MAJO OSPITE DELLA RASSEGNA STAMPA DI MEDIASET PREMIUM: “MANENTI E’ UN PERSONAGGIO UN PO’ NAIF E QUESTO ALIMENTA LA DIFFIDENZA, MA NON DEBBONO CADERE SU DI LUI LE COLPE DI GHIRARDI E TACI”

image(Evaristo Cipriani) – Il direttore di StadioTardini.it Gabriele Majo è stato l’ospite telefonico della rassegna stampa di Mediaset Premium: alle 8,25 circa, il conduttore Gianni Balzarini si è collegato con lui per fare il punto della situazione in casa Parma, in vista della prima partita della nuova-nuova proprietà. In apertura di telefonata Balzarini – che  ha presentato Majo non solo come fondatore e direttore di StadioTardini.it, ma anche come ex collega, avendo lavorato per la redazione sportiva di Mediaset nei primi anni 2000 – gli ha subito chiesto il tempo che fa nell’ambiente Parma dopo l’ultima rivoluzione societaria. “Direi sereno variabile – ha prontamente risposto il Grillo Parlante – che potrebbe essere un’ottima sintesi della situazione, nel senso che si passa dall’ottimismo di qualcuno, in realtà abbastanza pochi, al pessimismo cosmico della maggior parte dei tifosi stressati da sei o sette mesi di tregenda e che ora non hanno alcun tipo di fiducia nei confronti del nuovo presidente Manenti. Certo è difficile dar loro torto visti i precedenti specifici di questo personaggio un po’ naif, che si presenta in un modo un po’ particolare e che forse per questo alimenta la diffidenza delle persone, ma che a mio modo di vedere sta un po’ pagando, anche per colpe non sue, dal momento che tre mesi fondamentali, importanti, si sono buttati via con Taci dopo che c’era stata la fine traumatica della gestione Ghirardi. Oggi, prima della partita con il Chievo, questa finale mondiale o da Champions League, come ieri enfatizzava Donadoni, ci sarà una conferenza stampa, durante la quale saranno mostrate le carte, cioè dei documenti bancari che già nei giorni scorsi erano stati fatti vedere ai soci di minoranza, documenti che non sembrano farlocchi, però la reale consistenza della società appunto sarà valutata vedendo questo tipo di documento e soprattutto lo potranno valutare dirigenti tecnici e calciatori che sono in attesa da mesi degli stipendi, se vedranno entrare nelle proprie casse, nei propri conti correnti, le somme a lungo attese”.

Balzarini, poi, accenna alla mole di debiti accumulati in questi anni del Parma, cui fa riferimento la Gazzetta dello Sport sulla propria edizione odierna. “E’ chiaro che i numeri sono inclementi e logicamente non si sarebbe arrivati a questo tipo di conclusione se le cose fossero andate nel migliore dei modi: Ghirardi si è trovato costretto a vendere appunto perché la gestione era soltanto teoricamente virtuosa. Loro la sbandieravano come tale, ma in realtà virtuosa non è mai stata se indubbiamente si è fatto il passo più lungo della gamba e non voglio azzardare altre ipotesi come invece ogni tanto mi capita di sentire dalla bocca dei tifosi: io cerco di essere garantista e per nulla forcaiolo, ma indubbiamente la voragine c’è e per qualche motivo si è creata. Io credo comunque che l’eccessiva voglia di grandeur abbia tradito Ghirardi”.

Il conduttore della rassegna stampa di Mediaset Premium ha infine domandato al nostro direttore quali riflessi potrà avere stasera sui giocatori lo sviluppo della situazione societaria. “Se si materializzeranno i soldi come dicevo prima indubbiamente i giocatori potrebbero ricevere una certa ventata di entusiasmo, però dobbiamo anche tenere presente che queste persone hanno visto arrivare nello spogliatoio diversi personaggi, nel corso degli ultimi mesi, e si sono sentiti raccontare rassicurazioni di tutti i tipi… E anche in certe situazioni, nelle quali si poteva ipotizzare un futuro migliore, poi, in realtà, la risposta del campo non è stata eccelsa. Nel corso delle ultime due partite – coincidenza, dopo che è andato via Cassano – si è visto un Parma migliore per lo meno dal punto di vista volitivo: non so se siano state le famose squadre strisciate ad aver offerto maggiori stimoli ai crociati, piuttosto, appunto che non l’assenza di questo compagno. L’influenza delle questioni economiche sulla partita di stasera non saprei giudicarla poiché in altri contesti, come dicevo, pur dopo aver ricevuto buone notizia la risposta sul campo non è stata eccezionale. Io penso che stasera ci siano giocatori che devono andare alla ricerca di un riscatto, mi riferisco a Belfodil reduce dalla Coppa d’Africa, che teoricamente potrebbe guidare il tridente crociato con le due migliori novità del mercato invernale, cioè Rodriguez e Varela che sono indubbiamente due giocatori di taglia superiore nell’attuale Parma. Parma che sarà in piena emergenza soprattutto per quello che riguarda il reparto difensivo: già sapete della partenza da tempo di Paletta passato al Milan e si è aperta una voragine dietro, anche per l’assenza di Costa, infortunato, che dietro offriva le maggiori garanzie e anche altri assenti in questo reparto per cui potrebbe esserci un 4 3 3 rimaneggiato con Cassani, Santacroce, Lucarelli e Feddal in difesa, quest’ultimo al posto di Gobbi che è infortunato”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

49 pensieri riguardo “MAJO OSPITE DELLA RASSEGNA STAMPA DI MEDIASET PREMIUM: “MANENTI E’ UN PERSONAGGIO UN PO’ NAIF E QUESTO ALIMENTA LA DIFFIDENZA, MA NON DEBBONO CADERE SU DI LUI LE COLPE DI GHIRARDI E TACI”

  • 11 Febbraio 2015 in 12:23
    Permalink

    ma a che ora è la conferenza stampa?

    • 11 Febbraio 2015 in 12:24
      Permalink

      14,30 – riservata esclusivamente alla stampa

      • 11 Febbraio 2015 in 12:34
        Permalink

        mi raccomando: carini e coccolosi! 🙂

          • 11 Febbraio 2015 in 16:48
            Permalink

            Marcello semplicemente un mito..piango

  • 11 Febbraio 2015 in 12:36
    Permalink

    Nn pensavo di venirci visto che non sono di Parma 😀

  • 11 Febbraio 2015 in 12:47
    Permalink

    Direttore riesce a fare la diretta video in streaming?…oppure c’è solo quella audio?

    • 11 Febbraio 2015 in 12:49
      Permalink

      solo audio su radio parma. Io salvo problemi tecnici, posterò il video a seguire

  • 11 Febbraio 2015 in 13:06
    Permalink

    Direttore io sono di napoli mi posso collegare in streaming?

  • 11 Febbraio 2015 in 13:13
    Permalink

    pretendere Chiarezzaaaaaaaaaaa

  • 11 Febbraio 2015 in 13:18
    Permalink

    ieri sera Gallerani ha detto che c’è una diretta sky

  • 11 Febbraio 2015 in 13:38
    Permalink

    Direttore gli chieda se c’è kerimov dietro e se si che ruolo avrà
    Grazie Luca s

  • 11 Febbraio 2015 in 13:41
    Permalink

    Gallerani NADOR a prescindere lui è SKY….

  • 11 Febbraio 2015 in 13:50
    Permalink

    Le faccio una domanda scomoda
    Nn sia consociativo

    Ma isuoi colleghi d gdp e TV Parma c sono o c fanno ?

    In un commento d 3 righe ai dati del bilancio sono riusciti a
    Dire che oggi la nuova proprietà deve spiegare questi numeri….

    Non i loro 2 amici….la nuova proprietà! !!!

      • 11 Febbraio 2015 in 14:21
        Permalink

        DIRETORE…è GIA’ AL TARDINI???
        COME è LA SITUAZIONE??

        FRANCO

  • 11 Febbraio 2015 in 14:03
    Permalink

    Chiedi per favore non lo diranno loro chi c’è veramente dietro
    Grazie
    Luca s

  • 11 Febbraio 2015 in 14:34
    Permalink

    io x aiutare le MILF-tifose in in difficoltà, farò la sito-cronaca della conferenza, ke sto già guardando su TV Parma. Sempre ke nn mi rompo i maroni prima.
    KE ADESSO SAPETE XKE NN VADO A LAVORARE, KE IO DEVO FARE LA PARMIGJANITA’

  • 11 Febbraio 2015 in 14:34
    Permalink

    a sentire radio parma c è da suicidarsi. Tra gallerani e Piovani è un pessimismo cosmico. parlano di 200 milioni di debiti dichiarati da gerevini che lei majo stima molto. e anche se pagassero I soldi del 16 le ingiunzione dei creditori continuerebbero comunque. tra cui il comune che ha già fatto capire che andrà avanti x il recupero del credito. grazie pizzarotti. la città invece di fare fronte comune sta cercando di affossare il Parma

  • 11 Febbraio 2015 in 14:38
    Permalink

    ore 14.35 è arrivato Manenti, c’è anke il Leo e Al Borghetti. cominciano a parlare.
    La sitocronaca vi è offerta dal Marcello della Parmigjanità.

  • 11 Febbraio 2015 in 14:41
    Permalink

    ore 14:41: domani partono le prime trans. quindi stiamo tranquilli.

  • 11 Febbraio 2015 in 14:42
    Permalink

    Per chi è fuori Parma alla Radio Manenti ha detto che i soldi potrebbero arrivare anche nel pomeriggio o al più domattina. Almeno la prima Tranche.

  • 11 Febbraio 2015 in 14:44
    Permalink

    Majo saltato il banco???

    Non avevamo dubbi…
    Ci aspetta san secondo….

  • 11 Febbraio 2015 in 14:46
    Permalink

    14:42 hanno un piano quiquennale cm l’unione sovietica. vogliono lavorare sul marchettins (ke io glielo farebbe e se Majo nn fosse un culano potrebbe suggerirglielo, ma se lo è il lo rispetto). La Mapi grup, o nodo, ke dir si voglia, è tra gli investitori, ke noi faremo gli investiti.
    Le prime trans le fa Mapi grup. Speriamo siano brasiliane.
    La sitocronaca vi è offerta dal Marcello della Parmigjanità.

  • 11 Febbraio 2015 in 14:48
    Permalink

    14:46 parla Boni. La messa a mora sembra inevitabile?
    Parlano degli F24, ke so ke sn apparecchi da guerra. Ke noi nn ci salveremo ma potremo bombardare Reggio.
    La sitocronaca vi è offerta dal Marcello della Parmigjanità.

  • 11 Febbraio 2015 in 14:54
    Permalink

    14:48: NOI C1 CREDIAMO. E cerkeremo di nn prendere altri punti, di penalizzazione. Di classifica nn si sa.
    Siamo interessati a livello sportivo e a livello industriale, anke a livello enogastronomico. Ke ai Tri siochet si mangia bene, direi io.
    Gli kiedono se c’è una banca. Si c’è pieno. Giri x la città e sn dappertutto.
    La sitocronaca vi è offerta dal Marcello della Parmigjanità.

  • 11 Febbraio 2015 in 15:01
    Permalink

    14:59: gli kiedono xkè vanno a prendere le squadre e poi le lasciano li. Al Borghetti dice ke nn le vogliono vendere.
    Il Parma nn è stato comprato a un evro. Forse di + ma anke no.
    La prima trans arriva domani ma anke no.
    La sitocronaca vi è offerta dal Marcello della Parmigjanità.

  • 11 Febbraio 2015 in 15:05
    Permalink

    15:00: Piovani gli kiede x i dipendenti nn-giocatori ke sn venali e vogliono la pila.
    L’incarico di Al Borghetti è a tempo, una specje di part time.
    La sitocronaca vi è offerta dal Marcello della Parmigjanità.

  • 11 Febbraio 2015 in 15:10
    Permalink

    15:05: si faranno degli-a cidia.
    tanti soldi ti entrano tanti soldi ne puoi spendere, tipo nn puoi spendere tt alle makkinette ke poi nn ne hai + x gli aperitivi.
    Faranno una diligence, penso al posto del pullman ke nn pagavamo.
    Balestrazzi gli kiede xkè si sn presentati prima di pagare.
    La sitocronaca vi è offerta dal Marcello della Parmigjanità.

  • 11 Febbraio 2015 in 15:20
    Permalink

    15:10: Manenti ci crede e C1 ha voglia.
    15:14: Parla quel culano di Majo ed è subito sgradito. La mena sul 16, dai là .I soldi arrivano, se nn è il 16 è il 17, o il 18. Se ti abbiamo detto ke arrivano nn ci puoi stare adosso cm un paletò.
    Parla dei trans. Gli rispondono ke pagheranno tt.
    Gli kiede cm fa Manenti a permettersi di comprare il Parma. Gli dicono ke dietro c’è una socjetà madre kn la pila. Un pò cm io ke la pila me la deve dare mia mamma.
    La sitocronaca vi è offerta dal Marcello della Parmigjanità.

  • 11 Febbraio 2015 in 15:52
    Permalink

    Ho visto la prima mezz’ora di conferenza stampa in diretta su sky…e sono rimasto allibito…sono passati dal “ci presentiamo con un documento” al “una parte degli stipendi arriva tra oggi e domani” “i contributi entro il 16” “il saldo nei giorni successivi”…cioè insomma stanno già posticipando….e invece di fare chiarezza sviano sempre le domande, se prima ero un filo ottimista (Alborghetti mi aveva fatto una buona impressione) ora non lo sono per niente, per me è l’ennesima presa x i fondelli.

  • 11 Febbraio 2015 in 16:18
    Permalink

    Caro Majo,

    che dire non vedo l’ora di leggere cosa ne pensa di questa “conferenza”.
    Presti attenzione perché da domani saremo tutti su mapi-channel e non a leggere il suo blog.
    Cordialmente.

    Gianluigi

  • 11 Febbraio 2015 in 16:29
    Permalink

    Ho sentito tutta la conferenza stampa e ho visto una certa aggresiività dei giornalisti locali e nazionali che mi ha portata alla seguente riflessione……ma questi giornalisti dove erano mentre Ghirardi portava in rovina il Parma?
    Ghirardi è andata a Sky poche settimane fa e gli hanno steso i tappeti rossi.

  • 11 Febbraio 2015 in 16:32
    Permalink

    Direttore basta, portiamo i libri in tribunale……..
    Mi chiedo come si possa far diventare presidente uno psicopatico…
    solo a parma succedono queste cose….

  • 11 Febbraio 2015 in 16:33
    Permalink

    Vi giuro che voglio il fallimento in modo da liberarci di certe persone e così il tribunale sará costretto a fare chiarezza

  • 11 Febbraio 2015 in 16:34
    Permalink

    Conferenza molto fumosa e atta a predisposizioni!
    Parere a caldo?

  • 11 Febbraio 2015 in 16:35
    Permalink

    ……..cosmico

  • 11 Febbraio 2015 in 16:41
    Permalink

    “Volevamo arrivare oggi e mostrare i documenti con la prima tranche di pagamenti. Ma non è stato possibile”.

    serve altro commento?

  • 11 Febbraio 2015 in 16:42
    Permalink

    Ora, Majo, tralasciando la ormai stucchevole polemica che le colpe sono di Ghirardi e Taçi, che tanto si sarebbe comunque falliti, eccetera, possiamo avere una sua valutazione di questo personaggio dopo la conferenza stampa di oggi? Una valutazione fatta con animo sgombro da ripicche su chi “osannava Ghirardi o Taçi” ma basata su fatti, parole e logica? A me è parso davvero sprovveduto anche come venditore di fumo, affiancato da un manager che, come dice giustamente Gerevini, di gran lunga il più preparato dei giornalisti intervenuti e il più ficcante nelle domande (escludo lei, naturalmente, Majo…), non ha certo una gran carriera alle spalle? Vogliamo dire che è stata una conferenza ancora più deludente del (poco) che ci si aspettava? Concorda o ha sensazioni (e magari informazioni) diverse, che possano lasciare un po’ di speranza?

  • 11 Febbraio 2015 in 16:52
    Permalink

    direttore ha notizie da parte di Leonardi?a parte la semi dichiarazione che in tanti si sono puliti lanima intendo. è riuscito a parlarci?

  • 11 Febbraio 2015 in 16:52
    Permalink

    ….conferenza dove hanno ripetuto per la milionesima volta quello ke avevano detto abbondantemente nei giorni passati…è tutto giocato sul condizionale/ futuro.LA NEWS avrebbe dovuto essere: la kazo di prima tranche è partita. no domani al più tardi partiranno…niente rispetto a lunedi niente di niente di nuovo…nessuna rivelazione.ma se mapi non fa girare euro,qual’è il vero lavoro di manenti..di cosa kampa? fa il galoppino e il lavoro sporco di ricognizione per gli altri, di questo vive?perchè voi giornalisti non glia vete chiesto di ke cosa vive esattamente?dove trova i soldi per mangiare per vestirsi?è arrivatoa 50 anni come??quasi quasi gli credo che abbia qualcuno che lo kopre,sennò kome fa ad avere così tanto pelo sullo stomaco??

  • 11 Febbraio 2015 in 16:54
    Permalink

    anzi la news giusta era:la prima tranche è arrivata…vabbè che c’è sanremo:parole parole paroleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

  • 11 Febbraio 2015 in 16:56
    Permalink

    PErò comunque ci toccherà aspettare lo stesso fino al 16 intanto…poi vedremo…

  • 11 Febbraio 2015 in 17:02
    Permalink

    Cercando di vedere un filo di speranza……spero domattina di non svegliarmi e leggere le smentite per diffamazione delle Banche citate dal Manenti e che non sia scattata nessuna operazione #parma?chi?#… da parte delle Fiamme Gialle…..noo, non ci riesco a dare fiducia….troppa pressapochezza e improvvisazione.

    P.s.: Ma …del Leonardi seduto fra la Stampa….nessuno gli ha posto domande ?

    Buon lavoro ,
    Majo.

    Enzo Dallai

  • 11 Febbraio 2015 in 17:11
    Permalink

    Penso che siate stati presi per i fondelli abbastanza…
    Non penso, da granata, che Parma meriti questo…
    anzi nessuno lo meriterebbe, manco i gobbi…

  • 11 Febbraio 2015 in 18:35
    Permalink

    Il commento migliore alla squallida conferenza sarebbe Albanese che fa Alex Drastico:
    “che ‘mme stai a piglià ppò culo?!?”

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI