Majo. l anno prossimo seguendo il suo olfatto e il suo istinto dove lo vede il Parma?b o d?così a sensazione…poi vado a paglia e le do la Buona notte ringraziandola x la solita cortesia!

  • 22 Febbraio 2015 in 01:08
    Permalink

    Gentile Majo, ho letto la notizia in rete che Pizzarotti stia cercando di creare una cordata locale capitanata da Zanetti.

    Tralasciando parecchie cose, non le sembra che anche la Figc, oltre al sindaco di Parma stiano apparecchiando in tutti isensi, in maniera piuttosto ambigua, un fallimento pilotato?

    A prescindere dal fatto dei tempi tecnici, mi da l’impressione che stiano forzando le tappe, cioé trovare dei compratori, così da poter garantire la “continuità del campionato”… Tra l’altro creando un precedente pericoloso, visto il ruolo (tardivamente) attivo di Tavecchio?

    La ringrazio e buon lavoro.

    • 22 Febbraio 2015 in 01:12
      Permalink

      Mi trovo d’accordo con le sue affermazioni. Ma dubito che ci possa essere una cordata locale capitanata da Zanetti, ai costi indicati nel presente articolo

      • 22 Febbraio 2015 in 01:25
        Permalink

        Domando scusa per la poca chiarezza della frase precedente, ma mi sono mangiato alcuni pezzi qua e là…

        Si, effettivametne anche a me suona parecchio strano che qualcuno possa cacciare tutti qui soldi, spese che potrebbe essere sostenuti solo da petrol dollari ed affini.

        Ma fracamente piuttosto che pensare alla Serie D, sarei aperto a qualunque opzione possibile.

        La ringrazio per la risposta!

      • 22 Febbraio 2015 in 11:09
        Permalink

        I costi sportivi posson esser dliazionati, se i giocatori accettano. Fossi in loro mi accontenterei di prender un 30% subito (percentuale a caso…)e il resto in un determinato lasso di tempo, piuttosto che non prender nulla. Credo si stia lavorando su un’ipotesi del genere, rendere appetibile il più possible l’acquisto del Parma. A quel punto la cifra d’entrata si ridurrebbe notevolmente e un Zanetti o un Pizzarotti potrebbe esser tentato (soprattutto Pizzarotti se avesse garanzie di fare lo stadio). Questa è la famosa apparecchiata che si sta tentando di fare,e la si fa perchè Mapiman è uno squattrinato da TSO. Avesse davvero 100 mln di liquidità, i c.d poteri forti gli stenderebbero un tappeto rosso con la fanfara (le aziende del territorio, a sentir quella cavia da istituto psichiatrico, avrebbero tutto da guadagnare con il Mapi bussiness che si aprirebbe ad Est. E’ Mapiman che ne ha parlato in conferenza,non io-E voi credete ad imprenditori che rifiutano potenziali, e lucrosi, affari per far uno sgarro a Mapiman??? Forse nel Mapiworld,non nel mondo reale…)
        Se si riuscisse ad abbassare a 15/20 mln la cifra iniziale d’investimento, qualche speranza potrebbe esserci. Altrimenti possiamo aspettare i bonifici, su carta igenica, di MapiTSO, l’arrivo degli alieni o gli Agnelli che vendon la Juve per puntare tutto sul Parma. Tre ipotesi che hanno la medesima possibilità di concretizzarsi.0,1% ad esser ottimisti,molto ottimisti.

  • 22 Febbraio 2015 in 01:22
    Permalink

    Sì però non si può criticare chi questo 0,1% non glielo vuole dare. Volevo dire solo questo..io stesso criticavo ci non gli dava credibilità dall inizio, quello di. Ma ora ovviamente leio fa bene a dargli ancora un piccolissimo credito(anche se penso che in fondo lei ci creda molto di più)ma non mi sento più di criticare chi il credito non glielo da più

  • 22 Febbraio 2015 in 01:49
    Permalink

    Beh….io non capisco come possa esserci qualcuno che da ancora credito e ripone ancora speranze in Manenti….veramente non me ne capacito….

    • 22 Febbraio 2015 in 02:32
      Permalink

      eh ma lo 0,1%

  • 22 Febbraio 2015 in 02:30
    Permalink

    Scusi direttore ma se manenti e’ allo 0,1 e la serie b al 5 di cosa stiamo parlando??? Libri in tribunale e fallimento pilotato subito…

  • 22 Febbraio 2015 in 02:31
    Permalink

    majo dava fiducia a manenti. Fiducia mal riposta. Però volevo dirle che non è un delitto sbagliarsi, ed ogni tanto potrebbe anche ammmetterlo, senza tirare fuori adesso la canella che concede una possibilità su mille (alias 0,1 %) . Che è come dire che non ce ne sono. Però bisogna tenere in piedi in ogni modo, anche con percentuali capziose, la fiducia, visto che la si è data pima, vero?

  • 22 Febbraio 2015 in 02:48
    Permalink

    Manenti non ha nessun investitore dietro quindi, personalmente, ha 0,0% di credito. L’unica cosa positiva del suo avvento è lo sputtanamento del sistema calcio italiano anche se temo nessuno pagherà se non i tifosi del Parma.
    Io non biasimo chi aveva fiducia in Ghirardi e leonardi, anch’io ero tra questi. D’altronde l’ultima stagione era stata entusiasmante ed il dinamico duo si muoveva bene su tutti i fronti mediatici.
    È vero Majo, sei stato l’unico a fargli le pulci ed a scoperchiare la pentola dei misfatti ma diciamoci la verità, in serie A non è l’unica società ad avere un monte debiti di rilievo. Anche in società più blasonate, se l’azionista di maggioranza facesse venire meno il suo appoggio, si materializzerebbe lo spettro del fallimento. Per cui il tifoso, incautamente, dormiva sogni tranquilli.
    È chiaro che un minimo di fiducia iniziale in Taci c’era, se non altro perché pare che qualche attività concreta ce l’abbia, anche se poi la vicenda Doca mi aveva fatto mangiare la foglia.
    Il fatto che ci sia stata una mala gestione prima, di certo non mi spinge a tifare x Manenti. Ma non x partito preso. Solo xche è un evidente bluff di cui non si sentiva il bisogno.
    Saluti

  • 22 Febbraio 2015 in 03:05
    Permalink

    Io non capisco cosa “costi” dare fiducia a Manenti. Che tanto se gliene diamo o noi cambia poco: o porta i soldi o no,. Nel primo caso, non nascondiamolo, stappiamo tutti lo champagne. Nel secondo, beh, in ogni caso sarò fallimento, pilotato e meno che sia. Con tutti i dubbi sulla categoria futura, e quindi sul futuro in generale di tutta la squadra, in barba ai 100 anni di storia.

    • 22 Febbraio 2015 in 09:25
      Permalink

      Beh francamente da Manenti mi sento leggermente preso per il culo….

    • 22 Febbraio 2015 in 09:32
      Permalink

      te non hai capito un cazzo,ma ti rendi conto che non possiamo scendere neanche piu’ in campo con qua?

  • 22 Febbraio 2015 in 06:52
    Permalink

    Direttore 40M sono molto meno dei debiti attuali xcio’ il fallimento da maggior possibilita’ di salvare la B. Non mi pare che ci siano alternative….. Manenti dovrebbe nn solo trovare 30M x tamponare la situazione ma subito altri almeno 50M x tirare avanti…… ridurre indebitamento pagare interessi e prepararsi x nuova stagione…..
    Seza un solido investitore non si fa nulla D sicura meglio un fallimento ma subito le possibilita della B sarebbero maggiori

  • 22 Febbraio 2015 in 08:37
    Permalink

    Basta abboccare ad ami avvelenati, ma non ne abbiamo mai abbastanza in questa città????
    Che cordata locale??? Gente che non ha mai messo un euro per la propria città…ma lasciamoli dove sono.
    La realtà è che si riparte dalle serie D con Lucarelli e Morrone in campo!!!!
    Piuttosto dico alla magistratura o chi per esso di mettere gli occhi addosso allo smilzo di Carpenedolo, sta già pianificando una fuga all’estero stile Gaucci!!!!!!

  • 22 Febbraio 2015 in 08:45
    Permalink

    Ho letto le parole di Lucarelli e mi sono emozionato. Grande uomo, se è’ pronto lui ad andare in serie d, dobbiamo esserlo anche noi. Nessun male viene per nuocere, ci rialzeremo più’ forti di prima. Forza parma e forza crociati, vedrete che sarà bellissimo….

  • 22 Febbraio 2015 in 09:09
    Permalink

    Paolo Magnani · Top Commentator · Lavora presso Langley Research Center
    Vuoi vedere che il Giampy che ha comprato il Parma per un euro alla fiera dell’est se lo rivende per una mezza milionata e da pezzente passa a benestante?
    Rispondi · Mi piace · Non seguire più il post · 9 minuti fa

    cosa ne pensa Direttore?

    • 22 Febbraio 2015 in 10:14
      Permalink

      che io sappia non è quello lo scopo di Manenti. ma potrebbe anche aver ragione paolo.
      diciamo pure che apparentemente ha ragione paolo

      • 22 Febbraio 2015 in 10:56
        Permalink

        …e noi tutti a dire che è un pirla…

  • 22 Febbraio 2015 in 09:30
    Permalink

    Ci tengo a specificare che il mio commento precedente non era rivolto a Majo (lui sa come la penso su Manenti e io so come la pensa lui e ovviamente entrambi rispettiamo il parere dell’altro con la speranza io di sbagliarmi è lui di avere ragione) ma a tutti quelli che dicono che chi non crede a Manenti è un uomo dell’UPI. Magari lo fossi….non starei cercando lavoro….
    Comunque se Manenti fosse a posto con la coscienza oggi verrebbe a spiegare il suo solido progetto decennale a tutti noi tifosi mostrando prove tangibili che sul conto ci sono i soldi (meglio se prima ci dimostra che il conto non è stato chiuso….).

  • 22 Febbraio 2015 in 09:49
    Permalink

    GRANDE ALESSANDRO LUCARELLI GRANDE CAPITANO …..queste sono le persone che doveva intervistare non manenti dandogli spazio al suo gioco ……grande Lucarelli nell intervista alla gds spiega le cose come stanno e e’ l unico a cui sta cuore il futuro del parma gemte come lui crespo Donadoni palmieri sono da intervistare non certo manenti o senitre leonardi

    • 22 Febbraio 2015 in 10:04
      Permalink

      vanno sentiti tutti. non mi pare di aver tralasciato lucarelli

    • 22 Febbraio 2015 in 11:11
      Permalink

      A questi giocatori , all’allenatore bisognerebbe costruire un monumento ancor piu’ grande a qualsiasi impresa sportiva.
      Non so come andra’ a finire ma sono certo che queste persone rimarranno nel cuore di tutti
      Grazie

  • 22 Febbraio 2015 in 10:04
    Permalink

    Grande CAPITANO nell’intervista su GdS sputtana Ghirardi come vero responsabile ( come ha sempre sostenuto il grande DIRETTORE ) . Belle parole di responsabilita’ e amore x i tifosi la maglia e la citta’ –
    Penso che se qualcuno ora ci salva prendendo il Parma da un fallimento pilotato si fa una bella pubblicita’ a livello nazionale e internazionale visto l’attenzione mediatica negativa che i 3 proprietari precedenti sono riusciti a realizzare ……………
    Forza Parma

  • 22 Febbraio 2015 in 10:13
    Permalink

    Secondo me lo 0,1% che dà il direttore non lo dà a Manenti, ma passa per Manenti.
    Le flebile speranza è che nei prossimi giorni ci sia un nuovo (l’ultimo) passaggio di proprietà e che si riveli il vero proprietario del Parma (Giordano docet: abbiamo tempo fino ai primi di marzo). Stop. È uno 0,1 dato dal fatto che questa storia è talmente strana e ha così tanti lati oscuri che può succedere di tutto. Manenti di suo non ha un biadino. Ovvio.
    Anzi in realtà il direttore pensa che tutti questi passaggi societari siano scollegati l’uno dall’altro, ma uno 0,1 lo si può lasciare a tutti di credito.
    L’altra possibilità è il fallimento, pilotato o no. L’unica speranza che ho è che i dipendenti mantengano il posto di lavoro visto che ho due mezzi parenti che ci lavorano.
    Ah a proposito so per certo che il 16 febbraio qualcuno è rimasto a lavorare fino all’una di notte, avevano davvero “predisposto” tutto. Come se si dovesse davvero solo dare l’ok per far partire i pagamenti. Ma i soldi che dovevano arrivare sul conto del Parma non sono mai arrivati, forse bloccati dalla banca. Però diciamo che l’abbaglio di Raimondi e Mayo è più che giustificato. Sembrava tutto fatto per davvero…

  • 22 Febbraio 2015 in 10:36
    Permalink

    Ma scusate state discutendo del nula. Lucarelli, procura,fallimento, tutte cazzae. Alla piu’ lunga lunedi mattina Super Mapi miracolo arriva con 50 milioni e vi sistema tutti! Vero direttore?

      • 22 Febbraio 2015 in 10:51
        Permalink

        Poco da ridere…ti dicevi disposto a credere al miracolo…piuttosto che accodarti alla schiera dei “fallimentaristi”
        Vatti a leggere piuttosto il percorso (intelligente e possibile…ma cio’ non implica che verra’ per forza seguito) indicato dalla gazzetta dello sport di stamane.
        E’ l’unica alternativa percorribile e credibile.
        Ora si sta creando pure un movimento di opinione importante nonche’ istituzionale a supporto degno di questo nome.
        Peccato che manchi una fetta della stampa parmigiana…..vero majo?….

  • 22 Febbraio 2015 in 10:55
    Permalink

    Mat…la Lukoil xe la pia interculo mi sa…illuminaci…

  • 22 Febbraio 2015 in 11:00
    Permalink

    Quindi Majo adesso anche lei pensa che potrebbe esser tutta una manovra di Manenti x arricchirsi personalmente??andiamo bene!

    • 22 Febbraio 2015 in 11:10
      Permalink

      non ho assolutamente detto questo. ho solo scritto che APPARENTEMENTE il magno potrebbe aver ragione

    • 22 Febbraio 2015 in 11:30
      Permalink

      Ohhh…e perche’ no?…una volta “apparecchiata la tavola” (espressione che majo aborra e situazione che tutto il mondo invoca mentre lui ora si astiene ma continua a vedere come fumo negli occhi…chissa’ perche’), gli apparecchiatori dovranno chiedere a lui di togliersi dalle balle…..il quale dira’:-“e perche’?….perche’ volete venire voi?….parliamone”…e bisognera’ far saltar fuori 2 soldi (magari in nero) anche per lui, o lasciargli la volvo (molto meglio della skoda) o lasciargli le felpe che avra’ sgraffignato (meglio di quelle giacche da closchard che si ritrova..)…ssituazione non cosi’ camata in aria…
      Anche se andrebbe preso a malrovesci….

  • 22 Febbraio 2015 in 11:09
    Permalink

    Voci sempre piu’ insistenti parlano di una cordata che gia’ si sia messa in contatto con fornitori ,dipendenti e giocatori. La “trattativa” e’ sul rinegoziare I debiti dovuti in pratica verranno pagati solo in parte . Sembra che la cordata esista sul serio. Le risulta direttore ?

    • 22 Febbraio 2015 in 11:42
      Permalink

      C’è il 99,09% della stampa che ve lo dice, e lei viene a chiederlo a me? Io mi astengo

      • 22 Febbraio 2015 in 12:26
        Permalink

        non ho modo di leggere la stampa per questo chiedo a lei.

  • 22 Febbraio 2015 in 11:17
    Permalink

    Ma a cosa si era riferito Raimondi quando parlava dei bonifici? Erano ipotesi sogni o qualcosa c’era? Grazie

    • 22 Febbraio 2015 in 11:41
      Permalink

      Raimondi ha esternato quello che gli avevano detto i calciatori. Che avevano visto bonifici per circa 30 milioni. Del resto non avevano fatto la messa in mora per qualche motivo. Ma qui si pensa solo a cosa dice Raimondi o a cosa dico io, come se fossero quelli i problemi. Noi due (con tutte le differenze del caso, cioè decisamente più prudente io, decisamente più spettacolare Raymond) non abbiamo fatto altro che riferire quello che avevamo raccolto sentendo più fonti ed incrociando.

      Saluti

      Gmajo

      • 22 Febbraio 2015 in 11:49
        Permalink

        Si ….capito… Grazie…cmq mi piace il suo approccio pacato.. sul fallimento la penso come lei e mi tremano le gambe..non sappiamo a cosa possiamo andare incontro

        • 22 Febbraio 2015 in 11:55
          Permalink

          Guardi, stanno tutti apparecchiando la tavola per rendere possibile il salvataggio del Parma, anche se secondo me fanno i conti senza l’oste: se il Parma si salva siamo tutti felici – anche se lo scopo è salvare il campionato, altro che il parma – poi, però, se in giro per l’italia ci odieranno per manifesti aiuti delle istituzoni non lamentiamoci.

          Dove sono tutti i puristi e i catartici dell’ultima ora? Tutti ad accodarsi a FIGC e LEGA ora…

          Che coerenza…

          • 22 Febbraio 2015 in 12:32
            Permalink

            Direttore, sinceramente se dovessimo salvarci a me non importerebbe nulla dell’odio degli altri. La Juventus è odiata da tutto ma non mi sembra che i tifosi si strappino i capelli. Inoltre, lega e instituzioni non ci stanno salvando ma so stanno pulendo ls coscienza.

          • 22 Febbraio 2015 in 12:34
            Permalink

            Per me raggiunto lo scopo noi finiamo lo stesso in d, con buona pace di chi apparecchia…

          • 22 Febbraio 2015 in 12:45
            Permalink

            Inoltre, direttore, se si dovesse costituire una cordata salva-parma perché poi finiremmo in D ugualmente? Lei pensa che la cordata si sciolga a campionato concluso?

            Lei però non considera che la società ripulita possa essere comprata da altri.

          • 22 Febbraio 2015 in 12:47
            Permalink

            Per esprimermi compiutamente debbo cercare di valutare a freddo le cose, con calma e capirle. A caldo dico che la mia sensazione è quella che figc e lega si adoperino per concludere il campionato che è quello che a loro frega (fermo restando che la figura di cacca come tutti noi pramnzan l’hanno già fatta); poi, raggiunto lo scopo, dubito che si resti in B così come vorrebbe il sindaco. Giuridicamente parlando stanno costruendo un assurdo. che se lo facesse una qualsiasi altra squadra saremmo già sul piede di guerra…

          • 22 Febbraio 2015 in 13:00
            Permalink

            Capisco il suo punto di vista e condivido anche se la mia parte tifosa spera in un tutto per tutto. Montella si è espresso a favore di una colletta salva-parma e in molti ci vogliono salvi. Non credo che attireremo molto odio. Poi cinicamente le dico un’altra cosa che magari ci azzecco. Lo sa perché ci vogliono salvi? perché così si crea il precedente per futuri fallimenti di società di A.

  • 22 Febbraio 2015 in 11:18
    Permalink

    Cosa potrebbe succedere nella giornata di domani? Qualche news?

  • 22 Febbraio 2015 in 11:31
    Permalink

    Comunque sì, il conto Raiffeisen è stato chiuso (basta dare un’occhiata all’indirizzo di questo sito governativo, http://supervizor.kpk-rs.si/podj/99140870/ : è quello che inizia per SI ecc ecc). In questa pagina è segnalato l’iban di Mapi Grup (l’unico: nella conferenza stampa Manenti aveva parlato di HSBC, Barclay’s, Sberbank e chi più ne ha più ne metta), ma è pure segnalata la fine di questo rapporto bancario (immagino siate un po’ a digiuno di sloveno, quindi armatevi di Google Traduttore…).
    L’impressione è che qualche giorno fa sia andato a Maribor per chiudere il conto, e non per parlare coi vertici della banca (sì, sì, mi assumo la responsabilità di quanto scrivo).
    Poi magari ha aperto un conto pieno di mapidollari presso un’altra banca slovena, eh!
    Mi rendo anche conto che insistere su Manenti è fin troppo facile ed equivalga a sparare sulla Croce Rossa, ma non se ne può più di questi personaggi.

    • 22 Febbraio 2015 in 11:37
      Permalink

      Forse è perché tutti gli sherlock holmes cercano dentro “mapi”…

  • 22 Febbraio 2015 in 11:35
    Permalink

    Ai fornitori la nuova proprietà nel fallimento pilotato dirà “Preferite il 50% di quanto il Parma vi deve o preferite un vero fallimento non prendendo niente”Ovviamente accetteranno e la nuova proprietà non dovrà pagare 30 milioni di euro per entrare ma solo 15. Non ci avevi pensato vero Majo?

  • 22 Febbraio 2015 in 11:37
    Permalink

    Manenti ci farà il colpo della vita per un evidente pezzente come lui. Qualcuno ci andrà in galera, spero, e qualcun altro invece ci ha già fatto una figura barbina. invece Lucarelli e Crespo si sono dimostrati uomini veri.
    Sig. Majo una domanda: come mai il Capitano non l’ha intervistato lei, tra una telefonata lampo al barbone senza fissa dimora e una polemica qui sopra?
    Posso proporre interviste a: Morrone, Gobbi, Mirante, Paletta, Cassano (questa sarebbe divertente). Non trova che sarebbero utili e interessanti?
    Cordialmente
    Vecchioalle

    • 22 Febbraio 2015 in 11:44
      Permalink

      Dipende anche dalla disponibilità di chi vuol farsi intervistare. E da quello che han voglia di dire.

      Comunque se vuole il tesserino da giornalista si può rivolgere all’Ordine.

      Saluti

      • 22 Febbraio 2015 in 11:51
        Permalink

        Oh beh,,senti….
        Ce l’ha di quella fatta gente il tesserino da giornalista”….

        • 22 Febbraio 2015 in 11:57
          Permalink

          Io se vado dal medico non ho la presunzione di farmi la diagnosi.

          Allora, capisco che quello del giornalista sia il mestiere più sputtanato del mondo, ma che mi venga a suggerire quel che devo fare chi fa un altro mestiere…

          • 22 Febbraio 2015 in 13:36
            Permalink

            E perché mai?…..solo chi fa informazione può far critica a chi fa informazione?… solo chi è medico può criticare un medico?….se un ponte crolla solo altri ingegnere possono dire che il lavoro è stato mal condotto?…
            Andiamo….
            Meno spocchia che si vive meglio.

  • 22 Febbraio 2015 in 11:40
    Permalink

    Io ho chiamato Ghirardi ********** di CARPENEDOLO e sono stato cestinato. Avessi detto non quello che penso ma una balla tipo GHIRARDI È UN SANT’UOMO molto probabilmente sarei stato pubblicato. Ma allora dott.Majo si predilige una balla, a quello che uno non pensa assolutamente alla verità.? Questo è grave per la democrazia.Je suis…..CHARLIE.

  • 22 Febbraio 2015 in 11:49
    Permalink

    Direttore, Lucarelli ha dichiarato che verrà fatta immediatamente istanza di fallimento per salvare il titolo sportivo… Ma è possibile questa cosa? Non dovrebbero essere gli amministratori a richiedere il fallimento per garantire il titolo?

    • 22 Febbraio 2015 in 11:51
      Permalink

      Secondo me tutti continuano a fare i conti senza l’oste.

      A parte che non so se il salvataggio illustrato stamani dalla Gds potrà esser apprezzato dalle piazze che sono finite agli inferi per fallimento. E noi ci siamo già salvati un’altra volta con la benevolenza delle istituzioni…

      • 22 Febbraio 2015 in 12:02
        Permalink

        Ah…perche’ si deve chiedere il parare agli altri falliti per portare a termine l’opera?….
        Chi se ne fotte….

        • 22 Febbraio 2015 in 12:05
          Permalink

          Certo, così va l’Italia: se fanno una porcata a mio favore va tutto bene, se la stessa porcata favorisce altri allora ci strappiamo le vesti.

          Stessa etica dei tempi della licenza uefa: per noi c’era da stravolgere la legge, ma se lo fanno ad altri guai.

          Capisco che va tutto bene per salvare il parma, compresi i soldi sporchi di chiunque siano, e ora anche il piano delle istituzioni calcistiche in solido con gli altri: perfetto va benissimo così e forza parma. ma io non mi accodo e non mi schiero. tanto non serve neppure che lo faccia. io mi astengo

          • 22 Febbraio 2015 in 12:09
            Permalink

            QUOTO in pieno!!!

          • 22 Febbraio 2015 in 12:15
            Permalink

            Ma che dici?
            La licenza uefa hanno fatto benone a tenersela (e si e’ visto dopo 3 mesi il perche’)…
            Soldi sporchi?….Perche’ quelli di Ghirardi scommeteresti fossero puliti?…
            Di quelli di Tanzi ormai tutto il mondo e’ consapevole….
            Altrove siamo certi vi siano soldi puliti..o sudore della fronte di sani imprenditori?
            Ma per favore….

          • 22 Febbraio 2015 in 12:22
            Permalink

            Benissimo. Allora perché vi schifate tanto di Manenti?

  • 22 Febbraio 2015 in 11:57
    Permalink

    HO I SOLDI !
    MARTEDI AL MASSIMO MERCOLEDI FAREMO FRONTE ALL ACQUA NATURALE DELLE MACCHINETTE DI COLLECCHIO!
    SAREI UN PAZZO SE NON ACCADESSE CIO CHE DICO
    IPSE DIXIT
    CHE RISATE LA GIALAPPA FSAREBBE….

  • 22 Febbraio 2015 in 12:03
    Permalink

    Tolgo il disturbo,mi sono divertito con un euro abbastanza.Ora porto i libri in tribunale e poi partecipo all’asta e continuo la fola.

    • 22 Febbraio 2015 in 12:05
      Permalink

      Manenti quello vero mi sa che stia pensando l’esatto contrario…

    • 22 Febbraio 2015 in 13:26
      Permalink

      chi dichiara fallimento non puo partecipare all’asta

  • 22 Febbraio 2015 in 12:05
    Permalink

    Gia’ i duri e puri che non volevano i soldi di manenti a prescindere..ora vorrebbero un aiuto ad hoc per il Parma non considerando quanto questo possa essere considerato diciamo immorale? da altre squadre
    che invece non hanno avuto lo stesso trattaomento…e non diciamo che questo e’ un caso diverso perche e’ la serie A sarebbe lo stesso discorso “razzista ” di lotito….

  • 22 Febbraio 2015 in 12:08
    Permalink

    Concordo. In questo momento “gli apparecchiatori” non hanno titolo per rinegoziare i crediti dei fornitori e presumo che quest’ultimi chiederranno garanzie scritte. La posizione del sindaco mi sembra piuttosto equivoca. Non ha fatto azioni per il recuoero del credito nei confronti della proprietà precedente e adesso si muove per agevolare l’estromissione di Manenti che,piaccia o non piaccia, è il legale proprietario del Parma F.C.

    • 22 Febbraio 2015 in 12:23
      Permalink

      Il legale proprietario di una società ha l’obbligo di adempiere alle obbligazioni che fanno capo alla società che rappresenta! In caso di mancati adempimenti, nella tutela dei propri diritti, i creditori possono fare istanza di fallimento, con la quale il tribunale è chiamato a verificare la solvibilità della società e decidere di conseguenza! Tradotto: non importa un emerito cxxxo a nessuno che Manenti risulti su un foglio di carta… facciano quello che devono e forse riusciamo a ripartire dalla B, togliendoci dalle pxxxe cocchi di mamma,speculatori e psicopatici!

  • 22 Febbraio 2015 in 12:11
    Permalink

    però Majo anche lei se non sbaglio era tra quelli che se ne fregavano da Dove provenissero i soldi del mano purché li tirasse fuori, o mi sbaglio?

    • 22 Febbraio 2015 in 12:21
      Permalink

      Sbagli. Il mio ragionamento è semplice: dato per scontato che si intenda parlare di “soldi sporchi”, io dico che se stavano bene a tutti (sindaco, upi, tifosi, gdp e compagnia cantante) quelli di Taci perché quelli (presunti) di Manenti non vanno più bene?
      Perché tutti a fare la radiografia e il “culo” a Super Mapi dopo che per mesi – anni – c’è stata la COMPLICITA’ a tutti i livelli nei confronti dei precedenti gestori, ora, invece, si muove con perfetto tempismo persino la Procura?
      Manenti è la scheggia impazzita.

      Ai duri e puri dico: a voi che piace la catarsi, vi starà bene dire grazie a lega e figc, i quali si fanno i propri comodi interessi, poi voglio vedere che accade a fine stagione, quando loro il loro scopo l’hanno raggiunto, mentre il nostro di restare in b sarà tutto da verificare?

      Saluti

      Gmajo

  • 22 Febbraio 2015 in 12:11
    Permalink

    Buongiorno Direttore, innanzitutto a Lei non piace vincere facile e infatti sembra di giocare a porta romana con tutti che sparano addosso al portiere cioè a Lei. Lei fino ad ora ha dimostrato una coerenza che in pochi hanno avuto e continua a difendere le sue idee anche in questo momento in cui sarebbe molto più semplice allinearsi alla voce comune.

    A parte questo mi sembra che si pensi di potere rifare ciò che è successo nel 2004 con la Parmalat ma la legge Marzano, ne dovrebbe avere beneficiato anche la Lazio con la Cirio, venne introdotta viste le dimensioni e le dimensioni del fallimento e anche perché una volta depurata dai debiti poteva avere un seguito come è successo.
    Qui siamo nelle condizioni che sia la controllante Eventi Sportivi, che è proprietaria del marchio e del Centro Sportivo, sia la controllata Parma Fc sono piene di debiti soprattutto verso il fisco, ho letto che la Eventi deve dare al fisco circa 25 mln di euro.
    Credo che il problema sia qui facciamo fallire il Parma lo ripuliamo dai debiti si pagano le pendenze per mantenere il titolo sportivo ecc ecc, ma se avete notato Taci e Manenti hanno comprato la Eventi non il Parma e quindi come si fa a fare fallire il Parma acquistato all’asta quando la proprietà potrebbe erseere ancora di Manenti o chi per esso?
    L’avv. Giordano ha dichiarato che i debiti erano 78 mln ma era stato appena approvato bilancio che diceva 97?
    Il fatto è che il Ghiro aveva garantito fino al 31/12/2014 quindi quelli che sono entrati non hanno avuto il tempo di fare prima la due diligence e una volta visti i conti sono scappati.
    Stendiamo un velo pietoso sul Ghiro se Manenti è un mitomane che andrebbe ricoverato al TSO questo cos’è che continua ancora a ripetere le stesse identiche cose che diceva 4 mesi fa?
    Che ne pensa Direttore?

    • 22 Febbraio 2015 in 12:16
      Permalink

      Il ragionamento è complesso e non posso risponderle ora in poche succinte righe, anche perché pure oggi è una giornata impegnativa. Ma quando avrò modo di fare un approfondimento come si deve penso troverà le giuste risposte.
      Qui le dico solo che mi pare risibile la giustificazione di Taci di aver trovato conti diversi. quella era la favoletta per mollare.
      Grazie per l’attenzione
      Gmajo

  • 22 Febbraio 2015 in 12:28
    Permalink

    Majo……Manenti lo schifiamo per evidenti motivi…perche’ e’ un mitomane clochard senza una minchia in tasca….
    Un pezzente senza un soldo….ne’ sporco ne’ pulito.
    Abbiamo piu’ soldi io e te in tasca in questo momento?
    E’ chiaro?

    • 22 Febbraio 2015 in 12:33
      Permalink

      Io non la penso così, ma rispetto il tuo pensiero.

      Io non sono come quello stolto di stamani che giudica uno perché gli mancano un paio di denti o perché puzza.

      Io non mi baso sulle apparenze, e cerco di andare un po’ più in là del mio naso.

      Detto questo non mi sposto dal mio 0,1% di fiducia in Manenti. Altrimenti eravamo già falliti, senza tanti pilotaggi o maneggi

      • 22 Febbraio 2015 in 12:39
        Permalink

        Straquoto..basta…sempre a giudicare con l apparenza come fanno alcuni tanti anche nella vita quotidiana…
        Qui ce gente che adesso pensa che ripartiremo dalla B se manenti si fa da parte…
        Ma non hanno capito che tutto questo interesse e solo perche finiamo il campionato…poi dopo spariranno tutti

      • 22 Febbraio 2015 in 12:42
        Permalink

        Falliti lo siamo gia’ di fatto e gia’ di fatto non si riesce piu’ a giocare a calcio anche con Manenti….
        Un po’ piu’ in la del tuo naso dici…e fai bene (e allora dovresti spostarti di parecchio..ha ha ha )..
        Basta andare a vedere in passato quel che e’ successo con la pro Vercelli…col Brescia..con le cartiere Pigna…ma anche in casa sua con l’ex moglie che attende gli alimenti (come stabilito da tribunale).
        Insomma dai…ce n’e’ piu’ che a sufficienza…siamo seri…

        • 22 Febbraio 2015 in 12:51
          Permalink

          E’ inutile che mi ricordiate la sua pessima pagella: la conoscevo da prima di voi ispettori da tastiera, che vi siete bevuti il ghiro, il leo e il taci e ora mettete in croce manenti. Io, andando più in là delle apparenze e di quei coloriti trascorsi che tanto colpiscono, preferisco mantenere il mio 0,1% di fiducia. Tanto che fossimo già morti prima sono stato il primo a dirlo, spiegando anche perché ritenevo inutile quell’ostracismo che gli ex dormienti e complici dell’ancien regime stanno attuando.

  • 22 Febbraio 2015 in 12:39
    Permalink

    Ma Manenti che fine ha fatto? Direttore ha provato a sentirlo? Io ho 2 teorie: quella buonista, secondo la quale, sia sparito fino a soldi ottenuti (considerando la terra bruciata) e quella comune ovvero che sia scappato perché sa che non ha possibilità economiche e il suo gioco è finito. Lei cosa pensa della vicenda?

    • 22 Febbraio 2015 in 12:44
      Permalink

      Che per me non molla, nonostante il pressing che ha addosso.

      • 22 Febbraio 2015 in 12:47
        Permalink

        Se non molla andiamo in D, quindi lei è rassegnato alla discesa tra i dilettanti?

        • 22 Febbraio 2015 in 12:55
          Permalink

          Perché lei pensa che restiamo in B? Per me siamo in D (o categoria inferiori) al 95% e 5% in B, nonostante l’apparecchiatura. Gli alleati dei nostri eroi capitanati da capitan pizza, raggiunto lo scopo di salvare il campionato, non so quanto ci agevoleranno. Ma come dicevo mi devo ben studiare l’argomento prima di esprimere concetti fondati e non dare aria alla bocca

          • 22 Febbraio 2015 in 13:16
            Permalink

            Non lo credo ma ci spero di cuore. Tra la prospettiva D e l’illusione B, preferisco illudermi ancora un po’. Ad ogni modo le rinnovo i complimenti per il suo blog 🙂

          • 22 Febbraio 2015 in 13:35
            Permalink

            se non molla mollera il 19

          • 22 Febbraio 2015 in 13:40
            Permalink

            Lei è pessimista direttore io voglio illudermi che sia possibile salvare la categoria 🙂

          • 22 Febbraio 2015 in 14:12
            Permalink

            dio lo voglia… ma non so se è tra i cuochi…

  • 22 Febbraio 2015 in 12:41
    Permalink

    Direttore non è il suo aspetto che qualifica il Manenti ma il suo passato lavorativo questo è uno che non hai mai fatto nulla è il proprietario di un’azienda che è una scatola vuota e che tra l’altro ci ha pigliato per il fondoschiena per 2 settimane. Se va bene è un faccendiere tra l’altro di basso livello perchè non ha mai concluso nulla

    • 22 Febbraio 2015 in 12:43
      Permalink

      Lo state trattando peggio di Ghirardi e Leonardi, che vi hanno menato per il naso per anni e annorum e del vostro Taci, che ci ha dato il colpo di grazia. Io ve l’avevo detto dall’inizio che questo era uno stregone che dava la pozione al malato già defunto. Ma come al solito vi prestate al dagli a quel cane, e intanto altri si fanno i propri porci comodi

      • 22 Febbraio 2015 in 13:01
        Permalink

        Se proprio vuole sapere cosa ne penso di Ghirardi e Leonardi… io credo che debbano essere appesi in piazza Garibaldi con una corda al collo, cordialmente

  • 22 Febbraio 2015 in 12:47
    Permalink

    Majo, in base alle informazioni in suo possesso, possiamo confermare che domani (lunedi 23) sia l’ultimo giorno disponibile rimasto al Mapiman prima di alzare bandiera bianca ? Saluti

    • 22 Febbraio 2015 in 12:53
      Permalink

      E perché mai sarebbe l’ultimo giorno? Chi ha posto questa dead line?

      Che piaccia o no (incluso ai poteri forti) la proprietà del Parma è in mano al “giampy”…

      • 22 Febbraio 2015 in 13:19
        Permalink

        Mi era sembrato di capire che lunedi Manenti avrebbe in programma dei “movimenti” (non so se riguarda denaro o appuntamenti importanti e decisivi). Forse ho letto male ma in tutta questa cacofonia non riesco più a seguire una linea coerente. Lei potrebbe cortesemente almeno confermarmi se questa informazione è fondata ?

  • 22 Febbraio 2015 in 12:50
    Permalink

    Troppo facile prendersela con Manenti….
    Il sindaco manco sapeva che con il fallimento pilotato restavan da colmare i debiti sportivi!!
    Proprio lui che ha spalleggiato tacj….e che nei mesi scorsi dormiva consenziente..e ora chissa perche si sta dando da fare…

  • 22 Febbraio 2015 in 12:56
    Permalink

    Domanda:
    Se Manenti è un mitomane Ghirardi che continua a dire che non ci sono problemi cos’è?
    Ora tutti a dargli al Manenti perché non ha fatto nulla, e quelli di prima tutti angioletti?
    Non mi sembra siano dovuti alla gestione Manenti i decreti ingiuntivi, le istanze di fallimento e altre amenità, o sbaglio?
    Ci ha preso in giro per 15 gg? Beh gli altri per 7 anni e più!
    Se io fossi un dipendente o fornitore non sarei molto contento a sentire parlare di fallimento o concordato perché non beccherei nulla o quasi.
    Mi viene il dubbio che Manenti stia aspettando un compratore o cavaliere bianco che rilevi il Parma per evitare il fallimento e farsi dare un po’ di soldi per il disturbo.
    Tutto questo accanimento sul Parma adesso mi fa pensare che Manenti si sia inserito in una operazione e non diveva.
    Ma ormai tutti noi vediamo, sentiamo e diciamo tutto e il contrario di tutto.
    Sperema ben!

  • 22 Febbraio 2015 in 12:56
    Permalink

    MAJO QUANDO DICEVO CHE C’ERAN DIETRO I GHIRARDI A TUTTA STA COMICA DI TACI E MANENTI ???

    Una situazione che per il capitano ha un solo nome e un responsabile: “L’ex presidente Ghirardi. Ha dichiarato: “Mi ringrazierete perché ho venduto a Taçi”. Sì, proprio vero: gli mando un enorme grazie a nome tutta la squadra”. Ma anche una cosa che tutti pensano, che dietro a queste operazioni ci sia proprio lui: “Non mi stupirei. Io dico: ma come fanno le istituzioni calcistiche a permettere che una società con mille euro di capitale (la Dastraso di Taçi) e una con un capitale di 7500 euro possano acquistare una squadra di Serie A? Agli occhi del mondo quale credibilità può avere il calcio italiano? Noi del Parma abbiamo fatto da cavia ma adesso vogliamo che queste situazioni non si ripetano più. Si devono cambiare le regole federali”. Poi la chiusura con un attestato d’amore verso la maglia (e la città): “Sono disposto a scendere anche in Lega Dilettanti e fare il capitano. Parma e il Parma sono dentro di me”.

    • 22 Febbraio 2015 in 13:01
      Permalink

      Vi ho già detto che – per conoscenza diretta – so per certo che dietro a Manenti non c’è Taci. Né mi pare che le parole di Lucarelli smentiscano questo assunto. Cercate di approfondire un po’ anziché stare in superficie, schiavi delle vostre convinzioni e preconcetti

      • 22 Febbraio 2015 in 17:52
        Permalink

        E poi anche la sceneggiata della dott l’altra sera a teleducato…. Basta sentire dei peracottari. Lei e i suoi grandi finanziatori c’erano anche a Brescia e si e’ visto come e’ finita. E se veramente ha questi grandi finanziatori compri lei il Parma con 2€ dall’attuale vu cumpra’ cosi almeno per un giorno ha il panino assicurato senza spostare i carrelli al supermercato. La verita’ che anche lei non tiene dinero. Su la’. Basta intervistare questi personaggi offendono la dignita’ e la passione di tutti noi; la dignita’ e la professionalita’ di tecnici e giocatori compresi quelli delle giovanili

  • 22 Febbraio 2015 in 12:58
    Permalink

    bella vita a spese del Parma……….barche , aerei privati e autisti x tutti…..
    firme false scannerizzate , bancarotta fraudolenta…………………

    e ha pure il coraggio di chiedere di visionae i bilanci………….

    …………………merira il carcere quel buffone del Ghiro

    • 22 Febbraio 2015 in 12:59
      Permalink

      Lei, logicamente, ha già visto tutte le prove, fatto il dibattimento e giudicato in terzo grado?

      Questa non è una gogna: cerchi di essere garantista.

      • 22 Febbraio 2015 in 17:46
        Permalink

        Io sono garantista ma onestamente Direttore qui c’e’ qualcosa che strusa e mentre il Leo e’ a Monticelli il bimbominchia bresciano continua a sparar cazzate. La gente si incazza a ragione dai

  • 22 Febbraio 2015 in 13:29
    Permalink

    Ho letto alcuni comunicati della Lega serie A e da quello che ho capito, posso pure sbagliarmi, la Lega non ha alcuna intenzione di pagare i giocatori del Parma od i dipendenti, ma metterebbe solo a disposizione del Tribunale i circa tre milioni che il Parma Fc vanta di credito nei confronti delle altre squadre per avere l’esercizio provvisorio e per avere i soldi per terminare il campionato.
    Il motivo è semplice la Lega dà quello che deve al Parma Fc ed in cambio il Tribunale non va a metter becco nel modo in cui il Parma FC ha inserito a bilancio plusvalenze vere o presunte.
    Perché se la Finanza va a verificare le plusvalenze che il Parma non poteva fare da solo ma ha utilizzato le cosiddette squadre amiche, Inter, Sampdoria, Cesena, Latina, Crotone, Gubbio, Savona e me ne dimentico sicuramente qualcuna, il prossimo anno non sarebbe solo il Parma a non iscriversi.
    Il discorso di Lucarelli per gli stipendi di giocatori e dipendenti credo sia rivolto alla FIGC che come Federazione Sportiva può anticipare somme a fronte di un documento in cui qualcuno si impegna a restituirle. Per questo stanno cercando qualcuno che si impegni.

  • 22 Febbraio 2015 in 13:41
    Permalink

    Direttore se lega e C. sborsano i soldi x far finire la stagione al Parma (ed e’ nelle loro facolta’) e’ nei loro interessi rendere possibile il salvataggio del titolo sportivo e il Parma in B x recuperare i soldi sborsati. Dice sempre di ragionare……

  • 22 Febbraio 2015 in 14:14
    Permalink

    Sei alla manifestazione oggi?

  • 22 Febbraio 2015 in 15:18
    Permalink

    Direttore ma della cordata locale che parla il Pizza c’è qualcosa di vero e concreto oppure è solo una sua speranza?…xke in alcuni siti scrivevano che vorrebbero dilazionare i debiti sportivi

  • 22 Febbraio 2015 in 17:10
    Permalink

    Welcome to the club Sig. Majo. Faccio un mestiere che a quanto pare dai media chiunque saprebbe fare meglio di chi lo fa per professione…non se la prenda.
    Davo solo consigli: meglio 10 minuti al telefono con Gobbo che 1 con il povero str…
    Però lei mi permetta, è un po’ troppo permaloso per fare il giornalista.
    Cordialmente
    Vecchioalle

  • 23 Febbraio 2015 in 13:06
    Permalink

    Vi rendete conto. Qui si dice che chiunque sia il presidente può rimanere perché tanto non sarà peggio dei precedenti.
    Non per questo dobbiamo sopportare di ogni.
    Gabri riscattati ora.
    Metti in rete il cellulare del Giampy così lo facciamo sentire al centro dell’attenzione…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI